Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - CB_forever

Pagine: [1] 2
1
modi digitali / Re:Piccola infarinatura su DMR e codeplug
« il: 26 Novembre 2021, 20:54:44 »
Ho appena realizzato un post in merito al titolo...
il link, https://www.epki.it/dmr_basic/

Complimenti Pietro, un articolo chiaro ed interessante  [emoji106]

Ora curioso un po' sul Il Blog del Pietricello  [emoji39]

Buon fine settimana.

2
discussione libera / Una bella iniziativa
« il: 26 Novembre 2021, 13:14:23 »

Applicando il progetto "LA RADIO NELLE SCUOLE 4.0":

https://archivio.pubblica.istruzione.it/innovazione/progetti/radio.shtml

sabato 13 e sabato 20 novembre il Team Nucleo del Progetto ha organizzato un collegamento satellitare da Venezia in Namibia, con il supporto logistico della sezione ARI di Venezia.

Il collegamento è stato di tipo satellitare tramite il QO100 (Qatar OSCAR-100). Tra i partecipanti ospiti c'era Micol Ivancic IU2LXR che ha parlato di satelliti radioamatoriali ed ha condotto il collegamento con la stazione in Namibia su temi di analisi ambientale e futuro del nostro Pianeta.

Apprezzo molto queste iniziative per molti motivi: si sensibilizzano i giovani ad intraprendere questo meraviglioso hobby, si trasmette loro la possibilità di usare la radio per reciprocamente trasferire contenuti ed opinioni di interesse planetario stimolando l'umana fratellanza tra i popoli, indipendentemente dai propri credo religiosi e politici.

Buon fine settimana a tutti.

P.S: per i nuovi SWL, il Qatar OSCAR-100 si può ascoltare anche in WebSDR da QUI  (ricordarsi di cliccare il bottone "Click to start sound|")



3
riparazione radio CB / Re:Alinco dx 10 o dr135 dx
« il: 24 Novembre 2021, 20:43:29 »
Ho trovato l'archivio ZIP dell'Alinco dx-10 con schematici, board ecc.
Ricordavo infatti di averlo conservato in quanto è quasi introvabile in rete.
Spero vi possa servire: si tratta di un buon apparato.
Buona serata.

4
riparazione radio CB / Re:Alinco dx 10 o dr135 dx
« il: 24 Novembre 2021, 14:57:22 »
Questo e' un Alinco V e UHF. Nel topic si parla di quello per i 10-11 metri

Opss ... mi era sfuggita l'estensione "DX" del modello. Stasera cerco in archivio.

P.S: è comunque curioso che Alinco abbia attribuito lo stesso nome di modello tra un CB e un VHF con il solo distinguo del "DX"

5
riparazione radio CB / Re:Alinco dx 10 o dr135 dx
« il: 24 Novembre 2021, 12:02:21 »
Buona sera a tutti,qualcuno conosce il trimmer per la regolazione dello smeter dell’Alinco dx 10?


Inviato dal mio iPhone utilizzando RogerKApp

Ciao Mauro, spero di farti cosa gradita nell'allegarti il PDF del Service Manual, completo di schemi del DR135.

A pagina 12, al punto 4, è riportato:

4. S(Signal) Meter Circuit: "La tensione continua del pin 16 del circuito integrato IC106 è applicata al pin 1 della CPU (IC1), convertito da segnale analogico a segnale digitale e visualizzato come segnale S-meter sul display (LCD).

Con quanto riportato al punto sopra e con lo schema sott'occhio non ti dovrebbe esser difficile identificare quanto ti interessa.

Buona giornata.

6
discussione libera / Re:Segnalazione ponte pirata 436.500 MHz
« il: 24 Novembre 2021, 10:47:50 »
Il qualunquismo porta sempre grandi consensi e tu sei stato particolarmente abile nell'esporlo.

Ti rendi conto che scrivendo questo hai dato dei qualunquisti a quanti sul forum hanno approvato con un applauso le considerazioni di Pieschy, mie e qualche altro amico?

E' vero che la cosa non mi tange minimamente, ma se non si è in grado di sostenere un confronto scivolando in accuse generiche di argomenti frivoli, banali ecc. allora, è meglio il qualunquismo di ... NIENTE!

Comprendo che colui che ha la "Verità in tasca", sia l'unico depositario di cos'è corretto e scorretto, buono e cattivo, legale ed illegale e, chi non la pensa come lui, automaticamente è indegno di attenzione (indignum relatu dicevano degli schiavi).

Infine, siccome certa gente con la "Verità in tasca" ha la tipica caratteristica di voler a tutti i costi "l'ultima battuta", gliela lascio volentieri e non replico più, non per mancanza di argomenti, ma perché è insostenibile un confronto con chi, non sapendo confrontarsi offre solo commenti di cattivo gusto come l'ultimo qui sopra.

Un qualunquistico saluto  [emoji39]

7
... mi sembra di capire che oggi in Europa con quel ricevitore non si riceve nessun canale satellitare, e che Sirius/XM coprono solo il continente americano. Grazie mille del chiarimento, buona serata.

Claudio

Esattamente Claudio: se vai negli US e noleggi un'auto con Hertz, a bordo troverai la possibilità di ascoltare Sirius/XM:

https://investor.siriusxm.com/investor-overview/press-releases/press-release-details/2003/HERTZ-TO-OFFER-SIRIUS-SATELLITE-RADIO-IN-MORE-LOCATIONS-NATIONWIDE-/default.aspx

Una buona serata anche a te.

8
Ciao Claudio,
come giustamente hai detto, Worldspace è una defunta rete radio satellitare che nel suo periodo di massimo splendore forniva servizi a oltre 170.000 abbonati nell'Africa orientale , meridionale e settentrionale , nel Medio Oriente e in gran parte dell'Asia con il 96% proveniente dall'India . Questo sistema satellitare mirava principalmente a fornire servizi educativi alle aree rurali dei paesi in via di sviluppo.

Lo  HITACHI KH-WS1 WorldSpace oltre a coprire queste quattro bande:
FM: 87-108
MW: 522-1620 kHz (step 9 kHz) / 520-1620 kHz (step 10 kHz)
SW1: 2.300-7.300 MHz
SW2: 9.500-26.100 MHz

copriva anche la banda SAT: costellazione Afrisat (canali tematici)

Ma la copertura funzionava bene anche in Europa; per questa ragione acquistai questo ricevitore alla BBC Bush House di Londra, nel giugno 2001, pensando che la radio satellitare in chiaro fosse l'onda del futuro. Il satellite Afristar si riceveva molto bene in Hyde Park a Marble Arch nel centro di Londra, dove allora esercitavo.

Worldspace divenne insolvente nel 2009/2010 dopo una serie prolungata di crisi finanziarie e chiuse i battenti.

Così la banda SAT del HITACHI KH-WS1 WorldSpace divenne muta e non vi trovai emittenti alternative. Vedo che molti altri hanno cercato alternative senza successo, come puoi vedere ad esempio a questo video:


(se vai direttamente su YouTube, nelle impostazioni puoi attivare la traduzione automatica in italiano).

Una buona serata.

