Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - Ing.Cinghiale

Pagine: [1] 2 ... 4
1
modi digitali / Re:Dtr e rts
« il: 28 Marzo 2015, 12:37:48 »
Guarda, avere un cavo KEY indipendente dal CAT, vuol dire che tu puoi fare CW senza dover necessariamente utilizzare il CAT, magari ci tieni collegato altro a quella porta. Usarli insieme? Non ho idea di che problemi possano dare, ma sinceramente credo nessuno; poi dipende tutto dalla radio questo è certo.
Comunque comincia col dirmi che radio utilizzi, così cominciamo a vedere come si comporta e cosa può accadere...
 :birra:

73s

2
modi digitali / Re:Dtr e rts
« il: 27 Marzo 2015, 14:10:38 »
Proverò ad essere più chiaro,
alcune radio hanno il connettore per il tasto telegrafico, in questo caso puoi prevedere alla tua interfaccia un cavo che vada a simulare proprio questo tasto.
Tecnicamente una radio in modalità Digitale, non trasmette in CW qualora tu inizi a smanacciare sul tasto telegrafico, oltre che una questione cautelativa, per virtù di rendere un'interfaccia immune da qualsiasi incompatibilità, io nella mia interfaccia ho preferito usare comunque un cavo KEY dedicato che ho isolato dal comportamento del PTT prevedendo un pin separato sul connettore seriale.

73s

3
modi digitali / Re:Dtr e rts
« il: 27 Marzo 2015, 10:38:11 »
Ciao aquila,
ti rispondo a seguito della tua richiesta a mezzo mail :) ; per ordine, tecnicamente puoi fare CW in tre modi, via CAT, via PTT e via KEY (ti parlo di radio come le Yaesu FT8x7); quindi,
- nel primo caso non ti serve nè DTR nè RTS,
- nel secondo caso ti basta il RTS collegato al PTT;
- nel terzo caso, ovvero quello nel quale hai sia cavo CAT sia cavo KEY (quello utilizzato dai paddle) che vanno verso la radio, ti servirà sia l'RTS per il PTT, sia il DTR per il KEY.

In firma trovi l'esempio della mia interfaccia.

Spero di essere stato chiaro,
73 de IU8BBM, Luca

4
MFJ-993B , scelto, e controscelto, non c'è proprio paragone, per 40 euro in più dal succitato venditore (offerta che avevo già trovato: 285 euro+15 spedizione=300, fortunatamente europa quindi niente dogana. ) la differenza è netta, la gamma d'accordo è stratosferica, non c'è bisogno di un-un per antenne sbilanciate, le colleghi e via. Il 929 è ottimo, ma per 40 euro di differenza e tutte quelle caratteristiche in più, non ci penso due volte. L'unica cosa che mi dispiace è che il 929 era trasportabile, il 993b proprio no.

La "sfortuna" mia è che ho trovato un generatore di segnali da laboratorio che desideravo da tempo immemore ad un prezzo addirittura inferiore all'accordatore e non posso proprio lasciarmelo scappare. :) Quindi posporrò l'acquisto ancora un altro po', e procederò direttamente con questo bellissimo accordatore appena le casse me lo consentiranno nuovamente.

Piccola nota, io acquisto sempre dalla Cina sotto i 20euro (valore limite dal quale scatta la tassabilità in dogana, dove passano TUTTI i pacchi indistintamente per il controllo) ed il resto in Europa Centrale/ Est (dove ovviamente c'è libera circolazione di beni), i costi sono SEMPRE inferiori, se non quando le spese di spedizione fanno lievitare enormemente il prezzo da renderlo sconveniente (cfr.attrezzatura "pesante").

Grazie a tutti per il tempo dedicato, riassumendo per un accordatore sotto i 300€ sicuramente l'MFJ-993b fà da padrone, ecco un paragone finale:
AT-200 PROIIMFJ-929MFJ-993b
Link:Specifiche LDGSpecifiche MFJSpecifiche MFJ2
Manuale:Manuale LDGManuale MFJManuale MFJ2
Freq.accordo:1.8-54Mhz1.8-30MHz1.8-30MHz
Gamma accordo:6-800Ω; 16-150Ω 6m6-1600Ω6-3200Ω@150W, 6-1600Ω@300W
Pot.accordo:250W SSB; 100W 6m; 75w digi200W (tutti i modi?)300W (tutti i modi?)
Memorie per antenna:200025002500
Display:LedLCDLCD+Analogico
Dimensioni (LxHxP cm):17,84 x 5,08 x 22,8616,5 × 7,1 × 19,125,7 × 7,1 × 23,4
InterfacciaEconomica, anche autocostruibileCostosa, non facilmente autocostruibileCostosa, non facilmente autocostruibile
Altra dotaz:Frequenzimetro 50MHz, Conn.Filare, alimentazione remota opzionale via coassiale.Stessi 929+ Balun 4:1 per linee e antenne bilanciate
Prezzo238245285

Insomma il 993b ha un rapporto qualità prezzo impareggiabile, gli unici "nei" sono il costo dell'interfaccia verso la radio, inutile comunque perchè dotato di autotune (con l'interfaccia mi pare di aver capito che si possa unicamente mandare in accordo su comando, oppure fare UP\DOWN), e l'accordo in 6m che ha solo l'LDG (che come diceva Davide è un problema da non porsi, in 6 metri non ci vai di filare). Senza contare poi che l'LCD utilizzato negli MFJ è nato per l'uso con il " DIGITAL SWR/WATTMETER" MFJ-826B appunto utilizzabile fino ai 6 MT, e poi montato (così com'è, senza modificarlo) su altri prodotti (Cit. l'amico 1 RB 048); quindi vi portate a casa anche un'ottimo wattmetro\rosmetro\frequenzimetro compreso nel prezzo. Ulteriore info data e testata da Davide è che Il balun utilissimo sulle bande basse ha però grosse limitazioni in banda, praticamente inutile alle frequenze sopra i 10m (per le quali dovrete acquistarne\costruirne uno esterno).

Grazie ancora a tutti per aver partecipato alla discussione, auguro a tutti buone feste e buon anno nuovo,
73 de IU8BBM, Luca

5
Allora,  non è tanto l'utilizzo attuale, visto che lo userei fuori bande con un dipolo multiplo 10-15-20 quindi risonante e bilanciato, o qualche random o comunque altre filari con il quale vorrei giocare fuori e dentro casa,  quanto piuttosto fare una spesa che mi rimanga per parecchio tempo e che si adatti a situazioni che non ho tutt'ora calcolato ( non sai mai la vita che ti attende a 25 anni...).
Questo é un discorso che mi fa senza il minimo dubbio preferire il 993b, ma a buon prezzo (o buone condizioni) non l'ho ancora provato. Non so se fermarmi ed accontentarmi al 929 (non avendo paura dei balun e non avendo la stretta necessità di un indicatore ad aghi) o attendere ancora e fare l'acquistone...oddio il 929 è molto più compatto,  e mi piacerebbe l'idea di un giorno trasportarlo in una valigia con l'ft-857 e l'832-nfar di cui sono in possesso.  Devo dormirci qualche giorno su secondo me a questo punto...

Ciao Davide,  giustissima considerazione (mi perdonerai la mia inesperienza), un motivo in più insomma per preferire gli mfj. :)

73s

6
Ciao Michele,
innanzitutto ti ringrazio infinitamente per la tua disponibilità ed il tuo commento, sinteticamente ti riassumo quanto detto nei post precedenti:
- cerco un accordatore per il mio ft-857, l'at-200 mi conviene rispetto al 100 perchè costa solo 20 euro in più ed è più facilmente rivendibile, ma a quanto ho capito mi conviene di più un mfj perchè è qualitataivamente migliore;
- mjf-929 migliore dell'at-200proii perchè, sebbene perdendo la banda di accordo dei 6m, è più preciso, ha una gamma d'accordo più ampia (fino ai 1600ohms), ha integrato un buon wattmetro\rosmetro\frequenzimetro;
- un accordatore da palo non posso montarlo, comunque ho tratti brevissimi (sotto i 10 metri, ed un belden h2007 e connettori placcati da 6 euro l'uno di cui voglio fidarmi :D )
- l'mfj-993 è senza ombra di dubbio migliore ma anche troppo costoso per le mie tasche (busget 200-250-300), vorrei trovarlo al prezzo del mfj-929 che attualmente rappresenta la scelta migliore(246€), ma devo per forza rivolgermi sull'usato e non sò quanto sia una cosa buona e conveniente...

Wilson, parole sante, ancora ti ringrazio per la dritta!  :birra:

Grazie mille (+ applausi) a tutti voi per la pazienza,
73s

7
@ Francesco: Quindi con l' MFJ-929 mi porterei automaticamente a casa anche un wattmetro\rosmetro\frequenzimetro digitale. Resto sempre più convinto delle affermazioni di tutti quando si dice che gli mfj sono una spanna sopra. E con questo posso scartare definivamente l'AT-200 ProII.
Grazie mille delle dritte, interessante l'accordatore da palo, ma ahime, non posso assolutamente installarlo (tralaltro con 10metri di cavo di distanza, perderei più nei connettori che nel cavo per giustificarmi un accordatore del genere).

@ Fabio, l'MFJ-993B è un gioiellino, come già ho detto precedentemente, che supera di gran lunga qualsiasi altro accordatore che ho visto in giro, ahimè dal costo per me insostenibile. Se costasse 250 euro praticamente già sarebbe sul mio tavolo da mesi. :(

@ Wilson: sarei felice di sbagliarmi, ma dopo aver controllato più volte manuali e descrizioni, non ne ho trovato traccia di tale balun 4:1 (che invece ha il 993b); tralaltro la presa è per la singola linea sbilanciata e tutto quello che potrebbe essere entrocontenuto si ridurrebbe ad un'un-un, altrimenti, se presentasse tale bal-un e quindi presa bilanciata come dici tu, correggimi se sbaglio, dovrebbe quanto meno presentare 2 boccole.

A questo punto sono sempre più orientato sull'MFJ, l'unica "perdita" è la banda dei 6 metri che non avrei utilizzato più di tanto visto che ciò che mi "prende" è il dxing. L'unico dispiacere è il non poter prendere un 993b essendo troppo al di fuori del budget, pulce che mi fù messa a febbraio di quest'anno da Michele IZ8XOV, che giustamente diceva:

Citazione
Io stavo valutando l'acquisto dell'AT-100 PROII che è totalmente automatico, daltronde come tutti gli ultimi accordatori della LDG che non necessitano di cavo cat, mi sembra. Il funzionamento è semplicissimo.
 Luca
Ciao Luca, (ci siamo sentiti via ripetitore qualche tempo fa). Io ho l'At200 ProII e va esattamente alla stessa maniera, colleghi l'accordatore a radio e antenna, gli dai 12volts e se lo configuri in "auto" (tasti funzione-->C-dn) alla portante (25 watt in Am), lui va in accordo. E' solo un po rumoroso ma efficace.

Io ora ho preso l'Mfj-993B che costa un po in più ma regge 300w e soprattutto ha un balun 4:1 per le uscite sbilanciate infatti lo sto remotizzando in una scatola stagna Ip-56.
Credo che la serie At-100, 200 e 1000 siano tutti uguali a parte le potenze diverse. In linea generale ti consiglio ti prenderne uno che gestisce maggior potenza e che ha un'uscita per longwire e scaletta perché ti può tornare utile, altrimenti come hai scritto l'At-100 andrà benissimo con qualche limite.
73 Michele.

