Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - trevor

Pagine: [1] 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12
1
No  [emoji48]
A bordo c'è un'infinità di cose apparentemente innocue ma che possono causare un disastro

E l'incendio a bordo è il peggior incubo di un comandante  [emoji6]


2
Capisco... Quando la costa scompare sei "in nessun posto": può infondere un grande senso di pace o far impazzire

Io quando noleggio con amici un charter sono sempre a vela, quindi c'è sempre qualcosa da fare: mezzo giro di winch alle manovre, fare il punto nave, cucinare qualcosa, tracciare una nuova rotta perché ci stiamo infilando in una perturbazione e devo decidere alla svelta, leggere qualche pagina di un libro (rarissimo...), insegnare a fare un nodo o i termini marinari (o come si usa il wc  [emoji85] ) ad un nuovo membro dell'equipaggio che è la prima volta che sale su uno sloop di 40' e dopo mezz'ora mi chiede a che ora arriviamo  [emoji23]  [emoji23]  [emoji23]

I portatili che vedi a bordo sono l'equivalente dei PMR: servono per comunicare fra i membri dell'equipaggio e il ponte di comando, tipicamente nelle operazioni di ormeggio ma non solo. Non conosco le frequenze...

Ah... Con me è tassativamente vietato fumare [emoji48]

[emoji112]

3
La spedizione di Fogar fu epica  [emoji41]



nella foto un moderno apparato HF nautico; da notare lo sportellino rosso "DISTRESS" (disastro) che copre l'interruttore della chiamata automatica GMDSS.
Se è stato attivato il codice MMSI parte in automatico una chiamata di richiesta di soccorso contenente l'ID dell'unità e la posizione (la radio è interfacciata con il GPS). Ci sono 3 livelli di chiamata, che corrispondono al Mayday, Pan Pan e Securitè; la chiamata arriva a tutte le stazioni in ascolto (stazioni costiere sul canale 70 VHF e sui canali specifici in HF) ed a tutte le unità dotate di DSC, sul cui display vengono visualizzati questi dati.

@ Pieschy

Va fatto un distinguo (tutto italiano  [emoji18] ): l'imbarcazione è immatricolata, ovvero iscritta nel Registro Navale di competenza; è soggetta alle visite periodiche (l'equivalente della revisione degli autoveicoli), batte bandiera (quindi è territorio dello Stato dove è registrata) ed a bordo di essa valgono le leggi dello Stato.
L'Autorità unica è il Comandante (nelle navi da crociera, ad esempio, può celebrare un matrimonio al pari dell'ufficiale di Stato Civile a terra).

Esiste poi il "natante", ovvero imbarcazione non registrata, che tipicamente è la barchetta da diporto lunga meno di 10 metri (oltre diventa automaticamente imbarcazione - nave se supera i 24 metri). Non ha una nazionalità dimostrabile (solo il possesso) e quindi non può oltrepassare il limite delle acque territoriali, o meglio... Lo fa a suo rischio e pericolo (il Comandante, sempre e solo lui), perché anche se è certificata per "altura" o "senza limiti", rischia di essere fermata da qualunque unità militare (prova a gironzolare al largo di Mazara del Vallo su un natante e a spiegare alla MV tunisina che sei italiano e non stai trasportando 15 kg di cocaina...)

Le bandiere di cortesia sono appunto una forma di cortesia, non vi è un obbligo formale... Però è anche vero che quando si programma una crociera, con la propria barca (o più spesso con un charter a noleggio), ci si procura le bandiere dei paesi che si intende visitare.

... però devi averne a bordo altre, obbligatorie... Ad esempio quella gialla (richiesta di libera pratica), che va issata quando si entra nelle acque territoriali di uno stato extra CEE ed indica che si richiede di fare dogana al porto più vicino. Non farlo normalmente ha come conseguenza essere intercettati da una MV che ti punta un cannoncino addosso  [emoji33]
Le bandiere sono state in uso fino all'avvento della radio per comunicare: richiedere aiuto medico, informare di epidemie a bordo o del trasporto di merci pericolose, mantenersi lontano perché sono in avaria e non governo...
Ad oggi sono tutt'ora in uso, anche perché esulano dalle lingue parlate dai vari equipaggi e non si guastano...

... per lo stesso motivo, oltre le 12 miglia è obbligatorio avere a bordo le carte nautiche.
Possono essere in formato elettronico (charplotter GPS), ma è sempre meglio avere quelle di carta, con compasso e squadrette per fare correttamente il punto-nave anche se ci siamo fumati le batterie  [emoji31]


Perdonate la lungaggine,

buon vento,
  Comandante Trevor

4
Ciao a tutti,
rispondo a pieschy: ni.

Nel senso che, oltre le 50 miglia è opportuno avere a bordo una radio SSB per poter comunicare sulle frequenze di emergenza in HF e per ricevere i dati dei satelliti meteo.

Oltre le 6 miglia è obbligatorio il VHF (che richiede il certificato limitato RTF, rilasciato senza esami).

