Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - r5000

Pagine: [1] 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 ... 271
1
discussione libera / Re:Dubbi su pile e tempi di ricarica
« il: 13 Novembre 2019, 23:25:27 »
73 a tutti, con la batteria bloccata l'unica soluzione è smontare la radio e poi vedere se è possibile allargare\modificare il portapile, vuoi per la tolleranza minima o perchè si è deformato il mobile ecc... forzare con pugni, cacciaviti e pinze varie fà più danni e sei punto a capo con la prossima batteria che si blocca, poi con il mobile smontato  ci passi anche con l'aria calda o il trapano e fresa oppure scopri che c'è solo della colla residua da pulire...

2
73 a tutti, 120€ forse sono eccessivi ma se devo comprare 6 tubi di alluminio di diametro diverso per fare i tubi telescopici di un'antenna (e li vendono lunghi 650 cm) e aggiungo il materiale per la piastra e fissaggio facilmente spendo uguale o di più, è vero che mi avanza il materiale per fare 5 antenne uguali ma se me ne serve una sola forse conviene già fatta, io ovviamente compro il materiale e la rimanenza verrà utilizzata tutta per altre antenne ecc... ma chi abita in condominio o non ha la manualità per costruirsi nulla ben venga chi vende un prodotto finito...
ps: spazio permettendo ecc... gli stessi soldi si possono spendere sempre "meglio" ma all'inizio bisogna sempre cominciare con qualcosa e a dirla tutta anche antenne molto costose (hi-gain,butternut ecc...) non sono "pronte" chiavi in mano ma bisogna lavorarci per farle funzionare, quindi che sia un'antenna da 100€ o da 600€ bisogna mettere in conto che serve più o meno impegno perchè funzioni al meglio...

3
73 a tutti, l'antenna è sicuramente in corto per la corrente continua ma  l'accordatore dovrebbe riuscire a portare il ros molto basso, se non a 1 almeno a 1.5, se non si riesce con più accordatori mi viene da pensare al guasto \ difetto nell'unun o nei connettori, ovviamente avrai già controllato i collegamenti ecc... quindi resta da provare l'unun, se si può aprire magari scopri il problema, ad ogni modo prova a collegare lo stilo diretto al centrale del cavo coassiale e collegare un filo di 6 mt (giusto per dare una misura...) e lascialo a penzoloni dal balcone, prova ad accordare e vedrai che funziona bene in 20 mt e superiori, se poi fai una scaletta al posto del cavo coassiale o usi un cavo coassiale molto corto vedrai che accorda e funziona bene pure in 80 mt...

4
73 a tutti e ben arrivato IK8ESQ, guardando le istruzioni trovate in rete si legge che ha lo stilo di 6 mt e unun alla base, non ha bisogno di contrappesi ma necessita di ATU, quindi serve l'accordatore altrimenti non ha ros gestibile dall'rtx, di fatto è un'antenna in alluminio con la stessa configurazione delle "solite" antenne con unun, che ci sia  la canna da pesca o lo stilo di alluminio la sostanza non cambia, con il tester misuri la resistenza elettrica zero ma con l'analizzatore d'antenna dovresti misurare un'impedenza gestibile dall'accordatore, 20-200 ohm sono ad esempio valori reali che poi "aggiusti" con l'accordatore, la resa dipende dal sito d'installazione, in cima al monte o sul balcone in centro città fà molta differenza, purtroppo spesso bisogna scendere a compromessi ma meglio poco che nulla... ora se non hai accordatori te ne serve uno, se c'è già e non soddisfa le tue aspettative bisogna pensare ad altre soluzioni, dal traliccio e direttive sul tetto al loop magnetico o antenne filari mimetizzate a seconda della situazione...
ps: se puoi mettere 6 mt di stilo non vedo perchè non pensare a un dipolo fatto con lo stilo e un filo, chiaro che c'è sempre bisogno dell'accordatore ma sei già a metà strada...

5
antenne radioamatoriali / Re:Cuffie copri trappole
« il: 09 Novembre 2019, 00:04:53 »
73 a tutti, nastro autoagglomerante e poi sopra la guaina termorestringente o del nastro in pvc, dopo la reazione diventa tutto un blocco di gomma e dopo 10 anni è come appena fatto, io faccio così da anni  e quando controllo per manutenzione  ci vuole più tempo per togliere il vecchio nastro ma sotto il connettore o le giunte degli elementi ecc... sono perfetti tanto che le antenne si smontano senza problemi di ossido ecc...
ps: esiste nastro e nastro, io uso da 30 anni il Nitto228 e il Nitto e-0765211 certificati per gli uv e posso dire di aver visto antenne "marce" collassate sul tetto con ancora il nastro incollato...

6
discussione libera / Re:La pubblcità sul forum
« il: 07 Novembre 2019, 22:14:19 »
73 a tutti, anch'io non sopporto la pubblicità, i banner e avvisi vari tipo i cookie ma internet è questo e quello che si cerca , vede ecc... viene poi utilizzato per la pubblicità mirata, infatti da questo pc che utilizzo io solo e unico utilizzatore le pubblicità sono tutte di un tipo, però se ad esempio mi servono le sementi dei pomodori ecco che invece di avere la pubblicità di componenti elettronici e relativi venditori mi ritrovo la pubblicità di giardinaggio e la prova è che da un'altro pc non utilizzato solitamente da me tutta la pubblicità è scarpe e vestiti... purtroppo Rogerk non è al di fuori di internet ma ne fà parte e i motori di ricerca che sono gratis in verità acquisiscono informazioni e le utilizzano per la pubblicità mirata, poi trovo assurdo  che se compro un'orologio mi tartassano con la pubblicità di orologi, io poi ho lo stesso orologio da 38 anni e non penso propio di sostituirlo con altro ma chi paga la pubblicità pensa\spera che chi ha comprato un'orologio ne compra altri, magari non lo stesso giorno ma c'è chi colleziona orologi quindi tartassano all'infinito... secondo me affineranno meglio l'algoritmo e non proporrano più lo stesso prodotto subito ma a distanza di tempo, giusto quando l'oggetto smette di funzionare (e magari comunica al produttore che è a fine vita...) o è passato abbastanza tempo per avere più probabilità che si compra l'oggetto pubbicizzato...
ps: smart tv, lavatrici ecc... potenzialmente sono in grado di raccogliere info e i produttori ti fanno accettare un contratto con lo scopo di "migliorare" il prodotto con statistiche ecc... e non parliamo di smartphone dove tutta l'attività viene processata per "migliorare" il prodotto e di fatto nessuno si lamenta perchè invisibile mentre il banner lo vedono tutti...

7
antenne radioamatoriali / Re:larghezza di banda antenne
« il: 06 Novembre 2019, 23:36:57 »
73 a tutti, lo stilo conico può essere fatto in molteplici modi, da una lamiera avvolta a cono a più stili sottili disposti in modo da formare un cono, la discone è l'esempio pratico più diffuso, guadagno paragonabile alla ground plane ma banda passante molto ampia, il dipolo biconico è un'antenna molto utilizzata in ambito militare e per misure in camera anecoica, la banda passante dipende dalla forma del cono, il rapporto tra il vertice (è il punto d'alimentazione) e la base determina la banda passante, quindi per un'antenna vhf  se il vertice è da 10 mm e la base è da 500 mm ottengo qualche centinaio di mhz di banda passante, se faccio un dipolo per gli 80 mt e invece di usare il classico filo da pochi mm ne uso 6 o più distanziati alla fine con un'anello la banda passante supera ampiamente la banda concessa ai radioamatori...
ps: riguardo al dipolo montato da IZ1PNY penso anch'io che la banda passante elevata è dovuta più alla distanza dell'antenna dal terreno \ tetto ecc... che alla sezione del filo utilizzato, 1 mm o 5 mm non fanno differenza per un dipolo hf, se portiamo la stessa antenna a 40 mt di distanza dal tetto sicuramente la banda passante si stringe e sarà molto simile al valore calcolato da un simulatore, riguardo alla differenza  tangibile in 20 mt con una verticale di riferimento direi che il lobo d'irradiazione è completamente differente e sul traffico locale mi aspetto "perdente" la verticale mentre sul dx è decisamente vincente ma non mi spiego la differenza tra i due fili \ balun,"forse" il balun eco era ottimizzato per le bande basse e perde qualcosa in 20 mt, è una supposizione, non ho esperienza diretta per dire se il balun è adatto o meno ai 20 mt...

