Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - kz

Pagine: [1] 2 ... 88
1
il TIMBRO DI DATA CERTA mi sembra lo possano ancora apporre. O sbaglio?

prova a chiederne uno su qualcosa che non sia aziendale e vedi che scene ne vengono fuori.
non te lo dicono ma sembra che ci sia stato qualche abuso e non essendoci quasi più bolli di carta da annullare e scadenze da dimostrare l'uso del bollo con data è sempre più raro, una volta ho dovuto litigare per farlo apporre su una ricevuta (loro) poco leggibile.

tralasciando le tue impressioni sugli impiegati postali, il pesce puzza sempre dalla testa, se gli impiegati sono indolenti e cialtroni la responsabilità prima è di chi li dirige.

vi ricordate quando andavate allo sportello e vi proponevano i "gratta e vinci"? e quando dovevano per forza farvi fare la postepay o la sim postemobile?
(ultimamente premevano per la connessione su fibra e sulla RCA)
 
spesso premi di produzione e altri benefici per il personale degli uffici postali sono legati alle prestazioni di vendita di alcuni prodotti, prodotti di altri; sulle vere prestazioni, comportamento, competenza, disponibilità all'utenza, c'è minor controllo.

la posta1 verrà tenuta in piedi, con tutti i suoi difetti, fino a che esisterà il servizio universale.
sta a noi scegliere, finché potremo.

2
Sai che non conoscevo affatto queste storie, sono molto interessanti, gli addetti di sala consulenza che ho conosciuto sono tutti postali al 100%, alcuni ex recapito o addirittura ex distribuzione (quelli che lavorano su turni 24/7), che hanno fatto un corso/concorso interno.
Non si finisce mai di imparare.
Comunque il problema è quello che hai detto: a voler fare troppe cose si finisce a farle tutte male.
Ora in Ufficio Postale si vendono anche polizze RCA e contratti di fornitura energetica...

3
Non ho capito cosa c'entri Money gram che è un money transfer internazionale, trasferisce denaro su commissione negli uffici convenzionati; su tutto il resto va bene ma ci sono alcune imprecisioni, ad esempio gruppi di investitori cinesi detengono davvero delle quote notevoli di azioni di poste italiane, quello che accadeva a Roserio era talmente vergognoso che addirittura i sindacati hanno accettato le telecamere, vietatissime dallo Statuto dei lavoratori, in alcune aree di smistamento; ma sul personale di vigilanza ne avrei da raccontare di ogni sorta, quindi tralasciamo.
I lavoratori di poste italiane sono circa 120.000, molti di più se considerassimo i "dipendenti ombra" delle controllate come SDA, milkman, nexive, etc: i dipendenti postali sono più numerosi degli abitanti di un capoluogo di provincia medio;  nel mucchio c'è di tutto, ci sta chi ha creato e gestito la piattaforma logistico-tecnologica che ha permesso la vaccinazione di massa contro il COVID-19, ci sta chi lavora 24/7 per gestire i servizi finanziari e postali, ci sta il dipendente di ufficio postale del paesino remoto che fa da presidio istituzionale, ci sta ci non fa nulla, chi ruba, chi truffa...
Ognuno di noi ha una storia sulle poste perché ce ne serviamo tutti

4
"impiegati pubblici"... sarebbe il caso di uscire dagli anni '90.

6,50 euro è quasi lo stesso prezzo di una spedizione assicurata con SDA acquistabile  attraverso il sistema di spedizione di eBay che rimborsa se viene smarrito il collo, mi è capitato e ci vogliono quasi 3 mesi, restituiscono il costo della spedizione e il valore dichiarato del bene.

Per ora è così perché vige una sorta di concorrenza tra "servizio pubblico" e servizio privato, anche se offerti dalla stessa azienda o da sue controllate (SDA, nexive, milkman, postedelivery, clp, etc)

Ho il sospetto che non appena verrà a mancare il servizio universale, che è sovvenzionato dallo stato con contratto di servizio tra agcom e poste, i prezzi delle spedizioni schizzeranno in alto come tutti gli altri servizi totalmente privatizzati.

Il resto sono considerazioni di buonsenso: se per una bustina di componenti del valore di 8-10 euro ci si può addossare il rischio di perdere la consegna, per oggetti di costo superiore va preteso un servizio relativamente tracciabile e sicuro, tutela sia voi che la controparte.


5
Radio Ascolto / Re:commutatore antenna BNC
« il: 11 Agosto 2022, 17:23:03 »
lascia perdere i sentito dire, basati su chi scrive cose che riesce a dimostrare:
https://www.iz2uuf.net/wp/index.php/2016/01/16/apparati-uhf-con-il-pl-quanto-si-perde/

6
1 - questi problemi si verificano continuamente, soprattutto con il servizio postale detto "universale" che viene pagato dai contribuenti ed è sottoposto a periodiche verifiche della qualità del servizio, siccome i plichi con indirizzo errato o con destinatario assente sono esclusi dal rilevamento,  fate voi le vostre considerazioni: capita che in certi periodi alcuni plichi non si riescano consegnare; fate voi anche delle considerazioni a latere se non sia una piccola spinta verso il servizio "privato";
2 - è una buona lezione su cosa succede quando si riducono i salari, a forza di ridurre si riduce anche la qualità del lavoro, anche il lavoro più semplice;
3 - altro che "carrozzoni statali": si tratta di aziende di diritto privato (da più di 20 anni) e quotate in borsa, forse occorrerebbe svecchiare un po' certi stereotipi;
4 - nei "terribili" anni '70, le lettere che partivano dalla Sardegna nel pomeriggio erano in consegna a Roma il pomeriggio successivo o nel giorno lavorativo più prossimo, faccio questo esempio perché la catena logistica è rimasta quasi immutata, ma provate ad ottenere le stesse prestazioni oggi, con i servizi completamente privatizzati, e vediamo.

7
Autocostruzione / Re:Unire due pali.
« il: 06 Agosto 2022, 17:08:05 »
Ho due pali in acciaio da 6 metri ciascuno la cui sezione è di 1.5 pollici, vorrei sapere come posso fare per giuntarli. Ps alle estremità i pali sono filettati e possiedo anche manicotto di giuntura. Grazie

se sono tubi idraulici e anche il manicotto (filettato?) è da idraulica lascia perdere: ti casca tutto in testa al primo soffio di vento.
e, anche se mettessi un mucchio di tiranti, il manicotto da idraulica non può sostenere peso e oscillazioni: è costruito per resistere alla pressione interna.

8
Perche' passare da una verticale λ/2 per i 10/11 metri a una per i 20 metri e' piu' facile, basta rimodulare le lunghezze.

Fotografia perfetta: poca spesa, massima resa.

9
Radio Ascolto / Re:commutatore antenna BNC
« il: 05 Agosto 2022, 00:45:44 »
Grazie a tutti!...penso comunque di optare per il primo commutatore...
73!

Ottima scelta, peccato per il prezzo

10
Radio Ascolto / Re:commutatore antenna BNC
« il: 03 Agosto 2022, 21:14:26 »
Citazione da: martyn77
eventualmente quale mi consigliereste?

Nessuno dei due, prendi un banale commutatore con pl259, se ne trovano ottimi usati anche a 10 euro, e usa adattatori pl259-bnc.
Quello inglese sarebbe ottimo ma tra prezzo, spedizione e dogana rischi di pagarlo una cifra assurda; l'altro per uso video lo lascerei perdere, chissà come commuta.

11
discussione libera / Re:Modulo Denuncia Disturbi Radio
« il: 30 Luglio 2022, 11:14:42 »
purtroppo nella realtà dei fatti i disturbi vengono interpretati in modo differente sia dall'autorità amministrativa che dall'autorità giudiziaria in relazione all'uso delle frequenze disturbate; inoltre mentre  nel caso di disturbi alle comunicazioni istituzionali il reato è chiaro e molto grave (è reato anche l'intercettazione e la divulgazione delle stesse), nel caso di disturbi a comunicazioni di servizi in concessione con protezione dai disturbi è un reato non molto grave se non associato ad altri; in ultimo i disturbi su servizi in concessione di libero uso o di uso "pubblico" sono i più difficili da perseguire: alcune frequenze non godono esplicitamente di protezione dai disturbi, per altre, come quelle in uso al servizio radioamatoriale, la protezione dovrebbe esserci ma non è sancita chiaramente, rimane oscuro il genere di reato.
perché al di là del generico "abuso", che è un reato amministrativo che prevede il sequestro delle attrezzature e il pagamento di una pena pecuniaria, i reati veri che compiono i distrubatori sono reati contro la persona o contro la reputazione: molestie, diffamazione, stalking, etc.
tutti reati perseguibili su querela di parte e che, di solito, hanno un percorso lungo e accidentato.

che fare?
è complicato
avete mai avuto a che fare con ragazzi, magari con gruppi di adolescenti "difficili"?
c'è spesso quello che viene escluso o si sente escluso dal gruppo e reagisce molestando gli altri, se si ricorre alla forza, verbale o fisica, non si fa altro che peggiorare la situazione; se invece si riesce ad aiutare il "ragazzo difficile" a entrare in un buon clima di relazione con gli altri, anche le molestie sono un sistema di relazione "malato", ci si guadagna non solo in arricchimento reciproco ma anche in pace.
per questo, malgrado le mie pessime capacità operative, ho sempre ammirato i radioamatori che riescono a "dirigere" un QSO, a trattare in modo umano i disturbatori e a passar sopra a un nominativo  che sembra poco regolare.
penso che il disturbatore dei 60m avrebbe solo un serio bisogno di confrontarsi con qualcuno, purtroppo non ne ha la possibilità o non ci riesce proprio e allora si dedica alle molestie.

12
discussione libera / Re:Modulo Denuncia Disturbi Radio
« il: 29 Luglio 2022, 15:50:19 »
Da notare che molte volte che ho segnalato buone condizioni di propagazione 60 sul forum....
è andato in onda pochi minuti dopo ! [emoji85] [emoji86] [emoji87]

più che un disturbo sembra una dichiarazione d'amore

13
discussione libera / Re:Proxel SX-40
« il: 28 Luglio 2022, 11:35:22 »
no te desculpes Jose: qui non quiere leer en otra lengua puede usar google translator

ps: tenio un SX-20 que fue orrible bajo 10W

14
antenne per CB / Re:Antenna Palmare su Veicolare
« il: 28 Luglio 2022, 11:29:54 »
lo capisco che è una situazione che va contro tutto quello che diamo per scontato, ma è così e nei portatili VHF/UHF si trovano valori ancora peggiori.
però funzionano...

è sicuro che i portatili abbiano circuiti più tolleranti di gran parte dei veicolari proprio per utilizzare antenne con impedenze reali molto diverse da quello che comunemente si considera indispensabile.
sono portatili, il loro obiettivo è essere piccoli, se si perde un poco di efficienza fa parte dei compromessi che si devono accettare.
se ci metti un piccolo accordatore, di quelli che si trovano usati per 15 euro, puoi usare tranquillamente la tua antenna da portatile sul veicolare su tutta la banda senza alcun rischio.

15
LPD - PMR - SRD / Re:RETE RADIO MONTANA
« il: 27 Luglio 2022, 13:16:49 »
hawk, ha ragione Tuscania: sei parecchio off topic

16
Autocostruzione / Re:conoscete il kit RTX (tr)uSDX
« il: 27 Luglio 2022, 12:17:11 »
non ho capito se avessi consultato la pagina github del progetto, lì c'è il link a uno dei "fornitori" di PCB, il radioamatore turco-americano WB2CBA, che ha messo a punto una bella versione 8 bande con relativi filtri:
https://antrak.org.tr/projeler/octoband-usdx/
proibitivo per le mie incapacità ma credo che sia alla tua portata, da quel che scrivi

17
President / Re:PRESIDENT LINCOLN
« il: 27 Luglio 2022, 11:16:34 »
sono della provincia di Teramo

ci sono sicuramente due centri di assistenza noti, fanno assistenza ufficiale midland, relativamente vicini alla provincia di Teramo: Radioservice ad Avezzano e FC Electro a Porto d'Ascoli (San Benedetto).

ps: conoscevo anche RTC a Pineto, ma trattano soprattutto civili, non so se ti possono aiutare per un recap.

18
antenne per CB / Re:Antenna Palmare su Veicolare
« il: 27 Luglio 2022, 06:51:29 »
per una antenna da portatile sono prestazioni eccellenti.

19
Autocostruzione / Re:conoscete il kit RTX (tr)uSDX
« il: 26 Luglio 2022, 19:16:18 »
Mauro innanzitutto complimenti, perché raramente si leggono domande così ben documentate.
anche io mi ero interessato allo stesso tipo di apparati, ma l'originale è un poco limitato e i cloni, compreso quello in vendita su ebay che ha indicato IK2NBU, suscitano più di qualche dubbio sulla qualità di realizzazione, inoltre il prezzo per quelli venduti in europa presso altre piattaforme (amazon) è raddoppiato.
per quanto mi riguarda ho deciso che aspetto che ci sia stabilità di prezzi e prestazioni o risparmio abbastanza per un apparato differente.
hai dato un'occhiata ai piccoli xiegu? ce ne sono alcuni, venduti in europa, che hanno un prezzo poco più alto del tuo budget e buona parte delle caratteristiche.

ps: avendo letto il documento di DL2MAN e PE1NNZ, mi fiderei poco anche del prodotto rumeno...

20
antenne per CB / Re:Antenna Palmare su Veicolare
« il: 25 Luglio 2022, 13:05:42 »
Io ho la CBFLEX https://www.midlandeurope.com/it_IT/prodotti/cb-flex-b
Pensi quindi siam meglio non usarla per trasmettere?

sarebbe una delle migliori per i CB portatili
l'ho avuta per un breve periodo ma per pigrizia non ne ho controllato la risonanza con il nanoVNA come avevo fatto con l'inutile antenna originale; potresti comunque effettuare una prova semplice con un rosmetro e vedere come va.

https://www.rogerk.net/forum/index.php?topic=79074.msg829386#msg829386

21
antenne per CB / Re:Antenna Palmare su Veicolare
« il: 25 Luglio 2022, 12:02:43 »
l'antenna originale dell'Alan42 Alan48  è approssimativamente un carico fittizio, quindi presumibilmente montandola sull'Alan48 non avrai stazionarie e puoi usarla anche per trasmettere senza grandi rischi; le altre antenne vendute per i portatili CB hanno una risonanza molto variabile, sarebbe meglio usarle con un piccolo accordatore.
per stare nella sicurezza totale potresti usare direttamente un vero carico fittizio: se le radio sono vicine funziona.

22
Sezione Amministrativa / Re:Diritto d'antenna...
« il: 24 Luglio 2022, 12:27:30 »
io ho le antenne TV installate sul tetto di un altro edificio che è completamente un'altra proprietà.
però si partiva da una situzione completamente diversa: niente condomini o condominii, l'edificio più alto è a destinazione commerciale-ricettiva, i lavori sono stati fatti in anni di normativa vigente "facile" e tutte le servitù sono state rispettate dai cambi di proprietà e gestione.
per le antenne radio ho preferito usare gli spazi di uso esclusivo per evitare le responsabilità legali (sono aumentati i giorni di forte vento) e il fastidio di chiedere l'accesso.

conosco un caso in cui un condomino ha chiesto l'installazione di un'antenna su un torrino condominiale senza accesso comune e, malgrado abbia avuto l'assenso purché si usasse la piattaforma o simili, ha fatto causa per ottenere la servitù e il giudice ha concesso il diritto di servitù di accesso su una proprietà privata.
dipende tutto da quali sono i tuoi obiettivi, da quanto vuoi spendere  e da quanto tempo vuoi perdere in liti e cause.
con i condominii è tutto più difficile perché gli amministratori non hanno alcuna voglia di crearsi problemi o andare contro gli interessi dei condomini dell'ultimo piano.

23
discussione libera / Re:Modulo Denuncia Disturbi Radio
« il: 20 Luglio 2022, 20:22:31 »
per me non serve a nulla, anzi gli si dà ancora più importanza senza che ci sia una reale prospettiva di fermare i disturbi.
inoltre se fosse un radioamatore con autorizzazioni a norma di legge non ci sarebbe nemmeno un reato preciso cui appellarsi, forse un'infrazione amministrativa.

24
ricetrasmettitori cinesi / Re:Nuovo RTX XIEGU G106
« il: 20 Luglio 2022, 08:57:18 »
I cinesi invece copiano e peggiorano, ahimè.

questa frase, in un thread dedicato a una radio di progettazione e produzione cinese, è ridicola.
chi ha una certa età cerchi di andare indietro con la memoria e ricordare che nei primi anni '70 "giapponese" equivaleva al "cinese" di oggi, e che il primo difetto che si dava alle piccole radio giapponesi era che si rompessero facilmente, poi che fosseo copiate e che fossero costruite al risparmio.
"giapponese" per un lungo periodo di tempo è stato sinonimo di "economico", basta cercare sui dizionari di 50-60 anni fa.
all'epoca il non plus ultra veniva considerata la tecnologia tedesca, e la tecnologia statunitense che in gran parte aveva già migrato la produzione  in Giappone, Hong Kong e Taiwan alla fine degli anni '60.

applichiamo alla Cina gli stessi pregiudizi che erano applicati al nostro paese, che però, guarda te, negli anni '60 era ai primi posti nel mondo come produzione di calcolatori elettronici, grazie alla lungimiranza di un imprenditore mezzo ebreo e mezzo Valdese (Adriano Olivetti) e le competenze di un ingegnere cinese nato in Italia (Mario Tchou, il nome è stato tramandato con la vecchia traslitterazione francofona).
a Ivrea eravamo i terzi fabbricanti di supercomputer al mondo, a Roma le famiglie vivevano sotto le arcate degli acquedotti romani.

25
discussione libera / Re:cosa usare per costruire una stazione
« il: 19 Luglio 2022, 15:53:40 »
se la vuoi installare come slooper o in orizzontale è ancora più semplice, cerca solo di mantenere l'antenna lontana da eventuali influenze metalliche, il minimo è 1/4 d'onda (2,75m), sarebbe meglio 1/2 onda ma sono 5,5m che iniziano ad essere dimensioni abbastanza importanti.

26
discussione libera / Re:cosa usare per costruire una stazione
« il: 19 Luglio 2022, 15:30:21 »
devo mettere degli isolatori alla fine dei bracci?
non è indispensabile, se usi un cordino in nylon per sostenere i bracci basta fare un'occhiello alla fine del braccio, il peso non è elevato e  regge
Citazione
non ho capito nelle varie guide come accordare.
piazzo l'antenna.
collego antenna-rosmetro-rtx
provo trasmettere (AM o FM) sulla frequenza centrale (20) e controllo i watt in uscita con eventuale calibrazione rosmetro.
non eventuale, necessaria: il rosmetro va calibrato ad ogni misurazione,
a meno che non sia un rosmetro ad aghi incrociati
Citazione
misuro swr 1.5(esempio)
poi passo a CH1 e CH40 e leggo i due swr1 e swr40
come capisco se devo accorciare o allungare l'antenna?
per prima cosa cerca di ottenere il ROS più basso possibile sul canale 20, poi, se il ROS è più elevato sul canale 1 che sul canale 40 l'antenna è corta, viceversa l'antenna è lunga.
però trattandosi di dipolo a V invertita devi curare particolarmente l'angolo di apertura dei bracci oltreché la lunghezza degli stessi.

27
ricetrasmettitori cinesi / Re:Nuovo RTX XIEGU G106
« il: 19 Luglio 2022, 14:15:38 »
io credo che sia una risposta commerciale agli economici uSDX/uSDR

28
discussione libera / Re:Utilizzo di un relè coassiale
« il: 17 Luglio 2022, 12:47:46 »
mettila così: se le antenne subiscono variazioni il relay è installato male.

29
riparazione radio CB / Re:Verniciare scocca CB
« il: 17 Luglio 2022, 11:40:15 »
per "normale vernice da ringhiere" intendi una di quelle alchidiche micalizzate?
si potrebbe provare, magari con uno strato di trasparente.
le pellicole hanno un difetto: il fondo deve essere sgrassato e pulito in modo ossessivo, poi vanno posate con grande attenzione, basta una bollicina piccolina e butti via tutto.

30
discussione libera / Re:Utilizzo di un relè coassiale
« il: 17 Luglio 2022, 11:06:55 »
forse bisognerebbe rispondere alle domande quando si è veramente interessati, non quando si vuole sfoggiare nozioni che non si è in grado di trasmettere.
(peggio ancora quando le nozioni sono ricavate da una pesca a strascico su google)

31
Sarebbe un afigata eccezionale, da buttar via un sacco di tempo, ma è la mia vocazione principale.
Fare una radio di montagna localizzatissima, che si senta in un paio di valli, legalmente cosa comporta?

la via più semplice e lineare è aprire una radio comunitaria, di solito una cooperativa o una associazione, anzi una cooperativa che gestisce e un'associazione che supporta o simili, credo ci vorrebbe un direttore responsabile che sia un giornalista professionista, ma è passato un muchio di tempo da quando me ne sono interessato e potrebbero essere cambiate le leggi.
una volta ottenuto il riconoscimento dal MISE, ma potrebbero volerci anni, hai diritto a una lunga serie di agevolazioni sulle tariffe.
ci sono dei circuiti, tipicamente religiosi, che hanno dei professionisti che possono seguire nel percorso.
per le altre radio, politiche, c'erano delle strutture del mondo cooperativo che avevano il know-how per supportare lapertura di nuove radio ma anche lì sono anni che non ne so più nulla; la gran parte di quelle radio sono scomparse o sono state fagocitate da altri media e poi distrutte, come nei casi di Radio Città Futura di Roma, Radio K Centrale e Radio Città del Capo di Bologna; è un tipo di radio che si sta gradualmente spostando sullo streaming IP, come Radio Città Aperta di Roma, ex Radio Proletaria, che dopo oltre 40 anni di trasmissioni ha venduto le frequenze.
una di queste radio defunta e poi risorta è Radio Città di Pescara, che trasmette in FM nelle province di Pescara e Chieti e pubblica lo stato dei ripetitori e la mappa di copertura.

Citazione
Segnalo Bologna per la presenza di alcune radio molto locali, un paio ben connotate politicamente, un'altra legata al Bologna calcio (una specie di bar sport con molto umorismo), un altra religiosa. Palinsesti che staccano molto dal panorama omogeneizzato.
Chissà, forse lo strascico lasciato da Alice?

il palinsesto dipende sempre dalla comunità degli ascoltatori.
a Roma, è noto che ci siano diverse radio che parlano tutto il giorno solo di Roma o di Lazio, a Napoli ci sono quelle che mandano solo dediche.
La radio è un media che non va sottovalutato: alle ultime elezioni comunali di Roma, al ballottaggio ci è andato un avvocato amministrativista conosciuto soprattutto come "opinionista" radiofonico...

32
discussione libera / Re:FA-VA5 Analizzatore di antenna
« il: 15 Luglio 2022, 12:50:11 »
Il senso di tutto ciò?
È un ottimo VNA, purtroppo è surclassato dal nanoVNA per prezzo e flessibilità d'uso

33
"Se vuoi pitturare una parete grande ci vuole un grande pennello" diceva la pubblicita'.

ma con il cavo da 1" o da 7/8 si finisce nella prima parte del vecchio short "devo fare una parete grande, ci vuole un pennello grande"
se invece ci si orienta su un cellflex da 1/2, pur restando più difficile da manovrare di un altro cavo da 1/2, forse si troverebbe il compromesso da "grande pennello"

34
facendo 2 conti, per 6-7 metri forse è accettabile un cellflex 1/2 pollice (su 1,2GHz ha un'attenuazione analoga a quella del RG58 sui 27 MHz).
lavorare con un cavo da 1 pollice (ma anche da 7/8) è come avere a che fare con un pitone impazzito, anche per tratte cortissime.

35
vista la loro natura "utilitaria" è probabile che la produzione sia stata affidata a subfornitori sempre più piccoli ed economici, con il conseguente abbassamento della qualità.
per molti versi l'organizzazione industriale cinese è la fotocopia di quella che c'era in Italia fino agli anni '80.
(di subfornitore in subfornitore fino alla cucina in campagna in cui nottetempo una famiglia assembla i comandi elettrici per motociclette come ne "gli invisibili" di Balestrini e Bianchi)

36
discussione libera / Re:cosa usare per costruire una stazione
« il: 14 Luglio 2022, 10:26:12 »
vorrei far notare che la richiesta era su una tratta da 15m da usare per i 27MHz della CB.
da un calcolo grossolano ricavabile dalle tabelle di attenuazione relative a RG58, su 15m a 28MHz otteniamo un valore vicino a 1,2dB, che per una installazione "temporanea" può andar bene.

37
discussione libera / Re:cosa usare per costruire una stazione
« il: 13 Luglio 2022, 17:57:22 »
3dB di attenuazione su 15m di RG58?
Non sarà un po' troppo?

38
discussione libera / Re:cosa usare per costruire una stazione
« il: 13 Luglio 2022, 16:37:42 »
boh.. in questo periodo anche se il filo passa dalla finestra non è ci siano problemi con gli spifferi...

Più che spifferi al momento sembrano ritorni di fiamma.

39
Radio Ascolto / Re:"parco antenne" opinioni distanza
« il: 13 Luglio 2022, 13:15:32 »
Le antenne in ricezione fisicamente non si possono interferire fra loro

e di questo sei assolutamente sicuro?

(anche se nella foto sembra che ci siano differenti polarizzazioni e orientamenti)

40
Prima di KZ il significato deve averlo capito mortalmente bene un tizio che mi pare si chiamasse Catilina... [emoji6]

aspettavo si manifestasse la tua passione per la storia romana, i miei "studi" sono poca e ben misera cosa, al confronto.
(sui rapporti tra Catilina, Cesare e Cicerone scrive parole illuminanti Luciano Canfora nella sua biografia di Cesare)


skanco è capitato a tutti di dover correggere l'installazione di antenne o di metterci del tempo per venire a capo di un problema in apparenza incomprensibile, per poi scoprire che l'errore iniziale era banale

41
discussione libera / Re:cosa usare per costruire una stazione
« il: 13 Luglio 2022, 12:32:50 »
dai su, per una installazione temporanea in CB 15 metri di RG58 e due connettori PL259 economici andrebbero benissimo; ma se le virgolette del "temporanea" dovessere essere lette secondo il paradigma "non c'è nulla di più definitivo delle soluzioni temporanee", allora meglio investire in qualcosa di più performante, se scorri il thread all'indietro trovi i nomi dei vari cavi da 5 o 7 mm e i connettori dedicati  che ti sono stati consigliati.
per entrare dalla finestra senza danni:
https://www.rogerk.net/forum/index.php?topic=61779.0

42
2 pagine di discussione per un'antenna installata male e alla fine la colpa è del cavo.
geremia hai fatto uno sforzo vano.

43
in quasi 100 anni di RAI, nasce nel 1924 a Torino, l'unica cosa che non hanno seguito per nulla sono le frequenze in FM,  con uno spezzatino ridicolo, tanto che pure i 103,3 MHz di IsoRadio che avrebbero dovuto coprire tutto il territorio nazionale non hanno mai completato lo sviluppo.
oramai è troppo tardi, il DAB spazzerà via tutto (purtroppo).

44
antenne per CB / Re:Antenna: Avanti astroplane
« il: 11 Luglio 2022, 15:39:34 »
direi proprio che hanno risolto brillantemente

il brevetto è del 1971, tempi di tecnigrafo e regolo calcolatore.

45
Del resto anche la Solarconn sulla Imax 2000, la commercializza tale antenna senza radiali in configurazione base, ma poi ne raccomanda caldamente l'utilizzo per migliorare angoli ed efficienza.

mi sembra di ricordare che il kit radiali migliori le prestazioni in 11m in cambio di una importante perdita in termini di larghezza di banda

46
antenne per CB / Re:Antenna: Avanti astroplane
« il: 11 Luglio 2022, 09:12:57 »
Ciao kz si ho visto anche il manuale in pdf almeno io non riesco a capirlo bene  credo che dovrebbe essere isolato anche il tubo più  lungo e unirsi al tubo piu corto tramite l'anello giusto?

non ho capito bene, comunque su radiokit elettronica di febbraio 2020 c'è un lungo articolo dedicato al clone italiano della astroplane: la eco antenne "luna".
da questo articolo estraggo l'immagine del particolare del punto di alimentazione


plotino: qui su rogerk puoi trovare un lungo thread  sulla vector, https://www.rogerk.net/forum/index.php?topic=18701.0

47
antenne per CB / Re:Antenna: Avanti astroplane
« il: 10 Luglio 2022, 13:09:47 »
Prova qui:
https://officinahf.jimdofree.com/antenne-cb-11m/cb-commerciali-astroplane/

Si dovrebbe trovare con relativa facilità anche il manuale originale in PDF, lo avevo salvato da qualche parte

48
sembra che la discussione vada verso una deriva astratta,
ma cosa vorremmo misurare e perché?
pur avendo strumenti, oramai più o meno economici, che sono in grado di darci informazioni complesse e relativamente accurate perché ci ostiniamo ad usare il "vecchio" e semplice ROS?
per tornare ad un esempio pratico, di bassissimo livello, dopo aver fatto la doppia taratura del nanoVNA su una base magnetica destinata ad ospitare una antenna VHF/UHF da 4 soldi e dopo aver effettuato le prove del caso il dilemma è stato: voglio che il rendimento dell'antenna sia ottimale o evitare che un eventuale disadattamento crei problemi al finale dell'apparato?

prometto di non farlo piu'.

e perché? capita di rado vedere contributi di questo spessore...

49
ho una mantova turbo, una ringo 27

e quale delle due ha cambiato la risonanza elevandola di 2 metri?
(se fosse la ringo credo che ti stia complicando la vita per nulla)

50
ci sarebbe un problema alla base: il media utilizzato come sorgente sonora.
quasi sempre, per motivi di comodità e di stoccaggio, la sorgente che viene trasmessa non è un CD, ma è un file che sta su un qualche supporto informatico; se siamo fortunati è un file ad alta qualità tipo FLAC o analoghi, ma più spesso è un semplice file MP3 per questioni di spazio e di semplicità.
inoltre la cosa più importante per le radio commerciali sono gli annunci pubblicitarii, quindi il suono che viene prodotto dal compressore è tarato sulla comprensibilità e sulla "penetrazione" delle frequenze in uso negli spot (parlato e suoni acuti).
se si cercano suoni con una dinamica quasi decente nell'etere nazionale è purtroppo necessario ascoltare il DAB: l'offerta della RAI, ad esempio, supera di molto la domanda, e c'è, al momento, una notevole varietà di generi.
una volta, ma sto parlando di 20 anni fa e più, a Roma c'erano come riferimenti di qualità sonora in FM le trasmissioni musicali della Radio Vaticana sui 93,3 MHz (Studio A) e il 4 canale della filodiffusione RAI che veniva ritrasmesso sui 100,3 MHz (credo esista ancora ma si chiama RAI classica o qualcosa del genere).
comunque, da quello che posso ricordare io, ovvero gli ultimi 30-35 anni, non ho mai visto un mixer collegato direttamente al trasmettitore, il compressore c'era sempre.

51
è evidente che l'installazione ha qualche difetto, sarò strano io, ma mancano alcune indicazioni indispensabili per cercare di fare una dignosi che abbia un minimo di attendibilità:
- la frequenza o le frequenze su cui dovrebbe lavorare l'antenna;
- il tipo di antenna, per alcune lo spostamento potrebbe essere "fisiologico" per altre no;
- la modalità di installazione.

riguardo alla taratura del VNA dipende da cosa si voglia misurare: se l'interesse è valutare solo l'antenna, allora è meglio fare la taratura alla fine del cavo, ma se l'interesse fosse valutare il sistema cavo+antenna e le loro interazioni, la taratura va fatta in stazione.

52
Non credo che l'intenzione dell'autore fosse "ipse dixit" bensi' un sunto di misure e prove, basate sia sulla teoria che sulla logica, relativamente al non uso di radiali per le antenne mezz'onda o LW.

ma le mie critiche non sono nei confronti dell'autore, bensì nei confronti di chi vorrebbe usare una presentazione, scritta in modo molto colloquiale, come "letteratura scientifica".

53
Se non sbaglio anche IU2ZZF aveva fatto prove e dimostrazioni sulle EFHW con e senza contrappesi e senza usare formule ed era arrivato alle medesime conclusioni. Ripeto, non mi vorrei sbagliare vista la mia veneranda eta'.

"aveva fatto prove e dimostrazioni", proprio quello che manca al documento linkato, anche perché se da una parte scrive della necessità dei radiali sulle antenne mezz'onda, dall'altra si perde nella comparazione di antenne da HF creando confusione anziché chiarezza.
comunque mi pare anche di ricordare che IZ2UUF per far funzionare decentemente una EFHW gli aveva lasciato un certo numero di metri di coassiale preferendo mettere il choke all'ingresso della stazione.
non ci si può stupire dell'attuale orientamento antiscientifico di gran parte della società quando ci si comporta come dei piccoli tiranni, per semplificare: "è così perché l'ho detto io!"

54
ma questo lo puoi fare solo se hai una grandissima autorevolezza, altrimenti è ragionare per dogmi ed è altrettanto antiscientifico del "sentito dire" o dei numerosi "miti" che circolano sulle antenne.
per quanto sia comunque necessario riconoscere l'autorevolezza di ARRL, il metodo resta sbagliato.
ad esempio rimane misterioso il perché voler condannare una j-pole per i 2m ai radiali quando il palo o il primo metro del cavo possono tranquillamente fare un lavoro simile senza ulteriori ingombri.

55
quel documento è molto carente da un punto di vista tecnico: presenta gli argomenti in modo apodittico.
va bene come canovaccio per una presentazione, cosa per cui credo nasca, può essere utile da un punto di vista divulgativo, ma non è adatto a essere usato come fonte per discussioni tecniche.

56
discussione libera / Re:Nuovo inquinamento elettromagnetico
« il: 07 Luglio 2022, 17:11:11 »
La produzione di energia nucleare ha due problemi insormontabili:
- il materiale fissile, di cui non abbiamo giacimenti e nemmeno abbiamo relazioni strette con le nazioni che ne hanno (Africa centrale), passeremmo dalla dipendenza dal fossile alla dipendenza dal fissile, cambia solo una vocale;
- il trattamento delle scorie e dei residui, tutte le volte che tirano fuori la questione diventa un problema di ordine pubblico (e non saprei dar torto a chi protesta), qualcuno conosce una istituzione in grado di tenere sotto controllo qualcosa per 2000 anni? (Chiesa Cattolica a parte).

In merito ai "comuni denuclearizzati" faccio presente che, pochi anni fa, un referendum consultivo ha sancito che una regione autonoma non possa ospitare siti permanenti per lo stoccaggio di scorie nucleari; i fautori del nucleare ne potrebbero organizzare uno speculare, sarebbe interessante vedere come va a finire

57
attività radioamatoriale / Re:PRENDI RIFUGIO NELLE WARC
« il: 06 Luglio 2022, 09:44:39 »
scusate la domanda.....la porzione di fonia ssb sulle warc è presente su tutte e tre ?
Perchè si chiamano WARC ?

non si usa fonia sui 30m:
https://www.arimi.it/wp-content/Plan/bpHF2021.pdf

il nome, è una domanda che aveva incuriosito anche me, deriva dal vecchio nome della conferenza ITU che le ha destinate ad uso radioamatoriale, la WARC (World Administrative Radio Conference) del 1979; adesso la stessa conferenza si chiama WRC (World Radio Conference).
per rispondere anche a lake: sul band plan di arimi per i 60m è annotata la WRC15 che li ha destinati all'uso radioamatoriale, visto che sono concessioni che derivano dallo stesso ente, anche se con un nome un poco diverso, per analogia possiamo chiamare WARC anche i 60m.

58
discussione libera / Re:Antenne: miti e misteri
« il: 06 Luglio 2022, 09:04:51 »
il cavo coassiale ha le sue criticità, note, tra cui tendere a "interpretare" un ruolo diverso da quello di semplice linea di conduzione/alimentazione.
al di là delle varie "esperienze dirette" (che sono ragionamenti per induzione: il nostro caso positivo potrebbe essere, specularmente, il caso negativo di altri) ci sono due argomenti che influiscono moltissimo su queste antenne: la lunghezza d'onda per cui sono "tagliate" e la la lunghezza della linea di alimentazione; l'una influenza moltissimo il comportamento dell'altra.
il paragone di skypperman con la GM non è casuale, la GM è (astrattamente) un dipolo verticale in cavo coassiale alimentato al centro, per evitare che la linea di alimentazione "partecipi" la separazione avviene con un choke realizzato con parte della linea stessa; nel caso di esempio della EFHW, presumibilmente risonante su frequenze paragonabili a quelle delle GM, il choke a 1,5m ha effetti analoghi, separa l'antenna dalla linea e introduce il famoso "contrappeso" utile al buon funzionamento dell'antenna, come ha esposto efficacemente R5000.
la soluzione è semplice ed efficace, credo sia difficile che qualcuno operi con la stazione a meno di 1,5m dall'antenna.
come ha scritto diverse volte IZ2UUF le correnti di modo comune sulla linea sono direttamente correlate con la frequenza dell'antenna: su una antenna per i 10-11m spesso si perdono prima dell'arrivo in stazione (probabilmente la leggenda sull'uso di cavo in multipli di 11m potrebbe provenire dalla necessità di tenere sotto controllo le CMC), mentre su una antenna per i 40 o gli 80 (peggio ancora i 160m) metri spesso le CMC rimangono in agguato sulla linea coassiale.
magari non ci ho capito niente, ma l'approccio aprioristico "EFHW brutta e cattiva" o "il coassiale non deve mai irradiare" non è molto scientifico.

59
discussione libera / Re:Antenne: miti e misteri
« il: 05 Luglio 2022, 18:14:58 »
Ti ringrazio per averlo reso noto, sperando che in molti lo leggano e comprendano i principi base di non funzionamento delle EFHW (un monopolo alimentato ad un estremo senza alcun contrappeso o radiale).

c'è un refuso: un "non" di troppo.
(ovvero, se si vuole usare il coassiale come componente dell'antenna basta farlo con cognizione di causa)

60
ho avuto entrambi gli apparati, anche se in tempi diversi, la interoperabilità con altri apparati era normale, uso dei toni compreso.
potresti verificare con un terzo apparato, magari in prestito, la reale compatibilità dei CTCSS; il tono 107.2 dovrebbe corrispondere al tono 14.

Pagine: [1] 2 ... 88