Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - FoxG7

1681
Yaesu / Re:Microfono Yaesu FT-450D
« il: 26 Febbraio 2017, 11:22:23 »
Grazie per l esaustiva risposta.
Opterò sicuramente per l'MD100 penso che sia quello più adatto.
Avevo pensato di mettere un adattatore per mettere un microfono a condensatore...
Ma non saprei vedremo

Potresti in alternativa, valutare anche l'acquisto di cuffie dotate di microfono....a detta di molti, su quelle reperibili a costi accettabili (entro i 150-200 euro) il microfono in dotazione è mediamente inferiore a livello qualitativo ad un buon microfodo da tavolo, ma hanno tanti vantaggi in termini di comodità...e se è tua abitudine instaurare lunghi qso.....o muoversi nel mondo dei contest...potrebbe essere cosa da valutare  ;-)

1682
Yaesu / Re:Microfono Yaesu FT-450D
« il: 26 Febbraio 2017, 09:31:27 »
Ciao a tutti, la mia stazione è composta di un dipolo PST-4080C, una radio YAESU FT 450D e microfono MH-31.
Il problema e che gli altri corrispondenti dicono che mi sentono con una voce nasale, ho provato a fare prove varie con il mic gain e il mic eq, ma non ho risolto niente.
La mia domanda è se prendo un md-100 miglioro qualcosa?
Oppure se prendo un cavo adattatore RJ-45 a 8 Pin e prendo un microfono Zetagi MB+4 posso risolvere questo problema?
Premetto che le prove sono state fatte con un ROS di 1.1 e 100watt della radio, senza amplificatore e ne niente.
Attendo vostre risposte con la speranza di risolvere il problema.
73 da IU8HPD, Andrea.

Ciao Andrea.......spero di non offender nessun con tale mia considerazione personale, ma.....non vorrei che fossi capitato in un gruppo ove si stanno facendo eccessivi perfezionismi riguardo la qualità della modulazione.....  8O :-\ :P

L' Ft450D permette di ascoltare in cuffia la tua emissione ed permette di farsi abbastanza fedelmente un'idea sulla qualità della stessa, se poi vuoi essere ancora più sicuro, ti consiglio di farti registrare e farti inviare il file per poterti riascoltare con le tue orecchie

Il Ft 450D anche con il suo microfono non va affatto male se stai impugnando il microfono correttamente parlando a pochi cm dallo stesso;  se non lo hai già fatto potresti provare anche ad agire sul selettore posto sul microfono e vedere se cambia qualcosa.....

Resta poi anche da vedere come è realmente il tuo timbro vocale.....se hai una voce "nasale" di tuo....tale resterà ;-)

Ci sono radiamatori che hanno speso e continuano a spendere centinaia di euro per acquistare i migliori microfoni in circolazione, magari associandoli ad ottime radio ed equalizzatori esterni di alta qualità.....se  vogliamo paragonare la resa del Ft450D a sistemi di questo tipo...beh, chiaramente la resa sarà inferiore, ma si fa radio ugualmente !!   :-\ :-\ :-\

Con l' MD 100 la situazione sicuramente migliorerà e non costa eccessivamente.....se vuoi toglierti lo sfizio...acquistalo con tranquillità

Per finire  se capita, fatti ascoltare anche da qualcuno qua del forum, una valutazione in più, fa sempre bene  :up: ;-)








1683
antenne radioamatoriali / Re:Verticale 40 metri
« il: 24 Febbraio 2017, 19:05:47 »
Il condominio dove abito è di 4 piani quindi i 15 metri li abbiamo comodamente rispetto al piano stradale, ma ragionando alla superficie del tetto a quanti metri va posizionato?  Se parliamo di 2/4 metri non c'è problema se la distanza minima è maggiore le cose si complicano...

Anch'io e penso che come un po' tutti...abbiam cominciato ad entrare nel mondo delle HF con antenne di fortuna......fili posizionati alla meno peggio, magari con Un Un e/o Balun dall'efficenza discutibile, etc , ma  passato un po' di tempo (e maturata un po' di esperienza) le esigenze aumentano, la propagazione già minimale sta cadendo ai minimi del ciclo e se vogliamo fare un po' di radio in tema Dx.....i filacci non bastan più.....ed arriviamo ad un bivio.... 8O 8O 8O

1)Rimanere a fare collegamenti occasionali extraeuropei,  sfruttando qualche momento propagativo più favorevole e scegliendo momenti in cui non c'è molto "traffico" verso paesi dx, aiutati da bravura e tanta fortuna...... ;-)

2)Cambiare proprio filosofia operativa (abilità e bravura devon restare) ed aprire il portafoglio (di brutto) per acquistare radio di qualità, antenne più possibili efficienti (il più non guasta mai !!) e magari anche un buon amplificatore per aiutarci in situazioni veramente al limite....ossia quando con 100 W il nostro interlocutore non riesce a copiarci  e con "una spintina" magari riusciamo a portare a casa il collegamento.  Sottolineo "magari"...non è detto..gli amplificatori non fanno il lavoro da soli...se l'antenna non "spara" bene :rool: :rool: :'(

Il voler essere abbastanza (e sottolineo abbastanza) competitivi in tema Dx (almeno sulle bande principali)  è argomento "pericoloso"......porta a dover fare delle scelte tecniche ed economiche anche importanti, magari entrando in conflitto con il vicinato, con  la moglie, la famiglia.....ed il proprio portafogli......non per spaventar nessuno, ma più che 400 Euro..parlerei...a conti fatti.....di qualche migliaio di euro, spazio permettendo  :'( :'( :'(

Ma veniamo alle tue domande:   l'altezza di vertice indicata da LP_65 si riferisce rispetto al piano di terra che "vede" l'antenna.....normalmente il piano di copertura, il fatto di essere al 4°piano aiuta, ma non cambia sostanzialmente le caratteristiche irradiative del dipolo...in altre parole...un dipolo disposto a V rovesciato con vertice a 4-5 metri e lati a 1 m / 1.5 m dalla copertura......in 40 metri sarà mediamente penoso e NON adatto al traffico extra europeo

Le antenne verticali (che tuttavia hanno altre problematiche... son mediamente piuttosto rumorose e dall'efficienza medio-bassa a seconda delle bande, da qui il giusto consiglio di scegliere almeno quelle migliori)  offrono tuttavia degli angoli di irradiazione molto più bassi di un dipolo, di conseguenza offrono buone possibilità di fare anche attività dx....sempre SE il segnalino proveniente dalla stazione DX  lo si senta, haimè.... :-\ :P :rool:

Penso che avrai molti argomenti su cui riflettere..... ;-) :up:

bella disamina dell'attivita dx e di cio' che richiede caro fox g7, ma dato che la premura di turbomassi è di dotarsi principalmente di un'antenna per i 40 m, credo che l'attività dx non sia la cosa iniziale che desidera, fare dx in 40 m  (outside europe please) non è assolutamente facile

Giusta osservazione, ma ho preferito fare una panoramica proprio per evitare a Turbomassi di prendere quelle pesanti "legnate"......tipo quelle......che nonostante il mio impegno ed un minimo di investimento.....continuo a prendere io (e non solo io) .....quando arrivo a confrontarmi con il pile up aggressivo a caccia di paesi neppur troppo rari, haimè....... 8O :-\ :P

1684
antenne radioamatoriali / Re:Verticale 40 metri
« il: 24 Febbraio 2017, 18:48:45 »
Il condominio dove abito è di 4 piani quindi i 15 metri li abbiamo comodamente rispetto al piano stradale, ma ragionando alla superficie del tetto a quanti metri va posizionato?  Se parliamo di 2/4 metri non c'è problema se la distanza minima è maggiore le cose si complicano...

