Come dobbiamo comportarci ? Il sole va in defaiance...

Aperto da IZ1PNY, 06 Luglio 2017, 09:05:14

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

IZ1PNY

http://www.tgcom24.mediaset.it/green/il-sole-si-sta-indebolendo-tra-due-anni-arrivera-il-suo-ciclo-di-attivita-minima_3082482-201702a.shtml

Sappiamo che le macchie solari e esplosioni quindi varie, cambiano l'effetto della propagazione sulla Terra.

Datosi che siamo vincolati nelle ns trasmissioni a questo, vedasi grafici editi sul numero delle macchie solari, su vari siti...

Chi li usa spesso, per i DX e collegamenti vari, come e cosa prevede ?

Usare antenne più grandi, più power out, quella o questa frequenza ?
O risparmiarsi i soldi e fare altro che la radio trasmissione ?
:11:


Funkyo IU6JKI

Antenne più performanti e qualche watt in più...ma senza propagazione è sempre difficile fare collegamenti degni di nota!

inviato SM-G920F using rogerKapp mobile


carlo_forever

Senza il sole diventeremo bianchissimi, con occhi giganteschi, un olfatto super e ci ciberemo di schifezze, ululando alla pallida luna, sempre più spenta pure lei dato che brilla di luce riflessa.

Carlo
Inter poenas et tormenta
vivit anima contenta
casti amoris
sola spe

IU2IDU


Facciamo una bella grigliata di componenti.......si può fare anche senza il ciclo solare buono! H-I
Scherzi a parte, ho letto che nei prossimi due anni il Sole raggiungerà il minimo di attività e non sarebbe niente di innaturale (il ciclo è undecennale) se non fosse che in questi ultimi anni la propagazione è stata statisticamente molto povera ai fini del nostro hobby, a causa di un ciclo solare caratterizzato da bassa attività.
Quindi dopo qualche anno di scarsa attività (vedi in 10 metri) sembra tutto più clamoroso, speriamo che la natura faccia il suo corso e che si apra un ciclo più favorevole!



Nel frattempo buona grigliata......solare!
IU2IDU operatore GIULIO
686-SM COTA - Associazione Radioamatori Carabinieri


ik2cnf

Di cosa vi preoccupate? Forse siamo al minimo di un ciclo che si ripete ogni 400 anni!
Altro che ciclo undecennale!



preso da una rivista che un certo peso ce l'ha: https://www.nature.com/articles/srep15689

Se ne è parlato qui: http://www.hamradioweb.org/forums/showthread.php?t=29626

E chi può si attrezzi per le bande basse ;-)

73 Maurizio ik2cnf

Pieschy

Commento poco radiantistico, molto realistico ed un po' cattivello :-)
Io sorrido quando leggo (sempre più spesso) di questi post.
Il DX è noto che sia direttamente legato alla propagazione la quale a sua volta e' connessa all'attività solare.
Ecco chiamasi MADRE NATURA!
Come mi comporto se voglio andare a Roma (esempio) e ci sono 2 metri di neve, vento pazzesco che non fà decollare gli aerei? Come mi comporto se arriva l'Uragano? Semplicemente NON VADO e mi sto' bello chiuso a casa.
Il concetto e' semplice. Non possiamo andare contro la natura e non sarà di certo il kw o qualche elemento in più a farci fare il DX se la propagazione e' chiusa?
Che si fà? Si cercano altre bande o si và in locale e amen.
E' un hobby...e' come se voglio uscire una sera perche' ho voglia di divertirmi ma c'e' il diluvio universale..che faccio? Rinuncio e mi guardo la tele :-)

Scusate l'ironia ma il concetto e' che non possiamo far nulla per cambiare gli eventi naturali.
Ci sono stati 20 anni fà credo o forse più periodi ove con 5W si parlava con mezzo mondo.
Ora molto raro e da quel che leggo andrà ancora peggio...amen, mi spiace per gli amanti del dx sopratutto i nuovi patentati che hanno solo interesse nel DX. Posto sbagliato al momento sbagliato.
Chi ha avuto ha avuto chi ha dato a dato...poco da far :-)

Con simpatia,
Pietro.