Poi ci sarebbe tutto il discorso riguardo i natanti (non immatricolati e quindi non battenti alcuna bandiera) che dovessero venir intercettati oltre le 12 miglia (quindi in acque internazionali) da unità militari  [emoji33]

I croati sono persone un po' strane, ovvero molto (troppo) nazionaliste: la consuetudine marinara auspica che entrando nelle acque territoriali di uno stato estero si esponga anche la cosiddetta "bandiera di cortesia" (bandiera dello stato in cui si sta entrando), ma questa  deve essere di dimensioni inferiori ed issata al di sotto della Bandiera di appartenenza (nel nostro caso, la Bandiera italiana della Marina mercantile).
Se fai così in Croazia vieni sanzionato perché pretendono che la bandiera croata venga issata al di sopra di quella di appartenenza.
Pur di far cassa ho visto spesso compiere atti vessatori nei confronti dei diportisti italiani (quindi non mi stupisco che pretendano "cose strane").
Io ho risolto non andando in Croazia...  [emoji104]

5
antenne radioamatoriali / Re:terra artificiale
« il: 16 Novembre 2017, 11:03:15 »
Perchè la terra virtuale dovrebbe essere meglio di una terra vera?

Perché a seconda della lunghezza della tratta, il morsetto "di terra" della stazione presenterà un'impedenza variabile: se la tratta fra trasmettitore e palina è lungo 1/2 onda elettrica (o suoi multipli), l'impedenza "zero" si ripresenterà come tale al morsetto del trasmettitore.
Mano a mano che ci si sposta in frequenza, sia a salire che a scendere, aumenterà anche l'impedenza al morsetto.
Il caso peggiore sarà quello in cui la tratta di cavo di terra sia 1/4 d'onda elettrico: la palina "vincola" a zero ohm il capo e la lunghezza "forza" l'altro estremo ad un'alta impedenza.

Il risultato è che, mentre per i 50Hz è un'ottima terra, su quella frequenza il telaio del trasmettitore si trova ad alta impedenza, ovvero bassa corrente RF ed alta tensione RF, che si traduce in QRM in ricezione e scosse e fenomeni strampalati in trasmissione (tipo TVI, luci neon che si accendono debolmente ed altri fenomeni "paranormali")

6
Autocostruzione / Re:TX CB "mosca 5"
« il: 13 Novembre 2017, 09:51:21 »
Fantastico!  cq cq cq

7
antenne radioamatoriali / Re:terra artificiale
« il: 03 Novembre 2017, 12:18:09 »
Per completare la realizzazione si può aggiungere un amperometro RF inserendo un toroide nel cavo "lato TX" con avvolte una ventina di spire di filo smaltato e relativo raddrizzatore con diodo e condensatore ad un micro amperometro: quando l'indicazione arriva al massimo, il contrappeso è accordato (ovvero presenta una bassissima impedenza al morsetto di terra del TX).

Attenzione che all'estremità libera del contrappeso si crea una ddp verso terra piuttosto alta ed è bene isolare/segregare la terminazione

8
Autocostruzione / Re:TX CB "mosca 5"
« il: 30 Ottobre 2017, 12:59:03 »
Letto, grazie  :mrgreen:

Quindi se ho ben capito, vai a modificare il punto di lavoro in modo sincrono con la modulazione! :afro:

9
Autocostruzione / Re:TX CB "mosca 5"
« il: 27 Ottobre 2017, 09:18:58 »
Se leggi i sacri testi, la indicano come alternativa economica e poco efficiente rispetto al costoso ingombrante trasformatore di modulazione.(non sono d'accordo)
Per spiegarti in modo semplice ,il mio TX ha una potenza base di circa 4 watt.
Quando modulo , una tensione variabile ,applicata sulla  griglia schermo della finale RF  ( da 60 a 200 circa) la portante si completa,
fino a raggiungere 20 watt ed oltre.

In pratica uno schema simile a questo http://www.leradiodisophie.it/Trasmettitore-radioamatore.html?

Scusa, ma non capisco: 4W di portante non modulata richiedono 2W di modulatore per modulare al 100%, ottenendo 6Wpep
... e gli altri 14W...?  :candela:

Ha! Se ti scappa di fare un monocanale ,per la 27 ,non mi incolpare per "istigazione all'autocostruzione"

Mi piacerebbe tantissimo, senza fare un fungo atomico in casa all'accensione, però...  :rool: 8O

10
Autocostruzione / Re:TX CB "mosca 5"
« il: 26 Ottobre 2017, 11:48:08 »
Ciao '73 a tutti,
che lavoro fantastico!  8O
E' un mio sogno costruirmi un mono canale quarzato per la 27!  :innamorato:

Mi spiegate cosa si intende per "modulazione a portante controllata"?  :candela:
Io sono rimasto alla modulazione di ampiezza dove si modula appunto l'alimentazione dello stadio finale in classe C  :(

11
Radio Ascolto / Re:Antenna onde corte.. quale usate?
« il: 12 Giugno 2017, 17:18:31 »
Io sfrutto la grondaia in rame...360°
 

inviato LENNY3 using rogerKapp mobile


Anch'io!  :-D Con un piccolo preselettore "fai-da-me", utile dai 40 metri... a scendere  :up:

12
discussione libera / Re:Comunicare da camion a casa
« il: 12 Giugno 2017, 17:08:29 »
'73 a tutti,
nessuno ha menzionato il collegamento NVIS in 40 metri.

