Autore Topic: sostituzione vhf marino  (Letto 1615 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline poker333

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1528
  • Applausi 23
    • Mostra profilo
    • E-mail
sostituzione vhf marino
« il: 01 Agosto 2016, 11:06:22 »
Salve, sono intento a scegliere un Vhf marino per una imbarcazione di un parente, monta per ora - poiché usata - un Vhf marino in plancia con cornetta tipo telefono  - non funzionante.
Visionando in rete gli articoli più svariati, trovo spesso che i moderni adottano finali in classe D, che sinceramente non prediligo.
A parte Icom, qualcuno ha un modello da consigliare con l'obiettivo di contenere la spesa.


Offline tre-ciclo

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3458
  • Applausi 154
  • Sesso: Maschio
  • Radioamatore-cb-swl (TRENTINO)
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:sostituzione vhf marino
« Risposta #1 il: 01 Agosto 2016, 11:12:55 »
Certamente per dare una risposta adeguata alla tua domanda,bisognerebbe essere esperti di quel tipo di radio,e non è il mio caso.
Una domanda "tecnica"però mi viene spontanea.. mangio ,da cosa dipende questa tua avversione verso i finali in "classe D"?
In cosa consiste questo tipo di circuito?
Grazie.
Pedalate!...Tanto,sarete sempre dietro..

Offline poker333

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1528
  • Applausi 23
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:sostituzione vhf marino
« Risposta #2 il: 01 Agosto 2016, 12:22:35 »
Risposta: La classe D comporta un beneficio in termini di corrente e calore dissipato, l'alimentazione è flottante - ovveros si eleva  con la richiesta di potenza - mentre la modulazione in FM in uscita al Tx è dettata da finali a commutazione ed integratori che convertono il PWM in analogico FM. Sono  filtri per le armoniche.
Certamente meno costosi dei classe AB, ma  la modulazione risente certo di armoniche  maggiore rumore.
Anche la qualità della modulazione fa la sua differenza, la potenza di targa indicata non è un fattore universale, soprattutto quando il segnale  in ingresso è al limite su S1/S2, e c'e' del QRN.
Capsico che, gli apparati VHF nautici sotto i 200€ - compatti e con almeno 25W RF EIRP, debbano fare i conti con l'alimentazione, ed il  calore dissipato dal finale, in uno spazio limitato.
Oramai l'amplificazione in classe D consente ottime prestazioni, ma solo quando si parla di apparati professionali con un costo decisamente diverso; vedi il caso degli amplificatori audio PA.
Meglio certamente un fisso in classe D al posto del portatile, che io reputo utile solo  se è presente anche un fisso, per molte ragioni.