9
discussione libera / Re:Segnalazione ponte pirata 436.500 MHz
« il: 23 Novembre 2021, 18:10:52 »
E speriamo che dopo il digestivo si alzino tutti e se ne vadano :D

Stavo osservando divertito che ad ogni commento simile, cresco di un applauso. Chissà chi dovrebbe alzarsi e andarsene!  [emoji23]

10
discussione libera / Re:Segnalazione ponte pirata 436.500 MHz
« il: 23 Novembre 2021, 07:47:51 »
Ringrazio le due persone che mi hanno attribuito un applauso (non meritato  [emoji39] )

11
discussione libera / Re:Segnalazione ponte pirata 436.500 MHz
« il: 22 Novembre 2021, 21:15:36 »
... a proposito del pirotecnico finale che hai citato, personalmente credo che sarà figlio di due elementi devastanti degli ultimi anni: la quasi totale assenza di controlli nel tessuto sociale e il “buonismo imperante”.

che è un po' come dare la colpa agli alieni o al 5G, ottimo: ecco il finale pirotecnico.

Solo per dovere di precisazione, intendevo questo:

La quasi totale assenza di controlli nel tessuto sociale: non è riferita al solo controllo delle osservanze radioamatoriali, ma in ogni settore della società. Quotidianamente, nelle cronache cittadine delle varie testate nazionali sono riportati, ad esempio, atti di vandalismo ed inosservanza alle più elementari regole di comportamento civico. L'assenza di conseguenti e reali provvedimenti disciplinari ha come risultato, un diffuso senso di impunità.
Conseguentemente, non stupisce quindi che si installino ponti radio illegali.

Il buonismo imperante: questo è ancor più facile da dimostrare con dati oggettivi. Se prendete da un archivio di media degli anni 90 (non ha importanza se quotidiani, mensili o telegiornali), leggerete notizie del tipo:
- 3 alpinisti incauti ignorano le previsioni meteo e perdono la vita
- guidatore sconsiderato viaggia a folle velocità e travolge 4 persone

Ora per casi analoghi, gli attuali media riportano:

- montagna assassina: 3 alpinisti perdono la vita.
- strada assassina: nuovo grave incidente ...


Capisci caro KZ? senso dell'impunità ed attribuzione delle proprie responsabilità sempre a qualcun o qualcos'altro sono il vero botto finale!

E poi ci stupiamo per la liceità di un ponte abusivo [emoji39]

Con queste precisazioni concludo e lascio volentieri l'ultima parola a chi vorrà.

12
discussione libera / Re:Segnalazione ponte pirata 436.500 MHz
« il: 22 Novembre 2021, 16:41:59 »
Altra legge non scritta ma a quanto vedo citata è "se tutti rubano che so il più fresso io ?"...
Mi sovvengono  alcuni discorsi di un ex presidente del Consiglio poi fuggito in un ameno paese arabo...


inviato M2004J19C using rogerKapp mobile

 Anche quella legge non scritta e l’esempio politico che hai citato è, a mio modesto parere dovuto alla quasi totale assenza di controlli nel tessuto sociale e il “buonismo imperante”, come scritto nel mio precedente post.

13
discussione libera / Re:Segnalazione ponte pirata 436.500 MHz
« il: 22 Novembre 2021, 16:33:57 »
potremmo rimettere in vigore il codice di Hammurrabi,  ma quale risultato avremmo?
la legge deve essere dinamica e seguire gli sviluppi della società, dei costumi e degli individui; altrimenti diventa una gabbia.
(e come in tutte le imbriaghere andiamo a grandi passi verso un pirotecnico finale)

Quando dici che la legge debba essere dinamica e seguire gli sviluppi della società, dei costumi e degli individui mi trovo perfettamente d’accordo con te.

Ma, se permetti, ce ne passa tra “adattarsi dinamicamente con i tempi” e il dire tutto ed il contrario di tutto come nel succitato esempietto CB.

Comunque rispetto sempre le posizioni altrui in un civile confronto; a proposito del pirotecnico finale che hai citato, personalmente credo che sarà figlio di due elementi devastanti degli ultimi anni: la quasi totale assenza di controlli nel tessuto sociale e il “buonismo imperante”.

Ops,sono finito troppo OT.  [emoji4]

14
discussione libera / Re:Segnalazione ponte pirata 436.500 MHz
« il: 22 Novembre 2021, 15:44:25 »
Quindi per preservare la sacralità della legge avremmo dovuto mantenere l'uso del CB illegale, il delitto d'onore e l'esame con la telegrafia?
Sembra che siamo al secondo stadio del "discorso da osteria": quando inizia a fare effetto il vino.

Direi piuttosto che è "da osteria" dire: questo è illegale, anzi no è legale se paghi, no, è legale anche se non paghi. E' però anche vero che non c'è peggior cieco di chi non vuol vedere queste palesi contraddizioni e masochisticamente le accetta.

15
discussione libera / Re:Segnalazione ponte pirata 436.500 MHz
« il: 22 Novembre 2021, 15:30:47 »
... quindi alla fine della fiera possiamo condensare alcuni saggi consigli con un: "fatevi i fatti vostri e campate cent'anni".

Oppure possiamo condensare col detto napoletano: "Opesce fète d’ ‘a capa", che letteralmente significa "il pesce puzza dalla tesa". ossia il cattivo esempio viene dall'alto.

... frase scritta senza dubbio nella costituzione italiana...

Beh, per la precisione l'articolo 54 recita tra l'altro: "I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge."

Nel momento in cui "non si adempie con disciplina" che, nello specifico del thread significa intervenire, interdire ed sanzionare gli autori del ponte radio, ecco che si genera il primo livello di "zona grigia" citato da Pieschy.

Esiste poi un secondo livello di "zona grigia" non meno preoccupante del primo. Vogliamo spiegarla rimanendo nell'ambito della Costituzione vista che è stata tirata in ballo?

Bene, allora si parla di "Ragionevolezza delle leggi", un corollario del principio di uguaglianza, elaborato dalla Corte Costituzionale, prendendo spunto da un analogo principio individuato dalla giurisprudenza anglosassone. Si ha dunque violazione della ("Ragionevolezza delle leggi"), quando si riscontri una contraddizione all'interno di una disposizione legislativa, oppure tra essa ed il pubblico interesse perseguito.
Il principio in esame costituisce dunque un limite al potere discrezionale del legislatore, che ne impedisce un esercizio arbitrario.

Nel caso si accerti l'irragionevolezza della legge, essa sarà affetta dal vizio dell'eccesso di potere legislativo, e, in quanto tale, potrà essere ritenuta costituzionalmente illegittima dalla Corte costituzionale.

Facciamo un esempio "radio" in merito ad una contraddizione all'interno di una disposizione legislativa sull'irragionevolezza della legge?:

 - se detieni un apparato CB sei fuorilegge (situazione negli anni '70)
 - se detieni un apparato CB e se paghi una quota annua non sei più fuorilegge (articoli 105 e 145 del Codice delle Comunicazioni, decreto legislativo 259 del 01/08/2003)
 - se detieni un apparato CB e NON paghi una quota annua non sei più fuorilegge (16 luglio 2020 - Decreto semplificazioni)

Et voilà! il secondo livello di "zona grigia" è servito  [emoji39]




16
discussione libera / Re:Segnalazione ponte pirata 436.500 MHz
« il: 21 Novembre 2021, 23:31:07 »
Ascolto regolarmente i ponti della mia zona sia in 2m che soprattutto in 70cm, i discorsi sono in massima parte non tecnici ma i ponti sono regolari ed i radioamatori ripetono regolarmente i loro nominativi. Ergo che farsi un ponte non autorizzato e comportarsi come pirati non c' entri assolutamente nulla con la possibilità di fare QSO parlando del rigurgito del pupo o della misura del reggiseno di T-Pol...

inviato M2004J19C using rogerKapp mobile

Premesso che rispetto tutti i punti di vista e diffido degli "Uomini tutto d'un pezzo e dalle assolute certezze" mi ritrovo a condividere con Pieschy che i fattori "umanità" e "contenuti" siano fondamentali per la sopravvivenza di questo splendido hobby.

