Autore Topic: Tipologia costruttiva antenne commerciali bibanda 144/430.  (Letto 1125 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline turbomassi

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 295
  • Applausi 17
  • Sesso: Maschio
  • Sono come l'acqua e l'acqua non si può fermare...
    • Mostra profilo
  • Nominativo: IU4HNT
Tipologia costruttiva antenne commerciali bibanda 144/430.
« il: 13 Settembre 2017, 00:08:04 »
Buona serata mi chiedevo come sono costruite le antenne verticali bibanda 144/430 commerciali, in particolare per quanto riguarda la relazione lunghezza/ guadagno in Db.

Faccio un esempio pratico:

DIAMOND X-700 HN 144/430 MHz 7,20 M.

DIAMOND X-510N Verticale 144/430 MHz 5,2 MT

La 700 ha un guadagno maggiore perchè?
Un problema in quanto tale ha una soluzione se non ha soluzione non è un problema.

https://massimilianoseno.weebly.com/

SCUSATE SE RISPONDO SEMPRE IN RITARDO.


Offline Vincenzo IZ2WMW (Brian)

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1423
  • Applausi 123
  • Sesso: Maschio
  • IZ2WMW
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Tipologia costruttiva antenne commerciali bibanda 144/430.
« Risposta #1 il: 13 Settembre 2017, 14:08:50 »
Queste antenne sono ti dipo collineare, ovvero lo stesso elemento viene ripetuto N volte per aumentare il guadagno (ovviamente con opportuni elementi per l'adattamento d'impedenza).

Il fatto che l'antenna sia più lunga significa in sostanza che l'elemento base è ripetuto più volte aumentandone il guadagno (e schiacciando il lobo verticalmente).

Se ti interessa approfondire l'argomento cerca antenna collineare.

73

Offline Ugo da Norcia

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 4222
  • Applausi 365
  • IT-DMR / DMR-MARC 2222033
    • Mostra profilo
  • Nominativo: IW2JAF
Re:Tipologia costruttiva antenne commerciali bibanda 144/430.
« Risposta #2 il: 13 Settembre 2017, 14:31:23 »
Perdonatemi, ma non è uno dei tanti argomenti che si studiano e quindi bisogna conosecere per sostenere l'esame di radioamatore?
Io lo feci nel 1992, probabilmente sono cambiate tante cose, come è giusto che sia.
Ma mi meraviglio che una persona che abbia sostenuto l'esame recentemente per ottenere la licenza radioamatoriale sia ancora digiuno di elementi così base.

Sbaglierò, però se ti viene rilasciata una licenza radioamatoriale e non conosci neppure la caratteristiche di una antenna collineare, secondo me, ci sono tante, troppe, cose che non funzionano.

Nerio Neri cosa ha scritto a fare due libri fondamentali sull'argomento?
WWW.SEISMOCLOUD.COM

Grossissimo problema, Einstein è morto, Beethoven pure, e io non sto per nulla bene


Offline turbomassi

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 295
  • Applausi 17
  • Sesso: Maschio
  • Sono come l'acqua e l'acqua non si può fermare...
    • Mostra profilo
  • Nominativo: IU4HNT
Re:Tipologia costruttiva antenne commerciali bibanda 144/430.
« Risposta #3 il: 13 Settembre 2017, 14:32:16 »
Ciao Brian e grazie della risposta, semplificando sapevo che un'antenna collineare aveva un guadagno maggiore rispetto ad un antenna della stessa tipologia ( In questo caso verticale bibanda ) ad 1/4 d'onda o frazioni d'intero ma non sapevo che per avere performance maggiori si poteva ripetere/duplicare la parte trasmittente,

Spesso ho dei dubbi che nascono dalla sana curiosità di imparare ed approfondire gli argomenti, mi rallenta il fatto che spesso facendo la stessa domanda le risposte sono diverse.

La cosa preoccupante e quando fai la stessa domanda alla stessa persona e la risposta è diversa!  :28: :grin:

Fortunatamente non succede in questo forum, grazie ancora per la risposta.

