Autore Topic: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto  (Letto 10983 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline IZ1KVQ

  • RGK dx Group
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 5072
  • Applausi 22
  • Sesso: Maschio
  • IZ1KVQ - op. Francesco
    • Mostra profilo
    • Francesco
    • E-mail
  • Nominativo: iz1kvq
ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« il: 07 Febbraio 2008, 17:50:59 »
apro questo post per parlare di tutto quello che possiamo fare per rendere il pianeta terra piu' vivibile



basta lamentarsi per la spazzatura
basta lo scaricabarile!

facciamo qualcosa di concreto
cerchiamo o almeno proviamo a ridurre la spazzatura

chi ha la possibilita'
 
http://www.giardinaggio.it/tecniche/compostaggio/compostaggio.asp

Citazione
Il Compostaggio


Tutti coloro che posseggono un giardino, anche piccolo, sanno bene quanti "rifiuti" verdi esso produca, soprattutto se è affiancato da un piccolo orto. E sanno anche quanto del tempo che dedicherebbero alle cure delle coltivazioni, deve essere speso invece per conferire alle isole ecologiche, o ai cassonetti, sacchi e sacchi di erba tagliata, rami, foglie, e magari anche di verdure o frutti troppo maturi, o estirpati per far posto ad altre colture.
Il compostaggio ci permette di utilizzare questi rifiuti, che diventano materie prime, per produrre una discreta quantità di ottimo terriccio umifero; in questo modo Il tempo impiegato per le "pulizie" del nostro giardino potrà ricompensarci, anche offrendoci del buon concime per Il nostro giardino ed Il nostro orto.
Infatti, l'opportuno stoccaggio e trattamento di rami, foglie, erba, avanzi di cibo, bucce di frutta e verdura, permette a batteri, microrganismi e piccoli insetti di cibarsene, di svilupparsi e di decomporre le sostanze organiche presenti nei nostri rifiuti; dopo alcuni mesi Il materiale organico così trattato diventerà una massa di microrganismi e di sostanze nutritive, chiamato compost, simile all'humus che possiamo trovare nel sottobosco: un terreno soffice, ben aerato e ricco di minerali, ottimo per le nostre colture.


I tipi di composter

Prima di tutto è necessario scegliere Il tipo di composter più adatto ai nostri scopi; quindi è Il caso di valutare sia Il tempo che solitamente dedichiamo al verde della nostra casa, sia la quantità di rifiuti che di solito Il nostro giardino produce.
Il cumulo: se Il nostro giardino è grande avremo la possibilità di costituire un cumulo per Il compostaggio, oppure una piccola zona, possibilmente rettangolare, delimitata da una rete a maglie fini o da un graticcio. E' consigliabile coprire Il cumulo di compost con teli di tessuto non tessuto, o di iuta, per evitare l'incidenza diretta dei raggi del sole, e anche per limitare l'apporto di acqua dovuto alle piogge.
Composter: si tratta di una campana, spesso in plastica, dotata di un'apertura superiore, per l'inserimento del materiale da compostare, e di un'apertura laterale, oppure di una saracinesca, per prelevare Il compost maturo o per controllare l'andamento del compostaggio. Alcuni tipi di composter vengono distribuiti dai comuni, che garantiscono anche, a chi li utilizza, uno sconto sulle tariffe di smaltimento dei rifiuti.
Bidoni: se Il materiale che desideriamo compostare è poco, o se desideriamo attuare Il compostaggio in uno spazio ristretto, potremo utilizzare dei bidoni, o delle cassette, opportunamente perforati, per permettere una migliore aerazione, e dotati di coperchio.

In ogni caso è bene che i contenitori per Il compostaggio siano privi di fondo, oppure con Il fondo costituito da una grata, e che vengano posti a contatto con Il terreno: in questo modo dal terreno del nostro giardino migreranno nel compost lombrichi e altri insetti che ne accelerano la decomposizione. Inoltre dovrebbero essere dotati di coperchio, in modo che la pioggia non ne alteri Il contenuto. Per accelerare la decomposizione è anche meglio triturare Il materiale che si desidera compostare, in modo che sia più facilmente digeribile dai batteri e dagli insetti.