Dopotutto per alcuni di noi è difficile comprendere perché ci si dovrebbe scandalizzare o indignare nell'ascoltare QSO dove stanno:

... parlando del rigurgito del pupo o della misura del reggiseno di T-Pol...

mentre si dovrebbero accettare "cose tecniche" come le infinite prove microfono con fischi e gorgheggi vari di ola, discussioni di un'ora se la manopola dello squelch starebbe meglio nera o argento oppure una chilometrica discussione sullo 0,1 dB persi quando la moglie stende i panni umidi (vera! ascoltata in 70cm).



17
discussione libera / Re:Alfabeto fonetico...
« il: 21 Novembre 2021, 23:03:09 »
Forse sono anziano, forse sono troppo pignolo, forse... In questi giorni faccio abbastanza ascolto. 40m specialmente, l altra sera molto tardi anche 160m. Ho sentito di tutto, qualche volta mi scappa pure un sorriso, piu spesso rimango basito. In settimane avessi sentito uno che dico uno (la mia antenna non è molto efficente, per quello per ora faccio solo ascolto, quindi il mio orizzonte non è molto ampio) che abbia pronunciato correttamente il nominativo. Alfa bravo Charlie delta Echo roba sconosciuta ai più oppure è un vezzo per sembrare più simpatici o snob ? Boh...
Per ora ascolto California o coma (si proprio coma) per C oppure oggi Xilofono !, l' altro giorno yogurt  (!!) America e l' immancabile Italia oppure Universo... Oltre a tutto l' atlante geografico d' Italia tipo Alessandria o Ancona Bologna o Brescia Como o Crotone etc. etc.
E io che ragazzino parlando al CB lo recitavo come un mantra. Altri tempi, altro secolo...

inviato M2004J19C using rogerKapp mobile

Forse sono i corsi e ricorsi della storia: tra il 1972 ed il 1974 quando il sottoscritto e l'amico Michele (I1TEX) facevamo esperienze con i satelliti Oscar 6 ed Oscar 7, ricordo che normalmente la dicitura era Italia Uno Toronto Europa Xilofono, ma allora si badava più ai "contenuti" che alla "forma".
A proposito di "forma": si scrive "efficiente" e non "efficente", ma sono sicuro che è stato un refuso di digitazione  [emoji4]

18
antenne per CB / Re:10 -11 (CB)-12 e 15 metri: quando lo spazio manca
« il: 18 Novembre 2021, 21:41:25 »
... si potrebbe fare anche una versione come quella del secondo articolo che hai allegato (non è la stessa idea tranne che per l'uso della ferrite) che però ripresenta la "rogna" del variabile da sintonizzare.

Vero, la seconda soluzione (che non ho mai provato) ha il variabile da sintonizzare che è una scocciatura. Va però detto che, trattandosi di potenze QRP il variabile non deve essere di quelli costosi (es: alta tensione sotto vuoto). Per contro, se il gruppo LC ha un fattore di merito (Q) elevato la banda è stretta e conseguentemente il rumore decresce permettendo la ricezione di segnali altrimenti immersi nel QRM.

Insomma, non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca  [emoji39]

Comunque una sana sperimentazione, possibilmente non troppo costosa, può dare le sue soddisfazioni- Siam tutti capaci di andare ad oltre 200Km/h con una Ferrari (leggasi mega antenne per HF), ma vuoi mettere la soddisfazione di toccare i 90Km/h con un cinquantino elaborato? (leggasi antenna in ferrite).

Buone sperimentazioni.

19
antenne per CB / Re:10 -11 (CB)-12 e 15 metri: quando lo spazio manca
« il: 18 Novembre 2021, 13:30:35 »

20
antenne per CB / Re:10 -11 (CB)-12 e 15 metri: quando lo spazio manca
« il: 18 Novembre 2021, 11:29:06 »
Una cosa però non mi torna, o meglio non è spiegata bene nell'articolo di I2GSI.
Nel testo dice di usare 12 ferriti da 10 cm di lunghezza, che fanno 120 cm.
Il tubo da Ø4 cm su cui si avvolgono i semidipoli a spirale è lungo 60 cm, quindi il nucleo in ferrite sporge 30 cm per lato.
La cosa non è mai menzionata ma mi pare ovvia, non può essere altrimenti.
Quindi se la dovessi fare, tengo buone 6 ferriti per avere un antenna da 60 cm totali oppure 12 per una da 120 cm?

No, no l’antenna è 60 cm!
Ricordo che, dopo un weekend di prove col nastro elettrico (così potevo montare e smontare) ho incollato le feriti due a due parallelamente ottenendo così 6 blocchi da 10 cm; poi ho incollato i 6 blocchi in modo che ognuno fosse disposto a 90 gradi rispetto a quello successivo.

Infine, quando le prove sono state soddisfacenti, ho messo il tubo di plastica in verticale, ho inserito i 6 blocchi di ferrite facendo attenzione affinché fossero il più equidistanti possibile dalle pareti del tubo ed ho versato una generosa colata di silicone trasparente, lasciando il tutto ad asciugare per 48 ore prima del montaggio.

Sono trascorsi diversi anni e il tutto continua a fare il suo lavoro  [emoji4]

21
antenne per CB / Re:10 -11 (CB)-12 e 15 metri: quando lo spazio manca
« il: 17 Novembre 2021, 21:35:01 »

Scusate la ripetizione ma, se si legge TUTTO, si nota che il titolo del thread riporta: "... quando lo spazio manca" e non "antenna magica".
Poi, viene anche scritto:

Partendo dagli ovvi presupposti che l'altezza, la distanza dalle fonti di rumore e l'apertura della visuale pesano moltissimo nei risultati di qualsiasi antenna e che non esiste un'antenna "magica" debbo dire che questa piccola antenna si comporta bene anche per QSO locali; certo non la si può paragonare ad una 5/8 o altre di dimensioni ben maggiori.


Infine, l'articolo che ho citato di I2GSI mostra anche la sua realizzazione pratica di questa antenna. Realizzazione che ho anche replicato io con buoni risultati. E poi c'è l'antenna in ferrite che ho allegato in PDF ad opera di G2BZQ dove, nuovamente, sono riportati dettagli costruttivi e risultati sul campo.

Onestamente non saprei che aggiungere: spero che ora qualcuno non chieda se una Cubical Quad a 4 elementi per le HF è più performante  [emoji39]

22
antenne per CB / Re:10 -11 (CB)-12 e 15 metri: quando lo spazio manca
« il: 17 Novembre 2021, 20:24:21 »
Esattamente, questo commento dovrebbe farvi riflettere MOLTO, specialmente in considerazione della potenza applicabile praticamente quasi da QRP  [emoji23]

Di esatto c'è che alcuni, prima ancor di riflettere, dovrebbero leggere con MOLTA attenzione l'intero thread e non il singolo post. Altrimenti si sarebbe anche letta la risposta:

Considerazione vera per un pezzo di filo di 60 centimetri,

Considerazione falsa per l'antenna in questione, dove 60 centimetri è la lunghezza fisica e non quella effettiva.

Infatti, l'effettiva lunghezza elettrica di un'antenna può essere cambiata, senza modificare la sua lunghezza fisica, aggiungendo reattanza, (induttanza o capacità) in serie. Questo è chiamato lumped-impedance matching or loading.