73
good dx!
« Ultima modifica: 13 Settembre 2017, 15:00:39 da turbomassi »
Un problema in quanto tale ha una soluzione se non ha soluzione non è un problema.

https://massimilianoseno.weebly.com/

SCUSATE SE RISPONDO SEMPRE IN RITARDO.

Offline IU1IAZ

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 116
  • Applausi 5
  • Sesso: Maschio
  • MQC 336
    • Mostra profilo
  • Nominativo: IU1IAZ
Re:Tipologia costruttiva antenne commerciali bibanda 144/430.
« Risposta #4 il: 13 Settembre 2017, 14:58:32 »
Perdonatemi, ma non è uno dei tanti argomenti che si studiano e quindi bisogna conosecere per sostenere l'esame di radioamatore?
Io lo feci nel 1992, probabilmente sono cambiate tante cose, come è giusto che sia.
Ma mi meraviglio che una persona che abbia sostenuto l'esame recentemente per ottenere la licenza radioamatoriale sia ancora digiuno di elementi così base.

Sbaglierò, però se ti viene rilasciata una licenza radioamatoriale e non conosci neppure la caratteristiche di una antenna collineare, secondo me, ci sono tante, troppe, cose che non funzionano.

Nerio Neri cosa ha scritto a fare due libri fondamentali sull'argomento?

Neanch'io conoscevo l'argomento e pertanto non avrei saputo rispondere....
Certo che però, da come scrivi, metti un filo di ansia a coloro che intendono far qualche domanda. :-)

Un saluto a tutti.


Offline turbomassi

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 295
  • Applausi 17
  • Sesso: Maschio
  • Sono come l'acqua e l'acqua non si può fermare...
    • Mostra profilo
  • Nominativo: IU4HNT
Re:Tipologia costruttiva antenne commerciali bibanda 144/430.
« Risposta #5 il: 13 Settembre 2017, 15:45:37 »
Caro Ugo da Norcia la patente l'ho conseguita sostenendo l'esame una sola volta nella città di Bologna con 60 domande a risposta multipla con 4 risposte, molto semplicemente come ho scritto sopra posso avere delle lacune o dei dubbi che cerco di colmare.

Conversando il mese scorso con una perito elettrotecnico successivamente laureato in ingegneria nel 2013 e emerso che non sapeva la differenza fra il reale flusso della corrente continua e quello convenzionale.

1) Flusso reale della corrente continua gli elettroni scorrono dal polo negativo verso quello positivo.

2) Flusso convenzionale della corrente continua gli elettroni scorrono dal polo  positivo verso quello negativo.

Questa sua lacuna non sminuisce la mia opione positiva su questa persona, probabilmente lo stesso Marconi durante il suo percorso come uomo avra colmato varie lacune e dubbi.

Detto ciò tralasciando la teoria ( 300/f espressa in Mhz ) non conoscendo come sono costruite le antenne commerciali verticali mi chiedevo quale fosse il metodo costruttivo per aumentare il guadagno.

L'unico dato certo era che sui due modelli Diamond una lunghezza maggiore corrispondeva ad un guadagno maggiore.

73 e che la propagazione sia con voi.






Un problema in quanto tale ha una soluzione se non ha soluzione non è un problema.

https://massimilianoseno.weebly.com/

SCUSATE SE RISPONDO SEMPRE IN RITARDO.

Offline cherubenzo

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 264
  • Applausi 38
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: IU0CNK - Lima74
Re:Tipologia costruttiva antenne commerciali bibanda 144/430.
« Risposta #6 il: 13 Settembre 2017, 22:14:52 »
..... Ma mi meraviglio che una persona che abbia sostenuto l'esame recentemente per ottenere la licenza radioamatoriale sia ancora digiuno di elementi così base.

Sbaglierò, però se ti viene rilasciata una licenza radioamatoriale e non conosci neppure la caratteristiche di una antenna collineare, secondo me, ci sono tante, troppe, cose che non funzionano.

