Autore Topic: Quando diventa DX?  (Letto 1731 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online serjo61

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 820
  • Applausi 64
  • Sesso: Maschio
  • da casa mia verso il mondo!
    • Mostra profilo
    • su Facebook Nick Sergio
    • E-mail
  • Nominativo: Nick
Quando diventa DX?
« il: 13 Maggio 2017, 15:00:06 »
Buongiorno, apro questa discussione per confrontarmi con le vostre opinioni...
Dopo aver chiamato una stazione ed essermi sentito rispondere "ONLY DX" da questa stazione a più di 1800 km da me, mi è sorto il dubbio... ma quando il collegamento diventa dx? dopo quanti km?
Non credo proprio vi siano regole scritte, penso piuttosto che vada a interpretazione personale e che quindi sia molto soggettivo.
Mi farebbe piacere leggere le vostre opinioni in merito, io sono dell'opinione che la distanza del mio tentativo di collegamento sia già discreta, magari non è un collegamento con l'altra faccia della terra, ma devo ammettere che la risposta che ho avuto mi ha lasciato alquanto stupito e dubbioso.
Buon week end a tutti e buoni DX... di qualunque distanza! :)


Offline imperatore90

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 357
  • Applausi 33
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Quando diventa DX?
« Risposta #1 il: 13 Maggio 2017, 15:03:36 »
Ciao, la penso un po' come te. Secondo me contano molto le condizioni e i contesti per definirsi Dx o meno. Anche a meno km le soddisfazioni sono effettuare collegamenti in condizioni spicciole. 73'

inviato Nexus 5 using rogerKapp mobile


Offline FoxG7

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 5039
  • Applausi 200
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
  • Nominativo: FOX per la banda PMR446
Re:Quando diventa DX?
« Risposta #2 il: 13 Maggio 2017, 15:16:25 »
Buongiorno, apro questa discussione per confrontarmi con le vostre opinioni...
Dopo aver chiamato una stazione ed essermi sentito rispondere "ONLY DX" da questa stazione a più di 1800 km da me, mi è sorto il dubbio... ma quando il collegamento diventa dx? dopo quanti km?
Non credo proprio vi siano regole scritte, penso piuttosto che vada a interpretazione personale e che quindi sia molto soggettivo.
Mi farebbe piacere leggere le vostre opinioni in merito, io sono dell'opinione che la distanza del mio tentativo di collegamento sia già discreta, magari non è un collegamento con l'altra faccia della terra, ma devo ammettere che la risposta che ho avuto mi ha lasciato alquanto stupito e dubbioso.
Buon week end a tutti e buoni DX... di qualunque distanza! :)
  Per come la vedo io....un radioamatore europeo che chiama only dx....vuol contattare soltanto stazioni extra europee.....e comunque a distanze superiori a 4/5000 Km...... poi capita praticamente sempre che ti rispondano ugualmente stazioni non rispondenti ai requisiti chiesti....ma 1/2 qso magari a nuovi operatori inesperti non lo si dovrebbe negare mai.....poi ognuno é libero di comportarsi come crede meglio.   Secondo me....sarebbe piu corretto chiedere espressamente corrispondenti presenti in una determinata area del globo...per evitare malintesi..... :up:
radioamatore e operatore in banda PMR446- QTH loc. JN53RR, Toscana, Italia


Offline ik2cnf

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 289
  • Applausi 49
  • Sesso: Maschio
  • Maurizio
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: ik2cnf
Re:Quando diventa DX?
« Risposta #3 il: 13 Maggio 2017, 15:59:34 »
L'argomento può essere soggettivo, le risposte sopra sono valide.
Se vuoi delle indicazioni (condivisibili) le trovi in "Etica e procedure operative per il radioamatore" http://www.hamradio-operating-ethics.org/sites/default/files/fields/files/10-Eth-Operating-ITALIAN-june2010.pdf, raccomandato dallo IARU






