Autore Topic: Petrusse Excalibur  (Letto 891 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Ernestosparalesto

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 9
  • Applausi 0
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: IW2DUG
Petrusse Excalibur
« il: 19 Marzo 2017, 22:52:53 »
Buongiorno a tutti, :287716_abbraccio:

Ho riattivato dopo molto tempo un Petrusse Exaclibur datato ma tenuto molto bene.
Quando alimentato tramite 220V, l'alimentatore interno tende a ronzare e nell'emissione in TX genera una componente alternata piuttosto elevata sulla modulazione sia AM che FM. Alimentato tramite 12V tutto bene senza problemi. Ho quindi deciso di aprirlo visto che avrei poi dato una spruzzata di disossidante secco a potenziometri e commutatori. Facendo due misure sull'uscita del modulo alimentatore all'interno dell'apparecchio, noto che all'uscita del PCB escono la bellezza di 18,8Vcc. :287716_Faccine:
Su questa scheda sono montati alcuni componenti tra cui un trasnsistor 2SD613D su dissipatore di generose dimensioni. Sulla stessa scheda vi è anche un trimer che probabilmente svolge la funzione di regolazione fine della tensione. Girandolo però non si ha nessun effetto, tensione sempre fissa a 18,9Vcc. Il trasformatore a monte esce con 19Vac. Ho provato a fare delle misure sui componenti e sembrerebbe che zener e transistor siano a aposto. il dubbio lo ho su quello di potenza 2SD613D. Dando uno sguardo allo schema che allego qualcuno mi sa dire quale componente di questa scheda può portare ad un incremento così anomalo della tensione di uscita che alimenta la radio ?
Non riesco neppure a capire come la radio sia sopravvissuta venendo alimentata dal suo alimentatore interno a quasi 20Vcc.

Ho poi trovato della incongruenze sui due piccoli  transistors montati sulla scheda che sul manuale vengono citati con alcune sigle, sul PCB con altre e dal vivo con altre ancora. E probabile che si tratti di compatibili ma visto che avrei intenzione sostituire zener, transistor ed elettrolitici, vorrei farlo con trasistor giusti a meno che qualcuno mi suggerisca cosa sostituire in maniera mirata.

Grazie per eventuali consigli che verrete darmi.

   



Offline acquario58

  • 1rgk043
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 10843
  • Applausi 369
  • Sesso: Maschio
  • TORINO-ITALY QTH locator : JN35TA94SV
    • Mostra profilo
  • Nominativo: sempre i miei
Re:Petrusse Excalibur
« Risposta #1 il: 19 Marzo 2017, 23:00:22 »
Con tester e puntali inizierei  a controllare il 2sd6...

Offline RedFox

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 50
  • Applausi 0
    • Mostra profilo
Re:Petrusse Excalibur
« Risposta #2 il: 20 Marzo 2017, 09:03:20 »
Con tester e puntali inizierei  a controllare il 2sd6...

sono d'accordo,altrimenti lo sostituirei direttamenete.
tempo ebbi una brutta esperienza con questo alimentatore,e ancora oggi non mi da nessuna fiducia...
io eviterei di accendere la radio,visto che l'alimentatore funziona sempre anche a radio spenta,prima di fare qualsiasi test dissalderei le connessioni che vanno alla radio..
visto che è sopravissuta fin adesso e meglio non rischiare ancora..


Offline Ernestosparalesto

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 9
  • Applausi 0
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: IW2DUG
Re:Petrusse Excalibur 2002
« Risposta #3 il: 21 Marzo 2017, 17:12:13 »
Salve ragazzi.

Dopo un po di prove e misure ho trovato l'inghippo. Il transistor di potenza 2SD613D era praticamente chiuso tra collettore ed emiter quindi la tensione di base anche se variata tramite il secondo transistor e trimmer non aveva nessuna influenza. Tutto quello che gli arrivava lo buttava in uscita, ecco giustificati i 19V in uscita.

Sostituito con un Darlington BD645 che ha caratteristiche anche di maggiore dissipazione. Sostituito il grosso elettrolitico da 330microF 40v che nello stampato è messo subito dopo il ponte diodi.

Ora il trimmer regola perfettamente e mettendolo nella posizione quasi originale l'ho regolato per una Vout alla radio di 14,00V. Il trasformatore non ronza più, residuo di alternata in RX e TX spariti tanto che ho evitato di mettere come sicurezza un 2200microF da 35V sull'uscita dell'alimentatore per filtrare ulteriormente.

Sostituite le lampadine a bulbo della retroilluminazione dei due strumenti con due led e opportune resistenze di caduta. data una passata generale con spray secco su potenziometri , trimmer, commutatori e relè di commutazione TX (ogni tanto pigiando il PTT non andava in TX). Soffiato il tutto con compressore ed è venuto fuori di tutto. Pulizia generale interna ed esterna con panno e prodotti non corrosivi.

Verdetto finale, ieri sera QSO per 2 ore senza problemi e un'estetica da far invidia a chi inscatolava i prodotti nuovi appena usciti nella produzione. Se siete curiosi vi posto le foto.

Direi che il problema è risolto.

Grazie a tutti dei consigli.

Ci sentiamo in radio.