A questo punto potrei valutare un 993b usato, e raggiungere lo stesso prezzo del 929; ma in quanto a componenti meccanici, l'usato non mi ha mai convinto più di tanto (a differenza di una radio di seconda mano, a stato solido, sul quale non ci ho pensato la prima volta ad acquistare il mia FT-857d, attualmente  la prima ed unica radio). Mi conviene guardare all'usato o, data l'usura dei relè, dovrei scartarlo?

73s

8
Buongiorno a tutti e grazie delle risposte,

wilson: MFJ-929? Mi piace...tanto tanto tantissimo! L'ho trovato a 245 e praticamente balza in vetta sopra l'ldg, più sotto proverò a fare un paragone per decidere quale dei due prendere!!!
Comunque non ha il balun 4:1 integrato... Quello è il 993b che è un bel gioiellino ma troppo al di fuori del mio budget...
Mi puoi solo confermare il fatto che può funzionare anche senza cavo di interfaccia con la radio? Io purtroppo la porta la utilizzo per il CAT e non posso usarla contemporaneamente anche come TUNER e quindi non avrei modo di collegare l'accordatore alla radio... Spero che entrambi gli accordatori funzionino anche senza cavo.
GRAZIE

rocco: concordo con te, tutti ne parlano bene, ma wilson mi ha messo la pulce nell'orecchio, e ovunque leggo anche che gli mfj sono (tolto estetica e roba varia) a quanto pare davvero una spanna sopra. Cosa ne pensi di questa affermazione?

Passiamo in rassegna alcune caratteristiche dei due accordatori:

AT-200 PROIIMFJ-929
Link:Specifiche LDGSpecifiche MFJ
Manuale:Manuale LDGManuale MFJ
Freq.accordo:1.8-54Mhz1.8-30MHz
Gamma accordo:6-800Ω; 16-150Ω 6m6-1600Ω
Pot.accordo:250W SSB; 100W 6m; 75w digi200W (tutti i modi?)
Memorie per antenna:20002500
Display:LedLCD
Altra dotaz:Frequenzimetro 50MHz, Conn.Filare, alimentazione remota opzionale via coassiale.
Prezzo238245

Riassumendo, la vera differanza la fa: nell'AT-200 PROII l'accordo sui 6m; mentre nell'MFJ-929 l'Lcd con informazioni dettagliate e la gamma di accordo più grande (...e a quanto pare più dettagliata "MFJ-929 gives you 256 values each of capacitance and inductances for 131,072 matching solutions. Thats 4 times the 32,768 matching solutions of competing products with only 128 L/C values each!").

Due cose che non capisco: come fa l'AT200 a capire che si sta usando il PSK e accordare fino a 75w, tra l'altro l'mfj pare non avere questa limitazione.
Poi, a cosa serve il frequenzimetro a 50MHz nell'MFJ se la gamma di accordo arriva solo fino a 30MHz?

Ed ora quale prendo? :D
Grazie a tutti per le utilissime informazioni,  :birra:
73s



9
Grazie FoxG7,
gli alimentatori manuali li ho scartati praticamente a priori perchè il punto è il seguente: mi capita spesso di saltare molto velocemente tra le bande (facendo psk se su una banda non risponde nessuno\non trovo nessuno, per trovare maggiori collegamenti, salto molto frequentemente su un'altra), senza poi tralasciare il fatto che ho un'antenna a balcone con persiane in ferro, il che mi porta ad avere condizioni sempre diverse a seconda se esse sono aperte o chiuse. Sò benissimo che la cosa ha da far ridere davvero, ma ahimè questa è la tristissima condizione nella quale sono obbligato ad operare.
Con un accordatore a roller veramente ci vorrebbe troppo, vuoi mettere gli 0.2 secondi (visto che lavoro sempre sulle stesse frequenze) di un accordatore automatico?
Daltronde io non sforo i 50w mai, gia l'AT-100 che fà 125w sarebbe oltremodo sufficiente, prendere il 200 è semplicemente una questione che spendendo 20 euro oggi in più mi fà trovare tra le mani qualcosa di maggiormente rivendibile un domani.

Tolto che c'è l'MFJ-945 a 145€ che con 300w sarebbe anche interessante, ma se penso che dentro c'è semplicemente un condensatore in aria ed un roller, allora tolto che si potrebbe anche facilmente autocostruire, mi vale più la spesa su un accordatore automatico che costa il doppio nel quale almeno c'è molta più "sostanza".

Grazie mille della risposta,  :birra:
73s

10

CLICCA QUI PER SALTARE ALLE CONSIDERAZIONI FINALI.


Salve a tutti,
avendo racimolato il giusto per acquistare il mio primo accordatore, per lavorare sulle bande non coperte dal mio dipolo multiplo e iniziare a giocare con le prime longwire, sono alla ricerca del mio primo accordatore automatico.

Dopo lento girovagare, la scelta è ricaduta sull' LDG AT200 Pro2, le caratteristiche, da manuale:
Citazione
1.0 to 250 watt power range (SSB and CW), 100W on 6M.
Over 4,000 memories for instantaneous band changing.
Built-in 2-port antenna switch, with 2,000 memories each.
Tuning time 0.2 to 15 seconds full tune, 0.2 seconds memory tune.
1.8 to 54.0 MHz coverage. Built-in frequency sensor.
Tunes 6 to 1,000 ohm loads (16 to 150 on 6m), 6 to 4,000 ohms with optional 4:1 balun.
LED bargraph displays power level, SWR, and status.
Antenna Indicator LED shows the currently selected antenna.
Bypass Indicator LED
User-selectable operating parameters: Auto/Semi, 250/25 watt scale, and more.
Optional Radio interface cables for Icom and Yaesu are available.
Power requirements: 11 to 16 VDC @ 1A max.
Dimensions: 10.5” x 8.5” x 2.8” Weight 2 pounds, 12 oz. (1.23 kg)



PRO:
- 238€ da Mediaglobe (credo di poterlo dire visto che ci sono inserzioni sponsorizzate su questo forum) (l'AT100, da 125w costa solo 20 euro in meno...a questo punto);
- Pienamente automatico, con la versione Pro2 non necessità più del cavo y-acc, basta trasmettere per passare in autotune (in ssb ovviamente bisogna modulare).

CONTRO:
- Nessun Balun integrato
- Non ha indicatori ad aghi

Detto inoltre che NON posso montare accordatori da palo, e che il budget prefissato è intorno ai 250 [200/300], vi domando: c'è un acquisto migliore, ovvero più oculato\conveniente, che potrei fare del suddetto accordatore? Magari stesse prestazioni a meno prezzo, oppure più performances per pochi euro in più?
Ringraziandovi tutti per le future risposte, vi invio a tutti 51 di buone feste!
73 de IU8BBM, Luca

CLICCA QUI PER SALTARE ALLE CONSIDERAZIONI FINALI.

11
Grazie mille oibaf, gentilissimo,
a dire il vero, in molti mi consigliavano una canna da pesca, a balcone dicono che dovrebbe rendere ancora meglio di un dipolo, allontanandosi maggiormente dal muro rispetto a quest'ultimo; ti consiglierei di provarla, costa poco e la realizzi in un niente.

Comunque, già che ci siamo, usate Wispdde con Orbitron? Io sto provando ad impostarlo per la radio in split (ho un'FT857, sto provando ad impostarla sia in RX che TX, attivata la spunta SPLIT), ma ho svariati problemi, principalmente quello che la radio si blocca in trasmissione una volta premuto il PTT...

73+51 di buone feste a tutti de IU8BBM, Luca

12
Direi proprio di si :)
Allora auguri, doppi; spero di collegarti presto, mi trovi in psk sui 20 15 e 10mt.

51^2 de IU8BBM, Luca

13
Credo che la "copia della dichiarazione da Lei prodotta", allegata alla lettera da te scannerizzata, sia il documento di cui stiamo parlando. In ogni caso, così come nel mio, non è né più né meno del documento, inviato a mezzo raccomandata o presentato in ispettorato, timbrato...
73s

14
Un applauso? anche due :)
Molto interessante la correzione del doppler, ma avviene continuamente anche passando in trasmissione?

Grazie ancora ad entrambi,
73s

15
Grazie mille oibaf,
problema risolto! Ho risolto proprio aggiornando, cliccando su ok al messaggio di errore e poi sull'icona con il fulmine per aggiornare tutti i TLE.




Grazie mille, per questo adoro rogerk, è pieno di persone preparate con il quale puoi risolvere i problemi velocissimamente!
73s

16
Ciao diegooz,
provato ma purtroppo nessun cambiamento, nemmeno eseguendo come amministratore in modalità compatibilità.
E' come se fosse attivato il tracciamento lungo, selezionando la casella si aumentano i passaggi del doppio e triplo, ma non vanno mai a diminuire. :(
Grazie lo stesso

73s

17
Ciao Mauri,
innanzitutto complimenti, allora per quanto riguarda l'autorizzazione generale, ti parlo io che la effettuai direttamente in ispettorato, e tutto quello che ho è un modulo A4 su carta comune, fotocopiato alla buona (puoi visualizzarlo qui).

73s

18
Salve a tutti,
sin dal primo momento che ho installato orbitron, che in questi giorni sto usando intensamente per il tracciamento dell'ISS, ho notato un comportamento abbastanza anomalo:
- innanzitutto numerosissime linee gialle per la previsione dei passaggi successivi (non posso visualizzare solo la singola orbita come faccio con gli altri satelliti?).
- cosa ben peggiore il fatto che la traccia per l'osservabilità della stazione è abnorme, praticamente abbastanza grande da coprire africa ed europa, quando sappiamo che l'iss non ha tale copertura essendo in LEO.

Qualcuno ha già sperimentato questi errori? Come posso correggerli? Vi allego una foto della cattura.


Grazie a tutti per le eventuali risposte,
73 de IU8BBM, Luca

19
Radio Ascolto / Re:iss....prossimi ascolti
« il: 15 Dicembre 2014, 17:37:49 »
In grassetto è la Cristoforetti, tutto il resto è qrm ed imprecazioni varie fatte da diversi radioamatori e dirette verso una stazione che non ricevevo.
Ho girato un video, ma non essendo un granchè (sopratutto per il ridicolo siparietto) ho evitato di postarlo.

Che figuraccia da pierini!
73s

20
Radio Ascolto / Re:iss....prossimi ascolti
« il: 15 Dicembre 2014, 17:18:22 »
Buonasera a tutti,
IU8BBM, JN70cu, ft857 e x50 pol. orizzontale da balcone in centro storico, ecco la trascrizione dell'ascolto, ordinato in secondi relativi all'evento.

Citazione
-00.15 - "iw8cyv napoli che bussa"
-00.04 - "iw8cyv giuseppe napoli che bussa con la buonasera"
00.34 - beep
01.43 -  "ik8"
01.50 "silenzioo"
02.24 "...in collegamento che possono aiutarci abbiamo anche una farmacia a bordo per..."
03.00 "Abbiamo una stampante 3d a bordo della nasa e proprio nella settimana scorsa abbiamo stampato una trentina di campioni che verranno riportati a terra e comparati con campioni identici stampati però a terra per vedere le differenze."
03.21 - "A qualcuno non piace però a me piace molto il giorno dormire lì e in qualcuno addirittura molto meglio di quando dormivo a terra."
03.50 - "..."
04.19 "please ISS please ISS this is italiachiloeiuaisichierra (ik8yws??) chiama horse to italia"
04.30 - "ignorante silenzio"
04.50 - qrm
04.55 - "non commentiamo per cortesia"
05.23 - "ancora in acquisizzion silenzia"
06.03 - "smettila di commentare fai meglio"
06.05 - qrm
06.09 - "che vergogna"
06.10 - "vergogna vergogna".

