Autore Topic: RADIO FM CHE TRASMETTONO AL NATURALE (come negli anni 70'-'80)  (Letto 1837 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline FabriBCL

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 159
  • Applausi 10
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:RADIO FM CHE TRASMETTONO AL NATURALE (come negli anni 70'-'80)
« Risposta #25 il: 16 Luglio 2022, 10:56:41 »
se parliamo dei semplici CD dico quelli veri guarda che anche loro sono stati post-processati ed adattati al digitale.
[...]
il puro dovrebbe essere una registrazione stereo di una band dal vivo ma non esiste o meglio non la sentiremo mai il motivo è ovvio. Nessun cantante avrà un volume superiore alla batteria o all'assolo di chitarra elettrica
[...]
anche nei live c'è comunque il tecnico del suono che equalizza i livelli dei vari strumenti...a maggior ragione in studio quando si registra un evento...ancora dopo per arrivare al master...voglio dire che di "puro" vedi il CD che di puro ha molto poco...ovvio che successivamente quel povero suono viene bistrattato e strabistrattato..ma la colpa è ancor prima del povero Orban :-P

Mi fa piacere trovare competenza anche sui forum sbagliati  [emoji1]
Il problema è teorico, non è sbagliato teorizzare.
C'è differenza grande, anche etica oltre che di gusto, tra questi aspetti che stai dicendo e la compressione a mazzate che fa il tecnico della radio.
Tra gli artisti ed il prodotto finito sul mercato (CD, vinile ecc), i tecnici se li sono scelti e con loro hanno partecipato alla produzione. Quindi nel cd finito c'è l'opera d'arte con la firma. Anche nel concerto, se è di un certo livello, non si lasciano i suoni ad un fonico scelto dal caso, ma si porta il proprio da casa, oppure c'è un tecnico di fiducia (magari l'artista stesso) che si mette di fianco al fonico per fare delle scelte.

In radio invece c'è un tecnico estraneo che, all'insaputa di artista, produttore, ecc, fa sostanzialmente un remastering del brano. Se poi la cosa viene fatta in automatico da un processore, diventa proprio l'ignoranza al potere, non c'è neanche più uno che mette la firma con il proprio gusto. E' un processo antiartistico secondo me. E' come dar da mangiare alle mucche con il forcone.

Anche i remixaggi e remastering di artisti morti, sono molto discutibili per gli stessi motivi, ma almeno si è un gradino sopra perchè ci lavorano dei professionisti capaci.
Ad esempio ho preso quei cd che sono usciti, di Battisti, rifatti dai nastri originali. Sono sicuro che l'artista (che era un maniaco e stava in sala per tutta la produzione del disco) alcune cose non voleva che si sentissero distintamente, ma stavano bene opache a fare groove e fumosità.
Lo stesso, citato sopra, U67, supersexy, ma se gli togli il "fumo" in fase di mix, ti trovi con un'altra cosa in mano. Infatti diversi di una volta erano spesso fumosi, con un impasto nei medi, anche per limiti tecnici, ma già la registrazione (poi il mix ecc) veniva fatta sapendo dove si voleva arrivare, e scegliendo l'attrezzatura di conseguenza. I prodotti di adesso, i neumann stessi, compreso l'U87 che da diversi anni è "AI" sono fatti per l'estrema definizione che sta bene sul cd.
Concludo il super OTtone  [emoji14] dicendo che ci sono centinaia di ore di lavoro di artisti e tecnici ai massimi livelli, per arrivare al prodotto "disco". Pensare a un dj che imbuca tutto in un processore dal quale esce un wurstel tutto lucido e tirato a riempire il tubo sintetico, è un gran dolore (per le orecchie, poi...). Ma sono un matusa, ormai lo sto accettando  [emoji1]


Offline ik2nbu Arnaldo

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3271
  • Applausi 262
  • Sesso: Maschio
  • Saldatore per Sempre
    • Mostra profilo
    • www.ik2nbu.com
    • E-mail
  • Nominativo: ik2nbu
Re:RADIO FM CHE TRASMETTONO AL NATURALE (come negli anni 70'-'80)
« Risposta #26 il: 16 Luglio 2022, 10:57:39 »
Raga,

negli ultimi anni di TX FM usati sono pieni i rottamai, li potete comprare a prezzi bassi funzionanti
e/o riparare quelli rotti a prezzo rottame, parlo di modulatori eccitatori FM da 20 a 100 watt analogici, cercateli su Ebay.

