Autore Topic: Trasmettere AM. Perché?  (Letto 458 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline aquiladellanotte

  • 1RGK458
  • RGK dx Group
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3413
  • Applausi 136
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Trasmettere AM. Perché?
« il: 14 Gennaio 2020, 23:30:27 »
Salve, mi chiedo da qualche tempo perché le trasmissioni in onde lunghe e onde medie avvenga in am e non fm, considerata la qualità Diversa. Potreste aiutarmi? Grazie

inviato WAS-LX1A using rogerKapp mobile

aquila della notte 1adn089
IZ0PQE


Online IW2OGQ

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 81
  • Applausi 7
  • Sesso: Maschio
  • Il rispetto è la regola migliore
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: IW2OGQ
Re:Trasmettere AM. Perché?
« Risposta #1 il: 15 Gennaio 2020, 05:48:22 »
Ciao Aquiladellanotte,

le onde medie e lunghe in AM garantiscono lunghe distanze, (onde di terra che seguono la curvatura terrestre).
L'FM mal si presta a queste frequenze.
73 de Rick

Offline aquiladellanotte

  • 1RGK458
  • RGK dx Group
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3413
  • Applausi 136
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Trasmettere AM. Perché?
« Risposta #2 il: 15 Gennaio 2020, 06:51:12 »
Ciao e grazie. Perché mal si presta? Risente dei disturbi atmosferici a livello di noise?

inviato WAS-LX1A using rogerKapp mobile

aquila della notte 1adn089
IZ0PQE

Offline Schottky

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 50
  • Applausi 5
    • Mostra profilo
Re:Trasmettere AM. Perché?
« Risposta #3 il: 15 Gennaio 2020, 08:52:08 »
Ciao e grazie. Perché mal si presta? Risente dei disturbi atmosferici a livello di noise?

inviato WAS-LX1A using rogerKapp mobile

Ciao Aquiladellanotte. le emittenti a onda media (526 kHz e i 1620 kHz) trasmettono su canali separati l'un l'altro da 9 kHz (10KHz in USA). In altre parole, non hai molta banda a disposizione: sei alle strette  [emoji39].

L'AM funziona modulando (variando) l'ampiezza della portante trasmessa in base all'informazione che viene inviata, mentre la frequenza rimane costante. Questo differisce dalla tecnologia FM in cui l'informazione (suono) è codificata variando la frequenza dell'onda e l'ampiezza è mantenuta costante.

L'AM ha una qualità del suono peggiore rispetto alla FM, ma ha una larghezza di banda inferiore, quindi si possono avere più stazioni disponibili in un ristretto intervallo di frequenza (come ti dicevo sopra). La FM ha una migliore qualità del suono grazie alla maggiore larghezza di banda, ma appunto per questo non "ci sta dentro" alla canalizzazione stabilita per le onde medie (in altre parole, interferirebbe pesantemente con i canali adiacenti).

Ovviamente l'AM è più suscettibile al rumore perché il rumore influisce sull'ampiezza, che è dove le informazioni sono "memorizzate" in un segnale AM. L'FM è meno suscettibile al rumore perché l'informazione in un segnale FM viene trasmessa variando la frequenza e non l'ampiezza, ma per contro occupa una banda data da due volte la somma della frequenza del segnale modulante e la deviazione di frequenza.

Insomma, non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca  [emoji39]

Ciao,
Giorgio

Offline IZ1PNY

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1627
  • Applausi 79
  • ARI Milazzo IQ9MY - Qth Saluzzo "CN"
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Trasmettere AM. Perché?
« Risposta #4 il: 15 Gennaio 2020, 08:59:22 »
Ciao Aquiladellanotte. le emittenti a onda media (526 kHz e i 1620 kHz) trasmettono su canali separati l'un l'altro da 9 kHz (10KHz in USA). In altre parole, non hai molta banda a disposizione: sei alle strette  [emoji39].

L'AM funziona modulando (variando) l'ampiezza della portante trasmessa in base all'informazione che viene inviata, mentre la frequenza rimane costante. Questo differisce dalla tecnologia FM in cui l'informazione (suono) è codificata variando la frequenza dell'onda e l'ampiezza è mantenuta costante.

L'AM ha una qualità del suono peggiore rispetto alla FM, ma ha una larghezza di banda inferiore, quindi si possono avere più stazioni disponibili in un ristretto intervallo di frequenza (come ti dicevo sopra). La FM ha una migliore qualità del suono grazie alla maggiore larghezza di banda, ma appunto per questo non "ci sta dentro" alla canalizzazione stabilita per le onde medie (in altre parole, interferirebbe pesantemente con i canali adiacenti).