IU2IDU

Citazione di: ik2cnf il 06 Luglio 2017, 21:42:51
Forse siamo al minimo di un ciclo che si ripete ogni 400 anni!
Altro che ciclo undecennale!

Allora basta attendere 200 anni e saremo di nuovo al massimo!  :birra:
IU2IDU operatore GIULIO
686-SM COTA - Associazione Radioamatori Carabinieri


Maxxim

Citazione di: IU2IDU il 06 Luglio 2017, 23:26:36
Allora basta attendere 200 anni e saremo di nuovo al massimo!  :birra:

Mi organizzo  :grin:

roberto- i -t-9-a-c-j

soluzione semplice ed efficace, spegnere le radio (tanto ib vhf e uhf non ce sta nulla), dedicarsi a qualche libro sul pc, magari fuori all'ombra godendosi il fresco serale che stare a sentire solo il qrm e sudare.
già mi sono roganizzato, la sera fuori con il pc portatile, buone letture di fumetterie varie, la radio ovviamente spenta (tanto perso per perso).
le vhe... spente tanto e solo tempo perso, troppo caldo in casa a intavolare un qso e sudare. quindi chi ha la possibilità mare o montagna senza radio.
buone vacanze a tutti

IZ8XOV

Nulla di nuovo sotto il "Sole". L'attività solare è sempre stata così ed è un fenomeno naturale col quale i radioamatori convivono da sempre. Negli ultimi anni (fonte Nasa) possiamo notare le variazioni.......



Eppure i radioamatori hanno continuato a fare i radioamatori, se dovessimo darci all'ippica per situazioni del genere non dovremmo prendere a priori la patente. Infine minor attività solare non significa che comunque i Dx non si facciano, certo non con la stessa facilità di quando il ciclo solare è ai massimi ma la radio offre sempre delle occasioni.

73's - Michele
Il radioamatore è una persona affascinata dal comportamento delle onde radio e da tutto ciò che serve ad esplorarle. E' uno sperimentatore che opera nel rispetto delle leggi e che ama condividere con gli altri le proprie conoscenze, Michele IZ8XOV

LA MIA STAZIONE RADIO: www.qrz.com/db/IZ8XOV

FoxG7

Citazione di: Pieschy il 06 Luglio 2017, 23:15:39Come mi comporto se voglio andare a Roma (esempio) e ci sono 2 metri di neve, vento pazzesco che non fà decollare gli aerei? Come mi comporto se arriva l'Uragano? Semplicemente NON VADO e mi sto' bello chiuso a casa.
Il concetto e' semplice. Non possiamo andare contro la natura e non sarà di certo il kw o qualche elemento in più a farci fare il DX se la propagazione e' chiusa?

Beh, diciamo che i tempi attuali e i futuri non saranno certamente facili per i praticanti del DX (specialmente quello estremo).....comunque ti dirrò....negli ultimi 2 mesi (estivi) si lavoricchiano bene anche i 10-12-15 metri.....certo  non è "pappa scodellata".....bisogna trovare i momenti giusti e possedere un minimo di antenne per far qualcosa.....ma lasciar perdere tutto e dedicarsi ad altro, proprio no !  :up: ;-)
OM e operatore in banda PMR446- QTH loc. JN53RR, Toscana, Italia

Pieschy

Citazione di: FoxG7 il 07 Luglio 2017, 09:05:43
Citazione di: Pieschy il 06 Luglio 2017, 23:15:39Come mi comporto se voglio andare a Roma (esempio) e ci sono 2 metri di neve, vento pazzesco che non fà decollare gli aerei? Come mi comporto se arriva l'Uragano? Semplicemente NON VADO e mi sto' bello chiuso a casa.
Il concetto e' semplice. Non possiamo andare contro la natura e non sarà di certo il kw o qualche elemento in più a farci fare il DX se la propagazione e' chiusa?