Purtroppo le piccole radio FM chiudono come le mosche, sopravvivono quelle collegate ai vari network nazionali/regionali, che riescono a bilanciare i costi con le entrate pubblicitarie.

Eppure non è che si stanno liberando frequenze in FM, sono comunque belle occupate a suon di KW,
spesso dalla stessa emittente con + frequenze dedicate per mappare il territorio.

Personalmente da quando ho il DAB in auto ed anche a casa, le radio FM ho praticamente smesso di ascoltarle, perchè tranne che su poche emittenti di qualità, la "musica buona" rappresenta appena il 20-30 % della programmazione, ma che è interrotta di continuo da DJ sottopagati e pubblicità a manetta.

Inoltre mentre negli anni 70 la connotazione musicale (e politica) delle radio FM era molto marcata,
oggi si fa fatica a distinguire un network FM da un'altro, hanno format e palinsesti molto simili e cultura musicale prossima allo Zero.... ahimè!

73

Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2857
  • Applausi 300
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • l blog del Pietricello
    • E-mail
  • Nominativo: IU2DLC
Re:RADIO FM CHE TRASMETTONO AL NATURALE (come negli anni 70'-'80)
« Risposta #27 il: 16 Luglio 2022, 11:10:54 »
Condivido il tutto Fabry il discorso però secondo me è diverso. Non sono OT ma ogni cosa in questo mondo ha il suo scopo. Le radio FM commerciali (praticamente tutte) non sono nate per servire un'audience di orecchie raffinate piuttosto per seguire le tendenze del momento e più in generale per intrattenere.
A livello di idea che poi però scadeva per limiti tecnici c'era la filodiffusione con canali tematici e fatta per "intenditori".
Su quella l'idea era buona (musica di qualità a tema, no parlato, no pubblicità) il mezzo tutto sommato meno immune a disturbi delle RF ma la qualità ovviamente molto poco definita.
Ma l'idea di ritrovare questo modo di fare nelle emittenti di oggi è come cercare l'acqua sulla luna. Semplicemente non son nate per questo le radio FM commerciali, molto semplice, a prescindere poi da tutte le considerazioni di tipo tecnico e filosofico.
Desiderarlo resta un desiderata che comunque non riesco a capire visto che mi sembra logico che l'unico modo per ascoltare la propria buona musica è palese.
Il resto condivido i tuoi pensieri sullo stupro di opere d'arte musicale ma a chi mette i dischi in radio poco importa...e per favore non chiamatelo DJ uno che mette le playlist...anche no :-)
Stò cominciando a farlo a livello semi serio ma sempre per hobby e non c'entra nulla con il metti dischi delle radio uffi anzi ho scoperto che, come per ogni cosa, devi studiare il suono, aver orecchio ma anche conoscere la musica, le scale musicali...e molto molto altro che vado scoprendo di giorno in giorno altro che muovere il fader da dx a sx :-)

Offline FabriBCL

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 159
  • Applausi 10
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:RADIO FM CHE TRASMETTONO AL NATURALE (come negli anni 70'-'80)
« Risposta #28 il: 16 Luglio 2022, 11:43:59 »

e/o riparare quelli rotti a prezzo rottame, parlo di modulatori eccitatori FM da 20 a 100 watt analogici, cercateli su Ebay.
[...]
Eppure non è che si stanno liberando frequenze in FM, sono comunque belle occupate a suon di KW,
spesso dalla stessa emittente con + frequenze dedicate per mappare il territorio.
Sarebbe un afigata eccezionale, da buttar via un sacco di tempo, ma è la mia vocazione principale.
Fare una radio di montagna localizzatissima, che si senta in un paio di valli, legalmente cosa comporta?

Inoltre mentre negli anni 70 la connotazione musicale (e politica) delle radio FM era molto marcata,
oggi si fa fatica a distinguire un network FM da un'altro, hanno format e palinsesti molto simili e cultura musicale prossima allo Zero.... ahimè!
Per me era molto affascinante, girando abitualmente nella mia regione e in Toscana, sentire le stazioncine emiliane e toscane, con le parlate e argomenti diversi.
Segnalo Bologna per la presenza di alcune radio molto locali, un paio ben connotate politicamente, un'altra legata al Bologna calcio (una specie di bar sport con molto umorismo), un altra religiosa. Palinsesti che staccano molto dal panorama omogeneizzato.
Chissà, forse lo strascico lasciato da Alice?