73 Maurizio ik2cnf

Online dattero

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2694
  • Applausi 141
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: 1RGK471 ----IZ2OGG----GINO
Re:Quando diventa DX?
« Risposta #4 il: 13 Maggio 2017, 16:19:41 »
L'argomento può essere soggettivo, le risposte sopra sono valide.
Se vuoi delle indicazioni (condivisibili) le trovi in "Etica e procedure operative per il radioamatore" http://www.hamradio-operating-ethics.org/sites/default/files/fields/files/10-Eth-Operating-ITALIAN-june2010.pdf, raccomandato dallo IARU






73 Maurizio ik2cnf

meglio di così non si poteva rispondere
rtx YAESU FT 817-857-950
     HR2510  ALAN48OLD CTE ALAN K350BC
antenne verticali IMAX2000 X200 
80-60-160 homemade
direttiva VHF 17 elementi polarizzazione orizzontale
direttive homemade 2 elementi 20 metri-2 elementi 17 metri 3 elementi 12 metri
CREATE V730 (la cornuta) direttiva 4 elementi incrociata VHF-UHF homemade, dipolo V invertita home made 12-17-60


Online serjo61

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 820
  • Applausi 64
  • Sesso: Maschio
  • da casa mia verso il mondo!
    • Mostra profilo
    • su Facebook Nick Sergio
    • E-mail
  • Nominativo: Nick
Re:Quando diventa DX?
« Risposta #5 il: 13 Maggio 2017, 17:03:22 »
Grazie a tutti per le risposte, scaricato il pdf e appena posso lo leggo...
Pienamente d'accordo con il chiamare una determinata zona/continente se non si è interessati ad altri paesi...
Comunque c'è sempre da imparare, anche dopo anni di attività .. grazie ancora 🖒

Inviato dal mio SM-N9200 utilizzando rogerKapp mobile


Offline IZ8XOV

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 8360
  • Applausi 493
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Quando diventa DX?
« Risposta #6 il: 13 Maggio 2017, 17:13:12 »
Io definisco Dx ogni Qso collegamento svolto con un paese che non sia l'Italia.
Il radioamatore è una persona affascinata dal comportamento delle onde radio e da tutto ciò che serve ad esplorarle. E' uno sperimentatore che opera nel rispetto delle leggi e che ama condividere con gli altri le proprie conoscenze, Michele IZ8XOV

LA MIA STAZIONE RADIO: www.qrz.com/db/IZ8XOV


roberto- i -t-9-a-c-j

  • Visitatore
Re:Quando diventa DX?
« Risposta #7 il: 13 Maggio 2017, 19:03:24 »
si può definire un dx (collegamento a lunga distanza o distanza X) un qualunque qso fatto oltre i 300 km in linea d'area. ma questo e suscettibile anche perke in 11 metri o in 10 metri quando ce propagazione corta e arriva il sud italia (da roma in giù) il limite del dx si abbassa notevolmente.
nell'estate del 1996, condizioni di propagazione favorelissime per l'italia e presenza di tantissimi operatori in 11 metri, ogni mattina e sera si potevano collegare buona parte dell'italia con anche 25 watt.. ma erano altri tempi, oramai impensabili per la mancanza di interesse in generale.

Offline iw2mur

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 337
  • Applausi 82
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: IU2FZA
Re:Quando diventa DX?
« Risposta #8 il: 13 Maggio 2017, 19:11:15 »
Buongiorno, apro questa discussione per confrontarmi con le vostre opinioni...
Dopo aver chiamato una stazione ed essermi sentito rispondere "ONLY DX" da questa stazione a più di 1800 km da me, mi è sorto il dubbio... ma quando il collegamento diventa dx? dopo quanti km?
Non credo proprio vi siano regole scritte, penso piuttosto che vada a interpretazione personale e che quindi sia molto soggettivo.
Mi farebbe piacere leggere le vostre opinioni in merito, io sono dell'opinione che la distanza del mio tentativo di collegamento sia già discreta, magari non è un collegamento con l'altra faccia della terra, ma devo ammettere che la risposta che ho avuto mi ha lasciato alquanto stupito e dubbioso.
Buon week end a tutti e buoni DX... di qualunque distanza! :)
Secondo me si intende collegamenti fuori dal continente...

