Autore Topic: Progetto PMR  (Letto 2116 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline FoxG7

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 4457
  • Applausi 192
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Progetto PMR
« Risposta #25 il: 18 Marzo 2019, 16:14:34 »
Il consigli oche posso darti, se vuoi crere un gruppo inizia a modulare in radio, creare una ruota essere il catalizzatore di questa ruota, piano piano falla crescere coinvolgendo sempre più persone.

Beh, io.....che alla fin fine vengo dal PMR446 come inizio della mia attività radio (anche se son passati diversi anni) conosco la realtà di questa banda e le difficoltà tecniche / legali che la caratterizzano.....quindi mi sento soltanto di ri-sottolineare ed integrare quando detto da Marcello...che quoto al 100%:

-non sarà grazie ad un forum od altra piattaforma che riuscirai a farti un gruppetto per fare le "due chiacchere" nella tua zona.....dovrai essere te a farti promotore direttamente sul campo per questo progetto (o desiderio...chiamalo come ti piace di più)....dovrai recarti quando ne hai la possibilità (molte volte [emoji31]  [emoji29] ) su colline o montagne affacciate su grossi centri abitati e provare a chiamare chiamare chiamare fino a quando non ne potrai più....(portati due -tre pacchi di batterie !)

Troverai molta gente che ci lavora con i pmr446 e loro non saranno certamente interessati...anzi meglio non disturbarli proprio

Troverai molte famiglie che utilizzano i pmr446 per giocare a "guardie e ladri" con i figli ed anche loro son clienti difficili....ti potranno forse rispondere, ma finirà li

Troverai gente che ti risponde pure in modo sgarbato, per la serie..."la vuoi finire di rompere ???" [emoji24]

Troverai magari dei bikers che utilizzano dei pmr446 per sentirsi con il gruppo ed anche loro non saranno interessati

Il tuo interesse deve essere rivolto unicamente verso coloro (e ti assicuro che ne troverai pochi [emoji22] ) che considerano la radio una forma di intrattenimento e di auto-istruzione personale....magari vi risentirete, magari potrete andare insieme sui monti la volta dopo, etc.......da cosa nasce cosa

Prova dopo prova.....potrebbe capitarti di scoprire che un tuo vicino di casa (entro 1-2 km al max) è a fare un giro ed ha tolto dal cassetto i pmr446 che aveva....

A voi potrebbe aggiungersi un terzo e poi chissà......chiaramente se troverete un argomento che possa interessare e coinvolgere....ricordati che la radio non è come un cell.....tutti sentono tutto, quindi occhio a quel che si dice ! [emoji56]

In bocca al lupo !  [emoji121]
Radio operatore OM-QTH loc. JN53RR, Toscana, Italia

Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1888
  • Applausi 259
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Progetto PMR
« Risposta #26 il: 18 Marzo 2019, 17:10:33 »
Stiamo svicolando e mi ci metto in primis.
Ragazzi lo sapete quanto sono 10mw? Lasciamo stare utilizzo primario, secondario condivisione banda OM con 10mw se hai due radio ti parli ed ascolti a 3 metri di distanza. Ho detto tutto.
IU2 DLC
Operatore Pietro
QTH Locator: JN45NK
DMR-ID: 2222603

Offline Tonino Ge

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 131
  • Applausi 3
    • Mostra profilo
Re:Progetto PMR
« Risposta #27 il: 18 Marzo 2019, 18:29:32 »
Pur con tutti i limiti dei PMR trovo l'idea carina di poter fare quattro chiacchiere sul canale 4 con appassionati in altura, magari che si scambiano info sui sentieri, meteo, attività outdoor, hobby ecc. lasciando alla Rete Radio Montana le emergenze.
Purtroppo non condivido "solo chiamate di emergenza" su RRM così facendo ci sono molti operatori portuali, camperisti, gruisti, bagnini ecc. che credono che il canale 8-16 sia vuoto, sarebbe bello e opportuno poter fare brevi passaggi fra chi condivide il progetto anche senza emergenze, ovviamente con la brevità dell'impegno del canale e lo spazio dovuto fra un passaggio e l'altro per evitare che molti pensino che sia una frequenza vuota.
L'idea del canale 4 per il QSO  senza pretese mi piace molto.
Se poi qualcuno che ama ancora fare due parole in compagnia in 11 metri in giro per monti e valli ho anche il portatile a 40 canali CB, nella mia zona la C B è purtroppo poco utilizzata e per me è scomodo portarmi in spalla un apparato e batterie che pesano 10 volte tanto il PMR.
Saluti a tutti.
Tonino - DELTA 6 su RRM
Antonio - DELTA 6  - SWL 67571


Offline Giovy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 999
  • Applausi 124
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Giovy's Blog
  • Nominativo: ALFA 1 (RRM)
Re:Progetto PMR
« Risposta #28 il: 19 Marzo 2019, 06:52:21 »
Pur con tutti i limiti dei PMR trovo l'idea carina di poter fare quattro chiacchiere sul canale 4 con appassionati in altura, magari che si scambiano info sui sentieri, meteo, attività outdoor, hobby ecc. lasciando alla Rete Radio Montana le emergenze.
Purtroppo non condivido "solo chiamate di emergenza" su RRM così facendo ci sono molti operatori portuali, camperisti, gruisti, bagnini ecc. che credono che il canale 8-16 sia vuoto, sarebbe bello e opportuno poter fare brevi passaggi fra chi condivide il progetto anche senza emergenze, ovviamente con la brevità dell'impegno del canale e lo spazio dovuto fra un passaggio e l'altro per evitare che molti pensino che sia una frequenza vuota.
Tonino - DELTA 6 su RRM

Tonino... per fortuna sei un "vecchio" utente RRM, e non ancora hai capito perchè e come utilizzarla.

Lo ripeto a te ma va a vantaggio di tutti: la RRM andrà utilizzata per l'interscambio di informazioni operative utili alla sicurezza, atte a prevenire situazioni di emergenza in montagna, quali:
-Condizioni meteorologiche o del manto nevoso
-Stato di agibilità dei sentieri e delle vie ferrate
-Richiesta di informazioni ai rifugi che aderiscono al progetto
- Per la sicurezza nel Volo Libero (Parapendio e Deltaplano), principalmente nel caso di voli lunghi (cross) o comunque solitari.

NON E' e non è mai stata SOLO per le emergenze. Probabilmente, se prima (o dopo) di iscriverti avessi letto BENE cos'è il progetto, non avresti detto: "sarebbe bello e opportuno poter fare brevi passaggi fra chi condivide il progetto anche senza emergenze". Questa possibilità esiste DA SEMPRE... peccato tu, vecchio utente, non lo sappia. Un saluto.
Giovanni
Referente Regionale Piemonte e Valle d'Aosta
progetto nazionale "Rete Radio Montana"

ID RRM: ALFA 1

Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1888
  • Applausi 259
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Progetto PMR
« Risposta #29 il: 19 Marzo 2019, 08:58:28 »
Tonino... per fortuna sei un "vecchio" utente RRM, e non ancora hai capito perchè e come utilizzarla.