73 de IU8BBM, Luca  :sfiga:

Ecco il video dell'ascolto:

21
Yaesu / Re:[ FT-857 ] I filtri meccanici lavorano a monte o a valle?
« il: 21 Settembre 2014, 10:35:21 »
Beh senza nulla togliere all'esperienza di Battilio lo schema a blocchi parla molto chiaro, forse Battilio utilizzi una radio differende dall'857 che ha questa pecca? Magari ci sono altre radio che funzionano diversamente!



Che poi, appurata l'unica utilità in ascolto, mi domando quale sia l'utilità di un filtro ceramico fisso se si ha già un filtro digitale, completamente impostabile a piacimento?

Grazie mille per il chiarimento Davide, questa non è per niente la bella notizia che cercavo, ti giro quindi la domanda del primo post, nel caso mi fosse venuto confermato il dubbio:
Una sub-domanda, ma disabilitando l'AGC e lavorando sull'RF-Gain, alzando il guadagno e portando i segnali fiochi ad un buon livello ma inducendo quindi quelli alti a saturare sul waterfall, può portare a danneggiare radio o pc in qualche modo? Il rosso fuoco sul waterfall mi spaventa sempre; ma daltronde se regolo l'audio in ingresso del pc su livello massimo dell'audio in uscita dalla radio vedrò inevitabilmente "affogare" e quindi scomparire tutti i segnali più deboli senza più avere la possibilità di accorgermi di loro.

Comunque io di solito se ho un segnale strepitosamente forte cerco di portarlo semplicemente fuori banda, "sotto gli 0 e sopra i 3000"; questo anche perchè personalmente ascolto anche sempre l'audio in modo da essere più reattivo all'inizio e fine delle trasmissioni (che non sempre coincide con l'inizio\fine dei messaggi) nonchè ai nuovi cq; cosa che non potrei fare regolando l'rf gain e portando inevitabilmente a saturare il segnale maggiore (addio udito).

Grazie ancora,
73s

22
Yaesu / Re:[ FT-857 ] I filtri meccanici lavorano a monte o a valle?
« il: 21 Settembre 2014, 09:51:03 »
Grazie mille del chiarimento, la tua risposta sembra molto incoraggiante anche se facendo qualche ricerca, nel frattempo, avevo trovato questa affermazione abbastanza discordante in un altro thread ( Filtri SSB inrad ) che mi dà qualche dubbio...

Completo il pensiero di prima, che forse ti può interessare.
Io uso il filtro a 300 Hz sull'817 (che ha gli stessi filtri dell'857/897) perché questo apparato non ha altro.
Sull'857 non ho messo nulla perché, avendo il DSP, riesce a tagliare molto di suo. Il problema grosso con il DSP dell'857 (problema che si ripropone anche con i filtri meccanici) è che l'AGC, in presenza di un segnale forte, abbasa il guadagno in ricezione.
L'effetto è che il segnale che stavi ascoltando sparisce per via dell'intervento effettuato dall'AGC su un segnale che tu non stai sentendo (perché filtrato dal DSP) ma che entra e viene rilevato dagli stadi di ingresso della radio.
La presenza di un filtro meccanico non cambia questa situazione, che si risolve disabilitando l'AGC e regolando a mano l'RF-gain.
In fonia e cw si sente chiaramente, mentre presumo che nei modi digitali questo effetto si palesi con l'impossibilità a decodificare ma senza che se ne capisca subito la natura. Non vorrei che mettendo i filtri non ti cambi niente.

Ho letto da molte parti da coloro che li hanno acquistati che di fatto i filtri meccanici larghi per l'SSB sono inutili o quasi su questi apparati, perché ottieni un effetto più o meno simile a quello del DSP, ma visto che l'hai comprato, proverai e ci dirai.

Ciaoo
Davide
Forse non stiamo parlando della stessa cosa? Perchè, dice esattamente l'opposto confermando proprio il mio dubbio...  :-\
73s

23
Yaesu / Re:software programmazione yaesu ft-8X7
« il: 21 Settembre 2014, 09:40:22 »
Mi spiace, spero comunque tu possa trovare il problema presto.
Per l'interfaccia quando vuoi, sempre a disposizione!  :up:
73s

24
Yaesu / Re:[ FT-857 ] I filtri meccanici lavorano a monte o a valle?
« il: 19 Settembre 2014, 09:33:43 »
Perdonami Battilio ma sono un po' confuso dalla tua risposta,
mi stai dicendo che SI, il dsp della radio lavora SOLO a livello audio mentre i filtri MECCANICI lavorano a monte dell'AGC?
Quindi SI, con un filtro meccanico posso tagliare a monte e separare due segnali adiacenti, lasciando che l'AGC lavori regolandosi sui segnali in banda?
Come agisci a livello audio con i sw esterni? Regolano automaticamente l'rf gain in base al segnale in ascolto?

Grazie della risposta, :)
73s

25
Salve a tutti,
mi scuso anticipatamente se la domanda è da pierini ma è un qualcosa che proprio pur effettuando svariate ricerche non sono riuscito proprio a capire.
L'FT-857D della Yaesu monta di fabbrica il DSP, ciò significa che ho a disposizione vari filtri per, appunto, filtrare il segnale; in seguito ad alcune prove ho notato che i filtri lavorano a valle dell'ultimo stadio di demodulazione del segnale, e non a monte, mi domandavo quindi se i filtri meccanici funzionassero diversamente.

Mi spiego meglio: mettiamo di lavorare in PSK, come mio solito, senza filtri il waterfall và da circa 0 a circa 3000Hz, mettiamo ora che ho un segnale molto forte, il solito Francese, a 2500Hz che porta l'AGC ad abbassare il guadagno, e mettiamo caso che in quell'esatto momento io stia lavorando a centro banda (1500) ad un QSO eccezzionale (per la mia antenna da balcone) con il Guatemala che ha ovviamente (sempre per la mia antenna da balcone) SNR molto molto basso; ora mettiamo caso che dopo svariate bestemmie io decida di eliminarlo filtrandolo, se usassi per esempio il filtro passa banda (le cui frequenze di LPF e HPF sono regolabili via software) per esempio regolandolo tra i 1000 ed i 3000 Hz; visualizzando il waterfall, questo ci mostrerebbe correttamente un segnale contenuto tra 1000 e 2000Hz, ma che però, in quanto a qualità, non è altro che lo stesso waterfall ma semplicemente tagliato, e quindi lasciando la radio ugualmente a lavorare con lo stesso valore l'AGC e quindi visualizzando lo stesso segnale nello stesso identico modo di prima ovvero molto molto fioco.
Questo mi lascia presagire che i filtri del dsp lavorino, ovviamente, a valle dell'ultimo stadio della demodulazione, che comporta quindi una cosa ottima in ascolto, ma di poco conto se si vuole filtrare automaticamente segnali adiacenti nei modi digitali. La mia domanda è quindi: prendere per esempio un filtro meccanico es.Collins per il CW a 300 o 500Hz, farà sì da tagliare concretamente il segnale e lasciare che l'AGC lavori automaticamente sul segnale filtrato oppure non faranno altro che replicare la medesima situazione dei filtri digitali entrocontenuti della mia cara YAESU FT-857D?

La mia idea sarebbe quella di evitare di dover ogni volta regolare l'RF Gain a mano e lasciare lavorare automaticamente l'AGC semplicemente spostando il segnale nella banda filtrata.

Una sub-domanda, ma disabilitando l'AGC e lavorando sull'RF-Gain, alzando il guadagno e portando i segnali fiochi ad un buon livello inducendo quindi quelli alti a saturare sul waterfall, può portare a danneggiare radio o pc in qualche modo?

Grazie a tutti,
73 de IU8BBM, Luca

26
Yaesu / Re:software programmazione yaesu ft-8X7
« il: 19 Settembre 2014, 09:00:24 »
Ciao laserman,
ecco la mia esperienza con il tuo medesimo errore, spero possa esserti utile: http://www.rogerk.net/forum/index.php?topic=52767.0

73 de IU8BBM, Luca

27
Salve a tutti,
riapro questo vecchio thread per aggiornare lo sviluppo dell'antenna: ho provveduto a montare un palo da antenna telescopico da 2+2 metri ed un supporto ad L autocostruito; essendo la polarizzazione pressochè orizzontale il palo verticale non sembra causare grossi problemi.

Seguono le foto:

Supporto ad L ricavato da un profilato in ferro, tagliato forato e smaltato a mano. Altri dettagli circa l'antenna, nelle foto precedenti (clicca sulla foto per accedere all'album).


Fig.1: Dettaglio del supporto, e del centrale montato..

Palo telescopico, 2 sezioni da 2 metri, cavo passante nel tubo. Altri dettagli circa l'antenna, nelle foto precedenti.


Fig.2: Vista d'insieme, l'antenna montata.

73 a tutti!  :up:

28
Ciao aquila,
ti ringrazio davvero tanto, anche per i tuoi contributi insieme a Pol (che mi ha scritto privatamente) per l'iniziale sviluppo dell'interfaccia.
Per quanto riguarda la guida di cui parli, se vedi bene nel manuale che ho liberamente diffuso, a pagina 3 ci sono gli screen delle finestre di collegamento con tutti i parametri da impostare per collegare le schede a MixW, Ham Radio Deluxe e Chirp (i tre programmi più diffusi ed utili per queste radio); per quanto riguarda la radio a pagina 2 trovi tutti i parametri nei vari menù.

Se parli di fare altro sinceramente in questo momento non mi và, perchè dopo aver fatto due manuali inglese\italiano, distribuiti liberamente (prima di rimuoverli per caricare la nuova versione, qui ho contato oltre 30download...ma solo 2 "grazie"...), dopo un sito di supporto, dopo schematici e layout liberamente diffusi (frutto di sei mesi di lavori), dopo tanto tempo perso per fare qualcosa di vendibile abbattendo i prezzi all'osso e facendo un supporto davvero ineguagliabile, e dopo nemmeno l'ombra di un contatto (nonostante i vari pm, le 2300 letture...le oltre 100 visite su subito e su ebay), sinceramente, tolto anche il discorso dei ringraziamenti, di cui sento bisogno fino ad un certo punto, vorrei vedere prima se quest'interfaccia possa davvero essere venduta davvero o il mio sia stato davvero tutto tempo "quasi"perso.
Per il momento non c'è nulla che mi faccia sperare in bene...ma non demordo (la piccola preproduzione mirava proprio a questo)! ;)

73s e grazie ancora a te,
Luca

29
Signori e signori, finalmente ci siamo; è con grande piacere che vi annuncio che l'interfaccia ha esaurito la fase di prototipazione ed ho prodotto finalmente una versione stabile!  Per chi si fosse perso qualche passaggio, vi elenco qui tutte le specifiche ottenute. Tutti i link puntano al mio server personale dacchè in questo stesso thread abbiamo notato che molte delle immagini postate sono misteriosamente sparite (per gli admin e mod: non vuole essere una pubblicità).

Interfaccia IU8BBM LYNX


La IU8BBM Lynx (il cui nome deriva dal nome latino della costellazione della Lince , si legge come l’inglese “links”) è un’interfaccia completamente isolata per le radio Yaesu serie FT8x7, utile per i modi Digitali, per il CW ed il collegamento via CAT della radio. L’interfaccia Lynx implementa un isolamento completo tra radio e PC, sia per il CAT che per l’AUDIO, in questo modo evitando tutti i problemi di ground loop e rumore, da e verso la radio stessa. Seguono le specifiche tecniche:

  • Yaesu FT-817, FT817(N)D, FT-857, FT-857D, FT-897, FT-897D compatibile;
  • Isolamento sull’interfaccia AUDIO, per mezzo di due trasformatori audio da 600Ω, alta banda passante (>>3.5kHz), trimmer in cermet per la regolazione del volume;
  • Isolamento sull’interfaccia CAT, con un circuito dedicato che non solo prevede alla conversione dei livelli logici RS232(+-3,6,12)/TTL (38400baud compliant), ma inoltre rende possibile un isolamento galvanico tra le masse del PC e della Radio;
  • Isolamento sul PTT e CW, grazie ad un optoisolatore a doppio canale;
  • Autoalimentato dalla radio, nessun bisogno di alimentatori esterni;
  • Boxato in uno scatolato di alluminio messo a massa (32x44x7mm), cablato con cavi Foiled-UTP Cat6 (cavo schermato ad alta banda passante, coppie twistate) prevedendo così un completo isolamento elettrico e magnetico;
  • Connettori lato PC: 1metro con connettori DB9(RS-232) e 2xJack3.5mm (Mic+Spk); Connettori lato RTX: 50centimetri con mini-din6p(data), minidin8p(cat), jack3.5mm(key);
  • Etichetta esplicativa per un rapido riferimento per il collegamento dei cavi ed il significato dei led;
  • L’interfaccia è compatibile sia con i livelli logici standard RS-232 +-12V, sia con gli 0-5V degli adattatori usb/seriali economici.

Isolamento elettrico a:
AUDIO    -> Trasformatore
PTT/KEY -> Optoisolatore
CAT        -> RS232 Transceiver Isolato


Il manuale include, una descrizione completa; tutte le informazioni per connettere i cavi ed impostare l'interfaccia con Mixw, Ham Radio Deluxe e Chirp (per la programmazione delle memorie); il cablaggio dei connettori (per l'ugrade dell'interfaccia per altre radio); il layout del pcb e lo schematico per le riparazioni e modifiche.

Seguono i link per la documentazione completa:
Clicca qui per la pagina di supporto ed una breve fotogallery
Clicca qui per il manuale in Italiano v1.0 per per le boards v3.2
Clicca qui per la documentazione completa



Alcuni di voi, anche in pm mi hanno manifestato l'interesse di acquistarne una, ne ho prodotte tre ed il prezzo l'ho necessariamente fissato a 60€, consegna a Napoli, eventualmente posso anche spedire con corriere espresso (7€, 24-48h). Il motivo di questo prezzo elevato è oltre al prezzo dei componenti (il prezzo và di pari passo con la qualità) ogni interfaccia mi costa circa 10 ore di lavoro; l'intero ricavato verrà utilizzato da me stesso per ripagarmi le spese sostenute per produrre la mia interfaccia e potermi permettere eventuale strumentazione che, essendo uno studente non lavoratore, non potrei mai permettermi. In ogni caso vi invito a contattarmi in privato oppure a visitare la pagina completa di supporto.


Colgo l'occasione per ringraziare tutti voi che con i vostri consigli e le vostre dritte mi avete consentito di ultimare quello che per me è in mio più grande piccolo capolavoro. Motivo per il quale ho rilasciato lo schematico completo, e parte del layout, per ringraziarvi delle informazioni che in via del tutto gratuita mi avete dato e che allo stesso modo io voglio ridiffondere (da notare la licenza creative commons); spero soltanto che queste informazioni gratuite non siano per me motivo di mancato guadagno. Grazie a tutti anche per l'eventuale passaparola.

Grazie di cuore a tutti,
73 de IU8BBM, Luca

Essendo pierino ogni giorno di meno.

30
Grazie Luigi,
allora confermi la mia informazione:
La detenzione di apparati ricetrasmittenti è legale per tutti, patentati e non (ma non il loro utilizzo);
Grazie mille per la precisazione,  :-D
73s

31
La domanda è la seguente : Per mandare la richiesta di autorizzazione generale, dopo aver il nominativo, bisogna avere una stazione vera e propria o si può anche indicare un portatile?
La detenzione di apparati ricetrasmittenti è legale per tutti, patentati e non (ma non il loro utilizzo); detto questo sull'autorizzazione generale puoi scrivere di possedere già apparecchiature costose (è legale, ripeto), quando anche non possedere niente (ricorda che prima dell'autorizzazione le radio non puoi utilizzarle) (qualcuno mi corregga sulla questione "radioascolto") .

Citazione da: mauri740 link=to.pic=48181.msg586041#msg586041 date=1404895151
Curiosita': un radioamatore con nominativo attivo e' tenuto a pagare ugualmente il versamento di 12 euro per il "CB" a 11Mt ?
Con il versamento per la CB puoi trasmettere sui canali CB, indipendentemente che tu sia autorizzato o meno, e viceversa: se sei radioamatore e non paghi il bollettino per la CB...NON puoi trasmettere su quei canali.

Spero di non aver detto fesserie,
73 de IU8BBM, Luca

32
Come promesso, allegato a questo post trovi il link per scaricare una versione beta del manuale utente dell'interfaccia da me prodotta.
Oltre ad una breve presentazione, trovi i vari settaggi per l'installazione e lo schematico da te richiesto. La distribuisco come Creative Commons Attribuzione Non Commerciale.

MANUALE IU8BBM LYNX - V1.0BETA

*Link rimosso, in ripubblicazione definitiva in qualche giorno.

Per gli interessati, da oggi parto con la produzione di tre unità per una prevendita, il prezzo sarà circa sulle circa 60 euro, più spedizione, in questi giorni, post realizzazione, ricalcolerò il totale per vedere se posso scendere ulteriormente, avrete presto notizie.

Saluti a tutti,
73 de IU8BBM, Luca

33
Ahimè no, non le ho rimosse personalmente, sarà un baco, o più probabilmente shutterstock che le avrà rimosse dato che in questi mesi ha chiuso i battenti ai profili gratuiti. La conferma che la cosa non sia voluta puoi averla notando che i messaggi non sono mai stati modificati (sui relativi messaggi non c'è indicato l'orario di modifica).

Se puoi attendere orientativamente mercoledì prossimo, caricherò qui il manuale completo, comprensivo di descrizione, guide e schema definitivo.
Il mondo radioamatoriale, per me come per molti, è fatto di spirito di altruismo e spirito di condivisione, non baderò certo a chi non è della stessa idea. Ho intenzione sì di vendere qualche scheda, ma sarà una piccolissima tiratura solo per potermi permettere qualche strumento, pertanto il progetto lo distribuirò, ancor prima della produzione, pubblicamente come Creative Commons - Attribuzione - Non commerciale. Se poi sarà una mossa da pierini, e così nessuno le acquisterà, pazienza.. :(

Buona sperimentazione!  ;-)
73s

34
Sezione Amministrativa / Re:esonero patente: quali diplomi?
« il: 17 Giugno 2014, 13:46:43 »
Quello che ho capito quindi è che, come di norma in Italia, una regola vera e proprio non esiste, o meglio per non scrivere cose inesatte, questa possibilità è a discrezione del direttore.
Confermo personalmente, il rilascio di patente senza esami è a piena descrizione degli addetti, e nemmeno del presidente, non essendoci una legge chiara in materia. Ciò vuol dire il potersi rivolgere addirittura ad un'ispettorato NON di propria competenza, al fine di aggirare questa mancata oggettività nelle opinioni, per poi fare richiesta del nominativo presso il proprio ispettorato o direttamente a mezzo raccomandata.

Chiaramente se hai la possibilità di sostenere l'esame (e.g. non dover attendere un anno, e avendo già studiato), capirai che la via più breve è sostenerlo.
Per tutte le altre informazioni, e di come aggirare i vari disguidi, ti consiglio di seguire la mia guida che ti è già stata linkata qualche post fà.

73 de IU8BBM, Luca

35
Elettronica & Radiotecnica / Re:Parliamo di pannelli solari
« il: 15 Giugno 2014, 10:28:47 »
Non scenderò sui dettagli, ci sto preparando proprio un esame e da parlare ce n'è moltissimo.

La produzione innanzitutto si basa sulla luce incidente, essa varia in continuazione, per normale alternanza giorno\notte, per il variare delle stagioni (ore di luce al giorno), per le condizioni metereologiche (nuovoloso o meno), per orientazione del pannello (N/O/S/E), per le ombre incidenti vicine(alberi) o lontane(catene montuose all'orizzonte).

Ricorda che Pout= Pin(solare) * eff_pannello(da targa) * eff_sistema (es.perdite nel sistema di regolazione)

Alcuni dati statistici: Produzione massima, pannello orientato a S con tilt di latitudine-14.9°, hai una perdita di soli 5% se lo metti a 90°, hai una perdita del 10% se con inclinazione ottimale lo orienti a E/W.

Un pannello, fortuna nostra, da 100w, produce al punto di massima produzione (statisticamente "80%" Vmax, comunque è un dato di targa), nel tuo fortunatissimo caso in sicilia 1.5kW/kWp, maccheronicamente, fai 150W nel caso di massimo irraggiamento, questo perchè i dati di targa vengono calcolati ad un irraggiamento standard (AM1.5) che nel tuo caso è una condizione peggiore della tua installazione.
Un'altra fortuna è che i pannelli vengono assemblati avendo il punto a massima potenza proprio sulla tensione di carica di una batteria.

***************ERRATA CORRIGE***********************
In Sicilia c'è una produzione annua di 1500kWh/KWp installato, questo vuol dire che hai una produzione di 150kWh annui con un pannello da 100w, ciè non significa avere 150w, ma vuol dire produrre tanta energia come un pannello da 150w installato nel lazio, o un pannello da 300w installato in trentino. Il discorso dei dati di targa e produzione maggiore di questi dati è valevole, ma non è preciso dire che hai 150Wp all'uscita della junction box.
***************************************************

Non ti ho inserito tutte le formule perchè sarebbero inutili, è solo per darti un'idea generale; avendo fatto anche io qualche prova alcuni anni fà posso dirti che se vai in un regime di accumulo imparerai ben presto che tutti i calcoli andranno in fumo quando le batterie incominceranno a non comportarsi come dovrebbero, non credo che userai batterie saline dedicate (che ti costerebbero N volte la spesa del pannello), ma semplici batterie al piombo/acido che non reggono i continui cicli di carica scarica (nonostante col regolatore ti porterai a non scaricare mai completamente la batteria).

Concludendo, pannello a S, inclinazione a lat-14.9, vai in regime di autoconsumo (usi gli apparecchi fintanto che c'è il sole), se il carico sarà del 30% della Pmax, tutto l'anno potrai utilizzare i tuoi apparecchi dalle 10 alle 17 senza problemi. Se vai in regime di accumulo, mediamente durante l'anno dovresti avere 5*Pmax W al giorno. Questi calcoli molto molto molto di massima. Il dimensionamento deve essere dettagliato al caso d'uso, (in grossi impianti si fanno a livello orario per tutto l'anno).

Il solare è stato sfavorito perchè l'incentivazione veniva regolamentata da comitati i membri erano parte dell'Enel, che ovviamente vistasi più volta costretta a vendere gratis l'energia delle centrali termiche perchè il solare sosteneva appieno la richiesta italiana, ha cominciato a innervosirsi.
Attualmente senza incentivazione l'installazione è crollata, l'energia, in regime di autoconsumo, attualmente, viene venduta ad un prezzo di mercato; il solare dunque resta solo una scelta etica di vita ecocompatibile (un impianto viene ripagato esattamente nel tempo di vita dell'impianto stesso).