Anch'io e penso che come un po' tutti...abbiam cominciato ad entrare nel mondo delle HF con antenne di fortuna......fili posizionati alla meno peggio, magari con Un Un e/o Balun dall'efficenza discutibile, etc , ma  passato un po' di tempo (e maturata un po' di esperienza) le esigenze aumentano, la propagazione già minimale sta cadendo ai minimi del ciclo e se vogliamo fare un po' di radio in tema Dx.....i filacci non bastan più.....ed arriviamo ad un bivio.... 8O 8O 8O

1)Rimanere a fare collegamenti occasionali extraeuropei,  sfruttando qualche momento propagativo più favorevole e scegliendo momenti in cui non c'è molto "traffico" verso paesi dx, aiutati da bravura e tanta fortuna...... ;-)

2)Cambiare proprio filosofia operativa (abilità e bravura devon restare) ed aprire il portafoglio (di brutto) per acquistare radio di qualità, antenne più possibili efficienti (il più non guasta mai !!) e magari anche un buon amplificatore per aiutarci in situazioni veramente al limite....ossia quando con 100 W il nostro interlocutore non riesce a copiarci  e con "una spintina" magari riusciamo a portare a casa il collegamento.  Sottolineo "magari"...non è detto..gli amplificatori non fanno il lavoro da soli...se l'antenna non "spara" bene :rool: :rool: :'(

Il voler essere abbastanza (e sottolineo abbastanza) competitivi in tema Dx (almeno sulle bande principali)  è argomento "pericoloso"......porta a dover fare delle scelte tecniche ed economiche anche importanti, magari entrando in conflitto con il vicinato, con  la moglie, la famiglia.....ed il proprio portafogli......non per spaventar nessuno, ma più che 400 Euro..parlerei...a conti fatti.....di qualche migliaio di euro, spazio permettendo  :'( :'( :'(

Ma veniamo alle tue domande:   l'altezza di vertice indicata da LP_65 si riferisce rispetto al piano di terra che "vede" l'antenna.....normalmente il piano di copertura, il fatto di essere al 4°piano aiuta, ma non cambia sostanzialmente le caratteristiche irradiative del dipolo...in altre parole...un dipolo disposto a V rovesciato con vertice a 4-5 metri e lati a 1 m / 1.5 m dalla copertura......in 40 metri sarà mediamente penoso e NON adatto al traffico extra europeo

Le antenne verticali (che tuttavia hanno altre problematiche... son mediamente piuttosto rumorose e dall'efficienza medio-bassa a seconda delle bande, da qui il giusto consiglio di scegliere almeno quelle migliori)  offrono tuttavia degli angoli di irradiazione molto più bassi di un dipolo, di conseguenza offrono buone possibilità di fare anche attività dx....sempre SE il segnalino proveniente dalla stazione DX  lo si senta, haimè.... :-\ :P :rool:

Penso che avrai molti argomenti su cui riflettere..... ;-) :up:














1685
antenne radioamatoriali / Re:Verticale 40 metri
« il: 22 Febbraio 2017, 19:37:40 »
Eh eh...Carlo ha detto la parola magica..ossia propagazione...purtroppo mediamente molto scarsa in questi ultimi tempi....e non andremo a migliorare per altri 4_5 anni....Io personalmente soprattutto all inizio mi orienterei su un' antenna un po tuttofare...limitarsi solo ai 40 metri mi sembra molto riduttivo....chiaramente non si possono pretendere alte prestazioni....ma quando all inizio tutto è da scoprire....ci si diverte ugualmente ;-)

1686
discussione libera / Re:Info per uso lineare in Modi digitali
« il: 18 Febbraio 2017, 19:30:03 »
Onestamente non so quanto serva un lineare per i modi digitali,ho collegato Stati Uniti e Giappone con basse potenze in digitale, appena 30 Watt.

Se non hai concorrenti ed un minimo di propagazione c'è....in digitale si fanno collegamenti molto più facilmente che in fonia..... ;-)....il problema è quanto magari vuoi provare a collegare es. la spedizione che c'è adesso a Pitcarin...e i nostri colleghi russi, americani.e giapponesi...sparan fuori un segnale pulito in RTTY da 1 kW..... :mrgreen: :mrgreen:

In assoluto ci si può arrivare anche con 30 W in RTTY....però...è un tantino dura  quando c'è molto pile up  :P :P :P

1687
discussione libera / Re:Info per uso lineare in Modi digitali
« il: 17 Febbraio 2017, 15:17:35 »
farò delle prove e vedremo come si comporta!
se riscalda tanto non lo utilizzerò!
proverò ad iniziare con pochi watt

Ok, comunque se stai su quel livello lì, puoi andar tranquillo.....io te l'ho detto a scopo prudenziale....

1688
discussione libera / Re:Info per uso lineare in Modi digitali
« il: 17 Febbraio 2017, 15:01:23 »
PS. premetto che non ho guardato se ci sono discussioni in merito. in quanto non ho tempo di guardare perche sono al lavoro!
possiedo un ft 2000 con interfaccia modi digitali sbk2000 e lineare bla300.
ora volevo sapere se e possibile utilizzare il lineare x far uscire piu potenza osi arrostisce?
non è che devo uscire con 300watt in antenna, ma con almeno 150! si può utilizzare tranquillamente o si rischia di arrostire il lineare?
qualcuno di voi a sperimentato?

Ciao......mai provato tal lineare...tuttavia, viso e considerato che vien dichiarato per 250-300 W (presumo p.e.p)...eviterei di impegnarlo oltre i 100-110 W nei modo digitali, soprattutto il RTTY..... Se poi lo farai per brevi passaggi, magari regge anche di più, ma non ci fare un contest......ecco  :mrgreen:

1689
Radio Ascolto / Re:Ma c'è un contest in corso nelle Americhe?
« il: 11 Febbraio 2017, 22:21:41 »
Strano, quello che ho sentito io era anche in fonia.

Eh, beh...avevi ben sentito, ci sono altri contest in corso oltre quello in RTTY ed il buon Surplus da buon veterano dell'ambiente ne era perfettamente a conoscenza, mentre io no.... 8O :-\...in quanto ad ora non mi son mai interessato all'argomento, ma non è detto che prima o poi lo faccia  ;-)

1690
Radio Ascolto / Re:Ma c'è un contest in corso nelle Americhe?
« il: 11 Febbraio 2017, 19:27:41 »
C'è il tecsun che sta cantando come non l'ho mai sentito (con antenna loop attiva), sia sugli 80 che sui 40 metri, sia in fonia che in morse (velocissimi tra l'altro).