Lo ripeto a te ma va a vantaggio di tutti: la RRM andrà utilizzata per l'interscambio di informazioni operative utili alla sicurezza, atte a prevenire situazioni di emergenza in montagna, quali:
-Condizioni meteorologiche o del manto nevoso
-Stato di agibilità dei sentieri e delle vie ferrate
-Richiesta di informazioni ai rifugi che aderiscono al progetto
- Per la sicurezza nel Volo Libero (Parapendio e Deltaplano), principalmente nel caso di voli lunghi (cross) o comunque solitari.

NON E' e non è mai stata SOLO per le emergenze. Probabilmente, se prima (o dopo) di iscriverti avessi letto BENE cos'è il progetto, non avresti detto: "sarebbe bello e opportuno poter fare brevi passaggi fra chi condivide il progetto anche senza emergenze". Questa possibilità esiste DA SEMPRE... peccato tu, vecchio utente, non lo sappia. Un saluto.

Non per essere sempre come il prezzemolino che deve star dappertutto ma penso che Tonino si riferisse anche a conversazioni di tipo più colloquiale fra gli utenti di RRM fermo restando lo scopo del progetto e del canale 8 io non ci vedo nulla di male se a canale "scarico" si parli anche del più e del meno se ci si sente, ovviamente dando priorità alle informazioni di emergenze e inerenti la montagna.
Insomma un qualcosa più user friendly perchè spero che il canale non sia 24/7 pieno di emergenze quindi quando libero si potrebbe chiaccherare di tutto e di più anche perchè è questa la destinazione d'uso delle radio PMR.

Il mio parere è che bisogna, visto che si parla di nulla di esclusivo per legge (ch8 è come ch da 1 a 7) cercare di mediare sennò il rischio è che visto che tutti quelli in regola possono usarlo per dispetto ma legalmente cominciano a parlare di "cala la pasta" fregandosene di quello che è un'ottima iniziativa ma che comunque non ha alcuna priorità su altri tipi di utilizzo.

Si chiama "quieto vivere". La persona educata e rispettosa ovviamente se trova il canale con QSO a tema o di emergenza si sta zitto e facilita il coordinamento ma se lo trova libero per legge può parlare anche dei lego o delle figurine panini.

E', ripeto e ri ripeto, una questione di convivenza e quieto vivere. Se lato OM labile per quanto sia, esiste la regola di parlare di argomenti radioamatoriali enon di politica, religione, fatti personali, etc. sul PMR/CB la gente può parlare di qualsiasi cosa dalla salsa, alla grigliata. Limitare con regolamenti non validi a termini di legge rischia di far saltare il progetto che comunque è encomiabiale per la serietà e la gestione.

Ricordo, per parallellismo, che qualche anno fa su un ponte OM che utilizzavo giornalmente per QSO di ogni tipo un giorno mi dissero: cortesemente c'è un'emergenza in corso, lasciare libero il ponte. Per come son fatto io ho fatto QSY senza lamentarmi, ovvio che ad emergenza finita son tornato a parlare normalmente come ogni volta.

Insomma unire l'utile al dilettevole con rispetto ed educazione apre i ponti invece di chiuderli.

Spero di essermi spiegato in modo comprensibile,

Saluti,
Pietro.
IU2 DLC
Operatore Pietro
QTH Locator: JN45NK
DMR-ID: 2222603


Offline Giovy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 999
  • Applausi 124
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Giovy's Blog
  • Nominativo: ALFA 1 (RRM)
Re:Progetto PMR
« Risposta #30 il: 19 Marzo 2019, 09:35:23 »
Pieschy, ti sei spiegato benissimo.
Ma sai... in regioni dove ci sono pochi utenti, le "chiacchiere" magari si riescono pure a fare, ma in regioni come Piemonte e Lombardia, se tutti si mettessero a fare due chiacchiere, la frequenza sarebbe perennemente impegnata. Tutto questo senza contare gli altri utilizzatori (che hanno il medesimo diritto di usare quella frequenza).
Alla fine è solo questione di buon senso: noi spingiamo per un uso consapevole ed intelligente, considerando appunto che è una risorsa condivisa.
MAI abbiamo detto nè anche solo pensato di avere una qualunque priorità; chiediamo ai nostri utenti, SEMPRE, di non arrecare disturbo ad altri. Chiediamo agli altri, se possibile e con cortesia, di usare un altro canale e lasciare per quanto possibile il canale 8 libero. PER QUANTO POSSIBILE... e se non fosse possibile, amen.

Ben venga (è il MIO personale parere, non riflette il pensiero di RRM) se qualcuno volesse coordinarsi su un altro canale per fare due chiacchiere. La vedo dura, considerando appunto il genere di radio e la portata ridotta, specie in città. :)
Giovanni
Referente Regionale Piemonte e Valle d'Aosta
progetto nazionale "Rete Radio Montana"

ID RRM: ALFA 1

Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1888
  • Applausi 259
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Progetto PMR
« Risposta #31 il: 19 Marzo 2019, 17:45:50 »
Giovy, pefetto stavolta condivido al 100% la tua risposta e la penso esattamente come te.
Sempre e solo buonsenso. Ovvio che magari nella zona X si può vedere se il ch.8 di RRM è in copertura e c'è qualcuno. A quel punto se il corrispondente X è nel range e si vuole semplicemente chiaccherare ci si sposta su uno degli altri 7 canali. E' quello che anche noi OM facciamo su dirette/ponti/TG/room si usano le nazionali per buttare l'amo come si suol dire e poi ci si sposta altrove per farsi le 4 chiacchere lasciando le frequenze più diciamo "di servizio" scariche per gli altri usi o meglio per quelli per le quali nascono, d'accordissimo :-)
73,
Pietro IU2 DLC
IU2 DLC
Operatore Pietro
QTH Locator: JN45NK
DMR-ID: 2222603


Offline Tonino Ge

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 131
  • Applausi 3
    • Mostra profilo
Re:Progetto PMR
« Risposta #32 il: 19 Marzo 2019, 20:36:42 »
Grazie Pietro, hai interpretato benissimo il mio pensiero. Ho sempre il massimo rispetto per tutti e in particolare per il progetto RRM, ma mi ritengo libero di descrivere la situazione della mia zona riferita al canale 8-16 auspicando che diventi sempre più come indicato da Giovy. È vero sono un vecchio di attività radio e non più giovane di età e quindi come diceva mia nonna, con i vecchi occorre avere pazienza.... cordialità a tutti
« Ultima modifica: 19 Marzo 2019, 20:39:14 da Tonino Ge »
Antonio - DELTA 6  - SWL 67571

Offline siluc

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 333
  • Applausi 86
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto nazionale "Rete Radio Montana"
  • Nominativo: LIMA 1 (RRM)
Re:Progetto PMR
« Risposta #33 il: 21 Marzo 2019, 14:52:17 »
Faccio seguito all'intervento di Giovy, sia per confermare quanto detto da lui, sia per aggiungere qualche mia concezione personale.