Se desideri maggiori info, chiedi pure.
73 de IU8BBM, Luca

36
Non buttarti a capofitto sui t200 come fan tutti, dopo qualche domanda ho subito capito che c'era di molto meglio a costi molto più bassi.
Questa è la mia esperienza con un dipolo multiplo a V invertita e balun (1:1, in corrente): http://www.rogerk.net/forum/index.php?topic=53261.msg578764#msg578764

Buona autocostruzione!
73 de IU8BBM, Luca

37
Salve a tutti,
le cose procedono, mi sono procurato gran parte dei materiali per una sorta di prevendita, dovrei riuscire a produrre tre interfacce per un primo test di vendita entro agosto.

Ho anche scelto un piccolo nome all'interfaccia, non tanto per manie di grandezza, quanto piuttosto per coloro che cercano l'interfaccia sul web o la dichiarano nei loro QSO; l'interfaccia si chiamerà Lynx (dalla costellazione della Lince, un piccolo tributo alla mia passione di astronomia, ed un curioso gioco di parole con la pronuncia simile a "links", ovvero "collega" in inglese :) ).

Per il momento stavo stilando un piccolo manuale d'uso in inglese, elencando:
- le specifiche,
- il setup dell'interfaccia, in particolar modo con MixW/HRD e Chirp(per la programmazione delle memorie)
- il cablaggio dei connettori,
- il layout e lo schematico.

Qualcuno di buon cuore potrebbe darmi una mano con una sommaria revisione? Sarei grato se qualcuno, più pratico di me, potesse dargli un'occhiata (sottolineo ancora che è scritto in inglese). Ovviamente il materiale verrà inviato in via confidenziale a mezzo mail.

Grazie a tutti,
73 de IU8BBM, Luca

38
Hehehe aspettavo con ansia una risposta dal signore delle filari, vicino di locatore eri l'unico che mi avrebbe mai potuto comprendere appieno conoscendo la situazione in zona! E' facile fare DXpeditions ai poli, ma venite in un centro storico e ne riparliamo! Che poi lo sviluppo dell'antenna risale a quel qso dell'anno scorso in cui cercavo quei toroidi, se ricordi; la maggior parte del tempo l'ho speso nel cercare di ottimizzare quanto più possibile il tutto, non mi piacciono le cose alla buona.

Per la canna da pesca il problema è ben più delicato, se hai notato ho cercato di fare un'antenna a quanto più basso impatto visivo (vedi gli isolatori in plexiglass, che ho trovato più fragile del previsto), ti ricordo che dalle nostre parti ci sono i beni culturali che non transigono; tutto questo per dire che una canna da pesca da 10 metri sporgente dal balconcino sarebbe un bel segnale per dire: venitemi a prendere. Comunque essendomi dedicato ai modi digitali, la reiezione al rumore di questi ultimi e il poter concentrare tutti i watt dell'857 in bande strettissime mi rende la vita abbastanza facile; la fonia...non ci ho nemmeno provato, per evitare la frustrazione.

Se ricordi, ero in progetto di racimolare qualche soldo per l'accordatore, ho un balcone lato interno del palazzo sul quale vorrei provare a stendere un bel filo da 32 metri, e insomma sarà questa la prossima realizzazione; però a parlar con te veramente ci si mette le pulci nell'orecchio, anche se prediligo il dxing, la loop magnetica davvero mi attira...

Se ti dico il motivo perchè non mi colleghi più in 2m ti metti a ridere...mi manca il cavo! Spesi 40 euro per 10 metri di H-2007 della belden e due connettori clamp, e da allora ancora metto i soldi da parte per altro, pensa la diamond ce l'ho smontata in casa...

Grazie ancora per tutto, se passi qualche volta sui 14070\21070 ad orario di pranzo spesso mi trovi (da questo fine mese in poi), sono quello in 9+20,  :mrgreen:
73 de IU8BBM, Luca

39
MISSIONE COMPIUTA

Vincente o fallimentare? La prima notte dopo averla montata e tagliata per farla risonare, rispetto al mese precedente di chiamate diurne e notturne con la stessa 20m sbilanciata...BRASILE, 6 nuovi DXCC, nord america e sud america!! :birra:
Molti di voi sicuramente diranno, tutto qui? Ebbene dalle foto che seguiranno, a causa dell'ubicazione dell'antenna, capirete che tutto ciò è pressochè un miracolo.

Ricapitolando:
Citazione
Autocostruzione dipolo multiplo a V Invertita per le bande dei 20-15-10mt.

- Centrale con Balun di Guanella (simmetrizzatore in corrente, 1:1) realizzato con 6+6 spire in controfase di rame smaltato AWG 17 (1.15mm) su toroide in ferrite FT140-43;
- Tre bracci a 120° (50Ohm) per le bande radioamatoriali dei 20,15 e 10mt, tirati con cordino di nylon ed isolatori in plexiglass autocostruiti, sia per i collegamenti al centrale che per le estremità dei bracci.
Montata ed accordata manualmente sul mio (ahimè) balcone di casa.

Foto, cliccate sulle stesse per una descrizione accurata:
Tutte le altre foto nel mio album personale su FB, cercate le foto alla fine dell'album, QUI















Tutte le altre foto nel mio album personale su FB, cercate le foto alla fine dell'album, QUI .

ATTENZIONE: l'avvolgimento del toroide nelle prime due foto è ERRATO, fate riferimento alla quarta foto per l'avvolgimento corretto.

Concludendo, in 20 e 15 metri nulla da eccepire, nessun problema confermato da qualche test in qso a medio raggio, L'unica cosa è la banda dei 10mt, a parte l'avere una banda di risonanza davvero stretta (che conferma lo 0.8% dettato da Neri nel libro Antenne 2) fino ad ora è stata praticamente muta... :/ ma ancora devo approfondire la cosa...potrebbe anche essere un problema di zona (molto molto rumorosa) o semplicemente l'installazione.

L'ultima miglioria che vorrei fare è sostituire il palo centrale (attualmente in bambù) con un palo per antenne TV, il motivo è che con quello che utilizzo in 20m non riesco a fare 120° e quindi ros completamente nullo; credo di aver capito che un palo verticale, su antenna a polarizzazione (perlopiù) orizzontale, non dia alcun fastidio, dico bene?
 
Grazie a tutti, uno per uno, per il preziosissimo contributo sia per il balun (materia a me sconosciuta) che per l'antenna!
73 de IU8BBM, Luca

40
modi digitali / Re:DM780 e misurazione RSQ, come fare?
« il: 26 Maggio 2014, 16:16:57 »
Indubbiamente l'SNR è una cosa più veritiera ed utile, l'IMD può servire per far capire quanto si è poco attenti con l'ALC o quanto i 25W dichiarati siano lo sberleffo del reale kW che esce dall'amplificatore.

Il punto è che l'RST è d'obbligo sia nel log, che nelle varie QSL..ma la readability ci può anche stare, (quanto sto leggendo?), la strenght un pò meno (come valuti l'intensità? non puoi certo leggere il livello del segnale sulla radio che ti riporta un livello per tutto il segmento di 2.5kHz nel quale entrano non meno di 10 segnali alla volta), ma sopratutto come valuti la quality in maniera oggettiva? Il mio occhio queste dieci sfumature non tanto riesce (od ha la pazienza hi) di valutare ogni volta!

Tant'è vero che, come leggi qui, la scala è un pò abusata (non usa tutti e 10 i valori): http://www.rsq-info.net/RSQ-Reporting-Table.html .

Insomma mi confermi che DM780 non misura automaticamente il RSQ?
Grazie mille Killer!
73

41
modi digitali / DM780 e misurazione RSQ, come fare?
« il: 26 Maggio 2014, 15:50:17 »
Salve a tutti,
dopo essermi deliziato per un piccolo periodo con MixW, ho deciso di passare su DM780 (il "Digital Master 7802 della suite di Ham Radio Deluxe), che, sebbene ha un controllo del waterfall a mio avviso inferiore, grazie al supersweeper mi permette di fare molti più qso/ora.

Quindi mi perdonerete la domanda da pierini ma: l'RSQ, lo devo misurare ad occhio oppure c'è un modo da lasciarlo misurare dal DM780 stesso così come fà MixW in modalità PSK (sotto all'analizzatore del segnale)? DM780 a quanto sono riuscito a capire, giocando un pò con il programma e cercando a lungo su internet, solo l'SNR e l'IMD; dati inutili ai fini del log, al contrario dell'RSQ.

Detto ciò, mi pare di aver letto che non sia possibile nemmeno passare questa informazione in automatico, nella macro il <his:sent> si riferisce al RSQ trascritto nella maschera per la logbook entry. E' vero?

Grazie a tutti,
73 de IU8BBM, Luca

42
Vabbè ma questa è fortuna  :-D ....ecco un'anticipazione degli isolatori di cui parlavo nell'ultimo post, e che avrei montato dall'altro capo dei bracci; realizzati dopo 5 minuti di ragionamento (senza attingere dalle varie realizzazioni su internet):



Vorrà dire che li metterò anche all'altro capo! :)

Per quanto riguarda il balun? Ed il sistema di collegamento elettrico tra bracci e centrale? Ho passato la prova? :D
73s

43
Ciao a tutti,
allora qualche aggiornamento.

L'acquisto l'ho fatto da parachini su eBay, e sono riuscito a prendere solo le ferriti 140-43 perchè tutti i toroidi a mescola ferrosa (la serie T) venivano venduti in kit e non sfusi, ed ogni kit da 3-5 superava di gran lunga il prezzo dell'intero mio carrello.

La realizzazione è stata la seguente,
- due strati di teflon da idraulici (a posteriori ne avrei fatti almeno il doppio)
- 6+6 spire in controfase di rame smaltato da 1.15mm (AWG17)
- per l'avvolgimento ho usato del nastro in kapton per tenere insieme i due fili
- toroide fissato con 4 fascette, le cui teste sono state incollate con della colla cianoacrilica sulla scatola
- per il fissaggio dei bracci ho usato due viti con occhiello (acquistati facilmente chiedendo dei tasselli)
- per la connessione elettrica ho usato delle viti m3, con rondella e rondella elastica e teflon, e dei capicorda sia internamente che esternamente (cfr.foto)
- ho usato un connettore N da avvitare, tenuto con teflon e girato con una giratubi (più solido di quanto pensassi, più comodo da isolare ma senza dubbio la prossima volta userò uno da pannello).


ATTENZIONE: L'avvolgimento del toroide nella foto è errato, me ne sono accorto solo dopo aver effettuato le foto, il passaggio dal primo avvolgimento al secondo và fatto passanto i fili in mezzo al foro del toroide e spuntando dal di sotto.

Appena collegata sono riuscito a collegare un Islandese battendo il mio record di DX (misero data l'installazione, in 20mt collego solo l'europa), ad una veloce prova con qualche decina di avvolgimenti sul cavo ed un multimetro mi porta 0nA, con qualche breve qso a quanto pare il segnale in psk esce davvero pulitissimo anche a breve distanza, infine per quanto riguarda la taratura ed il ros non avendo un rosmetro mi sono affidato alla radio per centrare la banda accorciando i bracci anche se la cosa mi è sembrata molto strana dovendo accorciare di quasi 20 centimetri il tutto.
Il dubbio mi viene ed è il seguente, forse l'aver arrotolato la punta del braccio, facendo a tutti gli effetti una spira sull'occhiello della vite, può aver fatto qualche "danno" in pratica? C'è un modo migliore per collegare meccanicamente il braccio al centrale?


Dettaglio del collegamento dei bracci.

Appena verificato il tutto passerò alla realizzazione degli altri bracci, ho anche realizzato con il plexiglass degli isolatori (poor man version) che vi presenterò a montaggio ultimato.