Nello specifico, rimanendo nel caso da te citato di una lunghezza d'onda di 15 metri, l'altissima permeabilità della ferrite introdotta nell'avvolgimento, comporta un forte aumento del valore dell'induttanza consentendo di ridurre questa antenna a scapito di alcune prestazioni: è una forma di accorciamento elettrico.
[emoji23]

Infine, per chi legge, segnalo il PDF in allegato dove è presentata un'antenna simile in ferrite per gli 80 e 160 metri con risultati lusinghieri.

________________________________________________

Prima di digitare sulla tastiera accertarsi di aver acceso il cervello

23
antenne per CB / Re:10 -11 (CB)-12 e 15 metri: quando lo spazio manca
« il: 10 Novembre 2021, 17:36:36 »
Già, è anche divertente di solito, il problema è trovare le ferriti giuste.
Quelle delle radioline am non penso siano adatte, o meglio potrebbero esserlo come anche no, non è detto che possano lavorare ad una frequenza così diversa da quella prevista.
Quelle che si trovano in commercio raramente vanno oltre l'indicazione del materiale in cui sono realizzate che dice tutto e niente come sopra, ed in più non le regalano.
Quando ho tempo provo con quelle che ho sottomano e vediamo cosa ne viene fuori, in caso documento il tutto.

Ottimo  [emoji106]
L'antenna che ho postato all'inizio del thread fa uso di bacchette di ferrite lunghe 10cm e diametro 1cm, facilmente reperibili.

Ti allego QUESTA utile tabella, dove si vede che certi tipi lavorano agevolmente nel range 0.5 - 30MHz (alcune arrivano a 250MHz!).

Buone sperimentazioni.

24
LPD - PMR - SRD / Re:Radio con canale privato
« il: 10 Novembre 2021, 10:10:53 »
... e se non mi sbaglio dovrebbero subire meno interferenze atmosferiche ...

La fitta nebbia della Pianura Padana (scattering ottico[emoji39]

25
antenne per CB / Re:10 -11 (CB)-12 e 15 metri: quando lo spazio manca
« il: 10 Novembre 2021, 09:18:27 »
,,, non vorrei che tutto lo sbattimento di procurarmi le ferriti per assemblare una cosa a banda stretta si può evitare mettendo in terrazzo un tavolino in metallo con su uno stilo caricato veicolare per avere un risultato simile o migliore..

Comprendo i dubbi: come sempre la scelta finale dipende da molte situazioni al contorno: location, potenza applicata, guadagno, fonti di rumore circostanti, direzionalità e banda passante desiderata, dimensioni accettabili (anche dai vicini in caso di condominio  [emoji4] ) ecc.

Per ciascuna delle succitate situazioni, la parola finale aspetta alla sperimentazione ... come sempre.

26
antenne per CB / Re:10 -11 (CB)-12 e 15 metri: quando lo spazio manca
« il: 09 Novembre 2021, 22:43:04 »
sessanta centimetri rapportati ai 15 metri della lunghezza d'onda

Considerazione vera per un pezzo di filo di 60 centimetri,

Considerazione falsa per l'antenna in questione, dove 60 centimetri è la lunghezza fisica e non quella effettiva.

Infatti, l'effettiva lunghezza elettrica di un'antenna può essere cambiata, senza modificare la sua lunghezza fisica, aggiungendo reattanza, (induttanza o capacità) in serie. Questo è chiamato lumped-impedance matching or loading.

Nello specifico, rimanendo nel caso da te citato di una lunghezza d'onda di 15 metri, l'altissima permeabilità della ferrite introdotta nell'avvolgimento, comporta un forte aumento del valore dell'induttanza consentendo di ridurre questa antenna a scapito di alcune prestazioni: è una forma di accorciamento elettrico.

27
antenne per CB / Re:10 -11 (CB)-12 e 15 metri: quando lo spazio manca
« il: 09 Novembre 2021, 21:11:31 »
Ok, ma per traffico locale senza propagazione come va?

Partendo dagli ovvi presupposti che l'altezza, la distanza dalle fonti di rumore e l'apertura della visuale pesano moltissimo nei risultati di qualsiasi antenna e che non esiste un'antenna "magica" debbo dire che questa piccola antenna si comporta bene anche per QSO locali; certo non la si può paragonare ad una 5/8 o altre di dimensioni ben maggiori.

Diciamo che ha caratteristiche similari ad una magnetic loop nel senso che, quando è fisicamente ben realizzata, e quindi hai un LC equivalente con un alto Q (fattore di merito), i risultati possono stupire (banda stretta significa tagliar fuori il rumore e captare segnali deboli).

Il rovescio della medaglia è che, avendo un alto Q la banda passante è stretta e questo ti obbliga a risintonizzarla se operi in un ampio intervallo di frequenza (queste considerazioni valgono anche per la magnetic loop).

Insomma, per postazione fissa, l'ideale sarebbe un piccolo rotore ed un controllo da remoto per la sintonia ottimale.

In definitiva è l'ideale per postazione mobile: leggera, 60 centimetri li carichi in auto senza montare o smontare nulla; la monti su un tubo di plastica, la sintonizzi e vai. Ad ogni modo, montata su una ringhiera del terrazzino non da nell'occhio, è leggera e quando è sintonizzata bene da dei punti ad una boomerang  [emoji4]

La loop magnetica presenta su questa antenna il vantaggio di sopportare potenze maggiori in quanto non ha un nucleo in ferrite che satura e scalda; tuttavia a potenze maggiori considero la loop pericolosa all'esposizione del corpo umano (SAR) e poi a me piace il QRP.

28
antenne per CB / Re:10 -11 (CB)-12 e 15 metri: quando lo spazio manca
« il: 09 Novembre 2021, 16:29:24 »
ben vengano nuovi progetti [emoji106] [emoji106] ma non si illudano troppo le persone, leggendo l'articolo si parla di 20 anni fa quando la propagazione era ben diversa [emoji23] [emoji23] cmq tentar non nuoce...

Giusta osservazione, tuttavia con questa antenna e con l'aiuto della propagazione dello scorso ottobre a 27.385 LSB e dintorni (12 watt PEP) le Canarie ed il Nord Africa erano quasi quotidiane!  [emoji12]

29
antenne per CB / 10 -11 (CB)-12 e 15 metri: quando lo spazio manca
« il: 09 Novembre 2021, 12:30:16 »
Spesso si leggono post in cui si vorrebbe attivare una stazione CB o sperimentare la parte alta delle HF radioamatoriali, ma lo spazio per l'antenna manca.

Mettendo ordine tra le riviste ho trovato QUESTO interessante articolo in italiano di I2GSI per un'antenna per i 15 metri lunga solo 60 centimetri con nucleo in ferrite. Ovviamente essa è tarabile per le bande limitrofe dei 10, 11 e 12 metri.

I2GSI con quest'antenna e soli 12 watt (quindi pensate ad esempio ad un baracchino legale con 12 watt in SSB) ha collegato, con la complicità della propagazione, molti Paesi europei ed extra-europei.

Per sua costituzione questa antenna è direzionale, e questo può anche essere un vantaggio; l'unico limite è la potenza applicabile, perché se si esagera emergono problemi di saturazione del nucleo con conseguente riscaldamento ecc.

Buone sperimentazioni!


