Autore Topic: RETE RADIO MONTANA  (Letto 186587 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2405
  • Applausi 275
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • l blog del Pietricello
    • E-mail
  • Nominativo: IU2DLC
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #650 il: 19 Gennaio 2017, 21:07:04 »
L'ho detto e lo ripeto. Attenzione nel creare false aspettative. Le iniziative sono di per se lodevoli ma non si deve veicolare (cosa che fate) il concetto che un giocattolo da 10 euro possa salvare la vita!!!! Non scherziamo con le cose serie non vorrei mai un povero escursionista si faccia male e resti nella "M" perchè si e' fidato di un PMR.

Le emergenze si gestiscono in altri modi più seri che con la buona volontà e mezzo watt.
Mi sembra un gran bel gioco ma niente più di questo. Fra l'altro come diceva un'altro lettore essendo frequenze di libero uso chiunque le puo' utilizzare come meglio preferisce e dove meglio preferisce (anche in montagna) per dire "cala la pasta" basta che paghi i 12 euro annui e nessuno puo' dirgli che e' scorretto e/o che manchi di buonsenso.

Se dovessi andare x montagne mi doterei di un bella sim straniera che e' abilitata al roaming su tutti gli operatori e metterei il telefono in modalità GSM....o meglio un vecchio tel. a 900mhz GSM.... in alternativa , come già detto, 30 euro e mi compro il baofeng ...se sono nella M vedi quanto me ne frega se e' legale o meno usare un ponte ripetitore!

lasciamo stare....

Offline siluc

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 393
  • Applausi 97
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto nazionale "Rete Radio Montana"
  • Nominativo: LIMA 1 (RRM)
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #651 il: 19 Gennaio 2017, 21:19:40 »
L'ho detto e lo ripeto. Attenzione nel creare false aspettative. Le iniziative sono di per se lodevoli ma non si deve veicolare (cosa che fate) il concetto che un giocattolo da 10 euro possa salvare la vita!!!! Non scherziamo con le cose serie non vorrei mai un povero escursionista si faccia male e resti nella "M" perchè si e' fidato di un PMR.

Le emergenze si gestiscono in altri modi più seri che con la buona volontà e mezzo watt.
Mi sembra un gran bel gioco ma niente più di questo. Fra l'altro come diceva un'altro lettore essendo frequenze di libero uso chiunque le puo' utilizzare come meglio preferisce e dove meglio preferisce (anche in montagna) per dire "cala la pasta" basta che paghi i 12 euro annui e nessuno puo' dirgli che e' scorretto e/o che manchi di buonsenso.

Se dovessi andare x montagne mi doterei di un bella sim straniera che e' abilitata al roaming su tutti gli operatori e metterei il telefono in modalità GSM....o meglio un vecchio tel. a 900mhz GSM.... in alternativa , come già detto, 30 euro e mi compro il baofeng ...se sono nella M vedi quanto me ne frega se e' legale o meno usare un ponte ripetitore!

lasciamo stare....

Pieschy,
sappiamo già il tuo punto di vista... E neanche perdo tempo a ri-sottolineare cose spiegate, ma mai comprese da chi la pensa in un modo e non cambierà mai idea. Tu la pensi così, altri la pensano cosà.

Oltre che da responsabile del Progetto, parlo da escursionista, alpinista, scialpinista, militare delle Truppe Alpine e volontario del Soccorso Alpino. Ho pertanto al seguito numerose operazioni, esercitazioni e addestramenti specifici, ovvero competenze, anche nell'uso di apparati radio. Di certo, con questo progetto, non giochiamo. Non spenderei tempo e denaro per una causa persa. Ho i miei buoni motivi. Ognuno poi la pensa come gli pare... Ma rimane solamente un parere personale, per l'appunto.

Ciao a tutti  abbraccino
« Ultima modifica: 19 Gennaio 2017, 21:47:08 da siluc »
Simone
Fondatore e Responsabile Nazionale della Rete Radio Montana

ID RRM: LIMA 1

Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2405
  • Applausi 275
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • l blog del Pietricello
    • E-mail
  • Nominativo: IU2DLC
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #652 il: 19 Gennaio 2017, 21:25:47 »
Pieschy,
sappiamo già il tuo punto di vista... E neanche perdo tempo a ri-sottolineare cose spiegate, ma mai comprese da chi la pensa in un modo e non cambierà mai idea. Tu la pensi così, altri la pensano cosà.

Oltre che da responsabile del Progetto, parlo da escursionista, alpinista, scialpinista, militare delle Truppe Alpine e volontario del Soccorso Alpino. Ho pertanto al seguito numerose operazioni, esercitazioni e addestramenti specifici, ovvero competenze, anche nell'uso di apparati radio. Di certo, con questo progetto, non giochiamo. Non spenderei tempo e denaro per una causa persa. Ho i miei buoni motivi. Ognuno poi la pensa come gli pare... Ma rimane solamente un parere personale, per l'appunto.

Ciao a tutti  abbraccino

Giusto per essere chiaro: non ho mai messo in dubbio la tua preparazione, qualifica, competenza e buona volontà e sicuramente quella dei membri di RRM. E' il mezzo (PMR) sul quale , personalmente, non faccio affidamento neanche per il "cala" la pasta. Ma appunto e' solo il mio parere personale nulla di più.
« Ultima modifica: 08 Febbraio 2017, 08:25:56 da Marcello IW9HLI »

Offline StratocasterDG (IU2IJZ)

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 477
  • Applausi 17
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
  • Nominativo: IU2IJZ
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #653 il: 19 Gennaio 2017, 21:27:59 »
Siluc, tutto ok, nulla da ridire. Mi sta bene anche il buon senso ma ciò che voglio sottolineare e che sia chiaro è che se un pincopallino qualsiasi domani va su in montagna sull'8-16 a cantare "pina butta la pasta che arrivo", per la legge attuale è PERFETTAMENTE in regola, al di la di enti, associazioni, forze armate, presidenti della Repubblica o degli Stati Uniti. Il mio timore non è tutto questo, ma le eventuali persone che, come dicevo sopra, prendendosi poi troppo sul serio si trasformino in sceriffi dell'aria, per un canale che è e rimane di libero uso per chi versa la tassa annuale. Intendiamoci, la stessa "filosofia pedante puntualizzatrice" vale anche per quelli che per un certo periodo ho sentito sull'1 per diverse mattine. Forse manovratori di cantiere, chissà, ma il canale era di fatto inservibile. Spero solo che abbiano versato (ma dubito) la tassa prevista per le attività lavorative che usano questi 8 canali.


