Autore Topic: Piattina bifilare  (Letto 356 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline nicola1971

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 49
  • Applausi 0
    • Mostra profilo
  • Nominativo: IZ2RPP
Piattina bifilare
« il: 13 Aprile 2021, 00:29:20 »
Ciao a tutti, utilizzo una piattina bifilare a 450 Ohm per una Zeppelin e vorrei usarne un'altra che ho disponibile (300 Ohm) per una delta loop. La domanda è: quanto davvero la piattina è influenzata dal fatto di toccare il tetto e/o i muri di casa? E, nel caso, il problema è attenuato/risolto dall'uso dell'accordatore (dato che le uso come multibanda appunto con l'accordatore)?
Grazie a tutti, 73 de IZ2RPP


Offline IK3OCA

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 807
  • Applausi 33
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: IK3OCA
Re:Piattina bifilare
« Risposta #1 il: 13 Aprile 2021, 14:11:15 »
Salve Nicola1971, ciao a tutti! Riguardo alla piattina da 300 ohm al posto di quella da 450 ohm ci possono essere delle differenze nella risonanza dell'antenna, tutte ampiamente colmabili dall'uso dell'accordatore.
Però se la piattina da 300 ohm è di quelle rosa ex TV ti faccio presente che può non sopportare a lungo l'esposizione all'aperto tendendo a fratturarsi.
Leggo spesso che le discese a scaletta, comprese le piattine di varie impedenze, sono sensibili alla vicinanza con i muri e specialmente con oggetti metallici e, quindi, credo che sia meglio evitare vicinanze estese, però devo dire che un mio amico che esce in QRP fa passare la sua discesa a scaletta adiacente al muro per un bel tratto, eppure arriva da me con un segnalone.
L'accordatore consentirà in tutti i casi il massimo trasferimento di energia.
73 Rosario