Autore Topic: Quesito schema rtx  (Letto 388 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline TW 71

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 742
  • Applausi 44
  • Sesso: Maschio
  • 3db 3db 3db
    • Mostra profilo
  • Nominativo: TW71
Quesito schema rtx
« il: 14 Giugno 2019, 10:26:39 »
Salve a tutti, visto che su questo bellissimo forum ci sono dei grandissimi tecnici vorrei "sfruttare" il vostro sapere per un dubbio che ho su un apparato che ho tra le mani.
Si tratta di un Sommerkamp TS-340 dx che è uguale tra gli altri al Royce e al globephone 488 (mai visto in giro !).
Secondo voi da dove viene la tensione che alimenta i collettori di finale e prefinale ??

Grazie in anticipo a quanti vorranno perdere 5 minuti per delucidarmi...

Allego schematico/i


Offline tre-ciclo

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3459
  • Applausi 154
  • Sesso: Maschio
  • Radioamatore-cb-swl (TRENTINO)
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Quesito schema rtx
« Risposta #1 il: 14 Giugno 2019, 11:02:10 »
Dal trasformatore di modulazione T10,in am ....
Ma quale è il problema?
Pedalate!...Tanto,sarete sempre dietro..

Offline enrico.s

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 144
  • Applausi 10
  • Sesso: Maschio
  • IU2KCL
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Quesito schema rtx
« Risposta #2 il: 14 Giugno 2019, 11:03:36 »
73 a tutti,

quando devo seguire uno schema, sempre stampo lo schema il più grande possibile spezzando in 4 il pdf e riunendo poi con nastro adesivo, coloro in rosso tutte le piste che fanno capo a Vcc. per ,maggior chiarezza a volte evidenzio anche il negativo in blu, nel tuo caso arriverai facilmente a L5  e L11 che alimentano rispettivamente Q 21  e Q 20, buon lavoro.

Enrico BG


Offline TW 71

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 742
  • Applausi 44
  • Sesso: Maschio
  • 3db 3db 3db
    • Mostra profilo
  • Nominativo: TW71
Re:Quesito schema rtx
« Risposta #3 il: 14 Giugno 2019, 11:23:40 »
Dal trasformatore di modulazione T10,in am ....
Ma quale è il problema?

dall' altra parte di T10 c'è un rele che vine commutato da Q17 verso massa. A meno che (ed è quello che NON vedo) ci sia un punto di connessione sul filo che viene dal collettore di Q18 che incrocia il filo tra RL1 e collettore di Q17 !.

73 a tutti,

quando devo seguire uno schema, sempre stampo lo schema il più grande possibile spezzando in 4 il pdf e riunendo poi con nastro adesivo, coloro in rosso tutte le piste che fanno capo a Vcc. per ,maggior chiarezza a volte evidenzio anche il negativo in blu, nel tuo caso arriverai facilmente a L5  e L11 che alimentano rispettivamente Q 21  e Q 20, buon lavoro.

Enrico BG

É da li che si arriva, il problema è sapere da dove si parte !


L' unica tensione che leggo è il 7.5V che viene dal blocco U-66 (ma non va su i collettori) per il resto non vedo connessioni ! Mi manca un pallino !!
« Ultima modifica: 14 Giugno 2019, 12:17:24 da TW 71 »