8
antenne radioamatoriali / Re:larghezza di banda antenne
« il: 06 Novembre 2019, 00:46:03 »
73 a tutti, concordo, con 3 mm di stilo la banda passante è corretta, se vuoi più banda devi aumentare il diametro dello stilo e sarebbe meglio  farlo conico o con più stili per ottenere la forma conica, le antenne di misura larga banda adottano questo principio...
ps: l'immagine è la curva di risposta della mia ground plane fatta con i tondini da 6 mm...

9
73 a tutti, concordo con Davide, in tutte le prove fatte è difficile trovare con certezza la banda migliore, spesso basta spostarsi di 1 mt o cambiare frequenza di 25 khz e cambia dal giorno alla notte, chiaro che se c'è portata ottica non ci sono problemi ma quando entrano in gioco i lobi d'irradiazione delle antenne, riflessioni, rifrazioni ecc... è molto più complicato fare paragoni, più si sale in frequenza e più questi effetti diventano rilevanti e il cercare la posizione migliore quando si è a piedi o in mobile è la soluzione al problema, con la stazione fissa vale solo la regola di avere l'antenna alta e libera da ostacoli per avere la massima portata ottica e allo stesso tempo meno riflessioni \ rifrazioni, poi se si abita in un fondo valle o in centro città con palazzi alti ecc... ci si sposta di frequenza quando possibile e sono evidenti differenze "costanti" ma questo dipende da cosa c'è attorno e non è certamente dovuto all'attenuazione di tratta, assorbimento o il tipo di propagazione...

10
discussione libera / Re:ASSISTENZA...... ZERO...
« il: 20 Ottobre 2019, 02:14:17 »
73 a tutti, metti una foto o le quote e vediamo se c'è qualcosa di compatibile, spesso un prodotto non è nemmeno previsto che venga riparato quindi zero magazzino ricambi e siamo all'usa e getta, in garanzia te lo sostituiscono o fanno accredito, spesso (lo vedo tutti i giorni...) anche lì c'è la gabola perchè rimborsano il costo del venditore e non dell'utente finale, a volte il cliente ci guadagna perchè comprato in promozione ecc... ma spesso ci deve mettere la differenza, ormai il mercato consumer è consumismo usa e getta e come ha scritto KZ prima o poi finirà ma il fatto che il ricambio esiste a caro prezzo è pensato anche per non rendere conveniente la riparazione, vero che il magazzino ricambi ha un costo elevato e cambiando continuamente modelli diventa tutto obsoleto in breve tempo, poi subentra il fattore quantità, io per lavoro mi trovo a dover effettuare sempre ordini minimi e se per scelta ordino un singolo ricambio costa molto di più che 5 o 10, i 70 € chiesti per la riparazione sono la conseguenza, se un banale potenziometro costa 1 € il ricambio originale di un'amplificatore hifi arriva a costare anche 100 € , questi ad esempio sono i prezzi al centro assistenza  presi a caso di potenziometri originali di apparati consumer, niente di soffisticato...


11
73 a tutti, le chiavette scaldano più o meno tutte, quelle migliori hanno la scatola in alluminio e dissipano meglio il calore prodotto, poi a seconda del sistema operativo, software ecc... ho notato che la stessa chiavetta scalda in modo differente, ad esempio con il raspberry la chiavetta terratec scalda molto più che con il pc e xp, la nesdr smart che ha il mobile in alluminio funziona uguale sia con il raspberry che xp quindi può anche essere che noti o meno differenze... a confronto l'sdrduo è sempre freddo e migliore come ricezione ma costa come 10 chiavette economiche...

12
antenne radioamatoriali / Re:Attenuazione cavo , chi mi aiuta ?
« il: 18 Ottobre 2019, 23:49:12 »
Che ne dite della possibilità di usare un buon cavo SAT in questi casi?
Si introduce un disadattamento tra apparato e antenna ma il costo è una frazione di quello di un buon cavo UHF a 50 ohm
73 a tutti, l'unica vera controindicazione è la massima potenza utilizzabile, presupposto che il cavo da 75 ohm è da 5 o 7 mm, se prendiamo un cavo da 75 ohm da 12 mm il problema non si pone a meno che utilizzare più kw... anche i cavi a 50 ohm da 5 o 7 mm non reggono la potenza di un cavo da 10 mm ma se vogliamo sostituire il "vecchio" rg213 con un cavo sat da 7 mm il vecchio regge più potenza anche se la perde per strada e non arriva in antenna...

13
discussione libera / Re:antenna cb fai da te
« il: 16 Ottobre 2019, 01:55:32 »
73 a tutti, Rogerk è un forum composto da tanti utenti con la passione per la radio, chi come cb, chi come radioamatore ecc... ognuno vive la radio in modo diverso e Microonda nello specifico ha il "pallino" dei walkie talke, ne ha costruiti innumerevoli e si è sempre fermato alle antenne corte, ora magari ha deciso di provare il dipolo e chiede consiglio, certamente può studiare libri e sicuramente l'ha fatto per fare i walkie talke ma una domanda sull'antenna ci stà in un forum che tratta di antenne, chiaro che il dipolo è l'antenna di riferimento ma non è detto che tutti l'abbiamo costruito come prima antenna, la mia prima antenna è stata un filo collegato allo stilo di serie della radio di casa, la prima antenna costruita da zero è stato il  telaio per la radio a galena, subito dopo una filare con la massa attaccata al tubo dell'acqua perchè non ricevevo nulla con il telaio, poi riprovando con un minimo di esperienza in più ha funzionato anche il telaio e al dipolo vero e propio ci sono arrivato da cb  dopo e avevo già finito il primo anno di scuola come radiotecnico...

14
73 a tutti, dsd plus funziona per il dmr, il dstar ecc... ma non per il tetra, con sdrsharp si deve aggiungere e installare il plugin apposito scrivendo la magic line per attivarlo, a quel punto funziona MA è tutto da vedere se ascolti qualcosa, il 99.9% delle trasmissioni sono senza fonia, infatti ritengo sia il modo peggiore per utilizzare una frequenza radio ma di fatto il tetra funziona così e ha in trasmissione i ponti h24 anche quando non serve assolutamente perchè sono tutti a casa e non al lavoro... poi c'è la modalità cripto e quindi se attiva pur trasmettendo in fonia non si ascolterà mai nulla... un vero spreco di energia e risorse altro che sistema efficiente per la sicurezza e l'emergenza e tante altre bugie raccontate per vendere un pessimo sistema digitale...

15
discussione libera / Re:problemi di connessione con il sito
« il: 09 Ottobre 2019, 23:18:28 »
Si scusate è stato colpa mia...

inviato Redmi Note 7 using rogerKapp mobile
73 a tutti, quando prudono le mani lascia stare la tastiera HI!!! comunque windows xp batte ancora win10 e lo chiamano progresso...

16
antenne radioamatoriali / Re:Antenna HF da Interno x Yaesu FT450
« il: 09 Ottobre 2019, 14:37:54 »
73 a tutti, basta lo smalto del filo smaltato per isolarlo abbastanza da poterlo toccare senza scottature ecc... poi se parliamo di palo di legno, ringiera, staccionata ecc... una mano di vernice spray serve per conservare il legno e allo stesso tempo isola il filo e quando piove o il legno è umido funziona tutto come se fosse secco, poi se si vuole usare un cavo inguainato di colore verde come per il fil di ferro per le recinzioni o nero sarà del tutto invisibile a chi non sà che c'è l'antenna, parliamo di 3 mm al massimo di spessore...

17
antenne radioamatoriali / Re:Antenna HF da Interno x Yaesu FT450
« il: 08 Ottobre 2019, 01:38:02 »
73 a tutti, ottimo manuale, la foto di pagina 26 non l'avrei mai pensata... comunque un filo sottile fatto girare all'esterno è meglio che dentro casa per via del rumore prodotto dagli elettrodomestici e diventa veramente invisibile, chiaramente poi servirà un'accordatore manuale o automatico ma se non si può montare antenne  con ros 1 l'accordatore è d'obbligo...

