Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - IK3OCA

Pagine: [1] 2 ... 16
1
discussione libera / Re:Ridiamoci sopra... Video corso per CB
« il: 29 Luglio 2022, 08:45:15 »
Voglio emigrare su Marte.

2
Adocchiato il maledetto inverter meglio il fuoco o una carabina? :)

73 Rosario

3
discussione libera / Re:Modulo Denuncia Disturbi Radio
« il: 28 Luglio 2022, 18:05:04 »
Salve, parole come "non serve a nulla" a proposito di pubblica amministrazione NON devono essere dette, perchè toglie anche quel barlume di speranza a chi della P.A. vuole fidarsi.
E' farsi male da soli e far male agli altri.

La P.A. ha DOVERE di eseguire i compiti per cui è chiamata, e ne sono personalmente responsabili di dirigenti.

Per cui se per mala gestione o solo temporanea difficoltà non si ottiene il servizio richiesto, questo va richiesto nuovamente, sempre per raccomandata a.r. o pec, aggiungendo che in caso di mancata risposta si provvederà (e lo si dovrà fare, ci sono i link appositi) a termini di legge.

Quindi cittadini radioappassionati, calci in culo ai disfattisti e pretendiamo fermamente l'assolvimento dei nostri diritti.
Io l'ho sempre fatto e ho sempre ottenuto.

73 Rosario


4
@AZ6108 grazie per la tua opinione.
Io credo che in primis bisogna conoscere i diritti che si hanno e il modo di farli valere, solo in secondo luogo va bene tentare un approccio con i vicini, con il rischio però di giungere a nulla di concreto nella ricerca della fonte del disturbo, mica abbiamo gli strumenti del MISE... e in seguito nella nella spiegazione siccome il disturbo proviene dall'alimentatore del pannello solare (o cos'altro) allora toccherà a lui stesso vicino - svanita l'incredulità - a provvedere a farsi sostituire l'aggeggio con un altro più a norma, affrontando anche le rimostranze dell'installatore che si farà in 4 per spiegare che il coso è di buona marca ecc.

Sicuramente la strada del colloquio è opportuna se si ha la fortuna di trattare con persone ragionevoli, salvo la certezza di individuare con i nostri mezzi la fonte del disturbo, io però sottolineavo che quella strada non è nè l'unica nè la più sicura, e anzi che il vicino, di fronte ai funzionari dell'ispezione, dovrà fare solo buon viso a cattivo gioco risolvendo così velocemente una situazione che potrebbe, altrimenti, portare a inimicizie e sofferenze.

73 Rosario

5
... aggiungo che il diritto di non essere disturbato non riguarda solo i radioamatori, ma tutti gli utenti della radio, e che il MISE è obbligato ad intervenire in tutti i casi, secondo la normativa nazionale e quella internazionale accolta dall'Italia.

73 Rosario

6
Sezione Amministrativa / Re:Diritto d'antenna...
« il: 27 Luglio 2022, 19:19:18 »
Salve, dico anch'io la mia. Intanto bisogna capire se l'antenna va installata in un'area condominiale o in un'area privata, e su questo punto non dice nulla nè la vicinanza degli edifici nè le eventuali separazioni fisiche, nè la contabilità separata, ma solo se l'area appartiene a tutti i condomini (= condominiale) in quota parte delle loro proprietà, oppure che non sia così.

Se l'area è condominiale (si rileva al catasto o te lo dice l'amministratore) tu hai diritto, facendo attenzione a non ledere i diritti altrui, di installare la tua antenna.

E a questo proposito non conta nulla che tu sia radioamatore, o SWL, o semplice utente della radio, perchè la legge sulle antenne riguarda tutti i casi di installazione di un'antenna indipendentemente dalla sua finalità.

Ti invito quindi a verificare la situazione della comproprietà e, per quanto riguarda gli amministratori di condominio, ho trovato che non è purtroppo raro che sparino stupidaggini o per ignoranza e presunzione o per cavarsi di dosso una faccenda che non vogliono affrontare, quindi piedi di piombo sulle parole dell'amministratore di condominio.

1000 auguri e non demordere.

73 Rosario


7
Salve, l'attività di radioascolto e di radioamatore è sancita da leggi e come tale gode di protezione.
Abbiamo quindi diritto a chiedere un'indagine da parte del MISE, anche a norma delle leggi che vietano i disturbi, e a sollecitarla se non si sbrigano.

73 Rosario

8
discussione libera / Re:Modulo Denuncia Disturbi Radio
« il: 20 Luglio 2022, 19:08:44 »
Salve Arnaldo e ciao a tutti!
In tema di denuncia di radio disturbi il format di comunicazione di denuncia non è obbligatorio, ma solo suggerito.

Da parte mia effettuai una denuncia con il testo che allego, che, come si vede, è diverso da quello suggerito, anche se ne contiene tutti gli estremi, da cui ho depennato solo le mie generalità; la inviai per raccomandata a.r. La persona di cui ho fatto nome è il responsabile per i disturbi nella zona circostante.

Dopo circa 7 mesi avvenne una "retata" di operatori più o meno legittimati ad usare la radio e da quel momento i disturbi sparirono.

Personalmente non mi sento di bacchettare chi, senza autorizzazione, esce in radio in trasmissione, è un po' la storia dei principianti, ma se uno si mette stupidamente, di propostito, a disturbare i radioamatori, allora merita i metaforici "calci in culo" di cui sopra.
Ho notizia che con la retata venne effettuato il sequestro delle apparecchiature, dei dispositivi ad esse collegabili, e delle antenne.

