Autore Topic: Trend CB dagli USA  (Letto 1928 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline pat0691

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1767
  • Applausi 72
  • Sesso: Maschio
  • QTH Latina
    • Mostra profilo
    • Stazione Meteo Meteolatina (Latina Sud)
  • Nominativo: IK0EHZ - 1AT643
Re:Trend CB dagli USA
« Risposta #25 il: 12 Giugno 2021, 07:47:12 »
Semplicemente perche' oggi non c'e' la necessita' di avere delle frequenze per le emergenze.
Il canale 9 (19) nacque tantissimi anni fa, quando le comunicazioni erano ad appannaggio di pochi, tra cui i CB. Infatti oggi questi canali sono stati praticamente dimenticati. Oggi con i cellulari e le comunicazioni globali, non ce ne sarebbe proprio la necessità, fermo restando che qualsiasi ponte ripetitore puo' essere usato all'occorrenza, per emergenza....da radioamatori ovviamente, ma non credo che possa succedere qualcosa anche se fosse usato da un non autorizzato, se di emergenza si tratta.


Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2686
  • Applausi 292
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • l blog del Pietricello
    • E-mail
  • Nominativo: IU2DLC
Re:Trend CB dagli USA
« Risposta #26 il: 12 Giugno 2021, 08:25:50 »
Si Pat hai ragione e condivido ma dico sapere che ci sia una frequenza analogica V/U ed un TG ove qualcuno ascolta non sarebbe cattiva idea.

Offline Abusivo

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 4845
  • Applausi 183
  • Sesso: Maschio
  • qth l'Aquila
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Trend CB dagli USA
« Risposta #27 il: 12 Giugno 2021, 09:49:08 »
...L'abuso? ...
Grazie per la considerazione!


Offline HAWK

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3146
  • Applausi 148
    • Mostra profilo
Re:Trend CB dagli USA
« Risposta #28 il: 12 Giugno 2021, 10:17:39 »
Il canale 9 ed il 19 ausilio allo smistamento, erano imposti a norma di regolamento postale dal già Ministero delle Telecomunicazioni.
Sui disciplinari del tempo era ben in chiaro scritto...in merito alla C.B.

Per i PMR/LPD essendo dichiarati e paragonati radiogiocattoli, per potenza e costruttività, non sono mai stati considerati ne livellati a nessun canale di emergenza da parte dello Stato.

La abitudine storica tutta italiana segretezza di ufficio anche tra amministrazioni, ha fatto sì che ogni ente o servizio viaggiasse per conto suo come trasmissioni radio.

Quindi nessun incontro comune di frequenze…

Solo qualche Questura o Comado provinciale dei C.C. hanno o si inseriscono nelle frequenze della sicurezza sussidiaria direttamente o in ascolto, ma capita raramente.

Quando è la Questura, usava entrare con nominativo Centrale Roma.

Oggi, si continua a far viaggiare gli enti per conto proprio, sia per vecchia tradizione che per ormai l'uso di rete cellulare disponibile...che fa da ponte interforze.

Un canale di ascolto  a monitor, sarebbe utile, ma dovrebbe far adottare dalle amministrazioni un tipo di radio bifrequenza o altra radio in dotazione canalizzato.

E' più facile che succeda tra privati, singoli o associati...più veloci e senza imputazioni a capitoli di pesa accessoria da dover redarre.

Solo il MiSE ad interim potrebbe proporre...a il Miniterno...essendo che gestisce gli uffici di Pubblica Sicurezza e Servizi Antincendio e P.C. vari.

Poi in protocollo alle ASL regionali e di fine le C.R.I. e P.Assistenze...non menzionando i vigili urbani che non hanno neanche le radio in certe città e neanche armati, discrezionalità del Comune farlo.

Quindi il retaggio storico di farsi ogni ente i fatti propri, ha chiuso le aperture a vari livelli, oggi in via informatica comincia qualche scambio informativo, ma non di frequenze.

Dei casi si sono avuti negli anni 70 e 80, tra Ospedali, ambulanze e volontariato, con apparati C.B. messi anche nelle ambulanze, ma erano dei casi locali.

Menzionando le frequenze di emergenza in ambito Radioamatoriale, assegnate con prove di sintonia a cura delle Prefetture.

Tralascio C.A.I. ed altre realtà che anche loro non hanno canali in comune di nuovo con altri.

Cmq nulla di pubblico in grande scala di nuovo.

In U.S.A. attorno ai 50 Mhz in HF in tutti i modi di emissione, in Alaska e confini immediati a tot Kilometri, viene usata tale porzione di banda per le emergenze di Difesa Civile, in RX e TX...di fatti molti manuali dicono di fare attenzione a tale porzione di banda per tal motivo.
In Italia non ci sarà mai...un canale unico, escluso iniziative locali e/o unificazione di enti preposti.

