Antenne cavi e rosmetri > antenne radioamatoriali

Spessore cavo per antenna filare

<< < (2/9) > >>

Mattia IU5MMJ:

--- Citazione da: HAWK - 07 Giugno 2022, 10:22:54 ---@ IU5MMJ, se mi posso permettere.

Nel mondo HAM, vedo che i "prosciutti" Radioamatori tradotti dall'inglese, HI, hanno un vezzo particolare.

Per fare i tiranti alle antenne o tralicci, usano il Bayco, NATO PER L'AGRICOLTURA, studiato cmq. a tensioni relative ed a quote basse, con piante e steccati di uva o pomodori.

Di fatti se messo male si auto schiaccia e lesiona...belle redance di tensione ed altro di sfibra.

I dipoli, tra galaverna pesante, venti, e trazioni, oggi non indifferenti per l' equatorizzazione del sud Europa, vanno con i filetti da 0,5...di vario tipo.

Poi si trovano i dipoli rotti, volanti e sbandieranti dopo la neve o venti forti.

Nessun problema, in tutti i forum si leggono queste cose.

E' mio, criticabile pensiero, ovviamente che, ogni materiale ha una destinazione di uso e progettazione e costruzione.


Nel caso una bella Long Wire...ben lunga quindi con quel filetto, avrai una pancia ben evidente sulla distanza, mica ti starà dritto o quasi dritto...e si spezzerà...poi se non isoli bene con materiale e distanze calcolate i sostegni faranno da elementi parassiti, ci scommetto adesso nero su bianco.

Chiudo, quindi per il tuo dipolo, ti porterei ad un cavo nato apposta, sia di diametro che serve alla larghezza tarabile di frequenza voluta, alla resistenza e validità, il Diploflex della Prosistel, NATO x quello.

Ovvio che ci sono fili elettrici adatti, lo so già, ma magari un progettato e costruito per quello, garantito da una ditta, non ti farebbe sentire sicuro di più ?

Ho credo ad oggi 45 anni di radio e come "prosciutto" 40 netti, MAI rotto un dipolo, ne antenne andate giù, a tal punto che, in n evento naturale, marittimo dove ho una casa, le installazioni della G.Costiera, erano state divelte e distrutte dal vento e dal mare, le mie no, quindi furono messe a disposizione delle autorità come previsto dai già precetti di norma, a suo tempo, il mare passò quasi da parte a parte la città.

Storia della Capitaneria di Porto di Milazzo (guardiacostiera.gov.it)

Leggi da principio o dalla 4 strofa ...nero su bianco.
Avevo già 20 mesi  di TLC/SSC in Marina a quel tempo...giovane proprio.

Quindi le mie atipiche e strane idee sul materiale radio, di controsenso alla maggior parte dei pensieri, a me sono serviti alquanto.

73'.

--- Termina citazione ---
Grazie mille per la lunga disamina, lo scopo di questo post è capire se lavorando in bassa potenza si possono usare cavi sottili molto più facili da mettere in tiro rispetto a cavi di diametro 3mm o superiori.

Si tratterebbe di una istallazione temporanea per sperimentare varie lunghezze ed eventuale contrappeso.

inviato SM-A530F using rogerKapp mobile

r5000:
73 a tutti, se è temporanea e facile da sistemare basta e avanza anche un filo sottile 0.2mm, non devi tenderlo come una corda di violino ma lasciarlo appena teso, pesa poco e anche con le canne da pesca lo sostieni e quando oscillano al vento non si rompe nulla (proprio perché lasci la pancia che seguirà il movimento della canna...) Il ghiaccio su un filo sottile non si accumula almeno alle nostre altitudini, in Siberia sarà diverso ma se non lo usi in cima ai monti d'inverno il problema non si pone... Solo se deve essere un'installazione definitiva senza manutenzione  si pensa a roba robusta a partire dai pali e isolatori, poi ognuno la vede a modo suo ma io per antenne provvisorie , in giro ecc... uso il filo smaltato sottile, a 10 mt è invisibile, costa zero (recuperato l'avvolgimento di un pompa da lavatrice) e lo saldi appoggiando il saldatore senza nemmeno grattare lo smalto...

AZ6108:

--- Citazione da: Mattia IU5MMJ - 07 Giugno 2022, 09:12:13 ---Vorrei capire quale è lo spessore minimo consigliato per realizzare una antenna filare, nel mio caso una long wire. Verrà fatta solo attività QRP e l'apparato eroga al massimo 20w.

Per iniziare pensavo a cavo di acciaio da circa 0.5mm che ha un rivestimento in nylon, l'idea è quella di usare cavo per bigiotteria che dovrebbe essere resistente e allo stesso tempo molto economico.

L'antenna sarà stesa sul tetto bassa e visto il peso ed il diametro del cavo pensavo di appoggiarmi a pali tv/internet.