IU2IJZ - Francesco
1SDG01

Oggi e domani c'è il  "CQ WW RTTY WPX Contest"....quindi in RTTY

1691
discussione libera / Re:Portata a parità di potenza 27mhz-433mhz
« il: 11 Febbraio 2017, 18:23:08 »
Buona sera a tutti! Interessante il discorso, seguo con piacere. Mi sapete dire se come riportato su (stessa potenza- propagazione su entrambe le bande) se arriva più lontano la 27mhz oppure in banda UHF/VHF ? Non ho capito bene le risposte di su. 73 a tutt

E' difficile dire "stessa propagazione per entrambe le bande", in quanto si verificano per motivi completamente diversi e non necessariamente contemporanei...il discorso a grandi linea è comunque semplice.....se c'è propagazione (quanta e verso quali aree ??)  in UHF con antenne verticali e pochi Watt, se arriviamo a fare 500-800  km è tanta roba...... in banda CB (assimilabile ai 10 metri radioamatoriali), se fossimo in un periodo di notevole attività solare (adesso stiamo andando verso un minimo :-\) , non sarebbe impossibile fare collegamenti anche di 6-7000 km, ma allo stesso tempo non riuscire a parlare magari a 50 km da noi...

1692
Ecco è tutto lì il problema, incapacità di recepire una norma, sempre applicazioni personali.

E' scritto nelle norme legali d'esercizio ?
Si deve e si fa, fino a abrogazione di legge.

PUNTO.

Son d'accordo con te, io le poche volte che passo sui ponti annoto tutti i miei qso, ma l'abitudine non è comune......

1693
discussione libera / Re:Portata a parità di potenza CB-LPD
« il: 11 Febbraio 2017, 15:59:47 »
scusa , ma onde evitare solite polemiche riformula la domanda in : Portata a parità di potenza CB (27Mhz) UHF (433Mhz)

Vista così....secondo me....se la postazione trasmittente è  posta a quota media (200-300 m slm), è libera da ostacoli orografici (e non) e non c'è propagazione ionosferica in 11 metri (banda chiusa), il messaggio lanciato tramite apparato UHF può essere ascoltato da più lontano, in quanto favorito anche dal tipo di frequenza praticamente esente da disturbi

In altri scenari, la situazione potrebbe essere esattamente l'opposta....

1694
Avrei un paio di curiosità.
Ho l'autorizzazione da circa 40 giorni e in questo mio primo mese radiantistico ho messo a LOG circa 400 voci: queste comprendono tutti i QSO, ora di inizio e di fine, nominativi e nomi degli operatori, frequenza ed eventuali osservazioni.
Molto spesso le voci del LOG così come l'ho compilato fino ad ora si ripetono (anche due o tre volte al giorno a seconda di quante volte parlo con una stazione), anche nel caso in cui il collegamento sia tramite ripetitore V/U.
Non mi interessa sapere se sia inutile, discutibile, ecc......io vi chiedo se secondo la normativa sto compilando correttamente il mio LOGBOOK.
È giusto che segni più volte il contatto oppure è inutile (ai fini della normativa?).
Giusto per capire se sto facendo una fatica inutile (sempre ai fini di soddisfare la normativa).
Grazie

Ciao...a livello normativo...vien chiesto di annottare ogni qso che viene fatto, a livello di legge direi sia sufficiente indicare sul proprio log il callsign del corrispondente (quindi se c'è stato effettivamente un qso), giorno, data, ora, frequenza e modo

Io faccio pochissimo traffico sui ponti locali e di conseguenza il "problema" di annotare tutti i vari corrispondenti di una ruota...non me lo pongo proprio....ma a livello teorico e di legge andrebbe fatto, poi..........le interpretazioni son varie :mrgreen: :grin:

1695
discussione libera / Re:Portata a parità di potenza CB-LPD
« il: 11 Febbraio 2017, 15:30:45 »
Un saluto a tutti gli amici del gruppo !
E' qualche anno che non scrivo più su questo forum, causa lavoro ho dovuto ahimè abbandonare la radio, ma spero di riprenderla al più presto.
Avendo avuto una discussione su facebook con un amico chiedo a voi per avere conferma a riguardo della seguente questione:
a parità di potenza e di antenne, si ha maggiore portata con un CB o con un LPD ?
Grazie a gli amici che risponderanno.

Ben risentito.....ma trovo che il quesito si presti a molte interpretazioni....per dire....io per "LPD"  intendo un apparato portatile come da omologazione che abbia una uscita max di 10 mW....ma per CB...si possono intendere tante cose....partendo dal classico CB portatile (quindi uscita Max di 4/5 W ed antenna da portatile) fino ad arrivare ad un CB con antenna da stazione fissa tipo magari una 5/8 d'onda.....

A parità di apparato portatile (entrambi omologati)  il portatile con 10 mW ed il CB con 4-5 W...quest'ultimo arriverà mediamente (e sempre) più lontano.....se poi mi stravolgi un LPD....il discorso potrebbe esser da valutare meglio   :rool:

1696
discussione libera / Re:LE MIE PRIME 48 ORE DA OM
« il: 11 Febbraio 2017, 12:38:24 »
Complimenti pesciolino, sana invidia. Una domanda per tutti, se mi permettete: come caspita si leggono i giornali delle DX? C'è uno schema di riferimento? Ho provato a decodificarli da solo ma ammetto che non ci sono riuscito.


Hmmm, non ho ben capito cosa intendi per "decodificare"  le pubblicazioni sulle spedizioni Dx.....sulla Sx è comunque osservabile normalmente il nominativo con il quale trasmetteranno, il periodo in cui saranno attive e da quale zona.....altre info utili...possono essere quelle in cui sono riportate le bande  (e modi) in cui andranno ad operare ed il tipo di spedizione, ossia quelle ben organizzate tipo multi operatore, oppure quelle in "holiday style" magari a singolo operatore che va radio quando gli va, quest'ultime obiettivamente non facili da ascoltare ed ancor meno da collegare

Visto che sei proprio nuovissimo di nominativo (e probabilmente anche nuovo in questo mondo) ti consiglio di iscriverti si qrz.com e magari anche su qrzcq....così i tuoi corrispondenti avranno prova che esisti e non sei un piratone dell'etere...magari aggiungici anche un riferimento ad una email dedicata all'attività radiantistica, può tornare utile in tanti casi ;-)


1697
discussione libera / Re:Massima propagazione
« il: 10 Febbraio 2017, 19:14:43 »
Ma per il cavo non c'è problema tipo che uno fa solo vhf e uno solp uhf, un cavo fa tutto giusto? scusa la mia ignoranza ahaha

Ciao, se un cavo è buono, lo  è sempre su tutte le frequenze....la questoione è che scendendo in HF ...anche un RG58 è un cavo accettabile, in VHF sta stretto, in UHF, va pena...oltre...inaccettabile

1698
discussione libera / Re:LE MIE PRIME 48 ORE DA OM
« il: 10 Febbraio 2017, 18:23:38 »
Un gentilissimo radioamatore di torino si era offerto di montarmela ma non avendo assicurazione non posso farlo accedere.... sob

Mi associo a quanto detto sommariamente da IZ1PNY....non è che se un antennista è un professionista, lui  riesce a volare e non cadere dai tetti....diciamo che un professionista NON deve (dovrebbe...) accedere in copertura se questa non è dotata di sistemi di sicurezza progettati, correttamente installati e certificati.....