73'.


P:S.
L'art.54 del Codice Penale assolverebbe l'uso di frequenza non autorizzata in caso di salvaguardia alla vita umana.
Stato di necessità.
« Ultima modifica: 12 Giugno 2021, 10:23:49 da HAWK »

Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2686
  • Applausi 292
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • l blog del Pietricello
    • E-mail
  • Nominativo: IU2DLC
Re:Trend CB dagli USA
« Risposta #29 il: 12 Giugno 2021, 11:20:39 »
Abusivo uff...che codino di paglia ahahah
Come scritto da Hawk che riporta anche articolo del C.P. una comunicazione di reale emergenza non è perseguibile su nessuna banda ed anche e se lo fosse salvarmi il posteriore è molto più importante di una multa o una denuncia.


Offline Abusivo

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 4845
  • Applausi 183
  • Sesso: Maschio
  • qth l'Aquila
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Trend CB dagli USA
« Risposta #30 il: 12 Giugno 2021, 11:45:10 »
Abusivo uff...che codino di paglia ahahah...
Non un codino ma un codazzo lungo 40 anni!
Ne avrei da raccontare in merito ...

Offline Maurizio Angelini

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 83
  • Applausi 5
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: Maurizio
Re:Trend CB dagli USA
« Risposta #31 il: 12 Giugno 2021, 12:29:29 »
..."La abitudine storica tutta italiana segretezza di ufficio anche tra amministrazioni, ha fatto sì che ogni ente o servizio viaggiasse per conto suo come trasmissioni radio."...

Tipico delle realtà che pensano al proprio orticello (ai propri appalti...),oppure,della serie,la mano destra non sà quello che fà la mano sinistra.


Offline Antenna

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1159
  • Applausi 48
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Trend CB dagli USA
« Risposta #32 il: 12 Giugno 2021, 14:57:48 »
Prima di pensare ad una frequenza “unica” per interconnettete le varie forze dell’ordine /soccorso/ecc ecc,
Sappiate che l’Italia paga fior fior di soldi in sanzioni alla comunità europea ,anche per una semplice “cazzata” che ora vi riporto :

Tutti gli enti sopracitati, devono avere in uso frequenze in banda UHF!!!
(Questo detto in maniera estremamente semplicistica )....

Se questa direttiva europea fosse rispettata,allora ci sarebbe poi la possibilità di uno o più canali radio “comuni “!!!

Invece ad oggi abbiamo:
-Polizia di stato intorno ai 70Mhz, con alcuni link tra ponti radio in UHF
-soccorso alpino sempre intorno ai 70Mhz
-vigili del fuoco sempre in zona 70MHZ, con link ponti in uhf
-118 che poi é diventato 112 , radio in UHF (ma non é a copertura nazionale)
-CRI in VHF
-varie croci verdi/misericordie/ecc ecc, vhf o uhf in base a come viene gestito l’impianto
-ANPAS vhf
-protezioni civili varie Vhf/uhf a piacimento con sprazzi di 43MHz
-dpc (dipartimento protezione civile) vhf
-finanza : vhf
-carabinieri UHF
-polizie locali varie vhf /uhf a piacimento
...
....
Potrei andare avanti ore.

Come vedere, non esiste una volontà di unire o comunque rendere intercomunicanti i vari enti...


P.S:
Per gli “sceriffi” da tastiera,
Non ho divulgato frequenze specifiche ,ma solo la banda di lavoro (cosa che poi é sotto gli occhi di tutti )




Inviato dal mio iPhone utilizzando RogerKApp

Offline HAWK

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3146
  • Applausi 148
    • Mostra profilo
Re:Trend CB dagli USA
« Risposta #33 il: 12 Giugno 2021, 15:20:35 »
In toto e brevemente Antenna, così è semplicemente.

E non è la unica sanzione che si paga.
 [emoji106]
73'.


Offline HAWK

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3146
  • Applausi 148
    • Mostra profilo
Re:Trend CB dagli USA
« Risposta #34 il: 12 Giugno 2021, 15:34:00 »
Lo stato di necessità si interpreta…


Salutoni.
« Ultima modifica: 12 Giugno 2021, 15:38:50 da HAWK »

Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2686
  • Applausi 292
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • l blog del Pietricello
    • E-mail
  • Nominativo: IU2DLC
Re:Trend CB dagli USA
« Risposta #35 il: 12 Giugno 2021, 20:14:09 »
Beh non volevo spezzettare il mio dire precedente. Che ci sia disorganizzazione e mancanza di coordinamento è un dato di fatto ma basterebbe che solo un'ente riservasse un paio di frequenze come "collettore" per eventuali chiamate di emergenza che poi potrebbe dispacciare via telefono,cellulare,ponti radio appositi. O anche pure diversi enti in ascolto continuo, non dico mica che ci debba essere una freq. della polizia,una dei vigili,etc.etc. ma basterebbe che solo uno ascolti (ed anche più) per poter comunque offrire un servizio di pubblica utilità.