Beh, diciamo che i tempi attuali e i futuri non saranno certamente facili per i praticanti del DX (specialmente quello estremo).....comunque ti dirrò....negli ultimi 2 mesi (estivi) si lavoricchiano bene anche i 10-12-15 metri.....certo  non è "pappa scodellata".....bisogna trovare i momenti giusti e possedere un minimo di antenne per far qualcosa.....ma lasciar perdere tutto e dedicarsi ad altro, proprio no !  :up: ;-)

No ma infatti il senso del mio post era quello di dire che contro le forze della natura c'e' poco da fare.
Ti diro' di più anzi, proprio perche' più difficile adesso, dovrebbe essere ancora più eccitante per i cacciatori di DX. Quando tutto era aperto facile fare certi country, ora ci vuole pazienza, provare diverse bande e beccare quel poco di propagazione. Sicuramente più difficile ma se porti a casa qualcosa sei più soddisfatto. Il se facessi DX la vedrei cosi' :-)

FoxG7

Citazione di: Pieschy il 07 Luglio 2017, 09:09:39
Sicuramente più difficile ma se porti a casa qualcosa sei più soddisfatto. Il se facessi DX la vedrei cosi' :-)

Beh, quello sicuramente !  :up:
OM e operatore in banda PMR446- QTH loc. JN53RR, Toscana, Italia


HAWK

Noto che le info ci sono, quindi la notizia non è una news.
Il ciclo solare dei 400 anni...

Probabilmente l'uso di antenne direttive sarà privilegiato in calo di propagazione.

Nelle V/U ci sono i ripetitori nel caso.
La mia curiosità si pone sul motivo di questo fenomeno, cali e picchi di attività solare, datosi che sono degli eventi scaturiti da quella stella, come si ricarica il combustibile ed il comburente...
Da che fonte...

IU2IDU

Hanno spettacolarizzato questa notizia, come fanno sempre le fonti di informazione.........

Non sapevo del macro-ciclo di 400 anni, mi ero sempre soffermato agli 11 anni.
Da quanto mi sembra di capire, la NASA e le altre agenzie spaziali che tengono monitorata l'attività del Sole tracciano una stima a seconda del numero di macchie rilevate, le quali sono responsabili di molti fenomeni elettromagnetici che influenzano gli strati della nostra ionosfera (alla fine è questo che ci interessa).
Leggo che da tre-quattro anni in molti si lamentano del fatto che l'attività solare è al minimo, questo mi faceva sperare che tra due o tre anni saremmo stati al top, invece la notizia del minimo solare tra due anni mi fa sorgere una domanda: abbiamo appena oltrepassato un ciclo debole? È questa la "nostra notizia"?

73 a tutto il forum
IU2IDU operatore GIULIO
686-SM COTA - Associazione Radioamatori Carabinieri

HAWK

Pagina 95 su Radio Rivista 7/8 2017...ne parla.

IZ8XOV

Citazione di: IZ1PNY il 07 Luglio 2017, 09:29:19
Probabilmente l'uso di antenne direttive sarà privilegiato in calo di propagazione.
Il problema è che se c'è calo di propagazione, cioè di macchie solari e di conseguenza di vento solare (che spinge le particelle ionizzate nei vari strati della ionosfera favorendo i collegamenti radio), non c'è antenna o potenza che tenga poiché se manca la materia prima (strati ionizzati), non vi è l'elemento essenziale che consente la riflessione dei segnali.

La cosa strana che ancora non ho capito in tanti anni di attività è che al contrario in Vhf non è cambiato nulla e i segnali estivi sono sempre fortissimi quando tutti sostengono che l'attività solare incide maggiormente sulle bande alte.
Citazione di: IZ1PNY il 07 Luglio 2017, 09:29:19
La mia curiosità si pone sul motivo di questo fenomeno, cali e picchi di attività solare, datosi che sono degli eventi scaturiti da quella stella, come si ricarica il combustibile ed il comburente...
Da che fonte...
Non so se interpreto bene il tuo quesito. In generale maggiore attività solare equivale a maggiori brillamenti solari (esplosioni) i quali spingono particelle ionizzate verso la Terra (il cosiddetto vento solare). Queste particelle vanno ad affollare i vari strati della ionosfera consentendo quindi una maggior riflessione dei segnali radio.