Le radio FM commerciali (praticamente tutte) non sono nate per servire un'audience di orecchie raffinate piuttosto per seguire le tendenze del momento e più in generale per intrattenere.[/size]
[...]
Desiderarlo resta un desiderata che comunque non riesco a capire visto che mi sembra logico che l'unico modo per ascoltare la propria buona musica è palese.
[...]
e vado scoprendo di giorno in giorno altro che muovere il fader da dx a sx :-)[/size]
L'FM è stata territorio libero (anzi vietato) e ci hanno trovato terreno fiori selvatici. Come nascita, si è cercata la comunicazione tra umani, in un momento in cui la cultura musicale era diffusissima e coincideva con la cultura popolare, quindi parole libere e musica erano in pole position. Poi a suon di "forti volontà" è nata la radio commerciale, che è così come dici, ma non è una destinazione che dio abbia dato all'88-108 e che quindi ci dovesse toccare per forza. L'hanno indirizzata lì Mammì/Craxi/Berlusconi, perchè se no erano cazzi, visto che molta gente pensava e faceva l'università per migliorarsi e non (non solo) per entrare nelle routine del profitto in posizione avvantaggiata.
Ascoltare la propria musica da supporto... la differenza è come tra ascoltare un disco e andare a un concerto. Uno è un ascolto fine e preciso, l'altro è sapere (o immaginare) che ci sono migliaia di persone che stanno vivendo qualcosa di cui potresti comunicare, che ti ci accomuna. Per me è il sentimento fondamentale per cui ascolto la radio. Forse idealizzo, ma secondo me è una cosa che potrebbe coinvolgere tutti, ma è stata fatta dimenticare, in favore di una pastorizie dove l'ascoltatore è allevato passivo e con poca fantasia. Una massificazione alla quale non partecipi. Scusate la filosofia, ma come si fa ad evitarla?
Auguroni infine per la tua attività. E' proprio vero, ci sono mille attività artistiche che assomigliano a girare una manopola, ma se c'è dietro una cultura funzionano, se non c'è non funziona niente.


Online kz

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 5315
  • Applausi 264
    • Mostra profilo
  • Nominativo: RRM TANGO34
Re:RADIO FM CHE TRASMETTONO AL NATURALE (come negli anni 70'-'80)
« Risposta #29 il: 16 Luglio 2022, 13:47:37 »
Sarebbe un afigata eccezionale, da buttar via un sacco di tempo, ma è la mia vocazione principale.
Fare una radio di montagna localizzatissima, che si senta in un paio di valli, legalmente cosa comporta?

la via più semplice e lineare è aprire una radio comunitaria, di solito una cooperativa o una associazione, anzi una cooperativa che gestisce e un'associazione che supporta o simili, credo ci vorrebbe un direttore responsabile che sia un giornalista professionista, ma è passato un muchio di tempo da quando me ne sono interessato e potrebbero essere cambiate le leggi.
una volta ottenuto il riconoscimento dal MISE, ma potrebbero volerci anni, hai diritto a una lunga serie di agevolazioni sulle tariffe.
ci sono dei circuiti, tipicamente religiosi, che hanno dei professionisti che possono seguire nel percorso.
per le altre radio, politiche, c'erano delle strutture del mondo cooperativo che avevano il know-how per supportare lapertura di nuove radio ma anche lì sono anni che non ne so più nulla; la gran parte di quelle radio sono scomparse o sono state fagocitate da altri media e poi distrutte, come nei casi di Radio Città Futura di Roma, Radio K Centrale e Radio Città del Capo di Bologna; è un tipo di radio che si sta gradualmente spostando sullo streaming IP, come Radio Città Aperta di Roma, ex Radio Proletaria, che dopo oltre 40 anni di trasmissioni ha venduto le frequenze.
una di queste radio defunta e poi risorta è Radio Città di Pescara, che trasmette in FM nelle province di Pescara e Chieti e pubblica lo stato dei ripetitori e la mappa di copertura.

Citazione
Segnalo Bologna per la presenza di alcune radio molto locali, un paio ben connotate politicamente, un'altra legata al Bologna calcio (una specie di bar sport con molto umorismo), un altra religiosa. Palinsesti che staccano molto dal panorama omogeneizzato.
Chissà, forse lo strascico lasciato da Alice?

il palinsesto dipende sempre dalla comunità degli ascoltatori.
a Roma, è noto che ci siano diverse radio che parlano tutto il giorno solo di Roma o di Lazio, a Napoli ci sono quelle che mandano solo dediche.
La radio è un media che non va sottovalutato: alle ultime elezioni comunali di Roma, al ballottaggio ci è andato un avvocato amministrativista conosciuto soprattutto come "opinionista" radiofonico...

Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2857
  • Applausi 300
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • l blog del Pietricello
    • E-mail
  • Nominativo: IU2DLC
Re:RADIO FM CHE TRASMETTONO AL NATURALE (come negli anni 70'-'80)
« Risposta #30 il: 21 Luglio 2022, 18:23:16 »
@Fabri: ammiro il tuo "romanticismo" che è l'opposto del mio pragmatismo (hi) tuttavia, perdonami, ma non si può paragonare l'emozione di un concerto con la ricezione di un brano in FM.
L'unica cosa che li accomuna (forse) è l'audience ma null'altro.
Che la fonte sia il vinile,cd che sia "pompata" o smussata sempre un disco è e resta e perdonami ma sapere che la stanno ascoltando anche e se 1.000.000 di persone non mi emoziona affatto...
Di contro ad un concerto oltre ad essere fisicamente con la gente (il pubblico) vedi la band o il cantante che suona dal vivo, che stecca, che sbaglia che è migliore/peggiore rispetto alla registrazione ma che stà esprimendo la sua arte in quel preciso istante.
La differenza è oceanica direi :-)

Offline frengo

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 23
  • Applausi 1
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:RADIO FM CHE TRASMETTONO AL NATURALE (come negli anni 70'-'80)
« Risposta #31 il: 21 Luglio 2022, 18:43:38 »
@Fabri: ammiro il tuo "romanticismo" che è l'opposto del mio pragmatismo (hi) tuttavia, perdonami, ma non si può paragonare l'emozione di un concerto con la ricezione di un brano in FM.
L'unica cosa che li accomuna (forse) è l'audience ma null'altro.
Che la fonte sia il vinile,cd che sia "pompata" o smussata sempre un disco è e resta e perdonami ma sapere che la stanno ascoltando anche e se 1.000.000 di persone non mi emoziona affatto...
Di contro ad un concerto oltre ad essere fisicamente con la gente (il pubblico) vedi la band o il cantante che suona dal vivo, che stecca, che sbaglia che è migliore/peggiore rispetto alla registrazione ma che stà esprimendo la sua arte in quel preciso istante.
La differenza è oceanica direi :-)
Ma qui infatti stavamo parlando di restituzione del suono di un CD ORIGINALE in formato .Wav o SACD appena uscito dalla casa discografica (o se preferite anche il vinile) su un buon ricevitore FM.
Cio' ASSUNTO che lo STANDARD e' la fonte stessa, cioe' il CD o altro, cioe' quella registrazione di quell' anno, di quel brano, siano essi i Pink Floyd o Drupi.
Il problema non e' se io sento il brano dal vivo o dal disco .... questo va OT !
Questo e' un Forum di radioamatori, quindi stiamo parlando di Radio, non di concerti e del fatto che i suoni sono migliori dal vivo, questo ci si sa .... e' ovvio
Il problema e': dove riesco a sentire musica proveniente da una Discoteca (dove "Discoteca" ha lo stesso significato di "Biblioteca" per i libri, cioe' una raccolta fisica di dischi musicali, non altro) in maniera NON ARTEFATTA e modificata da processori del suono ma direttamente trasmessa in FM al naturale ?
Che poi nei dischi ci siano delle stecche o degli errori puo' anche essere normale ma per me costituisce lo standard di quel brano e magari fa anche storia....
Poi se a te che quel suono pulito su una radio lo ascoltino migliaia o milioni di persone non fa differenza A ME NO (e penso di essere in buona compagnia)
« Ultima modifica: 21 Luglio 2022, 18:53:32 da frengo »


Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2857
  • Applausi 300
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • l blog del Pietricello
    • E-mail
  • Nominativo: IU2DLC
Re:RADIO FM CHE TRASMETTONO AL NATURALE (come negli anni 70'-'80)
« Risposta #32 il: 21 Luglio 2022, 18:50:44 »
Ho semplicemente risposto al collega che paragonava l'ascolto del disco all'andare al concerto, non me lo son tirato fuori dal cilindro l'OT. 
In merito ai tuoi gusti penso abbiamo capito tutti in merito al dove ascoltarla anche, dicendo che ormai è raro se non impossibile.
In ogni caso se ed esistono sono piccole realtà che coprono aree ristrette...anche se ce ne fosse una a PA se vivi ad AO te ne faresti poco o nulla, ergo sul dove ascoltarla,se esiste, dire a fortuna :-)