Se anche la /50 è titolare di nominativo, dal punto di vista di fattibilità tecnica, si potrebbe tentare: un dipolo montato molto basso in /F, un monopolo accorciato montato orizzontale sopra alla centinatura (non so se hai un telonato/bilico/autotreno). In LSB e con i 100 W degli apparati decametrici 400 km in NVIS si fanno tranquillamente.

Resta poi il fatto che chiunque vi potrà ascoltare, e che la banda dei 40 metri non prevede l'utilizzo "chiacchierata del più e del meno" della banda CB...

13
discussione libera / Re:UN AMICO : LA CB ....BELLI RICORDI
« il: 03 Maggio 2017, 12:20:49 »
'73 siamo a circa 120 km in linea d'aria: temo che non ti sentirei manco se tu uscissi con 10 kW  :(

14
Autocostruzione / Re:Protezione radio in auto ...che fare ?
« il: 15 Febbraio 2017, 11:22:32 »
... o disabilitare lo start&stop (il motore ringrazierà)

16
Radio Ascolto / Re:Albrecht AE-355M installazione in automobile
« il: 13 Febbraio 2017, 11:17:30 »
Le 2 resistenze (da 15 ohm, avevo scritto male) servono per splittare il mono sui due canali dell'autoradio, altrimenti senti solo sul sinistro.

Bel lavoro pulito! Io sto ancora ravanando per incastrarlo nel portaoggetti inferiore della Fusion: devo fare una trapanatina con la fresa a tazza per il passaggio del BNC

17
Autocostruzione / Re:Protezione radio in auto ...che fare ?
« il: 13 Febbraio 2017, 11:12:40 »
1) 30A non mi sembrano pochi, comunque non è stato specificato per quale radio... Un bibanda a piena potenza assorbe sui 15A. Ribadisco che va dissipato

2) In serie la capacità diventa 0.5F  16.5V (sono da 1.5F 5.5V)

3) Penso di si, prova a fare una ricerca


@ SWL181TO:

Di solito si usa un supercap perché ha una risposta più rapida ai transienti, tant'è che sono comunemente impiegati negli impianti audio per auto per non far "sedere" la batteria sui bassi.

Io personalmente di questi circuitini ne ho montati un paio a conoscenti camionari perché avevano fatto montare delle stufette da 500W in cabina e i cavi alla batteria erano troppo lunghi e in AM sui picchi risultava una modulazione molto compressa: 2 supercap da 4F in serie accanto alla stufetta. Il diodo in serie che avevo usato era un piccolo SKN130/08: una bestiola da 130A continui e 2500A impulsivi  :47: , imbullonata ad un dissipatore con una piccola ventola  :mrgreen:

Problema risolto  :up:

19
discussione libera / Re:Antenne
« il: 10 Febbraio 2017, 12:23:36 »
Ragazzi, state facendo un po' un risotto con gli zeri...

1 kHz = 1.000 Hz
1 MHz = 1.000.000 Hz

Per passare dalla frequenza (in MHz) alla lunghezza d'onda (in metri) la formuletta è  l = 300 / f

Ad esempio 300 / 3.75 = 80 metri

Riguardo ai tipi di antenne verticali,  sigle 1/2 onda, 5/8 e 1/4 indicano la lunghezza fisica rispetto alla lunghezza d'onda.
Le differenze stanno nel "modo" in cui irradiano (o ricevono) energia a radiofrequenza: alcune "sparano" con angoli bassi (5/8 e 1/2) che favoriscono... Te lo dico dopo  ;-)
Le 1/4 d'onda "sparano" con angoli più alti e sono adatte ad esempio in installazioni veicolari, dove questa caratteristica aiuta a superare gli ostacoli.

... adesso te lo dico  :mrgreen:
Gli strati alti dell'atmosfera, a causa delle particelle solari, vengono ionizzati (si caricano elettricamente), creando come delle nubi che diventano riflettenti per certe frequenze (relativamente basse, parliamo delle onde corte, quindi fra 3 e 30 MHz). Angoli bassi di irradiazione delle antenne consentono di effettuare dei "rimbalzi", facendo superare alle onde radio la curvatura della terra e consentendo di collegare stazioni anche molto lontane, e con potenze modeste. Questo fenomeno prende il nome di propagazione ionosferica, e ti permette - quando presente - di collegare la Nuova Zelanda con 100 W e "un pezzo di filo" oppure di scambiare quattro chiacchiere in una ruota fra amiconi posti anche a 500 km di distanza, con in mezzo le montagne



20
Autocostruzione / Re:Protezione radio in auto ...che fare ?
« il: 09 Febbraio 2017, 17:29:55 »
Perché un condensatore da scarico è praticamente un corto: l'extracorrente di carica farebbe un bel botto.
47 Joule sono tanta roba, al collegamento del cavo il capocorda o il faston che sia si fonderebbe, assieme alle dita del malcapitato

47 Joule corrispondono a 0.0131 W/h

energia ridicola, se spalmata su 1 ora

peccato che la carica del supercap senza freni (solo la resistenza del filo), è rapidissima. 
Ipotizziamo una resistenza complessiva dei 2 cavi pari a 0.05 ohm e il supercap da 0.5 Farad.
Il tempo di carica è pari a 0.05*0.5=0.025 secondi

0.0131*60*60=47 W/secondo (Joule, appunto)

47/0.025 = 1880 W

Quasi 2kW in 25 msec!