30
discussione libera / Re:Chiusura trasmissioni e poi...
« il: 08 Novembre 2021, 20:40:05 »
Caro Nico,

talvolta la vita ci mette a dura prova con le sue sfide, i suoi rimpianti, i suoi dolori, ma sempre, e sottolineo sempre, ci da l’opportunità di rialzarci e di ricominciare.

Il fatto che hai avuto la forza (e il coraggio) di aprirti e scrivere qui quanto hai passato significa che hai quasi superato la salita di fronte a te; prima di quanto tu credi sarai giunto fino in cima, e da li la vista sarà meravigliosa. Vai, abbi coraggio e goditi il panorama, sappiamo che puoi farcela: in questo forum troverai sempre una parola amica.

Metti  a punto la tua stazione e vedrai che domani sarà un giorno migliore perché dopo ogni tempesta viene sempre il sereno perché quando un sogno si infrange rompendosi in mille pezzi, non avere paura di prendere uno di quei pezzi e ricominciare da capo.

Ti aspettiamo on air!

31
discussione libera / Re:Quarzi di sintesi a 27 mhz
« il: 06 Novembre 2021, 19:06:29 »
Ciao Microonda, ora mi è chiaro il motivo ed è ammirevole la tua passione per l'autocostruzione.

Allora, mi permetto un suggerimento, (ma è solo un suggerimento  [emoji4] ): se hai deciso per 81MHz, non di più altrimenti saresti inondato dalle emissioni spurie (splatter) delle potenti emissioni FM 87-108 MHz, potresti fare QUESTO collaudatissimo ed affidabile schema.

Esso è alimentato a 9 volt, e di base la potenza è 1 watt, ma può anche arrivare a 2,5 watt cambiando i transistor come spiega l'articolo. Se vai in collina, questo circuito ti stupirà anche con l'antenna a stilo.

Non usa il quarzo ma è stabile e, soprattutto potrai muoverti in frequenza su è giù semplicemente girando il potenziometro di sintonia che cambia la frequenza comandando la tensione sui diodi varicap.

Il circuito nasce come trasmettitore a lungo raggio nella banda FM tra 88 e 108 MHz, ma, come ben sai, aggiungi una spira e scendi nell'intorno degli 81 MHz.

Buona domenica!


32
discussione libera / Re:Quarzi di sintesi a 27 mhz
« il: 06 Novembre 2021, 08:57:58 »
Ciao Microonda, se hai osservato che può oscillare anche a 45MHz allora significa che fisicamente il quarzo è tagliato in fondamentale a 9 Mhz e poi ti funzione overtone anche in terza e quinta armonica, ossia a 27 Mhz e 45 Mhz. Questo è abbastanza comune per quei tipi di quarzo.

Ovviamente la quinta armonica è più bassa della terza e questo giustifica il perché a 45 MHz hai meno potenza. A 81 MHz sei addirittura in nona armonica, con tutto quello che ne consegue per quanto detto sopra.

Per quanto riguarda il fatto che a 81 MHz devi togliere il condensatore da 27 pf in parallelo alla bobina da 27 MHz e devi svitare il nucleo è normale, perché C e L vanno ridotti di valore.

Se poi tenti un LC che però è lontano dal risuonare a 81 MHz allora è normale che non oscilli. A questo proposito ti  consiglio di usare QUESTO semplice calcolatore: se ad esempio selezioni il pulsante "L incognita" e poi metti 81 MHz, e C=3.9 pF otterrai L = 1 uH circa.

Mi sfugge però il perché ti servono 81 MHz per il CB, mi spiegherai  [emoji39]

33
discussione libera / Re:Quarzi di sintesi a 27 mhz
« il: 05 Novembre 2021, 22:52:33 »
Buonasera Microonda, il tutto si riconduce a capire se quei quarzi lavorano in fondamentale o in overtone in terza o quinta armonica.

Se possiedi l'integrato SN74LS04 (ancora molto diffuso e molto economico) potresti fare QUESTO semplicissimo prova quarzi di Nuova Elettronica. Ti servirà in molte occasioni per capire a che frequenza lavora il quarzo e funziona da 0,1 a 150 MHz e l'articolo spiega bene come usarlo.

Come alternativa, potresti tentare di farli oscillare direttamente con un LC risuonante in terza armonica a 81MHz (in rete trovi molti calcolatori che introducendo i valori di L e C ti danno la frequenza voluta).

Se non ti oscilla direttamente, puoi partire da un oscillatore a 27 MHz (dove sicuramente funzionerà) e fare seguire un semplice stadio triplicatore di frequenza a 81 MHz.

Buon fine settimana.

34
Ciao Hadron, qui di seguito alcune personali opinioni alle tue domande.

... domanda alquanto semplice, almeno in apparenza: "Cosa desiderano i radioamatori?"

Come in ogni hobby, provare emozioni e gratificazioni per quanto si impara e per i risultati conseguiti.

... "le lucine attirano (oltre oceano parlerebbero di "bells and whistle") ...

Esattamente, è una delle leggi fondamentali del mercato; oltreoceano dicono: "the best market offer is not the most useful one but the one that consumers want!". (che suona più o meno così: la migliore offerta di mercato non è quella più utile ma quella che i consumatori vogliono!"). A questo proposito ci si potrebbe collegare a QUESTO recente thread, dove parlavo di "... considerazioni infinite sul colore del display del portatile"  [emoji4].


... ma quando esse vengono pagate a caro prezzo, spesso a discapito di affidabilità, robustezza e facilità d'uso, allora verrebbe forse da ricordare a sé stessi quanto il radioamatore nasca come sperimentatore, costruttore e possibilmente innovatore, non mero utilizzatore.

Verissimo, ma i tempi cambiano e la tecnologia galoppa. In un numero di qualche mese fa del celebre "CQ Amateur Radio" c'era un divertente e scherzoso trafiletto che, liberamente tradotto diceva:
  • Old Man: si costruiva la radio e gioiva a collegare il mondo in CW con una manciata di watt.
  • Actual Man: compra un costoso multibanda e usa il 10% dei suoi pulsantini ed è eternamente insoddisfatto.
  • Future Man: mentre esce di casa per andare in ufficio dice ad Alexa di accendere il transceiver in modalità FT8 e, quando rientra a casa, le chiede di leggergli i collegamenti che sono stati fatti.

Tornando seri, invito caldamente a leggere QUESTO articolo pubblicato su IEEE, la più grande organizzazione professionale al mondo dedicata all'ingegneria e alle scienze applicate dal titolo: "The uncertain future of Ham Radio". Se non si conosce l'inglese, la si può tradurre agevolmente con Google.

Ho a cuore che i nuovi, giovani e meno giovani, radioamatori possano comprendere ciò, con l'estremamente importante aiuto degli "Old Man" di lungo corso.

Penso che tutti noi vorremmo veder tramandata questa passione alle nuove generazioni, ma occorrono disponibilità, altruismo (come fa ad esempio l'eccellente auto-costruttore e divulgatore ik2nbu Arnaldo) e QSO sia tecnici che "umani" come ho scritto, unitamente all'amico Pieschy, in QUESTO post.

35
Ciao Claudio, l'SMP-12 è un'ottimo apparato e ti consente di fare ascolto già da 0,2 kHz (sì, 200 Hz!). Se ti appassionano le onde lunghe e medie, con un'antenna adeguata farai eccellenti ascolti.

Il ricevitore ha una sensibilità raramente eguagliata da altri ricevitori, -130 dBm, e filtri selezionabili, 1,74 kHz, 500 Hz e 25 Hz.