73's - Michele
Il radioamatore è una persona affascinata dal comportamento delle onde radio e da tutto ciò che serve ad esplorarle. E' uno sperimentatore che opera nel rispetto delle leggi e che ama condividere con gli altri le proprie conoscenze, Michele IZ8XOV

LA MIA STAZIONE RADIO: www.qrz.com/db/IZ8XOV

ik2cnf

Citazione di: IZ8XOV il 07 Luglio 2017, 14:45:06
La cosa strana che ancora non ho capito in tanti anni di attività è che al contrario in Vhf non è cambiato nulla e i segnali estivi sono sempre fortissimi quando tutti sostengono che l'attività solare incide maggiormente sulle bande alte.

Non è strano, la propagazione in VHF non si basa solitamente sugli strati F della ionosfera, ma utilizza altre vie, come l'Es (E sporadico), la propagazione troposferica e  i vari tipi di propagazione "scatter" che non risentono dell'influenza delle macchie e quindi del ciclo solare.

73 Maurizio ik2cnf

HAWK

No Michele, semplicemente il comburente come si forma in modo inesauribile, le esplosioni da dove traggono il materiale perché avvengano, la fornitura...che fonte ha ?

Tutti sanno, scienziati dicono, quello che succede ma a questa domanda mai sentito risposta, eppure leggo molto e mi documento pure, mai letto nulla, solo che è una stella, con esplosioni nucleari, inficia a volte l'elettromagnetismo terrestre, la luce che vediamo è di 8 minuti ormai vecchia, quindi ?

Come fa a fronte di queste mega esplosioni che di materiale energetico ne usa...ad andare perennemente avanti ?
Ci sarà un getto che noi non vediamo dallo spazio verso la stella ?

Grazie Maurizio IK2CNF...


Maxxim

Citazione di: IZ1PNY il 07 Luglio 2017, 15:46:08
No Michele, semplicemente il comburente come si forma in modo inesauribile, le esplosioni da dove traggono il materiale perché avvengano, la fornitura...che fonte ha ?

Tutti sanno, scienziati dicono, quello che succede ma a questa domanda mai sentito risposta, eppure leggo molto e mi documento pure, mai letto nulla, solo che è una stella, con esplosioni nucleari, inficia a volte l'elettromagnetismo terrestre, la luce che vediamo è di 8 minuti ormai vecchia, quindi ?

Come fa a fronte di queste mega esplosioni che di materiale energetico ne usa...ad andare perennemente avanti ?
Ci sarà un getto che noi non vediamo dallo spazio verso la stella ?

Grazie Maurizio IK2CNF...

Beh.... non è che va avanti all'infinito. Certo per il nostro periodo di vita, si parla di milioni di anni, è un periodo molto lungo, ma anche il sole ha una scadenza. Ora nel pieno della sua vita (è circa a metà del ciclo vitale), per la fusione nucleare, utilizza l'idrogeno che ha incamerato, quando l'idrogeno finirà, utilizzerà l'elio che ha creato grazie alla fusione dell'idrogeno, bruciato quello, diventerà una nana bianca, grande pressappoco quanto la terra. Tra tutti questi passaggi, c'è la fase della gigante rossa, il sole si espande, e con molta probabilità ingloberà anche la terra, e se si avesse fortuna che non viene inglobata, sarebbe talmente vicino, che il nostro amato pianeta, sarà solo roccia fusa. Insomma ci aspetta una calorosa fine.

IZ8XOV

Citazione di: IZ1PNY il 07 Luglio 2017, 15:46:08
No Michele, semplicemente il comburente come si forma in modo inesauribile, le esplosioni da dove traggono il materiale perché avvengano, la fornitura...che fonte ha ?

Tutti sanno, scienziati dicono, quello che succede ma a questa domanda mai sentito risposta, eppure leggo molto e mi documento pure, mai letto nulla, solo che è una stella, con esplosioni nucleari, inficia a volte l'elettromagnetismo terrestre, la luce che vediamo è di 8 minuti ormai vecchia, quindi ?

Come fa a fronte di queste mega esplosioni che di materiale energetico ne usa...ad andare perennemente avanti ?
Ci sarà un getto che noi non vediamo dallo spazio verso la stella ?