Grazie a tutti per le utilissime info con il quale ho potuto fare questo "prototipo" di antenna :D :-D,
73 de IU8BBM, Luca

44
Ciao a tutti,
mi scuserete con il ritardo con il quale rispondo, ma ho preferito informarmi ulteriormente prima di scrivere. Ho trovato qualche informazione utile alla fine del libro Antenne2 di Neri, che dovevo ancora terminare, e conferma l'equipollenza dei balun di tensione e corrente ed il progetto di due avvolgimenti in controfase.

Cerco di mettere un punto alla situazione, e finalmente procedere agli acquisti:
BALUN: Choke (stesse funzionalità del ruthroff, ma meno sensibile allo sbilanciamento)
TOROIDE: FT140-43 (mu 850, meglio del k:290 e del giallo(6):8 o rosso(2):10).
CAVO: Rame smaltato 1.15mm, AWG 17; due metri dovrebbero largamente abbondare.
AVVOLGIMENTO: 12 spire in controfase (6+6), cavo bifilare NON avvolto, tenuto insieme dal kapton (invece del nastro isolante, se non sbaglio è lo stesso che usa W2FMI tralaltro).

Mi conviene anche avvolgere il toroide con del teflon (quello da idraulici per tubi) come ho letto in giro?
Molti usano il toroide giallo mescola 6, ma ha una permeabilità ancora più bassa del rosso, vuol dire che è ancora peggiore? Parachini, su ebay, vende sia i rossi che i gialli che questi mescola 32, non ne prendo nemmeno uno per prova (visto che costano solo 3 euro :) )? Mi conviene prendermi qualche 43 in più giusto, posso usarli in futuro per fare anche altri balun in tensione n:1, per esempio per filari end-fed? O vanno bene solo per 1:1?

Un'ultima domanda teorica, ma non facendo un vero e proprio trasformatore (2 avvolgimenti isolati) non dovrebbe essere anche più efficiente non avendo perdite di trasformazione? Ed inoltre, non essendo un trasformatore uno dei due rami dell'antenna, non rimane sempre messo a massa? (Domanda da pierini).

Grazie ancora a tutti per la pazienza,
IU8BBM, Luca

45
discussione libera / Re:Consiglio dove aqcuistare yaesu ft-857
« il: 12 Maggio 2014, 11:45:42 »
Guarda, a conti fatti io sono un principiante in misura maggiore di te :), ed invito tutti a correggere i miei eventuali errori di inesperienza, per il poco che ne so la mia idea è la seguente.
Riguardo l'usato, io sono il primo a storcere il naso, ed all'inizio anche io mi sentivo parecchio riluttante al riguardo, ma poi mi sono reso conto che, a differenza delle auto usate i cui anni sulle spalle dopo una certa soglia iniziano a farsi sentire (leggi andare e tornare dal meccanico), una radio usata, trattata bene è equivalente al nuovo e non ha alcuna differenza. Se non ha usura nella meccanica, ad esempio il vfo gira bene il microfono non presenta difetti, ed i connettori sono integri e stabili; e non ha difetti elettrici, ovvero finali integri schermo illeso e quant'altro. Non presenta nessuna differenza rispetto al nuovo. Sono macchinari esenti dall'usura (almeno nel loro tempo di vita previsto).

Per i filtri, meglio di qualunque mia parola ti invio la pagina relativa al manuale operativo.

73s


46

Ellamadonna... propagazione ionosferica dal di sopra, probabilmente vuole fare DX con proxima centauri...vale come dxcc?  :rool:

47
discussione libera / Re:Consiglio dove aqcuistare yaesu ft-857
« il: 12 Maggio 2014, 10:01:08 »
Ciao Arsenal,
rispondo qui invece che in pvt in modo da rendere utili queste informazioni a tutti (i forum servono a questo).

Il microfono certo è più comodo, ma credo non sia fondamentale: se ti sposti poco basta il VFO , se ti sposti sullo stesso segmento usi la rotella SELECT, (tieni conto che se premi il pulsante per l'accensione, imposti il raddoppio dello step su entrambe le manopole); se proprio devi cambiare banda, ecco lì può tornare utile invece che ruotare come un dannato queste ultime, ma a fin dei conti perchè dovresti farlo? Per andare su un canale noto velocemente? E allora credo bastino le memorie, le imposti una volta e saranno ancora piu veloci che digitare la frequenza sul microfono. Questa è la mia esperienza, anche io tenevo tanto a quel microfono opzionale, ma con l'uso mi sono reso conto che non mi sarebbe servito a granchè.

Per montare il filtro devi semplicemente togliere 5 viti dal coperchio superiore, sfilarlo facendo un minimo di attenzione al cavo dell'altoparlante, e inserire il filtro come se fosse un mattoncino dei lego. Nulla più. I filtri si collegano tramite due connettori a strip maschi, più semplice di così...

Il nuovo è il nuovo, ma se è il primo apparato, ti consiglio di andare sull'usato, con i 200euro di differenza compri: alimentatore, un paio di antenne (HF+V/UHF) e cavi. E dubito che su certi usati riuscirai davvero a trovare la differenza col nuovo. Vai su subito.it, ebay annunci, iscriviti alle ricerche (vieni aggiornato se vengono inserite inserzioni relative alla tua ricerca, che sarà una cosa del tipo "yaesu 857", e attendi, due mesi sono il tempo giusto per attendere e valutare un'acquisto.

Buona ricerca!
73 de IU8BBM, Luca

48
Yaesu / Re:Yaesu 857
« il: 12 Maggio 2014, 09:49:26 »
Sebbene da principiante, ci metto la mia (ho un 857d di seconda mano).
Un 857d attualmente è valutato 450€, se spendi una 50€ in più noti la differenza che a 500€ vengono venduti gli 857d tenuti un pochino meglio, o usate di meno. Se ti ha chiesto 500€. Per quanto riguarda l'alimentatore, un 30A è l'alimentatore giusto per questa radio, nuovo ti verrebbe a costare sulla 50-60ina. La valigetta non calcolarla nemmeno (la fattura mi sembra davvero scarsa, le classiche cinesi da 10€, io non ce la metterei nemmeno dentro una radio del genere (vabbè che io son fissato con le peli cases :D ). Detto ciò fatti due conti sul prezzo.

Se conosci il nominativo, o magari puoi chiederlo, del venditore, puoi effettuare qualche ricerca e cercare dei feedback; io così feci, e scoprii che il venditore era molto attivo e tutti i suoi clienti erano rimasti molto soddisfatti. Il mondo è pieno di gente strana, tempo fà c'era un noto imbroglione nella zona 8 che aveva ingannato non poche persone prorpoio con questo apparato...


Per quanto riguarda il dsp, (che può sintetizzarsi in un cancella rumore\filtro a coltello per il cw\passa banda regolabile per la fonia) sostanzialmente ti viene incontro sull'ssb e sull'AM, personalmente non l'ho trovato di così fondamentale importanza o dalle doti così "magiche".

Comunque, davvero una radio che dà ottime soddisfazioni, secondo me è un coltellino svizzero, lo porti ovunque, lo attacchi ovunque (ti ricordo alimentabile anche a 12v), e sembra non dire mai di no! In bocca al lupo per l'acquisto.
73 de IU8BBM, Luca

49
Buona domenica a tutti,
innanzitutto vi ringrazio per le numerose risposte. Passo a rispondervi singolarmente.

Ciao Luca,
molti mesi fa costruii questa antenna http://pa-11019.blogspot.it/2012/04/149-transformer-for-endfed-antennas-35.html
Funziona egregiamente. E' una filare ed utilizza un FT114-43...
Discorso balun...Fai un choke-balun e risolvi il problema.
...
Paolo
Praticamente è un'antenna trappolata, risuonante in più armoniche. Ok, è semplice, ma un dipolo non renderebbe di più? Mi posso accontentare di non fare i 40 metri (anche se basterebbe un dipolo ripiegato, ma evito perchè la propagazione è perlopiù notturna, ed io prediligo il pomeriggio nelle pause dello studio), ma avendo questo spazio a disposizione, un dipolo non è la soluzione più performante?

accordatore: uno manuale della mfj con strumento incorporato costa non più di 150 euro. Certo per uno studente non è proprio poco ma resta ancora una spesa abbordabile
La mia idea, volendo fare un acquisto e per tutte, è un LDG AT-100 PROII, quella cinquanta euro in più è spesa bene direi! ;)
Citazione
costo dei toroidi: un ft-240-43 costa 10 euro più 3/4 euro di spedizione. L'ft-114 è proprio risicato se fai anche i modi digitali, prendi almeno un ft-140 così non dovresti avere problemi di potenza.
Giustissimo, era lo stesso ragionamento che avevo fatto anch'io, tralaltro da parachini su ebay stanno 3 euro  :up:.
Citazione
Quante spire? Il concetto del choke è introdurre un'impedenza di almeno +j1000 ohm. L'arrl antenna book consiglia 12 spire su un ft-240-43 con filo da 1.2mm. Anche l'handbook di w2fmi (che è uno che di balun e trasformatori ne capisce), fa 10 spire su un ft-125-k (il k ha una permeabilità di 290 mu, contro gli 850 mu del 43 giusto per farti capire).
Ho scaricato il programma, ho visto che sul 140 con una 6+6 (facendo un choke), la reattanza sta sui 2-5kOhm nelle tre bande di 20-15-10 (ho inserito il toroide, la frequenza, e inserito manualmente il numero di spire, 6).
Ma a parità di mescola, il numero di spire cambia molto? Cioè, posso fare lo stesso choke del 240 (6+6) sul 140? Poi le spire, invece che farle col coassiale, posso prendere un metro di rame smaltato da 1mm, farne una treccia con un paio di spezzoni, ed avvolgerla? Oppure devo lasciarla parallela (come i balun di tensione con avvolgimenti trifilari)?
Citazione
p.s. perchè non puoi andare oltre i 5 metri in verticale? non mi dire che hai un altro balcone sopra? :O
Piccola parentesi, abito in un palazzo d'epoca nel centro storico di napoli, ho un balcone molto stretto, e sopra non ho nulla. Essendo il palazzo sotto la giurisdizione dei beni culturali fuori potrei tenere al massimo un vaso di fiori, figuriamoci un'antenna, il massimo che sono riuscito ad ottenere è un dipolo perchè uso un palo sottile che (essendo all'ultimo piano) è molto poco visibile (a maggior ragione i cavi, scelti spessi, relativamente al palo, proprio per una questione di solidità), dovendo mettere una verticale mi servirebbe un palo più spesso che darebbe troppo nell'occhio. Povero me! In ogni caso con il mio attuale dipolo, sbilanciato e poco risonante, ci faccio in psk tutta l'europa senza alcun problema (ho solo il problema che ho il balcone esposto ad ovest e tutto l'est lo faccio con maggiore difficoltà).  :sfiga:
 Per la questione della filare, appena avrò un'accordatore farò una longwire che spero di stendere nel giardino, e lottare poi con i condomini. Attualmente senza accordatore, l'idea migliore che mi è venuta sono questi dipoli multibanda. Le trappole le ho escluse perchè, di certo non mi spaventa il dovermi confrontare con i vari problemi, ma perchè ogni accrocco che vado ad aggiungere significa tolleranze e perdite, che nella mia inesperienza, difficilmente saprò affrontare, a differenza di un dipolo che quello è e quello rimane (la cosa piu complicata al massimo è accorciarlo).

forse questo può essere d'aiutohttp://www.iz2uuf.net/index.php/ham-radio/11-balun1
Caro Michele, quella pagina la conosco a menadito (è linkata un po' ovunque), ma purtroppo fornisce solo una vaga infarinatura teorica (Tranne per il misuratore delle correnti di modo comune, che è un'idea interessante e ripresa un po' dappertutto) ma niente di pratico con i calcoli da fare per il dimensionamento del balun.
Teoricamente parlando, c'è il piccolo trattato che è stato linkato poco più su, che approfondisce in maniera accademica la questione trattata in quella pagina che mi hai linkato.

se hai un appiglio davanti a te... u amicovicino
un albero.. o che so io.
http://www.radioamatoripeligni.it/i6ibe/balun9a1/balun9a1.htm
provato in più occasioni e sistenazioni.
Non è una direttiva, ma la cosa di essere un filo singlo ne semplifica l'uso, e funzona in modod decente.
Non ci si aspetta miracoli, ma il filo da 16,2 metri in 80 va benone...
Ivo Brugnera lo considero, nel campo del radiantismo, al pari del Vincenzo Villa per l'elettronica, sulle sue pagine ci siamo passati tutti ed ha ancora da insegnare. Il suo sito lo conosco pagina per pagina, e quel progetto è qualcosa che prima o poi realizzerò, ma come ho detto più sopra rispondendo a Brian, per il momento non posso sforare i 10 metri.
Lui fà tutti i calcoli per i t200-2 (usa però una mescola ignota, colore BLU; e lascia i calcoli per la mescola 6 gialla), tutti usano sti t200-2 ma sono davvero così scarsi in fin dei conti?? E' insomma la ferrite, mescola 43, la scelta migliore?