Resto disponibile per eventuali consigli.

73 Rosario

9
Dattero, se la scaletta non irradia nemmeno riceve.
Augh :)
+ 73 Rosario

10
Autocostruzione / Re:RADIO GALENA autocostruzione semplice
« il: 17 Luglio 2022, 19:53:17 »
@Nic ci sono gallene per SSB, basta alimentarle a granturco pressurizzato a 24 volt.


11
@Dattero: parliamo di irradiazione della discesa e non dei bracci dell'antenna.
Questi ultimi irradiano e ricevono.
:)

73 Rosario

12
Calma, stiamo uscendo dall'argomento, che ultimamente era se la discesa della G5RV normalmente irradia o no.
Io dico che, fuori da casi di mala disposizione meccanica, non deve irradiare e non lo fa.
Però temo che ci stiamo rischiando di scivolare in polemica con sì e no e poche spiegazioni.
Per la stima e il rispetto che ho in ciascuno degli intervenuti questo non lo vorrei mai.

73 Rosario





13
Salve Arnaldo e scusa per il refuso, ciao a tutti!
Arnaldo non dubito su quanto racconti riguardo all'irradiazione della linea di alimentazione della tua G5RV, ma avrai notato anche tu che a volte si possono prendere fischi per fiaschi non sui fatti osservati, ma sulle loro spiegazioni.
L'alimentazione di un'antenna con linea a scaletta anzichè con cavo coassiale non genera eccezioni riguardo alla creazione di una terza corrente (la I3) che rende irradiante non solo il cavo coassiale, ma qualunque altra linea, compresa quella a scaletta.
Quindi viene da pensare che proprio questa sia stata la causa dell'irradiazione della linea, e ciò anche andando per esclusione: cos'altro potrebbe essere stato?
Le correnti lungo la scaletta sono uguali e opposte, quindi si annullano a vicenda, per cui la linea non può irradiare.
Ma ciò non avviene se uno dei due conduttori della linea viene  connesso un estremo, cioè alla base, ad una connessione diversa da quella dell'altro conduttore, cioè uno dei due al PL e quindi alla carcassa del trasmettitore, mentre l'altro viene connesso al centrale, di caratteristiche diverse.
Questa potrebbe essere un'ipotesi che calzante, salvo che la linea si sia sbilanciata diversamente dall'altra (= generazione della I3) passando vicino a qualche corpo, come muri o altro, o che ciò sia avvenuto ad un braccio dell'antenna.

Ma, in ogni caso, se ammettiamo - per principi fisici e verificata sperimentazione - che una linea a scaletta per sue caratteristiche non può irradiare, salvo casi del genere di quelli anzidetti, siamo costretti a cercare spiegazioni diverse da quella che hai formulato, di tipica irradiazione verticale.

73 Rosario








14
... dimenticavo: il noto e competente W8JI riguardo alla funzione di radiatore verticale della G5RV sostiene che si tratti di uno dei tanti miti che si trovano su Internet:

"... The G5RV, fed the normal way, is a simple doublet antenna and the 300 ohm section is just a non-radiating matching section. The idea the matching section radiates a vertical signal is just some silly Internet myth."   

https://www.w8ji.com/g5rv_facts.htm

ri-73 Rosario

15
@Armando e ciao a tutti!
L'uso di una G5RV come radiatore verticale cortocircuitando gli estremi della linea di alimentazione e mettendo a terra l'altro conduttore si può fare anche con un dipolo e costituisce un uso intelligente ma improprio della G5RV, la cui discesa è stata pensata come adattatore di impedenza, stando anche alle parole del compianto Louis Varney G5RV.

Le medesime caratteristiche di irradiazione della G5RV si possono ottenere sostituendo parte o tutta la discesa con un accordatore d'antenna (v. Antenna compendium by ARRL) ad indicazione della specifica funzione di adattatore d'impedenza della discesa di lunghezza calcolata.

L'ulteriore materiale proposto da Armando non dimostra l'assunto di radiatore verticale della discesa, se questa era l'intenzione.

@Dattero la funzione della discesa calcolata della G5RV si esplica in tutte le bande e ciò è indicato anche nel materiale suggerito da Armando.

73 Rosario




16
opsss.... dimenticavo per Armando: nella G5RV la discesa di lunghezza calcolata funge solo da adattatore di impedenza e non è parte radiante del sistema di antenna per i noti motivi di vicinanza di correnti opposte, non bisogna confondere questo con situazioni come la Carolina Windom dove la discesa effettivamente irradia.

73 Rosario



17
Grazie a tutti per le risposte e i suggerimenti; mi pare che il discorso si concentri sulle perdite del coassiale, e non capisco perchè debbano essere superiori a quelle che c'è da aspettarsi da metà delle perdite normali del cavo (2 cavi in parallelo = perdite metà...).
Ovviamente la lunghezza del cavo è determinante.
In conclusione: mi è parso di capire, secondo quanto ho letto, che la scaletta è sostituibile dai due cavi, con il vantaggio dell'insensibilità agli oggetti circostanti e la simmetria, e lo svantaggio in funzione della lunghezza di percorso e del ROS (ma quante saranno...? anche le scalette hanno perdite).