--- Termina citazione ---

Allora... qui il discorso sarebbe lungo ed articolato; prima di parlare di materiali, iniziamo dal cavo di antenna e dal tuo accenno al "cavo per bigiotteria" (chiamiamolo "filo" così non faremo confusione con il cavo coassiale), tale filo può andar bene per "ornamenti" di vario genere, ma tali "ornamenti" sono sottoposti a condizioni più o meno normali, quindi inizia a chiederti come reagirà nel tempo quel filo sottoposto a radiazione UV continua ed a temperature che possono andare dai 40 o più gradi a sottozero; ad occhio direi che, come minimo, il rivestimento in nylon (materiale NON ottimale per esterni) finirebbe per sbriciolarsi, non solo, dovrai anche considerare il carico al quale viene sottoposto il filo, non solo perchè la lunghezza totale di un'antenna (ed il peso della stessa) è maggiore di quella di un "girocollo" ma anche perchè il filo potrà essere sottoposto ad altri sforzi dovuti a vento, ghiaccio ed altri fattori, per tale motivo direi di scartare l'idea dell'uso di tale materiale

Detto questo e supponendo di andare su del normale filo di rame isolato, la scelta a questo punto, oltre al diametro, sarebbe tra filo "pieno" e filo "a trefoli"; ad un primo esame si potrebbe considerare il filo "pieno" migliore, il problema di tale filo però è che è molto più rigido di quello "a trefoli" e che nei punti di piega (tipicamente gli ancoraggi agli estremi) potrebbe spezzarsi più facilmente, di contro il filo "a trefoli" ha una maggiore flessibilità e continuerà a fare il suo lavoro anche se si spezzassero alcuni trefoli; questo ovviamente non significa che l'antenna non vada abbassata ed ispezionata di tanto in tanto, ma che, nella mia modesta opinione, conviene usare filo "a trefoli"; dopotutto, non per niente, in passato le antenne militari erano realizzate utilizzando un filo "a trefoli" in bronzo fosforoso

Per quanto riguarda il materiale, nessuno vieta di utilizzare del cavetto di acciaio (sempre a trefoli), solo che a quel punto, se dovessi saldarlo sarebbe un problema, in più tale materiale ha un fattore di velocità diverso da quello del rame (idem per la conduttività, ovviamente), per cui se devi usare il tutto per un'antenna risonante (es. una EFHW) sarà necessario considerare anche tale fattore di accorciamento in fase di calcolo dell'antenna

Passiamo poi all'installazione dell'antenna, hai scritto "stesa bassa sul tetto"; ora, a meno che tu non abiti in uno stabile in legno, questo significa che l'antenna sarà a poca distanza dalla "soletta" del tetto, soletta che di solito è realizzata in cemento armato con rete elettrosaldata; ora, non fare l'errore di credere che essendo "sul tetto" l'antenna sia alta dal suolo, dato che il metallo contenuto nella "soletta" del tetto fungerà da piano di massa e sarà QUELLO a determinare le prestazioni dell'antenna, ed ovviamente, un'antenna posta a pochi centimetri da un piano di massa offrirà prestazioni men che ottimali ... quasi come fosse piazzata a pochi centimetri dal suolo, sarebbe meglio, se possibile stendere l'antenna, anche angolata, tra il tetto ed un supporto (albero, palo...) mantenendo il filo per quanto possibile in aria libera e sfruttando in questo modo l'altezza

Detto quanto sopra, il mio suggerimento è di usare del filo di rame isolato da almeno 1.5mm (2.5mm sarebbe meglio) e di installare l'antenna con i supporti "flottanti" ossia con gli estremi connessi tramite isolatori e cordini a carrucole e contrappesi, in questo modo, in caso di ghiaccio, vento o altri carichi, l'antenna sarà relativamente libera di muoversi (entro certi limiti, ovvio) evitando di mettere sotto sforzo i fili

Tutto qui, spero di esserti stato utile

ciao

Andrea

Mattia IU5MMJ:

--- Citazione da: kz - 07 Giugno 2022, 11:34:52 ---IU5MMJ se riesci a mettere le mani sul doppino da esterno in bronzo ex CT1221 hai un ottimo materiale per la costruzione di filari, economico e resistente.
altrimenti il doppino telefonico rinforzato in acciaio che si trova presso i rivenditori di surplus militare.
il cavo di acciaio rivestito ti costringerebbe a ricalcolare le misure dell'antenna: il fattore di velocità è differente da quelli previsti nella gran parte dei progetti amatoriali.

--- Termina citazione ---

Per lavoro ho nel furgone cavo bronzo e classico doppino telefonico. 

Il bronzo o drop sono due conduttori da 1mm di rame ottonato e con la guaina sarà almeno un 8mm di diametro. Ti assicuro che per tendere una campata di venti metri ci vogliono dei supporti adeguati. Per me troppo impegnativo sul tetto, stessi in campagna in una casa isolata per provare lo userei.

Il doppino classico sono due conduttori da 0.6mm stagnati ma in questo caso troppo duttile e meglio la versione militare antistrappo.

Mattia IU5MMJ:

--- Citazione da: plotino - 07 Giugno 2022, 11:45:24 ---https://www.dx-wire.de/dx-wire-antennendraehte-litzen/

qui ti puoi fare un'idea delle tipologie disponibili, loro stessi sul sito per l'attività in portatile consigliano il cavo FL o UL

https://www.dx-wire.de/dx-wire-antennendraehte-litzen/dx-wire-ul/dx-wire-ul-meterware.html

'73
Luca

--- Termina citazione ---

grazie mille, cercavo proprio un qualcosa del genere che fosse una via di mezzo tra dipoflex e cavi sconosciuti fabbricati per altri utilizzi.

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

[*] Pagina precedente

Vai alla versione completa