Inviato dal mio iPhone utilizzando rogerKapp mobile
Francesco - IU2IJZ
1SDG01

Offline siluc

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 393
  • Applausi 97
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto nazionale "Rete Radio Montana"
  • Nominativo: LIMA 1 (RRM)
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #654 il: 19 Gennaio 2017, 21:42:24 »
Siluc, tutto ok, nulla da ridire. Mi sta bene anche il buon senso ma ciò che voglio sottolineare e che sia chiaro è che se un pincopallino qualsiasi domani va su in montagna sull'8-16 a cantare "pina butta la pasta che arrivo", per la legge attuale è PERFETTAMENTE in regola, al di la di enti, associazioni, forze armate, presidenti della Repubblica o degli Stati Uniti. Il mio timore non è tutto questo, ma le eventuali persone che, come dicevo sopra, prendendosi poi troppo sul serio si trasformino in sceriffi dell'aria, per un canale che è e rimane di libero uso per chi versa la tassa annuale. Intendiamoci, la stessa "filosofia pedante puntualizzatrice" vale anche per quelli che per un certo periodo ho sentito sull'1 per diverse mattine. Forse manovratori di cantiere, chissà, ma il canale era di fatto inservibile. Spero solo che abbiano versato (ma dubito) la tassa prevista per le attività lavorative che usano questi 8 canali.


Inviato dal mio iPhone utilizzando rogerKapp mobile

Ovviamente, e chi dice il contrario? Cioè, non ci stai raccontando niente di nuovo... La questione è stata trattata più volte in questi anni, anche su questo Forum. Mantengo un "rapporto" bilaterale con i nostri iscritti, anche tramite i nostri Referenti Regionali, proprio per capire la situazione di disturbi e interferenze all'interno della RRM. Ad oggi i disturbi (involontari o volontari) sul CANALE 8-16 sono estremamente rari. Oggi siamo a 1640 iscritti (domani sicuramente saranno aumentati), e sono istruiti a segnalarci qualsiasi tipo di disturbo. I disturbi sono tutti mappati e categorizzati. Ripeto, attualmente praticamente nulli. Il CTCSS aiuta moltissimo ad evitare tali problemi.

I disturbi più grandi li abbiamo avuti per qualche settimana, circa un anno fa, da parte di un gruppo (ora associazione) che sfruttava la popolarità dell'8-16 per i propri scopi, con strumentazione non lecita a mio avviso. Ad oggi abbiamo risolto questo problema.

Dal momento che organi istituzionali potrebbero usare l'8-16 per comunicare direttamente con una persona infortunata/dispersa durante un'operazione di soccorso, chi da fastidio volontariamente è perseguibile per interruzione di pubblico servizio/operazione di soccorso. Organi istituzionali che man mano aumenteranno di numero.

Dubito, comunque, che le persone giochino con la vita delle persone... Ad esempio durante emergenze (vedi emergenza neve+sisma in Abruzzo di questi giorni). Che interesse avrebbe la gente? Ovvio, i pazzi/pezzi di cacca stanno ovunque!
« Ultima modifica: 19 Gennaio 2017, 21:50:15 da siluc »
Simone
Fondatore e Responsabile Nazionale della Rete Radio Montana

ID RRM: LIMA 1


Offline Maxxim

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 242
  • Applausi 17
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
  • Nominativo: IU0JAZ
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #655 il: 19 Gennaio 2017, 21:56:48 »
Ovviamente, e chi dice il contrario? Cioè, non ci stai raccontando niente di nuovo... La questione è stata trattata più volte in questi anni, anche su questo Forum. Mantengo un "rapporto" bilaterale con i nostri iscritti, anche tramite i nostri Referenti Regionali, proprio per capire la situazione di disturbi e interferenze all'interno della RRM. Ad oggi i disturbi (involontari o volontari) sul CANALE 8-16 sono estremamente rari. Oggi siamo a 1640 iscritti (domani sicuramente saranno aumentati), e sono istruiti a segnalarci qualsiasi tipo di disturbo. I disturbi sono tutti mappati e categorizzati. Ripeto, attualmente praticamente nulli. Il CTCSS aiuta moltissimo ad evitare tali problemi.

I disturbi più grandi li abbiamo avuti per qualche settimana, circa un anno fa, da parte di un gruppo (ora associazione) che sfruttava la popolarità dell'8-16 per i propri scopi. Ad oggi abbiamo risolto questo problema.

Dal momento che organi istituzionali potrebbero usare l'8-16 per comunicare direttamente con una persona infortunata/dispersa durante un'operazione di soccorso, chi da fastidio volontariamente è perseguibile per interruzione di pubblico servizio/operazione di soccorso. Organi istituzionali che man mano aumenteranno di numero.

Dubito, comunque, che le persone giochino con la vita delle persone... Ad esempio durante emergenze (vedi emergenza neve+sisma in Abruzzo di questi giorni). Che interesse avrebbe la gente? Ovvio, i pazzi/pezzi di cacca stanno ovunque!

Sinceramente dubito che ciò possa verificarsi, dal momento che le normative vigenti sono molto chiare sul''utilizzo di queste frequenze. Non c'è un vincolo, come non c'è un articolo o norma, che riconosce il canale 8-16 come canale di emergenza (frequenza dedicata). E' alla stregua del canale 9 della banda cittadina. Se si è in regola con il pagamento della tassa, si può trasmettere. Certo che poi sta alla sensibilità di chi ascolta, che trovandosi davanti un'emergenza, deve cambiare canale e non disturbare le comunicazioni, inoltre queste frequenze sono di libero accesso in europa, se dovesse capitare che una famigliola straniera, disturba, che fa si ritrova tutta in caserma?