Offline Aquila Fr

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2629
  • Applausi 148
  • Sesso: Maschio
  • cave ab homine unius libri
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: IU0OGA
Re:Trend CB dagli USA
« Risposta #36 il: 12 Giugno 2021, 20:31:32 »
Mi pare si chiami 112...

inviato M2004J19C using rogerKapp mobile

qrz.com nihil iuris habeat valorem

Offline IW4BJG

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 392
  • Applausi 52
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Trend CB dagli USA
« Risposta #37 il: 12 Giugno 2021, 20:34:07 »
Prima di pensare ad una frequenza “unica” per interconnettete le varie forze dell’ordine /soccorso/ecc ecc,
Sappiate che l’Italia paga fior fior di soldi in sanzioni alla comunità europea ,anche per una semplice “cazzata” che ora vi riporto :

Tutti gli enti sopracitati, devono avere in uso frequenze in banda UHF!!!
(Questo detto in maniera estremamente semplicistica )....

Se questa direttiva europea fosse rispettata,allora ci sarebbe poi la possibilità di uno o più canali radio “comuni “!!!

Invece ad oggi abbiamo:
-Polizia di stato intorno ai 70Mhz, con alcuni link tra ponti radio in UHF
-soccorso alpino sempre intorno ai 70Mhz
-vigili del fuoco sempre in zona 70MHZ, con link ponti in uhf
-118 che poi é diventato 112 , radio in UHF (ma non é a copertura nazionale)
-CRI in VHF
-varie croci verdi/misericordie/ecc ecc, vhf o uhf in base a come viene gestito l’impianto
-ANPAS vhf
-protezioni civili varie Vhf/uhf a piacimento con sprazzi di 43MHz
-dpc (dipartimento protezione civile) vhf
-finanza : vhf
-carabinieri UHF
-polizie locali varie vhf /uhf a piacimento
...
....
Potrei andare avanti ore.

Come vedere, non esiste una volontà di unire o comunque rendere intercomunicanti i vari enti...


P.S:
Per gli “sceriffi” da tastiera,
Non ho divulgato frequenze specifiche ,ma solo la banda di lavoro (cosa che poi é sotto gli occhi di tutti )




Inviato dal mio iPhone utilizzando RogerKApp
 
bisogna sottolineare un altro aspetto,e non secondario, di questo "spezzettamento" ovvero la difficoltà di mettere in contatto tra di loro le varie reti in caso di interventi congiunti ( ipotesi: sulla scena del disastro arrivano CC, VVF, 118 che paradossalmente non possono parlarsi e coordinarsi tra loro direttamente con le radio di servizio,ma devono " passare" dai rispettivi operatori). La risposta a questa esigenza doveva essere la rete unica basata sullo standard TETRA accessibile a tutti i servizi di emergenza. Una rete costruita e gestita da un ente e messa a disposizione di tutti i servizi. Non è andata così. Personalmente non so se è meglio o peggio. Una rete unica dovrebbe essere realizzata veramente a prova di bomba e avere una affidabilità quasi assoluta.Con la miseria che circola al momento nel settore TLC e le varie resistenze "corporative" (anche i tecnici interni ad ogni ente devono pur vivere..) la vedo molto dura. Ne si può pensare di usare la telefonia cellulare...quella ormai è ridotta alla fatiscenza con disservizi quotidiani.
"L'egoismo comune cagiona e necessita l'egoismo di ciascuno" ( G.Leopardi)
"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I.Asimov)
"Siamo tutti dilettanti.Non viviamo abbastanza per diventare di più."  (C.Chaplin)


Offline Antenna

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1159
  • Applausi 48
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Trend CB dagli USA
« Risposta #38 il: 13 Giugno 2021, 15:16:24 »
 
bisogna sottolineare un altro aspetto,e non secondario, di questo "spezzettamento" ovvero la difficoltà di mettere in contatto tra di loro le varie reti in caso di interventi congiunti ( ipotesi: sulla scena del disastro arrivano CC, VVF, 118 che paradossalmente non possono parlarsi e coordinarsi tra loro direttamente con le radio di servizio,ma devono " passare" dai rispettivi operatori). La risposta a questa esigenza doveva essere la rete unica basata sullo standard TETRA accessibile a tutti i servizi di emergenza. Una rete costruita e gestita da un ente e messa a disposizione di tutti i servizi. Non è andata così. Personalmente non so se è meglio o peggio. Una rete unica dovrebbe essere realizzata veramente a prova di bomba e avere una affidabilità quasi assoluta.Con la miseria che circola al momento nel settore TLC e le varie resistenze "corporative" (anche i tecnici interni ad ogni ente devono pur vivere..) la vedo molto dura. Ne si può pensare di usare la telefonia cellulare...quella ormai è ridotta alla fatiscenza con disservizi quotidiani.

