Autore Topic: ARI Quanto sei cara  (Letto 12197 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

1PNP548

  • Visitatore
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #25 il: 19 Maggio 2010, 09:24:23 »
la fuga degli iscritti e la chiusura delle sezioni è da imputare alle persone che formano e costituiscono le varie sedi.
alla fine le attività delle singole sezioni sono gestite da noi che le frequentiamo, se il "gruppo" che si forma è valido e ha voglia di "fare" la sezione funziona e aumentano gli iscritti.
nella sezione che frequento io quest'anno sono arrivati 8 colleghi da una sezione a 20km chiusa perchè erano rimasti in 16, e poi sempre da noi ci sono 9 iscritti nuovi
per la nostra realtà avere 17 iscritti nuovi e senza nessuno in uscita è tantissimo, visto che non siamo in una grande città

però da noi il gruppo solido c'è, si fa attività e si rinnova il parco antenne  :grin:


Offline shineime

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3611
  • Applausi 60
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #26 il: 05 Giugno 2010, 22:20:34 »
Chi non ha mai fatto i conti delle qsl che spedisce?
chi non ha mai pensato " se cade la mia antenna e distrugge una macchina, se non peggio, chi paga"
compro una rivista di elettronica ( ce ne sono ancora?) al mese e la pago almeno 5 euro con articoli di dubbio valore.

secondo il mio modesto parere le cifre sono in linea con l'andamento generale del mercato.
la fuga di alcuni per dissapori interni è cosa comune  a tutte le associazioni. di solito poi chi scappa si crea una sua associazione (cosi comando io e faccio quello che voglio).
e se invece si cercasse di appianare i dissapori e, ragionando, unire le forze anziche disperderle?

...................................................................... :allah: :allah: :allah:
CALL: radioamatore IK0VSV, SWL I067307,   japanese A1Club 1508

***NON RUBARE: LO STATO NON AMMETTE CONCORRENZA***
***NON ESISTE PROBLEMA SOCIALE CHE UNA BUONA DOSE DI ESPLOSIVO NON POSSA RISOLVERE***

asso

  • Visitatore
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #27 il: 07 Giugno 2010, 21:53:28 »
Chi non ha mai fatto i conti delle qsl che spedisce?
chi non ha mai pensato " se cade la mia antenna e distrugge una macchina, se non peggio, chi paga"
compro una rivista di elettronica ( ce ne sono ancora?) al mese e la pago almeno 5 euro con articoli di dubbio valore.

secondo il mio modesto parere le cifre sono in linea con l'andamento generale del mercato.
la fuga di alcuni per dissapori interni è cosa comune  a tutte le associazioni. di solito poi chi scappa si crea una sua associazione (cosi comando io e faccio quello che voglio).
e se invece si cercasse di appianare i dissapori e, ragionando, unire le forze anziche disperderle?

...................................................................... :allah: :allah: :allah:
hai perfettamente ragione creare altre associazioni è una dispersione di forze.poi gia adesso ogni fine settimana ci sono contest ari se ci sono altre associazioni le frequenze vengono invase da contest. io ho avuto dei dissenzi nella mia sezione fine non mi sono piu iscritto ma non ho mai parlato male della mia ex sezione ari,e non ho cambiato sezione! piu in la sicuramente mi iscriverò ancora.