 non riesco a mettere a log Malta perché l'unico radioamatore che mi capita di sentire vuole solo dx (o gli stanno sulle balle gli italiani)

Rispetto e non insisto ma apprezzo molto di più chi risponde e mette a log tutti quelli che chiamano

Quando inizi la "scalata", tutto è un dx, poi con il tempo, paesi come Russia europea, ma anche la Russia asiatica diventano facili al punto che sembrano collegamenti locali (anche se non è proprio così)

Inviato dal mio SM-T705 utilizzando rogerKapp mobile



Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2611
  • Applausi 288
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • l blog del Pietricello
    • E-mail
  • Nominativo: IU2DLC
Re:Quando diventa DX?
« Risposta #9 il: 13 Maggio 2017, 19:54:01 »
Tutto quanto citato potrà essere tecnicamente "quasi" ineccepibile ma a mio parere in primis a meno che , come indicato, non si specifichi la nazione/continente (ma anche li' andrebbe fatto) si dovrebbe rispondere a tutti ma tutte ste seghe mentali, pardon, ma mi sembrano da fanatici.

La distanza non puo' essere vista in modo assoluto perche' non dipende solo da quella geografica ma sopratutto dalla banda, propagazione e dalla "stazione" intesa come RTX+Antenna.

Se si dovesse seguire il teorema di cui sopra il DX per quei pochi fortunati con le "antenne mostruose" e tanta potenza sotto dovrebbe essere solo intercontinentale cioè sopra i 5000km? Secondo quanto sopra si perche' specie in certe bande con certe stazioni i 2/3000 Km sarebbero 24/7 ...ma non tutti sono/siamo allineati con antenne ed apparecchiature.

Per uno che tira su' un pezzo di filo alla buona ed esce con pochissimi watt anche i 300 km sono a rigor di logica un DX...
Per me con l'antennino sullo stendino anche 150 Km in V/U sono un DX....
Cosi' come e' un DX quello degli amici in PMR che in montagna coprono i 100 Km e più...

Quindi il concetto diventa relativo e andrebbe rapportato alle possibilità operative di entrambi i corrispondenti. Capisco che al collega messo bene gliene frega e non considererebbe DX parlare da PA a MI ma per me con il pezzo di filo sarebbe un DX quindi per spirito ham meriterei di essere considerato.

Suvvia capisco la "foga" e che ognuno e' libero di far radio come vuole ma cosi' diventa veramente triste.

Non voglio esagerare ma questo e' uno dei motivi (solo uno ovviamente) per il quale non sono più interessato a quel tipo di attività.

Online serjo61

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 820
  • Applausi 64
  • Sesso: Maschio
  • da casa mia verso il mondo!
    • Mostra profilo
    • su Facebook Nick Sergio
    • E-mail
  • Nominativo: Nick
Re:Quando diventa DX?
« Risposta #10 il: 13 Maggio 2017, 20:05:29 »
Premesso che per me, per come sono messo di antenna, ogni collegamento è un dx  però ripeto, la risposta datami dall'"radioamatore" di cui ho parlato, mi pare poco corretta, ragionando con il suo metro allora non si dovrebbe parlare con i connazionali, anzi... manco con gli stessi continentali!
Siccome io sono in radio per divertimento, (anche quando non riesco a collegare nessuno!) e non per stabilire record, come già e successo, se mi risponde o mi chiama un radioamatore a 50 km, io gli rispondo lo stesso, è assurdo riempirsi la bocca di frasi tipo "la radio e fratellanza internazionale, tutti amici tutti belli.." e poi si fanno certe distinzioni chilometriche, posso ancora capirle durante un contest, ma in "chiaccherata libera" mi pare sbagliato porre limiti.
Questa almeno è la mia opinione, forse sbagliata, ma per me la radio è il conoscere il mondo degli altri, il contatto con un paese diverso dal mio da cui, in quei pochi attimi, posso attingerne qualcosa.
Lo so, sono un romanticone, ma sono fatto così!