Offline otodoedro

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 10
  • Applausi 2
    • Mostra profilo
Re:Quesito schema rtx
« Risposta #4 il: 14 Giugno 2019, 21:58:45 »
Ciao TW71 , in effetti manca un “pallino” ; la tensione di alimentazione , proveniente da S9 che e’ l’interruttore , arriva alla lampadina ML limitata da una resistenza da 47 ohm , al collettore del transistor Q18 che esegue la funzione di regolatore di tensione a 7,5 volt mediante la sua polarizzazione di base fatta dalla resistenza da 180 ohm ed i diodi D30 e D60 , prosegue fino alla sezione S1-4 del commutatore del modo di emissione , al collettore di Q19 passando per T9 ed attraverso la R72 ed l’avvolgimento primario di T8 alimenta lo stadio di uscita di IC8 (TA7310) che fa’ capo al pin 9 di esso.
Dall’ altra parte viene derivata verso il connettore microfonico al pin 6 ( pericolosissimo , in quanto la linea non e’ limitata in corrente … se va’ in corto per qualche motivo il filo nella spina del microfono …….qualche pista nell’apparato fa’ da ….fusibile …..) , prosegue , e qui manca il “pallino”  alimentando il rele’ RL1 che commuta mediante il transistor 2SA673 , il collettore di Q17 che genera la corrente che scorre nel trasformatore di modulazione quando in modalita’ AM essa viene modulata dal segnale audio amplificato da IC7 che  viene immesso nella presa intermedia del trasformatore , in modo TX da C56 .
Poi , come si vede dallo schema il 12 volt prosegue verso il pin 11 di IC7 l’amplificatore audio , l ‘ ingresso dello stabilizzatore a 6 volt IC10 e finisce verso il modulo (?) U-48 che gestisce le funzioni di NB ed ANL .
Percio’ la tensione che alimenta il collettore del finale e del pilota proviene dal “centrale “ del commutatore di modo di emissione S1-4 , ovvero in modo USB ed LSB e’ il 12 volt fisso proveniente dall’ interruttore di alimentazione , mentre in modo AM proviene , modulata , dall’ uscita del trasformatore T10 a sua volta alimentato da Q17 e modulato da C56 .
La linea che dici “AM TX 7.5 V” e’ la tensione regolata da Q18 da 12 a 7.5 volt passante per il secondo scambio del RL1 (RL-2 scambio T …..piu’ sopra c’e’ anche lo scambio RL-1….. per non fare questo kasino bastava chiamare il rele’ Giovanni e non RL1 ………) , che alimenta il led TX D26 ed il “centrale” del commutatore del modo di emissione S1-1 viene inviata nella posizione AM verso il modulo U-66 che genera le frequenze relative ai canali alti e bassi nei 3 modi di emissione .
Anche se mi sono dilungato troppo , ci tengo ad avvertirti che questo bellissimo apparato , estremamente curato in  ricezione per via degli amplificatori IC2 ed IC3 (sono degli SL1612C della Plessey …una azienda americana leader nel campo dei componenti rf per il settore aerospaziale ……) che hanno una dinamica di 50 db sul controllo automatico del guadagno , che stringono la banda in if in modo eccelso (l’apparato che io ricordi non prendeva splatter dai canali adiacenti “neanche a pagarlo” ) , che ha un NB ed un ANL molto efficienti , ha un piccolo punto debole ….: il pll .
Di questo integrato , a tutt’ oggi si conosce pochissimo , non esiste datasheet e schema a blocchi , non si conosce l’azienda che lo ha prodotto , di alcuni pin non si capiscono le relative funzioni e “dulcis in fundo” , non e’ sostituibile con nulla in quanto ha un mixer rf al suo interno , cosa che non e’ stata replicata in altri circuiti integrati che eseguono la funzione di pll negli altri apparati cb.
Di conseguenza cerca di non fare nulla verso la sezione di sintesi dei canali di questo rtx , in quanto , negli anni 80 il proprietario di un cb come il tuo avendo bruciato il CCI3001 dovette buttare l’apparato perche’ il pll non si e’ mai trovato in Italia . Oggi , a 40 anni di distanza forse contattando qualche “new old stock “ in Cina si potrebbe avere una chance ….  ma non rischiare . Ciao.


