SONO LEGALI LE DIRETTIVE PER I CB ? : RISPOSTE E LEGGI !!

Aperto da CODICE_ROSSO, 12 Agosto 2007, 07:06:20

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

ESCOBALDO

l'assicurazione è sempre necessaria......quelle cose grandi se cadono....i danni sono tantissimi..........qui giù a casa minimo distruggo 20\25 auto
Io sono una potenza nascosta....... I miei watt sono solo per chi dista oltre 1000 km


Derrick

L'interpretazione di Nembo mi convince abbastanza. Quantomeno c'è del "fumus" per opporsi ad eventuali sanzioni. Tuttavia, non pensate che basti il parere di un legale a fermare eventuali ispezioni... Se ritengono di essere nel giusto vengono, ti contestano e poi al limite ti difendi (dopo). Che poi è quello che accade un po' ovunque in Italia, "motociclismo" compreso, non so se mi spiego  :mrgreen:.

Inoltre, ciò che è invece certo, è che i CB non sono esentati dalla conformità dell'impianto, quindi, se ci volete provare, fatevi installare la direttiva da un antennista abilitato.

Ciao!

CODICE_ROSSO

#27
Cosa devono contestare un reato inesistente ??
mi basta un certificato di conformita' attaccato sull'uscio di casa per l' antenna ...Poi che uno voglia far entrare FUNZIONARI PERBENE ...per parlare di radio e prendersi un caffe  :-) :-)..questo è un' altro discorso....anzi è sempre un piacere....


Gli OM non sono abilitati al montaggio ( posa in opera delle antenne) come non lo sono i cb e gli swl....

purtroppo è così

La "posa in opera" puo essere effettuata solo da Liberi professionisti iscritti .....
sono forse iscritti in un ALBO gli OM ..?
quale Sindaco potrebbe dichiarare "agibile " uno stabile con un' antenna messa su un traliccio senza certificazioni ..non darebbe l' abitabilità...!!

"Quindi, meglio non svegliare il can che dorme,,,," 


CLICCATE SU:

AMBITO DI APPLICAZIONE  lettera b
http://www.amsp-seregno.it/l46_90.htm#art1
SOGGETTI ABILITATI

http://www.amsp-seregno.it/l46_90.htm#art2
1RGK005
CODICE-ROSSO
Gianluca IZ7QLY

Derrick

Citazione di: CODICE_ROSSO il 21 Settembre 2007, 21:10:09
Gli OM non sono abilitati al montaggio ( posa in opera delle antenne) come non lo sono i cb e gli swl....

purtroppo è così


La normativa tecnica che cita CodiceRosso a proposito di impianti in generale è quella sulla loro sicurezza, la legge n.46 del 1990. Questa legge, seguita dal relativo Regolamento di Attuazione n.447 del 1991, stabilisce che l'installazione degli impianti debba essere eseguita da personale abilitato che rilascia alla fine dei lavori la relativa "dichiarazione di conformità". Inoltre, in essa vengono individuati gli impianti per i quali è anche necessario presentare apposito progetto. La legge in questione, all'art.1, stabilisce l'ambito di applicazione e cita tra gli altri impianti:
"b) gli impianti radiotelevisivi ed elettronici in genere, le antenne e gli impianti di protezione da scariche atmosferiche;"
Quando tale legge entrò in vigore, quindi, ci si iniziò a chiedere se anche gli impianti realizzati dai radioamatori, in particolare le loro antenne, non rientrassero nel suo campo di applicazione.

