Autore Topic: Negozio Cinese On-line  (Letto 599 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline CharlieEcho

  • - CB CAPITANO
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 140
  • Applausi 3
  • Sesso: Maschio
  • 1RGK595
    • Mostra profilo
Negozio Cinese On-line
« il: 12 Febbraio 2017, 20:50:27 »
73 a tutti!
Sono alla ricerca di una Motorola GP340 - GP380 ormai da un po' di tempo. Oggi mi sono imbattuto in un noto colosso cinese specializzato in vendite online.
Guardando le foto dell'inserzione, più precisamente cosa contiene la scatola, ho notato che sulla radio non compare il marchio Motorola. C'è da fidarsi?
   

inviato Redmi Note 2 using rogerKapp mobile

Aspirante Radioamatore ma attualmente operativo in CB
Midland Alan 48 e Sirio Boomerang 27A
Alimentatore LEMM AL12 (12A)
Motorola TLKR T80 Extreme
Baofeng 888s
Baofeng UV-5R
Motorola GP380 UHF
Intek HANDYCOM 50S
Motorola GP340 UHF


Offline vagabondo

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 517
  • Applausi 47
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Negozio Cinese On-line
« Risposta #1 il: 12 Febbraio 2017, 21:05:04 »
Se non ricordo male tempo fa era stata aperta una discussione qui sul forum e,sempre se ricordo bene, si  era arrivati alla conclusione che non fossero originali.

Prova a rintracciarla con la funzione CERCA
operatore Luigi
CHARLIE  17 su Rete Radio Montana
DMR-ID 2222367
locator: JN45KK  prov. di Milano

Offline r5000

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 16522
  • Applausi 424
  • qth bergamo
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Negozio Cinese On-line
« Risposta #2 il: 12 Febbraio 2017, 21:45:56 »
73 a tutti, se vuoi un Motorola non lo compri nel sito cinese, se vuoi una radio che esteticamente assomiglia molto al Motorola ok ma è come per i vx3 Yaesu che sono uguali solo esternamente...


IZ1PNY

  • Visitatore
Re:Negozio Cinese On-line
« Risposta #3 il: 13 Febbraio 2017, 08:25:21 »
Un motivo della proliferazione negli ultimi anni dei marchi cinesi clonanti a volte è semplice.

Sono tutte aziende terziste, le quali dopo un certo numero di anni, producendo per marchi vari, acquisiscono il diritto del progetto e rimarchiano la loro stessa produzione rivendendo conto proprio.

Possono deviare nelle scelte circuitali o nei materiali, ovvio che il già committente gli imponeva delle norme rigide di qualità, collaudi e efficienze a norma del paese di destinazione, in proprio no, se vogliono ripercuotono, in antitesi non rispettano nulla, il minimo di norma del loro paese può essere ribaltato, basta mettere FOR EXPORT...come le apparecchiature fuori legge radiantistiche che vendono i negozianti e fabbriche italiane. :police:

La stessa Yaesu, nel palmare FT60, ne ha prodotto interamente Made in China, la Icom, stranamente il microfono del 7000, Made in Japan una ciofega, Made in China ottimo nelle prestazioni.
Alinco, piattaforma Kenwood, oggi produce in China, da 3 anni.

La libera acquisizione e rivendita con logo degli ex terzisti, oggi imprenditori autonomi, ha creato la cinesata ed il prodotto di qualità.
 :41: