forum radioamatori > discussione libera

Riflessioni su po’ di semplice teoria per un accordatore di antenna

(1/6) > >>

trodaf_4912:
Non so se faccio bene o male a pubblicare questo documento. Il perche' e' semplice, ultimamente i 3D piu' in voga sono su come aumentare la potenza del proprio apparato, aumentare il numero di canali, la ricerca della antenna miracolosa e altre amenita' varie.
Da questo ne deduco che in pochi potranno essere interessati al documento dal titolo "Riflessioni su po’ di semplice teoria per un accordatore di antenna e le linee di trasmissione in coassiale". Ma sono un temerario e quindi spero che almeno uno possa trarre spunto da queste mie riflessioni. A quel temerario auguro buona lettura.
73'

AZ6108:

--- Citazione da: trodaf_4912 - 20 Gennaio 2022, 09:26:47 ---Non so se faccio bene o male a pubblicare questo documento. Il perche' e' semplice, ultimamente i 3D piu' in voga sono su come aumentare la potenza del proprio apparato, aumentare il numero di canali, la ricerca della antenna miracolosa e altre amenita' varie.
Da questo ne deduco che in pochi potranno essere interessati al documento dal titolo "Riflessioni su po’ di semplice teoria per un accordatore di antenna e le linee di trasmissione in coassiale". Ma sono un temerario e quindi spero che almeno uno possa trarre spunto da queste mie riflessioni. A quel temerario auguro buona lettura.
73'

--- Termina citazione ---

Bel lavoro !!! Gli ho dato una scorsa piuttosto rapida, ma credo tu abbia esposto chiaramente i vari punti (e mi riservo di leggerlo con più calma), una sola nota; l'esempio di "L" match che hai fatto è corretto, ma per esperienza diretta so che esistono dei "casi limite" in cui la semplice commutazione dell'induttanza tra uno o l'altro lato non è sufficiente e servono valori di capacità abbastanza "estremi", per tale motivo consiglierei un circuito come quello sotto, tralasciando il commutatore per SWR meter ed il bypass che non sono inerenti a questo discorso, come puoi vedere lo schema sotto permette di inserire delle capacità in serie o in parallelo al variabile in modo da permettere di estendere il range di adattamento anche ai summenzionati "casi limite"

Detto questo, di nuovo complimenti per il bel lavoro !

trodaf_4912:
Mi sono dimenticato un paragrafo sull'indicazione dell'SWR al variare della potenza di uscita. Intanto lo scrivo qui poi lo aggiungero' al documento.
Se il carico e' perfettamente adattato, cioe' R=50Ohm e X=0, qualsiasi sia la potenza trasmessa l'SWR rimarra' sempre 1.
Nel caso l'adattamento non sia perfetto, come si puo' desumere dai calcoli fatti in precedenza e da programma TLDetails, l'SWR aumenta alll'aumentare della potenza trasmessa. In sintesi, se trasmetto con 5W , l'SWR letto , ad esempio sara' 1.2, ma se trasmetto con 100W l'SWR aumentera' poiche' aumentera' la potenza riflessa. Pertanto non e' da prendere per oro colato l'indicazione di un wattmetro in linea quando si ha un carico disadattato.

165RGK591:
mah... non sono daccordo

inviato SM-A600FN using rogerKapp mobile

kz:

--- Citazione da: trodaf_4912 - 21 Gennaio 2022, 15:36:13 ---Mi sono dimenticato un paragrafo sull'indicazione dell'SWR al variare della potenza di uscita.

--- Termina citazione ---

secondo me lo hai dimenticato perché è una cosa da dinosauri e da CB

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

Vai alla versione completa