18
antenne radioamatoriali / Re:Antenna HF da Interno x Yaesu FT450
« il: 07 Ottobre 2019, 23:44:09 »
73 a tutti,senza poter salire sul tetto, montare pali in giardino ecc... la resa sarà un compromesso qualsiasi antenna compri o costruisci, detto questo se il problema è "nascondere" l'antenna ai vicini curiosi ecc... la soluzione è camuffare l'antenna e la cosa è più facile da fare che spiegare, basta che in cima alla canna da pesca ci metti una bandiera e i vicini non vedono l'antenna ma la bandiera, puoi anche usare un palo di legno e sopra ci metti una casetta nido per uccelli, vedranno quella e non l'antenna... ma la cosa più semplice è piazzare una stazione meteo e nessuno metterà in dubbio che il cavo è per l'antenna se poi questo "palo" lo monti sul tetto per alzare dal suolo la stazione meteo ecco che hai l'antenna sul tetto anche se non volevano...
ps: il palo se metallico sarà lui stesso l'antenna, se di legno basta un filo sottile che nemmeno vedi da vicino, sapessi quanti hanno avuto l'antenna camuffata dentro la tenda parasole...

19
discussione libera / Re:Problema Aor dv1
« il: 05 Ottobre 2019, 23:19:48 »
73 a tutti, un vero peccato, purtroppo non c'è disponibile lo schema per risalire al valore di quella resistenza e tentare la riparazione, dispiace ma quando capita di utilizzare apparati costosi con alimentatori non all'altezza il risultato è propio questo...

20
73 a tutti, non è possibile dare misure precise perchè a seconda del diametro della bobina, dello stilo ecc... cambia il valore e quindi il numero di spire della bobina ma con il radioutilitario puoi simulare l'antenna e farti un'idea ma in pratica dovrai sempre trovare la risonanza e poi adattare l'impedenza, considera anche che senza un contrappeso o piano di massa adeguato sarà difficile trovare ros 1, facilmente non scendi sotto l'1.8 ma per un portatile è del tutto normale lavorare con ros elevato...

21
Autocostruzione / Re:Connettori Professionali made in Cina
« il: 29 Settembre 2019, 00:13:25 »
73 a tutti, quando intestate il cavo sacrificate 1 cm di calza e centrale per la calamita, se resta sul tavolo ok, rame argentato come deve essere o alla peggio alluminio argentato, se resta sulla calamita avete tra le mani un cavo in ferro placcato d'argento...  l'alluminio argentato  non è come il rame argentato ma almeno non è magnetico e sui cavi grossi (1\2" e oltre) riduce il peso, infatti per sapere se c'è il rame o l'allumio serve la bilancia...
per il dielettrico dei cavi e connettori il saldatore è la risposta,  se non viene nemmeno scalfito è teflon sicuro...

22
Autocostruzione / Re:Idea malsana (rtx ottico)
« il: 27 Settembre 2019, 01:32:16 »
73 a tutti, prima di tutto l'idea non è malsana ma è ampiamente diffusa per telecontrolli, allarmi ecc... però non è facile, semplice ed economico mettere in piedi un ponte ottico, quindi se parliamo di fare un collegamento audio di pochi metri fino  a qualche decina di metri penso che a livello hobbistico sia fattibile e infatti in rete ma anche su riviste di elettronica datate qualche schema funzionante si trova, poi se l'intenzione è fare il km o magari anche qualche decina il costo lievita e non è più alla portata di hobbista, ha senso solo a livello professionale se non è utilizzabile un ponte rf e comunque anche il ponte ottico ha i suoi limiti oltre ai pregi, puntamento molto critico delle ottiche, nebbia,polvere, smog oltre alla pioggia e neve sono un problema da mettere in conto, il pregio principale è l'immunità alle interferenze elettriche ma fino a quando non piove ecc... quindi il sistema è utilizzato per brevi tratte o al coperto, la fotocellula del cancello ad esempio è l'utilizzo più diffuso ma ci sono tante applicazioni, la cuffia per il tv è secondo me la cosa più vicina a quello che intendi fare e funziona per distanze contenute, già mettere due lenti per aumentare la portata non è banale anche se si riesce, io ho fatto propio questo con le ottiche delle fotocellule e anche con le lenti di ingrandimento ecc... aumenta la portata ma anche la difficoltà nel posizionare le lenti e se non hai tutto ben bloccato e fermo è un continuo riposizionare le ottiche... 

23
discussione libera / Re:Supporto con ventosa
« il: 22 Settembre 2019, 12:40:19 »
73 a tutti, soluzione valida a costo zero, se la ventosa è buona e non si stacca quando lasci la macchina al sole ecc... e tiri il cavo del microfono và bene così, io un cordino avvitato per sicurezza lo metterei comunque anche se c'è il cavo coassiale che dovrebbe tenere sul cruscotto l'apparato nel caso si stacca la ventosa...

24
73 a tutti, se è vero che le stazioni broadcasting "storiche" mollano le onde corte per internet ecc... se si vuole ascoltare ancora i loro contenuti resta solo che seguirle in internet ecc... ma se interessa l'ascolto con tutti i rumori e distrurbi tipici delle onde corte si ascolta tutto quello che resta e poco importa se non è la bbc ecc... poi se non piacciano i contenuti delle stazioni rimaste si usa il vfo e si cerca altro, purtroppo non si torna indietro nel tempo e in futuro non si può dire se ci sarà un'inversione di tendenza o sparirà l'ascolto delle broadcasting, di certo l'evoluzione tecnologica spinge in una direzione e anche il busisness ma le onde corte hanno ancora vantaggi non indifferenti per raggiungere ovunque potenziali ascoltatori, quando ci saranno tanti satelliti da coprire in modo capillare tutto il mondo con internet a basso costo forse l'utilità delle onde corte viene meno ma vuoi per mancanza di infrastrutture,costi ecc... nei paesi del terzo mondo la radio è l'unica via praticabile, se poi si ascolterà solo arabo o dialetti africani e non più inglese o spagnolo vedremo o meglio ascolteremo...

25
discussione libera / Re:LX 466
« il: 05 Settembre 2019, 22:27:32 »
73 a tutti,concordo con Otodoedro, praticamente abbiamo scritto lo stesso post nello stesso momento HI!!!  costruito a suo tempo per il mio primo oscilloscopio (T.E.S  da 5 mhz...) l'ho usato molto da cb ma non può definirsi uno strumento vero e propio, è un convertitore in grado di farti vedere un segnale a frequenza maggiore della massima frequenza dell'oscilloscopio ma non puoi avere la precisione di misura in ampiezza di un normale oscilloscopio, il circuito è replicabile senza problemi perchè sulla rivista ci sono i circui stampati per le bobine (ottime che ho usato per un sacco di progetti diversi...) e la componentistica è reperibile o recuperabile senza troppa fatica, l'integrato sicuramente obsoleto è stato rimpiazzato con altri più performanti (sa612 ecc...) ma non sono equivalenti quindi se vuoi fare quel circuito prima procura l'integrato e poi pensi al circuito stampato che volendo può anche essere sostituito dalla basetta 1000 fori, le bobine si possono avvolgere su tubetti di plastica, chiaro che il kit con i connettori delle bobine a c.s era molto comodo da usare ma non aspettarti miracoli dal vecchio oscilloscopio, un'attenuatore variabile in ingresso e anche un preamplificatore sono da mettere in conto se vuoi vedere il segnale rf di stadi intermedi o finali di potenza...

26
Autocostruzione / Re:Autocostruzione da 0
« il: 05 Settembre 2019, 01:06:15 »
73 a tutti, chiarissimo ma non alla portata di neofita, diciamo che un'apparato del genere con display, memorie ecc... è un grattacielo di 500 mt e probabilmente tu hai conoscenze per costruire un muro di pochi metri, poi cercando in rete kit premontati praticamente già finiti si può assemblare un ricevitore che costa molto più di un'apparato commerciale e sopra tutto non è autocostruzione, con i kit di Nuovaelettronica  già 20 anni fà non conveniva costruire kit molto complessi perchè molto costosi rispetto agli apparati del periodo, ora che un'apparato cinese bibanda costa meno di 30€ un kit del genere sarebbe un fallimento assicurato...

