Autore Topic: ricevitori in superreazione  (Letto 2912 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Abusivo

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3040
  • Applausi 108
  • Sesso: Maschio
  • qth l'Aquila
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:ricevitori in superreazione
« Risposta #25 il: 21 Maggio 2019, 13:26:07 »
...tu che ti trovi a più di 2000 metri di altezza...
E c'è ancora tanta neve!!!
Eh si, purtroppo su quelle bande ascolto diverse modulazioni ma non saprei dirti da dove arrivano.
Non sono QSO ma comunicazioni di servizio.

Online kz

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1642
  • Applausi 50
    • Mostra profilo
  • Nominativo: RRM TANGO34
Re:ricevitori in superreazione
« Risposta #26 il: 21 Maggio 2019, 14:16:40 »
Microonda potresti ragionare sui 50-52 MHz, il comportamento non è troppo lontano dai 70 e stai tranquillo di non interferire con servizi o trasmissioni di terzi.

Offline microonda

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1142
  • Applausi 41
    • Mostra profilo
Re:ricevitori in superreazione
« Risposta #27 il: 21 Maggio 2019, 15:59:43 »
Innanzitutto vi ringrazio a tutti quanti , Fabrizio , Davide e kz che mi avete risposto . Per quanto riguarda il 50 - 52 MHz ci vuole un'antenna di quasi un metro e mezzo ; è ancora lunga . Ho pensato di raddoppiare un'oscillatore a 72 mhz , un pilota a 144 e un finale a 144 . Se ci metto un quarzo a profilo alto dovrebbe uscire 144 , 075 mhz ; se invece ci metto un quarzo a profilo basso , esce 143 , 925 mhz . L'antenna sarà di circa 50 cm . E allora si va meglio su un portatile.  Voi , cosa mi consigliate di farlo a 143 , 925 mhz oppure a 144 , 075 mhz ?


Online kz

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1642
  • Applausi 50
    • Mostra profilo
  • Nominativo: RRM TANGO34
Re:ricevitori in superreazione
« Risposta #28 il: 21 Maggio 2019, 16:06:59 »
Direi 144,075 così al massimo rischi di rompere l'anima a qualcuno che fa CW...
http://www.ari.it/index.php?option=com_content&view=category&layout=blog&id=77&Itemid=40&lang=it

Offline microonda

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1142
  • Applausi 41
    • Mostra profilo
Re:ricevitori in superreazione
« Risposta #29 il: 21 Maggio 2019, 16:23:44 »
Grazie di avermi risposto , carissimo kz . Però , sapete che c'è ? ,  non vedo niente di male mettermi sopra una montagna e chiamare come un pazzo con un' autocostruito con la speranza che qualcuno mi risponda . Adesso mi metto all'opera . Sarà un walkie talkie di 500 mw con antenna telescopica e 11 transistor modulato in am . Non vedo perché devo rompere l'anima a uno che fa CW . Visto che gli apparati funzionano tutti in nfm , voi pensate che troverò qualcuno che va in am ? Se non uscirà nessuno in frequenza , allora ne farò 2 e cercherò di modulare almeno con la famiglia .
« Ultima modifica: 21 Maggio 2019, 16:27:07 da microonda »


Offline microonda

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1142
  • Applausi 41
    • Mostra profilo
Re:ricevitori in superreazione
« Risposta #30 il: 21 Maggio 2019, 21:03:54 »
Buonasera a tutti . Per favore , mi volete risolvere un problema ? Ho un solo quarzo a 24 mhz profilo alto , e ne ho parecchi a 24 mhz profilo basso . Questi ultimi mi danno sempre 71,965 mhz e li collego sempre tra la base del transistor e la massa . Per favore , mi potete dire  come lo devo collegare per avere 72 mhz ?  Se qualcosa in più non fa niente . Grazie

Offline microonda

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1142
  • Applausi 41
    • Mostra profilo
Re:ricevitori in superreazione
« Risposta #31 il: 21 Maggio 2019, 21:59:31 »
Per favore , posto questa foto per sapere come si deve collegare . Si deve collegare come sta con il punto interrogativo ? Arnaldo , ho visto che hai fatto un montaggio dove sta un quarzo 25 mhz profilo basso . Come si fa per montare un 24 mhz profilo basso e avere 72 mhz ?


