Autore Topic: Uso frequenza radioamatoriale per assistenza gare: lecito?  (Letto 12259 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Alinghi

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1227
  • Applausi 43
    • Mostra profilo
Re:Uso frequenza radioamatoriale per assistenza gare: lecito?
« Risposta #25 il: 01 Aprile 2013, 16:38:52 »
Pure io sono stato commissario di percorso Csai, e sò come funziona.
Il commissario di percorso, non deve comunicare con la direzione gara, che tra l'altro spesso si trova molto distante dal percorso, ma deve comunicare solo con il capo prova.
Comunque io sono dell'idea che la Csai potrebbe pure permettersi di pagare la concessione di una frequenza, e fornire ai vari ufficiali di gara delle radio, in modo da avere una efficiente copertura del percorso.
Nel regolamento scrivono che ci deve essere un punto radio allo start, uno all'arrivo  e punti radio intermedi ogni 5km di percorso, però non si preoccupano di dotarsi di radio, tanto ci sono sempre i radioamatori che a gratis gli offrono il servizio radio.





« Ultima modifica: 01 Aprile 2013, 16:40:24 da Alinghi »


Offline flash1

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 228
  • Applausi 7
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: IX1DIT
Re:Uso frequenza radioamatoriale per assistenza gare: lecito?
« Risposta #26 il: 01 Aprile 2013, 19:01:57 »
Buon giorno a tutti da 33 anni faccio il commissario di percorso sono capo prova ora denominato capoposto predidente di una ass.ne di ufficiali di gara, ho cominciato con il CB poi sono passato alle vhf ( sempre modulando fuori banda) per non disturbare gli radioamatore già 10 anni fa ho fatto domanda alla CSAI per una frequenza dedicata alle nostre gare rally mai avuto risposta! Ora sono 6 anni che abbiamo acquistato pmr come associazione paghiamo regolare licenza 12 euro annuali operiamo con 0,5 w i risultati non sono esaltanti ma ci accontentiamo. adesso che sono radioamatore ( finalmente) mi e stato chiesto di fare assistenza Rally dove si puo far servizio gara solo se si e patentati. Morale alla csai  non interessa minimamente che il commissario sia in regola . Gli serviamo solo perche senza di noi le gare non si possono fare.!! Cordialmente un saluto flash
[

Offline Alemar78

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 44
  • Applausi 1
  • Sesso: Maschio
  • Vivi e lascia vivere...
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: IU6AQT
Re:Uso frequenza radioamatoriale per assistenza gare: lecito?
« Risposta #27 il: 30 Aprile 2013, 15:06:41 »
Una curiosità, spesso (diciamo sempre...), nei rally mi capita di usare veicolari (kenwood) o portatili (Icom) VHF/UHF credo, con canali già impostati che se non erro sono 10 o 16. Se io utilizzassi per esempio un polmar db-32 o simili, come faccio a sapere a che frequenza corrispondono questi benedetti canali? Esiste una tabella standard oppure li hanno programmati? Dovrei fare ogni volta una scansione? Almeno su che passi lavorano?
Scusate per le varie domande ma non vorrei sintonizzarmi quando il rally è già finito... :grin:

Grazie.
« Ultima modifica: 30 Aprile 2013, 15:11:01 da Alemar78 »
Midland Alan 48 "old"
Pesident Jackson
Polmar Rx-5
Midland G7
Wouxun Kg-uv6d
Icom Ic-e92d

Offline Alinghi

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1227
  • Applausi 43
    • Mostra profilo
Re:Uso frequenza radioamatoriale per assistenza gare: lecito?
« Risposta #28 il: 30 Aprile 2013, 15:14:55 »
Sono apparati programmati, quindi potrebbe esserci memorizzata qualsiasi frequenza.
In realtà se conosci il modello, puoi già capire se è un vhf o uhf, quindi già li ti regoli, però per la frequenza precisa devi chiedere a chi lo ha programmato, anche perchè potrebbe esserci pure un tono programmato, quindi dopo aver trovato la frequenza devi trovare pure il subtono.

Inutile aggiungere che il Polmar db32 è un apparato radioamatoriale, quindi se non hai la patente, è meglio che lo lasci a casa.

« Ultima modifica: 30 Aprile 2013, 15:17:04 da Alinghi »


Offline Alemar78

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 44
  • Applausi 1
  • Sesso: Maschio
  • Vivi e lascia vivere...
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: IU6AQT
Re:Uso frequenza radioamatoriale per assistenza gare: lecito?
« Risposta #29 il: 30 Aprile 2013, 15:47:46 »
Sono apparati programmati, quindi potrebbe esserci memorizzata qualsiasi frequenza.
In realtà se conosci il modello, puoi già capire se è un vhf o uhf, quindi già li ti regoli, però per la frequenza precisa devi chiedere a chi lo ha programmato, anche perchè potrebbe esserci pure un tono programmato, quindi dopo aver trovato la frequenza devi trovare pure il subtono.

Inutile aggiungere che il Polmar db32 è un apparato radioamatoriale, quindi se non hai la patente, è meglio che lo lasci a casa.
Grazie e "tranquillo", dovrei sostenere gli esami a Luglio, poi se li passo faccio acquisti; ora ho solo uno scanner con relativo certificato di swl.
Midland Alan 48 "old"
Pesident Jackson
Polmar Rx-5
Midland G7
Wouxun Kg-uv6d
Icom Ic-e92d

Offline Aquila Fr

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3005
  • Applausi 192
  • Sesso: Maschio
  • cave ab homine unius libri
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: IU0OGA
Re:Uso frequenza radioamatoriale per assistenza gare: lecito?
« Risposta #30 il: 12 Settembre 2022, 14:44:52 »
??

inviato M2004J19C using rogerKapp mobile

Dirac, il monopolo esiste !!

Online AZ6108

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2832
  • Applausi 50
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Uso frequenza radioamatoriale per assistenza gare: lecito?
« Risposta #31 il: 12 Settembre 2022, 15:31:54 »
??

controllando l'elenco dei post dell'utente, credo che il problema sia relativo ad un furto di credenziali, in breve qualche "malware" ha probabilmente prelevato le credenziali dell'utente e le stesse sono ora utilizzate per spammare il forum