Quello che gli aderenti alla RRM chiamano "CANALE 8-16", e che il resto degli utilizzatori di apparati PMR-446 chiamano "Canale 8 + CTCSS 16", andrebbe utilizzato per scopi di SICUREZZA (ovvero per prevenire incidenti o situazioni di pericolo) ed EMERGENZA (ad incidente o smarrimento già avvenuto).

Non funziona il discorso "a canale scarico si parla del più e del meno", perché ci possono anche non essere comunicazioni per 1-2-3 ore, ma in realtà ci sono sintonizzati più escursionisti/alpinisti, impegnati in una complessa ferrata o su una cresta ghiacciata, e sarebbe anomalo se l'utente in quota si mettesse a rispondere alle chiamate radio di altri utenti... È un attimo a distrarsi e a non avere la seconda mano su un appiglio sicuro.

E non va assolutamente bene neanche il discorso "usiamo l'8-16 come canale di chiamata, e poi ci si sposta su un altro canale". Per il semplice fatto che quelle 2-3-5 persone per 5-10-15 minuti smettono di essere il potenziale nodo, magari l'unico, che potrebbe ricevere una chiamata di emergenza proprio mentre si sta chiacchierando su un altro canale.

Tanti appassionati di radio, tra cui più di qualche utente RGK, dicono che sarebbe cosa buona se anche chi non va in montagna potesse iscriversi... Ma non lo permettiamo proprio perché, è cosa provata in questi 11 anni di vita del nostro Progetto, avverrebbe quanto detto sopra.

Poi nulla vieta di monitorare comunque l'8-16 e accogliere richieste di aiuto anche se non si è titolari di un nostro ID (come affermiamo sempre).

Personalmente non concepisco neanche l'operato di P.C. Nostrum che propone una rete pubblica di supporto alla popolazione, ma che essenzialmente, almeno per quanto mi è capitato di ascoltare nel Lazio e in Lombardia, usa i canali PMR-446 per scambiarsi informazioni, ad esempio meteo, tra operatori di P.C. di più regioni (ad esempio a Genova informano del meteo di Roma, e viceversa, essendo di fatto una rete utilizzata dai volontari stessi più che dalla popolazione), occupando in una zona più canali contemporaneamente, anche 3-4, che diffondono la stessa identica cosa.

Personalmente ho una concezione diversa di "rete radio di emergenza", fermo restando che la banda PMR-446 nasce per scopi non professionali, ma che comunque, in mancanza di frequenze migliori, per quegli scopi andrebbe usata al meglio per perseguire strettamente gli obiettivi preposti.
« Ultima modifica: 21 Marzo 2019, 15:34:04 da siluc »
Simone
Fondatore e Responsabile Nazionale
del progetto "Rete Radio Montana"

ID RRM: LIMA 1


Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1888
  • Applausi 259
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Progetto PMR
« Risposta #34 il: 21 Marzo 2019, 16:28:32 »
Siluc io non riesco a non dire la mia. E' l'ultima cosa che mi resta dire la mia, ci sarà chi condivide e chi no, la cosa mi scivola.
Allora Giovy è stato molto preciso e cordiale intendo ma sopratutto provando ad unire leggi a quello che e' un progetto del tutto privato, lodabile per quanto sia ma che non ha alcun tipo di riscontro legale. Lui e' stato accomodante come lo sono stato io. Leggere te invece e' l'opposto ed dè triste perchè contraddici anche il tuo socio (Giovy).
Come al solito l'educazione e l'accondiscendenza a certe regole non scritte viene poi fraintesa.
Mettiamo i puntini sulle "i".
1) i canali PMR dall'1 all 8 sono utilizzabili da chiunque senza priorità alcuna con tutti i subtoni ammessi. In città, in collina, in montagna, al lago o sulla luna.
2) Il progetto RRM se pur lodabile non ha LEGALMENTE alcuna priorità di utilizzo sul ch8 del PMR che resta un canale liberamante utilizzabile da chiunque in possesso di una licenza PMR valida.

C'è una grande differenza fra ammirare un progetto utile (sicuramente) ma far credere che l'educazione degli utenti dia adito a qualcuno (che sia persona, associazione o altro) di andare sopra le leggi.

Sinceramente benchè lodevole sai che del tuo progetto non me ne e' mai fregato nulla. Sono stato molto accondiscendente con Giovy ed abbiamo concordato che si puo' parlare sul ch8 a patto e con rispetto di rispettare le emergenze o le info montane ...per poi usarlo anche come canale di aggregazione e spostarsi su altro ch per fare chiaccherate non inerenti l'attività per la quale il progetto è nato.

Cosa più di questo? Volere avere il monopolio di un canale che per LEGGE è libero per tutti?
Se ti vuoi fare una rete di Emergenza o di quel che sia comincia a pagare licenze, concessioni e quanto altro e crea ripetitori in banda Civile, cooordinato con chi vuoi e poi con licenze in mano puoi anche denunciare (nel momento in cui hai concessione di frequenza civile e ponte) eventuali abusi di terze parti.

Fino ad allora per favore non fare troppo il presuntuoso e saccente. Io che sia montagna collina o ferrovia sul ch 8 pmr parlo come e con chi voglio e me ne frego se tu e solo tu pensi di essertelo accaparrato sol perchè ti sei creato un sito ed una community di seguaci.

Non funziona così. Una cosa e' il quieto vivere, una cosa e' rispettare delle belle iniziative, una cosa e' rispettare le leggi.

Fino a prova contraria io sul Monte Bianco posso parlare sul ch 8 subtono 16 o quel che lè anche di pasta fritta, di aria fritta, o di quel che voglio e nessuno legalmente non puo' venirmi neanche a fare un solo centesimo di euro di multa.

Se rispetto un'iniziativa e magari evito di disturbare e' solo perchè sono educato ma nessuno me lo impone.

Vuoi far qualcosa di serio? Sgancia soldi e fai qualcosa di serio non semplicemente dire che ch8/16 è per le emergenze montane.

Veramente si cade sull'assurdo con questi discorsi.

Comunque tranquillo odio la montagna ed odio il PMR (che per me serve a nulla) quindi non mi sentirai mai disturbare "la tua rete".