Offline uw21

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 406
  • Applausi 14
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • FreeRadioNetwork Italia
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #656 il: 19 Gennaio 2017, 22:03:23 »
Classico caso di sceriffo dell'etere questo. Interruzione di pubblico servizio? Tu ce lo vedi il Pegaso 118 che usa la pmr per coordinare il soccorso? Ma dai..

Lo scopo di pc nostrum è un'umile radioascolto su un canale convenzionale per attivare i soccorsi per extrema ratio quando all'escursionista è rimasto solo il pmr per salvarsi.. e magari qualche gateway in copertura lo riceve e qualche nostra sala radio gira la nota al 118, non so poi gli scopi veri di RRM dal quale mi dissocio.


Inviato dal mio iPhone utilizzando rogerKapp mobile
Protezione Civile Nostrum
saluti sparsi a tutti

Offline siluc

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 393
  • Applausi 97
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto nazionale "Rete Radio Montana"
  • Nominativo: LIMA 1 (RRM)
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #657 il: 19 Gennaio 2017, 22:08:00 »
Classico caso di sceriffo dell'etere questo. Interruzione di pubblico servizio? Tu ce lo vedi il Pegaso 118 che usa la pmr per coordinare il soccorso? Ma dai..

Lo scopo di pc nostrum è un'umile radioascolto su un canale convenzionale per attivare i soccorsi per extrema ratio quando all'escursionista è rimasto solo il pmr per salvarsi.. e magari qualche gateway in copertura lo riceve e qualche nostra sala radio gira la nota al 118, non so poi gli scopi veri di RRM dal quale mi dissocio.


Inviato dal mio iPhone utilizzando rogerKapp mobile
Sinceramente dubito che ciò possa verificarsi, dal momento che le normative vigenti sono molto chiare sul''utilizzo di queste frequenze. Non c'è un vincolo, come non c'è un articolo o norma, che riconosce il canale 8-16 come canale di emergenza (frequenza dedicata). E' alla stregua del canale 9 della banda cittadina. Se si è in regola con il pagamento della tassa, si può trasmettere. Certo che poi sta alla sensibilità di chi ascolta, che trovandosi davanti un'emergenza, deve cambiare canale e non disturbare le comunicazioni, inoltre queste frequenze sono di libero accesso in europa, se dovesse capitare che una famigliola straniera, disturba, che fa si ritrova tutta in caserma?

Non stiamo dicendo che l'8-16 è a uso esclusivo per emergenze. Ma: il Soccorso Alpino è un Istituzione a tutti gli effetti. Il Soccorso Alpino impiega il CANALE 8-16 per gli scopi preposti dal progetto Rete Radio Montana, a seguito dell'accordo di cooperazione. Anche se la frequenza radio è di libero uso, nel caso venisse usata per comunicazioni di emergenza e in operazioni di soccorso, il disturbatore (e mi riferisco a chi sblatera appositamente con pernacchie e quant'altro, non alle famiglie che disturbano senza accorgersene) è punibile! Lo stesso sarebbe su frequenze radioamatoriali, ovviamente... E pure li di radioamatori co***glioni ne è pieno.
Simone
Fondatore e Responsabile Nazionale della Rete Radio Montana

ID RRM: LIMA 1

Offline uw21

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 406
  • Applausi 14
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • FreeRadioNetwork Italia
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #658 il: 19 Gennaio 2017, 22:12:08 »
Volevo sfatare il mito per il quale chi ascolta un gateway esso non riceve l'operatore, falso. Quando una stazione trasmette, se la potenza è la stessa al 99% essa viene anche "sentita" dalla stazione ricevente. Noi radioamatore usiamo echolink anche in simplex e secondo la tesi di "siluc" non avrebbe ragione di esistere perchè "con questi gsteway ascolti ma non riesci a farti sentire" invece i nodi echolink esistono e funzionano da una vita, con lo stesso concetto funzionano i nodi frn di pcnostrum su frequenze pmr, utilizziamo postazioni strategiche per ricevere a largo spettro chi è sui monti o anche in cittá e ha bisogno di aiuto o semplicemente informazioni quando ipoteticamente non vanno i telefoni. E abbiamo avuto la conferma ancora una volta ahimè che i telefoni sono i primi ad andare giù in caso di emergenza.


Inviato dal mio iPhone utilizzando rogerKapp mobile
Protezione Civile Nostrum
saluti sparsi a tutti


Offline Maxxim

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 242
  • Applausi 17
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
  • Nominativo: IU0JAZ
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #659 il: 19 Gennaio 2017, 22:16:29 »
Non stiamo dicendo che l'8-16 è a uso esclusivo per emergenze. Ma: il Soccorso Alpino è un Istituzione a tutti gli effetti. Il Soccorso Alpino impiega il CANALE 8-16 per gli scopi preposti dal progetto Rete Radio Montana, a seguito dell'accordo di cooperazione. Anche se la frequenza radio è di libero uso, nel caso venisse usata per comunicazioni di emergenza e in operazioni di soccorso, il disturbatore (e mi riferisco a chi sblatera appositamente con pernacchie e quant'altro, non alle famiglie che disturbano senza accorgersene) è punibile! Lo stesso sarebbe su frequenze radioamatoriali, ovviamente... E pure li di radioamatori co***glioni ne è pieno.

Dissento. Le bande radioamatoriali sono regolate da norme precise e non interpretabili, quindi l'uso scorretto può essere punito. Le PMR sono frequenze libere, le organizzazioni di soccorso, hanno le loro frequenze (quelle si, che sono dedicate) per guidare gli interventi durante le emergenze. Quindi sotto l'aspetto legale, ripeto, difficilmente si può perseguire chicchessia sia presente su quelle frequenze, proprio perchè nate con scopi ed utilizzi diversi. Questo naturalmente, fino al giorno che non vengano cambiate le norme d'uso, cosa che ritengo altamente improbabile, visto che dovrebbero essere cambiate per l'intera Comunità Europea.