L'interrogativo ebbe una autorevole risposta nel 1994, quando l'allora Ministero dell'Industra, Artigianato e Commercio, con propria nota del 7-maggio-1994 a firma del Capo Ufficio Legislativo, scrisse testualmente:
"A giudizio dello scrivente, peraltro, l'esenzione delle attività radioamatoriali potrebbe trovare giustificazione sia nel carattere di "sperimentazione" riconosciuto dal Regolamento internazionale delle radiocomunicazioni (Ginevra,l979) reso esecutivo con D.P.R. 27.7.1981, n. 740, sia nella esaustiva disciplina speciale della materia che prevede,tra l'altro, la possibilità per l'Amministrazione postale di dettare prescrizioni tecniche (art. 9 D.P.R. 5.8.1996 n. 1214) e di procedere ad ispezioni delle stazioni radio (art. 16 citato D.P.R. n. 1214). Gli interessati devono essere altresì in possesso di apposita concessione di impianto ed esercizio di stazione di radioamatore (art. 330 D.P.R. 29.3.73 n. 156) che può essere rilasciata solo a chi abbia conseguito apposito titolo di abilitazione (patente di radioamatore) a seguito di esame vertente su discipline tecniche e regolamentari, ivi inclusi elettrologia ed elettrotecnica, effetti fisiologici della corrente elettrica e norme di protezione.
Resta peraltro salva la necessità di garantire una reale applicazione della norma CEI 81/1 (protezione di strutture contro i fulmini), qualora una installazione di antenna radioamatoriale possa, in relazione alle sue caratteristiche, alterare l'altezza virtuale di un edificio e quindi rendere necessaria una protezione di tutto l'edificio contro i fulmini."
A questa seguì la nota datata 9-9-1994 della Direzione Centrale dell'allora Ministero delle Poste e Telecomunicazioni, a firma dell'Ing. Avanzi, con cui si comunicava all'Associazione Radioamatori Italiani quanto segue:
"Il medesimo Dicastero dell'Industria, con data del 7.5.1994, della quale si unisce copia, ha ritenuto che l'attività radioamatoriale possa considerarsi esente dalle previsioni della legge 46/90 restando però..."salva la necessità, di garantire una reale applicazione della norma CEI-81/1 (protezione di strutture contro i fulmini), qualora una installazione di antenna radioamatoriale possa, in relazione alle sue caratteristiche, alterare l'altezza virtuale di un edificio e quindi rendere necessaria una protezione di tutto l'edificio contro i fulmini"

Quindi la frase che gli OM (non i CB che non hanno sostenuto esami specifici) non possono installare da soli antenne sul tetto è del tutto priva di fondamento. Non lo dico io, ma il Ministero.
E' invece vera la necessità di ottemperare alla norma CEI sulle protezioni da scariche attraverso perizia (non montaggio) di tecnico abilitato. Questo per tutti gli impianti di aereo, ivi compresi quelli CB. Alzi la mano chi ha ottemperato.


Ciao!



fabiocb

ragazzi forse dico una baggianata ma un fuinzionario del ministero mi ha detto che non essendoci più poste e telecomunicazioni ed ora solo min. dell Telecomunicazioni non esiste + l'omologazione PT!!

inoltre mi diceva che c'è molta confusione ed ancora in quanto ai CB al momento è fondamentale ke siano marcati CE

che ne dite?

Nembo

Ragazzi prendete nota di quanto postato da Derrik, che e' totalmente corretto.
Si puo' solo aggiungere che credo nessuno venga a verificare la presenza di certificazione in un impianto d' antenna cb, neanche in caso di controlli da parte dell' ex escopost ( che si limita solo a verificare il tipo di Rtx e la sua potenza ed, al limite il livello di emissioni spurie ).
In ogni caso queste sono cose da tenere presente sempre.
Il cb avra' maggiori liberta' dell' om, ma anche molte limitazioni in termini assoluti.
73 + 51  a tutti


ciccio90

ad oggi un dipolo a v invertita è legale in quanto omnidirezionale mentre orizzontale no perché direttiva giusto?


Rommel

Salve a tutti.

Per antenna direttiva si deve intendere un'antenna che concentra le onde trasmesse in una direzione. Un dipolo orizzontale è omnidirezionale, solo che molta parte della potenza trasmessa non va nella direzione parallela con il suolo ma va, per esempio, verso l'alto oppure verso il suolo, quindi c'è molta energia "sprecata".
Diciamo che il vantaggio del dipolo orizzontale è che irradiando a 360° rispetto all'asse orizzontale costituito dai 2 bracci dell'antenna, è facile che tra le tante angolazioni di irradiazione  ci sia anche quella giusta per sfruttare la riflessione atmosferica che permette la "propagazione". Per essere direttiva ci deve essere almeno un altro elemento cioè un riflettore oppure un direttore.

Fra l'altro anche in passato la cosa era facilmente aggirabile, perché bastava prendere il permesso di SWL per avere il diritto di installare anche antenne direttive per la ricezione, poi da una direttiva per ricezione ad una che può risuonare anche sulla 27 MHz il passo è breve...

Saluti a tutti da Alberto.