Autore Topic: Petizione europea modifica norme PMR446  (Letto 3718 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline India452

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 124
  • Applausi 5
    • Mostra profilo
Petizione europea modifica norme PMR446
« il: 18 Febbraio 2022, 09:11:41 »
Ciao a tutti,

vi propongo questa petizione europea sui PMR446 volta ottenere:
- astensione dell'autorizzazione agli apparati mobili e fissi
- autorizzazione all'utilizzo di antenne esterne
- estensione delle potenza a 5 watt


https://www.openpetition.eu/petition/online/petizione-per-autorizzare-lutilizzo-di-apparati-radio-pmr446-fissi-e-mobili-in-europa


Offline kz

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 5614
  • Applausi 281
    • Mostra profilo
  • Nominativo: RRM TANGO34
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #1 il: 18 Febbraio 2022, 09:23:06 »
mi piacerebbe molto ma con 5w in antenna potrebbe diventare un caos peggiore di quello attuale.
per quanto vada poco d'accordo con gli enti regolatori, pur lavorandoci in altro ambito negli ultimi 20 anni, non credo che all'ETSI o al CEPT siano proprio cretini: se hanno previsto 0,5 watt ERP e antenna integrata ci sono dei motivi validi; non siamo negli USA o in Australia dove hanno distanze enormi.

Offline HAWK

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 4425
  • Applausi 184
    • Mostra profilo
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #2 il: 18 Febbraio 2022, 10:20:00 »
A fronte delle "stranezze" (per restare educati), stratosferiche lette in merito ai PMR, una petizione utile ci sarebbe...divieto di acquisto di qualsiasi apparato ricetrasmittente, previo test tecnico su frequenze e minimo di tecnica...per uso disciplinato e regolamentato.
Da svolgere presso un ITIS, con il foglio rilasciato dallo stesso, si acquisterà una ricetrasmittente...di quelle a libero uso, ovvero senza esami di Stato e licenza A.G.

Esattamente il contrario.

Alla fine per la patente, licenza di caccia, conduzione caldaie, anche per pescare sul fiume...etc. etc. chiedono un pezzo di carta, quindi...nulla di scandaloso.
Fin tanto che è così libertina, la PMR godetevela nel silenzio...evitando un effetto boomerang.
« Ultima modifica: 18 Febbraio 2022, 10:22:42 da HAWK »

Online dattero

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3889
  • Applausi 168
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: 1RGK471 ----IZ2OGG----GINO
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #3 il: 18 Febbraio 2022, 12:34:05 »
Non sono contro assolutamente all'uso delle PMR 446, le uso anch'io , ma come ha scritto KZ c'è un un motivo semplice che tradotto per noi vuol dire che tali radio sono nate per un uso a corto raggio, per coprire una area limitata .
Già solo dare la possibilità di mettere una antenna sul tetto sarebbe un macello, e oltretutto con il PL libero il passaggio da 5 w a "x"  è immediato , con relativi problemi.
rtx YAESU FT 817-857-950
     HR2510  ALAN48OLD CTE ALAN K350BC
antenne verticali IMAX2000 X200 
80-60-160 homemade
direttiva VHF 17 elementi polarizzazione orizzontale
direttive homemade 2 elementi 20 metri-2 elementi 17 metri 3 elementi 12 metri
CREATE V730 (la cornuta) direttiva 4 elementi incrociata VHF-UHF homemade, dipolo V invertita home made 12-17-60


Offline Aquila Fr

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3058
  • Applausi 203
  • Sesso: Maschio
  • cave ab homine unius libri
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: IU0OGA
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #4 il: 18 Febbraio 2022, 13:16:20 »
Comunque sarebbe la legalizzazione di uno statu de facto visto le centinaia di migliaia di baofeng et similia in mano ad ogni genere di utilizzatori accomunati solo dal fatto che non potrebbero usarle legalmente.

inviato M2004J19C using rogerKapp mobile

Dirac, il monopolo esiste !!

Offline HAWK

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 4425
  • Applausi 184
    • Mostra profilo
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #5 il: 18 Febbraio 2022, 15:22:19 »
A fronte di molti inconsapevoli di tecnica e di normative, ma siamo alla stregua del plug and play...al secolo, compra e parla, gli ultimi due scritti, come quello del Sig. in quanto tale è, KZ,
mi dona conforto e consapevolezza che c'è cmq. gente di mondo con poca fantasia e di contro vita reale.

