forum radioamatori > discussione libera

Almeno qualcuno ci pensa

(1/9) > >>

IW4BJG:
https://www.ticinonews.ch/svizzera/i-radioamatori-simulano-una-situazione-di-black-out-367573

Finalmente qualcuno si mostra consapevole della fragilità di tutto il sistema

dattero:
dal titolo del post sembra che solo gli altri fanno!!!!

anche qui da noi in italia fanno esercitazioni radio

HAWK:
Come adattare agli O.M. la situazione ch può accadere alla popolazione, quindi egli stessi subenti alla fine.

Studiare i sistemi di piccolo calibro ed efficienti, a fronte di top station, amplificatori a Kw, mega antenne, ci metto dentro anche i vantati sistemi digitali, tutto legato alla energia, indotta dal servizio pubblico o realizzata in proprio, è alla resa dei conti, una poco utile configurazione nei casi emergenza.

In energenza, un filo o antenna semplice e comoda,, batteria semplice, radio con poche pretese e modo di ricarica semplice ed efficace, metti pedale, solare, etc.

In caso di fine energia, le mega station magari di quelli che fanno lo score più alto nelle gare, non sevono a nulla...
Minimale, semplice, poca necessità...solo questo serve...e buona mano nel VFO, il cluster è anche fuori uso.

Ed alla fine del sistema, solo la nota CW si ascoleterebbe probabilmente, un decrescendo man mano che arriva tutto lì esaurimento.
A spunto di tema, ho sempre detto una osservazione, MA, nelle calamità, nelle operazioni sul campo, in 45 anni di attività radio, come mai NON HO MAI SENTITO PARTECIPARE i famosi Contest man, DXman, spedizioieri ultra vantati dal mondo l(udico) amatoriale...forse xchè, la loro attività è creata sul futile e mero gioco, rispetto al vero uso necessario e carattere per tenere in piedi una oprazione di intervento ed emergenza...

Questo mi fa pensare il vedere queste attività, tuttavia non solo gli svizzeri e soci ci pensano, sono rilanciati giornalisticamente al pubblico, questo sì...

AZ6108:
@Hawk

esatto, una stazione minimale, che permetta fonia/cw ed in seconda battuta modi digitali (con un laptop), un'antenna che sia rapidamente installabile e che offra agilità in frequenza, vuoi tramite accordatore (es. random) o per sua natura (es. t2fd) permette di mantenere collegamenti e di offrire supporto "sul campo" in AGGIUNTA alle strutture ufficiali e, nella mia modesta opinione, permette di avere una "situation awareness" molto più precisa, il che si potrà riflettere sull'ottimizzazione della logistica

e non sono parole vuote (per capirci, sono stato a spalare fango fino a poco fa)

IW4BJG:

--- Citazione da: dattero - 18 Settembre 2022, 10:17:22 ---dal titolo del post sembra che solo gli altri fanno!!!!

anche qui da noi in italia fanno esercitazioni radio

--- Termina citazione ---
   ho scelto male il titolo. Quelli che non "ci pensano" sono semplicemente le persone che dimostrano una incrollabile fiducia nelle reti tlc commerciali. Anzi strano che nessuno dei soliti abbia ancora ribadito che le reti telefoniche sono a prova di bomba. Ci sono molti radioamatori che sono convintissimi che internet non li abbandonerà mai.. Cosa che posso smentire dopo i miei anni di reperibilità passati a ripristinare continui disservizi causati da cose banali prevedibili ed evitabili. Non c'è niente di più fragile e instabile delle reti telefoniche

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

Vai alla versione completa