Neanch'io conoscevo l'argomento e pertanto non avrei saputo rispondere....
Certo che però, da come scrivi, metti un filo di ansia a coloro che intendono far qualche domanda. :-)

Un saluto a tutti.


(condivido, se non per solidarietà visto che avere delle lacune è umano, e beato chi non ne ha.....)
...infinite cose da fare in così poco tempo...


Offline Alfa2

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 174
  • Applausi 20
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Tipologia costruttiva antenne commerciali bibanda 144/430.
« Risposta #7 il: 13 Settembre 2017, 22:15:42 »
Citazione
Ma mi meraviglio che una persona che abbia sostenuto l'esame recentemente per ottenere la licenza radioamatoriale sia ancora digiuno di elementi così base.

Sbaglierò, però se ti viene rilasciata una licenza radioamatoriale e non conosci neppure la caratteristiche di una antenna collineare, secondo me, ci sono tante, troppe, cose che non funzionano.

Nerio Neri cosa ha scritto a fare due libri fondamentali sull'argomento?

io ho conseguito la patente 2 anni fa, mi scappa da ridere, praticamente te la tirano nella schiena...
l'esame attuale nulla ha a che vedere con quello di 30 anni fa  :mrgreen:
provate a chiedere ai vecchi radioamatori che praticamente all'esame dovevano progettarle le radio  :mrgreen: :grin:
Grundig Yacht Boy 220 :-) Sain Sunic VV-898E

Offline Ugo da Norcia

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 4222
  • Applausi 365
  • IT-DMR / DMR-MARC 2222033
    • Mostra profilo
  • Nominativo: IW2JAF
Re:Tipologia costruttiva antenne commerciali bibanda 144/430.
« Risposta #8 il: 14 Settembre 2017, 10:28:04 »
Esprimermi in questo modo è parte del mio carattere. Non ho mancato di rispetto a nessuno. Se poi qualcuno si sente offeso mi spiace ma non mi riguarda.

Ora, avere delle lacune e non conoscere tutti gli argomenti di una materia è normale, per chiunque, però mi domando cosa si studi oggi, chi insegni e con che criteri si facciano le prove di esame. In assoluto, dubbio maggiormente confortato dall'esempio del tuo amico inegnere. Ci sono degli argomenti che sono fondamentali in ogni disciplina, e che una persona per ottenere un'attestato, radioamatoriale o laurea in Ingegneria che sia, ad esempio, DEVE conoscere. Diciamo un pò che è come ottenere la patente dell'auto e non sapere cambiare una ruota, non mettere in fase lo spinteroggeno come si faceva una volta sui vecchi motori senza accensione elettronica, cambiare una ruota dico, nulla di più. Mi direte che tantissimi non lo sanno fare, VERO. Ma ciò non toglie che all'ora, sia sbagliato il modo con il quale si esaminano le persone che richiedono la patente, ad esempio. Tutto quì.
Cmq, io ho fatto cambiare una ruota alla macchina a mia figlia perchè non sapeva neppure dove trovarla. Probabilmente le capitasse di doverlo rifare non so se sia capace effettivamente, ma almeno una volta lo ha fatto e almeno in parte, spero, abbia imparato.

Questo è il mio pensiero, condivisibile o meno.

Poi auguro a tutti voi di aver sempre la sacrosanta passione e voglia di chiedere, domandare e informarvi, su tutto, non solo ciò che riguarda il mondo radio.  Del resto lo scopo principale di un forum, secondo me, è proprio quello di poter chiedere ciò che non si conosce e ricevere delle spiegazioni (speriamo corrette perchè di stupidate se ne legono troppe).

Citazione
( 300/f espressa in Mhz )

A proposito, sarebbe più corretto dire 299.792,458    Tanto scrivere un numero o un'altro cambia nulla, il risultato del calcolo invece si.  ;-)


Buona radio a tutti e che la propagazione sia con noi, specie il 6/7 ottobre quando faremo la nostra 7° spedizione sui monti Lumbard
WWW.SEISMOCLOUD.COM

Grossissimo problema, Einstein è morto, Beethoven pure, e io non sto per nulla bene