Solo una questione è stata tralasciata, che per me è di fondamentale importanza:
Balun di tensione (Ruthroff) o di corrente(Guanella/choke)?
Inoltre vorrei chiedere a tutti, è la ferrite FT140-43; con cavi smaltati da 1mm intrecciati, la scelta migliore?
Essendo 1:1 non sono costretto ad usare uno di tensione. Preferisco farlo toroidale perchè occupa meno spazio, e secondo me è più pulito e silenzioso, e con un cavo smaltato perchè è più economico (tralaltro compro rame e toroide dallo stesso rivenditore).

Grazie ancora a tutti per le vostre gentili risposte.
73 de IU8BBM, Luca

50
Allora per il balun ti linko 40 pagine di teoria
Grazie mille Pol, ho stampato il piccolo compendio e l'ho letto tutto d'un fiato, allora, essendo uno scritto molto molto teorico, per certi versi ho chiarito alcuni dubbi ma per certi altri me ne ha messo in testa altri...molti altri! :)

...In alternativa dovrebbero bastare anche 10 avvolgimenti di bifilare suna ft-114-43 ma non ho mai provato. (c'è chi usa la piattina per i collegamenti audio)...
Ciao Brian, innanzitutto grazie per i suggerimenti. Mi confermi insomma la scarsezza della mescola 2, nominandomi la 43 a cui molti tessono le lodi. E questo è un punto a favore, visto che tralaltro il prezzo di una 114 è molto inferiore ad una 200..
Il punto è che vorrei trovare un progetto già fatto che mi dica quanti avvolgimenti fare senza buttare i numeri a caso (accennando almeno un po' alle motivazioni dietro le scelte effettuate).
Citazione
Per l'antenna visto che non vai dietro a performance eccezionali (data anche la modalità di installazione) perchè non fai un dipolo da 10 metri accordato con l'accordatore su tutte le bande? Credo sia molto più semplice che fare n dipoli tarati, data la posizione precaria. Semmai lo fai pure chiuso così diventa silenzioso. In alternativa come mai hai escluso la verticale?
Eh, MAGARI, l'accordatore è nel carrello da un paio di mesi, sto aspettando di racimolare qualche soldo per potermelo permettere. Nel frattempo vado avanti di antenne risonanti...
Per quanto riguarda il dipolo chiuso, è più silenzioso ma a banda meno larga da quanto ho letto; le verticali esclusissime a parte perchè il dipolo a quanto ho letto ha prestazioni nettamente superiori, ma sopratutto perchè 10 metri in orizzontale per me sono molto più fattibili di 5 in verticale.

Comunque stavo pensando ad una 20-15-10, ma è fattibile tenere i due bracci da 20 e 10 sulla stessa antenna e a stretta distanza?

Un articolo interessante è questo: http://web.mclink.it/MC4868/balun/balun.htm ma purtroppo non tratta di balun simmetrizzatori.

Mi sento sempre più confuso... :(
73s

51
Radio Ascolto / Re:Come trovare frequenze
« il: 09 Maggio 2014, 16:33:59 »
Ciao Biscotto,
io, circa un anno fà, ho iniziato esattamente come: te Baofeng e tanta voglia di imparare.

Parlando di simplex, ahimè nella zona non c'è davvero nulla di interessante, con questa piccola radiolina, in un ambito urbano come il nostro, nel 90% dei casi tutto quello che riesci a sentire sono QSO che si limitano a discorsi sul come è stata pesante la cena oppure a come si stava meglio quando si stava peggio.
Per cominciare però, ti vengono in aiuto il gran numero di ponti, tra i quali, agganciabili anche in cantina, l'R2 di Ischia collegato in Echolink con tutt'Italia, e l'R6 di M.Pizzone, che ti permettono di fare interessanti QSO ed uscire dall'ambito cittadino.
Per tutti i ponti ti rimando alla celeberrima lista di IK2ANE (non priva di errori attenzione!) che già hai scaricato, ti consiglio di inserire il locatore (JN70CU è Napoli Vomero) e troverai tutti i ponti ordinati in base alla distanza.
Poi sulla radio, (Es R2-Ischia)
1) Imposta frequenza: 145.650
2) MENU+13: Imposti il tono 71.9
3) MENU+26: Imposti l'offset 0.600
4) MENU+27 (basta la freccia in basso): Imposti lo shift (-)
5) PTT e via: dai il nominativo per fare break o entrare in chiamata...

Se poi ti interessa fare radioascolto, allora beh, qualcosa di interessante c'è, impostando lo step a 10kHz dimenticandosi di sbloccare il tasto scan una volta raggiunto la soglia dei 446...

Non demordere, con una semplicissima yagi puoi agganciare qualche satellite (la sensibilità di queste radioline è di tutto rispetto), poi...in HF è tutto un'altro pianeta c'è tantissimo da divertirsi e da fare, ma gli acquisti vengono piano piano, basta non demoralizzarsi.

73 de IU8BBM, Luca

52
Salve a tutti,
sono alle prese con la costruzione di un banalissimo dipolo a V (120°) invertita da montare sul mio balcone di circa 10mt di lunghezza. Nel fare le mie ricerche su internet, non ho trovato nulla che mi confermasse teoricamente le scelte fatte, e come se non bastasse tutti i progetti trovati differiscono enormemente l'uno dall'altro.
Tralasciando le prestazioni  :sfiga:, ho i seguenti dubbi: (non pretendo che nessuno risponda a tutti, anche una sola risposta mi farebbe molto contento)

L'ANTENNA

Volendo operare perlopiù nel primo pomeriggio, e data la larghezza del balcone, intendevo sicuramente fare un dipolo multiplo a V invertita, facendo sicuramente 2 bracci per i 20m. Ora:
  • quali e quanti altri bracci, per quali frequenze, mi conviene aggiungere tenendo conto della propagazione in primo pomeriggio, dell'iterazione tra i vari bracci, che io prediligo i modi digitali (PSK), e della lunghezza massima di 10m totali?;
  • qual'è il diametro minimo da utilizzare trasmettendo con 100w? Ovvero, invece di utilizzare un cavo elettrico in rame da 2.5mmq posso usare cavi in acciaio più sottili e resistenti?
  • per agganciare i cavi al balun posso fargli fare un giro o due in un'occhiello di una vite e poi avvitare il capicorda su una vite del balun (senza la boccola per essere chiari)?.
  • ci sono soluzioni più performanti di un dipolo in questa situazione? (All'inizio stavo pensando ad una Morgain).

IL BALUN
Sebbene a 120° l'impedenza sia di 50Ohms il balun è ovviamente necessario per portare l'antenna bilanciata a lavorare come bilanciata (e non con un ramo a massa, che mi pare di immaginare accada se non si usa un balun). Ora:
  • Vorrei costruire un balun 1:1 in tensione, ma ho letto (senza però recare alcuna giustificazione) che molti suggeriscono l'utilizzo di un balun in corrente. E' vera come cosa?
  • Per il balun 1:1, intendo utilizzare un T200-2, capisco che ci sono mescole più performanti, ma sono davvero tanto necessarie? (Vista l'economicità del rinomato t200).  O addirittura mi conviene prendere un toroide più piccolo dovendo fare solo 100w?
  • Per quanto riguarda gli avvolgimenti, su internet se ne leggono di tutti i colori; un'immagine che gira parecchio (anche qui sul forum) indica 11avvolgimenti trifilari, su altri forum se ne leggono dai 9bifilari fino ai 17trifilari? Qual'è quella ""giusta""?
  • Ed infine, che filo utilizzare? Io pensavo ad un cavo di rame smaltato AWG18 (da 1,03mm), và bene od è troppo sottile? Che differenza c'è tra una piattina ed un cavo di rame smaltato?
Grazie a tutti per la pazienza,
73 de IU8BBM, Luca

53
I toroidi sono stati riassortiti.

54
Salve a tutti,
dovendo acquistare dei toroidi T200, ho intenzione di creare un piccolo gruppo di acquisto, vi spiego, su eBay un affidabile venditore italiano vende a 49.9€ 10 Toroidi T200-2 della Micrometals, i famosi supereoconomici toroidi multiuso strausati per le autocostruzioni di balun in HF e quant'altro, che tirando le somme vengono 5€ al pezzo, un prezzo davvero competitivo contando che in fiera il prezzo oscilla sui 7 euro. Purtroppo per il regolamento del forum non posso postare l'inserzione, ma da una veloce ricerca dovrete trovare senza difficoltà l'inserzione in questione.
Dacchè tra me ed un mio amico me ne servirebbero non più di 6, cerco possibili acquirenti per i restanti 4 pezzi.

Citazione
Physical Dimensions
OD = 2.0 in / 50.8 mm +/- 0.025 in
ID = 1.25 / 31.8 mm +/- 0.025 in
Ht = .550 / 14.0 mm +/- 0.03 in
 AL=11 +/- 5 %      uH=(AL*Turns2)/1000
Temperature Stability (ppm /°C) = 95  productor:micrometals
Color Code = Red / Clear
Optimum Resonant Circuit Range
for highest Q and lowest core loss
250 KHz - 30 MHz

Pezzi rimanenti: 4, prezzo unitario 4,99€; possibile consegna a mano a NAPOLI, tassativamente zona Museo Nazionale ore 20:00; oppure spedibili su richiesta con corriere tracciabile 24-48h  (spedireweb) con un sovrapprezzo di circa 7€ ed effettuando il pagamento con Postepay; accetto anche Paypal ma dovrete aggiungere il 3,4% del totale come sovratassa imposta da Paypal.

Attualmente non sono ancora disponibili dato che il venditore è in attuale riassortimento l'ho contattato e saranno nuovamente disponibili a fine maggio, pertanto, possiamo organizzarci in questo modo:
  • il thread rimane aperto fino a che il venditore non riaprirà l'inserzione (data presunta, fine maggio).
  • darò priorità a chi acquista più pezzi e quindi a chi preferisce la spedizione, quindi (a parità di proposta) seguirò l'ordine cronologico dei post. Es. 4 pezzi+sped, 4pezzi+consegna, 3 pezzi+sped,3pezzi+consegna...
  • a chiusura thread, contatterò personalmente tramite messaggio privato l'utente\i che parteciperà al mini-gruppo di acquisto (se avete casella piena indicatemi la mail), indicandogli eventualmente gli estremi per il pagamento e richiedendo i dati per la spedizione od eventualmente il ritiro (richiesto numero di cellulare).
  • nell'eventuale non raggiungimento della quota di 10 pezzi, il gruppo di acquisto verrà tenuto aperto fino a riempimento.