Grazie ancora 73 Rosario







18
Autocostruzione / Re:Accordatore 3 bande Wire antenna Upgrade
« il: 15 Luglio 2022, 14:30:58 »
Salve Nic e ciao a tutti! Per l'accordatore di antenna il mercato ne offre moltissimi ed è difficile incontrare uno che non vada.

L'autocostruzione invece è un po' difficile, perchè non si tratta solo di spaziatura dei condensatori variabili, ma anche di qualità dei commutatori, che DEVONO essere preferibilmente di ceramica o porcellana e di qualità complessiva del cablaggio.

Per i condensatori variabili tieni presente che la spaziatura dev'essere di 3 mm. per kilovolt, che anche in quel caso devono essere costruiti su ceramica o porcellana o altro isolante di ottima qualità, e che al kilovolt si arriva presto se il ROS è appena elevato.

Le bobine costruite con filo avvolto serrato possono dare scariche e perdite da spira a spira, quindi anche le spire conviene che siano distanziate e non di filo non troppo sottile, dato l'effetto pelle.

Per darti un'idea pratica sulla costruzione basta che tu veda come sono costruiti all'intenro gli accordatori commerciali, le foto le trovi nella loro pubblicità, ecco qualche esempio:
https://lefars.org.uk/WPblog/wp-content/uploads/2017/07/34971200054_fad2f2434f_k-1024x576.jpg

https://external-content.duckduckgo.com/iu/?u=https%3A%2F%2Ftse3.mm.bing.net%2Fth%3Fid%3DOIP.96Yx74EnHVEEbZcZj7E7awHaE8%26pid%3DApi&f=1

https://external-content.duckduckgo.com/iu/?u=https%3A%2F%2Ftse1.mm.bing.net%2Fth%3Fid%3DOIP.6eO2vq11n7zK73ciyqnLaQHaFj%26pid%3DApi&f=1

Come vedi anche il supporo della bobina dev'essere a bassa perdita o in aria.

73 Rosario


19
Autocostruzione / Re:RADIO GALENA autocostruzione semplice
« il: 15 Luglio 2022, 14:02:46 »
Si vede che non te ne intendi di radio a gallina dato che non specifici se si debba trattare di gallina semplice, o gallina trevisana, faraona, chicchina, ecc.
Devi fare un corso.
73 Rosario

20
Salve, prendiamo 2 cavi coassiali di impedenza nota, per esempio 2 cavi RG213, colleghiamo assieme le calze e usiamo i centrali per collegare l'antenna da un lato e il trasmettitore dall'altro.
I sapienti dicono che l'impedenza complessiva è la somma dell'impedenza di ciascun cavo, quindi 50 + 50 = 100 Ohm.

Domando: l'insieme così realizzato può sostituire una discesa a scaletta, impedenza a parte, offrendo il vantaggio di insensibilità alla vicinanza dai muri ecc.?
In passato realizzai una cosa del genere in HF con 2 cavi per TV da 75 Ohm, quindi impedenza complessiva di 150 Ohm, ma siccome la lunghezza complessiva era una decina di metri, data la corta lunghezza della discesa non potevo accorgermi dei vantaggi o degli svantaggi, ma solo constatare che il tutto funzionava, dopo aver eseguito l'accordo.
L'antenna in uso presentava un'impedenza intorno ai 100 Ohm.
Chiedo inoltre se le due calze, collegate assieme, sia opportuno che vadano messe a terra.

Grazie a chi saprà dire qualcosa, la mia ipotesi è che il tutto si presti a sostituire vantaggiosamente la scaletta, ma non ho il conforto di altre esperienze o nozioni.

73 Rosario


21
Amplificatori lineari / Re:Info lineare microset 27-100
« il: 10 Luglio 2022, 00:52:03 »
Salve, qualunque lineare amplifica ciò che gli viene immesso senza differenze sul modo: ssb, am, fm, ecc.
Può solo accadere che in SSB la costante di tempo del VOX inserito nel lineare lo sganci troppo presto quando smetti di parlare, questo è da sperimentare e in tal caso necessiterebbe una regolazione facile, ma se ciò non accade vai tranquillo.

73 Rosario



22
@ AZ6108 e per tutti: come non lodare lo sforzo che compie Geremia nello spiegare l'avvenuto: ma quanti capiranno o vorranno semplicemente leggere fino in fondo?

Io credo che, salvo successivi approfondimenti, si debba adattare il dialogo e la terminologia al genere di interlocutori che si ha di fronte, considerando che anche i meno preparati devono poter capire.

73 Rosario

23
@AZ61O8 esatto e concordo, il discorso implicava questo, ma io di solito cerco di evitare disquisizioni teoriche perchè nè a tutti interessano, nè vengono sempre intese, così non appesantisco il discorso e rendo più agevole il da farsi.
Se poi qualcuno vorrà sapere dei perchè, ne sono disponibile per quanto mi è dato di sapere.

73 Rosario



24
Salve, bisogna intanto conoscere la frequenza in uso.

In ogni caso, cambiando la lunghezza del cavo il ros che si legge alla base può cambiare e ciò avviene in misura maggiore se l'antenna è disadattata.
Fai questa prova: misurando il ros alla base del cavo stringi il cavo con una mano e, se così facendo, il ros cambia, questo è sintomo che l'antenna non è adattata.
Con ciò intendo dire che il cavo, quando l'antenna non è "risonante", la presenza del cavo modifica il ros letto alla base; basti dire che esistono accordatori d'antenna formati solo da varie lunghezze di cavo coassiale commutabili (da Antentop).
Cosa fare? Se il ros letto alla base non è altissimo invece di impazzire usa un accordatore e amen: l'effetto in termini di potenza irradiata, se la linea non è maledettamente lunga in relazione alla frequenza, le perdite saranno trascurabili.

