Autore Topic: antenna e valvole con alta tensione  (Letto 455 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline matteo_

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 191
  • Applausi 4
    • Mostra profilo
  • Nominativo: gabe
antenna e valvole con alta tensione
« il: 29 Gennaio 2022, 12:50:46 »
Ciao a tutti, volevo chiedere una cosa veloce, diciamo che non ho un idea ben chiara di quello che voglio fare, ed sono delle prove e dubbi che voglio chiarire

leggendo un libro/pdf, ho letto i valori in tensione che possono toccare alcune antenne con tot watt, quello che mi viene da pensare, e che si comportano come fosse un dc to dc in aria, ma le tensioni sono abbastanza alte, quindi se io provo a costruire un lineare valvolare con la 230V facendo tanti watt, non rischio che l’antenna stessa diventi pericolosa?




inviato iPhone using rogerKapp mobile


Offline i5wnn

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 714
  • Applausi 34
    • Mostra profilo
Re:antenna e valvole con alta tensione
« Risposta #1 il: 29 Gennaio 2022, 13:54:37 »
Ciao a tutti, volevo chiedere una cosa veloce, diciamo che non ho un idea ben chiara di quello che voglio fare, ed sono delle prove e dubbi che voglio chiarire

leggendo un libro/pdf, ho letto i valori in tensione che possono toccare alcune antenne con tot watt, quello che mi viene da pensare, e che si comportano come fosse un dc to dc in aria, ma le tensioni sono abbastanza alte, quindi se io provo a costruire un lineare valvolare con la 230V facendo tanti watt, non rischio che l’antenna stessa diventi pericolosa?




inviato iPhone using rogerKapp mobile
L'antenna non è DC DC ma ac ac (rf). Per il lineare a 230 volta non immette anodica nell'antenna (c è un condensatore di isolamento) ma solo RF. Se applichi la legge di ohm e conosci l'impedenza nnel punto dove vuoi fare le misure in base alla potenza puoi determinare la tensione. Comunque mettere le mani su una antenna quando trasmette e cosa sconsigliabile assai. Le bruciature da rf sono dolorose e impiegano tempo a guarire (esperienza diretta)

inviato ANE-LX1 using rogerKapp mobile


Offline ri-"ottone"

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 594
  • Applausi 46
  • Sesso: Maschio
  • CortoCircuito ergo sum! 73 - Max, Roma.
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: iz0yza
Re:antenna e valvole con alta tensione
« Risposta #2 il: 29 Gennaio 2022, 16:10:13 »
Lo stesso problema, in ogni caso, ci sarebbe alimentando la medesima antenna con pari potenza generata da un lineare a transistor a 12 volt. Nè più, nè meno
La minaccia alcolica!

Offline AZ6108

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2844
  • Applausi 50
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:antenna e valvole con alta tensione
« Risposta #3 il: 29 Gennaio 2022, 16:53:40 »
L'antenna non è DC DC ma ac ac (rf). Per il lineare a 230 volta non immette anodica nell'antenna (c è un condensatore di isolamento) ma solo RF. Se applichi la legge di ohm e conosci l'impedenza nnel punto dove vuoi fare le misure in base alla potenza puoi determinare la tensione. Comunque mettere le mani su una antenna quando trasmette e cosa sconsigliabile assai. Le bruciature da rf sono dolorose e impiegano tempo a guarire (esperienza diretta)

anche quelle da "anodica"; se ti va bene ti fa "solo" un forellino da parte a parte  [emoji85]


Offline matteo_

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 191
  • Applausi 4
    • Mostra profilo
  • Nominativo: gabe
antenna e valvole con alta tensione
« Risposta #4 il: 29 Gennaio 2022, 19:04:50 »
si effettivamente non è dc to dc (neanche il dc to dc e dc dopo, ma viene raddrizzato), ma era un esempio di qualcosa di simile ma in aria

alla fine ho tirato fuori come esempio le valvole, ma anche i transistor a bassa tensione è lo stesso, perché i condensatori separano la continua, creando dell’alternata, i transistor e valvole sono circuito chiuso, variano la loro resistenza generando corrente e caricando i condesatori, esempio un amplificatore d’audio, quelli d’oggi che fanno gli ibridi, usano triodi ad alta tensione come pre-amplificazione e poi finali al silicio

ma il problema indipendentemente dalla tensione del dispositivo sta, nei watt d’uscita, più sono alti più bisogna stare attenti, e io ora volevo far dei finali con dei transitor o valvole, credo valvole visto che ho dei pentodi abbastanza grossi

ma appunto mi fa un po che controllare antenne e onde stazionarie, ed volevo appunto chiedere pareri se sono io che mi preoccupo per niente o ci sono dei modi per evitare di rompere tutto oltre alle misure che da quel che ho capito e meglio evitare

inviato iPhone using rogerKapp mobile
« Ultima modifica: 29 Gennaio 2022, 19:08:08 da matteo_ »