27
73 a tutti, la messa a terra dell'impianto elettrico a norma è sufficiente per avere protetto tutto l'impianto elettrico compreso gli apparati ricetrasmittenti collegati alle antenne da guasti elettrici tipo perdita d'isolamento di un'alimentatore per  sovratensioni provenienti dalla linea elettrica, non parliamo di fulmini ma di guasti e malfunzionamenti sulla distribuzione, elettrodomestici ecc... il discorso massa separata per la stazione radio ha senso quando il rumore indotto dalla massa utilizzata per l'impianto elettrico  crea rumori e distrurbi alla ricezione, in questo caso una massa "buona" per la radiofrequenza aiuta la ricezione e magari riduce l'effetto del tvi ma nel tuo caso direi che il problema tvi potrebbe essere dovuto alla distanza tra le antenne o all'impianto d'antenna tv che soffre il sovraccarico dovuto alle tue trasmissioni, se il tvi è presente con tutte le antenne o solo con alcune o con determinati livelli di potenza ecc... và analizzato per bene e vanno provate più soluzioni per esclusione fin che si risolve, fare prove a caso è una perdita di tempo, bisogna usare metodo e non dare per scontato nulla, aiuterebbe molto  avere un'amperometro rf e un carico fittizio, già cosi escludi o vedi la presenza di correnti di modo comune sui cavi di discesa, io da quanto hai scritto escluderei la messa a terra come fonte di tvi perchè l'avevi anche senza messa a terra , ora bisogna sapere a che distanza fai tvi e con che potenza, se le antenne tv sono collegate ad amplificatori e quanto sono vecchie, una connessione ossidata diventa facilmente un raddrizzatore rf  formidabile e se poi c'è il centralino tv il tvi è assicurato anche con potenze minime e con tutte le antenne \ bande, se invece fai tvi solo con alcune antenne potrebbe anche essere che hai ossido nei connettori e generano spurie e disturbi e quindi si và a controllare i connettori, anche la prova con un'altro apparato serve per escludere il tuo apparato che potrebbe ad esempio essere mal regolato come alc e generare spurie,non penso visto il modello ma quando c'è un problema di tvi bisogna provare ed escludere anche l'apparato...

28
Autocostruzione / Re:Autocostruzione da 0
« il: 04 Settembre 2019, 23:41:16 »
73 a tutti, concordo con chi consiglia vecchie riviste e libri semplici da trovare in rete e cominciare con qualcosa di molto semplice, prima di correre si impara a camminare e prima ancora ad andare a 4 zampe,le vhf non sono impossibili da imparare per un autodidatta ma vengono ben dopo le onde corte e medie che sono il mattone principare per costruire esperienza con la radiofrequenza che non è comunque la base elettronica, prima si impara cosa è l'elettricità e un circuito banale come una batteria e una lampadina sono il vero inizio, presumo che un minimo di base teorica già c'è ma se non si ha mai collegato una batteria a una lampadina o a un'elettrocalamita è dura capire quello che stai facendo, certamente guardando tutto quello che c'è in rete si può riprodurre anche un circuito vhf ma se non conosci un minimo di teoria e si è fatto già un pò di esperienza la delusione è quasi assicurata, invece se si parte da cose molto semplici (che però funzionano e permettono di capire...) la soddisfazione personale aiuta a fare i passi successivi e si arriva anche ben oltre le vhf, la strumentazione per fortuna è diventata economica e rispetto ad anni fà si può investire pochi soldi anche per strumenti importanti come l'oscilloscopio o l'analizzatore di spettro ma prima di pensare a questi strumenti serve imparare ad usare e capire un semplice multimetro, strumento indispensabile al pari del saldatore, forbici ecc... detto questo bisogna sapere quanto è il livello di conoscenza elettronica, zero dice poco, chi è perito elettronico ha una base teorica elettronica elevata anche se non ha mai visto un circuito vhf, chi ha fatto il perito chimico o altro e non ha mai studiato elettronica dovrà imparare prima le basi per poi arrivare a capire la radiofrequenza, non c'è bisogno di "studiare" per prendere la laurea ma di capire quello che si fà e le vhf non sono il primo passo...
ps: http://www.introni.it/riviste.html  è il sito perfetto per farsi una cultura elettronica sia con riviste che manuali e libri semplici (ci sono anche quelli più difficili...) e cominciare dal propio livello, posso assicurare che anche far lampeggiare un led con due transistor è appagante e ci impari un sacco di cose che serviranno per far funzionare circuiti ben più complessi...

29
73 a tutti, ok per la messa a terra dell'impianto elettrico e della stazione radio ma non hai descritto l'antenna, non dico che sia la causa del tvi ma potrebbe essere e la messa a terra non risolve il tvi...

30
riparazione radio amatoriali / Re:rotore yaesu g450 a scatti....
« il: 02 Settembre 2019, 15:35:17 »
73 a tutti, 7 mt di palo non tirantato con sopra un dipolo rotativo o una delta ecc... lo vedo rischioso a meno che sia tutto di tua propietà e se cade di sotto non puoi far danno a terzi, in condominio non lo farei mai...  detto questo con un sistema simile come principio a quello di Iz1leh avevo fatto 4 mt di palo con il rotore leggero (classico rotore tv) e ruotava  diverse antenne vhf\ uhf, chiaramente la leva non è paragonabile alla tua antenna hf ma comunque tra palo, crociere e antenne pesava 30 kg e non ha mai avuto problemi, l'ho tolto funzionante (e ora lo uso per un loop magnetico) quando ho rifatto il tetto, se c'è il cuscinetto reggi spinta il rotore è molto meno sollecitato...

31
riparazione radio amatoriali / Re:rotore yaesu g450 a scatti....
« il: 02 Settembre 2019, 02:13:53 »
73 a tutti, SFERE non pallini, quelli si usano nelle cartucce HI!!!
concordo con chi ha scritto che i cuscinetti a SFERE non si riparano da soli, è vero che nel rotore il cuscinetto è aperto e non sigillato e quindi possono uscire le sfere ma se succede è perchè si è deformata o rotta la guida per il troppo carico laterale o si è allentata la vite che tiene chiuso la parte mobile (campana) con la parte fissa del rotore, chiaramente la gabbia rotore con un cuscinetto reggispinta è la soluzione ma il difetto potrebbe anche essere altro e si scopre solo aprendo il rotore, però in garanzia eviterei di aprilo, non ci sono sigilli ma se rompi qualcosa nell'aprirlo poi è dura farlo passare in garanzia...
ps: se non è possibile mettere i tiranti e si vuole comunque il rotore si può mettere alla base del palo con la gabbia e cuscinetto reggispinta, in questo modo la gabbia e il suo cuscinetto salvano il rotore e non si usano i tiranti, il problema sarà  trovare o meglio costruire la gabbia di dimensioni compatibili con il palo che se telescopico è ovviamente più grande che in cima...

32
Radio Ascolto / Re:"Strana configurazione" antenna per R5000
« il: 01 Settembre 2019, 22:06:12 »
Grazie R5000, per cortesia potresti indicarmi il numero e la lunghezza consigliata per i radiali da installare sulla stilo? Io prediligo i 40metri, grazie

inviato SM-A520F using rogerKapp mobile
73 a tutti, considerando che parliamo di solo ascolto non bisogna tarare l'antenna per avere il ros gestibile dal trasmettitore direi che bisogna provare più soluzioni per migliorare il rapporto segnale rumore e non c'è una soluzione ideale, cioè se trasmettevi dicevo stilo di 10 mt con almeno 3 o più radiali lunghi pure loro 10 mt, si parla della classica ground plane dalla resa sicura e si può fare anche per il solo ascolto ma cambia poco se lo stilo è lungo 8 mt e puoi fare un solo radiale di 8 mt o meno, chiaro che se parliamo di uno stilo di 2 mt sulla ringhiera di un balcone la resa in 40 mt sarà minore e se puoi stendere una filare di 80 mt ci sarà anche da attenuare il segnale perchè fin troppo elevato per il ricevitore ma parli di stilo quindi presumo che non hai molto spazio a disposizione, se così si prova con quello che ci stà e si vede se ci sono miglioramenti ok altrimenti si ritorna alla soluzione precedente, avere due antenne è sempre meglio di una sola e a seconda del momento può essere che và meglio quella che normalmente sembra peggiore...

