Antenne cavi e rosmetri > antenne radioamatoriali

Dipolo Direttiva

<< < (2/2)

aquilabianca:
confermo il tutto raga, comunque il dipolo verticale non è affatto male, ha un buon rendimento a mio avviso soprattutto nelle zone d'irradiazione alte come chi sta in montagna!
Io lo proverei onestamente oppure me lo autocostruirei con tubi di alluminio creandone uno magari 5/8................

IZ1KVQ:

--- Citazione da: "tornado" ---
Ciao Alberto,quella che hai visto è un dipolo rigido.Se fai riferimento alle 2 figure della descrizione avrai differente comportamento dell'antenna,mi spiego.
Per usare l'antenna senza pensieri,la devi montare in verticale come la figura sotto(nella descrizione).Così si comporta come
una normale verticale e irradia in tutte le direzioni(omnidirezionale)e questo è il modo per usarla legalmente per la CB
Se monti l'antenna come nella figura sopra(nella descrizione)essa si comporta in modo direzionale,
cioè diventa direttiva.Per spiegarmi meglio:Se orienti le punte dell'antenna in direzione est-ovest ,essa irradia solo in direzione nord-sud.Per usarla in questa posizione servirebbe un rotore che ti permetta di girarla per irradiare nella direzione che preferisci,ma in questo modo non è più legale per la CB.
Spero di non averti creato più confusione.
73 by Tornado
--- Termina citazione ---

--- Citazione ---
--- Termina citazione ---


caro tornado non sono d'accordo ogni antenna + o meno direttiva a secondo del contesto strutturale e del contorno

è legale mettere ad 1/4 d'onda 2 mantova 5 collegate opportunamente ?
no eppure sono legali le mantova!

qiundi ti ripeto la risposta che mi ha dato il ministero
gia' scritta su un altro forum


--- Citazione ---
il ministero mi ha risposto
versione integrale della mail:

Buongiorno,

dopo lunga meditazione possiamo informarLa che puo' utilizzare
l'antenna
purche' non modifichi l'apparato di trasmissione e ne rispetti
i canoni di
omologazione. Le frequenze rimangono quelle.

Cordiali saluti

Urp del Ministero delle Comunicazioni
mg


----- Original Message -----
From: <1ca340@libero.it>
To: <urpcom@comunicazioni.it>
Sent: Tuesday, June 20, 2006 1:19 PM
Subject: apparati radio debole potenza baracchini cb richiesta
informazioni


apparati radio debole potenza
divieto antenne direttive
sono un CB da
diversi anni appassionato della banda cittadina dei 27 mhz desiderei
sapere se è vietato l'uso del dipolo hertziano (S'intende per
dipolo
un'antenna costituita da due bracci uguali aperti, realizzati con
conduttore filare, alimentati al centro e di lunghezza pari a
mezz'onda
o a 3/2 d'onda).
questa antenna, a mio parere, non ha un guadagno.
i
costruttori del settore la considerano come confronto base per indicare
il guadagno delle antenne che fabbricano.
Il dipolo irradia con 2 lobi
(a forma di 8) uguali
Faccio presente che anche la
commercializzatissima antenna tipo boomerang (sostanzialmente un dipolo
verticale aperto a 120 gradi) presenta 2 lobi uguali ed è venduta
legalmente in tutti i negozi del settore.
Tornando al dipolo, questo
non ha rapporto di guadagno tra fronte retro.
Non guadagna db.
atteso
che è un'antenna semplicissima da autocostruire desiderei sapere se
posso utilizzarla in sintonia con la vigente normativa.
si ringrazia
per l'interessamento e si porgono distinti saliti
in fede Francesco
_________________
Francesco modulante in Genova

--- Termina citazione ---


secondo me il dipolo è legalissimo comunque tu lo voglia montare ed anche secondo il ministero a quanto pare

Ardito del lago d'Orta:
E per costruirmi una dipolo che calcoli devo fare(5/8 chiaro) e i materiali?
É meglio che mi compri un bel manuale?

IZ1KVQ:
ti consiglio di comprarti un manuale di antenne in commercio ce ne sono tanti ... infatti oltre al dipolo ci sono soluzioni di antenne molto carine  ;-)  
comunque nell'attesa dai una occhiata a questo sito che parla di dipoli

- Pianeta Radio - pianetaradio@pianetaradio.it

poi ti riporto un articolo sul dipolo

--- Citazione ---
Dati di input:

BANDA PRESCELTA : 11 Metri (27 MHz.)
FREQUENZA DI CENTRO BANDA di mio interesse : 27,555 MHz.
 