Se usato con un'antenna attiva, con l'SMP-12 ricevevo facilmente le stazioni russe Alpha a 14 kHz (ubicate in Nuova Zelanda, ad almeno 15.000 km da noi).

Non c'è un amplificatore audio a livello di altoparlanti, ma l'uscita audio è comodamente disponibile sul pannello frontale. La stabilità della frequenza è eccellente.

Per evitarti il rumore indotto dagli alimentatori connessi al 220, lo puoi anche alimentare a batteria. Inconvenienti? ... uno solo, ossia non è portatile, nel senso che pesa ben 17 kg.  [emoji4]

Nota importante: siccome l'apparato sicuramente non è nuovo, ti potrebbero servire procedure di tarature e test vari; per questa ragione ti allego in PDF (in inglese) del suo service manual. Nella penultima pagina di quest'ultimo troverai il paragrafo 10.2.20 dove ti spiegano come demodulare anche la SSB.

36
modi digitali / Re:Domandone DMR
« il: 28 Ottobre 2021, 09:05:15 »
Ho notato che molti radioamatori presi dall entusiasmo si portano a casa una radio DMR , la programmano, ci giocano, ci fanno due QSO poi la mettono nel cassetto da dove non uscirà più.  Forse è che una volta programmata la radio il divertimento è finito?

Condivido al 100%. Personalmente penso che questo fenomeno, che peraltro si sta osservando anche nel segmento analogico della radio, sia imputabile sempre medesimo problema: la mancanza di contenuti.

Intendiamoci, ci sono nobilissime attività radio, come l'autocostruzione di antenne e radio, il mondo del DX, il SOTA, l'EME, i satelliti ecc.

Però, si assiste su un po' tutte le bande, ad interminabili QSO a base di fischiettanti prove microfono, di considerazioni infinite sul colore del display del portatile, a discernere per mezz'ora sul perché durante la pioggia il ROS passa da 1.1:1 a 1.2:1.

Insomma, va bene tutto, ma un po' di contenuti "umani" potrebbero attrarre molte più persone, soprattutto i giovani che si affacciano a questo intrigante hobby. Non dico di fare tribune elettorali [emoji4], ma parlare di tutto un po' come si fa nella vita reale quando ci si incontra.

Curiosamente, ascolto (ma non sempre) un po' di contenuti "umani" sulla CB e sui 10GHz (sono bipartisan  [emoji4] ), probabilmente perché quest'ultimi interlocutori sono consapevoli di essere poco ascoltati per carenza di prodotti commerciali di massa.

Tornando al DMR et similia, potenzialmente avrebbe i numeri per dei QSO/chat interessanti in ambito nazionale ed internazionale, ma anche qui, se non appassioni la gente con contenuti che non siano solo ermeticamente tecnici ...

37
modi digitali / Re:Domandone DMR
« il: 27 Ottobre 2021, 21:09:12 »
Sarò più specifico, ho letto che IL SITO Internet dmr-italia chiude. Cosa cambia con i ponti, chiude anche la RETE ?

Ho letto QUI le ragioni della chiusura.

Leggo inoltre sul medesimo sito QUESTO articolo dove si annuncia che, in seguito allo spostamento delle registrazioni DMR-Marc europee sul sito unico RadioId, vi è stato un buon miglioramento, in termini di efficienza e velocità della procedura di registrazione.

In questo momento RadioId vede connessi 183839 utenti, 206803 DMR ID's e 8666 repeaters world wide! Come vedi non si è mai isolati  [emoji39]

In altre parole, se chiude il portale DMR-ITALIA non chiude la rete;  sicuramente se ne aprirà uno (o più di uno) nuovo.

Volendo fare un paragone internettiano, non è che se chiudi un server la connettività globale di Internet ne risenta (ad esempio le batterie di server di Google hanno oltre 1000 ring di ridondanza).

Il valore aggiunto di parlare in digitale non è solo quello di rimanere all'interno dell'ambito italiano, ma discutere in altre lingue confrontandosi con altre culture e punti di vista.

Rimanere a parlare in digitale solo tra italiani e solo in italiano è molto riduttivo: ci si autoesclude da una grande parte di realtà radioamatoriale mondiale e questo limita fortemente la diffusione della conoscenza (e quantomeno è una occasione mancata per perfezionare la propria conoscenza di una o più lingue straniere).

Almeno questo è il mio modesto punto di vista  [emoji39]

38
Autocostruzione / Re:Rivista Progetti On line
« il: 26 Ottobre 2021, 18:06:29 »
Vi segnalo questa simpatica pubblicazione ON line:

https://elettronicaemaker.it/ 

73 Arnaldo

Grazie Arnaldo, è un'utile indicazione viste le poche riviste del settore oggi circolanti.
Buona serata.

39
Autocostruzione / Re:Tentativo costruzione portatile un canale CB
« il: 20 Ottobre 2021, 23:07:33 »
Lo squelch non l'ho messo perché ho pensato di farlo abbastanza silenzioso.

Ciao Microonda, sta venendo proprio bene.
Ti segnalo questo LINK che con una sola resistenza ed un condensatore (filtro passa-basso) puoi filtrare ancora meglio il rumore.

Come spiegato nel link sopra, l'unica attenzione da prestare è che il condensatore elettrolitico NON deve essere polarizzato, ma non c'è problema perché lo puoi fare con due normali condensatori elettrolitici polarizzati da 10uF collegati in uno dei due modi (a tua scelta) anti-serie così:


Buon proseguimento.

40

Se vuoi leggere qualche progettino RTX pubblicato sui vecchi bollettini del I QRP Club,
trovi i PDF scaricabili in questa cartella condivisa:

https://drive.google.com/drive/folders/0B0F7sjwiBOq9Ym5XWmRDRXJ5TE0?resourcekey=0-VtLF2hCzCgkIMErn118oXw

73 Arnaldo www.ik2nbu.com

Grazie Arnaldo, la documentazione che gentilmente metti a disposizione è sempre molto gradita.

41
Nel 2009, il radioamatore Michael Rainey AA1TJ ha costruito "El Silbo", un trasmettitore radioamatoriale alimentato interamente dalla sua voce.

El Silbo opera in CW. Come molti trasmettitori QRP in CW il circuito di El Silbo è piuttosto semplice. Un altoparlante è installato sul fondo della lattina per convertire la potenza della voce in potenza elettrica.

Il segnale viene fatto passare attraverso un trasformatore step up e utilizzato per eccitare un quarzo operante sui 75m. Due transistor NPN (in questo caso MPS6521) passano il segnale attraverso un secondo trasformatore. Il segnale viene poi instradato attraverso una rete LC fino all'antenna.

Nel 2009, Michael ha effettuato collegamenti fino a 1486 km, o 923 miglia. E' una bella distanza per aver semplicemente urlato in una scatola di latta! Una delle storie preferite di El Silbo è una conversazione (QSO) a 109KM che ha avuto con W1PID.
Michael ha scoperto che il segnale era così buono che non ha dovuto urlare affatto. Ha ridotto la potenza passando alla sua voce normale per i "dit e dah". I due sono stati in grado di conversare per 17 minuti usando solo la loro voce come sorgente di alimentazione. Pensiamo che questo sia un risultato sorprendente, e ancora una volta la prova che non hai bisogno di una baracca da migliaia di dollari per fare contatti come radioamatore.