Resto comunque disponibile a qualsiasi richiesta di informazioni, rispondete a questa discussione o inviatemi una mail (l'indirizzo lo trovate su qrz.com). Spero solo di non aver fatto qualcosa contro il regolamento, oppure sbagliato la sezione.
73 de IU8BBM, Luca

55
Caro Ugo,
scherzavo sul fatto che, come vedi, la critica essendo stata costruttiva ha avuto ottimi risultati! Grazie ancora per il consiglio e per gli auguri!  :birra:

73+51, Luca

56
Innanzitutto voglio ringraziare tutti per i numerosi ed i calorosi commenti, le idee e le considerazioni sono numerosissime, e in buona parte condivise, cercherò di sommarizzare le mie considerazioni quanto più possibile (per ogni post ci sarebbe da aprire una discussione a parte per le idee tirate in ballo).

@ Brian:
Il prezzo commerciale di quest'interfaccia è 50/60 euro, tale prezzo però sarebbe fattibile calcolando una produzione industriale, impiegando materiali e manodopera "operaia", cosa che invece non mi è possibile rappresentando questa una produzione completamente artigianale, alzare il prezzo implica (come credo tu stia ammettendo implicitamente) l'uscire fuori dal mercato, ma credo che tutto ciò sia paragonabile all'acquisto di un, e.g., un cucchiaio in legno intagliato da un tagliatore di montagna, rispetto ad un cucchiaio lavorato industrialmente dalle cnc, capisco che nel campo radioamatoriale sia per certi versi preferibile una lavorazione industriale, ma purtroppo io non posso ribassare i costi di manodopera senza sminuire il mio lavorato e inducendomi a non produrre perchè il gioco non mi vale più la candela. Allo stesso modo del quale un artigiano può non vendere quel cucchiaio perchè altrimenti sarebbe solo tempo perso.
Che poi in fin dei conti, 60€+ss è proprio il target che sto cercando, e credo comunque di poter raggiungere acquistando in blocco i componenti utilizzati. Purtroppo essendo piccola la produzione non riuscirò a "spalmare" i costi più di tanto.

@ Ugo da Norcia:
L'interfaccia NON vuole essere un prodotto commerciale o di produzione su larga scala, come diceva r5000, io ho fatto l'interfaccia e quindi il prezzo, l'interfaccia come puoi leggere nella discussione è stata realizzata con tutti i crismi perchè è stata intesa come per utilizzo personale, ora la vendita viene semplicemente per recuperare le spese e mettere da parte dei soldi per un accordatore di cui avrei bisogno, e l'idea della vendita è trovare circa una decina di persone che capiscano l'impegno e le soluzioni utilizzate e siano disposte a spendere al massimo 10€ in più, se confrontato con le altre soluzioni industriali che però non ha la stessa qualità, qualità che mai terrò a ridurre, perchè è mia intenzione realizzare un qualcosa che, per l'appunto, utilizzerei io stesso. Ripeto, il mio principale interesse è: soddisfare le persone, rientrare nelle spese ed, EVENTUALMENTE, mettere da parte qualcosa. Se dovevo camparci con tutto ciò, mi sarei rivolto a qualche distributore, gli avrei ingegnerizzato i costi, e ne avrei prese le percentuali.
Questo mio impegno è chiuso nel campo radioamatoriale stesso, mi impegno per potermi permettere un qualcosa che mi faccia progredire (intellettualmente) in quanto OM, essendo studente non lavoratore, mi sarebbe assurdo chiedere 250 euro per un accordatore a papà e mammà, come molti coetanei fanno per esempio per un cellulare nuovo. Visto tralaltro che le spese universitarie già sono alte loro stesse...ma vabbè queste sono considerazioni personali e fuorviano dalla discussione.

@ aquiladellanotte:
l'interfaccia è nata per un suo utilizzo quanto più generale possibile, la scelta di NON integrare un convertitore usb\232 è stata dovuta al fatto che la velocità con il quale i driver per queste schede cambiano è iperluminale, ogni cambio di SO c'è un vecchio cavo che devo buttare, motivo per quale risulta più economico, al momento di cambiare pc, buttare un adattatore cinese (il cavo funziona sia in 0-5v degli adattatori cinesi, che in +-12v delle schede PCIe) invece che tutta l'interfaccia.
Ho semplicemente separato i problemi. ;)
Molti invece, anche in un altro thread mi parlavano di integrare la scheda audio, questo invece non è stato fatto principalmente per via della mia inesperienza, anche se, a posteriori, credo che comunque non avrei implementato questa soluzione per prevedere un caso d'uso quanto più generale possibile, ad esempio, metti caso che vuoi usare due terminali, giungi i due poli su uno stesso connettore audio ed hai fatto, con due schede audio le cose si fanno leggermente più complicate. Questa vuole essere un'interfaccia "da battaglia" deve fare un pò tutto e lo deve fare bene, se hai un buon pc funziona bene quanto l'avere una scheda audio esterna.

@ r5000 ed Alberto207:
Come ho già detto poc'anzi, e che non smetterò di ripetere, questa è una realizzazione da radioamatore a radioamatore, la scheda è intesa come il massimo al quale io vorrei puntare nell'avere un'interfaccia, e di certo non sostituirò i componenti con quelli più economici solo per battere cassa, anzi al contrario, poco più sopra, nella critica, Ugo parlava di cermet, ebbene stavo proprio facendo due calcoli per sostituire i trimmer con questi ultimi. Ovviamente poi ci sono persone che tenderanno a fare economia, in generale sono proprio io il primo, e che non saranno mai disposti a spendere quei "10€ in più" ovviamente loro avranno tutti i motivi per non acquistarla. E non li biasimo, ripeto, devo solo rientrare nei costi e farmi quel gruzzoletto per un acquistare un accordatore, in 3-4 mesi vorrei chiudere tutto e ricordare ciò come una simpatica esperienza, come in passato per esempio ho fatto all'università, dove dei miei amici mi chiesero di realizzare una scheda elettronica per un corso di programmazione di microcontrollori, io riuscii a realizzargli loro gratis le schede, a rientrare nei costi, e a comprare una stazione ad aria calda, tutto questo producendo 10 schede in più e vendendole ai loro colleghi di corso. Potete vedere qui la pagina con le specifiche, e qui qualche foto della realizzazione. Tutte le schede andarono sold-out in 2 giorni.

@ davj2500:
Innanzitutto grazie dei complimenti. :)
Vedo che molti di voi stanno battendo sul fatto che io voglia commercializzare serialmente questa scheda come un mio prodotto, come ho già detto in questo post, il prodotto non vuole essere un prodotto seriale ma semplicemente una decina di pezzi di produzione artigiana, destinata a miei pari (che anzi ne sapranno sicuramente molto più di me, semplice matricola IU..). Il mio orgoglio è stato nel realizzare un'interfaccia nuova, che a quanto pare, od ho sbagliato a prevedere (magari già tutti la implementano) oppure nessuno se ne è accorto:
Forse sono io che sono inesperto, ma, e' la scoperta dell'acqua calda oppure le interfacce CAT sono tutte optoisolate, io pensavo di aver trovato una soluzione innovativa di riuscire a fare una 232isolata oltre che la classica parte audio e ptt, grazie ad un integrato che è stato prodotto solo negli ultimi anni e che consente di separare le masse del pc, ovvero della porta db9,  con quella della radio, come fanno molte schede di isolamento della 232 che vengono pagate anche sopra le centinaia di euro, nessuno ci ha fatto caso oppure sono io che sto sopravvalutando questa soluzione?
Ho realizzato una scheda che isola completamente pc e radio:
- parte audio (con trasformatori)
- parte cw e ptt (con optoisolatori)
- parte rs232 (con integrato a separazione galvanica, ignota)
il tutto in uno scatolato di 4x7cm.
La cosa di cui andavo fiera era proprio questa, più della schermatura di scatolato e cavi, avrò semplicemente scoperto l'acqua calda?
Per quanto riguarda l'"assistenza", sarò ben felice di supportare le persone al quale venderò le schede, essendo una piccola produzione, aiutarle anche in problemi che non riguardano assolutamente l'interfaccia che ho prodotto, sarà un ulteriore modo per ringraziarli del piacere che mi hanno fatto.

In ogni caso vi ringrazio tutti dei numerorissimi e calorosi commenti, in primis a coloro che mi hanno aiutato a realizzarla.

73 de IU8BBM, Luca


AGGIORNAMENTO: Le schede verranno prodotte con trimmer in cermet, per il piacere di Ugo  ;-) , per il quale non ci sarà alcun sovrapprezzo, anzi.  :up:

57
Essendo isolata il rischio non sussiste (o almeno non DOVREBBE sussistere...ALMENO SPERO :D). Ci avevo pensato anche io, poi alla fine ho preferito non osare perchè sono giunto alle conclusioni che usare la porta seriale invece che l'usb elimina tutti i migliaia di problemi di supporto sia per quanto riguarda il driver del convertitore (ogni aggiornamento di windows si porta dietro incompatibilità titaniche) nonchè rende più facile lo sviluppo di software (gestire le porte COM è roba da poco rispetto ad una usb), in questo modo la sua compatibilità con i vari SO/programmi è pressochè totale...e perenne nel tempo heheh.

Cosa ne pensi dei cavi che ti ho postato? Posso fidarmi del solo prolific?
73s

58
Monta il classico Prolific - PL-2303, il cavo è un pò vecchiotto infatti il baud max è 230,4 Kbps. Qui tutte le specifiche.

Il nuovo modello invece (il ICUSB232V2) monta il Prolific - PL2303-HXD per raggiungere circa il Mb (921,6 Kbps), anche se è più economico non lo preferisco perchè invece di avere le viti per avvitarlo nella femmina, ha i bulloni, e quindi non potrei collegarlo direttamente ad un'interfaccia senza utilizzare un cavo passante.

Comunque la cosa non mi convince, avendo solo il Prolific e non il circuito traslatore a pompa di carica vuol dire che in uscita non ha +-12v, ma i classici cinesi 0-5v?

73s

59
Perdonami, la sineddoche ci ha giocato un brutto scherzo:
per "cavo" intendevo dire "adattatore usb\rs232(db9)".

Per quanto riguarda l'interfaccia, me la sono appena autocostruita.

Cosa ne pensate di questo?
Startech ICUSB232DB25

73s

60
Lascia stare chi vende roba cinese!
anch'io ci ho sbattuto la testa, per risparmiare, ma si sà che i provebi non sbagliano mai, chi risparmia spreca, vai in un negozio di informatica gli chiedi un cavo buono e se non funziona lo porti indietro e strozzi chi te lo ha venduto  :mrgreen:
Guarda con i cavi cinesi sono quasi dieci anni che ci gioco, a parte alcuni con driver inesistenti o fusi per motivi sconosciuti, non mi hanno mai dato problemi così strani se non per il fatto di essere 0-5v e non +-3,6 o più propriamente 12v.

L'errore in fase di programmazione è la cosa più assurda ed inspiegabile che mi è capitato. Voglio solo capire cosa acquistare e cosa no, visto che a quanto pare avere un cavo che in cat funziona non vuol dire avere un cavo che programma... :-(

Tu che cavo usi?
73

Inviato da RogerK Mobile


Pagine: [1] 2 ... 4