Diciamo anche che se il professionista è un professionista vero.....potrebbe riuscire ad operare anche senza la presenza di un sistema di sicurezza presente in copertura, avendo però  dei DPI idonei che gli permettano di lavorare in sicurezza...... La responsabilità  di valutare le soluzioni e permettere di far fare un lavoro ....è comunque sempre di chi commissiona il lavoro, ossia te, caro pesciolino 73

1699
discussione libera / Re:Massima propagazione
« il: 10 Febbraio 2017, 18:15:34 »
E un cavo "migliore" dell'rg58?

L' Rg58 è ancora usato in HF, ma per le frequenze maggiori si usano normalmente cavi più performanti...ma la scelta da effettuare va in relazione allaa spesa che vuoi fare ed alla possibilità o meno di passare un cavo di sezione più grande  dal locale radio fino all'antenna

Io per dire per le VHF /UHF ho un Belden H1000 (è un cavo da 10 mm, rigidissimo), ma se cerchi sul forum ci son tanti argomenti al riguardo, vedi es. i cavi Messi e Paoloni che di fronte a prezzi inferiori offrono prestazioni interessanti

Il discorso è comunque relativo, beninteso....se uno mette un buon /ottimo cavo, poi te lo ritrovi sempre...ma in VHF e ancor più in UHF, avrebbe forse più senso mettere su un preamplificatore d'antenna che magari spendere 50 Euro per 10 metri di cavo ad altissime prestazioni

Se vuoi stare più sul "tranquillo" un cavettino diametro 5/6 mm, abbastanza flessibile e che potrebbe andar sufficientemente bene per le VHF (lunghezze entro i 10 metri) potrebbe essere anche il Belden H155..unico neo.....bisogna trovare i suoi connettori dedicati perfare un buon lavoro




1700
discussione libera / Re:Massima propagazione
« il: 10 Febbraio 2017, 16:56:27 »
Il meno possibile....l' RG58 perde parecchio in VHF....il "quanto lungo" dipende dal guadagno dell'antenna che intendi utilizzare e l'intensità dei segnali che vorresti ricevere....

Per dare qualche numero....in VHF perde circa 20 dB per 100 m, quindi se ne utilizzi 10 metri, perderai circa 2 dB....con  -3dB si dimezza il segnale in entrata...il che ha poca importanza per segnali a S9, ma per altri molto più  deboli....tipo a S1-S2....la differenza fra avere un buon cavo a bassissima perdita ed un Rg58, la si percepisce  :rool:

1701
discussione libera / Re:Massima propagazione
« il: 10 Febbraio 2017, 16:52:12 »
Ho capito grazie mille, infatti per lo scanner volevo comprare un antenna esterna collegata con cavo da 50ohm rg 58,quanto potrei farlo lungo senza una perdita eccessiva in vhf?

Il meno possibile....l' RG58 perde parecchio in VHF....il "quanto lungo" dipende dal guadagno dell'antenna che intendi utilizzare e l'intensità dei segnali che vorresti ricevere....

1702
discussione libera / Re:LE MIE PRIME 48 ORE DA OM
« il: 10 Febbraio 2017, 14:36:15 »
pian piano sto capendo anche qrz.com. ho appena aggiornato il log di stazione.


E già hai una conferma..... :up:

1703
discussione libera / Re:LE MIE PRIME 48 ORE DA OM
« il: 10 Febbraio 2017, 11:11:15 »
Carissimi,
dopo aver ottuenuto la "famosa" A.G timbrata e firmata dal MISE, sono andato subito on air ,in condizioni di antenna veramente precarie (firewire 2.0 su canna da pesca buttata sopra l abete hi)
LE prime impressioni: FANTASTICO ED EMOZIONANTE!!!
Tantissimo i qso in 40 con la 6,8,9,7  tutti molto facili s9 e prime soddisfazioni dx
TL88TT   itl in 40,20 e 17  non facile visto il pazzesco pile up con continui split up  and down.
EPC2 (IRAN) Che ordinatamente chiamava per numeri (arrivato il n 1 sono passato subito) ho mandato subito la contribuzione...hi
YB1hdr indonesia
V51ww namibia

dulcis in fundo  ieri sera in 40 swl  JH3NGD  s9+10  operatore Katsu dal giappone ma mi hanno schiacciato subito e non sono riuscito a farmi sentire... :up:

che dire :MERAVIGLIOSO.
A breve installerò una cornuta con rotore sul tetto e forse mi farò sentire meglio.


Bravo, ottimo inizio.....soprattutto sulla TL8TT non hai fatto poco....è vero che siamo ormai a 1/2 del tempo della spedizione ed "le richieste" sono molto diminuite rispetti ai primi giorni, ma in 40 m nonè mai facile passare sulle spedizioni

Ieri sera ho fatto pur io la EP2C  (controlla se l'hai messo a log correttamente), mi mancava in 40 metri....riguardo all'amico Gunter (V51WW) è stazionario in Namibia e traspette spesso su un po' tutte le bande....avrai sicuramente modo di riagguantarlo altre volte

Riguardo al noto "Kazu"....ormai ci son pochi OM che non l'hanno collegato, lui come AKI e altri.....ma nonostante tutto coloro (arrivan sempre benesui 40 metri) riesce /scono a crearsi sempre unbel pile up intorno

Avrai modo di collegarli, non temere !  ;-)

1704
Sezione Amministrativa / Re:ESAME RADIOAMATORE
« il: 09 Febbraio 2017, 13:58:00 »
Cari amici

se abbiamo dubbi non leggiamo pagine web "qualsiasi", anche se pubblicate su siti ARI, ma andiamo alla fonte: la legge, come compare nella Gazzetta Ufficiale.

In altre parole....la parte II dell'allegato non pare rientrare nell'argomento di esame, quindi ad ora niente prova pratica di CW  ;-)

1705
Sezione Amministrativa / Re:ESAME RADIOAMATORE
« il: 09 Febbraio 2017, 11:22:51 »
Ciao FoxG7, intanto grazie della risposta!
Sinceramente non riesco a capire se lo hanno reintrodotto perché dal sito dell' ARI (organo ufficiale?) c'è un PDF con il programma d'esame dove si parla nella PARTE II della prova CW.


Ciao...non so cosa dirti...mi par strano...però tutto può essere . Non è che hai letto il programma di uno di quei corsi effettuati dall' ARI preparatori all'esame e ci hanno aggiunto come lezione (per conoscenza personale) le basi del CW ?  Potresti metter qua il documento che hai trovato ?  ;-)

1706
Sezione Amministrativa / Re:ESAME RADIOAMATORE
« il: 08 Febbraio 2017, 19:09:40 »
Ciao,
25 anni fa il mio CB sommerkamp mi ha dato tante soddisfazioni e pur avendo smesso da anni la passione è sempre rimasta.
Ora vorrei fare il patentino ma solo sopra i 30Mhz per evitare di fare l'esame morse. E' fattibile questo? Ero rimasto che senza il morse si poteva avere patente per v/u/shf è ancora così?

Grazie a tutti!!!!

