forum radioamatori > la nostra stazione radio

Misuratore di campo remoto, chi ne sa qualcosa?

<< < (2/4) > >>

kz:
forse quello che ti servirebbe è una stazione di ricezione remotizzabile.
un apparato formato da una batteria, un rapsberry, un ricevitore SDR, un'antenna ricevente, un punto di accesso alla rete internet o simili (ad esempio a portata ottica si potrebbe usare IP su IEE802.11 sui 2,4 GHz e un paio di antenne direttive da pochi euro) e un contenitore adeguato.
solo che dovresti riuscire a nasconderlo per bene...

IZ2UUF (davj2500):

--- Citazione da: IK3OCA - 18 Aprile 2020, 20:31:10 ---Però forse mi sono spiegato male. Il problema non è lettura relativa dell'intensità di campo, questo è facile, il difficile è poterla leggere a distanza mentre in stazione si armeggia con antenne e aggeggi vari.

--- Termina citazione ---

Infatti il problema è quello. E qualunque cosa vada a mettere distante, deve essere un apparecchio di poco valore perché potrebbe andare distrutto o essere rubato.
La cosa più economica, secondo me, è generare un segnale stabile.
Ho visto che un DDS di quelli cinesi a qualche centinaio di metri eroga senza amplificazione abbastanza potenza per rilevare segnali ragionevolmente forti in stazione.

Ciaoo
Davide

r5000:
73 a tutti, ok, se il problema non è rilevare il segnale ma vederlo a distanza la soluzione più semplice è essere in due e quindi si usa l'amico che si presta gentilmente a tutte le prove, già con la radio senza agc si può fare, se invece bisogna farlo da soli perchè non c'è nessuno a cui puoi chiedere a distanza utile la soluzione di Davide è la meno complessa, piazzi un segnale di riferimento "beacon" alla distanza sufficiente (10 lunghezze d'onda minimo, pari altezza dal suolo delle antenne , portata ottica cioè senza ostacoli nelle vicinanze che possono attenuare, riflettere i segnali) e provi l'antenna sotto test in ricezione, ovvio che un'analizzatore d'antenna, vna \ test set o anche l'analizzatore di spettro servono per avere migliore precisione rispetto allo smeter del ricevitore utilizzato ma per un'idicazione di massima basta un'oscillatore quarzato o dds con la sua antenna piazzato a distanza, se però manca il materiale tipo quarzi o dds ecc... si può pensare a rendere visibile a distanza il multimetro, a suo tempo propio per non approffitare troppo degli amici ho utilizzato un vumeter a led al posto del galvanometro, parliamo di qualche decina di metri per vedere il lobo d'irradiazione di un'antenna vhf quindi bastano led ad alta luminosità abbastanza distanziati tra loro da poterli distinguere, se servono distanze maggiori si passa ai led di potenza o lampadine avendo sempre l'accortezza di distanziarle tra loro, a 200 mt se dai 10 cm di distanza non capisci ma se dai 100 cm di spazio tra una lampada e l'altra le distingui bene...

IK3OCA:
Salve! Avrei pensato di tradurre il segnale ricevuto a distanza in una frequenza audio che verrebbe trasmessa da un PMR o simile, e ricevuta in stazione dove verrebbe ritramutata in un segnale analogico leggibile.

So che esistono degli integrati utilizzabili all'uopo, ma la mia cultura si ferma qui e non saprei costruire l'aggeggio.

Se un sapiente potesse dare indicazioni sulla costruzione di un coso del genere, avrebbe la mia eterna gratitudine, lo indicherei a tutti come esempio di inarrivabile vetta di ineffabile bontà, lo inserirei nell'elenco personale dei Grandi Benefattori dell'Umanità (GBU) e annualmente organizzerei rinfreschi e cene fra amici in onore alla sua ... effigie

73 Rosario

r5000:

--- Citazione da: IK3OCA - 19 Aprile 2020, 15:37:08 ---Salve! Avrei pensato di tradurre il segnale ricevuto a distanza in una frequenza audio che verrebbe trasmessa da un PMR o simile, e ricevuta in stazione dove verrebbe ritramutata in un segnale analogico leggibile.

So che esistono degli integrati utilizzabili all'uopo, ma la mia cultura si ferma qui e non saprei costruire l'aggeggio.

Se un sapiente potesse dare indicazioni sulla costruzione di un coso del genere, avrebbe la mia eterna gratitudine, lo indicherei a tutti come esempio di inarrivabile vetta di ineffabile bontà, lo inserirei nell'elenco personale dei Grandi Benefattori dell'Umanità (GBU) e annualmente organizzerei rinfreschi e cene fra amici in onore alla sua ... effigie

73 Rosario



--- Termina citazione ---
73 a tutti, quello che ti serve è il "fischiometro",  ho usato per molto tempo un misuratore di campo tv che aveva un'indicazione sonora del livello del segnale ricevuto , a orecchio orientavo l'antenna per i segnale più acuto e non serviva altro, almeno quando le antenne si facevano con il solo mixer passivo senza centralini amplificatori, ora con il digitale terrestre non è più così perchè bisogna guardare gli errori ecc... ma con l'analogico e gli impianti singoli era di una comodità unica... lo schema del fischiometro è questo http://www.ardf.info/tecnica/misacust.html ma ce ne sono molti in rete come convertitore tensione frequenza...
ps: sempre nello stesso sito c'è lo schema del misuratore con il vumeter che a suo tempo ho costruito propio per vedere il lobo d'irradiazione delle antenne vhf... http://www.ardf.info/tecnica/misled.html

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

[*] Pagina precedente

Vai alla versione completa