Autore Topic: apparati militari postbellici  (Letto 128 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline thomas benassi

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 36
  • Applausi 0
    • Mostra profilo
  • Nominativo: Sansone
apparati militari postbellici
« il: 13 Settembre 2020, 13:24:18 »
Buongiorno a tutti,

premetto che sono anche un collezionista di militaria e di apparati surplus, e l'intento di questo post non è certo polemico.

Sono anni che un dubbio mi arrovella. Alla luce anche delle mie esperienze di naja, nonchè in un'altra Forza Armata (20 anni di servizio), ho riscontrato che gli apparati militari postbellici, rispetto a quelli civili (degli anni 80/90), hanno minore potenza emessa,sono più pesanti ed ingombranti, si fatica a reperire esemplari funzionanti nonchè pezzi di ricambio e batterie, senza contare i problemi legali a detenere tale materiale (specie dopo il 2006 con l'inasprimento dell'art 28 del TULPS), e dispongono di sintonie manuali e macchinose.

Escludendo l'interesse collezionistico e non considerando l'immediato dopoguerra, quando questi costituivano l'unico materiale (anche a buon mercato) reperibile, a questo punto mi chiedo quale sia (tuttora) la convenienza ad acquistare ed usare questi apparati

Online i5wnn

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 462
  • Applausi 28
    • Mostra profilo
Re:apparati militari postbellici
« Risposta #1 il: 13 Settembre 2020, 13:42:48 »
Buongiorno a tutti,

premetto che sono anche un collezionista di militaria e di apparati surplus, e l'intento di questo post non è certo polemico.

Sono anni che un dubbio mi arrovella. Alla luce anche delle mie esperienze di naja, nonchè in un'altra Forza Armata (20 anni di servizio), ho riscontrato che gli apparati militari postbellici, rispetto a quelli civili (degli anni 80/90), hanno minore potenza emessa,sono più pesanti ed ingombranti, si fatica a reperire esemplari funzionanti nonchè pezzi di ricambio e batterie, senza contare i problemi legali a detenere tale materiale (specie dopo il 2006 con l'inasprimento dell'art 28 del TULPS), e dispongono di sintonie manuali e macchinose.

Escludendo l'interesse collezionistico e non considerando l'immediato dopoguerra, quando questi costituivano l'unico materiale (anche a buon mercato) reperibile, a questo punto mi chiedo quale sia (tuttora) la convenienza ad acquistare ed usare questi apparati
C'è chi colleziona francobolli e chi apparati. Un mio conoscente colleziona il coperchietto metallico dei tappi di spumante. De gustibus...


inviato ANE-LX1 using rogerKapp mobile