Bene...!!! [emoji106]

Ci vorrebbe, secondo la mia veduta molto ridotta, una normativa impositiva, della serie vengo e mi spiego...

Fondi una associazione, bene, da statuto, tutti devono fare un corso propedeutico ai fini di tale attività, essere in basica scienza e coscienza di quello che si usa, TUTTO IL MATERIALE, appoggiarsi ad asso radio riconosciute nel caso, o chiamare qualche titolato dallo Stato a fare degli incontri ai fini utili; ci sono persone che come vanno nelle scuole a fare incontri per uso delle TLC amatoriali agli studenti, possono bene fare per dei club associativi.
Anche via on line su Skype, Zoom, etc. etc.

In toto, non esistono degli usi no danneggianti, non esistono usi liberi, non esistono trasmissioni che non fanno male a nessuno.
Di fatti, abbiamo il PNRF, norme, disposizioni, certificazioni...

La marea di Bao o Voux circolanti, hanno il PASS di essere usabili dagli O.M. che li sdoganano, poi tutti li prendono...titolati e non titolati.

Credo, nell' esatto contrario del non controllo, uso, dozzinale vendita, nella certezza del falso commerciale di alcuni venditori, passando VHF come dei C.B. colpa di Google traduttore...!!??

Per quale motivo...semplice, sub lege libertas e rendere tutto e tutti più sodisfatti su questo bellissimo Hobby, Servizio, Passione...

Facendo finire l' armata Brancaleone...senza arte ne parte; poi fare i capitani delle armate Brancaleone, non è che sia proprio prestigioso...
meglio nel caso fare il soldato semplice.

Non piace a chi fa il Plug and Play la domenica con salamini, mortadelle e radio, bene, non usare una radio...togli peso e mettici una fiaschetta di vino...con il tempo diventa più leggera pure.

... _ --- .--.
« Ultima modifica: 18 Febbraio 2022, 15:32:28 da HAWK »

Offline Jibril

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 9
  • Applausi 2
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
  • Nominativo: Jibril
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #6 il: 18 Febbraio 2022, 18:44:00 »
Da una parte mi piacerebbe, dall'altra intravedo una piccola catastrofe. Alla fine i PMR446 funzionano alla grande così come sono, non hanno reali problemi di portata in relazione all'uso generico che viene fatto. Avere 5W è una spacconata che non serve al pubblico a cui sono rivolte queste radio. Io stesso nei vari e molteplici utilizzi dei PMR446 non ho mai avuto problemi di alcun tipo nel loro utilizzo, al netto del glorioso mezzo watt in uscita.

L'unico utilizzo che potrei accettare di 5W in un PMR è eventualmente per le situazioni di emergenza, ma come integrare la cosa? O con un tasto apposta, ma ne prevedrei un largo abuso, oppure definendo per legge un canale di emergenza, come il 16 nei VHF marini, in cui "si sbloccherebbe" (e quindi sarebbe permesso) un'uscita a 5W.

Per il resto sono ampiamente convinto che sia un modo, quasi una scappatoia, per chi vorrebbe smanettare con le radio (e capisco perfettamente, intendiamoci), ma per un motivo o per l'altro non ha la patente (come il sottoscritto). Con tutti i limiti, i PMR446 funzionano benissimo così, a mio avviso.


Offline Antenna

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1320
  • Applausi 57
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #7 il: 18 Febbraio 2022, 19:54:04 »
Non sarebbe una brutta cosa…però anche da parte mia, la vedo come un “spalancare le porte “ agli smanettoni e casinari!!!…

Diciamo che quello che fa gola, é avere una frequenza libera ,con veicolari e stazioni fisse…esattamente come la CB …

Solo che il vantaggio é la dimensione più piccola delle antenne in primis !!…


Diciamo che un’idea utopistica sarebbe fare come in Australia ,
Dove oltre alla 27mhz, hanno una sorta di banda cittadina intorno ai 470mhz, con radio canalizzate ,massimo 5w e alcuni canali con la possibilità di usare ponti radio ….

Ma in Italia la vedo dura realizzare una nuova “banda cittadina “….