Ciao Josker.....son cambiate molte cose....adesso  non esiste più l'esame sul CW (volevan rimetterlo, ma che io sappia non c'è  ad ora) e c'è un' unica patente sia per Hf che VHF / UHF, etc.  Il quiz è a risposte multiple, nulla di impossibile,  basta essersi prepararti un minimo a livello globale  ;-)

1707
discussione libera / Re:Aiuto prima volta vhf uhf
« il: 06 Febbraio 2017, 16:58:55 »
Si le possibilità in Vhf sono moltissime solo che buona parte dei radioamatori è poco attrezzata per cui è limitata alle 4 chiacchiere col gommino, dall'auto o con una piccola verticale. L'altro aspetto che favorisce le Hf è che con un pezzo di filo o una canna da pesca colleghi mezzo mondo mentre in Vhf è differente e se va bene colleghi stazioni italiane ed europee a meno di non fare attività Eme e satellitari ad un certo livello con direttive, rotori etc.

Le VHF sono si mediamente poco considerate, ma sicuramente costa molto di meno tirarsi sù una buona stazione per le VHF (anche per un discorso di spazi)  rispetto ad una per le HF.......le HF non sono solo i 10-15-20 metri, ma anche 40-80-160 m.....e su queste bande....con una canna da pesca....ci vai giusto a pescare.....  :mrgreen: :grin: :-D


1708
discussione libera / Re:Aiuto prima volta vhf uhf
« il: 06 Febbraio 2017, 15:24:14 »
Beh, fare "DX" collegando ponti è un po' come fare pesca sportiva in un laghetto a pagamento. Le trote fario selvatiche di montagna sono un'altra cosa...

Beh, che dire......in senso assoluto puoi avere anche ragione, ma allora vogliamo parlare del "senso" che può avere il sistema Cisar,  l' Echolink e fare "dx estremo" sfruttando magari in ricezione una stazione remota (in HF) perchè non si hanno antenne buone, oppure ancor peggio fare proprio tutto magari tramite una stazione remota controllata da casa ?  Eppure mi risulta che i dx fatti in tal modo sono anche riconosciuti dall' ARRL.....anche se eticamente a mio vedere non sarebbero da convalidare..... :rool: :rool: :rool: >:D 

Io personalmente trovo più appagante questo tipo di attività ( "dx" tramite ponte in VHF) che usare la frequenza come intrattenimento (le famose quattro chiacchere al bar......) per quello c'è Skype o prodotti similari...più efficaci e soprattutto senza disturbatoriali seriali in giro

Parere mio, sia chiaro, ognuno è liberissimo di vivere il radiantismo come meglio crede, ciaoooo !! ;-) ;-) ;-) :up:


1709
discussione libera / Re:Aiuto prima volta vhf uhf
« il: 06 Febbraio 2017, 09:34:45 »
Con una direttiva e una radio in SSB potete rischiare di non lavorare quasi mai, dato che, fuori dai contest, la banda è muta.

Beh, diciamo che concordo con tale affermazione, ma è anche vero che se uno si fa una attrezzatura con direttive ed un apparato che esca anche in SSB, è sempre a tempo a riservare tali "risorse" per brevi occasioni che si possono verificare in un anno di attività (aperture particolari, presenza di altre stazionui VHF  emissione SSB  in Europa e non solo....etc) ed utilizzarle per il resto del tempo per attività meno di nicchia, magari appunto in FM

Io son uno di coloro che hanno l'antenna VHF / UHF sul tetto, così per averla....raramente mi metto a fare qso sui ponti locali (o dirette), tuttavia nei momenti in cui si verificano aperture propagative, può essere simpatico  collegare magari un ponte ripetitore "strategico" quale es. l' IR1DD situato in provincia di Imperia e che grazie alla sua altezza viene spesso agganciato in tali situazioni anche dalla svizzera, come dalla Sicilia, permettendo collegamenti italiani via ponte interessanti

Se uno possiede direttive multi-elemento per VHF, magari può riuscire a collegarlo anche in condizioni meno ottimali, non riducendosi magari a pochi gg l'anno... ;-)

Riguardo al discorso che qualcuno fa.....sui ponti c'è sempre la stessa gente....e gli argomenti son sempre i soliti (a volte effettivamente non proprio pertinenti al radiantismo)...concordo, ma a guardarla tutta, a meno che uno si dedichi esclusivamente al dx estremo e/o a caccia di spedizioni a giro per il mondo (e si attrezzi di conseguenza, altrimenti spesso son "botte" prese fino a sentir male.....), gli operatori presenti on air son sempre gli stessi....noi italiani compresi  :-D :-D :-D






1710
LPD - PMR - SRD / Re:Canale di chiamata
« il: 02 Febbraio 2017, 14:12:37 »
C è un canale sul quale ritrovarci noi che usiamo per diletto/sperimentazione?

L'esperienza maturata in diversi anni, mi dice che è assai difficile riuscire a trovare qualche corrispondente in banda pmr446 / Lpd.....a meno che non si abiti o ci si rechi in zone montuose (dai 600-700 m slm in su) aperte a 360°...... I canali più usati secondo me sono il n°1 pmr446 (per attività lavorative) ed il n°8, quest'ultimo maggiormente usato da "escursionisti" probabilmente grazie al messaggio lanciato ormai da diversi anni da RRM  e che inizia a sensibilizzare anche utenti generici (possessori di pmr446) non iscritti al progetto




1711
cq  Buon giorno a tutti,
su questo forum interessantissimo, volevo portare alla vostra conoscenza che io ed il mio gruppetto di appassionati abbiamo attivato in via sperimentale un parrot sul canale 2 Lpd (433.100 Mhz) situato a Nord di Padova a circa 30 mt. di quota. (forse sono di più! )

Buon ascolto e buone prove.  :up:



Hmmm, a 30 m slm ?? Magari da codeste parti presumno che l'area sia totalmente pianeggiante, ma posto così in basso purtroppo sarà agganciabile soltanto entro pochi kmq li attorno.... il che per altri versi potrebbe essere un bene, in quanto realizzazione mirata per una determina area / quartiere della città

1712
LPD - PMR - SRD / Re:RETE RADIO MONTANA
« il: 22 Gennaio 2017, 15:47:36 »
Ciao, si, stamane ho fatto chiamate circa ogni 30 minuti, mentre ero in comunicazione ho dato come indicazione il nome del paesino dove ho in mio qth spiegando che è situato tra Emilia e Toscana. Verso le 11 (10,55 per la precisione) ero in collegamento col corrispondente di Mantova.
E' possibile che mi hai ascoltato.
Ciao

Eh si...allora molto probabile, grazie per la conferma !

1713
LPD - PMR - SRD / Re:RETE RADIO MONTANA
« il: 22 Gennaio 2017, 15:28:47 »
Mi sono spiegato male, pardon, volevo scrivere che il terzo è stato effettuato dalla mia postazione sull'appennino tosco emiliano (quota 750 mt/slm)

Scusa, a titolo curiosità, eri te stamattina verso le 11 ad aver fatto qualche chiamata inserendo nel messaggio la parola "Toscana"?   Avevo la radio sintonizzata da casa, ma non son riuscito a capire altro.... Io sul ch 8 pmr446 ho trasmissioni pressochè continue provenienti da un vicino centro commerciale e nel momento in cui si apre lo squelch....entra di tutto !  8O :rool:

1714
LPD - PMR - SRD / Re:RETE RADIO MONTANA
« il: 22 Gennaio 2017, 12:04:03 »
Queste attività sono H24 quasi sempre per 365 giorni l'anno, come gli edicolanti anche utili per fare ascolto.