Altrimenti diventa scemo per ritarare il misuratore, salire sul tetto per misurare l'antenna, eccetera.
Vale la pena?

Mi perdonino i puristi.

73 Rosario








25
@ri-"ottone" ciao e ciao a tutti!
Secondo me in tema di radiali e antenne end fed sei in contraddizione, perchè se da un lato sostieni la fallacia della teoria che le antenne end fed abbiano bisogno di radiali, dall'altro lato sostieni (parole tue):
- che in ogni caso lo stilo radiante cercherà un accoppiamento capacitivo tale da chiudere le sue correnti ad RF in maniera efficiente indipendentemente dai radiali;
- e che la calza del cavo coassiale in rame diventa in genere un ottimo radiale (leggere bene: "radiale").

Visto che ammetti - giustamente - che il ritorno delle correnti a RF è necessario, appare la logica necessità che vi sia un qualcosa consenta tale ritorno, e questo qualcosa si concretizza in pratica, al meglio, sotto forma di radiali.
O anche in altra forma che funga al medesimo scopo in condizioni di efficienza, quali reti per polli, il palo metallico che sostiene la Ringo, e per ultimi, con maggiori perdite, la calza del coassiale, oggetti vicini, eccetera.

Augh! + 73 Rosario






26
Yaesu / Re:Mfj 993B
« il: 07 Luglio 2022, 14:27:20 »
Salve, calma, le cose possono essere diverse: se senza parlare al microfono si legge una potenza diretta (FWD = forward = diretta) può significare che esca un po' di potenza per uno dei seguenti motivi:
- il microfono capta del rumore nell'ambiente;
- il microfono o lo stadio successivo di amplificazione generano del rumore di fondo;
- la portante (in SSB la portante e una delle due bande laterali vengono soppresse) non è sufficientemente soppressa ed è quindi necessaria una regolazione, di solito ad un trimmer capacitivo, a microfono staccato.

Riguardo al possesso o meno di un'autorizzazione di radioamatore o di cultura equivalente nella partecipazione a questo forum io direi, mi si permetta questa opinione, che lo scopo di un forum come questo è di istruire e di scambiare opinioni, e non (nessuno si offenda per favore) di fare i carabinieri o i bacchettoni, per cui, sempre secondo me, sono legittimati a partecipare qui tutti i radioappassionati, sapienti, o ignoranti, o CB, o radioamatori, e tutto il restante bestiame vario.

73 Rosario








27
discussione libera / Re:Nuovo inquinamento elettromagnetico
« il: 07 Luglio 2022, 13:02:45 »
Salve, se si vuol parlare di roba fatta e disfatta, come il dissalatore che accenna Acquario58, il discorso rischia di non aver fine; io ricordo le belle pale eoliche al termine del lago di Resia, che ad un certo punto sono state tolte perché (udite udite) "disturbavano il paesaggio".
Quella spazzatura umana che circola negli ambienti delle opere pubbliche non viene messa nella discarica che merita e il parlamento pare che abbia altro da fare che punire nei modi che vorremmo gli sprechi del nostro denaro.

73 Rosario

28
discussione libera / Re:Nuovo inquinamento elettromagnetico
« il: 07 Luglio 2022, 12:52:37 »
Salve, il titolo del post che ho messo io, all'inizio, era corretto, poi è cambiato.
Misteri? :) 73 Rosario

29
discussione libera / Re:Nuovo inquinamento eletrromagnetico
« il: 07 Luglio 2022, 09:36:34 »
Il colpevole dello svarione sono io e non so come correggere il titolo, chiedo pietà :)

73 Rosario

30
Salve Nikis e ciao a tutti! Nikis chi ha pensato quel regolatore se n'è fregato della legislazione europea che impone di non creare disturbi, ma putroppo il male è diffuso e al momento poco appare il da farsi.
Direi che per operazioni in portatile la cosa più pratica è staccare il pannello solare quando usi la radio e andare solo a batteria, e caricare la batteria quando non usi la radio; peraltro se usi la radio di sera o di notte il pannello e il relativo regolatore sono inutili e si possono staccare.
In alternativa potresti usare un generatore elettrogeno con motore a scoppio (non costano poi troppo); dipende dalle potenze che desideri impiegare.
Filtrare le emissioni del regolatore inserendo un filtro nel cavo di alimentazione è un'operazione di risultato aleatorio perchè le interferenze viaggiano anche via radio, ma tentare non nuocerebbe.
Anche allontanare il pannello e relativo regolatore può giovare, si tratta di fare prove, ma terrei questo tentativo per ultimo.

73 Rosario


31
discussione libera / Re:Nuovo inquinamento eletrromagnetico
« il: 29 Giugno 2022, 19:31:02 »
Salve, grazie dei contributi.

L'EMC test suggerito da Armando però non riguarda, per evidenti differenze di frequenze, le emissioni elettromagnetiche all'interno delle automobili elettriche che sono prevalentemente confinate in frequenze bassissime.