Offline uw21

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 406
  • Applausi 14
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • FreeRadioNetwork Italia
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #660 il: 19 Gennaio 2017, 22:25:35 »
Poi mi sembra qua che gli utenti RRM usino radio non pmr

Non credo fossero OM.

Quindi alla fine senza puntare il dito voglio arrivare a dire che la legalitá in italia un argomento molto variegato, siamo uno dei pochi paesi europei dove non è stato ancora legiferato nulla sui gateway in pmr/cb quindi non ci appigliamo a cavilli legali quando non possiamo permettercelo, ogni operatore PCN ne risponde personalmente all autorità nel caso in cui la PROPRIA installazione sia fuori omologazione. Non sta a te di RRM asserire che i ns sistemi sono fuori standard senza prove ma solo in base alle tue orecchie o rapporti di segnale chissa presi come con qualche baofeng al massimo.. e poi si trovano in rete video dove operatori RRM
usano baofeng 888 liberamente a 4w su frequenza PMR. Ovviamente NON AMMESSI.


Per maxxim quoto in pieno.


Inviato dal mio iPhone utilizzando rogerKapp mobile
Protezione Civile Nostrum
saluti sparsi a tutti


Offline siluc

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 393
  • Applausi 97
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto nazionale "Rete Radio Montana"
  • Nominativo: LIMA 1 (RRM)
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #661 il: 19 Gennaio 2017, 22:26:16 »

- https://www.facebook.com/CNSASLazio/photos/a.506898349372335.1073741832.506495899412580/1314409701954525/?type=3
Simone
Fondatore e Responsabile Nazionale della Rete Radio Montana

ID RRM: LIMA 1

Offline uw21

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 406
  • Applausi 14
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • FreeRadioNetwork Italia
RETE RADIO MONTANA
« Risposta #662 il: 19 Gennaio 2017, 22:31:05 »
Non ci interessa come funzionano i soccorsi, a noi interessa girare la nota al 112/118 come farebbe un qualunque escursionista col telefono, laddove non va il telefono, ci siamo noi con una rete radio funzionante anche in caso di assenza di energia. Lo scopo è questo. Quello che dicevo nel post da te quotato e strumentalizzato che non puoi parlare di "interruzione di pubblico servizio" se ce un idiota che da fastidio su frequenza pubblica 8/16 durante un soccorso. E sicuramente non si coordina con la propria sala operativa con un pmr il PEGASO. tu dovresti prendere la patente OM almeno quando parli di ciò che concerne radio e normative visto che te ne vuoi occupare non pecchi di ignoranza. Io e pc nostrum non ci dobbiamo occupare di soccorsi sul posto ma sulla ricezione di chiamate e gestione LAICA dell'eventuale emergenza. Ripeto: umile radioascolto su canale convenzionale


Inviato dal mio iPhone utilizzando rogerKapp mobile
Protezione Civile Nostrum
saluti sparsi a tutti

Offline siluc

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 393
  • Applausi 97
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto nazionale "Rete Radio Montana"
  • Nominativo: LIMA 1 (RRM)
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #663 il: 19 Gennaio 2017, 22:32:02 »
Volevo sfatare il mito per il quale chi ascolta un gateway esso non riceve l'operatore, falso. Quando una stazione trasmette, se la potenza è la stessa al 99% essa viene anche "sentita" dalla stazione ricevente. Noi radioamatore usiamo echolink anche in simplex e secondo la tesi di "siluc" non avrebbe ragione di esistere perchè "con questi gsteway ascolti ma non riesci a farti sentire" invece i nodi echolink esistono e funzionano da una vita, con lo stesso concetto funzionano i nodi frn di pcnostrum su frequenze pmr, utilizziamo postazioni strategiche per ricevere a largo spettro chi è sui monti o anche in cittá e ha bisogno di aiuto o semplicemente informazioni quando ipoteticamente non vanno i telefoni. E abbiamo avuto la conferma ancora una volta ahimè che i telefoni sono i primi ad andare giù in caso di emergenza.


Inviato dal mio iPhone utilizzando rogerKapp mobile

"Quando una stazione trasmette, se la potenza è la stessa al 99% essa viene anche "sentita" dalla stazione ricevente" ... "SE", hai detto bene  :dance:

Ancora non capisco perchè col mio G10 (omologato) vi ricevo a fondo scala (7sub16), ma da Monte Giano (ad esempio) non riesco ad agganciare il gateway... Però da Roma zona GRA SUD lo aggancio senza problemi. Poi vabè, ci sono altre cose che non capisco, o meglio, le capisco... però vabè...  :grin:
Simone
Fondatore e Responsabile Nazionale della Rete Radio Montana

ID RRM: LIMA 1

Offline uw21

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 406
  • Applausi 14
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • FreeRadioNetwork Italia
RETE RADIO MONTANA
« Risposta #664 il: 19 Gennaio 2017, 22:36:40 »
Queste sono tue congetture e quasi diffamazioni.. forse il tuo g7 ha problemi.