Grazie Maurizio IK2CNF...
In sintesi, da quel po che ho letto (la materia è complessa), so che le eruzioni solari provocano una sorta di scissione fra ioni ed elettroni all'interno dell'atmosfera solare. Queste particelle sfuggono alla gravità del Sole e divengono parte del cosiddetto vento solare. Quindi più esplosioni (brillamenti) = maggio vento solare = maggior ionizzazione degli strati = maggior propagazione delle onde radio.
Il radioamatore è una persona affascinata dal comportamento delle onde radio e da tutto ciò che serve ad esplorarle. E' uno sperimentatore che opera nel rispetto delle leggi e che ama condividere con gli altri le proprie conoscenze, Michele IZ8XOV

LA MIA STAZIONE RADIO: www.qrz.com/db/IZ8XOV

IZ8XOV

Citazione di: ik2cnf il 07 Luglio 2017, 15:16:12

Non è strano, la propagazione in VHF non si basa solitamente sugli strati F della ionosfera, ma utilizza altre vie, come l'Es (E sporadico), la propagazione troposferica e  i vari tipi di propagazione "scatter" che non risentono dell'influenza delle macchie e quindi del ciclo solare.

73 Maurizio ik2cnf
Ciao Maurizio, il tuo ragionamento è corretto ma ciò che mettevo in discussione è che fenomeni come l'E-Sporadico e il fenomeno del Ducting (o meglio Tropo-Ducting tipico dei periodi caldi), agiscono per fattori anche di carattere atmosferico (le famose guide d'onda che consentono in Vhf di andare oltre l'orizzonte ottico dipendono prettamente dalle temperature), tuttavia per crearsi questi fenomeni essi devono comunque avere delle aree ionizzate.

Se nell'E-Sporadio le particelle ionizzate sono intrappolate dalle nubi, se nel Ducting si creano queste guide d'onda tutto ciò per avvenire deve avere comunque delle particelle ionizzate in grado di riflettere/trasportare i segnali radio. Ebbene, queste particelle non dovrebbero arrivare comunque dal vento solare?

Il radioamatore è una persona affascinata dal comportamento delle onde radio e da tutto ciò che serve ad esplorarle. E' uno sperimentatore che opera nel rispetto delle leggi e che ama condividere con gli altri le proprie conoscenze, Michele IZ8XOV

LA MIA STAZIONE RADIO: www.qrz.com/db/IZ8XOV

HAWK


Maxxim

Faccio una correzione su quanto ho scritto sopra. Per il sole non si parla di milioni di anni, ma di miliardi (una decina)  ;-)

carlo_forever

#24
Il combustibile nucleare delle stelle non è infinito, è solo molto, anzi enormemente grande.
Si stima che il sole abbia un'età di circa 10 miliardi di anni, e si pensa che abbia un futuro di altrettanto, prima di espandersi. Si espanderà quando avrà finito di bruciare Idrogeno (H), nel cosiddetto ciclo protone-protone. Noi diciamo "bruciare", in realtà nel sole e nelle stelle avviene una fusione nucleare (assolutamente non fredda!), che porta alla formazione di nuclei di Elio (He). L'elio è un "gas nobile", e per ora si mantiene abbastanza quieto, ma quando il Sole avrà terminato l'Idrogeno, la pressione al suo interno genererà tanto calore da innescare altri cicli di fusione nucleare, ad esempio il ciclo di Bethe o ciclo del carbonio-azoto-ossigeno e così via, ma soprattutto si inizierà a "bruciare" l'Elio.
La fusione nucleare del Sole genera esplosioni e brillamenti che spingono nello spazio particelle e segnali radio (i famosi cinguettii del sole ascoltabili su radio ad onda corta). Queste particelle arrivano all'alta atmosfera terrestre e creano le condizioni per la ionizzazione degli atomi ivi presenti, quindi si avranno elettroni, protoni, neutroni+protoni.
La quantità di tale ionizzazione è in funzione dei brillamenti e delle macchie solari. Però attenzione! Il sole non si spegne, ma diminuisce la propria attività.
Non ci sarà mai propagazione = 0, solo propagazione più bassa. Se guardiamo le broadcasting, che irradiano in onde corte potenze dell'ordine dei 50 kW come minimo, queste non soffrono di poca propagazione e si sentono sempre.
Quindi, come fa un DXer a cavarsela? Intanto con ricevitori sensibilissimi; poi sfruttando sistemi come CW o PSK31 che vanno al di sotto del QRM. Alla fine utilizzando, dove è possibile, antenne direttive. Ed alla fine rivitalizzando bande come i 160 e gli 80 metri.
Le forme propagative in VHF non risentono delle macchie solari in quanto non sono da queste innescate, ma da fenomeni molto più terrestri.