Ho dato un'occhiata in vari siti anche stranieri e non ho trovato risposte tali da far discernere come valutare il problema: certuni dicono che non si hanno dati.

Ho anche impressione che altri, che pubblicano studi, siano ricorsi al trucchetto di commissionare lo studio a diversi ricercatori e, stanti le normali differenze statistiche, di pubblicare solo quelli più convenienti tacendo gli altri; questo in medicina avviene con maialesca frequenza.

Ricordando il fragoroso silenzio stampa sui telefoni cellulari che avvenne quando a suo tempo si parlò di inquinamento elettromagnetico, proverò a cercare ancora.

73 Rosario

32
discussione libera / Nuovo inquinamento elettromagnetico
« il: 29 Giugno 2022, 11:56:14 »
Salve, lo so che può fare fastidio e anche dubbi, specialmente a noi radioappassionati, quando si sente parlare di inquinamento elettromagnetico, ma pare proprio che in determinate circostanze  intensi campi elettromagnetici non giovino alla salute.
Non mi dilungo ora sulle fonti di questo tema per non innescare una discussione sul sì e sul no, ma pongo una domanda che non ho trovato in alcun media: supponendo (sì, supponendo) che intensi campi elettromagnetici possano provocare danni alla salute, cosa pensare del campi elettromagnetici che verranno emessi dai motori dai veicoli elettrici specialmente all'interno dell'abitacolo, dato che se ne è deciso l'obbligo mettendo fuori legge tra pochi anni la produzione di veicoli con motore endotermico?
Corollario: ve l'immaginate il QRM che possono produrre i motori elettrici dei veicoli?

73 Rosario

33
Radio Ascolto / Re:Stop trasmissioni Rai onde medie
« il: 27 Giugno 2022, 11:45:47 »
Salve, mi piacerebbe conoscere i motivi dell'abbandono della RAI alle onde medie: non credo che l'audience sia stata tanto misera stante la quantità di radio che è in giro atte a ricevere le onde medie e il regime di monopolio di fatto della RAI in quelle frequenze, non affatto detenuto in FM o in Internet: solo i programmi televisivi le possono assicurare dell'audience, da cui sono però assolutamente esclusi i numerosissimi automobilisti durante i loro viaggi.
Un'ipotesi che mi balena addosso è che vi sia stato un accordo con alcune emittenti private in FM che si impegneranno a diffondere con vari sistemi la voce e volontà mediatica del regime politico di turno.

73 Rosario

34
discussione libera / Re:Problema condominiale
« il: 25 Giugno 2022, 19:49:21 »
Salve, non concordo su quanto si dice riguardo al generalizzato diritto degli amministratori di condominio di chiedere ogni sorta di certificazioni: tali richieste non vanno inventate, ma devono  essere GIUSTIFICATE in base alla normativa corrente.

L'amministratore di condominio DEVE quindi indicare e precisare i motivi delle sue argomentazioni: certificazioni di chi? e riguardo a cosa, antenna, sostegni, intralcio all'uso comune degli spazi, ecc., e in base a quale normativa?

Se non fosse così si giustificherebbe il diritto dell'amministratore di porre un veto in base ad un semplice "non si può", il che non può essere.
E compirebbe un abuso, sanzionabile e risarcibile, ogni volta che che immotivatamente recasse intralcio al diritto di chi legittimamente intende installare un'antenna.

73 Rosario







35
discussione libera / Re:Problema condominiale
« il: 25 Giugno 2022, 12:47:28 »
Salve, c'è un punto omesso: l'amministratrice chiede tutte quelle cose. ma ha diritto di richiederle?

Vista la frequente fantasiosa competenza di molti amministratori di condominio riguardo alle norme radio, io inizierei scrivendole per raccomandata di precisare cosa lei chiede, indicando altresì a quali norme di legge si riferisce che la inducono a formulare quelle richieste, precisando anche che, in difetto di tali motivate indicazioni, senz'altro provvederai all'installazione di ciò che desideri.

73 Rosario

36
Salve, a proposito di fedeltà all'autocostruzione io direi, da autocostruttore, di stare in equilibrio: l'autocostruzione va bene quando, benchè divertente, diventa anche conveniente, se no facciamo i maniaci.
Direi che l'optimum consiste nel cercare via via le soluzioni più opportune, di qualsiasi genere siano, tenendo conto della difficoltà di ciò che si intende fare e del nostro bel gusto di radioappassionati.

73 Rosario

37
Ho dato un'occhiata: su Amazon c'è qualcosa, su Ebay anche, ma c'è anche altro in giro a prezzi decisamente più convenienti.

38
Ho visto, ma su quel sito il prezzo mi pare esageratissimo. Dovrebbe esserci qualche altra ditta con offerte migliori.

73 Rosario

39
Salve, a proposito della proposta di impiegare un accordatore d'antenna per far funzionare la Mantova 1 anche in 28, qualcuno ribatte che la riduzione del ROS non migliora le performances dell'antenna, lasciando intendere che necessiti assolutamente cambiare le caratteristiche fisiche della stessa.

L'obiezione mi pare erronea per i seguenti motivi:
- è vero che l'adozione di un adattatore di impedenza non migliora le performances dell'antenna, quali capacità di irradiazione e simmetria, ma nemmeno le peggiora: quando avviene l'adattamento di impedenza tutta l'energia del trasmettitore viene trasferita all'antenna, che la irradia TUTTA (W2DU docet).
- la vicinanza di frequenze fra la 27 e la 28 MHz non modifica sensibilmente nemmeno il lobo di irradiazione.