Scusami ma quando ci vuole ci vuole.
« Ultima modifica: 21 Marzo 2019, 16:33:21 da Pieschy »
IU2 DLC
Operatore Pietro
QTH Locator: JN45NK
DMR-ID: 2222603

Offline siluc

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 333
  • Applausi 86
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto nazionale "Rete Radio Montana"
  • Nominativo: LIMA 1 (RRM)
Re:Progetto PMR
« Risposta #35 il: 21 Marzo 2019, 16:53:40 »
Siluc io non riesco a non dire la mia. E' l'ultima cosa che mi resta dire la mia, ci sarà chi condivide e chi no, la cosa mi scivola.
Allora Giovy è stato molto preciso e cordiale intendo ma sopratutto provando ad unire leggi a quello che e' un progetto del tutto privato, lodabile per quanto sia ma che non ha alcun tipo di riscontro legale. Lui e' stato accomodante come lo sono stato io. Leggere te invece e' l'opposto ed dè triste perchè contraddici anche il tuo socio (Giovy).
Come al solito l'educazione e l'accondiscendenza a certe regole non scritte viene poi fraintesa.
Mettiamo i puntini sulle "i".
1) i canali PMR dall'1 all 8 sono utilizzabili da chiunque senza priorità alcuna con tutti i subtoni ammessi. In città, in collina, in montagna, al lago o sulla luna.
2) Il progetto RRM se pur lodabile non ha LEGALMENTE alcuna priorità di utilizzo sul ch8 del PMR che resta un canale liberamante utilizzabile da chiunque in possesso di una licenza PMR valida.

C'è una grande differenza fra ammirare un progetto utile (sicuramente) ma far credere che l'educazione degli utenti dia adito a qualcuno (che sia persona, associazione o altro) di andare sopra le leggi.

Sinceramente benchè lodevole sai che del tuo progetto non me ne e' mai fregato nulla. Sono stato molto accondiscendente con Giovy ed abbiamo concordato che si puo' parlare sul ch8 a patto e con rispetto di rispettare le emergenze o le info montane ...per poi usarlo anche come canale di aggregazione e spostarsi su altro ch per fare chiaccherate non inerenti l'attività per la quale il progetto è nato.

Cosa più di questo? Volere avere il monopolio di un canale che per LEGGE è libero per tutti?
Se ti vuoi fare una rete di Emergenza o di quel che sia comincia a pagare licenze, concessioni e quanto altro e crea ripetitori in banda Civile, cooordinato con chi vuoi e poi con licenze in mano puoi anche denunciare (nel momento in cui hai concessione di frequenza civile e ponte) eventuali abusi di terze parti.

Fino ad allora per favore non fare troppo il presuntuoso e saccente. Io che sia montagna collina o ferrovia sul ch 8 pmr parlo come e con chi voglio e me ne frego se tu e solo tu pensi di essertelo accaparrato sol perchè ti sei creato un sito ed una community di seguaci.

Non funziona così. Una cosa e' il quieto vivere, una cosa e' rispettare delle belle iniziative, una cosa e' rispettare le leggi.

Fino a prova contraria io sul Monte Bianco posso parlare sul ch 8 subtono 16 o quel che lè anche di pasta fritta, di aria fritta, o di quel che voglio e nessuno legalmente non puo' venirmi neanche a fare un solo centesimo di euro di multa.

Se rispetto un'iniziativa e magari evito di disturbare e' solo perchè sono educato ma nessuno me lo impone.

Vuoi far qualcosa di serio? Sgancia soldi e fai qualcosa di serio non semplicemente dire che ch8/16 è per le emergenze montane.

Veramente si cade sull'assurdo con questi discorsi.

Comunque tranquillo odio la montagna ed odio il PMR (che per me serve a nulla) quindi non mi sentirai mai disturbare "la tua rete".

Scusami ma quando ci vuole ci vuole.

Io non faccio il saccente... Tu mi continui a parlare di leggi, leggi che sono ben chiare a me e a chiunque, e che sono chiaramente riportate nel sito.

Non ho contrastato Giovy e ho risposto indirettamente a quanto detto qualche post fa sul discorso "fare partecipare tutti, per aumentare il numero di persone all'ascolto".

Io sto parlando del progetto Rete Radio Montana, del sito www.reteradiomontana.it, e del gestionale RERAMONET.

E il mio intervento era diretto strettamente a chi aderisce al progetto, ovvero a chi approva le nostre linee guida. Chi decide di iscriversi al sito, appunto una risorsa PRIVATA, deve stare a quanto specificato. Chi non è d'accordo con quanto proponiamo, può evitare di iscriversi oppure, se già inscritto, verrà escluso dal progetto/sito.

Sinceramente non capisco a cosa ti serve continuare a mettere questi punti i sulle I, quando quello che tu dici sia noi che altri lo puntualizzano costantemente ovunque.

Parlo di regolamenti interni, che vanno rispettati per mantenere l'iscrizione sul sito, ovvero per poter utilizzare i servizi che mettiamo a disposizione tramite RERAMONET.

Poi, per l'ennesima volta, chiunque può trasmettere sul canale 8 PMR e utilizzarlo, previa la regolarizzazione (DIA + 12 Euro).

Sinceramente penso di aver scritto in italiano... Ma sembra che tu non riesca, da anni, a distinguere l'aspetto operativo relativo all'aderente al progetto.

Rileggi meglio il mio precedente post, che appunto si riferisce a chi appoggia il progetto, per i quali chiariamo come l'aderente dovrebbe usare l'8-16.

Tu, come altri non iscritti, non siete aderenti, quindi usate come meglio credete il canale.

L'aderente, ovvero l'iscritto, ovvero chi ha accesso al gestionale RERAMONET, deve rispettare il nostro regolamento. Chi non lo rispetta semplicemente viene escluso dal progetto (leggasi non avere più accesso a RERAMONET e i suoi strumenti) e utilizzerà il PMR-446 come un chiunque autorizzato.

Posso decidere chi può o non può stare iscritto al mio sito, oppure le normative vigenti in materia di radiocomunicazioni mi obbligano ad accettare le iscrizioni di chiunque sul mio sito privato?

Chiunque, come dice Giovy, può usare l'8-16 pertanto... Non sto dicendo nulla di diverso da lui o da te.

Quindi dove c**zo affermo che pretendo il monopolio del canale 8?

Il presuntuoso lo fai tu, ripetendo da anni sempre le stesse cose, e non capendo a cosa mi riferisco io quando parlo della RRM (riferendomi agli iscritti).

Vuoi o non vuoi la RRM è una rete radio per sicurezza ed emergenza, dove più dove meno dove per niente. E i fatti parlano.