Offline FabriBCL

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 159
  • Applausi 10
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:RADIO FM CHE TRASMETTONO AL NATURALE (come negli anni 70'-'80)
« Risposta #33 il: 21 Luglio 2022, 20:33:30 »
@Fabri: ammiro il tuo "romanticismo" che è l'opposto del mio pragmatismo (hi)
Sono l'ultimo romantico.   [emoji56]  [emoji4]


Offline frengo

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 23
  • Applausi 1
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:RADIO FM CHE TRASMETTONO AL NATURALE (come negli anni 70'-'80)
« Risposta #34 il: 25 Luglio 2022, 15:03:19 »
Forse in Grecia non usano molto questi sporcatori del suono perche' ho sentito ottima musica a Ciolo, una specie di caletta naturale in provincia di Lecce dove si sentono solo radio greche. E' come una conca dove si scende con le scale e al livello del suolo non arriva quasi nulla dall' Italia. Tutta la banda 88-108 radio greche e albanesi ed e' proprio una soddisfazione sentirle con una vecchia Grundig Satellit2000. Suono perfetto ! Ve lo consiglio (il posto) e metto qui le coordinate:
https://en.wikipedia.org/wiki/Ciolo_(Apulia)
Ci hanno girato anche il film "L' Anima Gemella" di Sergio Rubini

P.s.: Praticamente se provate a stare in dormiveglia sul materassino con la radio accesa e vi rimbambite un po' con il sole quando vi svegliate direte: "Ma ... dove sono ? A Korfu' ...?" [emoji41] [emoji41] [emoji41]
« Ultima modifica: 25 Luglio 2022, 15:11:32 da frengo »

Offline FabriBCL

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 159
  • Applausi 10
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:RADIO FM CHE TRASMETTONO AL NATURALE (come negli anni 70'-'80)
« Risposta #35 il: 28 Luglio 2022, 09:42:23 »
Qualcuno sa, con una buona antenna direttiva (quale?), fino a che distanza si possa sperare di fare ascolti FM?

Online AZ6108

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2609
  • Applausi 46
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:RADIO FM CHE TRASMETTONO AL NATURALE (come negli anni 70'-'80)
« Risposta #36 il: 28 Luglio 2022, 15:14:17 »
Qualcuno sa, con una buona antenna direttiva (quale?), fino a che distanza si possa sperare di fare ascolti FM?

Beh... un amico, usando un'antenna che ho progettato io e che stiamo sperimentando, antenna che offre un diagramma di radiazione cardioide con bassi angoli verticali, ha pescato a 136.694MHz un satellite (https://www.n2yo.com/satellite/?s=5485) in orbita equatoriale con l'antenna installata sulla costa del mare del nord... [emoji1], il tutto considerando che l'antenna è stata pensata per MW/HF e che le prestazioni in VHF non erano state testate (fino a quel momento) e che il satellite in questione trasmette con circa 90mW [emoji56]

per completezza, questo è il video della ricezione del satellite



mentre qui c'è una prova di ricezione in MW



sulla stessa frequenza ci sono sia Radio Romania che la BBC, entrambe circa equidistanti ed entrambe con trasmettitori da 200KW, senti cosa succede ruotando l'antenna verso una stazione o verso l'altra [emoji41]

se poi vuoi provarla anche tu, qui trovi le indicazioni base per la costruzione, il BalUn 9:1 è un NooElec v2 ed il preamp un LANA HF sempre di NooElec (ma si può usare o autocostruire altro); il diagramma cardioide ha il "null" sul lato che ospita la resistenza da pochi KHz fino a circa 100MHz, salendo ancora il lobo si sdoppia in due lobi laterali e, salendo ulteriormente, il lobo si inverte con la direzione di massima ricezione che punta nella direzione della resistenza, ma sempre con bassi angoli di lancio

Nota finale, l'antenna è attualmente ancora in test, ma la configurazione attuale offre già prestazioni più che decenti

« Ultima modifica: 28 Luglio 2022, 15:37:46 da AZ6108 »

Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2857
  • Applausi 300
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • l blog del Pietricello
    • E-mail
  • Nominativo: IU2DLC
Re:RADIO FM CHE TRASMETTONO AL NATURALE (come negli anni 70'-'80)
« Risposta #37 il: 28 Luglio 2022, 15:48:34 »
Bel progetto e belle sperimentazioni ma atteniamoci a provare a dirla restando su quanto chiede il collega. Le VHF via satellite non sono paragonabili alle FM Broadcast semplicemente perchè dall'antenna del sat alla tua c'è solo l'attenuazione dell'atmosfera ma nessun'altro oggetto fisico, cosa che invece ovviamente c'è nel caso di qualsiasi trasmissione terrestre.
Ma radiotecnica a parte, per come su detto, quelle, se ci sono, trasmissioni "al naturale" sono quasi sicuramente con copertura locale e quindi installate in antenna e potenza per coprire solo l'area designata, magari non son neanche in altura ma sul tetto del palazzo della città/comune (frequente per emittenti locali) ...ergo se disti più di un centinaio di km (e la do buona) non credo ci sia direttiva che tenga.
In ogni caso prima di attrezzarsi bisognerebbe trovare le stazione e capire da dove trasmettono a mio avviso.


Online AZ6108

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2609
  • Applausi 46
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:RADIO FM CHE TRASMETTONO AL NATURALE (come negli anni 70'-'80)
« Risposta #38 il: 28 Luglio 2022, 16:39:01 »
Bel progetto e belle sperimentazioni ma atteniamoci a provare a dirla restando su quanto chiede il collega. Le VHF via satellite non sono paragonabili alle FM Broadcast semplicemente perchè dall'antenna del sat alla tua c'è solo l'attenuazione dell'atmosfera ma nessun'altro oggetto fisico, cosa che invece ovviamente c'è nel caso di qualsiasi trasmissione terrestre.

Ok, vero, però molto dipende anche dalla posizione e dall'orografia locale

Citazione
Ma radiotecnica a parte, per come su detto, quelle, se ci sono, trasmissioni "al naturale" sono quasi sicuramente con copertura locale e quindi installate in antenna e potenza per coprire solo l'area designata, magari non son neanche in altura ma sul tetto del palazzo della città/comune (frequente per emittenti locali) ...ergo se disti più di un centinaio di km (e la do buona) non credo ci sia direttiva che tenga.

Direi, posizione permettendo, anche di più; per dire, io sono in zona 6 ed anni fa, quando ancora c'era la TV analogica, non era raro, orientando l'antenna, pescare trasmissioni provenienti dall'altra parte dell'Adriatico ed a distanze che potevano raggiungere i 300Km; tornando alle trasmissioni FM, è ovvio che se uno risiede in una vallata circondata da montagne, sarà difficile pescare qualcosa che non siano le emittenti (o meglio i ripetitori) locali (unica eccezione "Radio Maria" che sblattera sempre ed ovunque [emoji23])

Citazione
In ogni caso prima di attrezzarsi bisognerebbe trovare le stazione e capire da dove trasmettono a mio avviso.

Beh, quello non credo sia complicatissimo, basta avere una mappa azimutale centrata sul proprio QTH [emoji41]


Offline frengo

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 23
  • Applausi 1
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:RADIO FM CHE TRASMETTONO AL NATURALE (come negli anni 70'-'80)
« Risposta #39 il: 05 Agosto 2022, 16:38:24 »
Riporto solo (tanto per) una conferma di quello che dico, se ce ne fosse bisogno: purtroppo oggi un ascoltatore con l' orecchio buono e una radio buona non puo' piu' sentire la radio FM (almeno non tutte (ndr...) ahahhahaah):
(notare che alcune dichiarazioni sono proprio di Bob Orban dove dice, in breve, che purtroppo tutti esasperano il suono e il risultato e' una schifezza (la schifezza di oggi) (Peccato.... (aggiunge))
(tradotto da https://www.261.gr/proradio.html)

"Garbage IN ..... ALTRO .... Garbage OUT
Ricorda che l'elaborazione audio riuscita inizia dalla sorgente.
Se non riesci ad ascoltare la tua stazione tutto il giorno senza irritazioni, c'è del lavoro da fare.
Roberto Orban

L'elaborazione è un'ARTE sofisticata e intelligente .
Unità di elaborazione progettate solo per aumentare i dettagli e il calore della musica.
NON sono armi ad alto volume per UCCIDERE il suono della musica.