Il compostaggio a caldo

Si intende "a caldo" Il compostaggio di una grande quantità di materiale di scarto, almeno un metro cubo, che, decomponendosi, produce calore; al centro della massa di materiale organico la temperatura può raggiungere i 60° C.
Posizione: per compostare al meglio grandi quantità di materiale dobbiamo seguire alcuni accorgimenti, per non rischiare che Il nostro composter si riempia di materiale marcescente e maleodorante.
Per evitare che Il nostro compost si scaldi troppo o si secchi è opportuno posizionare Il composter in un luogo semi ombreggiato, possibilmente in una zona coperta dai rami di una pianta caducifolia: in questo modo ovvieremo anche alla possibilità che in inverno Il compost si raffreddi troppo.
Aerazione: perché i batteri e i microrganismi si propaghino nei nostri rifiuti è bene che la presenza di ossigeno sia alta, altrimenti al loro posto si produrrebbero troppi batteri anaerobi, tipici della marcescenza, che producono nel nostro compost cattivo odore e composti tossici; per questo è opportuno che Il primo strato del cumulo, o Il fondo del contenitore, sia costituito da rami e foglie tritati grossolanamente, in modo che Il compost resti sollevato dal terreno. Inoltre è buona norma mescolare i rifiuti più umidi, come l'erba, con altri più secchi, in modo che Il materiale nel composter non si compatti troppo rapidamente, impedendo all'aria di circolare liberamente.
Per migliorare l'aerazione e la miscelazione del materiale inserito nel composter si consiglia di intervenire periodicamente, almeno 2-3 volte nei primi due mesi, smovendo e rivoltando la massa di compostaggio con un forcone; se comunque dovessimo notare un rapido compattamento, almeno nelle prime settimane, è meglio praticare dei fori di aerazione nel compost per mezzo di un bastone.
Umidità: per la corretta proliferazione dei batteri nel compost è necessario Il giusto gradi di umidità; è bene quindi garantire una buona presenza di acqua, innaffiando Il materiale inserito nel composter, oppure garantendo una buona quantità di materiale umido, come erba o scarti della pulizia di frutta e verdura. In un compost secco e in un compost zuppo di acqua i batteri muoiono e Il nostro compostaggio fallisce.
Per accertarsi del giusto grado di umidità del compost è sufficiente stringere in mano una manciata di materiale da compostare, questa dovrebbe soltanto inumidire Il palmo della nostra mano; se sgocciola ci affretteremo ad inserire nel composter materiale secco, ad esempio segatura, se invece ci appare privo di umidità è bene annaffiarlo, oppure introdurre strisce di carta inumidite.
Rapporto Carbonio/Azoto: per garantire una buona decomposizione è bene ricordare che i batteri proliferano meglio in un substrato molto ricco di Carbonio, presente nel legno, nella paglia, nella carta; è comunque necessario Il giusto tenore di Azoto, presente ad esempio negli scarti di cucina, che deve essere presente in quantità assai minore rispetto al Carbonio.
Il modo migliore per essere sicuri di mantenere Il giusto rapporto Carbonio/Azoto consiste nel fare attenzione a mescolare Il maggior numero di materiali di scarto, evitando la preponderanza di uno sugli altri.
Enzimi: per assicurarci che la decomposizione avvenga nel mogliore dei modi possiamo anche aggiungere nel composter degli enzimi, dispinibili in commercio, che accelerano la maturazione del compost migliorandone la "digestione" da parte dei batteri ed eliminando nel contempo eventuali odori sgradevoli.

Il compostaggio a freddo

Se disponiamo di poco spazio, ma vogliamo cimentarci nel compostaggio, possiamo farlo anche su un balcone o in cantina, in piccoli contenitori, avverrà Il compostaggio a freddo, per Il quale è utile seguire tutti gli accorgimenti di quello a caldo, ricordandoci di stare molto attenti all'umidità, ma anche a non introdurre semi di piante infestanti o malate, per evitare poi di spargere con Il nostro compost malattie e semi.
Possiamo anche avvalerci dell'aiuto prezioso dei lombrichi: è sufficiente porli in un contenitore ben aerato e coperto, con fogli di carta inumiditi, avanzi di cucina e un po' di terra; posizionare Il contenitore in un luogo ombreggiato e ci aiuteranno a decomporre Il materiale organico, generando un ottimo humus per i nostri vasi.


Materiali che si possono inserire in un composter

- Rami e foglie, opportunamente triturati.
- Erba, possibilmente secca, per evitare che compatti troppo Il materiale nel composter.
- Gusci d'uova, possibilmente tritati, in modo che vengano decomposti più facilmente.
- Avanzi di cibo cotto; è bene aggiungerne in quantità esigua, per evitare che attirino topolini o mosche.
- Avanzi di frutta e verdura, bucce, scarti.
- Fiori secchi.
- Erbacce estirpate dal giardino; per evitare che i semi rimangano vivi nel compost è bene inserirli al centro della massa da compostare, in modo che raggiungano le temperature maggiori.
- Fondi ti caffè e tè.
- Carta, possibilmente non stampata.
- Cenere di legna, in piccola quantità.
- Aghi di pino, ricordandoci che abbassano Il ph del compost.