Questo vecchio video dimostra l'opposto: 

Quando si riceve si aggancia ;) mt5050.. il gateway in questione lavorava con la stessa apparecchiatura del nodo di roma sud  pcn ..
Quindi parlare cosi a vanvera senza prove o preparazione tecnica in ambito radio, per me è tempo perso.
Piuttosto mi concentrerei sui propri utenti che pubblicizzano l'uso di radio non omologate su RRM prima di accusare il prossimo

Saluti


Inviato dal mio iPhone utilizzando rogerKapp mobile
Protezione Civile Nostrum
saluti sparsi a tutti


Offline lake

  • 1RGK266
  • RGK dx Group
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1560
  • Applausi 228
  • Kenwood-Yaesu-Puxing-Baofeng
    • Mostra profilo
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #665 il: 19 Gennaio 2017, 22:37:48 »
La storia di rrm e  (almeno qui sul forum) è una storia infinita e si susseguiranno ancora decine di post pro o contro, io come la penso l’ho gia’ scritto piu’ volte, da frequentatore della montagna in inverno (non come escursionista o alpinista, ma semplicemente da sciatore) mi è capitato qualche volta di scambiare 2 parole con addetti al soccorso nella mia zona (valsassina) e quando ho accennato loro di questa iniziativa mi hanno detto che non la conoscevano (puo’ essere che ho parlato con le persone sbagliate), cmq concordo con quanto detto da Pieschy, piuttosto di un semplice pmr, meglio dotarsi di un bibanda cinesino da tenere nello zaino, se volete anche con gommino staccato e poi in caso di vera emergenza usarlo su tutti i rpt agganciabili alla faccia della legalità o meno……….
Monitor R1A IR2CL  145.637,5
https://ik2zlj.jimdo.com/ir2cl-fm/

Offline siluc

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 393
  • Applausi 97
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto nazionale "Rete Radio Montana"
  • Nominativo: LIMA 1 (RRM)
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #666 il: 19 Gennaio 2017, 22:56:00 »
Non ci interessa come funzionano i soccorsi, a noi interessa girare la nota al 112/118 come farebbe un qualunque escursionista col telefono, laddove non va il telefono, ci siamo noi con una rete radio funzionante anche in caso di assenza di energia. Lo scopo è questo. Quello che dicevo nel post da te quotato e strumentalizzato che non puoi parlare di "interruzione di pubblico servizio" se ce un idiota che da fastidio su frequenza pubblica 8/16 durante un soccorso. E sicuramente non si coordina con la propria sala operativa con un pmr il PEGASO. tu dovresti prendere la patente OM almeno quando parli di ciò che concerne radio e normative visto che te ne vuoi occupare non pecchi di ignoranza. Io e pc nostrum non ci dobbiamo occupare di soccorsi sul posto ma sulla ricezione di chiamate e gestione LAICA dell'eventuale emergenza. Ripeto: umile radioascolto su canale convenzionale

Infatti non ho detto che si coordina sull'8-16 con la propria C.O. ..... Dai, le cose le ho ben spiegate (QUI)... Dici una cosa (sbagliata), e ti ho spiegato il perchè del contrario. Nel caso, eventuale, il TE non avesse l'8-16 disponibile, alle brutte può succedere questo: il TE parla con le squadre a terra del Soccorso Alpino tramite frequenze interne, che poi hanno modo di parlare con la persona dispersa, ad esempio in un fitto bosco, tramite 8-16. Poi ci si aggiunge l'utilità di RERAMONET, a cui il Soccorso Alpino ha accesso... Ma questo è un altro discorso.


La storia di rrm e  (almeno qui sul forum) è una storia infinita e si susseguiranno ancora decine di post pro o contro, io come la penso l’ho gia’ scritto piu’ volte, da frequentatore della montagna in inverno (non come escursionista o alpinista, ma semplicemente da sciatore) mi è capitato qualche volta di scambiare 2 parole con addetti al soccorso nella mia zona (valsassina) e quando ho accennato loro di questa iniziativa mi hanno detto che non la conoscevano (puo’ essere che ho parlato con le persone sbagliate), cmq concordo con quanto detto da Pieschy, piuttosto di un semplice pmr, meglio dotarsi di un bibanda cinesino da tenere nello zaino, se volete anche con gommino staccato e poi in caso di vera emergenza usarlo su tutti i rpt agganciabili alla faccia della legalità o meno……….

Il CNSAS ha una struttura territoriale estremamente strutturata e complessa. E' un Corpo Nazionale, ma ogni Servizio Regionale o Provinciale ha una sua autonomia. Ma le qualifiche (riconosciute dalla legge) si ottengono con esami e moduli formativi identici per tutti.

E' ovvio che non tutte le Stazioni o le Delegazioni o i Servizi Regionali ne sono a conoscenza. E' complesso cooperare con un'Istituzione simile... Ma abbiamo il nostro bel da fare. Se poi hai parlato con un operatore, magari il suo Delegato Alpino conosce l'iniziativa, che divulgherà solamente ad accordo firmato ai suoi operatori.


Queste sono tue congetture e quasi diffamazioni.. forse il tuo g7 ha problemi.

Questo vecchio video dimostra l'opposto: 

Quando si riceve si aggancia ;) mt5050.. il gateway in questione lavorava con la stessa apparecchiatura del nodo di roma sud  pcn ..
Quindi parlare cosi a vanvera senza prove o preparazione tecnica in ambito radio, per me è tempo perso.
Piuttosto mi concentrerei sui propri utenti che pubblicizzano l'uso di radio non omologate su RRM prima di accusare il prossimo

Saluti

Siamo sicuri che il gateway è fatto con un apparato omologato? Io no... O magari ne ho la certezza, chissà...

Gli utenti sono debitamente informati ed indirizzati sulle normative in vigore. L'importante è che i "rappresentati" facciano il loro. Io faccio il loro... E i "rappresentati" delle Ass. di ProCiv fanno il loro dal lato normativo?

Io e il mio staff siamo in regola... Diamo il giusto esempio. Voi, come Associazione di Protezione Civile, operate nel lecito? Un'Associazione, a maggior ragione, ha ancora più responsabilità in tale ambito... Non ci nascondiamo dietro al termine Protezione Civile per fare vaccate... QUESTO E' UN DISCORSO GENERALE!!! MAGARI NON E' IL VOSTRO CASO... O MAGARI SI. Ognuno è grande e vaccinato e si assume le proprie responsabilità!
« Ultima modifica: 19 Gennaio 2017, 23:02:42 da siluc »
Simone
Fondatore e Responsabile Nazionale della Rete Radio Montana

ID RRM: LIMA 1

Offline siluc

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 393
  • Applausi 97
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto nazionale "Rete Radio Montana"
  • Nominativo: LIMA 1 (RRM)
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #667 il: 19 Gennaio 2017, 23:05:59 »
Queste sono tue congetture e quasi diffamazioni.. forse il tuo g7 ha problemi.