Cominciare ad usare una banda di frequenza unica (UHF), sarebbe già un passo avanti...e in secondo momento si potrebbe creare il canale o canali di interconnessione ....

Per il tetra, meno male che non é decollato per alcuni aspetti tecnici:
-per essere una rete efficiente,avrebbe bisogno di tante “celle” ,a circa 3/5km di raggio.

- i 4 canali fondamentali che usava, erano adiacenti e a 25khz di larghezza (cosa che in Italia,ma non solo, sono “vietati” da quando si é passati alla banda stretta di 12,5khz)

-il costo non indifferente dei vari apparati e la relativa formazione degli operatori .

Un progetto nato “vecchio” insomma...


Inviato dal mio iPhone utilizzando RogerKApp

Online kz

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 4424
  • Applausi 186
    • Mostra profilo
  • Nominativo: RRM TANGO34
Re:Trend CB dagli USA
« Risposta #39 il: 13 Giugno 2021, 18:59:33 »
Esperienza osservata durante un intervento della polizia locale: l'operatore chiama la sala operativa con la radio tetra e la sala operativa risponde chiamando l'operatore sul telefono cellulare.
Domanda: "ma vi hanno risposto sul cellulare?"
Risposta: "sì, queste (le radio tetra) non prendono quasi mai"


Offline IW4BJG

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 392
  • Applausi 52
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Trend CB dagli USA
« Risposta #40 il: 13 Giugno 2021, 21:11:58 »
Esperienza osservata durante un intervento della polizia locale: l'operatore chiama la sala operativa con la radio tetra e la sala operativa risponde chiamando l'operatore sul telefono cellulare.
Domanda: "ma vi hanno risposto sul cellulare?"
Risposta: "sì, queste (le radio tetra) non prendono quasi mai"

Esperienza osservata durante un intervento della polizia locale: l'operatore chiama la sala operativa con la radio tetra e la sala operativa risponde chiamando l'operatore sul telefono cellulare.
Domanda: "ma vi hanno risposto sul cellulare?"
Risposta: "sì, queste (le radio tetra) non prendono quasi mai"

 
Immaginavo i commenti negativi sulla rete TETRA.  Per quanto riguarda la rete regionale R3 dell'Emilia Romagna la critica che si può fare è che NON sono state realizzate tutte le stazioni radio base necessarie (e nemmeno tutte quelle che erano state progettate). Ma è logico:solo se cresce il numero di utilizzatori attivi si creano le condizioni per una ulteriore espansione della rete. Nel frattempo i CC hanno fatto una loro rete tetra, i VVF una loro rete digitale che per il momento affianca quella analogica..insomma ogni ente ha ancora la sua rete anche se è stata digitalizzata.  Non è il modo migliore per fare efficienza. Una rete Tetra unica potrebbe essere la soluzione (ogni radio avrebbe i canali CC, quelli VVF, quelli del 118,quelli della polizia ecc ecc) ma dovrebbe essere fatta benissimo in modo da dare una affidabilità assoluta. Come compromesso vedrei bene almeno 2 reti tetra (ognuna la riserva dell'altra) fatte bene per tutti i servizi di emergenza piuttosto che 100 reti separate e indipendenti come adesso con la relativa dispersione di risorse economiche e di spettro. 
"L'egoismo comune cagiona e necessita l'egoismo di ciascuno" ( G.Leopardi)
"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I.Asimov)
"Siamo tutti dilettanti.Non viviamo abbastanza per diventare di più."  (C.Chaplin)

Online kz

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 4424
  • Applausi 186
    • Mostra profilo
  • Nominativo: RRM TANGO34
Re:Trend CB dagli USA
« Risposta #41 il: 14 Giugno 2021, 16:10:52 »
per fare infrastrutture sistemiche ci vogliono investimenti di sistema.
se viene tutto parcellizzato in mille bilanci, ognuno indipendente, un po' per nascondere le spese un po' per evitarne di nuove, l'unica realtà possibile è quella dei mille sistemi e delle mille frequenze diverse, tanto poi il coordinamento si fa via centrali operative più o meno interconnesse.
non crediate che negli stati uniti la situazione sia differente: ogni amministrazione ha la sua polizia*, non so se ogni polizia abbia la sua frequenza e la sua sala operativa ma ne ho il sospetto.

* ad esempio, durante un banale spostamento NJ-Manhattan di qualche decina di minuti: polizia della città A, della città B, della città C, polizia dello stato del NJ, polizia della tunnel authority, polizia della port authority, polizia della MTA, polizia della città di NY.