Materiale da non mettere nel composter

- Qualsiasi tipo di materiale plastico.
- Cenere di carbone.
- Contenitori in tetrapak.
- Carta stampata, anche se a volte alcuni fogli di giornale possono essere utili.
- Vetro.
- Ceramica.
- Alluminio e metalli in genere.
- Ossa; Il tempo necessario a decomporle è troppo alto.
- Tessuti sintetici o comunque tinti.



Utilizzo del compost

Dopo 6-9 mesi Il nostro compost è maturo e può essere utilizzato togliendolo dal lato del contenitore, che continueremo a riempire, ricordandoci di rimescolare ogni tanto Il nuovo materiale inserito.
Il terriccio che otterremo è fertile e profuma di sottobosco (se è maleodorante qualcosa è andato storto nel compostaggio!), possiamo utilizzarlo come concime per le piante del giardino, per i vasi, nelle buche delle nuove piante da mettere a dimora. Se siamo particolarmente frettolosi potremo cominciare ad utilizzare Il compost quando è ancora fresco, dopo 2-3 mesi, anche se la sua qualità è sicuramente inferiore a quella del compost maturo.
Prima di utilizzare Il compost per lo scopo che preferiamo è bene setacciarlo, con un vaglio a maglie abbastanza larghe, in modo da evitare di distribuire per Il nostro giardino pezzetti di legno o grumi di compost non ancora perfettamente decomposto.


chi non avesse voglia e tempo di leggere il pappardellone che secondo me è molto interessante

basta

un cassone di legno o ferro o plastica di grandezza a piacere

sarebbe il top uno sportello in basso per da agevolare la raccolta del terriccio gia' formato

messo all'ombra (i vermi non amano il sole)

anche un fusto del tipo usato per gli oli lubrificanti lavato va bene ... bisogna solo aprirlo dalle due parti

poi si fa uno strato con del terriccio trovato sotto qualche albero di alto fusto (o in un bosco)

poi si bagna e si inizia a versare tutti i rifiuti organici il cosiddetto UMIDO

ogni strato di monnezza un velo di terra cosi' non puzza

è impossibile fallire

io e mia moglie evitiamo di buttare nella discarica comunale circa 10-15 kg di spazzatura alla settimana !!!

dopo dagli 1 ai 3 mesi (dipende dal clima l'umido aiuta la decomposizione il secco la rallenta) avrete una terra nera grassa che profuma di bosco
 

INCREDIBILE

peccato che il comune di genova non incentivi questo modo di fare

in altre citt  si riesce anche a risparmiare nella bolletta della spazzatura

in giappone funziona gia' da 15 anni

« Ultima modifica: 17 Febbraio 2009, 17:23:12 da cbsanpietro »
--
i migliori 73 da IZ1KVQ
Francesco
*************************
se ti va visita il mio sito
http://iz1kvq.altervista.org/index.html
************************
Grid: JN44LK
CQ Zone: 15
ITU Zone: 28
QSL: Bureau, Direct, eQsl, e-mail or Lotw


Offline antony it9val

  • 1RGK003
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1203
  • Applausi 41
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • http://www.rogerk.net
  • Nominativo: IT9VAL
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #1 il: 07 Febbraio 2008, 18:18:48 »
Francesco, ottima iniziativa!  ;-)
IT9VAL

1 R.G.K. 003  ~  antony CHIOCCIOLA rogerk.net

''Un intero popolo che paga il pizzo è un popolo senza dignità ''

"Occorre compiere fino in fondo il proprio dovere, qualunque sia il sacrificio da sopportare, costi quel che costi, perchè in cio' sta l'essenza della dignita' umana." Giovanni Falcone


host image

Offline IZ1KVQ

  • RGK dx Group
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 5072
  • Applausi 22
  • Sesso: Maschio
  • IZ1KVQ - op. Francesco
    • Mostra profilo
    • Francesco
    • E-mail
  • Nominativo: iz1kvq
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #2 il: 07 Febbraio 2008, 18:41:58 »
grazie

il secondo progetto è non gravare sull'ambiente per il nostro hobby

ovvero pannelli solari e batteria al piombo in tampone ... i prezzi sono alti

ma se avesste qualche grazioso progetto per tenere una batteria in tampone a mezzo pannello solare con qualche cifra sarebbe bellissimo

ho ascoltato da poco un interessante qso in tal proposito!!