Offline r5000

  • Moderatore
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 15983
  • Applausi 390
  • qth bergamo
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:ricevitori in superreazione
« Risposta #32 il: 22 Maggio 2019, 00:16:44 »
73 a tutti, quì trovi un pò di schemi, https://www.qsl.net/va3iul/Homebrew_RF_Circuit_Design_Ideas/Homebrew_RF_Circuit_Design_Ideas.htm
in particolare guarda gli oscillatori a quarzo e vedi che sono differenti a seconda del tipo di quarzo da utilizzare, purtroppo non puoi distinguere i quarzi dal profilo o dalla dimensione, bisogna provarli per capire se sono quarzi in fondamentale o in overtone e che tipo di risonanza hanno, possono essere del tipo serie o paralello e non lo capisci dal contenitore, o risali alle caratteristiche del produttore o li provi in pratica e a seconda del circuito utilizzato scopri se risuonano solo in fondamentale o sono in 3a o 5a armonica ecc... la quasi totalità dei quarzi comuni è in 3a armonica e facilmente oscilla in fondamentale ma difficilmente un quarzo tagliato per la fondamentale lavora in armonica e senza stadi moltiplicatori (la soluzione per avere tutte le armoniche disponibili...) ci fai poco, con il classico oscillatore Colpitts fai oscillare quasi tutti i quarzi, quelli che non oscillano o faticano probabilmente sono più critici e vogliono un circuito dedicato con impedenza di carico maggiore (oscillatori digitali cmos o mosfet), in pratica conviene provare i quarzi con più oscillatori differenti se non hai la strumentazione specifica, vuol dire un banco di misura fatto con generatore rf e voltmetro rf o analizzatore di spettro con il traking o un vna o un Qmetro ecc... che spesso vengono usati propio per selezionare i quarzi con caratteristiche simili per fare i filtri ladder...
ps: la scelta della frequenza finale per un rtx secondo me dovrebbe cadere tra le bande utilizzate da altri appassionati, banda cb, pmr o radioamatoriale, sperare di fare un collegamento ad esempio a 60 mhz o qualsiasi altra frequenza fuori dalle bande assegnate è utopia perchè non ci sarà nessuno che risponde a 60 mhz, o ci si mette d'accordo in due amici \ parenti o si deve scegliere una frequenza usata da altri e quindi prima di tutto si decide la frequenza e poi si trova il quarzo e non il contrario altrimenti sarà una bella esperienza costruire l'rtx ma senza avere la soddisfazione finale di collegare qualcuno che non ti aspetti...

Online -Tuscania-

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2247
  • Applausi 203
  • Sesso: Maschio
  • ID-DMR 2222203
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: IW2HLQ
Re:ricevitori in superreazione
« Risposta #33 il: 22 Maggio 2019, 11:49:35 »
Carissimo Abusivo . Per favore , tu che ti trovi a più di 2000 metri di altezza , puoi mettere un poco la tua radio a scanner fra i 72 e 77 mhz  ? Mi fai sapere se in analogico in fm vi parlano servizi pubblici . Perché vorrei fare un walkie talkie in am a 74,950 mhz e non vorrei disturbare i servizi pubblici . Grazie . Chiedo anche scusa a tre-ciclo , anche lui è amante di autocostruzione



Offline tre-ciclo

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3459
  • Applausi 154
  • Sesso: Maschio
  • Radioamatore-cb-swl (TRENTINO)
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:ricevitori in superreazione
« Risposta #34 il: 22 Maggio 2019, 18:23:21 »
E c'è ancora tanta neve!!!
Eh si, purtroppo su quelle bande ascolto diverse modulazioni ma non saprei dirti da dove arrivano.
Non sono QSO ma comunicazioni di servizio.