33
Radio Ascolto / Re:"Strana configurazione" antenna per R5000
« il: 30 Agosto 2019, 01:24:29 »
73 a tutti, confermo che gli ingressi d'antenna a 50 ohm hanno la massa in comune, solo se si utilizza l'ingresso ad alta impedenza è bilanciato e pur collegato alla massa in comune non interagiscono tra loro le discese, la commutazione tra le antenne è con i relè quindi escludo un difetto nel circuito di commutazione, è sicuramente dovuto alla massa in comune e lo stilo funziona meglio quando colleghi alla radio il cavo coassiale della miniwhip che diventa di fatto il contrappeso dello stilo, se riesci a mettere dei radiali alla massa dello stilo probabilmente poi diventa ininfluente collegere o meno la discesa della miniwhip...
ps: per le onde lunghe, vor e onde medie prova un'antenna a telaio collegata alla presa ad alta impedenza, è bidirettiva e aiuta a ridurre il rumore sempre che proviene da un'altra direzione rispetto al segnale che vuoi ricevere...

34
Yaesu / Re:Veicolare hf
« il: 30 Agosto 2019, 01:06:02 »
73 a tutti, non faccio nomi ma un radioamatore che conosco ha perso per strada ben due antenne autocostruite, con la terza ha risolto legando l'antenna con il cordino di nylon, esteticamente non è il massimo ma è molto più sicuro di prima, la base magnetica è inutilizzabile con antenne lunghe più di 1 mt e per giunta con la bobina di carica centrale e non alla base come le comuni antenne cb, il discorso di montare l'antenna a centro tetto ha sicuramente molto senso con le vhf \ uhf perchè rende l'antenna omnidirezionale con un'ottima efficienza, in hf già ha meno senso perchè la dimensione del tetto è minima per la lunghezza d'onda e poi bisogna prevedere di irrobustire la lamiera smontando completamente il cielo e spesso non è praticabile, molto meglio fissare l'antenna alle barre porta tutto o al portellone posteriore, anche se non sarà perfettamente omnidirezionale è sicuramente robusto e più sicuro delle calamite, il paraurti, gancio traino o anche il passa ruota sono validi se la macchina è un fuoristrada o simile, per un'utilitaria direi che le barre portatutto sono la soluzione migliore...

35
antenne radioamatoriali / Re:Connessione di 2 yagi
« il: 30 Agosto 2019, 00:34:30 »
73 a tutti, usare due discese separate è più versatile ma anche più costoso in particolare se si vuole contenere al massimo l'attenuazione del cavo, io per le uhf uso il 1\2" e l'h1000  per le vhf, invertendo i cavi noto la differenza su 20 mt di discesa, se avevo 10 mt la differenza era minore e forse non giustifica l'uso del 1\2" ma conoscendomi l'avrei utilizzato per entrambe le discese, utilizzare un duplexer o due nel caso voglio utilizzare in modo indipendente le antenne è fattibilissimo ma la perdita d'inserzione e altri problemini a cui ha accennato Iw4bjg giustificano l'uso se propio non si possono posare altri cavi e bisogna accontentarsi, poi dipende dall'utilizzo delle antenne, se per le dirette locali o per collegare ponti perdere il dB non cambia nulla ma se parliamo di sat, eme o anche dx via tropo ecc... si cerca di limare anche il decimo di dB e ha senso pianificare tutto l'impianto compresi connettori, commutatori ecc... anche la disposizione della stazione radio per ridurre la lunghezza dei cavi...
ps: quando ho rifatto il tetto ho messo i tubi da 80mm per far passare qualche cavo in più e alla fine ho aggiunto comunque dei commutatori coassiali perchè filtri e preamplificatori vanno vicino alle antenne e non in stazione e a seconda dell'utilizzo trovo conveniente escludere o attivare il tutto senza salire sul tetto, quindi oltre alle due discese separate è bene prevedere anche dei cavi multipolari per comandare commutatori, rotori ecc... che al momento non si pensa ma poi vengono molto comodi...

36
Yaesu / Re:Veicolare hf
« il: 29 Agosto 2019, 14:47:44 »
73 a tutti, concordo al 100 % e se l'impianto elettrico dell'auto non crea disturbi ci si diverte molto anche in movimento, settimana scorsa chiamavo in 20 mt un'amico in vacanza in calabria e mi risponde un'altro amico dal portogallo, entrambi in auto in movimento e con antenne più corte di 2 mt, chiaro che la propagazione ha dato una grossa mano ma fare qso stabile in 3 tra 700 e 2200 km è soddisfazione pura e l'abbiamo ripetuto più giorni tranne ieri sera quando tra portogallo e calabria era come una telefonata e io non sentivo assolutamente l'amico in calabria, in 20 mt la propagazione non è prevedibile come in 40 o 80 mt ma basta avere l'antenna e non serve nemmeno grande potenza, 10 watt o 100 watt non fanno grande differenza...

37
discussione libera / Re:espandere strumenti
« il: 27 Agosto 2019, 22:29:58 »
73 a tutti, ponte di Wheatstone, servono 4 resistenze di cui due variabili per calibrare l'inizio e fondo scala...

38
Autocostruzione / Re:Antenna Loop attiva contro Miniwhip
« il: 25 Agosto 2019, 18:04:09 »
73 a tutti, concordo al 100% , ho costruito diverse antenne amplificate e il loop attivo è certamente quello che mi dà il miglior rapporto segnale \ rumore, poi cambiando tipo di transistor e mescola ottieni risultati differenti tipo banda passante ecc... ma mai tanto da superare il rapporto costo \ resa di questa antenna che và veramente bene per una manciata di componenti... detto questo con schemi più complessi e componenti  selezionati le prestazioni migliorano e lo vedi quando ad esempio trasmetti e vuoi contemporaneamente ricevere su un'altra banda ma per il solo swl o comunque se non si pretende che riceve anche quando si trasmette vicino è certamente un'antenna da fare e usare un pò per tutto, la miniwhip risente di più dell'installazione anche se pure questa più in alto e libera la monti è meglio, infatti ho previsto già di montarla per questo inverno sul traliccio visto che anch'io dovrò cambiare il tubo di plastica che si è deformato per il caldo o il vento (non ho capito come è successo, si è schiacciato e piegato di lato) che ha sradicato piante e scoperchiato tetti ma tutte le altre antenne non hanno subito danni e penso più al caldo e canalina invecchiata...

39
Autocostruzione / Re:Ricevitore Supereterodina
« il: 23 Agosto 2019, 23:23:17 »
Senti , carissimo Rommel . Ho messo un filo di rame di 3 metri  a vx3 della yaesu . Ho messo lo squelch a zero . Ho acceso , parte da 1800 khz e ho proceduto con passo da 5khz fino a 5000khz . Ma niente , non si sente niente . Solo una portante a 3580 khz . Possibile ? Eppure ho nostalgia di quel ricevitore . Mi pento di averlo smontato . Ma tu sei altrettanto sicuro che non si sente niente ?
73 a tutti, attualmente di segnali da 1800 khz a 5000 khz ce ne sono  fin troppi HI!!! è vero che 20 o più anni fà si ascoltavano molte broadcasting extra europee più o meno facilmente ed è assolutamente vero che molte broadcasting sono passate al satellite o in rete ecc... abbandonando le onde corte ma basta anche un ricevitore minimo e sicuramente i programmi cinesi si ascoltano per tutte le hf,detto questo il vx3 è un'ottimo apparato ma in hf è sicuramente limitato a prestazioni, io invece di usare un filo di 3 mt ne userei al massimo 50 cm,  facilmente si sovraccarica per tutti i segnali che raccoglie e non riceve nulla ma i segnali ci sono... riguardo al ricevitore classe 1963 sicuramente usa transistor al germanio e riprodurlo con i componenti al silicio è possibile ma vanno riviste le polarizzazioni e se si tratta di un reflex io guarderei un circuito poco più moderno già progettato con componenti al silicio, questo perchè i transistor al germanio hanno meno guadagno e non è detto che un 4 transistor al silicio funziona bene quanto i 4 transistor al germanio, prevedo instabilità e difficoltà maggiori, comunque provare costa poco (come componenti, il tempo non si conta...)e vale lo stesso anche per il ricevitore a galena, chiaramente non bisogna aspettarsi volume e selettività moderne ma è un circuito importante da provare e poi migliorare aggiungendo un'amplificatore audio e poi rf ecc... fino anche all'utilizzo nel preselettore di un ricevitore sdr o multipla conversione, il tempo speso con un circuito semplice serve per fare poi il passo successivo, partire subito con la costruzione di un ricevitore supereterodina magari grazie ai kit di nuova elettronica ecc... ha permesso di far funzionare il ricevitore ed è una buona cosa ma per migliorare il migliorabile non c'è nulla di meglio che aver costruito la galena e sopratutto averci tribolato per migliorare la sensibilità e selettività, tutta esperienza che nel kit non puoi fare, c'è poi da dire una cosa importante, con tutti i generatori di distrurbi che abbiamo in casa e nelle vicinanze è più difficile di una volta far funzionare bene un ricevitore a galena ma basta portarlo fuori dai centri abitati e diventa come era tanti anni fà, purtroppo computer, tv, carica batteria, lampade a led ecc... sono fonti di disturbi e senza un'antenna esterna lontana dalle fonti di rumore  un circuito tanto semplice come il ricevitore a galena raccoglie tanto rumore che copre il segnale utile...