avanti chi tocca
--
i migliori 73 da IZ1KVQ
Francesco
*************************
se ti va visita il mio sito
http://iz1kvq.altervista.org/index.html
************************
Grid: JN44LK
CQ Zone: 15
ITU Zone: 28
QSL: Bureau, Direct, eQsl, e-mail or Lotw


Offline Nembo

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2770
  • Applausi 0
  • Sesso: Maschio
  • Utente in qrt
    • Mostra profilo
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #3 il: 07 Febbraio 2008, 18:47:13 »
I miei da una vita attuano il compostaggio dei rifiuti organici. Ed il comune accorda degli sconti sulla Tarsu. Per il resto si va di differenziata da svariati anni. L' effetto è che la spazzatura non riciclabile si è ridotta ad un bidone o due all' anno per la famiglia dei miei ( composta da 2 persone più il sottoscritto che però c' è e non c'è).
Al qth della 50 invece facciamo la raccolta differenziata di tutto e l' umido viene conferito in un apposito cassonetto. Aggiungo che in casa e nel condominio abbiamo montato lampadine a risparmio energetico.
Il sottoscritto marcia in auto a gpl
Questo è quello che in concreto cerchiamo di fare per l' ambiente.
Unica fonte di consumo incontrollato è l' alimentatore delle radio...... :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
73 + 51  a tutti

Offline IZ1KVQ

  • RGK dx Group
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 5072
  • Applausi 22
  • Sesso: Maschio
  • IZ1KVQ - op. Francesco
    • Mostra profilo
    • Francesco
    • E-mail
  • Nominativo: iz1kvq
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #4 il: 07 Febbraio 2008, 19:28:07 »
I miei da una vita attuano il compostaggio dei rifiuti organici. Ed il comune accorda degli sconti sulla Tarsu. Per il resto si va di differenziata da svariati anni. L' effetto è che la spazzatura non riciclabile si è ridotta ad un bidone o due all' anno per la famiglia dei miei ( composta da 2 persone più il sottoscritto che però c' è e non c'è).
Al qth della 50 invece facciamo la raccolta differenziata di tutto e l' umido viene conferito in un apposito cassonetto. Aggiungo che in casa e nel condominio abbiamo montato lampadine a risparmio energetico.
Il sottoscritto marcia in auto a gpl
Questo è quello che in concreto cerchiamo di fare per l' ambiente.
Unica fonte di consumo incontrollato è l' alimentatore delle radio...... :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
perfetto la cosa meravigliosa è la riduzione delle volte che si va a buttare la spazzatura nel cassone normale

per il resto si cerca di differenziare il piu' possibile

i comuni piu' grandi generalmente sono piu' in dietro in queste cose

oltretutto anche i supermercati e le botteghe soprattutto alimentari dovrebbero cercare di ridurre gli imballaggi e dovremmo tornare a prendere il pesce con il piatto in mano come avveniva una volta

il vinile ed i sacchetti sono difficilmente riciclabili e durano nell'ambiente circa 1000 anni

p.s. anche i miei nonni lo facevano ma non sapevano come si chiamava e la tecnica era primitiva si scavava una buca e si sotterrava ... il gabbiotto del compost acelera notevolmente il procedimento e rende piu' agevole il recupero del terriccio e l'utilizzo in terra
a proposito i fiori nei vasi vengono uno spettacolo

11
--
i migliori 73 da IZ1KVQ
Francesco
*************************
se ti va visita il mio sito
http://iz1kvq.altervista.org/index.html
************************
Grid: JN44LK
CQ Zone: 15
ITU Zone: 28
QSL: Bureau, Direct, eQsl, e-mail or Lotw


Offline aquiladellanotte

  • 1RGK458
  • RGK dx Group
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3773
  • Applausi 137
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #5 il: 07 Febbraio 2008, 19:44:56 »
il composter ga provato cn ottimi risultati :)
aquila della notte 1adn089
IZ0PQE

Offline antony it9val

  • 1RGK003
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1203
  • Applausi 41
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • http://www.rogerk.net
  • Nominativo: IT9VAL
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #6 il: 07 Febbraio 2008, 19:46:27 »
I miei da una vita attuano il compostaggio dei rifiuti organici. Ed il comune accorda degli sconti sulla Tarsu. Per il resto si va di differenziata da svariati anni. L' effetto è che la spazzatura non riciclabile si è ridotta ad un bidone o due all' anno per la famiglia dei miei ( composta da 2 persone più il sottoscritto che però c' è e non c'è).
Al qth della 50 invece facciamo la raccolta differenziata di tutto e l' umido viene conferito in un apposito cassonetto. Aggiungo che in casa e nel condominio abbiamo montato lampadine a risparmio energetico.
Il sottoscritto marcia in auto a gpl
Questo è quello che in concreto cerchiamo di fare per l' ambiente.
Unica fonte di consumo incontrollato è l' alimentatore delle radio...... :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