Per cortesia non mettermi, pertanto,in bocca cose che non dico... Perché dire che "vado sopra le leggi" è dire una cappellata!!!
« Ultima modifica: 21 Marzo 2019, 16:59:18 da siluc »
Simone
Fondatore e Responsabile Nazionale
del progetto "Rete Radio Montana"

ID RRM: LIMA 1


Offline siluc

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 333
  • Applausi 86
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto nazionale "Rete Radio Montana"
  • Nominativo: LIMA 1 (RRM)
Re:Progetto PMR
« Risposta #36 il: 21 Marzo 2019, 17:06:43 »
Citazione da: Pieschy
Non essendoci legalmente alcun vincolo sull'utilizzo (se si è in regola) degli 8 canali ci si potrebbe quindi unire a quel progetto, offrirebbe maggiore copertura e maggior numero di utenti. Si purtroppo si sono autodefiniti solo per "emergenze" quando io penso che invece dando la possibilità anche agli hobbisti di iscriversi anche se non esclusivamente in montagna ci sarebbe maggiore adesione e quindi ascolto che di riflesso aumenterebbe anche le possibilità di ascoltare chi effettivamente in emergenza lasciando libero da altre conversazioni il ch8 per gestire la chiamata d'aiuto.

Ad esempio ho risposto al perché non è fattibile aderire alla RRM nella modalità che tu proponi, spiegando le due motivazioni.
Simone
Fondatore e Responsabile Nazionale
del progetto "Rete Radio Montana"

ID RRM: LIMA 1

Offline siluc

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 333
  • Applausi 86
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto nazionale "Rete Radio Montana"
  • Nominativo: LIMA 1 (RRM)
Re:Progetto PMR
« Risposta #37 il: 21 Marzo 2019, 17:07:34 »
Faccio seguito all'intervento di Giovy, sia per confermare quanto detto da lui, sia per aggiungere qualche mia concezione personale.

Quello che gli aderenti alla RRM chiamano "CANALE 8-16", e che il resto degli utilizzatori di apparati PMR-446 chiamano "Canale 8 + CTCSS 16", andrebbe utilizzato per scopi di SICUREZZA (ovvero per prevenire incidenti o situazioni di pericolo) ed EMERGENZA (ad incidente o smarrimento già avvenuto).

Non funziona il discorso "a canale scarico si parla del più e del meno", perché ci possono anche non essere comunicazioni per 1-2-3 ore, ma in realtà ci sono sintonizzati più escursionisti/alpinisti, impegnati in una complessa ferrata o su una cresta ghiacciata, e sarebbe anomalo se l'utente in quota si mettesse a rispondere alle chiamate radio di altri utenti... È un attimo a distrarsi e a non avere la seconda mano su un appiglio sicuro.

E non va assolutamente bene neanche il discorso "usiamo l'8-16 come canale di chiamata, e poi ci si sposta su un altro canale". Per il semplice fatto che quelle 2-3-5 persone per 5-10-15 minuti smettono di essere il potenziale nodo, magari l'unico, che potrebbe ricevere una chiamata di emergenza proprio mentre si sta chiacchierando su un altro canale.

Tanti appassionati di radio, tra cui più di qualche utente RGK, dicono che sarebbe cosa buona se anche chi non va in montagna potesse iscriversi... Ma non lo permettiamo proprio perché, è cosa provata in questi 11 anni di vita del nostro Progetto, avverrebbe quanto detto sopra.

Poi nulla vieta di monitorare comunque l'8-16 e accogliere richieste di aiuto anche se non si è titolari di un nostro ID (come affermiamo sempre).

Personalmente non concepisco neanche l'operato di P.C. Nostrum che propone una rete pubblica di supporto alla popolazione, ma che essenzialmente, almeno per quanto mi è capitato di ascoltare nel Lazio e in Lombardia, usa i canali PMR-446 per scambiarsi informazioni, ad esempio meteo, tra operatori di P.C. di più regioni (ad esempio a Genova informano del meteo di Roma, e viceversa, essendo di fatto una rete utilizzata dai volontari stessi più che dalla popolazione), occupando in una zona più canali contemporaneamente, anche 3-4, che diffondono la stessa identica cosa.

Personalmente ho una concezione diversa di "rete radio di emergenza", fermo restando che la banda PMR-446 nasce per scopi non professionali, ma che comunque, in mancanza di frequenze migliori, per quegli scopi andrebbe usata al meglio per perseguire strettamente gli obiettivi preposti.
[emoji6]
Simone
Fondatore e Responsabile Nazionale
del progetto "Rete Radio Montana"

ID RRM: LIMA 1


Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1888
  • Applausi 259
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Progetto PMR
« Risposta #38 il: 21 Marzo 2019, 21:05:25 »
Caro Simone,
butto acqua sul fuoco e quindi non starò a ripetere le stesse cose dette e ridette. Ormai penso che sia io che tu abbiamo "annoiato" fin troppo i lettori del Forum quindi la mia risposta la troverai sul mio blog che lo legga o meno. Farò una gran bella recensione sul tuo "progettino" che ovviamente sarà indicizzata su google in qualche giorno in modo che chi cerchi RRM legga il mio pensiero.
Ovviamente se vuoi potrai rispondere, dire la tua o quanto altro.
Per me qui finisce qui e mi riprometto di non riesumare più il discorso.
Saluti,
Pietro.
IU2 DLC
Operatore Pietro
QTH Locator: JN45NK
DMR-ID: 2222603

Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1888
  • Applausi 259
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Progetto PMR
« Risposta #39 il: 21 Marzo 2019, 22:56:09 »
Detto fatto caro Simone: https://www.epki.it/rrm/
Marcello non bannarmi non ci sono nomi ne riferimenti al forum o a persone solo riflessioni che accettando i tuoi consigli ho portato fuori dal forum.
IU2 DLC
Operatore Pietro
QTH Locator: JN45NK
DMR-ID: 2222603


Offline siluc

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 333
  • Applausi 86
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto nazionale "Rete Radio Montana"
  • Nominativo: LIMA 1 (RRM)
Re:Progetto PMR
« Risposta #40 il: 21 Marzo 2019, 23:12:41 »
Detto fatto caro Simone: https://www.epki.it/rrm/
Marcello non bannarmi non ci sono nomi ne riferimenti al forum o a persone solo riflessioni che accettando i tuoi consigli ho portato fuori dal forum.

Di inesattezze e di cose interpretate a modo tue ne hai scritte, come d'altronde hai fatto negli anni... Poi quando parli del discorso delle "attività inserite che non possono essere viste perché il telefono non prende", un po'mi fai ridere... Dato che non stai dentro, e ancora non hai capito che, ad esempio, quelle informazioni possono essere visionate dal Soccorso Alpino... Oppure da chi è a casa che, ricevendo l'e-mail con le attività precedentemente inserite dagli altri, può mettersi a disposizione degli escursionisti da casa poggiando la radio sul davanzale (cosa che avviene).

