Autore Topic: Ancora su adattamento antenna  (Letto 538 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline roberto123

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 32
  • Applausi 2
    • Mostra profilo
    • E-mail
Ancora su adattamento antenna
« il: 27 Giugno 2020, 14:43:12 »
Qualcuno sa darmi una spiegazione?
A parità di condizioni (stessa discesa e stesso misuratore SWR)
- con gamma match formato da spezzone di cavo inserito in tubetto di alluminio e con ponticello regolabile di cortocircuito con dipolo , non riesco a scendere sotto un ROS di 1:3 (provato a variare lunghezza spezzone cavo e tubetto);
- con gamma match formato barretta di ottone da 3 mm (cortocircuitata a dipolo tramite ponticello) e da compensatore tra barretta e centrale connettore PL, ROS pari a 1:1,1
Antenna Yagi 3 elementi.
Frequenza 70 cm.
Grazie a chi vorrà illuminarmi.

Offline r5000

  • Moderatore
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 16361
  • Applausi 414
  • qth bergamo
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Ancora su adattamento antenna
« Risposta #1 il: 27 Giugno 2020, 15:06:39 »
73 a tutti, quanto è lungo il tubetto del gamma match? il problema in uhf è la dimensione dei componenti, in uhf è sicuramente meglio usare un compensatore di piccole dimensioni e usare il gamma match con il tubetto di alluminio in hf oppure fare in modo di mettere il cavo all'interno del braccio del dipolo con tutte le relative complicazioni meccaniche...

Offline roberto123

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 32
  • Applausi 2
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Ancora su adattamento antenna
« Risposta #2 il: 27 Giugno 2020, 15:16:55 »
Grazie per la risposta.
Il tubetto è lungo circa 8 cm e il cavo, al suo interno, circa 7,5 cm.
Mi sembra di aver capito (come confermato dalla pratica) che il sistema migliore sia compensatore e barretta di ottone.
A mio parere, però, è "strano" che con il tubetto si riesca a variare il ROS solamente di alcuni decimi, spostando il ponticello da un estremo all'altro. Potrei capire una variazione di 1 o 2 punti, ma solamente 0,2/0,3.....

Offline r5000

  • Moderatore
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 16361
  • Applausi 414
  • qth bergamo
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Ancora su adattamento antenna
« Risposta #3 il: 27 Giugno 2020, 21:56:34 »
73 a tutti, 8 cm sono una lunghezza significativa per le uhf, di fatto se misuri il componente non si comporta come un semplice condensatore ma è un circuito LC serie dove variando la lunghezza del centrale hai una variazione sia della L che C e quindi isufficiente per adattare al meglio l'impedenza, con la barretta di ottone (L) e il compensatore C riesci a modificare la sola capacità e quindi adatti l'impedenza in modo preciso...

Offline roberto123

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 32
  • Applausi 2
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Ancora su adattamento antenna
« Risposta #4 il: 29 Giugno 2020, 06:20:16 »
Grazie per la risposta.
Farò qualche prova accorciando tubetto e cavo.


Offline ik2nbu Arnaldo

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1643
  • Applausi 126
  • Sesso: Maschio
  • Saldatore per Sempre
    • Mostra profilo
    • www.ik2nbu.com
  • Nominativo: ik2nbu
Re:Ancora su adattamento antenna
« Risposta #5 il: 29 Giugno 2020, 13:16:26 »
Roberto in UHF è cento volte meglio il compesatore ceramico !

E' l'unico sistema per fare una taratura di precisione sul gamma match, che resta comunque micrometrica,
dai 144 mhz a salire, bastano 2 pF a fare la differenza nella taratura del ros. [emoji33]

Ottenere quindi 2 pF di variazione con il centrale del cavo invece, dovresti poter regolare spostamenti a passi da un decimo di millimetro, roba da orologiaio svizzero...

73 Arnaldo ik2nbu
« Ultima modifica: 29 Giugno 2020, 16:43:03 da ik2nbu Arnaldo »

Offline roberto123

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 32
  • Applausi 2
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Ancora su adattamento antenna
« Risposta #6 il: 29 Giugno 2020, 16:01:20 »
Grazie anche a te.