Inviato dal mio iPhone utilizzando RogerKApp

Online dattero

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3889
  • Applausi 168
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: 1RGK471 ----IZ2OGG----GINO
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #8 il: 18 Febbraio 2022, 20:52:53 »
Diciamo che un’idea utopistica sarebbe fare come in Australia ,
Dove oltre alla 27mhz, hanno una sorta di banda cittadina intorno ai 470mhz, con radio canalizzate ,massimo 5w e alcuni canali con la possibilità di usare ponti radio
Ma in Italia la vedo dura realizzare una nuova “banda cittadina "

Inviato dal mio iPhone utilizzando RogerKApp
in Italia abbiamo problemi seri a tenere regolamentate le bande radioamatoriale figuriamoci se regolamentiamo una banda uhf come quella Autraliana per uno CB!!!!
Magari chiedendo in presitito il loro MISE ????
rtx YAESU FT 817-857-950
     HR2510  ALAN48OLD CTE ALAN K350BC
antenne verticali IMAX2000 X200 
80-60-160 homemade
direttiva VHF 17 elementi polarizzazione orizzontale
direttive homemade 2 elementi 20 metri-2 elementi 17 metri 3 elementi 12 metri
CREATE V730 (la cornuta) direttiva 4 elementi incrociata VHF-UHF homemade, dipolo V invertita home made 12-17-60


Offline HAWK

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 4425
  • Applausi 184
    • Mostra profilo
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #9 il: 19 Febbraio 2022, 09:53:42 »
L' Australia ha altri motivi rispetto a quelli europei, ad esempio, la DAD che in Italia viene additata allo scandalo...

Da prima delle reti Internet, gli studenti australiani, per le distanze notevoli, posizioni, tutti i servizi sulla costa, nulla in interno, facevano la DAD via radio...da soli, altro che col conforto di terzi e di vedere un insegnante de visu sul tablet.

I giovani australiani si sono diplomati ed altro in DAD via radio...nessuno in quel paese ha mai enunciato problemi psicologici per la DAD...
E ascoltavano solo la voce.
I nostri giovani cosa avrebbero fatto, tutti a pascolare le pecore forse, fanno prima e meglio ?

Fermo questo punto, le esigenze territoriali possono porre dei sistemi di gestione delle frequenze diverse rispetto ad altre realtà.


Due note utili, molti buoni cittadini, nella loro semplicità di vita quotidiana, in merito a delle regole poste, nel Ns caso sull'uso delle frequenze, vedono solo quello che potrebbe fare comodo senza sforzo e senza norma, non si pongono il pensiero che, un editto, da parte di un ufficio pubblico, in Italia la già Poste e Telecomunicazioni, oggi MiSE, non propone al legislatore nulla che non sia documentato, relazione tecnicamente, circostanziato con imputazioni di capitolo descritto nelle decisioni.

Quello che al vicino di casa che vorrebbe usare un TopoWalkie per andare su tutto lo spettro HF, liberamente, fa strano e da fastidio; sconoscendo che ad ogni voce, corrisponde una perizia da parte di Ingegneri alle TLC, tecnici e qualificati, in allegato alla norma fatta passare.

Il vicino di casa sconosce che nel Ns paese, c'è il controllo sul controllo per manleva alle decisioni, un capitolato, si supporta ad altri già verificati per essere mandato avanti, come riferimento o indicazione, (vedasi le citazioni delle sentenze di vari livelli giudiziari, fanno giurisprudenza).

Ma il mio vicino di casa, nella sua semplicità, non si sforza nemmeno un pochetto a porsi la domanda, CI SARA' UN MOTIVO...

Il problema mondiale, è sempre quello...TUTTI PARLANO, NESSUNO PENSA !

Però se col PMR sento il cacciatore, sento il bimbo col vicino, i quali mi disturbano e che non sento l' altro camminatore della domenica...o l' O.M. che fa il maestro sul PMR...mi viene difficile pensare che proprio l' uso senza determina, è l' innesco dei problemi...associati ovviamente a usi personalizzati non previsti e forzatamente imposti a capoccia.

Vari pseudo associazioni rivendicanti un canale o l'altro...MA, come mai nessuno di questi reclamatori si fa fare una determina a suo favore su quelle frequenze da un titolato...?