Comunque domani (o comunque prossimamente) pubblico quel link sulla nostra pagina Facebook, così anche noi ti facciamo un po'di pubblicità e ti aiutiamo ad essere indicizzato da Google quando qualcuno cerca info su di noi  [emoji111] [emoji4]
« Ultima modifica: 21 Marzo 2019, 23:14:27 da siluc »
Simone
Fondatore e Responsabile Nazionale
del progetto "Rete Radio Montana"

ID RRM: LIMA 1

Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1888
  • Applausi 259
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Progetto PMR
« Risposta #41 il: 21 Marzo 2019, 23:24:42 »
Di inesattezze e di cose interpretate a modo tue ne hai scritte, come d'altronde hai fatto negli anni... Poi quando parli del discorso delle "attività inserite che non possono essere viste perché il telefono non prende", un po'mi fai ridere... Dato che non stai dentro, e ancora non hai capito che, ad esempio, quelle informazioni possono essere visionate dal Soccorso Alpino... Oppure da chi è a casa che, ricevendo l'e-mail con le attività precedentemente inserite dagli altri, può mettersi a disposizione degli escursionisti da casa poggiando la radio sul davanzale (cosa che avviene).

Comunque domani (o comunque prossimamente) pubblico quel link sulla nostra pagina Facebook, così anche noi ti facciamo un po'di pubblicità e ti aiutiamo ad essere indicizzato da Google quando qualcuno cerca info su di noi  [emoji111] [emoji4]

Simone la pensiamo diversamente su molte cose. Io ho solo fatto un post a casa mia dicendi liberamente l'idea che mi son fatta. Magari non e' esatta ma ci stà. FB non ce l'ho e sinceramente, anche se apprezzo l'ironia, non ho bisogno di alcuna pubblicità sui social e Google anzi per me il sito è solo un modo per esprimermi liberamente (ovviamente sotto la mia responsabilità) senza pensare e moderazioni e quanto altro chiamiamolo un semplice spazio espressivo nulla di che.
Vedi pensarla diversamente non implica essere "nemici" ma solo uno scambio di opinioni che spesso diventa costruttivo null'altro. Per il resto ognuno ovviamente ha il suo pensiero ed il suo carattere e meno male che è così. Notte,
Pietro.
IU2 DLC
Operatore Pietro
QTH Locator: JN45NK
DMR-ID: 2222603


Offline siluc

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 333
  • Applausi 86
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto nazionale "Rete Radio Montana"
  • Nominativo: LIMA 1 (RRM)
Re:Progetto PMR
« Risposta #42 il: 21 Marzo 2019, 23:46:32 »
Simone la pensiamo diversamente su molte cose. Io ho solo fatto un post a casa mia dicendi liberamente l'idea che mi son fatta. Magari non e' esatta ma ci stà. FB non ce l'ho e sinceramente, anche se apprezzo l'ironia, non ho bisogno di alcuna pubblicità sui social e Google anzi per me il sito è solo un modo per esprimermi liberamente (ovviamente sotto la mia responsabilità) senza pensare e moderazioni e quanto altro chiamiamolo un semplice spazio espressivo nulla di che.
Vedi pensarla diversamente non implica essere "nemici" ma solo uno scambio di opinioni che spesso diventa costruttivo null'altro. Per il resto ognuno ovviamente ha il suo pensiero ed il suo carattere e meno male che è così. Notte,
Pietro.

Non era ironia, ma come dici tu è giusto dare opportunità a tutti di commentare... E non sono il tipo che fa vedere solo gli aspetti positivi, nascondendo i lati negativi... Per questo mostrerò anche un articolo che va contro al progetto.

Quello che però dico, è che non si può giudicare qualcosa che non si conosce... E tu non lo conosci non standoci dentro. E lo dimostra questo paragrafo:

Il fatto che ci sia un sito, relativamente ben fatto, ove ognuno prima di far l’escursione mette la sua posizione e’ un’altro controsenso. Se sono in emergenza io non riesco ad usare Internet quindi non so se c’è qualcuno che coprirà quella zona. Cosa dovrei fare? Guardare il sito prima di andare in montagna? Ok e se poi mentre io arrivo i 5/10 che hanno finito la loro passeggiata/escursione tornano a casa ed io non ho la possibilità di connettermi ad Internet chi trovo? Nessuno? Nettuno? Marte?

Per il resto non hai detto nulla di nuovo... Tutte cose che sul sito sono già scritte (dalla normativa a chi ha diritto ad usare il canale).

Rete di telecomunicazioni: insieme di dispositivi e dei loro collegamenti (fisici o logici) che consentono la trasmissione e la ricezione di informazioni.

Anche 3 soli escursionisti che tra loro si riescono a parlare, fanno rete.

Come fanno in tanti che sono contro di noi a prescindere, le cose positive non le hai minimamente citate (vedasi le zone in cui la RRM è molto usata, vedasi gli interventi di soccorso effettivamente avvenuti).

... Ma questo è il web... E la stampa... Si dice quello che fa comodo fare emergere... Nel mio piccolo, gli aspetti negativi li ho sempre mostrati (qui sul forum, come sul sito ufficiale, come nelle serate di presentazione che tutti noi del Gruppo di Lavoro facciamo in tutta Italia).
Simone
Fondatore e Responsabile Nazionale
del progetto "Rete Radio Montana"

ID RRM: LIMA 1

Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1888
  • Applausi 259
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Progetto PMR
« Risposta #43 il: 22 Marzo 2019, 00:09:40 »
Simone io non ho scritto ne qui ne altrove nulla di strano anzi le mie considerazione se pur negative dovrebbero farvi prendere spunto per cercare di migliorare le cose. La mia critica, se così vogliamo chiamarla, mira ad essere costruttiva non distruttiva. Io spesso nella vita ho imparato a migliorare propio dalle critiche. Filosoficamente parlando non esiste la perfezione e nessuno e' perfetto il perchè è presto detto perchè la stessa perfezione è qualcosa che ognuno concepisce secondo il propio modo di pensare ed essere.
Il fatto di evidenziare o meglio di parlare dei limiti non significa sminuire l'iniziativa anzi è uno spronare a migliorare il tutto.
Purtroppo tecnicamente lato pmr c'è poco da fare. Una rete beh anche qui filosofia pura. Se mettiamo 4 amici al bar sono una rete "sociale" ma per quel lasso di tempo che trascorrono. Se il giorno dopo vai nello stesso bar ed i 4 amici non ci sono o ce ne è solo 1 allora la rete per quella volta non esiste.
Una rete, dal mio punto di vista, è qualcosa di "relativamente" stabile non qualcosa di aleatorio. Una rete, e sai che ne parlo anche male lato radioamatoriale, è un gruppo di ponti/nodi/link che permettono sulla carta in modo continuativo di tenere persone in comunicazione fra loro non in modo sporadico.
Potei fare mille esempi. Lo schifoso FB e' una rete perchè comunque anche se può avere un down succede raramente. La gente si collega e sa di trovare altra gente nel 99% dei casi. Il DMR (non li elenco tutti) è una rete perchè sai che bene o male ci sono sistemi interconessi che permettono di far comunicare le persone. Ovvio hanno fault, problemi tecnici, ma anche la macchina si ferma e' normale ma la definizione e' che dovrebbero funzionare. Quattro persone che vanno sul monte X la domenica mattina del giorno Y è una rete solo in quel periodo...finiscono l'escursione e tornano a casa facciamo alle 18? Arriva il tipo Z che arriva alle 19 e non sente nessuno perchè la "rete" si è scomposta quindi crederà di parlare ma non trova nessuno. Insomma non mi sembra di stare a dire cose non vere.
IU2 DLC
Operatore Pietro
QTH Locator: JN45NK
DMR-ID: 2222603