Conseguentemente resta opportuna l'adozione dell'accordatore.

Necessiterebbe, a riprova, un'analisi a mezzo di apposito software.

73 Rosario


40
@AZ6018 mi pare che non ci capiamo e necessita chiarire: non sostengo di eliminare un dispositivo di adattamento di impedenza, quale potrebbe essere anche un balun trasformatore 4:1, 9:1 ecc., ma di evitare l'impiego di quel genere di dispositivi in sostituzione di un accordatore d'antenna perchè:
- non garantiscono l'adattamento di impedenza a causa del  rapporto fisso di trasformazione, per cui solo in rari casi  l'antenna può presentare impedenze adatte al loro impiego, dato che un'antenna può presentare svariatissime impedenze in funzione della frequenza;
- in caso di antenne "magiche" come sembra quella in esame, perchè non sufficientemente bilanciate avendo eliminato o ridotto contrappesi o radiali, un dispositivo del genere mangerebbe potenza riscaldandosi, come ha spiegato a suo tempo Davide IZ2UUF nel link riportato nei post precedenti le cui ragioni qui non ripeto.

L'impiego generalizzato di quei balun a trasformazione di impedenza è provenuta dall'idea che siano in grado di sostituire, risparmiando, un più costoso accordatore d'antenna, idea falsa messa in giro da disinformazione in web e non valutata da chi intende impiegarli.

Spero di aver chiarito :)

73 Rosario




41
Salve, prima di avviare modifiche bisognerebbe sapere che ROS presenta l'antenna nelle frequenze desiderate dei 28 MHz: se non è troppo alto e il cavo è decoroso (no RG58) e non troppo lungo si può impiegare un accordatore, subendo perdite minime e vivere felici e contenti.

73 Rosario

42
Salve, AZ6108 (ciao a tutti!) temo che parliamo di cose diverse.
Con l'adozione di quei trasformatori a larga banda - balun 4-8-16 ecc.:1 si ottiene la riduzione del ROS a prezzo di uccidere le prestazioni dell'antenna.

Basti quantomeno pensare che un'antenna presenta diverse impedenze in relazione alla frequenza, quindi con l'inserimento di un balun a trasformazione a rapporto fisso (4:1, 9:1 ecc.) NON si ottiene, nella maggior parte dei casi, il desiderato adattamento di impedenza, ma, al contrario, disadattamenti anche maggiori di quelli che si verificherebbero SENZA quel  balun: tutto questo non si ottiene con un accordatore, che invece adatta l'impedenza caso per caso.

Quindi sia chiaro che il discorso non riguarda i balun 1:1 in quanto simmetrizzatori, ma solo quelli a trasformazione di impedenza.

Gli ingannevoli risultati dell'inserimento di quei balun a trasformazione sono stati ben spiegati e dimostrati da Davide IZ2UUF nei suoi ottimi commenti su un'antenna multibanda di quel genere, e proprio questo è il cuore del discorso, riporto le sue parole:

"viene impiegata una resistenza dissipativa in paralello all'antenna con la funzione di mitigare le stazionarie.
Attenzione, non è necessario che ci sia dentro veramente una resistenza, ma la dissipazione in calore a cui questi trasformatori vanno incontro realizza di fatto questa funzione."

Vedi l'intero testo:
http://www.arifidenza.it/forum/topic.asp?ARCHIVE=true&TOPIC_ID=266938

Ossequi :) + 73 Rosario

43
antenne radioamatoriali / Re:Spessore cavo per antenna filare
« il: 18 Giugno 2022, 18:10:12 »
Salve, a proposito della scelta fra il filo d'acciao e quello di rame faccio notare che la resistività del filo d'acciaio è 0,18 mmq / mt contro 0,017 del rame, vedi tabella:
https://www.bisceglia.eu/chimica/tabelle/resistivita.html

Ciò significa che il filo d'acciaio presenta una resistività di oltre 10 volte quella del rame.

Inoltre, siccome si tende ad usare filo d'acciaio di diametro minore di quello di rame, essendo il primo più robusto, la resistività complessiva del filo d'acciaio aumenta per effetto pelle dovuto alla minore circonferenza del filo d'acciaio.

Allora come fare? Lasciando da parte l'introvabile cavo di bronzo fosforoso, se si vuole ottenere una maggiore resistenza meccanica alla trazione una soluzione è di accoppiare il filo di rame a quello d'acciaio, o, al posto di quello di acciaio, impiegare del filo da pesca, sempre in parallelo a quello di rame.

Altrimenti accontentarsi delle maggiori perdite del filo d'acciaio, che, assicuro per esperienza diretta, si fanno sentire.

73 Rosario





44
@Hawk
Esatto, con l'adozione di quei trasformatori a larga banda - balun 4-8-16 ecc. : 1 si ottiene la riduzione del ROS, ma a discapito del rendimento dell'antenna, perchè quei trasformatori "mangiano" una parte della potenza del trasmettitore.
La cosa non succederebbe se, al posto del trasformatore - balun si usasse un accordatore d'antenna.