Con la lampadina limiti la corrente di carica ed eviti di farti male

Ovvio che poi non devi scaricarlo cortocircuitandolo con un cacciavite  ;)

21
Autocostruzione / Re:Protezione radio in auto ...che fare ?
« il: 09 Febbraio 2017, 14:09:56 »
Ciao,
io ti consiglio di consigliargli :grin: di:
  • Prendere l'alimentazione direttamente dai morsetti dell'accumulatore
  • Fra i fusibili e la radio montare un diodo TRANSIL da 15.5V che toserà gli spike che si generano all'accensione
  • Montare un supercondensatore da 0.5F avendo l'accortezza di caricarlo la prima volta con una lampadina 12V 55W in serie
  • Mettere in serie al supercap (fra supercap ed accumulatore) un diodo Schottky con corrente almeno doppia di quella richiesta dal transceiver
Probabilmente all'avviamento la tensione dell'accumulatore cala e la radio o si resetta o comunque "soffre"

Uno schizzo per chiarire i collegamenti:




Occhio al supercap che una volta carico è pericoloso in caso di corto (ci sono dentro 47 Joule, mica noccioline)

23
antenne banda Civile / Re:Extra per IC-R6
« il: 08 Febbraio 2017, 16:46:52 »
Il front-end è il primo stadio di un ricevitore e può essere sovraccaricato dalla banda 88-108 con un effetto di de-sensibilizzazione notevole (in pratica non senti un tubo).

Esistono appositi filtri (notch) per escludere la banda commerciale e migliorare la situazione, a patto di non essere proprio davanti a RTL, 105 e compagnia bella...

Per l'adattatore io preferirei questo https://www.hamradioshop.it/adattatore-femmina-maschio-p-1414.html avvitato all'antenna,
e poi entrerei in casa direttamente con un sottile cavo come questo https://www.hamradioshop.it/2400-cavo-coassiale-bassa-perdita-doppia-calza-p-1037.html intestato SMA-SMA, per evitare di sforzare il connettore dello scanner.

La discone va benino per tutto e per iniziare è un'ottima scelta

24
discussione libera / Re:Interferenza su CB dalle OM
« il: 08 Febbraio 2017, 12:42:29 »
 8O

25
discussione libera / Re:Interferenza su CB dalle OM
« il: 08 Febbraio 2017, 10:00:29 »
Io lo sento.

Hai provato con una ferrite sul cavo di alimentazione DC vicino al baracchino?

26
Radio Ascolto / Re:Albrecht AE-355M installazione in automobile
« il: 08 Febbraio 2017, 09:57:54 »
Esattamente quello che sto facendo in questi giorni  :up:

Ieri sera sono passato a comprare una LEMM AT28 (stilo da 50cm) da montare centro tetto al posto della Sirio Turbo 2000: mi sono stancato di fare alza-abbassa e dato che per il 99% del tempo faccio ascolto, levo il baracchino (che va in /F 8) ) e monto lo scannerino sotto plancia, in posizione discreta  ;-).
Devo farmi l'adattatore mono-stereo con un paio di resistenzine da 10 ohm e poi entro nell'ingresso AUX dell'autoradio  :up:

27
'73 a tutti,
a mio modo di vedere, mettere a terra le antenne significa trasformarle in parafulmine (ho 7 metri di verticale su 6 metri di palo, e mi sono ben guardato di farlo ;) ).

Il fulmine è la scarica (colonna di gas ionizzato, o plasma) fra una nube elettricamente carica e la terra, e le cariche elettrostatiche si accumulano sulle punte (aumenta la densità di carica)...  :candela:

Se lascio l'antenna e il suo palo "floating", non le costringo a portarsi al potenziale di terra, quindi - in teoria - se proprio deve cadere un fulmine in zona, o prende quello del campanile, o un albero o una linea elettrica.  :abballa:

Di certo, se andassi in trasmissione, all'estremità dello stilo e dei radiali ci sarebbe una debole ionizzazione dell'aria, ma quando è previsto un temporale, stacco il cavo di antenna  :sfiga:

28
Radio Ascolto / Re:Albrecht AE-355M installazione in automobile
« il: 07 Febbraio 2017, 10:38:11 »
Esatto: la detenzione è libera e l'uso è consentito sulle bande OM e broadcasting.

Alla peggio, il tastino BAND/STEP è a portata di dito:  catapulti sulla 144-146 e sei tranquillo  ;)

29
discussione libera / Re:Interferenza su CB dalle OM
« il: 07 Febbraio 2017, 10:37:24 »
Per fare la prova di ricezione basta un pezzo di filo messo in verticale... L'importante è che non voli via tu  ;)

Sempre dopo. Prima del contatore non puoi toccare nulla!