Beh, collegalo a una dinamo e l'alimenti a mo' di lampada di bici!!  :grin:
Se poi gli amici sentissero QSB sarebbe normale... da 0,1 a 100 watt in base alla pedalata!!!  ;-)
IT9VAL

1 R.G.K. 003  ~  antony CHIOCCIOLA rogerk.net

''Un intero popolo che paga il pizzo è un popolo senza dignità ''

"Occorre compiere fino in fondo il proprio dovere, qualunque sia il sacrificio da sopportare, costi quel che costi, perchè in cio' sta l'essenza della dignita' umana." Giovanni Falcone


host image


Offline BARBAPAPA

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 445
  • Applausi 0
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #7 il: 07 Febbraio 2008, 20:50:47 »
in alcuni comuni del Bresciano li danno addirittura gratis a chi ha un giardino :up:

Offline IZ1KVQ

  • RGK dx Group
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 5072
  • Applausi 22
  • Sesso: Maschio
  • IZ1KVQ - op. Francesco
    • Mostra profilo
    • Francesco
    • E-mail
  • Nominativo: iz1kvq
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #8 il: 07 Febbraio 2008, 21:13:48 »
in alcuni comuni del Bresciano li danno addirittura gratis a chi ha un giardino :up:
procuratemene uno aggratis sono genovese!!!!!!
 :mrgreen: :grin:

vengo a prenderlo in bici se no spreco benzina HI
--
i migliori 73 da IZ1KVQ
Francesco
*************************
se ti va visita il mio sito
http://iz1kvq.altervista.org/index.html
************************
Grid: JN44LK
CQ Zone: 15
ITU Zone: 28
QSL: Bureau, Direct, eQsl, e-mail or Lotw


Offline argo

  • 1RGK246
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 429
  • Applausi 0
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #9 il: 07 Febbraio 2008, 21:33:46 »
ottimo sanpietro!!!
Ognuno dovrebbe metterci del suo per l'ambiente  :up:
Purtroppo in Italia siamo troppo indietro e probabilmente c'è qualcuno che ci perderebbe a fare scoprire ala gente come risparmiare e come tutelarlo, ma se ognuno di noi ci mette del proprio sono fiducioso che si possa fare ancora qualcosa...più che altro per le generazioni avvenire.
73'
...Tutto centra con tutto...!

Offline r5000

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 16522
  • Applausi 424
  • qth bergamo
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #10 il: 07 Febbraio 2008, 22:06:13 »
ottimo sanpietro!!!
Ognuno dovrebbe metterci del suo per l'ambiente  :up:
Purtroppo in Italia siamo troppo indietro e probabilmente c'è qualcuno che ci perderebbe a fare scoprire ala gente come risparmiare e come tutelarlo, ma se ognuno di noi ci mette del proprio sono fiducioso che si possa fare ancora qualcosa...più che altro per le generazioni avvenire.
73'
73 a tutti ottimo argomento,e Argo hai centrato il problema del perchè non è diffuso come stile di vita, è tutto l'opposto, si chiama consumismo dove si pensa solo a produrre senza tener conto degli effetti collaterali(inquinamento e impoverimento delle risorse)qui da me a raccolta differenziata e compost sono messo bene,l'orto c'è e il concime è prodotto con questo sistema, nell'umido finiscono solo le ossa per il motivo descritto da Cbsanpietro,riguardo al basso consumo energetico serve mettere pannelli solari termici per scaldare l'acqua,quelli fotovoltaici li fanno pagare ancora troppo cari ma sono in grado di risolvere piccole esigenze di consumo, per esempio io alimento l'antifurto,la centralina tv,il citofono e il cancello elettrico,tutto questo è servito da batterie al gel e funziona da anni senza problemi o difetti,basta aggiungere un circuito che in caso di batterie scariche le ricarica con il 220volt quando  nevica o il pannello resta coperto. mentre per le lampadine ecologiche  ricordo un vecchi post e non sono troppo favorevole, o meglio non la raccontano giusta e se è vero che consumano meno energia delle lampadine tradizionali non si tiene conto però dell'energia impiegata per costruirle,e dei materiali impiegati e del fatto che vanno lasciate accese perchè non sopportano alla lunga lo shock d'accensione... e a questo punto preferisco di gran lunga i led, che pur costosi hanno un rendimento luminoso maggiore e una durata (presunta) maggiore di tutti i tipi di lampade.