Questo vecchio video dimostra l'opposto: 

Quando si riceve si aggancia ;) mt5050.. il gateway in questione lavorava con la stessa apparecchiatura del nodo di roma sud  pcn ..
Quindi parlare cosi a vanvera senza prove o preparazione tecnica in ambito radio, per me è tempo perso.
Piuttosto mi concentrerei sui propri utenti che pubblicizzano l'uso di radio non omologate su RRM prima di accusare il prossimo

Saluti


Inviato dal mio iPhone utilizzando rogerKapp mobile

Il mio G10 funziona benissimo... Stessi test fatti con il G9 PLUS del Soccorso Alpino (usato per l'8-16, omologato e regolarmente autorizzato assieme a quelli in uso alle altre Stazioni di Soccorso del Lazio): da vicino Saracinesco (RM) ascolto fondo scala, ma non aggancio. Poi poco dopo si va a Monte Ripoli e aggancio senza problemi (ovvio, ricevo sempre fondo scala).
Simone
Fondatore e Responsabile Nazionale della Rete Radio Montana

ID RRM: LIMA 1

Offline siluc

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 393
  • Applausi 97
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto nazionale "Rete Radio Montana"
  • Nominativo: LIMA 1 (RRM)
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #668 il: 19 Gennaio 2017, 23:16:34 »
Qui uno screen di una schermata di RERAMONET:



... A seguito, ovviamente, della sottoscrizione dell'Accordo di Cooperazione da parte del Servizio Regionale Lazio del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico.
Simone
Fondatore e Responsabile Nazionale della Rete Radio Montana

ID RRM: LIMA 1


Offline siluc

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 393
  • Applausi 97
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto nazionale "Rete Radio Montana"
  • Nominativo: LIMA 1 (RRM)
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #669 il: 19 Gennaio 2017, 23:36:59 »
[...] Non sta a te di RRM asserire che i ns sistemi sono fuori standard senza prove ma solo in base alle tue orecchie o rapporti di segnale chissa presi come con qualche baofeng al massimo.. e poi si trovano in rete video dove operatori RRM usano baofeng 888 liberamente a 4w su frequenza PMR. Ovviamente NON AMMESSI. [...]

Io posso dire la mia assolutamente... Ho sempre messo il FORSE e il SECONDO ME. E io non asserisco... Magari (forse) ho le prove... E dal momento che insisti tanto, un po' mi fai sorridere....... Però alla fine sti cavoli, non mi riguarda al momento, ma, ripeto, mi fai sorridere. E le prove ti assicuro che non si basano solamente su quello che le mie orecchie ascoltano... Neanche su qualche S-Meter di cinesine, che probabilmente sono imprecisissimi, vista la scarsa qualità meccanica ed elettrica.

Per quanto riguarda quel video, come spiegato in qualche post sopra, affari dei possessori. Io, come responsabile, ho messo a conoscenza delle norme ciascun iscritto, più volte, e soprattutto la mia strumentazione, da "portavoce" che sono, è più che in regola. Cosa che ogni responsabile/portavoce ufficiale dovrebbe fare. Poi ovvio, se qualsivoglia persona romperà le palle al prossimo, in caso di controlli se ne assume tutte le responsabilità. Ma non sono un mio problema, la RRM non è un'associazione e io non sono il Presidente di niente.

Discoro diverso per un'associazione. Penso che la tua associazione abbia fatto la regolare D.I.A. a nome dell'associazione, ovvero il pagamento della tassa. Al momento non siete ONLUS, quindi se non sbaglio qualcosa pagate (forse meno dei 12 Euro, non so la riduzione). Se commettete un illecito, a quel punto, lo commettete a nome dell'Associazione che rappresentate, di cui siete soci/operatori. L'eventuale multa ed eventuale sequestro, se l'accolla il responsabile dell'Associazione, immagino. Magari qualche cavolata l'ho detta... Non sono espertissimo in materia, ma qualcosa ho chiesto in giro. Operate per conto dell'Associazione PCN se non sbaglio, altrimenti non l'avreste nominata immagino.

Leggendo in giro alcuni articoli, le sanzioni di apparati non a norma le hanno applicate all'Associazione, non alla persona che le utilizza per esigenze di servizio.
« Ultima modifica: 20 Gennaio 2017, 00:39:37 da siluc »
Simone
Fondatore e Responsabile Nazionale della Rete Radio Montana

ID RRM: LIMA 1

Offline siluc

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 393
  • Applausi 97
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto nazionale "Rete Radio Montana"
  • Nominativo: LIMA 1 (RRM)
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #670 il: 20 Gennaio 2017, 00:55:00 »
[...] Ripeto: umile radioascolto su canale convenzionale

Non lo definirei "umile radioascolto"... Le comunicazioni in alcune situazioni/giornate sono regolari, scambio di info tra Lazio e Liguria, chiacchierate, etc. etc.. Di registrazioni ne ho quante ne volete (banda libera, non protetta, posso farlo). Anche quelle in cui, in diversi episodi dell'anno scorso, più escursionisti a quota 2000 metri e a qualche Km di distanza tra loro, situazione meteo critica in quota con neve alta durante attività alpinistica, non riuscivano a parlare tra di loro, perchè ricevevano (erano tra Lazio e Abruzzo) trasmissioni a fondo scala (provenienti da Roma e dalla Liguria), chiacchierate più che altro... E senza accorgersene parlavano sopra a queste persone, come ad altre in altri episodi.

Pertanto, pure se lavoraste illegalmente, non lo fate per sole questioni di emergenza (e ci potrei anche stare se fosse per la sola ricezione di chiamate di emergenza)... Ma usate infrastrutture particolari, illecite, anche per fare quattro chiacchiere, scambio info TRA OPERATORI DELL'ASSOCIAZIONE... Quindi usate una rate radio per scopi diversi da quelli preposti. Le comunicazioni interne ad un'Associazione di Protezione Civile credo che debbano avvenire su frequenze CIVILI, soprattutto a livello interregionale... Dal Lazio alla Liguria. Cosa impensabile per un PMR-446. Essere coperti in Abruzzo da comunicazioni provenienti da Genova... Diamine... Non è utile.