1° - calcolo la lunghezza d’onda in metri (che si chiama Lambda) :
300.000 / 27.555 = 10,89 metri
N.B.: 300.000 e’ un numero fisso ed invariabile e costituisce la "velocità di propagazione della luce"
2° - il dipolo "CLASSICO" ha una lunghezza complessiva pari a 1/2 Lambda cioè ,nel caso che stiamo esaminando ,pari a metri 5,45. Quindi ogni braccio,destro e sinistro, avrà una lunghezza pari a 10,89 / 4 = 5,44 metri.
3° - la lunghezza trovata al punto 2° e’ giusta solo in teoria,in quanto,usando del cavo elettrico in rame,questo oppone una certa resistenza al passaggio della radiofrequenza per cui devo azzerare questa resistenza,cioè in pratica,devo accorciare (cioè compensare) l’antenna sino ad avvicinarmi alla propagazione in aria libera e quindi non attraverso un mezzo come il cavo di rame.Come fare? Diciamo che devo levarne una quantità pari al 4% (numero fisso per tutte le frequenze e per il rame) per cui,per semplicità, faccio la seguente operazione:
10,89 x 0,96/4 = 2,61 riportata ad ogni singolo braccio.
 Mi servono ,per sicurezza (vedi oltre) e per sprechi che sicuramente si faranno, circa 2,70 metri di cavo per braccio.
Mi procuro un "centrale per dipoli" (lo vendono..anche nelle Fiere) oppure,molto più semplicemente e con gli stessi risultati,un rettangolino di plexiglass o materiale analogo (vetronite, bachelite,P.V.C. etc.. non però legno !!!) dalle dimensioni di circa 10 cm. di lunghezza,5 di altezza e spessore almeno 5 mm..
Pratico n. 4 fori (vedi Figura 1) del diametro leggermente superiore al filo di rame che ho usato.Faccio passare il filo (sia quello destro che quello sinistro) nei due fori in modo che "si strozzi" e non possa sganciarsi.
Mi procuro altri due pezzetti di plexiglass,o analogo,delle stesse dimensioni del centro dipolo,su ciascuno faccio due fori (vedi Figura 1) uno per il passaggio del cavo in rame ed uno, più grande,per il passaggio del cordino in nylon di sostegno.
A questo punto,sul centrale del dipolo,avrò due "teste" di cavo,una proveniente dal braccio destro ed una dal braccio sinistro,le spello,levando la guaina e le saldo a stagno,una alla calza del cavo coassiale e l’altra all’anima sempre del cavo coassiale (non importa ASSOLUTAMENTE quale dei due bracci del dipolo va’ attaccato alla calza o viceversa).In alternativa posso usare anche dei morsetti ben serrati (es. mammuth) e quindi senza l’uso del saldatore. Sopra alle giunzioni e sulla testa del coassiale ci metto un po’ di silicone acetico di tipo bianco (non usare quello neutro…non dura nel tempo).
Siccome il cavo di discesa ha un suo peso,ancoro la sua testa alla "placchetta" centrale del dipolo ad es. usando fascette autostringenti in nylon o sistemi analoghi.
Passiamo alle estremità dei due cavi del dipolo detti "bracci",chiamandole.. code.Faccio passare il cavo nel foro,e ci dò un nodo vulgaris.
 
Quanto deve essere,sperimentalmente,cioè per fare delle prove, la lunghezza del singolo braccio tra il foro del centrale ed il foro della coda ?
Si inizia facendo questa lunghezza pari a 20 cm. in più rispetto ai metri calcolati cioè 5,05 ,quindi L= 5,25 circa metri (si raccomanda la stessa uguale misura sui due bracci).
Il cavo in più che mi rimane,per ora lo si avvolge intorno al cavo della coda e lo si ferma con un po’ di nastro isolante.
Il lavoro fin quì descritto,ovviamente e’ stato fatto per terra….ora bisogna issare il DIPOLO in alto.
Quanto in alto ??
Diciamo almeno ¼ di Lambda cioè  2,75 metri circa .
Come va’ intesa questa misura ???
Va’ misurata non da terra cioè riferita al terreno o,peggio !!!! dalla quota del mare,bensì dalla superficie orizzontale più prossima e cioè (terrazzo,tetto,etc…).
Ora servono due punti di aggancio per le due estremità,cioè dove attaccare le code. Il consiglio e’: lasciare almeno 1 metro tra le code ed il punto di aggancio; agganciare una coda ,tramite cordino in nylon,in modo fisso e l’altra farla passare attraverso una carrucola ovviamente con sufficiente lunghezza di cordino da bloccare in basso !!!!. Ciò semplificherà le operazioni di taratura.
Per evitare risultati negativi e’ necessario che in prossimità dell’antenna non ci siano ostacoli specialmente di tipo metallico.
 
TARATURA
Si intende l’ottimizzazione della lunghezza dei due bracci del dipolo,affinchè si abbia un R.O.S. il più vicino possibile ad 1 cioè…in parole povere, affinchè i famosi e fatidici WATT che escono…con tanta fatica dal trasmettitore escano tutti ,o quasi…,al 100%.
Un valore di ROS di 1.2 oppure 1.3 e’ più che accettabile.
E’ necessario l’utilizzo di un misuratore di ROS .
Nelle prove ….si ricorda di usare poca potenza,sicuramente,nella maggior parte dei casi 5 Watt bastano (ciò serve sia per non disturbare gli altri sia per non accompagnare a ..miglior vita i finali).
Ora procuriamoci carta e penna e scriviamo quanto segue.

Caso A) – il miglior valore di ROS trovato,lo ho sopra la frequenza che desidero Allora devo allungare i due bracci del dipolo
 
Caso B) – il miglior valore di ROS trovato,lo ho sotto la frequenza che desidero Allora devo accorciare i due bracci del dipolo
Mi raccomando….le letture del ROS vanno SEMPRE fatte con antenna alta da terra, cioè dove poi sarà fissata definitivamente.
Quando tutto sarà OK basterà tagliare le porzioni di cavo in eccedenza sulle due code e dare un nodo stretto alle due estremità delle code.
 
Si ricorda che una buona taratura garantisce:
•   emissione in aria di tutta la potenza disponibile
•   salvaguardia e lunga durata degli stadi finali dei TX
•   una migliore ricezione
•   una contenuta emissione di disturbi (famose T.V.I. !!!!)


--- Termina citazione ---


ps i calcoli li ho rifatti sulle nostre frequenze cb

alberto vedi anche il forum del dipolo con cavo coassiale molti me ne hanno parlato benissimo ma non ho avuto il tempo di provarlo

Navigazione

[0] Indice dei post

[*] Pagina precedente

Vai alla versione completa