Il mio Q.I. è talmente basso che non ci arrivo a capirlo...
« Ultima modifica: 19 Febbraio 2022, 09:55:24 da HAWK »

Offline federico2021

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 128
  • Applausi 2
    • Mostra profilo
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #10 il: 19 Febbraio 2022, 18:11:28 »
Io ho firmato, Non c'è motivo o ragione di vietare a utilizzare un apparato PMR veicolare con una antenna esterna al veicolo.
« Ultima modifica: 19 Febbraio 2022, 20:48:10 da federico2021 »

Online dattero

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3889
  • Applausi 168
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: 1RGK471 ----IZ2OGG----GINO
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #11 il: 19 Febbraio 2022, 18:23:55 »
IO ho firmato, ritengo che sia doveroso in un paese democratico di poter semplicemente utilizzare un PMR veicolare e installare  antenna  all'esterno del veicolo.
in un paese democratico (utopia al giorno d'oggi), prima di pretendere tali utilizzi, bisogna pretendere la serietà degli operatori nel rispettare le vigenti leggi come in un paese democratico SERIO.
Il DOVERE è bel altro.
rtx YAESU FT 817-857-950
     HR2510  ALAN48OLD CTE ALAN K350BC
antenne verticali IMAX2000 X200 
80-60-160 homemade
direttiva VHF 17 elementi polarizzazione orizzontale
direttive homemade 2 elementi 20 metri-2 elementi 17 metri 3 elementi 12 metri
CREATE V730 (la cornuta) direttiva 4 elementi incrociata VHF-UHF homemade, dipolo V invertita home made 12-17-60

Online dattero

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3889
  • Applausi 168
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: 1RGK471 ----IZ2OGG----GINO
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #12 il: 19 Febbraio 2022, 18:42:00 »
invece di "petizionare" l' espansione dei pmr446 si dovrebbe fare una proposta di integrare in europa la banda cittadina UHF, visto che ci sono già in commercio apparati dedicati a tale uso, portatili, veicolari, stazioni ripetitrici, antenne, ecc.

Il pmr446 lasciamolo stare dov'è e com'è.

Oltretutto se si adotta la canalizzazione tipo australiana si hanno canali dedicati , per esempio per emergenza-soccorso.

https://en.wikipedia.org/wiki/UHF_CB
rtx YAESU FT 817-857-950
     HR2510  ALAN48OLD CTE ALAN K350BC
antenne verticali IMAX2000 X200 
80-60-160 homemade
direttiva VHF 17 elementi polarizzazione orizzontale
direttive homemade 2 elementi 20 metri-2 elementi 17 metri 3 elementi 12 metri
CREATE V730 (la cornuta) direttiva 4 elementi incrociata VHF-UHF homemade, dipolo V invertita home made 12-17-60


Online ik2nbu Arnaldo

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3490
  • Applausi 277
  • Sesso: Maschio
  • Saldatore per Sempre
    • Mostra profilo
    • www.ik2nbu.com
    • E-mail
  • Nominativo: ik2nbu
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #13 il: 19 Febbraio 2022, 20:21:46 »
Vi invito a scaricare il seguente PDF del MISE e leggere la tabella delle frequenze a pagina 5, e chi sono gli attuali utilizzatori legittimi:

https://www.mise.gov.it/images/stories/documenti/Tabella_B_2750_MHz-10000_Mhz.pdf

mentre qui trovate la spiegazione delle nota 101C relativa al " subordine" dei PMR rispetto ad altri servizi,a pagina 14 del PDF

https://www.mise.gov.it/images/stories/documenti/NOTE-pnrf.pdf

73

Offline federico2021

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 128
  • Applausi 2
    • Mostra profilo
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #14 il: 19 Febbraio 2022, 20:54:06 »
in un paese democratico (utopia al giorno d'oggi), prima di pretendere tali utilizzi, bisogna pretendere la serietà degli operatori nel rispettare le vigenti leggi come in un paese democratico SERIO.
Il DOVERE è bel altro.
non capisco cosa c'entra la serietà dell'utilizzatore con il consentire il tipo d'apparato da utilizzare.
cosa cambia tra un palmare e un veicolare?
perché in altri paesi è consentito e in Italia no ?
di certo noi non siamo di meno !!!


