Autore Topic: Storico collegamento transatlantico in 2 metri  (Letto 727 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Schottky

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 46
  • Applausi 4
    • Mostra profilo
Storico collegamento transatlantico in 2 metri
« il: 23 Ottobre 2019, 19:16:04 »
Fa una certa impressione leggere che in 144MHz si attraversi l'atlantico senza fare EME!  [emoji54]

D41CV da Capo Verde Islands e FG8OJ in Guadalupa hanno comunicato attraverso l'Oceano Atlantico (marine ducting) sui 2 metri per la prima volta il 16 giugno, secondo i rapporti.

La distanza era di 3.867 chilometri (2.397,5 miglia). Il contatto storico è stato effettuato su 144.174 MHz in modalità FT8.

FONTE: http://www.arrl.org/news/historic-2-meter-transatlantic-contact-reported

Giorgio


Offline ik2nbu Arnaldo

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 569
  • Applausi 55
  • Sesso: Maschio
  • Saldatore per Sempre
    • Mostra profilo
    • www.ik2nbu.com
  • Nominativo: ik2nbu
Re:Storico collegamento transatlantico in 2 metri
« Risposta #1 il: 23 Ottobre 2019, 20:11:09 »
Bellissimo...  [emoji33]

magari i 2 colleghi OM saranno stati capaci di scegliere il momento propizio, adeguare il setup antenne all'occasione ( yagi + verticale)
ed utilizzare la potenza a 50 watt come descritto nell'articolo, una vera prodezza ?

Il merito sta tutto alla tecnologia FT8 usata ed i suoi algoritmi software che decodificano sotto la soglia del rumore,
anche solo in CW un collegamento del genere sarebbe stato molto + difficile, raro e 100 volte + impegnativo per i colleghi.

FT8 è il giocattolo nuovo con cui fare DX, ed è molto utilizzato anche in HF a tal punto che i collegamenti in fonia SSB di pregio,
stanno diventando merce rara, le bande sono spesso quasi deserte tranne la porzione modi digitali.

Questo FT8 nulla ha da spartire con la radiotecnica, e dal mio "umile" punto di vista non c'è nulla da festeggiare.
Persino in 60 metri (dove qualche QSO interessante si ascolta ogni tanto) vengono a rompere i maroni... hi ! [emoji1]

73 Arnaldo www.ik2nbu.com


Offline Schottky

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 46
  • Applausi 4
    • Mostra profilo
Re:Storico collegamento transatlantico in 2 metri
« Risposta #2 il: 23 Ottobre 2019, 20:24:19 »
Bellissimo...  [emoji33]
Questo FT8 nulla ha da spartire con la radiotecnica, e dal mio "umile" punto di vista non c'è nulla da festeggiare.
Persino in 60 metri (dove qualche QSO interessante si ascolta ogni tanto) vengono a rompere i maroni... hi ! [emoji1]

73 Arnaldo www.ik2nbu.com

Caro Arnaldo, condivido in pieno.

Da un lato è giusto che il progresso faccia il suo corso anche nelle telecomunicazioni, ci mancherebbe, ma il fascino della voce, la cui timbrica, inflessione e tono svelano lo stato d'animo dell'interlocutore rendendo il tutto più coinvolgente è unico.

Non a caso ho sempre definito le comunicazioni (AM-FM-SSB, sia esse in CB che tra OM) il primo e vero social. Penso infatti che se qui si istituisse una sezione "Amarcord", sarebbe un successone tra i non più giovincelli!  [emoji1]

Una buona serata,
Giorgio
« Ultima modifica: 23 Ottobre 2019, 20:26:46 da Schottky »

Offline it9acj

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 141
  • Applausi 4
  • Sesso: Maschio
  • IT9ACJ ROBERTO QTH; ACIREALE
    • Mostra profilo
    • my website it9acj
    • E-mail
  • Nominativo: it9acj roberto
Re:Storico collegamento transatlantico in 2 metri
« Risposta #3 il: 23 Ottobre 2019, 21:54:33 »
stavo pensando la stessa cosa delc4fm e del dmr in 2 metri.
2 metri bande deserte fonia, tutti in digitale (escludendo quel poveraccio che non si può permettere una radio in modo digitale perke padre di famiglia e stipendio da statale magari singolo).
oggi in 2 metri stanno creando anzi hanno creato un elite prioritaria di digitalisti con le loro belle room o stanze pvt.
io non so come funziona il dmr se non si e invitati in una stanza non entri o forse sbaglio.
questo significa che un utente appena arrivato e vorrebbe anzi si arrischierebbe a are anzi tentare di fare qso non trovando nessuno tira tutto alle ortiche (soldi spesi inutilmente se non ce nessuno).

Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2143
  • Applausi 265
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Storico collegamento transatlantico in 2 metri
« Risposta #4 il: 24 Ottobre 2019, 07:40:29 »
Ciao Roberto (e a tutti) in DMR non ci sono stanze e sette, ci sono i Talk Group. Possono essere regionali,nazionali,internazionali,mondiali basta solo avere un DMR-ID (identificativo univoco del radioamatore che opera in DMR) e via. I ripetitori hanno 2 timeslot il che permette 2 qso indipendenti ottimizzando quindi le risorse. Così solo un flash ci sarebbe da spiegare molto altro ma non è per una "elitè" di OM ma anzi è per tutti. Ostico? Si devi crearti il codeplug ma siamo sperimentatori quindi un po di sano "sbattimento" ci stà tutto. Generalmente parti da codeplug generici e capendo come funziona lo personalizzi. Ad esempio inutile se sto a Milano memorizzarmi le frequenze d CT al max se ci vado le aggiungo. Piccolo OT a parte tornando al thread e premettendo che ogni modo di far radio mi va bene ma che ognuno ha una sua filosofia per me la radio è sentire una voce, vicina o lontana. La soddisfazione che ti da il DX in fonia non me la danno i modi digitali dal cw,rtty,ft8...nel 2019 a me di usare un PC stile telescrivente non importa affatto ne mi darebbe alcuna soddisfazione.
C'è anche da aggiungere che (ammetto non ho letto l'articolo) ci vogliono antenne e discrete potenze in 2 metri per attraversare l'atlantico. Guadalupe e Capo Verde sono isole quindi di mezzo c'è solo il mare il che andrebbe sottolineato prima di gridare al miracolo. Ovvio se da quelle postazioni in un modo digitale efficente con belle antenne e discrete potenze fai 4000km in 2mt è una cosa ma che mi sembra relativamente fattibile. Fatti in 2mt gli USA da Milano ecco quella sarebbe una notiziona!
Divagando ma non troppo c4fm e dmr sono comunque in fonia anche se usano link internet, danno la possibilità in portatile di "sentire" (e lo sottolineo sentire non leggere) tutto il mondo, senti l'accento, eserciti l'inglese, senti emozioni. Di leggere sul SW di un PC il giapponese che siano 2mt o altro sinceramente IO (ripeto mero punto di vista personale) me ne pò fregà de meno direbbero a Roma.
Se tutto si deve ridurre a spendere tanti soldi in antenne e radio per leggere 4 righe beh son pragmatico mando una email. Ovviamente ognuno ha i suoi gusti.
IU2 DLC
Operatore Pietro
QTH Locator: JN45NK
DMR-ID: 2222603
Nome Zello: iu2dlc
Stanza Zello: Pietricello (case sensitive)


Offline IW4BJG

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 283
  • Applausi 43
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Storico collegamento transatlantico in 2 metri
« Risposta #5 il: 24 Ottobre 2019, 09:43:12 »
Questo FT8 nulla ha da spartire con la radiotecnica, e dal mio "umile" punto di vista non c'è nulla da festeggiare.
Persino in 60 metri (dove qualche QSO interessante si ascolta ogni tanto) vengono a rompere i maroni... hi ! [emoji1]

73 Arnaldo www.ik2nbu.com
[/quote]

mi associo e sottoscrivo questo commento parola per parola.
soprattutto per i 60 metri dove sospetto che il limite di 15w erp venga sistematicamente ignorato...
inoltre sono convinto che di collegamenti transoceanici in fonia in vhf ne siano stati fatti tanti in passato in tempo di propagazione e non solo dai radioamatori.non c'era internet quindi per trovare traccia di questi DX bisogna sfogliare libri e riviste d'epoca.

73.
"L'egoismo comune cagiona e necessita l'egoismo di ciascuno" ( G.Leopardi)
"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" (I.Asimov)
"Siamo tutti dilettanti.Non viviamo abbastanza per diventare di più."  (C.Chaplin)

Offline IU4GPY

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 18
  • Applausi 0
  • Sesso: Maschio
  • IU4GPY
    • Mostra profilo
    • https://iu4gpy.jimdo.com/
  • Nominativo: IU4GPY
Re:Storico collegamento transatlantico in 2 metri
« Risposta #6 il: 24 Ottobre 2019, 11:02:04 »
Questo FT8 nulla ha da spartire con la radiotecnica, e dal mio "umile" punto di vista non c'è nulla da festeggiare.
Persino in 60 metri (dove qualche QSO interessante si ascolta ogni tanto) vengono a rompere i maroni... hi ! [emoji1]

73 Arnaldo www.ik2nbu.com


mi associo e sottoscrivo questo commento parola per parola.
soprattutto per i 60 metri dove sospetto che il limite di 15w erp venga sistematicamente ignorato...
inoltre sono convinto che di collegamenti transoceanici in fonia in vhf ne siano stati fatti tanti in passato in tempo di propagazione e non solo dai radioamatori.non c'era internet quindi per trovare traccia di questi DX bisogna sfogliare libri e riviste d'epoca.

73.
Concordo in pieno con Arnaldo e Ale.
73YV