Offline IZ1KVQ

  • RGK dx Group
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 5072
  • Applausi 22
  • Sesso: Maschio
  • IZ1KVQ - op. Francesco
    • Mostra profilo
    • Francesco
    • E-mail
  • Nominativo: iz1kvq
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #11 il: 07 Febbraio 2008, 22:23:09 »
infatti in tutte le cose bisogna pensarci le lampade ne avevamo discusso nel ciclo produzione - distruzione alla fine non sono tanto performanti

tuttavia io in casa mia le ho messe dappertutto per un beneficio alla tasca HI

la 50 spesso dimentica luci accese e limito i danni  :candela:

per quanto riguarda il compost io ho commesso errori comuni che posto per evitarveli

nulla di grave si composta tutto ma ci mette di piu'

1) i primi tempi ho messo gusci di cozza ... riflettendo e ritrovandomeli in mano ... EVITATE di mettere gusci di crostacei si trovano anche nei siti archeologici HI a meno che non sminuzzarli finemente a mezzo mazzetta

2) per le ossa EVITATE di metterle intere

3) le scorze delle arance - limone conviene tagliarle almeno in 5 parti

4) EVITATE di mettere il compost in pieno sole

5) se vedete che la roba secca troppo bagnatela

6) per esperienza personale le polverine che vendono per accelerare il processo non sono granche' utili

7) EVITATE di pressare troppo e lasciate aria e se necessita mescolate con la vanga per ossigenare la situazione

8) EVITATE di mettere erba ... i semi non si deteriorano e nascono erbacce splendide ... conviene far seccare l'erba ed ammucchiarla per pacciamare le piante ed esiste il solito fuocherello ... la cenere nel compost è un toccasana

9) EVITATE di mettere i rami troppo grossi ... non marciscono mai

--
i migliori 73 da IZ1KVQ
Francesco
*************************
se ti va visita il mio sito
http://iz1kvq.altervista.org/index.html
************************
Grid: JN44LK
CQ Zone: 15
ITU Zone: 28
QSL: Bureau, Direct, eQsl, e-mail or Lotw

Offline arizona

  • 1RGK104
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2554
  • Applausi 4
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #12 il: 08 Febbraio 2008, 12:37:00 »
a parte la differenziata dalle mie parti non c'è molto da fare..  abbiamo anche una bella raffineria nel mio comune che anni fa fu coperto di petrolio con l'esplosione del pozzo tr 24....   ma mi chiedo: perchè non incentivano l'acquisto di auto elettriche? perchè le fanno pagare uno sproposito? sarebbe già un bel passo avanti..




Offline IZ1KVQ

  • RGK dx Group
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 5072
  • Applausi 22
  • Sesso: Maschio
  • IZ1KVQ - op. Francesco
    • Mostra profilo
    • Francesco
    • E-mail
  • Nominativo: iz1kvq
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #13 il: 08 Febbraio 2008, 16:09:02 »
a parte la differenziata dalle mie parti non c'è molto da fare..  abbiamo anche una bella raffineria nel mio comune che anni fa fu coperto di petrolio con l'esplosione del pozzo tr 24....   ma mi chiedo: perchè non incentivano l'acquisto di auto elettriche? perchè le fanno pagare uno sproposito? sarebbe già un bel passo avanti..




la soluzione a dir il vero non è ideale
in quanto lì per lì c'e' il guadagno dello smog che finalmente sparirebbe quasi dai centri urbani

ma guardando piu' in la' vedo 2 fondamentali problemi

1) l'energia elettrica e' fatta per il 70% da trasformazione di combustibili fossili quindi inquiniamo da un'altra parte  :(

2) gli accumulatori dopo un ciclo pur lungo devono essere smaltiti ...

e sicuramente ce ne sono altri che non vedo immediatamente

ricordiamoci che se uno di noi butta una cicca per terra non si nota neppure ... ma se tutti i cinesi buttano una cicca per terra formano una collina di cicca di 600 metri ...

adesso bisogna prendere soluzioni guardando molto distante come giocando a scacchi ... pena l'estinzione della razza umana

purtroppo le soluzioni sono condizionate da interessi economici enormi
--
i migliori 73 da IZ1KVQ
Francesco
*************************
se ti va visita il mio sito
http://iz1kvq.altervista.org/index.html
************************
Grid: JN44LK
CQ Zone: 15
ITU Zone: 28
QSL: Bureau, Direct, eQsl, e-mail or Lotw

Offline Murdoc

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 394
  • Applausi 0
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #14 il: 08 Febbraio 2008, 17:47:35 »
Io ho partecipato al corso organizzato dalla comunità montana e mi hanno dato un compostaio in comodato d'uso, comunque abitando in campagna sono anni che differenzio la rumenta, tutto ciò che marcisce nella terra, il resto nei vari bidoni anche se spesso sono pieni.