asso

  • Visitatore
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #28 il: 08 Dicembre 2010, 08:32:49 »
come avevo accennato "mi sono iscritto ancora all'ari"!!!!!dopo   offerte di altre associazione,le critiche che piovono sull'ari ,ed altro!!!!!!! io come al solito vado dove ce bagar,dove bisogna sostenere,e dare una mano ,a riportare alle origini la passione per la radio  è l'autocostruzione e sperimentazione e non per dividere come succede spesso.io noto che in certe associazioni ari ce gente che va e che viene ma i vecchi sono sempre li ,osservano aiutano discutono insegnano!!!ma!!! sono sempre li che attendono!! poi si fanno nuovi direttivi(anche di nuovi radioamatore) qualcuno la pensa diversamente si vogliono apportare tante modifiche migliorie (stravolgere la sezione)cominciano i disguidi le polemiche  la voglia di comandare qualcosa(il podere di chi nella vita ......)induce qualcuno a complottare!!! uscirne e la soluzione?aprire un'altra associazione?certo questo e il succo di certe associazione,ma l'anziano(di fondazione ari di  sezione) è sempre li!!!! le censure non sempre hanno l'effetto voluto!! ma spesso rafforzano, tutto questo è servito per riportarmi in A.R.I.

N2oae

  • Visitatore
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #29 il: 08 Dicembre 2010, 09:39:59 »
Ragazzi l' ARI é fatta per chi fa radio !
Dove trovi i regolamenti di tanti contest e poi le classifiche ?
E il servizio bureau , se vai a fare un'attivazione e in fai oltre 100 collegamenti
quanto risparmi a inviarle via bureau ? (non solo francobolli ma anche buste e tempo a scrivere indirizzi)
Poi ci sono sezioni in ogni parte d' Italia !

Io naturalmente sono iscritto all'associazione del mio paese ma sono anche socio EU ARI e ricevo RR
e vi posso dire che é una bella rivista dopo QST la migliore che ho visto , purtroppo le Poste
la consegnano con inspiegabili ritardi ma questo é un'altro argomento.

buona festa 73s' maico


Offline Marcello iw9hli

  • IW9HLI
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 4286
  • Applausi 174
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: IW9HLI - 1RGK001
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #30 il: 10 Dicembre 2010, 01:27:45 »
L'ARI ha bisogno di me, e sopratutto in questo periodo negativo non posso abbandonarla.

Pure la sezione di Catania ha bisogno di me, i miei amici pure, non la abbandono in un momento difficile...anzi....

Sarà cara, avrà disservizi, ma votando gente diversa posso aiutarla e portarla avanti con la mia persona, fra 30 anni poi, a ragion veduta, considererò il caso di abbandonarla, ma adesso sono troppo giovane per farlo.

 :up:

Offline berners27

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 204
  • Applausi 0
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #31 il: 19 Febbraio 2011, 11:57:35 »
Nel mio paese la sezione locale ARI è un locale che il comune ha dato in uso gratuitamente purché si paghino le spese come l'enel e il telefono. Dentro ci sono 4 pensionati molto gelosi (non delle radio, ma delle cose che potrebbero insegnare a un giovane.. ) che conosco e che mantengo a distanza. Tra l'altro giovani già non ce ne sono.. poi se fanno pure gli ostici, per me stanno bene lì.
Anche io sono daccordo con chi sostiene che l'ARI sia cara, anzi con l'utente che dice che le associazioni in generale sono care, e per il seguente motivo: la vita associativa per sua definizione dovrebbe includere solo l'entrare nella rete di conoscenze, amicizie e rapporti personali che si creano quando una persona si iscrive ad un'associazione. Tutt'alpiù si può chiedere di essere "attivi" nel senso di portare sè stessi e le proprie idee ed esperienze, ma non dovrebbero essere obbligatori i servizi materiali che un'associazione eroga anche se potresti farne a meno (nel caso dell'ARI la rivista, l'assicurazione sulle antenne e altre cose accessorie che qualcuno potrebbe anche non volere: per esempio io ho iniziato da poco e sto facendo le prime esperienze con un portatile e sto autocostruendo un ricevitore, {tra l'altro è quello di cui si parla in questo grazioso forum :up: } potrei non desiderare un'assicurazione sulle antenne che non ho o una rivista che ho visto che non mi piace come linea editoriale e taglio giornalistico).
Un'associazione in generale, dovrebbe chiederti na cosa irrisoria per pagare le spese della sede locale tutt'alpiù.. ed entrare a far parte della vita associativa. Poi se hai bisogno di un loro servizio (agevolato, esclusivo come le QSL) allora paghi il servizio nella tariffa che chiedono (e che dovrebbe essere pure ragionevole).