Offline IU4HOD

  • Orecchio di gomma
  • *
  • Post: 0
  • Applausi 0
    • Mostra profilo
  • Nominativo: IU4HOD
Re:Quando diventa DX?
« Risposta #11 il: 14 Maggio 2017, 08:27:08 »
Non riesco a vedere il pdf. Comunque sono in linea con l ultimo punto. Data la durata medi di un qso  in hf  fai prima a dare un rapporto e un saluto che a spiagare che non vuoi parlarci.

inviato SM-G900F using rogerKapp mobile


metalliserg

  • Visitatore
Re:Quando diventa DX?
« Risposta #12 il: 14 Maggio 2017, 09:48:24 »
Premesso che per me, per come sono messo di antenna, ogni collegamento è un dx  però ripeto, la risposta datami dall'"radioamatore" di cui ho parlato, mi pare poco corretta, ragionando con il suo metro allora non si dovrebbe parlare con i connazionali, anzi... manco con gli stessi continentali!
Siccome io sono in radio per divertimento, (anche quando non riesco a collegare nessuno!) e non per stabilire record, come già e successo, se mi risponde o mi chiama un radioamatore a 50 km, io gli rispondo lo stesso, è assurdo riempirsi la bocca di frasi tipo "la radio e fratellanza internazionale, tutti amici tutti belli.." e poi si fanno certe distinzioni chilometriche, posso ancora capirle durante un contest, ma in "chiaccherata libera" mi pare sbagliato porre limiti.
Questa almeno è la mia opinione, forse sbagliata, ma per me la radio è il conoscere il mondo degli altri, il contatto con un paese diverso dal mio da cui, in quei pochi attimi, posso attingerne qualcosa.
Lo so, sono un romanticone, ma sono fatto così!
So d'accordo con te.
Ma allora: è lo "spirito ham" che va scemando? Oppure sono io che ho un'idea sbagliata di "spirito ham"?


inviato iPhone using rogerKapp mobile


roberto- i -t-9-a-c-j

  • Visitatore
Re:Quando diventa DX?
« Risposta #13 il: 14 Maggio 2017, 12:18:13 »
l'ham spirit è morto,anzi e stramuort e non mi meraviglio più di tanto. i radioamatori della vecchia generazione non esistono più.
i nuovi non hanno nessuna intenzione di fare qualcosa di serio o già si sono scocciati a farlo (vedi me), i vecchi dicono "arrangiatevi e cresce da soli".

Offline FoxG7

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 5039
  • Applausi 200
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
  • Nominativo: FOX per la banda PMR446
Re:Quando diventa DX?
« Risposta #14 il: 14 Maggio 2017, 13:03:36 »
Quindi il concetto diventa relativo e andrebbe rapportato alle possibilità operative di entrambi i corrispondenti. Capisco che al collega messo bene gliene frega e non considererebbe DX parlare da PA a MI ma per me con il pezzo di filo sarebbe un DX quindi per spirito ham meriterei di essere considerato

Ti dico che son d'accordo con te, MA...con le dovute eccezioni:  il post iniziale penso fosse riferito al mondo radioamatore ed alle HF, quindi non considero proprio i "dx" fatti con i pmr446.....ma a parte questo....se un operatore chiama "only dx", lo fa perchè normalmente.......un segnale proveniente da una stazione lontana (tipo da Tuvalu per dire...) arriva con un segnale molto più debole rispetto ad es. una stazione europea...quindi se l'operatore NON ha la frequenza libera NON riuscirà mai a sentire un eventuale segnalino che arriva da là......si verrebbe a creare il famoso "muro":P :P :rool:

Ma esiste in tutto  giusto compromesso e un operatore che stava stamattina sui 17 metri....dalle Isole Canarie è stato l'esempio perfetto:  stava chiamando Asia e JA.....ma visto che dopo diverse chiamate nessuno gli aveva risposto, son spuntate alcune stazioni europee  che hanno provato a chiamarlo....