Offline Matte

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 120
  • Applausi 19
  • Sesso: Maschio
  • RRM India 53
    • Mostra profilo
  • Nominativo: IZ5RKL
Re:Progetto PMR
« Risposta #44 il: 22 Marzo 2019, 07:19:14 »
Di inesattezze e di cose interpretate a modo tue ne hai scritte, come d'altronde hai fatto negli anni... Poi quando parli del discorso delle "attività inserite che non possono essere viste perché il telefono non prende", un po'mi fai ridere... Dato che non stai dentro, e ancora non hai capito che, ad esempio, quelle informazioni possono essere visionate dal Soccorso Alpino... Oppure da chi è a casa che, ricevendo l'e-mail con le attività precedentemente inserite dagli altri, può mettersi a disposizione degli escursionisti da casa poggiando la radio sul davanzale (cosa che avviene).

Scusa Siluc una domanda... per quale motivo non possono iscriversi utenti che non praticano, quando nel sito c’è la possibilità di mettersi a disposizione da casa per fare ascolto poggiando la radio sul davanzale?!
Se una persona non pratica non può iscriversi, però potrebbe essere d’aiuto da casa... ma se non pratica non può iscriversi... ok può rimanere collegato sul 8-16 ed essere d’aiuto comunque, però magari avere un “nominativo” e avvisare gli altri utenti che è in ascolta da casa(reramonet) può essere utile...
Matteo IZ5RKL
Socio A.R.I. Santa Maria a Monte
QRZ.COM www.qrz.com/db/iz5rkl


Offline FoxG7

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 4457
  • Applausi 192
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Progetto PMR
« Risposta #45 il: 22 Marzo 2019, 07:45:32 »
Scusa Siluc una domanda... per quale motivo non possono iscriversi utenti che non praticano, quando nel sito c’è la possibilità di mettersi a disposizione da casa per fare ascolto poggiando la radio sul davanzale?!
Se una persona non pratica non può iscriversi, però potrebbe essere d’aiuto da casa... ma se non pratica non può iscriversi... ok può rimanere collegato sul 8-16 ed essere d’aiuto comunque, però magari avere un “nominativo” e avvisare gli altri utenti che è in ascolta da casa(reramonet) può essere utile...

Mi permetto di far notare che Siluc ha scritto proprio sopra il perchè....


Non funziona il discorso "a canale scarico si parla del più e del meno", perché ci possono anche non essere comunicazioni per 1-2-3 ore, ma in realtà ci sono sintonizzati più escursionisti/alpinisti, impegnati in una complessa ferrata o su una cresta ghiacciata, e sarebbe anomalo se l'utente in quota si mettesse a rispondere alle chiamate radio di altri utenti... È un attimo a distrarsi e a non avere la seconda mano su un appiglio sicuro.

E non va assolutamente bene neanche il discorso "usiamo l'8-16 come canale di chiamata, e poi ci si sposta su un altro canale". Per il semplice fatto che quelle 2-3-5 persone per 5-10-15 minuti smettono di essere il potenziale nodo, magari l'unico, che potrebbe ricevere una chiamata di emergenza proprio mentre si sta chiacchierando su un altro canale.

Tanti appassionati di radio, tra cui più di qualche utente RGK, dicono che sarebbe cosa buona se anche chi non va in montagna potesse iscriversi... Ma non lo permettiamo proprio perché, è cosa provata in questi 11 anni di vita del nostro Progetto, avverrebbe quanto detto sopra.

Poi nulla vieta di monitorare comunque l'8-16 e accogliere richieste di aiuto anche se non si è titolari di un nostro ID (come affermiamo sempre)

Che poi possa essere o sembrare cosa giusta o meno, quello è altro discorso  [emoji4]
Radio operatore OM-QTH loc. JN53RR, Toscana, Italia


Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1888
  • Applausi 259
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Progetto PMR
« Risposta #46 il: 22 Marzo 2019, 07:49:11 »
Scusa Siluc una domanda... per quale motivo non possono iscriversi utenti che non praticano, quando nel sito c’è la possibilità di mettersi a disposizione da casa per fare ascolto poggiando la radio sul davanzale?!
Se una persona non pratica non può iscriversi, però potrebbe essere d’aiuto da casa... ma se non pratica non può iscriversi... ok può rimanere collegato sul 8-16 ed essere d’aiuto comunque, però magari avere un “nominativo” e avvisare gli altri utenti che è in ascolta da casa(reramonet) può essere utile...

Questa è stata sempre un'altra piccola cosa che non capisco.Anzi propio la gente da casa dovrebbe essere privilegiata in quanto potrebbe molto più facilmente di chi è in quota, allertare via telefono o via radio i soccorsi.
Anche tecnicamente è molto più probabile che uno in quota venga ascoltato da uno a valle che non da un'altro in quota (per ovvi motivi olografici).
Ecco anche questo è non una critica ma uno spunto di riflessione. Se A si trova in montagna a quota 1000 (sono solo esempi) e già non gli funziona il cellulare, ok che parla con B a quota 1600 (sempre esempio) per le info sul percorso,la difficolta e quanto altro inerente, ma anche B non avrà copertura cellulare. Quindi se B ha un'emergenza a che serve che riesca a parlare con A che di suo è "isolato"?
Una stazione terrestre potrebbe addirittura fare da "ponte" fra i due eppure no...al progetto si iscrive solo chi fa attività outdoor.
In questo modo, ad esempio, si tengono fuori tutti gli OM (mettiamo da parte l'aspetto legislativo) che potrebbero da casa intercettare emergenze montane e veicolarle sicuramente meglio che altri utenti con 500mw di radiolina.
Come vedi Simone, io cerco di essere propositivo, non sono il mostro nero che hai disegnato (hi) se non me ne fregasse nulla non perderei neanche tempo a rispondere qui o da altre parti :-)