Il management ha bisogno di realizzare alcuni fatti della vita per ottenere un suono che sia il miglior compromesso tra ciò che vogliono e ciò che vogliono i loro ascoltatori. Il principale è NON DEVI ESSERE IL PIÙ FORTE COSA SUIL QUADRANTE PER OTTENERE IL PUBBLICO PIÙ GRANDE. Le persone non ascoltano una stazione perché è rumorosa; ascoltano perché gli piace il contenuto :-) Ricerca nelStati Uniti d'Americaha dimostrato che le stazioni che elaborano la merda vivente della loro programmazione hanno ore di ascolto molto basse. È interessante notare che molte di queste stazioni "arretrano" l'elaborazione durante i periodi di indagine per cercare di aumentare un po' le proprie ore.

Robin Simpkins tecnico del suono. BBC


Elaborazione dinamica diNOI l'audio della radio è come un Big Mac di McDonald's? Onnipresente, ma non necessariamente salutare.

Ty Ford


Non dimenticare che Robert Orban ha sviluppato Optimod in parte perché non era soddisfatto del modo in cui le emittenti stavano tentando di prevenire la sovramodulazione. Per quanto mi risultava, sperava che le emittenti avrebbero usato le sue tecniche intelligenti per controllare i picchi, e quindi aumentare il livello medio, _senza __usare un'elaborazione eccessiva.
Sfortunatamente, le emittenti hanno sfruttato la sua limitazione del picco per accoppiarsi con un'elaborazione aggressiva e ottenere così un volume maggiore. Peccato...

AJ Bautista

È chiaro a chiunque sia alfabetizzato nella produzione di audio pulito che sta diventando più difficile da trovare. Troppi degli attuali CD sono già rotti, frantumati e tagliati prima che arrivino a te . Ma poi entrano nella tipica catena di trasmissione audio in cui gli algoritmi di compressione sovrapposti sono il peggior nemico dell'audio digitale.

Jeff Schroeder


Ero giovane e ingenuo a quei tempi (circa 1974) e pensavo davvero che  Optimod -FM 8000A avrebbe riportato il suono "non elaborato" nella banda FMQuesto è stato vero per circa 6 mesi, fino all'inizio dei primi ingegneriMettere i DAP Dorrough davanti agli 8000 per ottenere più volume. Era unEsperienza di apprendimento: ho imparato che se dai alla gente un po' di artiglieria pesanteloro lo useranno nella massima misura possibile!

Bob Orban


Per musica si intende un suono complesso con crescendo, passaggi bassi e pause. Se alteriamo o distruggiamo quelle caratteristiche fondamentali, allora non ne parliamoMusica ma per onde sinusoidali. Basta sintonizzare un misuratore di deviazione del monitor dell'aria su una qualsiasi delle stazioni radio attuali senza ascoltare l'audio / la musica trasmessa, guarda solo l'ago del misuratore che è permanente al 100% - 75 kHz proprio comeUn'onda sinusoidale lo fa.

Stanno trasmettendo solo spazzatura NON musica Hi Fi.

A causa dell'elaborazione aggressiva di oggi, il suono della radio FM è più simile ad AM.Ferma quella stupida e inutile GUERRA del Loudness; lì nessuno sarà il vincitore.Solo quello che fai è buttare via i tuoi preziosi ascoltatori; non possono adattarsi alla distorsione che effettivamente trasmetti. 

Smetti di usare materiale musicale ipercompresso e gravemente ritagliato. Interrompere l'utilizzo di unità di pre-elaborazione a 3 o 4 bande prima dell'elaborazione in onda. Ferma le impostazioni estreme e aggressive. Smetti di usare le forbici composite.

Se la tua sorgente audio musicale è solo dal "dannato" Hyper-Processed &CD ritagliati, quindi la cosa migliore da fare è "sconfiggere" Phase Rotator dall'unità di elaborazione "tutti i box digitali di oggi possono farlo" e metterlo solo sul canale audio del microfono. Bob Orban sul manuale dell'8200 fornisce schemi e dettagli completi su.

Restituiscici il fascino e la qualità delle trasmissioni FM come Inventoredi modulazione di frequenza il maggiore Edwin Howard Armstrong sognava.