D'altro canto stavo seriamente pensando di iscrivermi in un'associazione (non si può restare soli in qualcosa che già sta scomparendo) e sto cercando quelle della mia zona che hanno più o meno la stessa filosofia: cioè costa poco, ha pochi fronzoli accessori e l'importante è stare insieme e condividere la passione, e magari imparare qualcosa.


Offline ik1npe

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2420
  • Applausi 132
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • http://it.wikiloc.com/wikiloc/find.do?q=biancpier&s=id
    • E-mail
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #32 il: 19 Febbraio 2011, 12:17:17 »
Salve, parli del tuo paese ma non hai detto di dove sei.
Io posso dirti che non tutte le sezioni ARI sono uguali, quella che frequento io è molto attiva.
Per attiva intendo i corsi per i giovani, attività di protezione civile,ponti ripetitori,contest e altro.
  73 de ik1npe

N2oae

  • Visitatore
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #33 il: 19 Febbraio 2011, 20:25:01 »
La quota ARI é piu' o meno come quella di altre Associazioni in Europa
poi ognuno deve cercare la sezione dove fanno l'attività che interessa

73s'


asso

  • Visitatore
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #34 il: 19 Febbraio 2011, 21:05:28 »
siamo alle solite inutili polemiche!!!!!l'iscrizione all'ari non  è una cura obbligatoria consigliata dal medico !!!!!!ognuno e libero di fare quello che vuole!!! senza infangare!!io ero iscritto poi decisi di non rinnovare piu per disguidi in sezione.ma mai mi sono permesso di criticare l'ari o la mia ex associazione,adesso mi sono iscritto di nuovo e non posso accettare certe critiche (tra l'altro non costruttive)verso persone che lavorano per noi,qualcuno a citato servizio qsl!!certo non arrivano e non vengono spedite dalle poste ma ci vuole qualcuno che fa questo servizio con quale criterio  si fanno certe accuse?chi critica quelle persone che lavorano (gratis per la gloria)si dovrebbero vergognare!!!!una critica e accettata se è costruttiva, io se critico una decisione devo proporre una cosa migliore altrimenti sto zitto , nella vita quotidiana e nelle associazioni ci sono  diritti e doveri!!!!!!secondo me si parla poco delle cose positive dell'ari,certo noi parliamo dell'ari ma  l'ari è formata da tante sezioni, le sezioni da tanti radioamatore,questo e una parte del mio pensiero!!! ma il discorso e molto  lungo!!!!

Offline LPDboy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 768
  • Applausi 3
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #35 il: 09 Agosto 2011, 00:21:15 »
Carissimi,

questo topic vecchio di qualche mese mi dà la possibilità di esprimermi su una questione che mi sono posto ultimamente. Ciò che mi accingo a scrivere non vuole essere in nessun modo un attacco al lavoro, spesso ottimo, svolto dalle sezioni ARI, ma la libera espressione delle mie opinioni che forse potranno anche essere uno spunto per alcuni cambiamenti.

Sono patentato da circa un anno ma sto ancora allestendo la mia stazione. Negli ultimi mesi ho cercato di documentarmi il più possibile sulle associazioni radioamatore esistenti in Italia: ho visto che più o meno tutte hanno delle eccellenze in settori o aspetti specifici, ma quella che più mi convince è proprio l'ARI.

I motivi che mi porterebbero a preferire l'ARI sono i seguenti:
1) E' membro IARU;
2) Si tratta di un'organizzazione storica, con esperienza ben consolidata e radicata nel territorio;
3) E' Ente morale, il che in qualche modo è una garanzia;
4) Quasi tutti gli radioamatore storici della mia zona ne sono membri, e in particolare lo sono alcuni di cui ho una grande stima e che mi hanno molto incoraggiato;
5) Le sezioni della mia zona lavorano abbastanza bene.