Offline kz

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 5614
  • Applausi 281
    • Mostra profilo
  • Nominativo: RRM TANGO34
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #15 il: 19 Febbraio 2022, 21:06:20 »
senza andare a cercare chi usa le frequenza UHF CB da noi, andrebbe anche bene una estensione d'uso dei PMR446; ma se si passasse da 0,5 a 5watt, con apparati veicolari ed antenne esterne, senza cambiare frequenze, diventerebbe quasi impossibile usare gli apparati a 0,5 watt, non parliamo degli apparati digitali.
insomma l'eventuale aumento di potenza RF e le antenne esterne creerebbero una pesantissima discriminazione nei confronti degli utenti che erano in regola fino ad oggi.
in democrazia è "giusto" che i cittadini possano sottoporre, nei modi adeguati, richieste di ogni genere all'amministrazione dello stato, ma è anche giusto che l'amministrazione dello stato possa rigettare le richieste dei cittadini con delle motivazioni ben formulate e conformi alla legge.
nel nostro paese "democratico" è stato possibile usare la CB, con alcune formalità, dal 1973 al 2020; dal 2020 è diventata completamente di libero uso; con apparati veicolari e antenne esterne c'è la CB, i PMR446 sono nati con altri scopi ed altri utilizzi.

Online dattero

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3889
  • Applausi 168
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: 1RGK471 ----IZ2OGG----GINO
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #16 il: 19 Febbraio 2022, 21:08:21 »
non capisco cosa c'entra la serietà dell'utilizzatore con il consentire il tipo d'apparato da utilizzare.
cosa cambia tra un palmare e un veicolare?
perché in altri paesi è consentito e in Italia no ?
di certo noi non siamo di meno !!!
negli altri paesi c'è molta più disciplina nell'utilizzo delle radio rispetto a noi italiani, l'abbiamo visto in CB, lo stiamo vedendo in PMR446 dove il 90% non rispetta le attuali disposizioni/leggi.
Il resto vien da se , veicolari e/o apparati professionali usati in pmr esattamente come lo si fa in CB.
Antenna sul tetto ??  direttive a gogo e così via.

P.S. non sono assolutamente contrario a dare un po di più a questa banda, ma decadrebbe la definizione di ""comunicazioni vocali a breve distanza"" espressa nel PNRF italia
rtx YAESU FT 817-857-950
     HR2510  ALAN48OLD CTE ALAN K350BC
antenne verticali IMAX2000 X200 
80-60-160 homemade
direttiva VHF 17 elementi polarizzazione orizzontale
direttive homemade 2 elementi 20 metri-2 elementi 17 metri 3 elementi 12 metri
CREATE V730 (la cornuta) direttiva 4 elementi incrociata VHF-UHF homemade, dipolo V invertita home made 12-17-60


Online dattero

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3889
  • Applausi 168
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: 1RGK471 ----IZ2OGG----GINO
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #17 il: 19 Febbraio 2022, 21:12:42 »

perché in altri paesi è consentito e in Italia no ?

quali altri paesi?? e cosa è consentito??
rtx YAESU FT 817-857-950
     HR2510  ALAN48OLD CTE ALAN K350BC
antenne verticali IMAX2000 X200 
80-60-160 homemade
direttiva VHF 17 elementi polarizzazione orizzontale
direttive homemade 2 elementi 20 metri-2 elementi 17 metri 3 elementi 12 metri
CREATE V730 (la cornuta) direttiva 4 elementi incrociata VHF-UHF homemade, dipolo V invertita home made 12-17-60

Offline Jibril

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 9
  • Applausi 2
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
  • Nominativo: Jibril
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #18 il: 19 Febbraio 2022, 21:16:42 »


negli altri paesi c'è molta più disciplina nell'utilizzo delle radio rispetto a noi italiani, l'abbiamo visto in CB, lo stiamo vedendo in PMR446 dove il 90% non rispetta le attuali disposizioni/leggi.

Ma chi lo dice? Dove sta scritto che il "90%" degli utilizzatori di PMR non rispetta le leggi?
Non diciamo scemenze comode solo per portare acqua al proprio mulino

Inviato dal mio Redmi Note 8 utilizzando rogerKapp mobile


Offline federico2021

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 128
  • Applausi 2
    • Mostra profilo
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #19 il: 19 Febbraio 2022, 21:47:29 »
Con la legislatura in essere (in generale) gli Italiani sono fin troppo disciplinati !!!