73 Rosario

45
@Armando IK2NBU
dici che la tua antenna di 14 metri va bene con un balun a trasformazione 4:1.
Io ti chiedo a cosa serve quel balun, in particolare per la sua caratteristica di trasformazione di impedenza, tenendo conto che la tua antenna, che per le dimensioni e la frequenza dei 40 metri presenta una resistenza di radiazione intorno ai 43 ohm, per cui l'inserimento di quel balun provoca un disadattamento di impedenza con ROS superiore a 3:1.
73 Rosario

46
Salve, non ho provato l'antenna, ma si vede com'è fatta:
https://qrznow.com/super-vertical-8-ultra-hf-4-6-10-11-12-15-17-20-30-4/
Appare un'antenna dove il ROS viene attenuato a livelli accettabili riducendo però anche l'efficienza complessiva (l'utente riesce a misurare il ROS, mica l'efficienza...) mediante l'inserimento del solito trasformatore un-un 4:1 (anche se dal rapporto di spire non risulta... mah), sistema già adottato in altre antenne "miracolose".
Stando così le cose io starei lontano da quel prodotto.

73 Rosario




47
Radio Ascolto / Re:Loop HF Cinese GA450 una antenna Onesta !
« il: 13 Giugno 2022, 19:09:11 »
E sarebbe un'antenna onesta?

48
@Aquiladellanotte
Un'antenna collineare è costituita da numerosi dipoli sovrapposti  alimentati l'uno dopo l'altro in fase.
Per cui il "ritorno" di energia avviene in ciascun dipolo che la costituisce.
73 Rosario

49
antenne radioamatoriali / Re:Antenna filare con acc. LC
« il: 06 Giugno 2022, 17:49:28 »
Salve, mi inserisco nella discussione solo per formulare l'ipotesi che non si riesca ad ottenere l'accordo sulle bande più alte a causa delle eccessive capacità o dell'accordatore o di quelle distribuite in giro.
Questo da esperienze fatte.

73 Rosario

50
@AZ6108@
Salve, non ho mai parlato di un-un e non so se c'entri necessariamente col discorso: mi sono limitato a dire che se non c'è un radiale o contrappeso, non conviene inserire un choke vicinissimo al punto di alimentazione, ma lasciare tra il choke e il cavo un po' di distanza in modo che quest'ultimo possa fungere da contrappeso. Il discorso non ha a che fare con le impedenze del caso.
73 Rosario

51
Per HAWK sì, la calza del cavo, quando manca un radiale o un contrappeso, può spesso (dipende dall'accoppiamento possibile) fungere da contrappeso essa stessa, e, quindi, irradiare.
73 Rosario

52
Salve, per AZ618 rispondo che non ho detto di non usare un balun, ma di non porlo nelle immediate vicinanze del punto di alimentazione di un'antenna end fed (o altre CB simili) quando non vi fosse di mezzo almeno un radiale, perchè la sua presenza impedirebbe di creare un contrappeso "artificiale", ma funzionante, mediante accoppiamento con la calza del cavo coassiale, che fungerebbe essa stessa da radiale sostituendo quello che manca.
Se, invece, il balun fosse disposto supponiamo a 1 - 2 metri dal punto di alimentazione, quei 1 - 2 metri di calza del cavo fungerebbero da radiale mediante il suddetto accoppiamento.
Spero di aver chiarito, sempre comunque disponibile.
73 Rosario

53
Salve, si è discusso lungamente sulle antenne end fed, cioè  senza altri bracci o radiali, e ancora oggi, forse anche a causa di una pubblicità invitante e incompleta, se ne parla (e si compra) perché l’argomento pare che non sia stato bene inteso.

Lo so che torno a dire cose già dette da altri anche meglio di me, ma, vista la situazione, conviene parlarne un altro po’.

Il punto fondamentale è che, per emettere energia, deve scorrere della corrente, e questa scorre dal trasmettitore in uno dei conduttori del cavo fino ad un braccio dell’antenna, e poi elettromagneticamente da un braccio dell’antenna all’altro, per ritornare nell’altro conduttore del cavo fino al trasmettitore.

Se questo scorrimento non avviene. non può essere emessa energia e l’antenna non funziona; sarebbe come voler erogare energia da una batteria collegandola ad un polo solo.

In un dipolo la corrente a radiofrequenza scorre elettromagneticamente fra due bracci; in un’antenna verticale scorre fra lo stilo e i radiali.

E allora come funzionano le antenne end fed o quelle verticali senza radiali, che pare che di bracci ne abbiano solo uno?

In quei casi l’energia a radiofrequenza (AA5TB docet) trova quasi sempre il modo di trovare una strada per scorrere, accoppiando capacitivamente il conduttore non connesso all’antenna, con gli oggetti vicini o la calza del cavo, che a loro volta fanno scorrere la corrente fino al braccio alimentato.

Quindi:
-   antenne CB come la J-Pole, Slim Jim o Ringo, NECESSITANO di radiali, altrimenti funzionano peggio.
-   Qualsiasi antenna end fed NECESSITA di radiali, altrimenti funziona peggio

Vi sono anche antenne che vengono descritte senza radiali, anche se un radiale in effetti c’è, ma non lo si vede: sono così i dipoli verticali, le T2LT e i dipoli coassiali.