30
Radio Ascolto / Re:Albrecht AE-355M installazione in automobile
« il: 06 Febbraio 2017, 20:58:59 »
Lo scanner è legale (come detenzione ed uso) a patto che non ti fermino mentre ascolti i CC o altri servizi "sensibili"...
Io sto valutando di montarlo fisso, al posto del baracchino, più che altro perché in /M lo uso poco e per ascoltare i servizi "infotrafic" del 5 AM mi basterebbe lo scanner e un'antennina tipo la colibrì. Tanto per ascoltare 4 chiacchiere sui ripetitori dei 2 metri...

Non serve più come una volta l'autorizzazione di SWL, però, lo ripeto, occhio a quali frequenze (e bande) bazzichi in posti aperti.
Se guardi il piano di ripartizione delle frequenze, capisci da te che se da xxx.xxx a yyy.yyy è assegnato alla Difesa, eviti  ;-)

31
discussione libera / Re:Interferenza su CB dalle OM
« il: 06 Febbraio 2017, 20:54:16 »
Prova ad andare sul tetto con una batteria e antenna "volante"

32
discussione libera / Re:UN AMICO : LA CB ....BELLI RICORDI
« il: 06 Febbraio 2017, 14:59:23 »
'73 se sei attrezzato per la SSB, possiamo provare stasera: canale 1 USB io accendo dalle 21.00 e mi metto in QRX col ricevitore "bbbuono": se ti sento commuto sul baracchino e proviamo.

Va che esco liscio  ;-)

33
discussione libera / Re:Interferenza su CB dalle OM
« il: 06 Febbraio 2017, 14:16:42 »
'73 a tutti,
ho riascoltato la registrazione: a me sembra un ronzio a 100Hz tipico dei raddrizzatori a ponte e potrebbe arrivare da un qualunque alimentatore switching non sufficientemente filtrato: la condotta (disturbo che scorre nei cavi di alimentazione) diventa irradiata (e sono guai, perché ti ritrovi con l'impianto elettrico che fa da antenna trasmittente).

Per la messa a terra, verifica con l'amministratore: deve esserci per legge, e sempre per legge è obbligatoria ogni 5 anni o ogni 2 se c'è un impianto di riscaldamento centralizzato.
In ogni caso il condominio (l'amministratore) deve avere la certificazione.

Attenzione che il tuo appartamento potrebbe non essere allacciato (la verifica viene fatta alle barre equipotenziali.

Da tutto il ragionamento e prove che hai fatto, credo che una possibile soluzione sia inserire un idoneo filtro EMI sulla tua linea, tipo questo
https://www.distrelec.it/it/filtro-di-rete-monofase-10-230-vac-schaffner-fn2090-10-06/p/16963461?queryFromSuggest=true

Puoi anche provare semplicemente a sostituire la presa IEC del tuo alimentatore con una dotata di filtro EMI:
https://www.distrelec.it/it/spina-da-pannello-con-filtro-di-rete-250-vac-schaffner-fn9222-06/p/16966758?q=*&sort=Price:asc&filter_Buyable=1&filter_Category5=Spina+da+pannello+con+filtri+di+rete&filter_Category3=Ferriti+%2F+Induttori+%2F+Filtri&filter_Category4=Filtri+antidisturbo+%2F+Filtri+di+rete&page=5&origPos=70&origPageSize=10&simi=97.0


34
Radio Ascolto / Re:Albrecht AE-355M installazione in automobile
« il: 01 Febbraio 2017, 12:12:31 »
'73 a tutti,
io ho lo scannerino in oggetto e sento praticamente di tutto.

Se non vuoi usare lo stilo in dotazione, prendi una base magnetica con attacco SO239 (quelle per le bibanda V/U) e ti fai uno stilo lungo 60cm, lo saldi al centrale di un PL259 isolandolo con un cilindretto di dielettrico di un RG-58

Le frequenze di MXP (elencate nel sito internet dell'aeroporto e quindi di pubblico dominio) sono:

Malpensa Delivery: 120.900 MHz,
Malpensa Ground West 1 : 121.900 MHz,
Malpensa Ground North T2 : 121.820 MHz,
Malpensa Tower 17L/35R : 119.000 MHz,
Malpensa Tower 17R/35L : 128.350 MHz,
Malpensa Radar Arrivi : 125.625 MHz,
Malpensa Radar Partenze : 134.175 MHz


Buoni ascolti  :-D


Trevor

35
la nostra stazione radio / Re:la mia stazione swl
« il: 11 Gennaio 2017, 10:41:40 »
Complimenti! Mooolto bello e ordinato!  :up:

Che antenne usi? Filare & discone?
 

36
Ricetrasmettitori banda Nautica / Re:descrizione delle vhf marine
« il: 04 Gennaio 2017, 13:18:05 »
Domanda superflua, forse, ma giusto per fugare ogni dubbio. Gli apparati usati a bordo dal personale marittimo penso siano tutte radio canalizzate e per uso nautico?
Si, anche perché devono resistere alla salsedine e a condizioni meteo spesso avverse (che poi sulle navi da crociera usino i PMR come negli alberghi...  :rool:)

Citazione
In ultimo (sembra stupido) ma il mozzo che usa la radio non ha bisogno di nessuna autorizzazione in quanto "penso" che sai la compagnia ed il natante autorizzato ed il tutore dell'osservanza delle norme dovrebbe essere il comandante della nave. Chiedo conferma.
Confermato. Considera comunque che il marittimo che usa il portatile per comunicazioni a bordo utilizza la versione UHF di cui si parlava prima, e che è "simile" ad un PMR.
Esempio: comunicazioni fra plancia e personale addetto all'ormeggio/disormeggio.