L'operatore correttamente rispondeva a tutti coloro che lo hanno chiamato e poi riprendeva a ricercare le zone che gli interessavano......il tutto si è svolto in modo tranquillo, ogni 5-10 chiamate dx...magari chiamava una stazione europea e lui gli rispondeva......

Se la cosa si fosse svolta diversamente, ossia si fosse verificato "l'assedio"...probabilmente lui avrebbe smesso di far chiamata e si sarebbe spostato altrove :-\ :-\ :P



 


radioamatore e operatore in banda PMR446- QTH loc. JN53RR, Toscana, Italia


Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2611
  • Applausi 288
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • l blog del Pietricello
    • E-mail
  • Nominativo: IU2DLC
Re:Quando diventa DX?
« Risposta #15 il: 14 Maggio 2017, 14:21:55 »
@Fox: giusto appunto per discorso pmr, il mio era solo un'esempio visto che cmunque come dx penso si intenda collegamento a lunga distanza e penso si possa ampliare a qualsiasi banda e non solo alle hf...relativlizzando la distanza :-)

Sulla parte "...quindi se l'operatore NON ha la frequenza libera NON riuscirà mai a sentire un eventuale segnalino che arriva da là......si verrebbe a creare il famoso "muro"

NON condivido (visto che lo scrivi in maiuscolo e quindi ne sei convinto, hi) perchè è di suo sbagliato il concetto di avere una frequenza libera. Le frequenze sono di tutti coloro che sono regolarmente autorizzate ad usarle. Non c'e' un "noleggio" o accaparramento se pur momentaneo di una frequenza. Se tu fai CQ DX JA ed io dopo 2 minuti vedo che non ti rispondono i giapponesi io posso tranquillamente fare CQ DX NA .. non è un parcheggio ove chi prima arriva staziona al massimo ne tu risponderai a me visto che sei interessato all'Asia ne io rispondero' a te visto che mi interessa il Nord America...nel caso risponda l'Asiatico io mi sto' zitto zitto e cambio frequenza...nel caso risponde l'americano l'altro che cerca l'Asia si stà zitto e cambia frequenza a prescindere se sia arrivato prima o dopo. Ovviamente rispettando il timing ed eventuali collegamenti in corso (ma quello eè sottointeso).

Cioe' è proprio il concetto sbagliato, la frequenza e' di tutti. Non posso pretendere di passarmi ad uso esclusivo ore su una frequenza perche' propizia per Samoa e pretendere che finchè non spunta Samoa per farmi mettere il segnapunti gli altri rispettino questa mia "voglia" lasciando libera la frequenza.

Offline FoxG7

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 5039
  • Applausi 200
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
  • Nominativo: FOX per la banda PMR446
Re:Quando diventa DX?
« Risposta #16 il: 14 Maggio 2017, 15:26:22 »
Sulla parte "...quindi se l'operatore NON ha la frequenza libera NON riuscirà mai a sentire un eventuale segnalino che arriva da là......si verrebbe a creare il famoso "muro"

NON condivido (visto che lo scrivi in maiuscolo e quindi ne sei convinto, hi) perchè è di suo sbagliato il concetto di avere una frequenza libera.......