Online dattero

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3889
  • Applausi 168
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: 1RGK471 ----IZ2OGG----GINO
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #20 il: 19 Febbraio 2022, 21:54:56 »

Ma chi lo dice? Dove sta scritto che il "90%" degli utilizzatori di PMR non rispetta le leggi?
Non diciamo scemenze comode solo per portare acqua al proprio mulino

Inviato dal mio Redmi Note 8 utilizzando rogerKapp mobile


non voglio tirare l'acqua al mio mulino, sono solo un ottimo osservatore , dalle varie associazioni , ai cacciatori, mettiamoci anche i vari sport/divertimento ( tipo softair) , ambito lavorativo , e mettiamoci anche tutti gli apparati che ho programmato per amici , posso riconfermare che il 90 % utilizza un apparato non conforme, dalla semplice aumento della potenza , al cambio antenna, all'uso dei vari Bao .
Ma non c'è da inalberarsi più di tanto, è una ruota che gira, prima si faceva con la CB e ora con la PMR446
rtx YAESU FT 817-857-950
     HR2510  ALAN48OLD CTE ALAN K350BC
antenne verticali IMAX2000 X200 
80-60-160 homemade
direttiva VHF 17 elementi polarizzazione orizzontale
direttive homemade 2 elementi 20 metri-2 elementi 17 metri 3 elementi 12 metri
CREATE V730 (la cornuta) direttiva 4 elementi incrociata VHF-UHF homemade, dipolo V invertita home made 12-17-60

Online dattero

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3889
  • Applausi 168
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: 1RGK471 ----IZ2OGG----GINO
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #21 il: 19 Febbraio 2022, 21:55:48 »
Con la legislatura in essere (in generale) gli Italiani sono fin troppo disciplinati !!!
ma stai parlando dell'italia o di un altro paese???

in Italia succede di trovarti davanti un uomo in divisa con alla cintura un bao uv5 sintonizzato sui canali pmr  a fianco della radio di ordinanza. Non gli ho fatto la foto perchè non credo che sarebbe stato li in posa per me , quindi ho evitato.
« Ultima modifica: 19 Febbraio 2022, 21:59:19 da dattero »
rtx YAESU FT 817-857-950
     HR2510  ALAN48OLD CTE ALAN K350BC
antenne verticali IMAX2000 X200 
80-60-160 homemade
direttiva VHF 17 elementi polarizzazione orizzontale
direttive homemade 2 elementi 20 metri-2 elementi 17 metri 3 elementi 12 metri
CREATE V730 (la cornuta) direttiva 4 elementi incrociata VHF-UHF homemade, dipolo V invertita home made 12-17-60

Offline federico2021

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 128
  • Applausi 2
    • Mostra profilo
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #22 il: 19 Febbraio 2022, 22:23:38 »
ma stai parlando dell'Italia o di un altro paese???

in Italia succede di trovarti davanti un uomo in divisa con alla cintura un bao uv5 sintonizzato sui canali pmr  a fianco della radio di ordinanza. Non gli ho fatto la foto perchè non credo che sarebbe stato li in posa per me , quindi ho evitato.
Dell'Italia
l'italiani sono fin troppo  disciplinati.




Offline federico2021

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 128
  • Applausi 2
    • Mostra profilo
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #23 il: 19 Febbraio 2022, 22:26:57 »
quali altri paesi?? e cosa è consentito??
l'utilizzo del PMR veicolare

Offline federico2021

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 128
  • Applausi 2
    • Mostra profilo
Re:Petizione europea modifica norme PMR446
« Risposta #24 il: 19 Febbraio 2022, 22:32:36 »
senza andare a cercare chi usa le frequenza UHF CB da noi, andrebbe anche bene una estensione d'uso dei PMR446; ma se si passasse da 0,5 a 5watt, con apparati veicolari ed antenne esterne, senza cambiare frequenze, diventerebbe quasi impossibile usare gli apparati a 0,5 watt, non parliamo degli apparati digitali.
insomma l'eventuale aumento di potenza RF e le antenne esterne creerebbero una pesantissima discriminazione nei confronti degli utenti che erano in regola fino ad oggi.
in democrazia è "giusto" che i cittadini possano sottoporre, nei modi adeguati, richieste di ogni genere all'amministrazione dello stato, ma è anche giusto che l'amministrazione dello stato possa rigettare le richieste dei cittadini con delle motivazioni ben formulate e conformi alla legge.
nel nostro paese "democratico" è stato possibile usare la CB, con alcune formalità, dal 1973 al 2020; dal 2020 è diventata completamente di libero uso; con apparati veicolari e antenne esterne c'è la CB, i PMR446 sono nati con altri scopi ed altri utilizzi.
condivido su tutto, ma perché vietare l'utilizzo di un PMR Veicolare con potenza massima di 500 mw ?