Citazione
E poi la testa mi frulla e divago....visto che sono pochi canali non e' improbabile che le comunicazioni fra 2 navi relativamente vicine possano interferirsi tipo Mozzo A potrebbe essere sullo stesso canale di Mozzo B di una nave vicina...utilizzano un codice/tono/ID di qualche tipo? Che potenze? Essendo in mare aperto e' uno scenario possibile, ecco perche' chiedo.
Le comunicazioni di servizio sulle unità commerciali avvengono come scritto sopra, con apparati portatili di debole potenza. Da non confondersi col VHF nautico che serve per le comunicazioni di emergenza e, sugli appositi canali, per le manovre di avvicinamento ai porti. Le navi utilizzano comunque anche frequenze in onde corte e via satellite.

Citazione
Nel caso positivo mi chiedo si applica anche alle piccole/medie e private imbarcazioni? Ad esempio io padre sono il capitano del mio yacht (con le necessive autorizzazioni) posso fare utilizzare liberamente apparati omologati su quelle frequenze a mia moglie ed i miei figli?
Per i natanti e le unità da diporto, si parla esclusivamente di VHF nautico (obbligatorio per navigare oltre le 6 miglia), e richiede la licenza RTF rilasciata dal MISE (non serve sostenere esami, basta presentare la richiesta) per l'utilizzo, quindi quella radio la può toccare solo chi è in possesso di questo certificato.

'73 trevor


PS @rugiero: nel forum c'è l'apposita sezione apparati CB


37
... che però si possono bloccare con un chocke realizzato avvolgendo 5-6 spire di cavo su un diametro di 10 cm o infilando dei manicotti di ferrite subito dopo il connettore  :-D

Se l'antenna è adattata, la lunghezza del cavo è ininfluente, in caso contrario, l'impedenza dell'antenna si ripresenta uguale (in modulo e fase) ogni lambda mezzi x il fattore di velocità del cavo: sulla 27 coi classici RG58 - 213 ogni 5,5x0,66=3.63 metri  :up:

38
ricetrasmettitori banda cittadina / Re:Passione CB
« il: 03 Novembre 2016, 15:45:36 »
Perché dite che non è omologato? E' un vecchio 40 canali solo AM da circa 3W...

39
'73,
certamente centro tetto è la soluzione migliore, in quanto un buon piano di massa omogeneo renderà omnidirezionale l'antenna.
Montando una staffa laterale, l'antenna diventerebbe direttiva nella direzione del tetto del veicolo, e parecchio sorda nella direzione opposta.

Le basi magnetiche di solito hanno diametro da 12 a 16 cm; quella che hai indicato è vuota: meglio sceglierne una già dotata di attacco SO239 su cui avvitare l aNR-770H  ;-)

Dotati di rosmetro buono, perché le basi magnetiche, a differenza dei sistemi con foro nel tetto, in certi casi fanno tribolare un po'  ;-)

40
Sezione Amministrativa / Re:Legalità,illegalità 11 metri
« il: 08 Luglio 2016, 12:07:45 »
'73 a tutti,
si, in effetti è vero: il CW consente di coprire grandi distanze con pochi mezzi (e pochi watts) e di occupare pochissima banda; è comunque stato superato da altre tecnologie, come ad esempio i sistemi DECCA e LORAN sono stati soppiantati dal GPS nella navigazione marittima.

Senza contare che autocostruire un transceiver in CW è molto, molto più semplice ed economico di un analogo in SSB/modi digitali...

Poi è chiaro che a chi piace, opera tutt'ora in A1A (e ascoltare ad esempio i 30 metri è sempre un piacere, anche se spesso mi perdo un pezzo di QSO per la velocità troppo alta).
C'era anche il vantaggio che un QSO in CW non richiede la conoscenza delle lingue:

CQ CQ DE IZ2ABC IZ2ABC AR
VK0ZZ DE IZ2ABC AR
IZ2ABC DE VK0ZZ GM OM TNX FER CALL BT UR RST IS 599 QSB BT MY QTH IS MILAN ES MY NAME IS ALDO BT HW ? IZ2ABC DE VK0ZZ K
etc etc

è identico sia che il corrispondente parli inglese, lituano, portoghese...

Ed è altrettanto vero che un simile QSO si può fare con i moderni modi digitali, in maniera non dissimile da quando gli OM, sempre pionieri, modificavano le telescriventi per trasmettere in RTTY  :-D

Ritornando in tema, dato che nel resto del mondo, i DX in 11 metri si fanno da 27.535 a 27.755 circa, con frequenza di chiamata 27.555, avrebbe sì senso concedere "i 40 sopra", senza canalizzazione e con 20W max (ad esempio, visto che per motivi propagativi, bastano 5W oppure non bastano 5kW e che 20W sono una "taglia" standard dei baracchini "export" per chi non può permettersi un HF anche usato), così come l'uso di antenne direttive.