Al link sotto, oltre alle spiegazioni troverete anche un video  [emoji39]

FONTE: https://hackaday.com/2013/11/26/amateur-radio-transmits-1000-miles-on-voice-power/

42
Elettronica & Radiotecnica / Re:demodulazione ssb
« il: 16 Ottobre 2021, 23:47:05 »
Ti allego una paginetta (PDF) dove troverai la piedinatura, lo schema interno (che coincide con lo schema del BFO sopra), i valori di induttanza e capacità ed i colori del nucleo.

Come puoi vedere per i 455KHz i colori sono i nuclei giallo, bianco e nero, mentre per 10.7MHz i colori sono marrone, verde e nero.

I dispositivi a 455 KHz li trovi facilmente online, ad esempio QUI.

43
Elettronica & Radiotecnica / Re:demodulazione ssb
« il: 16 Ottobre 2021, 20:53:40 »
Ciao, non devi fare un VFO ma un BFO (Beat frequency oscillator), ossia un oscillatore che ti "ricostruisce la portante", come giustamente ti ha suggerito 165RGK591.
Se il ricevitore che hai autocostruito ha una media frequenza a 455 KHz, allora ti basta fare un BFO a 455 KHz che è molto facile da realizzare. Questo che vedi sotto è un BFO 455 KHz:



La parte dello schema che vedi tratteggiata è semplicemente la solita bobinetta a 455 KHz che puoi recuperare da qualche vecchia radiolina, oppure puoi acquistare online  per pochi spiccioli; è fatta così:



Dopo aver verificato che il BFO funziona, semplicemente lo avvicini alla tua radio (quindi non modifichi la radio) e, quando trovi un segnale in SSB, quest'ultimo diverrà comprensibile.

Buon lavoro.

44
Autocostruzione / Re:Tentativo costruzione portatile un canale CB
« il: 10 Ottobre 2021, 10:30:50 »
Complimenti per la tua realizzazione che, come sempre, risulta ordinata e compatta.
A proposito della pila da 9 volt, volevo segnalarti questa:

https://www.amazon.it/HITRENDS-Piles-Rechargeables-9V/dp/B08JB4CS9H/ref=sr_1_17?__mk_it_IT=&th=1

Certo si fa pagare, ma considera che te ne danno due e, soprattutto, sono al litio e si ricaricano in un terzo del tempo rispetto a quelle NiMh.
Infine, come puoi vedere al link sopra, per caricarle non hai nemmeno bisogno dì estrarle dal tuo contenitore perché basta inserire il cavetto USB direttamente nella pila! Quindi ti basterebbe fare una fessura nel tuo contenitore.
Buon proseguimento!

46
discussione libera / Re:Quesito del venerdì.
« il: 08 Ottobre 2021, 16:35:25 »
Mmmm diciamo che non è così.
Il Plus può avere o non avere lo scrambler semplicemente se è
A versione standard oppure export.
Dai un’occhiata qui:
https://www.sdtarea.it/shop/it/portatili/1284-tyt-th-446plus-pmr-446-uhf-portatile-in-versione-standard-ed-export-4040391903234.html

47
discussione libera / Re:Quesito del venerdì.
« il: 08 Ottobre 2021, 13:40:58 »
Buongiorno all, ho programmato un TYT 446 PLUS e con mio sommo rammarico ho scoperto che è limitato ai canali PMR nonostante abbia 128 canali liberi. Ma il quesito è questo: dopo averlo programmato è uscita fuori una piccola scritta..SCR...che non ho capito cosa sia. Ho guardato nel manuale ma non è contemplata, come non è contemplato lo scrambler al quale avevo pensato. Insomma non so cosa sia e come posso levarlo. Qualcuno mi aiuta? Grazie anticipate.

Ti allego il manuale dove a pagina 13 (pag. 9 del PDF allegato) la tabella di spiegazione indica che la scritta SCR significa "Scrambler On", ossia che hai attivato lo scrambler.
A pagina 23 del manuale (pag.14 del PDF allegato) troverai il settaggio del menù ed i codici per disattivare lo SCR (SCR OFF).

48
Radio Ascolto / Re:demodulare DRM
« il: 06 Ottobre 2021, 22:09:29 »
demodulare il sistema Digital Radio MOndiale DRM30, è possibile solo inviando l audio digitale al pc senza modificare lo RX ?
mi spiego meglio....ascolto una radio che trasmette in DRM, prendo l audio digitale e lo sbatto dentro il PC...
esiste un software adatto?
grazie....

Fino a 30 MHz viene utilizzato il cosiddetto DRM30 e da 30 MHz a 174 MHz si utilizza il DRM+. Esiste un programma ufficiale per computer, DRM™ Software Radio, a pagamento, ma fortunatamente esiste un software Open Source, Dream, per PC, Mac e Linux.
Per maggiori informazioni:
http://www.barbonaglia.it/radio-lab/software-defined-radio/drmdrm/

49
Autocostruzione / Re:Tentativo costruzione portatile un canale CB
« il: 05 Ottobre 2021, 21:07:12 »
Buongiorno a tutti . Nella costruzione del portatile fm per la cb , mi sono fermato . Ho notato che il quarzo a 26,730 mhz non oscilla ,o meglio oscilla solo in fondamentale , montandolo ai pin 1 e 2 dell'sl6601 . Con i quarzi a 20,945 e 21,400 mhz funziona bene , ma non con quelli in terza armonica . Per favore , mi potete dire come dev'essere collegato questo discriminatore FM ? Sono interrotti fra tutti i pin . Sono 5 pin  . Vorrei fare il circuito a transistor , come si usava una volta . Li ho comprati dalla ditta Heltron nel 2002 . Sono nuovi . Mai usati . Posto una foto

Ciao Microonda, credo che il quarzo ti funzioni in fondamentale e non in terza armonica perché esso non vede un circuito LC risonante a 27MHz.
Per spiegarmi meglio ti allego il datasheet del sl6601, dove in figura 2 e figura 5 vedrai che il quarzo essendo collegato direttamente ai pin 1 e 2 dell'oscillatore può ovviamente solo funzionare in fondamentale (in altre parole non hai un LC risonante a 27MHz di modo che il quarzo possa lavorare in terza armonica).
In merito al componente in foto, sei sicuro che non si tratta invece di un doppio filtro ceramico e non un discriminatore FM? Il fatto che non misuri continuità fra i pin rafforza questa ipotesi.

50
Telegrafia (CW) / Re:Pulire ossido vibroplex
« il: 04 Ottobre 2021, 15:16:20 »
Per la pulizia di contatti elettrici ossidati mi fu consigliato QUESTO e, sebbene inizialmente fossi un po' scettico, debbo riconoscere che fa miracoli.
Due o tre applicazioni intervallate da un quarto d'ora ed infine passare semplicemente un panno morbido asciutto, fino ad osservare il contatto lucente. NON usare lo Svitol che sebbene abbia impieghi simili, ha un'altra composizione chimica.