Purtroppo mi devo lamentare del fatto che non ho un rientro economico perchè ogni anno il balzello aumenta tanto per me come tanto quanto per chi se frega incredibilmente gettando nel bidone vetro plastica e... i rami tagliati delle rose...... Mi sembra una cosa incredibile li trovo tutti gli anni nel bidone nel periodo di potatura, adesso, tipicamente al lunedì. Eppure siamo in campagna se hai le rose--> hai il giardino--> BRUCIALI 4 RAMI non stare a riempire il bidone.

73 a tutti


Offline arizona

  • 1RGK104
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2554
  • Applausi 4
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #15 il: 08 Febbraio 2008, 19:03:35 »
vero cbsanpietro  hai ragione...  :'(

Offline dukeluca86

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1962
  • Applausi 4
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #16 il: 08 Febbraio 2008, 21:01:54 »
Dalle mie parti purtroppo hanno visto addetti al ritiro della differenziata rimettere insieme il tutto per portarlo probabilmente in discarica, che desolazione. Per il compost ho un amico poco fuori città, che lo fà da alcuni anni.

Per quanto riguarda il pannello solare, dipende, io sono rimasto un pò indietro, mio padre sul camper lo aveva messo da un metro quadrato generava 100-120W orari, e aveva fatto una centralina per regolare la carica della batteria abitacolo.
Il miglior SO ? Linux !


Offline Ardito del lago d'Orta

  • 1RGK022
  • RGK dx Group
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1306
  • Applausi 6
  • Sesso: Maschio
  • 1RGK022@rogerk.net http://iz1psj.jimdo.com/
    • Mostra profilo
    • IZ1PSJ home page
    • E-mail
  • Nominativo: IZ1PSJ K1PSJ
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #17 il: 08 Febbraio 2008, 21:30:23 »
Queste le mie considerazioni:

1) qui da noi(VB) la raccolta differenziata si fa da almeno 7/8 anni, perchè nel resto d'Italia no????
2) purtroppo a livello nazionale l'energia rinnovabile(eolica, solare, da biomassa) non risolverebbe che il 20/30% del problema(so che non è poco, ma non basta). Per non parlare di chi si schiera prima dalla parte dell'eolica e poi si lamenta che l'impatto ambientale non va bene, ecc. Forse dico forse una soluzione alternativa è il nucleare(anche a me non piace tantissimo, ma non siamo la Russia dei primi anni '80!!!!! E comunque non pensate che siccome le centrali sono in CH e in Francia noi saremmo esenti in caso di problemi!!).
<<< IZ1PSJ/K1PSJ op. Alberto>>> TS 690 SAT*TM732E*MC85
Imax 2000*Dipolo filare 20 mt*X30
BM KNW TM 732* Proxel PDBX
http://iz1psj.jimdo.com/

Offline r5000

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 16522
  • Applausi 424
  • qth bergamo
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #18 il: 08 Febbraio 2008, 22:20:12 »
73 a tutti non sono d'accordo con il nucleare per fissione  per due semplici motivi,  non abbiamo uranio quindi dovremmo comunque comprarlo(caro e salato...) e poi il costo di produzione non tiene conto del costo e rischio per lo smaltimento,il fatto d'avere le centrali francesi e svizzere o slovene  vicino casa è un rischio ma  perchè aggiungere anche il problema di produrre e gestire lo smaltimento delle nostre scorie quando nella centrale di Caorso ci sono ancora le "vecchie"scorie e non si sà come e dove vanno trattate in sicurezza? sono d'accordo per la ricerca che invece è boicottata in tutti i modi e senza ricerca non si arriva alla fusione controllata... ma abbiamo la fortuna di poter sfruttare l'energia solare e non si spinge a dovere per questa soluzione e più ancora con il geotermico,che praticamente è gratis ma  snobbato per non dire ostacolato... e altra fonte d'energia che non viene sfruttata sono le correnti marine o maree, e ce ne sono mille altre ma  si fà di tutto per importare petrolio o gas a scapito della produzione interna,e per ultimo lo spreco che brucia energia inutilmente per esempio tenendo acceso 1000 luci su monumenti e uffici,basterebbe spegnerle qualche ora...