La differenza rispetto agli OM potrebbe essere il mantenere l'obbligo di far effettuare le installazioni degli impianti d'antenna da tecnici abilitati che rilascino la dichiarazione di conformità dell'impianto.

... non mi dispiacerebbe avere una 7 elementi per gli 11 metri  :miiii: :dance: 8O


41
discussione libera / Re:Miglior Frequenza x Trasmissioni Beacon
« il: 06 Luglio 2016, 12:28:57 »
Allora fai un bel beacon in banda 12 metri: le frequenze impostabili vanno da 24.929 a 24.931.
E' una bellissima banda con aperture molto simili ai 10 metri, ma di maggior durata e con segnali ancora più forti. E' però poco frequentata, probabilmente per la scarsità di antenne commerciali (come per i 17 metri).
Un'oscillatore quarzato, un driver pilotabile dal Raspberry per trasmettere in WSPR (o anche semplice CW, magari QRS) e un finalino da meno di 1W col classico 2N3866.
Come antenna, fai una mezz'onda e sei a posto.

Se proprio non puoi mettere 6 metri di antenna sul tetto... Devi salire ancora di frequenza, ma cominciano i problemi se vuoi auto costruire... In UHF la sotto banda è 432.400 - 432.800 : dovresti "sacrificare" un transceiver interfacciabile al Raspberry per dedicarlo al beacon e abbinargli una collineare...

Normalmente i beacon sono posizionati in altura ed escono con pochi watt

42
discussione libera / Re:Miglior Frequenza x Trasmissioni Beacon
« il: 05 Luglio 2016, 09:45:33 »
Ciao rinbo84,

Nessuna: sono sinonimi, sia che si intenda quello radioamatoriale che si usa per capire se la propagazione è aperta in una determinata direzione che quelli di ausilio alla navigazione per mezzo di antenne direttive (radio goniometro).


43
Davide ci ero arrivato non capisco pero' il senso di tenere un TX che trasmette sulla frequenza di uscita una portante vuota. Sul principo e funzionamento ci ero arrivato ma che senso ha se non tramsetti info tipo aprs, fonia, etc? Tieni acceso un TX 24/7 per trasmettere il nulla? Mah e non ci sono dati o info trasmesse sulla trasmissione continua e' solo spreco di energia, consumo di finali e ....boh. Mi viene troppo da ridere per certe scelte implementative

'73
molto probabilmente è una rete radio sincrona, con un ponte master che trasmette sempre la portante in modo che i ripetitori di rinvio abbiano le proprie portanti sincronizzate a quella del master.
Quando un "satellite" (il radiomobile) aggancia direttamente il master, tutto ok. Ma se esce di copertura, deve rimanere aggianciato tramite il ripetitore di rinvio che copre il suo tragitto.


44
discussione libera / Re:Miglior Frequenza x Trasmissioni Beacon
« il: 04 Luglio 2016, 15:14:29 »
'73

se vuoi sperimentare in WSPR, io vedrei molto bene la banda dei 137kHz  :amore: .

L'unico limite è lo spazio per l'antenna, ma con un filo verticale il più alto possibile e un cappello capacitivo, adattando con un variometro alla base e con un buon piano di terra, dovrebbe venir fuori un bel radiofaro VLF (ricordati che non puoi superare 1 Werp).

Dal punto di vista normativo, è molto semplice: basta dare comunicazione all'Ispettorato territoriale ed alla Direzione Generale del MISE di voler usare la propria stazione come radiofaro, che dovrà essere identificata col tuo nominativo seguito da /B. Nel tuo caso il radiofaro dovrà trasmettere in WSPR IU3BYR/B

45
Ehm... Quello che conta è la lunghezza complessiva dello stilo, dove avviene la magia di emissione di un campo elettrico e di uno magnetico che si combinano fra loro generando il segnale RF.
Tutto lo stilo deve essere libero intorno, altrimenti avvengono accoppiamenti indesiderati con la carrozzeria e il campo si richiude lì, senza irradiarsi e causando un forte disadattamento d'impendenza (stazionarie in zona rossa).
Chiaro che in fuori strada i rami sono un problema...

46
Mmm... Io sono a circa 180 km in linea d'aria: troppo lontano per onda di terra, troppo vicino per rimbalzo ionosferico.  :rool:
... Però posso mettermi in ascolto sul 26  :-D Tentar non nuoce  ;-)

47
DX su banda cittadina / Re:propagazione 27mhz
« il: 15 Giugno 2016, 12:50:09 »
Un buon metodo, senza software "predittivi" per capire se la propagazione è aperta, e in che direzione, consiste nel sintonizzarsi sui beacon in banda 10m.
Qui http://www.qsl.net/wj5o/bcn.htm c'è una lista aggiornata.