A onor del vero mi risulta esistano anche alcune sezioni gestite in modo “patriarcale”, nelle quali alcuni radioamatore con una LORO idea dell'associazione e spesso poco aperti al nuovo accentrano le decisioni su di sé, di fatti comportandosi come se la sezione fosse una pertinenza di casa propria.
Situazioni di questo tipo però si verificano in molte associazioni italiane e in un'associazione democratica come l'ARI i soci hanno tutti gli strumenti per superarle. Non a caso esistono voci critiche all'interno della stessa ARI, anche a livello nazionale.

La quota associativa di oltre 70euro è sicuramente giustificata dai costi di gestione ma soprattutto dai servizi offerti: QSL bureau, Rivista, Assicurazione antenne.
Però è altrettanto vero che, ad esempio, per un “giovane” precario che deve limitare le proprie spese (ovviamente non solo per quanto riguarda la quota associativa) non si tratta di una cifra indifferente, e purtroppo in molti ci troviamo a vivere questa condizione.

Quindi, considerato che molti neopatentati non sono interessati ai servizi di cui sopra, -personalmente credo anche che in generale sarebbe una buona idea promuovere l'uso delle eQSL- potrebbe essere introdotta una nuova “categoria” di soci che pagando una quota molto ridotta ne siano esclusi. Questa possibilità potrebbe anche essere limitata agli radioamatore patentati da non oltre 5 anni.

In questo modo i soci “junior” non comporterebbero alcuna spesa di gestione aggiuntiva e potrebbero portare energie e idee nuove. Darebbero anche un contributo finanziario poiché la quota ridotta rimarrebbe completamente nelle casse dell'associazione, e credo che di questi tempi nessuno possa permettersi di rifiutare fondi aggiuntivi, anche se limitati.

Se l'iscrizione costasse 20euro mi iscriverei immediatamente, ma stando diversamente le cose considererò di farlo solo quando sarò certo di sfruttare il QSL bureau e l'assicurazione.

Sono perfettamente consapevole che iscriversi a un'associazione è facoltativo, e posso tranquillamente rimanere not member, ciò nonostante credo che sia legittimo e utile far presente rispettosamente ciò che al momento mi trattiene dall'iscrivermi, anche perché sono convinto che molti abbiano opinioni simili alla mia.

73


Offline lucavr

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 414
  • Applausi 2
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #36 il: 09 Agosto 2011, 06:43:46 »
Ho messo piede nella sezione ARI di Verona per la prima volta venerdi scorso.

Che dire....sulle Torricelle,le colline che circondano Verona,parco antenne da paura...il tutto dentro un antico forte.

La gente è Ok,tra giovani e meno giovani la sera è passata in un attimo.

Per i soldi ragazzi....è l'eterno discorso!
Queste sono passioni.Provate a paragonarlo alla pesca e vedrete che c'è da "guadagnarci" con le radio...o con la caccia.

Poi per le passioni non si spende mai abbastanza,come sempre. 8)

Artiglieria pesante:
SS 3900 Hp  -   CObra 29 Army  -  Alan 44 "la coscia è bella..."

[URL=http://www.imagebam.com/imag

Offline LPDboy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 768
  • Applausi 3
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #37 il: 09 Agosto 2011, 10:52:30 »
Ho messo piede nella sezione ARI di Verona per la prima volta venerdi scorso.

Che dire....sulle Torricelle,le colline che circondano Verona,parco antenne da paura...il tutto dentro un antico forte.

La gente è Ok,tra giovani e meno giovani la sera è passata in un attimo.

Per i soldi ragazzi....è l'eterno discorso!
Queste sono passioni.Provate a paragonarlo alla pesca e vedrete che c'è da "guadagnarci" con le radio...o con la caccia.