Davvero ci sono abitazioni civili (non impianti di risalita)sopra i 2000 metri ?
L'AQUILA si trova a 714 m slm.(la città....)
« Ultima modifica: 22 Maggio 2019, 18:29:18 da tre-ciclo »
Pedalate!...Tanto,sarete sempre dietro..

Offline microonda

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1142
  • Applausi 41
    • Mostra profilo
Re:ricevitori in superreazione
« Risposta #35 il: 22 Maggio 2019, 20:12:25 »
Carissimi r5000 , Tuscania e tre-ciclo . Grazie dei consigli che mi avete dato . R5000 , sono andato a vedere i link proposti , ma sono troppo complicati almeno per me. Tuscania , io pensavo che , tutto sommato si poteva chiudere un occhio e un mhz in più o uno in meno non faceva niente . E in quanto a te , tre-ciclo , sono andato a vedere il post dei 2200 metri pagina 12 del 29 marzo 2017  " costruzione walkie-talkie partendo dal contenitore " e Abusivo dice " quando mi elevo a 2200 metri " . Quindi mi sono sbagliato . Effettivamente L' Aquila si trova a 712 metri . Adesso ,  visto che ho fatto tutti questi sbagli , mi ritiro in buon ordine  nel topic " costruzione coppia walkie talkie partendo dal contenitore " . Ciao a tutti e grazie delle informazioni .


Offline Abusivo

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3040
  • Applausi 108
  • Sesso: Maschio
  • qth l'Aquila
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:ricevitori in superreazione
« Risposta #36 il: 22 Maggio 2019, 20:36:37 »
Davvero ci sono abitazioni civili (non impianti di risalita)sopra i 2000 metri?...
...e Abusivo dice " quando mi elevo a 2200 metri " . Quindi mi sono sbagliato . Effettivamente L' Aquila si trova a 712 metri...
Calma e gesso!
Facciamo un po di chiarezza.
Effettivamente non ci sono abitazioni a quell'altitudine ma ci sono strutture, come alberghi ed ostelli, che ospitano i propri lavoratori in sede.
Mi riferisco a Campo Imperatore sul Gran Sasso d'italia a quota 2200.
Ho avuto in passato la fortuna di poter rimanere in quota per lavoro, e di tanto in tanto ci ritorno ben volentieri.
Ma non ci sono solo strutture ricettive a tali altitudini.
Ci sono anche altre vette con annessi rifugi aperti tutto l'anno.
Poi un buon fuoristrada fa tutto il resto...
Per quanto mi riguarda L'aquila, in cui in questi giorni stanno lavorando alla ristrutturazione di casa mia, non esiste più da almeno un decennio!

Offline r5000

  • Moderatore
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 15983
  • Applausi 390
  • qth bergamo
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:ricevitori in superreazione
« Risposta #37 il: 23 Maggio 2019, 00:04:50 »
73 a tutti, "sono andato a vedere i link proposti , ma sono troppo complicati almeno per me" non penso, anzi sono sicuro che troverai più di qualche schema adatto, certo sono tantissimi e alcuni sono inutilizzabili per componenti particolari o complicati ma se li guardi con calma trovi anche circuiti semplici assolutamente validi per fare esperimenti, poi sul discorso mhz più o meno per vedere il circuito funzionare non è un problema, lo diventa quando vorresti usarlo per parlare con qualcuno e nessuno risponde, la banda cb si stà ripopolando e se è vero che servono antenne abbastanza lunghe per un'apparato portatile si può pensare a qualcosa di leggermente diverso, ad esempio un'apparato piccolo collegato a un dipolo, tipo l'elecraft kx3 o il mitico 817 e dipolo collegato direttamente all'apparato come in questo video...