Ogni beacon trasmette il proprio nominativo in Morse: se lo ricevete, significa che la banda in quella direzione è aperta.  :up:

48
antenne radioamatoriali / Re:cavo per cb elevate potenze
« il: 15 Giugno 2016, 11:59:43 »
L'RG58 a 28MHz è dato per max 400W , l'H155 (stesso diametro esterno del 58) tiene fino a 1400W e costa mediamente 1.30€/metro.  :up:

49
discussione libera / Re:Cerco consigli sui lineari
« il: 29 Aprile 2016, 10:30:47 »
ZETAGI B 750?  8)

50
discussione libera / Re:Utilizzo abusivo mio palo antenna
« il: 29 Aprile 2016, 10:28:17 »
Infatti: leva direttamente la parabola e portala all'amministratore, adducendo come motivazione che il carico al vento introdotto con l'istallazione abusiva, non era contemplato nei calcoli di progetto e rendeva potenzialmente pericoloso l'impianto.

HI mode on
Collega il cavetto SAT ad un lineare valvolare e poi inizia a fare CQ CQ DX, poi verifica da dove è arrivato il rumore di esplosione seguendo la colonna di fumo  :grin: :grin: :grin:
HI mode off

51
Autocostruzione / Re:Antenna per autoradio
« il: 28 Aprile 2016, 13:16:58 »
Ciao,
se il garage è molto schermato, dubito sentirai molte stazioni, ad ogni modo, va bene un pezzo di filo lungo 75 cm circa, infilato nel centrale del connettore d'antenna, poi tirato come capita (per il minor disturbo).
Occhio comunque che l'autoradio assorbe un po' di ampere ad alto volume, quindi dotati di un alimentatore adeguato

52
discussione libera / Re:Gruppo rogerk su zello
« il: 04 Aprile 2016, 13:28:01 »
Sto provando questa app (che ovviamente non centra nulla con la RADIO), ma non trovo il canale RogerK  :candela: Sarebbe carina questa chat vocale  :-D

53
Radio Ascolto / Re:Swl presenti su rogerk e i propri ricevitori
« il: 25 Marzo 2016, 12:22:15 »
Presente all'appello!  :-D
Icom IC-R73 con scheda DSP e filtro CW @ 500Hz, antenna filare random + 5/8 CB, altoparlante esterno in box autocostruito.  :abballa:

In progress, preselettore per onde lunghe  :up:

54
President / Re:Aiutoooo President grant 2
« il: 23 Marzo 2016, 13:21:04 »
Oltre che bello (soggettivo, comunque ne ho uno  :grin: ), funziona anche molto bene: ottima modulazione, stabile in frequenza e ben centrato in SSB  :up:

55
antenne radioamatoriali / Re:Loop magnetica multispira
« il: 23 Marzo 2016, 13:16:32 »
'73,
ma intendi una cosa del genere?



56
Autocostruzione / Re:TX a valvole 27 MHz "casereccio"
« il: 23 Marzo 2016, 13:00:03 »
Fantastico!  8O :-D Sei bravissimo!  :allah: :allah: :allah:

57
Autocostruzione / Re:TX a valvole 27 MHz "casereccio"
« il: 18 Marzo 2016, 12:17:49 »
Non si vedono gli allegati  :(

58
Autocostruzione / Re:Generatore DDS da 1Hz a 70MHz
« il: 17 Marzo 2016, 13:17:48 »
 :candela:

59
discussione libera / Re:Camera echo: perchè?
« il: 17 Marzo 2016, 13:09:39 »
'73 a tutti
28.493 è una frequenza OM sui 10 metri, il canale 5 CB è a 27.015; il "famigerato" canale 45 è a 27.465, ovviamente fuori dalla banda concessa.
Tra l'altro, sui 28.493 e dintorni si può trasmettere solo in SSB o in CW, la sotto-banda FM va da 29.510 a 29.700.
Questo giusto per chiarezza.

Mah, sapete... io in /M ho montato una scheda echo, e l'ho regolata per avere giusto un pochino di riverbero: chi mi copia dice che l'effetto è gradevole e la comprensibilità non ne risente (e non sforo nei canali adiacenti).

... e non mi sento un "poveretto"...

Echo, roger beep multi-tono, modifiche alle retroilluminazioni, fanno parte del mondo CB.

Poi può piacere o non piacere, così come uno YAESU FT-DX9000D a me sembra una tamarrata peggiore della pellicola carbon-look su un vecchio Alan 68, ad esempio.

Detto questo, il problema semmai è farsi scacciavitare a orecchio dei baracchini-baracche, montando i "doppi modulatori" e altre farloccate che non fanno altro che allargare lo spettro sui canali adiacenti. Ecco, quello è un esempio da non imitare.

Tornando al quesito del topic, la "camera echo" è un vezzo che personalizza la modulazione.
Al pari, ci sono OM che montano equalizzatori microfonici, alcuni per farsi rendere comprensibili al massimo in un DX difficile, altri per ottenere una "Hi-Fi SSB" (che con 2.4kHz di larghezza di banda, semplicemente non si può ottenere) nelle ruote-salotto in 40 metri.


60
Autocostruzione / Re:Costruzione antenna verticale
« il: 17 Marzo 2016, 12:50:03 »
Io ci farei una loop magnetica a 2 spire  :-D

Pagine: [1] 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12