Non dico nulla di segreto. Sul vostro sito Jimdoo sono indicate le frequenze e relative zone... A chi è nelle zone coperte da gateway gli basta fare qualche giorno di ascolto (o magari dopo questo post tali conversazioni non si sentiranno per un po).

Questo è il servizio di radioascolto al fine di ricevere comunicazioni di emergenza e rigirarle alle autorità competenti? Se uno di quei poracci stava con una gamba rotta e senza rete GSM, rimaneva congelato lissù, perché né operatori né l'altro alpinista sarebbe stato in grado di comunicare: il Gateway COPRIVA entrambi gli alpinisti, nonostante si parlavano da pochi km e da cima a cima, e gli operatori tramite il gateway facevano tutto meno che supportare l'alpinista, scopo per quale vi ponete. Cioè, una persona riceve Roma e non il tizio dalla montagna accanto. Vabè.

Questo accadeva quando usavate l'8-16, e sicuramente ogni tanto capiterà ancora sul 07-16 (non lo ascolto sempre, ma capita), ma immagino sia una cosa normale con certi sistemi.

Caspita, preferisco assolutamente il NON utilizzo di FRN. Una richiesta dalla Liguria come la gestisci (nel caso in cui riceviate correttamente la persona)? Da Imperia chiami il 118, ti risponde la C.O. provinciale (in Liguria), quindi un passaggio di informazioni e trasferimento di competenze lungo, che è già complesso tra centrali operative della stessa zona. La C.O. Imperia chiama quindi qualche numero diretto della C.O. di Rieti... Che a sua volta deve ripassare le informazioni alla C.O. del Soccorso Alpino Lazio... Che a sua volta necessiterà di informazioni particolari (la richiesta di soccorso in montagna non è una classica richiesta cittadina). Quindi chiama il 118 di Rieti, che chiamerà a sua volta il 118 di Imperia, e così via. Esatto, gli interventi devono essere gestiti dalla locale C.O., che tra l'altro conosce il territorio di competenza.

Prefirisco aumentare le utenze che monitorano da casa e dalle montagne (durante le escursioni). In alcune zone il numerico è davvero positivo ed efficente. Anche in Liguria nel week-end.

In Liguria continuiamo ad assegnare nostri ID, sintomo che anche nelle vostre zone di origine, è il CANALE 8-16 che va per in montagna, non PCN. E non abbiamo proprio la paura che dirottiate sulle vs. frequenze i nostri utenti... E' nostra cura sensibilizzare tutti all'utilizzo dell'8-16, e diciamo a tutti che si perdono importanti potenziali se alcuni sono da una parte e altri da un'altra. Ovvio, nelle zone in cui ci sono vostre strutture, badiamo bene a chi dare questi consigli... Perché magari sono persone mandate all'avascoperta da voi, che possono decentrare le utenze su canali diversi dall'8-16... Ma chi riceverà questo invito (libero di farlo) generalmente ce ne darà comunicazione... E per di più ci impegnamo col Soccorso Alpino della Liguria, come con il Soccorso Alpino di tutta Italia... Che magari non fa parte della RRM... Ma sa cosè, e sa che il CNSAS Lazio già ne fa parte e utilizza la RRM. E magari presto coopererà anch'esso.

Noi non ci azzardiamo, e non è di nostra competenza, cercare di ricreare un "Canale Echo" nazionale, e non abbiamo la presunzione di farlo. Le nostre linee guida sono completamente diverse, specifiche per l'ambiente montano/Soccorso Alpino, legali, e gestite in un modo particolare.

Ma di certo non tentiamo di simulare una 161.300, che è una rete attiva in una Regione in cui è presente una sola piccola Provincia, in cui le chiamate vengono ricevute (tramite selettiva) direttamente da 118/CNSAS di quella specifica regione, la quale frequenza è stata data in concessione (temporanea) ad una Regione Autonoma... Non ad una grande o piccola associazione di volontariato.... Però magari alcune strutture importanti con cui cooperiamo riuscirebbero a ricreare cose molto simili alle realtà già esistenti... Loro già operano a livello nazionale, hanno già diverse frequenze radio... E vista l'istituzionalità riusciranno, chissà, ha destinare una freq. per i nostri scopi, che fanno comodo anche a loro.

Poi oh, se riuscite ad ottenere una frequenza civile liberamente usabile dal cittadino, un plauso abnorme! Però è dura... Grandi realtà radioamatoriali/nazionali che fanno protezione civile hanno avuto enormi difficoltà a fare cose simili. Per non parlare degli apparati civili, che devono essere omologati, e costa al cittadino.

Eravate partiti, secondo me, bene col discorso alluvioni e maxi-emergenze... "Se non ci sono le linee chiamiamo per voi i vostri parenti su richiesta via radio"..... etc etc.... Siete arrivati a voler far tutto, e secondo me è stata una strategia errata. In alcuni ambiti è una copia della RRM, ma gestita male a prescindere. Secondo me se vi "specializzate" in un settore specifico (maxi-emergenze) arrivavate a risultati superiori. Parere personale, che può essere pure completamente sbagliato. ci mancherebbe. La montagna è ambito specifico CAI e CNSAS... Il personale è qualificato da scuole riconosciute dalla legge.... E noi è con loro che stiamo lavorando e ottimizzando il tutto... E' il CAI che cura l'aspetto della montagna, escursionismo e quant'altro.

Non sono radioamatore... Vero, e non mi interessa "sperimentare" o chiacchierare le ore sulle bande ad esso riservate. Ognuno ha la sua passione. La passione che ho io è quella di usare la radio per questioni unicamente operative. I radioamatori invece sperimentano sui 144-145 e sui 430-433. Per quel che mi interessa fare non devo essere radioamatore.