Carlo
Inter poenas et tormenta
vivit anima contenta
casti amoris
sola spe

Vincenzo IZ2WMW (Brian)

#25
Cmq ragazzi un paio di mesi fa lessi un bel articolo a riguardo su Qst. Il succo era che in questo periodo di minimo solare ne gioveranno le bande basse. Quindi attrezzatevi per i 40/80/160 come dice Carlo.

73

inviato SM-G930F using rogerKapp mobile


tonytex

Pare che i cicli solari che conosciamo facciano parte di piu vasti periodi di ciclo. Ossia siano sottocicli 11'ennali di un piu vasto andamendo delle macchie solari.
A chi potesse interessare copio qui un interessante articolo che conferma ciò .
" Recentemente, prima della quiescenza, il Sole è uscito da un "grande massimo" di alta attività, tanto che alcuni astronomi hanno suggerito che al momento  potrebbe essere in un periodo di transizione verso un altro minimo di Maunder. Lo scienziato solare Solanki e il suo assistente Krivova hanno indagato su questa possibilità attraverso lo studio passato del Sole. Hanno setacciato i vecchi dati delle macchie solari, ma hanno anche guardato le registrazioni di alcuni isotopi del carbonio e berillio, che ha permesso loro di risalire a tempi ancora più antichi. Questi isotopi, il carbonio-14 ed il berillio-10, vengono prodotti quando il rapido movimento delle particelle dei raggi cosmici impattano nell'atmosfera terrestre. Poichè le tempeste solari aiutano a spazzare via i raggi cosmici dal nostro pianeta, l'abbondanza di carbonio-14 e di berillio-10 consente ai ricercatori di ricostruire l'attività del sole sino a 11.000 anni fa. Solanki e Krivova hanno utilizzato tutte queste informazioni per ottenere un'idea più ampia di come il Sole si comporta in lunghi periodi di tempo. La risposta è stata che esiste un 8% di probabilità che un minimo seguirà un grande massimo entro 40 anni, e circa il 40-50% che si verifichi entro 200 anni. Ma è altrettanto probabile che un altro grande picco massimo avverrà prima di un grande minimo, come evidenzia la maggior parte delle volte negli ultimi 11 mila anni. "

Chi vivrà ....vedrà ...come diceva qualcuno .
TonY TeX

carlo_forever

sì, però non è la catastrofe. Si lavoreranno un po' meglio le bande basse, oppure le VHF, che resteranno come sono sempre state.
Radio Pechino, che ha trasmettitori da MW (MegaWatt!...) non è assolutamente preoccupata del minimo solare.
Chi ha voglia di sperimentare provi anche i 137 e i 400 KHz, di notte dovrebbero pedalare molto, e di giorno vanno per onda di superficie che segue la curvatura, si possono fare interessanti esperienze.

Carlo
Inter poenas et tormenta
vivit anima contenta
casti amoris
sola spe

IZ8XOV

Quoto Carlo  :up: avremo sempre e comunque modo per continuare a divertirci on-air. L'importante è che questa storia del ciclo solare non crei un fuggi fuggi di radioamatori spaventati all'idea di usare le radio solo come soprammobile!
Il radioamatore è una persona affascinata dal comportamento delle onde radio e da tutto ciò che serve ad esplorarle. E' uno sperimentatore che opera nel rispetto delle leggi e che ama condividere con gli altri le proprie conoscenze, Michele IZ8XOV

LA MIA STAZIONE RADIO: www.qrz.com/db/IZ8XOV