Una soluzione per avere risposte quasi sicure, sono stanziali, non certo escursionisti occasionali

Da quel che ne so.....RRM ha già preso contatto da tempo con diversi rifugi e attività simili......

1715
LPD - PMR - SRD / Re:RETE RADIO MONTANA
« il: 21 Gennaio 2017, 11:04:23 »
Si, penso che alla fine la forza della RRM sia quella di portare a conoscenza di tutti gli escursionisti l'esistenza di tale iniziativa, in modo da rendere sempre più numerosa la comunità e fitta la maglia dei possibili nodi della rete

Purtroppo molte aree rimangono tuttora scoperte, ma in futuro....chissà.  Io se son in stazione, spesso tengo acceso il PMR446 su tal canale......in tempi recenti non ho mai avuto il piacere di sentir nessuno chiamare con l' ID di RRM, ma non è detto che prima o poi possa accadere

Buon lavoro !


1716
discussione libera / Re:Cb
« il: 21 Gennaio 2017, 10:28:32 »
Adesso la cosa bella e che non ricevo neank bene... Avevo  intenzione di ricollegare il cavo rg 213 tagliato e rimettere tutto come atava prima!

Hmm, personalmente ho da capire il motivo per cui ha tagliato il cavo, rendendolo di fatto inutilizzabile (o comunque soggetto a perdite) anche se lo rigiuntassi tramite saldatura o due PL uniti da un barilotto femmina-femmina....

Il motivo per cui da codesta parte riceva di meno.....è dovuto probabilmente al fatto che l'edificio fa da schermo nei confronti di qualche segnale proveniente dalla direzione opposta, il fatto di avere un'antenna non perfettamente tarata, non implica grosse differenze in termini di ricezione


1717
Amplificatori lineari / Re:Ho deciso di montare un lineare di 1000w
« il: 18 Gennaio 2017, 17:55:28 »
Pietro, Qro e Qrp sono due facce della stessa medaglia, la medaglia sono i radioamatori e si suddividono fra coloro che vogliono arrivare bene a tutti i costi e coloro che invece vivono nella sfida del collegamento il maggior fascino. Il lineare ti garantisce in piò occasioni di stabilire il contatto laddove la potenza non è sufficiente o di bucare un pile-up laddove i concorrenti sono ben attrezzati.

Beh, io personalmente mi associo a coloro che hanno già espresso pareri negativi sull'usare 1000 W (1 Kw) in barra mobile .....poi in CB ed in AM, assurdo accoppiamento, nonchè potenzialmente deleterio per tutti i canali vicini e magari anche frequenze vicine (spuirie in armonica).

Riguardo a tal frase  "Il lineare ti garantisce in piò occasioni di stabilire il contatto laddove la potenza non è sufficiente o di bucare un pile-up laddove i concorrenti sono ben attrezzati ".....sono arrivato alla conclusione dopo un paio d'anni di dx....che per "bucare i pile up" ci  vogliono ottime antenne più che potenze esagerate e via via si scende di frequenza (40-80-160 m) , è sempre più difficili esser competitivi anche verso OM mediamente attrezzati (parlo a livello mondiale)

I collegamenti poi si fanno ugualmente (con l'aiuto della santa propagazione) anche con stazioni più modeste, basta esser consapevoli di "dover stare in fila ed aspettare il proprio turno"..... :-D :-D :-D



1718
Non è che lo sconsiglio....dico semplicemente che l'investimento da fare non giustifica le migliorie ottenibili su tale tipologia di antenna.....poi chiaro, ognuno fa come crede meglio..... ;-)

1719
Funziona bene anche senza ma meglio metterlo per sfruttarla al meglio.nel mio caso mettero' al centro della v una verticale per u/v.

Obiettivamente capisco poco tale possibile scelta....se devi spendere per mettere su un palo idoneo che ti possa sotenere un rotore (e magari anche una gabbia rotore) , non faresti prima e meglio a prenderti un dipolo orizzontale ?? :-\


1720
A mio parere un dipolo rotativo.....

Beh, riguardo al discorso rotore si.... rotore no....a mio vedere, per tale antenna (disposta a V)  che non ha una  guadagno evidente  in  2 specifiche direzioni (come accade per i dipoli orizzontali) il rotore non è indispensabile, in quanto la differenza (modesta) eventualmente la si sentirebbe proprio sui segnalini al limite della comprensibilità, in quanto il guadagno (o la perdita) per direzioni perpendicolari fra loro, dovrebbe attestarsi intorno ai 2.5/3 db...per le aree intermedie sarebbe circa la metà.....



 

1721
Telegrafia (CW) / Re:ho un problema con hdr 780
« il: 10 Gennaio 2017, 11:19:02 »
Ciao FoxG7,

Negli altri modi CW disponibili in DM780 la radio va in tx continuo ed il programma si blocca, va chiuso forzatamente. Solo in MCW funziona (sul Kenwood TS850).

La porta COM è settata correttamente, tanto che con i modi digitali non ho nessun problema.

Mi da la sensazione che l'imput non arrivi proprio allo "spinotto" CW Keyer.

Hmmm, ma nel menù Modes+IDs....hai spuntato la casella Send ed anche il DTR e RTS....o comunque uguale alla impostazione dei modi digitali ?   Ho l'impressione che il problema sia qua.....il fatto che ti rimane in tx continua a me lo faceva per errato settaggio di tali pins....

1722
Telegrafia (CW) / Re:ho un problema con hdr 780
« il: 10 Gennaio 2017, 10:10:49 »
Posso fare cw in usb, ma vorrei farlo nel suo modo di emissione, dove sbaglio? C'è qualche settaggio in HRD che devo sistemare? O sulla radio?

Ciao....iniziando con il dire......beato a te che ti decodifica in modo soddisfacente secondo la tua attività (io non lo utilizzo, tanto sui segnali deboli o in zona pile up non va.... :rool: :-\), mi pare strano che ti funzioni solo in modalità MCW...... beninteso, io ho Yeasu, quindi la questione potrebbe esser diversa

Comunque, i passi da fare son pochi

1)Impostare in radio il modo (CW) o (CWR) desiderato
3)Collegare lo spinotto CW Key
4)Settare sulle opzioni del programma la parte attinente al CW, indicando di utilizzare la porta COM scelta anche per i modi digitali
5)Settare su HRD780 il modo desiderato, questo nella pagina ove sta il waterfall, se non già autosettato in automatico

Fatto ciò, dovrebbe andare anche in Tx

1723
Sezione Amministrativa / Re:Tassa radioamatori 2017
« il: 09 Gennaio 2017, 17:56:35 »
Nella causale basta mettere "tassa Radioamatori anno xxxx nominativo xxxxxx"? Grazie

Io ho sempre fatto come dice te.....tuttavia se vai a vedere sul sito del MISE, es. quello toscano...sta così indicato

"Causale : Ispettorato Toscana - Contributo radioamatori e apparati radioelettrici debole potenza [indicare l'anno] con accredito sul Capo 18, Capitolo 2569, Art.6 del bilancio dello Stato"

ai fini pratici, credo sia sufficiente pagare... :-D :grin:

1724
LPD - PMR - SRD / Re:Consiglio buon LPD/PMR446
« il: 09 Gennaio 2017, 17:51:18 »
Comunque la mia domanda era se avevi qualche buon bibanda (NON GIOCATTOLO) da consigliarmi :)