P.S: ovviamente progetti a parte, da OM ma prima di tutto da buona personcina, se ricevo su qualsiasi frequenza un SOS intervengo ed aiuto per come posso. Anzi, per legge, posso anche essere "precettato" come persona e con le mie apparecchiature nel caso di situazioni di emergenza.
« Ultima modifica: 22 Marzo 2019, 07:55:43 da Pieschy »
IU2 DLC
Operatore Pietro
QTH Locator: JN45NK
DMR-ID: 2222603

Offline IZ1PNY

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1227
  • Applausi 61
  • ARI Milazzo IQ9MY - Qth Saluzzo "CN"
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Progetto PMR
« Risposta #47 il: 22 Marzo 2019, 08:15:11 »
Caro Pietro, IU2DLC, vedi i miei dubbi sui PMR,...ti allego un url, ma ci sono stati anche dei briefing in qualche sezione di Radio Amatori che ne hanno parlato, mi risulta, specie in zona 4 ed in qualche scuola.

La fortuna di questi escursionisti sta nel fatto che durante una attività di sicurezza, avevo deciso di usare dei miei PMR per non interferire su una frequenza di servizio, ed a brevissima distanza, tra il mio personale, un evento unico e mai più ripetuto.

Ma come tu dici, la loro fortuna era stata che ero in posizione libera, con sul mezzo di servizio le radio su frequenza protetta, 2 mie HAM, ed un PMR ma professionale però...non certo quelli del LIDL..., quindi ho traslato sulla mia HAM la frequenza, operando poi in frequenza protetta con i soccorsi.

https://blog.libero.it/arax/view.php?id=arax&pag=5&gg=0&mm=0

Postn.110.

Ci furono articoli nella provincia di Cuneo su organi di stampa.

Abbracciando i tuoi dubbi quindi, l'esperienza di cui al link, centro pagina, ha avuto risvolti giuridici, dovendo relazionare, un Magistrato della Procura, con un capo tecnico dei VV.FF. di Cuneo, famoso in zona, oggi in quiescenza, poneva che usare un PMR, apparato non adibito per conformità a trasmissioni di soccorso, per caratteristiche materiali e strutturali, era comunque un rischio per gli sprovveduti sinistrati, ed una botta di fondo schiena per la mia decisione di usarli in un punto di circa 2 km quadrati, proprio quella notte…ed in posizione alta.

Per questo motivo ho sempre scritto, CON MASSIMO RISPETTO per chi ci crede, FINO A QUANDO, succede qualcosa di cui ci si deve presentare in ambienti giudiziari a giustificarsi.

Dopo quell'evento fui invitato da chi si inventò la RRM a partecipare, ora non ricordo chi fosse, ma del centro Italia mi pare, un O.M. ma declinai a interessarmi, per appunto conoscenza degli ambienti giudiziari (dove si gioca su una parola che può assumere vari significati),  e tipologia di apparati usati.

Prenderla come un gioco, se capita dare una mano, STOP, diversamente, mi pare un pio sogno...legittimo ma...

P.S.
Al di là di iscriversi in una struttura di volontariato, per legge, norma del già Ministero delle Poste e TLC, mai abrogata, i Radio Amatori sono precettabili tutti, in caso di sinistri, a disposizione delle autorità di P.S. e del Direttore dell' ufficio postale del luogo.
« Ultima modifica: 22 Marzo 2019, 08:19:08 da IZ1PNY »


Offline Matte

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 120
  • Applausi 19
  • Sesso: Maschio
  • RRM India 53
    • Mostra profilo
  • Nominativo: IZ5RKL
Re:Progetto PMR
« Risposta #48 il: 22 Marzo 2019, 08:21:32 »
Mi permetto di far notare che Siluc ha scritto proprio sopra il perchè....

Che poi possa essere o sembrare cosa giusta o meno, quello è altro discorso  [emoji4]


Non ho detto che devono poi usare l’8-16 per fare due chiacchiere... ma dal sito RERAMONET, io iscritto regolarmente (sempre purché faccia attività Outdoor), posso fare attività da casa di monitoraggio radio... non vedo il motivo per cui io, che non faccio attività Outdoor, non posso far sapere agli altri utenti che sono in ascolto per un qualsiasi bisogno...
Non dico delle quattro chiacchiere, ma di dare la possibilità anche a chi non fa Outdoor di fare monitoraggio radio da casa e avere un “nominativo” RERAMONET.
Matteo IZ5RKL
Socio A.R.I. Santa Maria a Monte
QRZ.COM www.qrz.com/db/iz5rkl


Online kz

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1541
  • Applausi 48
    • Mostra profilo
  • Nominativo: RRM TANGO34
Re:Progetto PMR
« Risposta #49 il: 22 Marzo 2019, 08:32:57 »

Abbracciando i tuoi dubbi quindi, l'esperienza di cui al link, centro pagina, ha avuto risvolti giuridici, dovendo relazionare, un Magistrato della Procura, con un capo tecnico dei VV.FF. di Cuneo, famoso in zona, oggi in quiescenza, poneva che usare un PMR, apparato non adibito per conformità a trasmissioni di soccorso, per caratteristiche materiali e strutturali, era comunque un rischio per gli sprovveduti sinistrati, ed una botta di fondo schiena per la mia decisione di usarli in un punto di circa 2 km quadrati, proprio quella notte…ed in posizione alta.


P.S.
Al di là di iscriversi in una struttura di volontariato, per legge, norma del già Ministero delle Poste e TLC, mai abrogata, i Radio Amatori sono precettabili tutti, in caso di sinistri, a disposizione delle autorità di P.S. e del Direttore dell' ufficio postale del luogo.

non sono d'accordo
i problemi giuridici li può avere il personale professionista o volontario di PC se si affida a strumenti non idonei/non adeguati (ad esempio se usa sul ponte civile i baofeng UV5R)
ma il cittadino qualunque che usa uno strumento e una frequenza il cui uso è aprto a tutti e si trova a segnalare un'emergenza, se proprio va male potrà essere accusato di "procurato allarme" e per finire condannato per una cosa dele genere devi essere un folle mitomane, mica i magistrati hanno tempo da perdere in queste fesserie

credo che il direttore dell'UP, con Poste Italiane che è una SpA dal 1998, sebbene ancora sotto controllo pubblico, non possa più precettare nessuno perché non abbia più autorità in materia di telecomunicazioni, forse la prefettura o il locale comando dei carabinieri o il sindaco nei comuni più piccoli (nei piccoli comuni il sindaco è anche autorità di PS) può precettare il radioamatore (sempre che sappiano che esista un radioamatore visto che l'autorità di controllo è l'ispettorato territoriale)