Poi per le passioni non si spende mai abbastanza,come sempre. 8)


Opinione rispettabile, io invece vorrei che i miei hobby avessero il giusto peso nella mia vita e sul mio portafoglio ;-)
Ma non è questo il punto principale che volevo sollevare con il mio post, è una questione di approccio programmatico.
Secondo me con la possibilità di opting-out dai servizi e una quota associativa più bassa ci sarebbero più iscritti e più giovani.
Poi, ripeto, nulla eccepire sui serivizi e il loro costo.
73


Offline LITTORINAVELOCE 1rgk362

  • 1RGK362
  • RGK dx Group
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 478
  • Applausi 6
  • Sesso: Maschio
  • Hei Amigos...Vamos ad Hablar!!!
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #38 il: 09 Agosto 2011, 12:40:38 »
E anche vero....che qualunque e' il costo di qualche cosa.....e sempre Alto.....mi sembra di rivedere la solita scena.....scusa quanto viene?...(prima che risponde....no,no,..e troppo!!).....Hi :mrgreen: :mrgreen:...Penso che x una associazione seria,riconosciuta in tutto il mondo,e con Persone che lavorano...x la passione della radio,offrendo servizi e logistica...spesso senza un torna conto....Quei 75eu...sono il giusto compenso Annuo...da versare come TESSERAMENTO.....a un qualunque Club. :-D
Un saluto...Giuseppe.
https://www.qrz.com/db/IZ0VRT

Offline LPDboy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 768
  • Applausi 3
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #39 il: 09 Agosto 2011, 13:18:11 »
Mah avrei da opinare, ma la discussione sta prendendo una piega poco costruttiva quindi sorvolo :-)


N2oae

  • Visitatore
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #40 il: 09 Agosto 2011, 15:22:23 »
Ragazzi se la Radio é il vostro hobby principale
se siete in radio tutti i giorni se inviate diverse migliaia di qsl in un anno
come fate senza il bureau ?

La quota ARI é +/- come quella USKA , ARRL , DARC ecc
hi pure io che abito in svizzera sono socio ari
73s'

Offline LPDboy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 768
  • Applausi 3
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #41 il: 10 Agosto 2011, 19:47:24 »
Ciao Maico,

ciò che dici è corretto ma quello che vorrei si capisse è che non intendevo semplicemente fare una lagna su quanto è cara la quota associativa ma sottolineare che con una diversa politica di membership si potrebbero attrarre più soci giovani con benefici sia per loro sia per l'associazione.

Personalmente mi piacerebbe di più che uno studente squattrinato di 20 anni si sentisse rispondere "Non possiamo offriti i servizi gratis ma sei comunque il benvenuto e puoi diventare socio junior" piuttosto che "Ci disipiace ma noi siamo un faighissimo club esclusivo e le nostre tariffe sono il linea con quelle dei nostri omologhi club in altri paesi".
Tutto questo nell'ottica della filosofia proposta da ciruzzo su un altro topic che in sostanza condivido sebbene a un livello molto più soft.

Lo ripeto ancora per non essere frainteso, i servizi offerti giustificano la quota associativa ma se la si confronta con la membership fee di altre associazioni internazionali di ottimo livello (che non prevedono l'offerta di servizi) è oggettivamente alta.

73

PS
Da notare che molti iniziano con VHF e superiori e quindi non hanno particolare necessità d'inviare QSL
« Ultima modifica: 10 Agosto 2011, 19:49:11 da LPDboy »


Offline ik1npe

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2420
  • Applausi 132
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • http://it.wikiloc.com/wikiloc/find.do?q=biancpier&s=id
    • E-mail
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #42 il: 10 Agosto 2011, 20:38:05 »
   Salve, vorrei dire che c'è già una quota soci juniores ed anche una per i soci non radioamatori cioè ARI radio club.
Rispettivamente per i soci juniores 36.00 € e per i ARI radio club di 64.00 € oppure per i giovani sotto i 18 anni di 32.00 €.
Pe altre informazioni andate nel sito www.ari.it oppure in quelli della sezione a voi più vicina.
          73 de ik1npe

Offline LPDboy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 768
  • Applausi 3
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #43 il: 10 Agosto 2011, 21:11:49 »
Interessante, grazie!