40
Autocostruzione / Re:Ricevitore Supereterodina
« il: 22 Agosto 2019, 23:31:30 »
@r5000, riguardo la cifra di rumore,forse è diventata una mia mania,ma essendo che nel passato ascoltavo prevalentemente emissioni dx,broadcasting in gamme tropicali( ahime oramai deserte) e onda media, quindi frequentemente segnali al limite dell'udibile,mi è capitato spesso che alcune emittenti debolissime facevo fatica a copiarle,in quanto in quelle condizioni,con smeter a zero,e agc al massimo,il segnale "affogava"nel noise del rx A volte sui 90 e 120 metri,quando non si presentavano "ovviamente" interferenze sui canali adiacenti,ascoltavo meglio per esempio con il piccolo rx mono conversione valvolare RT77,(la parte ricevente dell'apparato surplus GRC9) ,che con il kenwood R5000/JRC 525/Drake R8 di cui disponevo allora.
Ps:..chissà come verrebbe un rx valvole e stato solido  [emoji1]
73 a tutti, bisogna distinguere la cifra di rumore del ricevitore con il rumore di fase che è ben più importante della cifra di rumore del ricevitore, infatti hai trovato migliore un ricevitore valvolare che ha un'oscillatore decisamente migliore di qualsiasi ricevitore pll o sintetizzato, conosco benissimo la sensazione riposante di un ricevitore tipo l'r4b Drake rispetto all'R5000 che utilizzo giornalmente e ne conosco  pregi e limiti, in fase di progetto se vuoi un ricevitore a sintonia continua dovrai scendere a compromessi con il rumore di fase degli oscillatori, mixer ecc... e passare al dds o limitarsi alla sintonia a bande costruendo di fatto N ricevitori mono banda, considera che a prestazioni assolute un'oscillatore al quarzo se fatto come una volta (HI!!!) è inavvicinabile da un pll o dds economico, ci si avvicina con apparati molto costosi ma alla fine se hai l'orecchio con i vecchi vfo e quarzi capisci che non è la stessa cosa quando muovi il vfo di un'apparato moderno e anche se imposti lo step a 1 hz lo distingui dal ricevitore con i quarzi e vfo, poi invece se parliamo di stabilità non c'è storia, un'apparato moderno vince facile ma se non è un problema inseguire il segnale è più piacevole l'ascolto con il valvolare...

41
Autocostruzione / Re:Ricevitore Supereterodina
« il: 22 Agosto 2019, 01:54:58 »
73 a tutti, ci sono molte tecniche per costruire bobine e lo scopo l'ha spiegato bene Rommel, aumentare il più possibile la selettività di un circuito semplice (che non è affatto semplice come sembra...) di ricevitori basilari come la galena o reflex e poi ottimizzare al massimo le prestazioni anche nella supereterodina singola conversione, di fatto  la totalità dei ricevitori a valvole dai primi del 900 fin dopo la seconda guerra mondiale utilizzano il filo litz e le bobine dei preselettori ma anche le medie frequenze spesso sono avvolte a nido d'ape ecc... fino all'avvento dei transistor dove la miniaturizzazione ha prevalso sulla qualità costruttiva e le bobine a nido d'ape nelle medie frequenze ecc... sono sparite quasi del tutto, restano solo le antenne in ferrite per le onde lunghe e poco altro ma la costruzione di bobine a nido d'ape è fattibilissima e migliora le prestazioni sempre, anche se parliamo di ricevitori di ultima generazione analogica o digitale, fare un preselettore con bobine classiche (avvolte su cilindro con spire affiancate) o bobine smd e confrontarlo con lo stesso circuito costruito a nido d'ape mostra senza bisogno di tante prove strumentali una netta miglioria nella selettività dell'accordo e se non fosse che un filtro di banda è più grande di tutta una radio le bobine a nido d'ape sarebbero ovunque, invece si costruiscono ricevitori piccoli con prestazioni mediocri e si corre ai ripari con doppia e tripla conversione, filtri a quarzo e front end ad alta dinamica per contrastare l'inevitabile sovraccarico dovuto alla mediocre selettività dei filtri d'ingresso... detto questo non ho mai utilizzato il mixer ad831 e visto il costo un pensierino ce lo farei ma con l'slb-1 si possono ottenere prestazioni di tutto rispetto quindi c'è solo da decidere se seguire il progetto di un ricevitore già collaudato e replicato in un'infinità di pezzi o sperimentare componenti nuovi o meno diffusi che almeno singolarmente sembrano assolutamente validi, la regola del meno componenti ci sono sul percorso del segnale migliora certamente la cifra di rumore totale del ricevitore ma non è detto che sia poi semplice ottenere prestazioni simili o migliori di circuiti più complessi perchè la cifra di rumore dei circuiti è solo una caratteristica delle tante che determinano le prestazioni  del ricevitore, tutto sommato in hf è la meno importante, visto il rumore di fondo in antenna avere un ricevitore con la cifra di rumore a -100dBm o -140dBm (differenza strumentale enorme)di fatto non ascolti differenze quando ci colleghi l'antenna che se và bene ha -80 dBm, quindi ok fare ricevitori che non soffiano ma nemmeno cercare valori adatti a chi fà EME in vhf e non a chi deve combattere in hf con segnali adiacenti spropositati oltre al rumore di ogni tipologia spalmato h24 tutti i giorni dell'anno...

42
73 a tutti,la foto di Dattero fà vedere quello che intendevo con le barre filettate legate al ferro del cemento armato, se prima fai il plinto e poi arriva la piastra devi fare i buchi e le barre filettate saranno dritte cementate con la resina, funziona comunque visto che è il sistema usato quando c'è già la soletta\ terrazza o trave "buona" per ancorare il traliccio, però se hai la piastra prima di gettare il cemento conviene fare gli uncini e legare le barre filettate nel ferro del cemento armato, sul discorso di Francesco che dice che flette la base tutto il metallo flette, anche  un tornio pur rigido e robusto quanto vuoi ha flette tra mandrino e torretta, si tratta di centesimi o meno ma c'è quindi anche il traliccio e la base flettono se fai leva, vai tranquillo, se dici al geometra altezza della struttura e peso delle antenne e magari anche la superfice esposta fanno i dovuti calcoli, anche i civili hanno a che fare con lampioni, cartelli stradali ecc... e sanno calcolare la portata delle fondamenta...
ps: era ora HI!!! finalmente aggiungo...

43
antenne per CB / Re:Stessa antenna, due radio
« il: 17 Agosto 2019, 18:58:25 »
73 a tutti, ok, procedura corretta, è sicuramente un problema dell'apparato texas, ora se è stato smanettato, tolto il filtro passa basso ecc... andrebbe ripristinato almeno il filtro e ritarato lo smeter, però prima sarebbe da ripetere la misura con un carico fittizio, il motivo è che l'antenna in presenza di armoniche alza il ros e quello che indica potrebbe essere corretto, con il carico fittizio anche se hai armoniche elevate non hai ros e quindi puoi controllare il rosmetro e calibrarlo correttamente, poi se ci ricolleghi l'antenna indicherà sempre ros ma sai la causa...

44
antenne per CB / Re:Stessa antenna, due radio
« il: 17 Agosto 2019, 18:07:43 »
73 a tutti, non ho capito come misuri il ros, ti limiti a spostare il deviatore su swr o fai tutta la procedura di calibrazione? poi cambiando canale su un'apparato ben allineato hai la stessa potenza anche agli estremi di banda ma su apparati economici non è detto e la differenza aggiunge errori alla misura...