51
Telegrafia (CW) / Re:Stop in telegrafia
« il: 04 Ottobre 2021, 15:03:24 »
Grazie mille. Veniva quindi usato proprio "stop". Non sapevo del l'instradamento manuale!
Da approfondire


Dimenticavo: c'era anche una ragione economica. I telegrammi raggiunsero la loro massima popolarità negli anni '20 e '30, quando era più economico inviare un telegramma che fare una telefonata a lunga distanza. La gente risparmiava denaro usando la parola "STOP" invece dei punti per terminare le frasi, perché la punteggiatura era extra mentre la parola di quattro caratteri era gratis  [emoji12]

Un salto di qualità fu la successiva introduzione del relè era che permetteva trasmissioni telegrafiche su lunghe distanze che altrimenti avrebbero richiesto operatori in stazioni intermedie periodiche per leggere e ritrasmettere il messaggio. Fonte in inglese (se vuoi approfondire):
https://en.wikipedia.org/wiki/Electrical_telegraphy_in_the_United_Kingdom#Early_development

In merito all'instradamento manuale, ad esempio un collegamento transatlantico tra Evanston (città dello stato dell'Illinois, a nord di Chicago) e Verdun (città della Francia), la tratta era così suddivisa:

  • Da Evanston a Chicago
  • Da Chicago a New York
  • Da New York a Belfast
  • Da Belfast a Londra
  • Da Londra a Parigi
  • Da Parigi a Reims
  • Da Reims a Verdun

Fonte

In tutte queste ritrasmissioni, c'era un pericolo molto reale che i singoli segni di punteggiatura potessero essere persi, confondendo così il messaggio. Introducendo parole distinte come STOP, COMMA, SEMICOLON per i segni di punteggiatura, è stato introdotto un grado di ridondanza - essenzialmente il controllo degli errori - che ha reso tali errori molto meno probabili.

52
Telegrafia (CW) / Re:Stop in telegrafia
« il: 03 Ottobre 2021, 22:58:18 »
Salve, mi sono sempre chiesto a cosa corrispondesse lo "stop" dei telegrammi... O meglio, a quale segno della telegrafia. Forse "ar"?

inviato Redmi Note 8 Pro using rogerKapp mobile

Il telegrafo era una trasmissione instradata manualmente e, a differenza di Ethernet con i suoi ripetitori automatici, esso aveva ripetitori manuali che ricevevano un messaggio su un cavo e lo ritrasmettevano su un altro.

In tutte queste ritrasmissioni, c'era un pericolo molto reale che i singoli segni di punteggiatura potessero essere persi, confondendo così il messaggio. Introducendo parole distinte come STOP, COMMA, SEMICOLON per i segni di punteggiatura, è stato introdotto un grado di ridondanza (essenzialmente il controllo degli errori) che ha reso tali errori molto meno probabili.

Come infatti ben noto, l'uso della punteggiatura è fondamentale per dare senso e separare efficacemente le frasi di un testo. L'assenza di punteggiatura non solo può rendere incomprensibile il filo logico dell'esposizione ma, occasionalmente, può stravolgere il significato del contenuto.

L'uso di questa parola nelle comunicazioni telegrafiche è stato notevolmente aumentato durante la guerra mondiale, quando il governo l'ha ampiamente utilizzata come precauzione contro i messaggi incomprensibili o fraintesi, a causa della posizione errata o dell'emissione del minuscolo punto "." o periodo.

I funzionari ritenevano che gli ordini vitali del governo dovessero essere definiti e chiari, e quindi usarono non solo la parola "stop", per indicare un periodo, ma adottarono anche il pratica di pronunciare "virgola", "due punti" e "punto e virgola". La parola "query" veniva spesso utilizzata per indicare un punto interrogativo. Di tutti questi, tuttavia, "stop" è diventato l'uso più diffuso,

Il simbolo "AR" (• — • — • con suono: ti-ta-ti-ta-ti) nel codice internazionale significa "Stop" (fine del messaggio), spesso viene scritto come "+" (che appunto è: . — . — .)

53
Autocostruzione / Re:Tentativo costruzione portatile un canale CB
« il: 29 Settembre 2021, 14:37:43 »
... ma ho visto che se al posto del bly53 ci metto un 2n4427 non cambia niente . La potenza è la stessa . Posto una foto di un prototipo che sto costruendo

Ciao microonda, se cerchi (Premere i tasti Ctrl+F per visualizzare la barra di ricerca) il bly53 e il 2n4427 in questo file:

http://www.introni.it/pdf/Selezione%20Radio%201976_01_supplemento.pdf

vedrai che i loro parametri caratteristici sono piuttosto diversi e, conseguentemente, richiedono pilotaggi diversi.
Buona sperimentazione.

54
Elettronica & Radiotecnica / Re:ricevitore a valvole
« il: 29 Settembre 2021, 14:25:01 »
Ciao Matteo, con riferimento allo schema che hai allegato, si tratta di un condensatore variabile doppio, come ad esempio questo in foto:





Esso è composto da un insieme di lamine di metallo, in posizione fissa (statore) e un gruppo di lamine mobili (rotore) che hanno la capacità di affacciarsi più o meno nella struttura. Il tratteggio che vedi nello schema sta ad indicare che trattasi di un unico dispositivo con lo statore in comune.

Tra l'altro vedi che anche la valvola ha un tratteggio, il che sta ad indicare che lo schema ha un'unica valvola; nello specifico si tratta di un doppio triodo.

Ciò premesso, devi sempre vedere le due cose in modo separato:
1) Da un punto di vista di alimentazione (DC) il condensatore variabile doppio blocca qualunque flusso di corrente DC verso massa.

2) da un punto di vista a radiofrequenza (RF) il condensatore variabile doppio e la bobina costituiscono un unico circuito risonante  parallelo. Quando un segnale in ingresso ha una frequenza coincidente con quella del circuito risonante, l'impedenza di quest'ultimo è (teoricamente) infinita e il segnale approda alla griglia della prima sezione del doppio triodo.

55
Autocostruzione / Re:Autocostruzione antenna a telaio MW
« il: 27 Settembre 2021, 14:38:41 »
Quoto quanto detto da Arnaldo e M74. Piuttosto perché non provi questa: http://www.in3eci.it/bbb/file_content/fl326.pdf

L’idea di usare un flat cable con collegamenti sfasati la trovo semplice e geniale allo stesso tempo: ti risparmia lo stress di fare tante spire e copri agevolmente le onde medie e lunghe.
Buon lavoro!

56
discussione libera / Re:Nuova Radio sull'ISS
« il: 26 Settembre 2021, 22:32:43 »
Frequenza e tono sono corretti. Tieni però presente che con la ISS ci vuole tanta ma tanta pazienza. Nel momento in cui la ISS transita, il suo "campo visivo" è molto vasto, parliamo di migliaia di chilometri. In quel preciso momento non siamo certo gli unici a fare chiamata, quasi sicuramente un portoghese o un russo faranno altrettanto.
Unico dubbio: ma così non esci solo con la polarizzazione orizzontale? Se è così, difficilmente passerai! (Io uso una quadrifilare: polarizzione circolare).

57
attività radioamatoriale / Re:25° ciclo solare
« il: 18 Settembre 2021, 19:07:18 »
Ciao Dattero, non è una stupidata.

tutte le emissioni fanno ridurre la stratosfera. Era già noto che la troposfera sta aumentando di quota per le continue emissioni nocive, in primis quelle di anidride carbonica. Quindi si ipotizzava un contemporaneo assottigliamento dello strato sovrastante, la stratosfera. Nel periodo oggetto di studio lo spessore della stratosfera si è ridotto di 400 metri. Ѐ previsto che entro il 2080 la riduzione sarà di 1,3 km.

Fonte:
https://energycue.it/emissioni-aumentano-stratosfera-riduce/29957/


58
Vero!    [emoji23]  [emoji23]  [emoji23]

59
Il riposo del saldatore fumante [emoji42]

Ma sotto ombrellone....carta e penna per i nuovi progetti RF [emoji12]

73 da Sanvincenzo  Toscana

Buone meritatissime vacanze!

Certo però, che con un mare così bello e con lo strato di aria calda sovrastante ... un bel tropo-ducting in V/UHF si può tentare!  [emoji14]

Pagine: [1] 2