Allora, cercherò di farla breve, in quanto vorrei evitare di "inquinare"il post:   si, sono concorde sul fatto che le frequenze sono a disposizione di tutti i radiamatori autorizzati, MA l'etica radiamatoriale impone di rispettare l'operato di chi sta usando per primo la frequenza........in altre parole, se io volessi iniziare dalle 00.00 della notte e terminare alle 23.59 del giorno a chiamare qualche parte del globo in modo continuativo sulla stessa frequenza,  io mi sentirei in diritto di farlo e se arrivi te (o qualsiasi altro) che pur sentendomi, mi si mette sopra a chiamare, non potrei altro che considerarlo un comportamento poco etico  :-\ :-\ e gli chiederei per favore di spostarsi   ;-)

Fare attività DX estrema è difficile per  i "normo dotati".....l'unica speranza è cogliere l'attimo giusto e sperare che gli altri radioamatore  (magari anche meglio dotati) siano consapevoli delle difficoltà operative e lascino libero tale spicchiettino di frequenza. 

Io mi comporto così, poi ognuno è liberissimo di comportarsi come meglio crede ;-)

 



« Ultima modifica: 14 Maggio 2017, 15:28:21 da FoxG7 »
radioamatore e operatore in banda PMR446- QTH loc. JN53RR, Toscana, Italia


Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2611
  • Applausi 288
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • l blog del Pietricello
    • E-mail
  • Nominativo: IU2DLC
Re:Quando diventa DX?
« Risposta #17 il: 14 Maggio 2017, 16:23:58 »
Sulla parte "...quindi se l'operatore NON ha la frequenza libera NON riuscirà mai a sentire un eventuale segnalino che arriva da là......si verrebbe a creare il famoso "muro"

NON condivido (visto che lo scrivi in maiuscolo e quindi ne sei convinto, hi) perchè è di suo sbagliato il concetto di avere una frequenza libera.......

Allora, cercherò di farla breve, in quanto vorrei evitare di "inquinare"il post:   si, sono concorde sul fatto che le frequenze sono a disposizione di tutti i radiamatori autorizzati, MA l'etica radiamatoriale impone di rispettare l'operato di chi sta usando per primo la frequenza........in altre parole, se io volessi iniziare dalle 00.00 della notte e terminare alle 23.59 del giorno a chiamare qualche parte del globo in modo continuativo sulla stessa frequenza,  io mi sentirei in diritto di farlo e se arrivi te (o qualsiasi altro) che pur sentendomi, mi si mette sopra a chiamare, non potrei altro che considerarlo un comportamento poco etico  :-\ :-\ e gli chiederei per favore di spostarsi   ;-)

Fare attività DX estrema è difficile per  i "normo dotati".....l'unica speranza è cogliere l'attimo giusto e sperare che gli altri radioamatore  (magari anche meglio dotati) siano consapevoli delle difficoltà operative e lascino libero tale spicchiettino di frequenza. 

Io mi comporto così, poi ognuno è liberissimo di comportarsi come meglio crede ;-)

Sei stato chiarissimo, ma io non lo farei ne pretenderei, pensieri diversi :-) :birra:

Offline IU2IDU

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1043
  • Applausi 68
  • Sesso: Maschio
  • COTA 686-SM Associazione Radioamatori Carabinieri
    • Mostra profilo
    • IU2IDU Official Page
  • Nominativo: IU2IDU
Quando diventa DX?
« Risposta #18 il: 14 Maggio 2017, 23:05:54 »
Seek you (ti sto cercando) è diventato CQ (che in inglese si pronuncia nello stesso modo).....DX perché cerchi un contatto lontano (e non locale).

Seek you DX........CQ DX
IU2IDU operatore GIULIO
686-SM COTA - Associazione Radioamatori Carabinieri


Offline IU2IDU

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1043
  • Applausi 68
  • Sesso: Maschio
  • COTA 686-SM Associazione Radioamatori Carabinieri
    • Mostra profilo
    • IU2IDU Official Page
  • Nominativo: IU2IDU
Quando diventa DX?
« Risposta #19 il: 15 Maggio 2017, 17:49:51 »
Spesso in 20 metri sento una stazione russa che chiama "CQ DX ONLY PACIFIC".....in questo caso è chiaro chi sta cercando. Per il resto io considero nel mio operato DX un collegamento internazionale (anche stazioni europee).