45
antenne per CB / Re:Stessa antenna, due radio
« il: 17 Agosto 2019, 17:45:42 »
73 a tutti, prima di pensare ai trimmer, analizzatori di spettro ecc... come procedi la misura del ros con il texas? quando cambi canale ripeti la calibrazione (cal) dello smeter del texas? tutto questo perchè se non regoli nulla ma ti limiti a guardare il ros sicuramente non è la procedura corretta, prima si sposta il deviatore su cal e si regola con la manopola swr in modo che la lancetta arriva al punto dello smeter con scritto cal, poi si sposta il deviatore swr senza toccare la manopola swr e si vede il ros (precisamente la potenza riflessa mentre nella modalità cal vedi la potenza diretta), se fai questa procedura e indica ros 2 vuol dire che và rivista la taratura dell'apparato ma se non fai la procedura corretta quello che misuri non è accurato...

46
antenne per CB / Re:Stessa antenna, due radio
« il: 17 Agosto 2019, 14:43:50 »
73 a tutti, premesso che lo strumento esterno sia calibrato e indica correttamente il ros(serve un carico fittizio) si prova l'apparato con lo stesso carico fittizio e se c'è differenza si ricalibra lo strumento del texas, ovviamente prima si deve fare la procedura di calibrazione dello smeter, poi se indica veramente sbagliato sarà da tarare con l'apposito trimmer all'interno dell'apparato ma prima bisogna essere sicuri di aver calibrato correttamente lo smeter, tasto su cal e regolare la manopola swr fino  a combaciare con il riferimento sullo smeter e poi tasto su swr senza muovere la manopola swr o cambiare canale, spesso la potenza non è uguale su tutti i canali e di conseguenza si sbaglia il riferimento cal e di conseguenza il ros...

47
Autocostruzione / Re:A244D (tca 440)
« il: 15 Agosto 2019, 17:33:48 »
73 a tutti, non sono a casa per guardare direttamente ma spesso ci sono diversi equivalenti più o meno equivalenti e potrebbe essere che anche il tca440 è tra questi, io l'ho sempre usato originale  quando non esisteva internet quindi niente cloni cinesi, purtroppo c'è da aspettarsela perchè ci vuole veramente poco a stampare una sigla su un'integrato anonimo e spacciarlo per buono... comunque se trovi un libro di questi http://www.polistampa.com/scheda_libro.php?id=744 servivano propio per trovare i corrispondenti equivalenti o quasi, spesso nelle riparazioni di autoradio ecc... bisognava arrangarsi per la mancanza dei componenti originali e i databook erano l'unica fonte d'informazione...

48
antenne radioamatoriali / Re:Preselettore MFJ-1048
« il: 12 Agosto 2019, 15:20:40 »
73 a tutti, il preselettore aiuta sempre il ricevitore a funzionare meglio ma non puoi sapere quanto aiuta senza provare con il tuo sistema d'antenna ecc... i risultati sono ottimi con ricevitori economici senza filtri e man mano che sali di prestazioni con il ricevitore l'aiuto del preselettore diventa meno percettibile propio perchè i ricevitori top di gamma "dovrebbero" avere già a bordo ottimi filtri preselettori e non "dovrebbe" servire altro, c'è anche da dire che il preselettore funziona solo quando il problema è il sovraccarico del ricevitore per i troppi segnali forti fuori banda, se hai il russo  a s9+60 a 5 khz non c'è preselettore che risolve, solo con ricevitori ad alta dinamica ed estremamente selettivi si riesce ma sempre che il russo non spuria sopra la frequenza ricevuta perchè se è largo 20 khz non c'è ricevitore in grado di filtrare isoonda, serve un'antenna diversa orientata in modo da annullare il russo e allora c'è qualche possibilità anche con ricevitori mediocri, per questo consiglio più antenne dedicate alla ricezione, al primo posto il loop magnetico che se piazzato bene ha due nulli tanto profondi che risolve sempre se il disturbo non arriva dalla stessa direzione del segnale utile, poi se il disturbo isoonda è diffuso è da provare il QRM eliminator ma anche lì è tutto da vedere quanto risolve, non esiste la certezza ma bisogna provare e spesso si migliora, poi non avendo l'ic73000 non sò se migliora tanto o poco con il preselettore in questione però con l'sdr duo che ha già a bordo dei filtri (molto meglio delle chiavette sdr senza filtri a bordo) c'è un miglioramento utilizzando il preselettore esterno ma spesso per far spegnere la spia overload bisogna comunque ridurre il guadagno ma dipende tutto dalle antenne, con la 1\2 verticale dei 20 mt c'è già un preselettore e difficilmente ho l'overload ma è un'antenna monobanda, con il loop ad onda intera degli 80 mt il preselettore aiuta tantissimo e senza preselettore l'overload è sempre acceso a meno che ridurre tantissimo il guadagno, con il preselettore inserito riesco a tenere  quasi sempre al massimo il guadagno senza vedere la spia overload e notare l'aumento di rumore di fondo e intermodulazioni...

49
73 a tutti, concordo, se fili grossi o cavi (balun choke) due fascette di nylon, se filo smaltato sottile ecc... colla a caldo, cera nel caso di toroidi molto piccoli con filo sottilissimo se c'è da ritoccare gli avvolgimenti, anche lo smalto per unghie và bene se la bobina serve per filtri, oscillatori, mixer ecc...

50
Buonasera a tutti e grazie per le risposte, sono consapevole del fatto che il costo per un buon commutatore lievita e non di poco, ma aimè, avere tanti cavi che arrivano in stazione non è cosa, inoltre in ogni caso dovrei comprare un commutatore che in una visione futura, quello più comodo e realmente utilizzabile è quello remoto, al momento non ho problemi di spazio nè tanto meno di poter scendere quanti cavi mi pare fino in stazione, ma in un futuro quando cambierò casa potrei avere problemi, perciò vorrei fare una spesa che vada bene per un bel po' di anni. Detto ciò, mi sapete consigliare una marca di commutatori remoti che utilizza dei relè sottovuoto come consiglia il buon r5000? Grazie a tutti per le risposte che avete dato e che continuerete a dare!
73 de IU8FAN.
73 a tutti, questo https://www.nmf-technology.it/prodotti/commutatori-antenna/ è sicuramente valido, è un prodotto artigianale molto curato nei particolari, l'ho visto in fiera a Montichiari e ha la scatola e i connettori ermetici (c'è un oring tra contenitore e connettore) e se sigilli tutti i cavi con nastro autoaglomerante la salsedine non fà danni...

51
73 a tutti, la scelta dei relè sotto vuoto risolve anche sul mare o con lo smoog cittadino, con i relè classici puoi sigillare la scatola ma se non è propio ermetica (difficile da fare con tutti i fori per i connettori ecc...)la salsedine  ecc... farà danni in poco tempo, anche con i relè venduti come sigillati, l'unica alternativa sono i relè sotto vuoto o sigillare completamente i relè comuni con resine bicomponenti o almeno cera fusa, il silicone è ottimo per sigillare ma basta lasciare una fessura e l'aria umida \ salsedine passa comunque...

52
73 a tutti, dipende tutto da quanta potenza intendi impiegare, con i soliti 100 watt và bene un pò tutto, se vuoi più potenza servono relè sotto vuoto e nei commutatori commerciali i prezzi lievitano, anche l'autocostruzione (sempre da preferire a parer mio...) per 100 watt è facile ed economica, se poi utilizzi relè sotto vuoto spendi di più rispetto ai commutatori commerciali soliti ma hai una tenuta di potenza molto maggiore e sopratutto all'esterno sono eterni o quasi...

53
Elettronica & Radiotecnica / Re:Autoradio pioneer
« il: 06 Agosto 2019, 01:06:24 »
73 a tutti, questo difetto dovuto all'aggiornamento non andato come doveva è il motivo del perchè nelle istruzioni  ci sono un sacco di raccomandazioni e lo scarico di responsabilità nel caso l'aggiornamento non funziona correttamente o peggio si guasta qualcosa, purtroppo adesso c'è ben poco da fare se non rendono disponibile un aggiornamento che riparara il problema sempre che sia un problema software e non hardware...