Offline hafrico

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 23339
  • Applausi 254
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #19 il: 08 Febbraio 2008, 22:30:01 »
se stacco la spina a mia moglie.....quanti kw...risparmio ogni ora...???? marameo marameo

Offline acquario58

  • 1rgk043
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 10928
  • Applausi 371
  • Sesso: Maschio
  • TORINO-ITALY QTH locator : JN35TA94SV
    • Mostra profilo
  • Nominativo: sempre i miei
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #20 il: 08 Febbraio 2008, 22:48:06 »
leggendo questa discussione che trovo utile ed interessante , vi riporto anche una circolare di un comune della provincia di TO, che propone ai suoi abitanti vi allego l'indirizzo:
http://www.cirie.net/info/jsp/news/comunecirie/prima_pagina.jsp#

Offline dukeluca86

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1962
  • Applausi 4
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #21 il: 09 Febbraio 2008, 00:46:33 »
Quoto R5000, qui da me (Ancona) un privato stabilimento ha rifatto il tetto di 2000 MQ, che era di materiale non a norma, e l'ha rifatto tutto di pannelli fotovoltaici, che producono circa 250 Kw, l'equivalente di parecchie abitazioni, è solo un caso ma se ogni costruzione che si fà nuova o si rimoderna adotta lo stesso principio, vedi che si tira fuori una potenza considerevole, contando che le tecnologie del solare si sono evolute e il rendimento dei pannelli è aumentato parecchio nell'ultimo decennio.

Poi senza contare che il pannello ha una manutenzione minima, una durata garantita per 30 anni ed è incentivato dallo stato.
« Ultima modifica: 09 Febbraio 2008, 00:49:43 da dukeluca86 »
Il miglior SO ? Linux !

Offline Marcello iw9hli

  • IW9HLI
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 4286
  • Applausi 174
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: IW9HLI - 1RGK001
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #22 il: 09 Febbraio 2008, 09:21:44 »
Io già lo faccio...qui nell'angolino del giardina abbiamo la compostiera e tutte le cose da mangiare quando sparecchiamo la tavola, tutte le verdure e le cose biodegradabili aggiunte ai residui di foglie e rami che derivano dalla pulizia del giardino, come il prato quando viene tosato le mettiamo li a fare macerare.



Offline dukeluca86

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1962
  • Applausi 4
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #23 il: 09 Febbraio 2008, 11:49:21 »
Bella marcello, purtroppo per me il più grande pezzo di terra che ho è la cocciola col rosmarino, quando prenderò casa per conto mio spero proprio di andare fuori città.
Il miglior SO ? Linux !

Offline IZ1KVQ

  • RGK dx Group
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 5072
  • Applausi 22
  • Sesso: Maschio
  • IZ1KVQ - op. Francesco
    • Mostra profilo
    • Francesco
    • E-mail
  • Nominativo: iz1kvq
Re: ambiente ambientalismo qualcosa di concreto
« Risposta #24 il: 11 Febbraio 2008, 00:52:46 »
Io già lo faccio...qui nell'angolino del giardina abbiamo la compostiera e tutte le cose da mangiare quando sparecchiamo la tavola, tutte le verdure e le cose biodegradabili aggiunte ai residui di foglie e rami che derivano dalla pulizia del giardino, come il prato quando viene tosato le mettiamo li a fare macerare.


ottimo marcello
in giappone esiste un macchinario ad energia elettrica che composta la roba e nel giro di 3 ore è pronto il terriccio ... lo usano negli appartamenti di città ... non so se è comunque conveniente magari consuma 100 KW HI

per quanto riiguarda il nucleare credo che comunque l'uranio comprato abbia una resa molto maggiore delle tonnellate e tonnellato di combustibile fossile (di cui non siamo neppure produttori) ... resta valido comunque la difficoltà di stoccare i rifiuti non semplice come risoluzione

comunque seriamo di essere liberi dalla schiavitu' insana del petrolio e carbone fossile e dalle plastiche e loro derivati

un sardo comunque riesce a sassari a recuperare del pertrolio dalle carcasse dei pneumatici usati unendo la difficolta' a smaltirli producendo qualcosa di utile

a volte le soluzioni sono semplici ma non c'e' volonta' di cambiare

ad esempio anche se non è una soluzione definitiva ... perche' non usare nei diesel vecchi L'OLIO di COLZA???
almeno ridurremmo le polveri sottili che fnno malissimo

--
i migliori 73 da IZ1KVQ
Francesco
*************************
se ti va visita il mio sito
http://iz1kvq.altervista.org/index.html
************************
Grid: JN44LK
CQ Zone: 15
ITU Zone: 28
QSL: Bureau, Direct, eQsl, e-mail or Lotw