Offline TW 71

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 742
  • Applausi 44
  • Sesso: Maschio
  • 3db 3db 3db
    • Mostra profilo
  • Nominativo: TW71
Re:Quesito schema rtx
« Risposta #5 il: 14 Giugno 2019, 22:06:21 »
Ciao TW71 , in effetti manca un “pallino” ; la tensione di alimentazione , proveniente da S9 che e’ l’interruttore , arriva alla lampadina ML limitata da una resistenza da 47 ohm , al collettore del transistor Q18 che esegue la funzione di regolatore di tensione a 7,5 volt mediante la sua polarizzazione di base fatta dalla resistenza da 180 ohm ed i diodi D30 e D60 , prosegue fino alla sezione S1-4 del commutatore del modo di emissione , al collettore di Q19 passando per T9 ed attraverso la R72 ed l’avvolgimento primario di T8 alimenta lo stadio di uscita di IC8 (TA7310) che fa’ capo al pin 9 di esso.
Dall’ altra parte viene derivata verso il connettore microfonico al pin 6 ( pericolosissimo , in quanto la linea non e’ limitata in corrente … se va’ in corto per qualche motivo il filo nella spina del microfono …….qualche pista nell’apparato fa’ da ….fusibile …..) , prosegue , e qui manca il “pallino”  alimentando il rele’ RL1 che commuta mediante il transistor 2SA673 , il collettore di Q17 che genera la corrente che scorre nel trasformatore di modulazione quando in modalita’ AM essa viene modulata dal segnale audio amplificato da IC7 che  viene immesso nella presa intermedia del trasformatore , in modo TX da C56 .
Poi , come si vede dallo schema il 12 volt prosegue verso il pin 11 di IC7 l’amplificatore audio , l ‘ ingresso dello stabilizzatore a 6 volt IC10 e finisce verso il modulo (?) U-48 che gestisce le funzioni di NB ed ANL .
Percio’ la tensione che alimenta il collettore del finale e del pilota proviene dal “centrale “ del commutatore di modo di emissione S1-4 , ovvero in modo USB ed LSB e’ il 12 volt fisso proveniente dall’ interruttore di alimentazione , mentre in modo AM proviene , modulata , dall’ uscita del trasformatore T10 a sua volta alimentato da Q17 e modulato da C56 .
La linea che dici “AM TX 7.5 V” e’ la tensione regolata da Q18 da 12 a 7.5 volt passante per il secondo scambio del RL1 (RL-2 scambio T …..piu’ sopra c’e’ anche lo scambio RL-1….. per non fare questo kasino bastava chiamare il rele’ Giovanni e non RL1 ………) , che alimenta il led TX D26 ed il “centrale” del commutatore del modo di emissione S1-1 viene inviata nella posizione AM verso il modulo U-66 che genera le frequenze relative ai canali alti e bassi nei 3 modi di emissione .
Anche se mi sono dilungato troppo , ci tengo ad avvertirti che questo bellissimo apparato , estremamente curato in  ricezione per via degli amplificatori IC2 ed IC3 (sono degli SL1612C della Plessey …una azienda americana leader nel campo dei componenti rf per il settore aerospaziale ……) che hanno una dinamica di 50 db sul controllo automatico del guadagno , che stringono la banda in if in modo eccelso (l’apparato che io ricordi non prendeva splatter dai canali adiacenti “neanche a pagarlo” ) , che ha un NB ed un ANL molto efficienti , ha un piccolo punto debole ….: il pll .
Di questo integrato , a tutt’ oggi si conosce pochissimo , non esiste datasheet e schema a blocchi , non si conosce l’azienda che lo ha prodotto , di alcuni pin non si capiscono le relative funzioni e “dulcis in fundo” , non e’ sostituibile con nulla in quanto ha un mixer rf al suo interno , cosa che non e’ stata replicata in altri circuiti integrati che eseguono la funzione di pll negli altri apparati cb.
Di conseguenza cerca di non fare nulla verso la sezione di sintesi dei canali di questo rtx , in quanto , negli anni 80 il proprietario di un cb come il tuo avendo bruciato il CCI3001 dovette buttare l’apparato perche’ il pll non si e’ mai trovato in Italia . Oggi , a 40 anni di distanza forse contattando qualche “new old stock “ in Cina si potrebbe avere una chance ….  ma non rischiare . Ciao.
G R A Z I E !! Hai la mia sempiterna gratitudine. Non ti sei dilungato affatto ! Per me è oro colato !!!!

inviato Redmi S2 using rogerKapp mobile


Offline enrico.s

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 144
  • Applausi 10
  • Sesso: Maschio
  • IU2KCL
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Quesito schema rtx
« Risposta #6 il: 16 Giugno 2019, 13:29:01 »
grande otodoero, complimenti. !!


Offline kz

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1522
  • Applausi 47
    • Mostra profilo
  • Nominativo: RRM TANGO34
Re:Quesito schema rtx
« Risposta #7 il: 17 Giugno 2019, 02:49:33 »
complimenti e applausi