54
Microfoni / Re:Micro Piezo Autocostruzione
« il: 05 Agosto 2019, 00:16:04 »
73 a tutti, non ci metto la mano sul fuoco (anche per me sono passati tanti anni...) ma quando costruivo preampli microfonici per il cb ricordo che le capsule piezoelettriche non funzionano alle basse frequenze, sicuramente ero "principiante" e sotto i 400-500 hz la resa era inesistente rispetto alla capsula magnetica, non ho idea se 26 dB a 250 hz bastano  ma sicuramente amplificare i 3500 hz di 19 dB è troppo, 7 dB di differenza mi dicono che avrai comunque una voce squillante senza bassi, fare 12 dB di differenza a favore dei 250 hz forse equalizza meglio bassi e acuti ma senza provare è solo un'impressione, chiaro che posso sbagliarmi ma ricordo che qualsiasi microfono con capsula piezoelettrica che ho provato e usato con soddisfazione "spaccava" e anche senza lineare mi facevo sentire ma non si può dire che l'audio era equilibrato come per un microfono magnetodinamico...

55
Elettronica & Radiotecnica / Re:Autoradio pioneer
« il: 04 Agosto 2019, 23:34:37 »
73 a tutti e ben arrivato Peppe_1993, a naso è un difetto e se non si risolve con il reset prova l'autoradio staccata dall'auto per capire se dipende dall'autoradio o dall'impianto a bordo, non mi stupirei se da sola funziona e và ricablato l'impianto senza i comandi a volante ecc... ma questo è da fare solo dopo aver visto funzionare correttamente l'autoradio a banco ...

56
discussione libera / Re:Questa è poesia
« il: 04 Agosto 2019, 23:18:14 »
73 a tutti, Pietro se parliamo dello stesso radioamatore non si parla di 500 watt ma almeno uno 0 in più se ci fidiamo di rapporti di segnale fatti con strumentazione e non con lo smeter dell'817, altro che qrp o qro, siamo oltre il qro e il fatto che si ascoltava dall'altra parte del mondo anche con un'antenna del genere serve TANTA potenza che diventano plausibili anche i 100 distrurbatori locali e l'utilizzo di ricevitori remoti... io sò solo che pur rispondendo alle sue chiamate con i miei 100 watt non c'era verso d'aver risposta,  il perchè anni fà erano solo dicerie adesso sembra che ci sia una logica...

57
discussione libera / Re:Questa è poesia
« il: 03 Agosto 2019, 23:08:32 »
r5000 non metto in dubbio ciò che dici, così come mai pensato che in generale le celle non disturbino però se l'impianto è fatto a regola d'arte non dovrebbero esserci problemi ma spesso non è così.
Il senso del mio discorso oltre che generale era contestualizzato all'installazione mostrata nel post. In due parole in questo specifico caso non credo che si disturbino vicendevolmente l'OM ed il gestore sennò soldini a parte uno dei due ho prende contromisure (che penso siano state già implementate in fase di installazione) o l'operatore "sloggia" cioè smonta e fine del discorso.
Questo era il senso. Poi che ogni antenna "disturbi" è altra cosa verissima e che vale su tutte le frequenze, ma su quello ci sono milioni di thread in merito :-)
73 a tutti, spero che sia così per il radioamatore che ha l'antenna sopra la cella telefonica ma se è il radioamatore che trasmetteva sempre a 7070 non è che aveva un gran orecchio per i segnali deboli, può essere che non voleva parlare propio con chi trasmette in qrp ma può essere che faticava davvero a sentire chi non gli arriva a s9+ e guardando il traliccio penso alla seconda ipotesi, poi è vero che alcuni radioamatori hanno le antenne sul tetto "in comune" con le celle telefoniche e non lamentano disturbi ma ormai ci vuole veramente poco per avere disturbi...

58
discussione libera / Re:Questa è poesia
« il: 02 Agosto 2019, 15:08:01 »
beh,avendo fatto parte di quei "team" che tu nomini ti posso dire che al giorno d'oggi (licenziati noi che,secondo loro costavamo troppo...)le progettazioni sono fatte da ragazzi precari privi di esperienza che cliccano bottoni sui vari tool automatici ( e si vede dai continui disservizi delle reti).
nel corso degli anni ho fatto parecchie misure interferenziali,e ti dico che tutti quegli apparati spurieggiano allegramente.
pensa solo ai ponti radio ( radio sul traliccio e modulazione/demodulazione in una scheda a terra e  che hanno sul cavo if  a 70MHz, 140MHz, 233 MHz e relative armoniche e subarmoniche.A volte è bastato rifare un connettore per eliminare le interferenze.
oppure pensiamo alla soglia di allarme ros impostata a 3.5 così quando piove non devono pagare la chiamata al tecnico...(quando smette di piovere l'acqua nei connettori non nastrati si asciuga...)e intanto dal tx nascono spurie e intermodulazioni inimmaginabili.
io sarei molto restio ad avere antenne radioamatoriali con vicini così scomodi (anche perchè ogni tanto si dimenticano di pagare l'affitto...)
73
73 a tutti, concordo al 100%, se le frequenze hf sono lontate dalle frequenze gsm, umts, lte ecc... non è lo stesso per gli alimentatori e tutto il necessario per far funzionare le celle telefoniche, i disturbi, spurie, interferenze ecc... che generano sono spalmate dalle vlf alle uhf e propio quando piove mi rendo conto che il traliccio che ho a 150 mt da casa fà tanti disturbi che nemmeno l'elettrodotto  e la ferrovia mi fanno messi assieme, io tempo fà pensavo agli isolatori della linea in dispersione ecc... fino a quando mi sono avvicinato alla cella telefonica e ho capito l'origine di alcuni  disturbi , ora spero sempre che prende fuoco ma è difficile quando piove...
ps: ho anche avuto modo di parlare con i tecnici che facevano le misure per l'ARPA ma i valori al momento sono nella norma (luglio e 30° all'ombra) e quello che misurano è il livello massimo totale delle emissioni e non il livello di ogni spuria quindi del tutto inutile per qualsiasi risoluzione al problema disturbi radio, per quello ha competenza il MISE e sperare che piove durante il controllo o continuare a sperare che si risolve da solo...

59
discussione libera / Re:Stazione radio sottoterra
« il: 30 Luglio 2019, 23:47:30 »
73 a tutti, la taverna o qualsiasi locale sono "buoni" per fare una stazione radio ecc... se rispondono alle esigenze personali, personalmente ho la cantina e posso usare le radio senza disturbare a qualsiasi ora della notte o giorno, idem per il laboratorio officina dove se mi serve uso anche il tornio alle 2 di notte e non disturbo nessuno, ovviamente non uso il flessibile o la saldatrice ma solo perchè per quei lavori serve stare all'aperto e anche se servono metri di cavo in più è senza dubbio il locale migliore che posso utilizzare come stazione radio, certamente potrei usare anche il sottotetto, da quando ho rifatto il tetto coibentato è anche più confortevole della cantina che d'inverno và riscaldata ma non c'è paragone come isolamento acustico, quindi pur avendo predisposto i cavi nel sottotetto alla fine sono solo di passaggio... riguardo alle interferenze radio (penso che ti riferisci a queste...) non cambia nulla stare al terzo piano o sotto terra, le antenne le hai sopra il tetto e raccolgono rumore che ti ritrovi al ricevitore, portare il ricevitore sotto terra non migliora nulla a meno che hai ricevitori senza un minimo di contenitore schermato, poi, se vogliamo parlare di rumore indotto ai cavi della rete elettrica ecc... avere la massa terra buona per l'rf impone tratti corti ed è più facile farlo in cantina rispetto all'attico, ma di sicuro i rumori che ascolti arrivano dall'antenna e c'è poco da fare, utilizzare antenne dedicate alla ricezione e il noise killer è una soluzione, buona o meno a seconda dei disturbi che vuoi attenuare, di sicuro per far funzionare "bene" il noise killer serve pratica e manualità perchè non è un circuito che funziona acceso spento ma và continuamente regolato a seconda del disturbo e frequenza che ricevi, nei video sembra facile ma in realtà è uno smanopolare continuo...

60
discussione libera / Re:OGGI LA ISS IN SSTV, STAY TUNED
« il: 30 Luglio 2019, 23:17:59 »
73 a tutti, pure questa sera schifo, oltre al ponte\i (perchè sono più di uno) che anche se non impegnati trasmettono indicativo ecc...  c'è pure chi chiama la ISS a 145.800 mhz... ok tutto ma informarsi prima che a 145.800 mhz c'è l'uscita del trasponder e non risponderanno mai se chiami lì... è propio vero che a fare le brutte figure con il microfono ci vuole veramente poco...

Pagine: [1] 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 ... 271