Per uscire dalla categoria "giocattolo", ma a mio vedere non ne vale troppo la pena per usi "generici" ...bisogna andare sul professionale tipo gli ICOM IC-F29SR o il suo fratello maggiore  IC-F29DR,  seppur credo facciano soltanto pmr446.  Io penso che i tuoi scopi, un Polmar Smart o easy, vada più che bene.....è vero che i professionali saranno più ottimizzati a livello di circuiti tx / rx e di antenna, ma per omologazione hanno sempre i 500 mW in antenna

 

1725
LPD - PMR - SRD / Re:Consiglio buon LPD/PMR446
« il: 09 Gennaio 2017, 16:40:21 »
Vorrei anche la banda LPD così a corto raggio posso evitare di sentire bambini, sorveglianza, butta la pasta ecc

Hmmm, non ho ben capito....il discorso LPD...pensi che su tale banda non ci sia tal tipo di "traffico" ?  Le radio LPD son molto usate proprio dai bambini o per attività professionale, proprio perchè son di  libero uso e chiunque le può utilizzare senza autorizzazioni e tassa da pagare

Comunque, a parte i consigli che ti son stati dati......le radio PMR446/ LPD son apparati per comunicazioni su corte distanze, che siano modificate o no......  L'unico modo per far più km è salire in altura...più si sale e più l'area coperta si amplia.....a titolo di esempio a 400-500 m slm ed area aperta a 360°,  i  60-70 km si fanno tranquillamente  ;-)

1726
Sezione Amministrativa / Re:Tassa radioamatori 2017
« il: 09 Gennaio 2017, 16:34:21 »
Già fatto per quanto mi riguarda 8) ;-)

1727
discussione libera / Re:Ma i satelliti si vedono col telescopio?
« il: 09 Gennaio 2017, 16:31:48 »
...il che la rende difficile sia da inquadrare, tantomeno da fotografare con un telescopio

Le foto riprese mentre transitava di fronte al Sole, son sicuramente molto più facili da ottenere, ma fotografarla mentre transita....è un arduo compito secondo me :rool:

1728
discussione libera / Re:Ma i satelliti si vedono col telescopio?
« il: 09 Gennaio 2017, 16:25:44 »
Mi è venuta una grande curiosità: vorrei sapere da chi possiede un telescopio se dalla terra si riescono ad osservare i Satelliti amatoriali, la Iss etc.

sembrerebbe di si: http://www.astrophoto.fr/satellites.html

73's - Michele

Beh, tecnicamente dirrei proprio di si....poi chiaramente dipende dal tipo di telescopio e dalle sue caratteristiche....il tutto ...SE....il satellite seguisse l'apparente ruotare della volta celeste. Purtroppo, anche i satelliti che appaiono lentissimi ad occhi nudo, son praticamente difficilissimi da inquadrare anche con un telescopio dotato di pochi ingrandimenti ed a "largo campo"...(si fa per dire....)  :-D

La ISS la si vede benissimo ad occhi nudo e attraversa (mediamente)  tutto la traiettoria visibile in pochi minuti...il che la rende difficile sia da inquadrare, tantomeno da fotografare con un telescopio

Per osservazioni "sommarie" suggerirei l'utilizzo di un binocolo tipo 12 x 50 o 16x50, abbastanza leggeri da poterli tenere in mano e seguire così facilmente il satellite. Penso che la ISS sia già facilmente distinguibile da un punto luminoso con tali tipo di strumento....


1729
antenne radioamatoriali / Re:Dipolo o verticale?
« il: 05 Gennaio 2017, 18:23:18 »
Beh, non sono un amante delle bande basse (lo sanno tutti che per i dx la miglior banda sono i 20 m)

Beh, sai......credo che ambire al 5BDXCC sia un traguardo che uno si prefigge dopo alcuni anni di attività radiantistica.....pur io ho iniziato con il "far ciccia" nelle bande più facili e nei modi più redditizi (es. digitale), poi via via che i paesi collegati e le conferme aumentano....uno cerca magari di fare lo stesso paese anche in altre bande, oppure in altri modi.....giusto per fare attività radio, altrimenti dopo un paio d'anni...non fai più nulla :-\ :-\ :-\

Io purtroppo ho mezzi modesti in 80 metri (dipolo a V invertita caricato), ma se un paese non ce l'ho in tal banda....ci provo lo stesso....magari non passo nel pile up, oppure proprio non ci arrivo a farmi sentire anche se l'operatore chiama a vuoto, ma almeno posso dire di averci provato ..... :grin: :grin:

Trovo invece un po' incoerente l'attività di molti operatori Dx che dopo molti anni di attività radio in tal ambito e magari il 90% dei paesi fatti e confermati,  si "buttano nella mischia" a suon di kw giusto per far alimentare il mega pile up che già c'è....impedendo di fatto a stazioni meno performanti di collegare una entità anche piuttosto comune da ascoltare on air...... >:D >:D :rool:


1730
antenne radioamatoriali / Re:Dipolo o verticale?
« il: 05 Gennaio 2017, 16:42:19 »
il cornuto che hai sul tetto come và? a che altezza lo hai messo?  :mrgreen:

Il "cornuto" è disposto con la base a circa 7,50 metri dal colmo....a sua volta a circa 12 metri dal piano stradale.  Arriva fino ai 40 metri, non fa gli 80...sono abbastanza contento dell'installazione, mi ha permesso buoni collegamenti, ma chiaramente......è pur sempre un dipolo  ;-) :rool:

1731
antenne radioamatoriali / Re:Dipolo o verticale?
« il: 05 Gennaio 2017, 16:03:19 »
...a voi le considerazioni

Beh, a conferma di quanto in parte già si sapeva....i dipoli per rendere un minimo sul dx in 80 metri devono stare alti....la condizione complessivamente migliore mi sembra quella del filo disposto a "soli" 40 metri dal suolo........:-D 8O :rool:

La verticale....si buona  resa, ma mica è uno scherzo metter su una antenna lunga 20 metri  :-\ :-\ :-\

1732
ho sentito oggi un noto rivenditore e dice che in 40 va benissmo  altezza 2-3 metri da terra


Beh, non ti resta che acquistarla allora !  ;-) Il discorso che vada "benissimo"...dipende molto dal tipo di attività che si decide di intraprendere e le aspettative che si ripone nella propria stazione  :up:



1733
fox per me sono tanti 100 watt...hi

Mah, allora auguri...specialmente per il dx in bande basse  :grin: :grin: :rool:


1734
antenne radioamatoriali / Re:Dipolo o verticale?
« il: 05 Gennaio 2017, 14:28:05 »
@FoxG7
il tuo post mi riporta ai dubbi iniziali...
Mi sembra che siamo tutti concordi nel dire che una verticale performa meglio di un dipolo steso "basso".
Ma a quanti metri corrisponde realmente questo "basso"?!?