Proprio per la storia Edwin Howard Armstrong è il padre della radio FM e il nonno dei radar e un bisnonno delle comunicazioni spaziali. Il primo Dimostrazione della modulazione FM Tx & Rx Invenzione completata Impero Stato Costruzione NY nel 1935 in una situazione molto ostile a causa del dominio di AM Medium. Non ha mai raccolto la piena ricompensa del suo genio. Lui è nato il18 dicembre 1890 In New Yorke morì1 febbraio 1954, solo e in disgrazia.
Saluto

Fon 261fm"
« Ultima modifica: 05 Agosto 2022, 16:50:44 da frengo »


Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2857
  • Applausi 300
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • l blog del Pietricello
    • E-mail
  • Nominativo: IU2DLC
Re:RADIO FM CHE TRASMETTONO AL NATURALE (come negli anni 70'-'80)
« Risposta #40 il: 05 Agosto 2022, 17:01:49 »
Allora per ragionare ad alta voce approccio la cosa in modo opposto. Sono un purista e non userò mai loudness orban o diavolerie varie. Faccio una scaletta di tiè 10 brani anche dello stesso genere..non tutti hanno lo stessa dinamica o volume ...dall'altro lato il mio ascoltatore per almeno 3/4 volte su 10 dovrà ritoccare il volume d'ascolto.
Ooop il volume è basso si alza vero ma peccato che la banda fm commerciale è piena di spurie ed armoniche e quando alzi il volume non lo fai in modo selettivo ma ti porti dietro anche il qrm...però io trasmetto la musica pura..che importa alla fine se gli alti vengono tagliati dalle spurie di M2O che spara in distorsione musica elettronica...tanto Beethoven se non lo senti beh puoi sempre immaginarlo :-P

Offline frengo

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 23
  • Applausi 1
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:RADIO FM CHE TRASMETTONO AL NATURALE (come negli anni 70'-'80)
« Risposta #41 il: 05 Agosto 2022, 17:12:35 »


Ma ... io ... veramente ...  dicevo a chicchessia ....

Non ti dispiacere ma ... non ti sentire coinvolto, per favore ....
« Ultima modifica: 05 Agosto 2022, 17:15:05 da frengo »


Offline Pieschy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2857
  • Applausi 300
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • l blog del Pietricello
    • E-mail
  • Nominativo: IU2DLC
Re:RADIO FM CHE TRASMETTONO AL NATURALE (come negli anni 70'-'80)
« Risposta #42 il: 05 Agosto 2022, 17:15:42 »
Ma và riflettevo ad alta voce...o meglio non so tener ferme le manine quando ho la tastiera davanti...neanche io mi riferivo a nessuno ...filosofeggiavo sul topic :-)

Offline FabriBCL

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 159
  • Applausi 10
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:RADIO FM CHE TRASMETTONO AL NATURALE (come negli anni 70'-'80)
« Risposta #43 il: 05 Agosto 2022, 23:14:30 »
Se in quasi tutte le questioni il buonsenso sta nel mezzo, in questo caso i fonici e i produttori hanno tirato tanto la corda che spesso il buonsenso/buongusto sta molto prima della metà .
Il fatto che la musica debba respirare e che i suoni debbano avere dinamiche naturali, o somigliarci, è un concetto uscito di moda. Credo che viaggi insieme alla sensibilità degli ascoltatori: tutto quel che va sui media, oggi, è fatto per arrivare in faccia e dare tutto al primo giro.
La stessa filosofia in mano a chi distribuisce (es. Radio) si somma e buonanotte.

Online 1KT01

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 339
  • Applausi 8
    • Mostra profilo
  • Nominativo: 1KT001
Re:RADIO FM CHE TRASMETTONO AL NATURALE (come negli anni 70'-'80)
« Risposta #44 il: 06 Agosto 2022, 06:31:30 »
"tutto quel che va sui media, oggi, è fatto per arrivare in faccia e dare tutto al primo giro."

Il finanziamento pubblico (soldi presi con le tasse) alla (sedicente) "editoria libera" è la ciotola del padrone, che non è il pagatore delle tasse ovviamente.

L'ultimo regalino è di ben 280 Mln.

Cosa ci si può aspettare da chi sopravvive solo con queste entrate...


Aggiungo che le bollette energetiche sono la falce della morte per le antenne "libere".

Aggiungo che nel 1976 con 20 Watt coprivi 20 Km. dalle alture .

Aggiungo che con pochi pannelli solari e -TUTTI- i trasmettitori ridotti a max. qualche decina di Watt si ottiene la stessa copertura con costi irrisori e nessun ricatto subito da chichessia.

Aggiungo che l'italico popolo non è in grado di resistere intelligentemente alla ciotola e ne subisce il fascino purchè sia un po' più piena di quella del concorrente.