73
IU2IDU operatore GIULIO
686-SM COTA - Associazione Radioamatori Carabinieri

Offline i7ohp

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 531
  • Applausi 180
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: I7OHP - Oscar
Re:Quando diventa DX?
« Risposta #20 il: 20 Maggio 2017, 23:13:58 »
 Buonanotte (sono le 2235, ma forse inizio a tentar di prender sonno verso l  una). Nella procedura nato e icao (aviazione  covile) si usa il cq ' come chiamata generale. Naturalmente quando chiamava, per esempio, la stazione radio del
 comando terza Regione aerea Bari (quanti anni della mia vita ho dato la', più di venti), nominativo inb, al cq rispondevano soltanto le stazioni della 3* r.a. delle quali inb era capo maglia. Tra radioamatore la faccenda è ben diversa
 Ma anche qui ci sono, a volte, delle chiamate cq che selezionano le stazioni che  vorranno rispondere. Il cq semplice dovrebbe accettare tutti, dovrebbe.. Ma non è  sempre così.   Col dx si chiedono risposta da stazioni di continente diverso. Una chiamata  con (esempio) No europe,
Non si gradisce risposta dal continente citato. Con  only japan, si accettano risposte solo da giapponesi (esempio).  Mi son permesso di accennare.. questo argomento perché da radioamatore ho circa 50.000 collegamenti (senza contest che non pratico). Aggiungo che migliaia di questi colleg. hanno durata anche di due ore e in italiano. Spero di essermi reso utile anche se sono in postazione piuttosto sfavorevole. Preciso che vengono fuori errori che non sono di battitura, ma l automatismo mi cambia le parole... un forte ra dioabbraccio, oscar i7ohp

inviato SM-G531F using rogerKapp mobile


Offline lake

  • 1RGK266
  • RGK dx Group
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1628
  • Applausi 234
  • Kenwood-Yaesu-Puxing-Baofeng
    • Mostra profilo
Re:Quando diventa DX?
« Risposta #21 il: 21 Maggio 2017, 07:09:20 »
Come è stato giustamente detto, per spirito Ham bisognerebbe rispondere a tutti (magari con la stazione “vicina” dando solo il rapporto), pero’ per dx secondo me si intende certamente fuori dal continente da cui si sta chiamando, meglio specificare la regione che si cerca NA, SA, ecc cosi’ non ci sono dubbi.
Poi ci sono dei casi in cui l’interpretazione è difficile, ad es. le Canarie (spagna) sono a circa 2500 km da noi, le Azzorre (portogallo) a 3000 km. Sono quindi per appartenenza in Europa ma sono dx???????
Dall’altro lato la Turchia (1500 km circa da noi) è Asia ma è dx?????????
La Tunisia poi (100 km dalla Sicilia) è Africa, ma è dx??????????????????
Monitor R1A IR2CL  145.637,5
https://ik2zlj.jimdo.com/ir2cl-fm/

Offline carlo_forever

  • 1RGK548
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 744
  • Applausi 130
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
  • Nominativo: IU4FMS - 1RGK548 - HOTEL143 - Locator JN54BR33TB
Re:Quando diventa DX?
« Risposta #22 il: 21 Maggio 2017, 08:07:06 »
Io penso che la classificazione "DX", cioè "distance QSO" sia da attribuire a seconda della banda. In 144 un collegamento Parma - Sicilia è un DX. Un collegamento Parma - Norvegia in 27 è un DX. In 20 metri i DX sono quelli come minimo transoceanici. O qualcosa del genere. Le Isole Tonga sono DX su qualunque banda.
Fatto salvo questo io rispondo a chiunque, anche se ho chiamato "CQ DX" o "DX only, please". Preferisco comunque chiamare per settori, es. "CQ Africa", e se mi risponde la Tunisia do il controllo, scambio saluti, ringrazio e torno a chiamare.

Carlo
Inter poenas et tormenta
vivit anima contenta
casti amoris
sola spe