Ovviamente l'AM è più suscettibile al rumore perché il rumore influisce sull'ampiezza, che è dove le informazioni sono "memorizzate" in un segnale AM. L'FM è meno suscettibile al rumore perché l'informazione in un segnale FM viene trasmessa variando la frequenza e non l'ampiezza, ma per contro occupa una banda data da due volte la somma della frequenza del segnale modulante e la deviazione di frequenza.

Insomma, non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca  [emoji39]

Ciao,
Giorgio

Bene complimenti e ottima spiegazione, parole semplici e chiare.


Offline Schottky

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 50
  • Applausi 5
    • Mostra profilo
Re:Trasmettere AM. Perché?
« Risposta #5 il: 15 Gennaio 2020, 09:04:45 »
Bene complimenti e ottima spiegazione, parole semplici e chiare.

Grazie IZ1PNY

Offline IK4MDZ-Franco

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 460
  • Applausi 55
  • Sesso: Maschio
  • http://web.tiscali.it/ellepi_progetti/
    • Mostra profilo
    • il mio sito
    • E-mail
  • Nominativo: IK4MDZ
Re:Trasmettere AM. Perché?
« Risposta #6 il: 15 Gennaio 2020, 13:38:44 »
E sopratutto un ricevitore AM e' meno costoso di uno in FM visto che il demodulatore e' un diodo e un condensatore. Pensate agli anni che furono, i ricevitori dovevano essere economici tali da potere entrare in ogni casa, vedi la radio Balilla. L'FM e' nata successivamente da un colonnello americano un certo Armstrong da cui deriva il nome del primo demodulatore FM.  Con l'AM non si cercava la qualita' del suono ma la semplicita' anche nella sintonia. Vi ricordate i ricevitori con scala parlante e occhio magico ? L'obiettivo era fare sentire al maggior numero della popolazione le notizie nazionali e internazionali alternandosi a programmi comici e musica classica.
Ricordo che fino agli anni 60 e anche qualche anno dopo anche i radioamatori usavano l'AM in quanto costruire un trasmettitore era semplice. La modulazione si "iniettava" nello stadio finale attraverso un trasformatore di modulazione.
73' Franco
« Ultima modifica: 15 Gennaio 2020, 13:42:11 da IK4MDZ-Franco »
Alias  trodaf_4912

Offline IZ2UUF (davj2500)

  • Moderatore
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3365
  • Applausi 524
  • Sesso: Maschio
  • Op. Davide
    • Mostra profilo
    • IZ2UUF Web Site
  • Nominativo: IZ2UUF
Re:Trasmettere AM. Perché?
« Risposta #7 il: 15 Gennaio 2020, 13:50:09 »
Ciao a tutti.

Una nota curiosa sulla modulazione d'ampiezza è la ragione per cui le comunicazioni in banda aerea VHF 118-137MHz avvengono in AM e non in FM.
La FM soffre (o gode, dipende dal punto di vista) del "capture effect": se due segnali sono sulla stessa frequenza e uno dei due è un po' più forte dell'altro, il demodulatore decodificherà solo quest'ultimo. Ce ne accorgiamo in auto in zona di equicampo per due emittenti broadcast FM, quando muovendoci in base al punto le due stazioni si alternano come se una comparisse e l'altra sparisse del tutto.
In AM, invece, se ci sono due segnali, questi si sentono "mixati": questo consente di capire chiaramente se qualche operatore ha sovrammodulato un altro operatore. Magari non si capisce cos'hanno detto, ma si sente che in due tentavano di comunicare e possono essere ricontattati.

https://en.wikipedia.org/wiki/Capture_effect

Ciaoo
Davide
IZ2UUF - Davide - http://www.iz2uuf.net/

Offline daniele78

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 24
  • Applausi 1
    • Mostra profilo
Re:Trasmettere AM. Perché?
« Risposta #8 il: 26 Gennaio 2020, 19:37:55 »
Ciao a tutti.

Una nota curiosa sulla modulazione d'ampiezza è la ragione per cui le comunicazioni in banda aerea VHF 118-137MHz avvengono in AM e non in FM.
La FM soffre (o gode, dipende dal punto di vista) del "capture effect": se due segnali sono sulla stessa frequenza e uno dei due è un po' più forte dell'altro, il demodulatore decodificherà solo quest'ultimo. Ce ne accorgiamo in auto in zona di equicampo per due emittenti broadcast FM, quando muovendoci in base al punto le due stazioni si alternano come se una comparisse e l'altra sparisse del tutto.
In AM, invece, se ci sono due segnali, questi si sentono "mixati": questo consente di capire chiaramente se qualche operatore ha sovrammodulato un altro operatore. Magari non si capisce cos'hanno detto, ma si sente che in due tentavano di comunicare e possono essere ricontattati.

https://en.wikipedia.org/wiki/Capture_effect

Ciaoo
Davide
Che figata questa curiosità! Grazie per averla condivisa😀