Elettronica, TLC e radiotecnica l'ho studiata per 3 anni. Se non sbaglio la patente la prendo senza esami nel mio caso. Il codice Q lo so per cultura personale. L'alfabeto fonetico NATO ce l'ho nel sangue. I tirocini in Torre di Controllo come Controllore del Traffico aereo mi hanno permesso di usare molto bene le radio, e soprattutto la fraseologia. In ambito Soccorso Alpino mi sto occupando in ambito provinciale della rete radio DMR, con invio della posizione dati sul secondo Slot. Chiamate selettive in analogico e quant'altro. Diciamo che fra lavoro e passione qualcosina ne capisco, pure se non sono radioamatore.

Questo per dire... Che non sono radioamatore... Non siamo un'associazione... Ma abbiamo studiato una strategia, che giorno dopo giorno porta i suoi frutti: la RRM si espande di continuo e in maniera funzionale. Il PMR-446 omologato fa il lavoro che noi vogliamo fargli fare, e il tutto funziona. Ovvio, c'è da lavorare di continuo per aumentare l'efficacia in zone "povere", ma siamo certi di farcela, visti i precedenti.

Con questo lunghissimo post rispondo alle vs. critiche, fornendovi (dietro le righe) ulteriori elementi che vi possono far capire che non giochiamo, che trasformiamo i PMR da giochi a importante strumento, e che tante volte bisognerebbe capire davvero che il lavoro che c'è dietro spesso muove l'inamovibile.

Buonanotte.
« Ultima modifica: 20 Gennaio 2017, 01:33:49 da siluc »
Simone
Fondatore e Responsabile Nazionale della Rete Radio Montana

ID RRM: LIMA 1

Offline mitiko95

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 240
  • Applausi 4
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #671 il: 20 Gennaio 2017, 01:15:18 »
Raga buona sera... e la prima.volta che sento questa rete radio montana... vorrei iscrivermi... magari per prestare soccorso da casa... vorrei sapere un po come funziona l iscrizione... ho un g9 plus... grazie ragazzi! Aspetto risposte da qualcuno che magari gia e iscritto... grazie mille

inviato SM-A510F using rogerKapp mobile


Offline siluc

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 393
  • Applausi 97
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto nazionale "Rete Radio Montana"
  • Nominativo: LIMA 1 (RRM)
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #672 il: 20 Gennaio 2017, 01:23:06 »
Raga buona sera... e la prima.volta che sento questa rete radio montana... vorrei iscrivermi... magari per prestare soccorso da casa... vorrei sapere un po come funziona l iscrizione... ho un g9 plus... grazie ragazzi! Aspetto risposte da qualcuno che magari gia e iscritto... grazie mille

inviato SM-A510F using rogerKapp mobile

Se rispetti le seguenti condizioni sei il benvenuto:

- Sono maggiorenne (18 anni compiuti).
- Ho la residenza in un comune italiano.
- Pratico attività outdoor in montagna o nei boschi del territorio italiano...
*** IMPORTANTE: Elenco attività ammesse ***
Attività ammesse:
Potrai accettare questa condizione, ovvero procedere alla compilazione del modulo, esclusivamente se pratichi almeno una delle seguenti attività outdoor:

Ambiente estivo o non innevato: Escursionismo; Escursioni avanzato (ferrata); Alpinismo; Arrampicata (roccia).
Ambiente innevato: Escursionismo (con ciaspe); Alpinismo; Sci Alpinismo; Arrampicata (ghiaccio); Sleddog.
Sport invernali: Sci; Sci di fondo; Snowboard.
Volo Libero: Parapendio; Deltaplano.
Sport lacustri: Barca/Gommone; Barca a vela; Canoa.
Altre attività: Mountain Bike; Ricerca funghi; Caccia; Pesca; Fuoristrada (4X4); Torrentismo (canyoning); Speleologia.

In caso contrario la tua partecipazione al Progetto sarebbe obsoleta, in quanto la Rete Radio Montana è dedicata esclusivamente a questa tipologia di pubblico.
***********************************************

- Sono già in possesso di un apparato radio PMR-446 compatibile con il CANALE 8-16 della Rete Radio Montana.
- I dati personali sopra-indicati sono completamente veritieri.
- Ho letto e compreso l'informativa sulla Privacy e approvo il trattamento dei miei dati personali nelle modalità precedentemente indicate.


... Ma visita il sito ufficiale per approfondire prima, non iscriverti "a buffo".

Da casa non presterai nessun soccorso. Ne da casa, ne se sarai in giro.
Simone
Fondatore e Responsabile Nazionale della Rete Radio Montana

ID RRM: LIMA 1


Offline mitiko95

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 240
  • Applausi 4
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #673 il: 20 Gennaio 2017, 01:25:32 »
Ah okok perfetto... volevo solo info... credevo che da casa abruzzo zona mare potevo ascoltare e aiutare... se non erro ho letto che si poteva ascoltare anche da casa... ti ringrazio lo stesso

inviato SM-A510F using rogerKapp mobile


Offline siluc

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 393
  • Applausi 97
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto nazionale "Rete Radio Montana"
  • Nominativo: LIMA 1 (RRM)
Re:RETE RADIO MONTANA
« Risposta #674 il: 20 Gennaio 2017, 01:36:16 »
Ah okok perfetto... volevo solo info... credevo che da casa abruzzo zona mare potevo ascoltare e aiutare... se non erro ho letto che si poteva ascoltare anche da casa... ti ringrazio lo stesso

inviato SM-A510F using rogerKapp mobile

Certo, ma per l'iscrizione devi praticare attività escursionistica, alpinistica, etc. Accettiamo solo appassionati di montagna... Se oltre alla montagna sei anche appassionato di radio benvenga.

Nulla ti vieta di monitorare comunque l'8-16... Ma senza ID da noi rilasciato.
Simone
Fondatore e Responsabile Nazionale della Rete Radio Montana

ID RRM: LIMA 1