Potresti postare il link alla sezione del sito dove hai trovato queste informazioni? Non sono riuscito a trovarla.

Grazie ancora.


Offline LuckyLuciano®

  • 1RGK075
  • RGK dx Group
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 18828
  • Applausi 136
  • Sesso: Maschio
  • Cb Luciano TIGRE- Paesano 100%
    • Mostra profilo
    • http://www.elaborare.com
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #44 il: 10 Agosto 2011, 21:20:43 »
   Salve, vorrei dire che c'è già una quota soci juniores ed anche una per i soci non radioamatori cioè ARI radio club.
Rispettivamente per i soci juniores 36.00 € e per i ARI radio club di 64.00 € oppure per i giovani sotto i 18 anni di 32.00 €.
Pe altre informazioni andate nel sito www.ari.it oppure in quelli della sezione a voi più vicina.
          73 de ik1npe


Io so che a Torino costa 70e e basta.
Non si può descrivere la passione, la si può solo vivere®
La stanchezza passa, le ferite guariscono, la gloria...è eterna©
Homines, dum docent, discunt™

Offline lucavr

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 414
  • Applausi 2
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #45 il: 10 Agosto 2011, 22:03:35 »
60 euro di corso radioamatore  compreso di libro alla sezione ARI VERONA EST.
Dai su....niente di inarrivabile.Poi dura per sempre.

Niente a che vedere con i 2300 Euro di patente DE e 2000 euro di CQC...... :P
Artiglieria pesante:
SS 3900 Hp  -   CObra 29 Army  -  Alan 44 "la coscia è bella..."

[URL=http://www.imagebam.com/imag

Offline LPDboy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 768
  • Applausi 3
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #46 il: 10 Agosto 2011, 22:13:38 »
Ciao Luca,

non mi riferivo al costo del corso, quella è un 'altra storia :-) la patente ??? e la patente @@@ non ho nemmeno idea di cosa siano  :grin:  :birra:

Offline ik1npe

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2420
  • Applausi 132
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • http://it.wikiloc.com/wikiloc/find.do?q=biancpier&s=id
    • E-mail
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #47 il: 10 Agosto 2011, 22:40:02 »
Interessante, grazie!

Potresti postare il link alla sezione del sito dove hai trovato queste informazioni? Non sono riuscito a trovarla.

Grazie ancora.
Salve, non è un link è quello che c'è scritto nella Radio Rivista oltre alla quota di socio ordinario di 72 € .
 73 de ik1npe


Offline LPDboy

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 768
  • Applausi 3
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #48 il: 10 Agosto 2011, 22:42:38 »
Grazie è comunque un'informazione molto utile

ciruzzo

  • Visitatore
Re: ARI Quanto sei cara
« Risposta #49 il: 10 Agosto 2011, 22:50:05 »
Personalmente mi piacerebbe di più che uno studente squattrinato di 20 anni si sentisse rispondere "Non possiamo offriti i servizi gratis ma sei comunque il benvenuto e puoi diventare socio junior" piuttosto che "Ci disipiace ma noi siamo un faighissimo club esclusivo e le nostre tariffe sono il linea con quelle dei nostri omologhi club in altri paesi".

Condivido.
Se non altro perché, pur non avendo prova di ciò che sto per dire, suppongo che l'ARI abbia anche finanziamenti dallo stato.
Non vedo perché un'associazione se finanziata dallo stato (soldi dei contribuenti) dovrebbe pure chiedere denaro extra.
« Ultima modifica: 10 Agosto 2011, 22:53:46 da ciruzzo »