Nel suo sito in inglese, ma con immagini eloquenti, AA5TB consiglia per le antenne a mezz’onda, che a lungo sono state erroneamente indicate come non necessitanti di radiali, di aggiungere, per evitare fenomeni di perdita per strani accoppiamenti, almeno un radialino lungo il 5% della lunghezza d’onda, vedi:
https://aa5tb.com/efha.html

Inoltre per i motivi anzidetti è opportuno NON porre un balun nelle immediate vicinanze di un’antenna end fed senza radiali, anche di quelle CB indicate prima, perché ciò impedirebbe lo scorrimento della corrente dal braccio connesso all'altro braccio generato con gli oggetti vicini o con la calza del cavo coassiale: conviene aggiungere fra il balun e l’antenna almeno un radialino oppure lasciare in mezzo un po’ di lunghezza di cavo coassiale che funga da radiale, se no il balun scalderebbe disperdendo in calore i nostri preziosi Watt.

73 Rosario

54
Telegrafia (CW) / Re:Paddle in acciaio inox
« il: 30 Maggio 2022, 19:37:14 »
E per quei poveretti che come me hanno un tavolo di legno? :)
Forse un potente magnete posto sotto il tavolo potrebbe tenere bloccato il tasto onde evitare errori di manipolazione.
40 Tesla che siano sufficienti? :)

73 Rosario

55
Salve, un'osservazione: é veramente indispensabile che il Ministero debba interpellare TUTTE le associazioni del nostro settore?
Si tenga presente che per costituire un'associazione necessita solo 1 mattinata di lavoro, 2 persone e pochi soldi, per cui viene ad esistere un'enorme quantità di associazioni di infima rappresentatività, che renderebbe praticamente ultralaborioso o impossibile da parte del Ministero costituire un tavolo di discussione con TUTTE le associazioni.

Oltretutto il c.d. "riconoscimento" consiste nell'aver ottenuto la "personalità giuridica" da parte dello Stato, di cui la stragrande maggioranza delle associazioni, anche se in ogni caso giuridicamente valide, non è dotata, e che tale riconoscimento non è affatto necessario al fine della tutela dei diritti.

Credo che le piccole associazioni, per ottenere una pesante rappresentatività, dovrebbero costituirsi di volta in volta in  comitato per determinati temi quando dovessero avere a che fare con gli organi dello Stato.

73 Rosario

56
discussione libera / Re:HAMRADIOSHOP (come la pensate?)
« il: 23 Maggio 2022, 18:28:22 »
Salve, leggo tardivamente il caso di un'offerta a costo zero: se risulta evidente che nell'offerta vi è un errore, come è nel caso indicato, ben può di legge chi ha fatto l'offerta ritirarla o correggerla, tutelando la buona fede e a protezione contro ingiusti approfittamenti.


57
Davide grazie, abbiamo tutti bisogno di orientamento nelle nostre scelte, e l'esposizione che hai fatto in termini di "quanto" un qualcosa sia meglio o peggio di un altro aiuta moltissimo portando a dissipare fantasmi e incertezze.

73 Rosario

58
Autocostruzione / Re:Jpole x 11 metri da costruire(fatto)
« il: 05 Maggio 2022, 19:56:37 »
Salve, per l'antenna puoi costruire una slim jim con pochi problemi, vedi qui:
https://m0ukd.com/calculators/slim-jim-and-j-pole-calculator/
si tratta di antenne estremamente simili.
Del tutto simile è anche la Ringo.

Personalmente diffido da quel genere di antenne, perchè la mancanza di radiali è illusoria e provoca qualche perdita.

73 Rosario

59
Salve, a seguito degli apprezzabili post di Trodaf_4912 e dei seguenti, riguardo alle perdite di un accordatore, che sono sicuramente influenzate dalla bassa R dell'antenna, mi pare il caso di precisare quale possa essere la reale importanza di tali perdite, in modo da orientare le nostre scelte a ragion veduta.

Si legge in giro che un accordatore, in generale, può perdere il 5 o 10% della potenza: se fosse così, ciò comporterebbe che le differenze del nostro segnale prodotte da tali perdite, rispetto al medesimo senza perdite, saranno IMPECETTIBILI allo S-Meter e all'orecchio del nostro corrispondente!

E perchè, invece, le perdite diano al nostro corrispondente una differenza di 1 punto S, necessita che l'accordatore disperda META' della potenza, e che, quindi, dei 100 watt in entrata, 50 vadano dispersi in calore, con risultati fisicamente sensibili appoggiando la mano sul case dell'accordatore, e figuriamoci se si trattasse di QRO!
Ma queste cose non capitano praticamente mai.

Con ciò non intendo dire che delle perdite dobbiamo fregarcene, ma che è il caso di valutarne correttamente l'effetto in termini  quantitativi, in modo a non farci terrorizzare dalla parola "perdite" senza che sia accompagnata da una valutazione reale.

Ovviamente il discorso vale anche per le perdite del cavo, eccetera.

73 Rosario




60
Salve, riguardo a falsi accordi ringrazio AZ6018 per l'indicazione  https://www.dj0ip.de/antenna-matchboxes/asymmetrical-matchboxes/tuning-the-t-network/
che dice:

"THERE ARE TWO PROBLEMS WHICH CAN OCCUR WHEN TUNING A T-MATCHBOX:
    You will find more than one, sometimes many combination(s) of settings for the 2 capacitors and the inductor which give you the minimum SWR.
    Only one combination is the most efficient.  All other combinations of settings result in unnecessary losses inside the matchbox."

Prosegue raccomandando di tenere la minima induttanza possibile l'accordo per ridurre le perdite.

Non si trattava quindi di falsi accordi, ma di accordi con maggiori o minori perdite.

73 Rosario

Pagine: [1] 2 ... 16