Offline microonda

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1142
  • Applausi 41
    • Mostra profilo
Re:ricevitori in superreazione
« Risposta #38 il: 23 Maggio 2019, 07:35:56 »
Ciao r5000 . Un sentito grazie per l'incoraggiamento che mi dai . Questo mi permette di andare avanti con fiducia . Adesso sto costruendo , come vedi dalla foto , un monocanale a 145 MHz . Ho già predisposto tutto . Anche il contenitore e principalmente un contenitore plastico di tipo commerciale che chi lo vuole costruire , potrà farlo senza difficoltà . Voglio cercare di finirlo nel giro di una settimana . Ho un'antenna a stilo di m.1, 60 e con questa fra un mese cercherò di fare un walkie talkie a 27 mhz.

ivan longo

  • Visitatore
Re:ricevitori in superreazione
« Risposta #39 il: 23 Maggio 2019, 18:20:05 »
Ciao Microonda. Anzitutto complimenti per le belle realizzazioni che vedo in foto.
In passato feci molti ricevitori superreattivi e sono consapevole del fascino che essi esercitano: una manciata di componenti e sei in ascolto con una sensibilità nell'intorno del microvolt!
Ti scrivo perché, volevo segnalarti un ricevitore che feci negli anni 80 e che mi diede molte soddisfazioni. Lo puoi trovate a questo riferimento:
http://www.introni.it/pdf/Elettronica%20pratica%201983_09.pdf
nell'articolo che va da pagina 516 a 527.
Esso può ricevere tra i 50 e i 200MHz sostituendo le bobine di sintonia. Inoltre ha uno stadio preamplificatore all'ingresso che ha il pregio di non fare irradiare il segnale di oscillazione nell'ambiente circostante.
Siccome, come ben sai, un altro punto debole di questi ricevitori è la "selettività", ricordo che modificai poi detto circuito introducendo un circuito di spegnimento dell'oscillazione separato, che aveva il pregio di poter "spingere" al limite la frequenza max di spegnimento, conferendo al tutto una migliore selettività. Purtroppo questa seconda parte non ho più traccia, ma sicuramente qualcosa in rete si troverà.

Buona serata,
Ivan


Offline microonda

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1142
  • Applausi 41
    • Mostra profilo
Re:ricevitori in superreazione
« Risposta #40 il: 23 Maggio 2019, 22:58:07 »
Ciao Ivan . Grazie della lode sincera . Fa piacere anche a me che sei esperto in autocostruzione . A me piace solo tutto ciò che è portatile . Ecco perché metto sempre un 78l05a che stabilizza gli stadi oscillatori , specialmente nei superreattivi . Man mano che si scaricano le batterie , cambia il punto di lavoro del transistor in superreazione . Ecco perché un superreattivo alimentato a pila , secondo me occorre un transistor a bassissima tensione di collettore e un 78l05a . Per quanto riguarda un circuito a frequenza di spegnimento separato dal transistor oscillatore , l'ho trovato su radio elettronica  di gennaio 1978 . Non l'ho mai realizzato . Ho visto in parecchi superreattivi che c'è un transistor o fet preamplificatore . Ma tu , cosa hai notato ? Veramente preamplifica oppure l'oscillatore disturba il preamplificatore e la sensibilità peggiora ?
« Ultima modifica: 23 Maggio 2019, 23:00:36 da microonda »

ivan longo

  • Visitatore
Re:ricevitori in superreazione
« Risposta #41 il: 24 Maggio 2019, 09:22:11 »
Ciao Microonda.
Sono assolutamente d'accordo con te di quanto sia fondamentale la stabilizzazione (e il filtraggio) della tensione di alimentazione. Importante, ovviamente, anche l'inscatolare il tutto in un contenitore metallico (magari con due fori e un paio di condensatori passanti da cui prendere l'alimentazione).
Sì, il circuito di spegnimento separato, come ad esempio hai trovato su radio elettronica  di gennaio 1978, aiuta molto nell'ottimizzare le prestazioni del ricevitore; ovviamente anch'esso deve essere ben stabilizzato in tensione. Quest'ultimo poi previene efficacemente quel classico slittamento del ricevitore verso forti segnali adiacenti a quello che si intende ricevere.
Per quanto riguarda lo stadio preamplificatore all'ingresso, a mio modesto parere, per ridurre la l'irradiazione disturbante deve funzionare più da "stadio separatore dall'antenna" che da amplificatore (il superreattivo è già molto sensibile di suo) proprio per evitare, come dici tu, fenomeni di saturazione o reciproco disturbo.

Buona giornata,
Ivan