Per come la vedo io, un dipolo magari a 1/2 onda per gli 80 disposto ad almeno 20 metri da terra (costante) inizia a dare buoni risultati oltre che avere una certa direzionalità, antenne disposte magari a 10 metri.....potranno avere resa accettabile in 40 meteri, ma in 80....ci vuol l'aiuto della santa propagazione per arrivar lontani.... in quando hanno un angolo di irradiazione troppo alto per il dx

Da qua......il discorso di ricorrere alle verticali (buone verticali, tipo le Cushcraft R9), magari avranno a loro sfavore la scarsa larghezza di banda, una maggior rumorosità, il costo, la necessità di radiali ingombranti, ma anche un angolo di irradiazione abbastanza basso che permetta buone prestazioni nel dx

Non so quanto spazio hai a disposizione, ma tirar su (e fare in modo che resti su...)un sostegno di oltre 20 metri  (come un palazzo di 6-7 piani ) non è uno scherzo  :rool:




1735
antenne radioamatoriali / Re:Dipolo o verticale?
« il: 05 Gennaio 2017, 11:31:02 »
Secondo me ci vogliono sia una verticale che una filare, una per i dx, sempre che abbia lobi effettivamente bassi, il dipolo invece tipicamente a v invertita, messo in alto, ma mai alto quanto dovrebbe, quindi ha lobi tipicamente maggiori di 60°, perfetto per i qso nazionali ed anche europei

Si, infatti...penso anch'io che alla fin fine....una buona verticale per gli 80 metri possa dare qualche soddisfazione in più rispetto ai classici dipoli orizzontali o disposti a V invertita

Va beh che in questi ultimi tempi (anni :P) la propagazione in 80 m è piuttosto scarsa, ma ti posso dire che con il mio dipolo (caricato) disposto a V sulla copertura e con vertice a circa 7.50 m......si arriva poco lontano....non va bene per collegamenti oltre europa o comunque aree distanti oltre 3-4 mila km  :-\ :-\ :-\   

Diciamo che uno potrebbe riuscire a farsi sentire anche più lontano se dall'altra parte ci son stazioni ben attrezzate e soprattutto non c'è pile up..... :-\ :-\ :-\

Fatto sta che gli 80 m (i 160 peggio) sono una banda difficile se non si hanno buone antenne  :rool: :rool: :rool:



1736
Sinceramente funziona benissimo anche a 2 metri da terra con 360 gradi liberi

Mai provato tale specifica antenna, ma penso che  alzandola o abbassandola rispetto al piano di copertura, cambi l'angolo di irradiazione dell'antenna...in altre parole, se messa a 2 metri dal tetto, specialmente in 40 m tenderà a "sparare" su alti angoli, quindi poco adatta al dx estremo.....molto meglio in tal caso una buona verticale. Via via che si sale verso l'alto in frequenza, la resa probabilmente migliora anche sulle lunghe distanze

Vorrei far notare magari un dettaglio....in 40 m è dichiarata per una potenza Max di 600 W pep, questo in campo di utilizzo ottimale....se uno dovesse operare più agli estremi di banda.....non ci butterei più di 300 W in SSB e max 200 W in RTTY (in attività tipo contest o chiamate continuative per cercar di passar su un mega pile up)

 

1737
discussione libera / Re:Delucidazioni su messa a terra!
« il: 03 Gennaio 2017, 23:45:17 »
L'antenna (per ora ne vorrei montare una) troverà posto sul balcone che comunque è molto spazioso. Mi sto domandando come portare all'interno il cavo dell'antenna. Voi come avete operato?

Dunque, non vedo come indispensabile realizzare una messa a terra dedicata alle radio, a meno chel'edificio non abbia un impianto recente e comunque "viziato" da correnti vaganti provocate da elettrodomestici o altro

Per realizzare una messa a terra separata ti ci voglion comunque poche cose:

1)Palina di lunghezza idonea
2)Cavo di terra che dalla stazione ti scenda in giardino
3)Strumento di misura per capire la qualità della terra trovata almeno in tal istante

Come costi...se passare il cavo è semplice, penso che con un 300-400 euro ti faccian tutto

Eviterei di mettere antenne in giardino o comunque fili che terminino bassi....il rischio che qualcuno possa farsi male esiste...non dico usando 100 W, ma...salendo si  8O 8O 8O :sfiga:

Per far arrivare i cavi coassiali in stazione, normalmente si utilizzano dei tubi curvati ad U verso il basso in modo da evitare l'ingresso di pioggia, ma se hai qualche foraxite vuota....puoi passare anche da lì.... ;-)

1738
discussione libera / Re:Delucidazioni su messa a terra!
« il: 03 Gennaio 2017, 22:17:49 »
Beh caro Duga-3.....io per certi versi ti capisco in quanto tendenzialmente mi reputo una persona precisa e che  lascia non troppo le cose al caso (diventeremo presto "colleghi" di lavoro, mi par oltretutto di capire...), ma in questo specifico caso.....a parte far le cose per bene, quindi collegare a terra le carcasse dei  vari apparati, cercare di staccare i bocchettoni d'antenna dalle radio mettendoli magari in corto tramite uso di una resistenza in modo da scaricare eventuali cariche elettrostatiche ed in più staccare le prese quando si avvicina un temporale.......sia veramente il max che si possa fare, oltre che affidarsi alla buona sorte.... :rool: :rool: :sfiga:

Fortuna vuole che ella stragrande maggioranza dei casi, i nostri edifici, a meno che sian localizzati in aree extraurbane ed in vetta a montagne, risultino "autoprotetti" e l'aggiunta di antenne di dimensioni normali non modifica sostanzialmente tale configurazione

Come saprai, il discorso dell'autoprotezione, non significa che l'edificio è totalmente protetto dalle cadute di fulmini, ma soltanto che la percentuale che si possa verificare l'evento è bassa, al punto da non richiedere specifiche soluzioni tipo la gabbia di Faraday o comunque parafulmini disposti in punti strategici

Quindi, il consiglio che ti passo è questo: installa le tue antenne, cerca magari di prestare un minimo di attenzione all'arrivo di importanti fronti temporaleschi durante i quali cadono a terra decine di fulmini anche in aree relativamente ristrette, e goditi  questa passione in tranquillità

Sono noti danni provocati da fulmine anche su edifici ove non erano presenti antenne, in quando se il fulmine "decide" di cadere lì...lo farà comunque :-\ :-\ :-\





1739
Yaesu / Re:Yaesu 450d e modulazione FM con residui AM
« il: 30 Dicembre 2016, 14:24:54 »
"Il mio" intendi che hai un 450 e non lo fa oppure uno di quelli che leggo in firma?

Per quel che ho capito io...Deejay ha provato il test su uno Yeasu 897, non sul Ft450

1740
Yaesu / Re:Yaesu 450d e modulazione FM con residui AM
« il: 27 Dicembre 2016, 09:21:31 »
Premesso che ho gia scritto al venditore, ma ho un problema sul mio 450D.
In FM ha dei residui di modulazione AM spaventosi

Curiosità, ma l'hai acquistato usato, non nuovo, vero ??

Dalle immagini sembra che ci sia un residuo di AM, con un 25% circa di profondità di modulazione. E' chiaramente un difetto

Scusa Carlo, domanda...in quanto vedo che te oltre ad essere persona molto competente, possiedi buona strumentazione.......... ritieni che sia una caratteristica di tutti i 450 in quanto il "problema" pare sia già stato notato altre volte, oppure un qualcosa di relativo all'apparato di Omega 3 ??

Hai mai notato problematiche simili su altri apparati provati conl'oscilloscopio ?

Grazie del parere, la cosa mi incuriosisce....   ;-)