forum radioamatori > Autocostruzione

problema raffreddamento 7812 in contenitore TO-3

(1/3) > >>

tornadoblu:
7351 a tutti gli amici accompagnato dal buon sabato pomeriggio!!!!

Ho una questione da porvi!!!

Nel mio alimentatore stabilizzato ho sostituito un 7812 in contenitore TO-220 con uno del tipo TO-3
Ho fatto tutti i collegamenti opportuni e finalmente funziona!!!
Ho voluto collaudare l'alimetatore usandolo come caricabatterie e ho visto che dopo una decina di minuti circa il 7812 si inizia a riscaldare nn di molto, ma neanche nn  tiepido!!!
Per fargli dissipare quel calore avevo pensato di fissarlo sulla carcassa dell'alimetatore, ma ho notato che il ground sarebbe il case TO3 del 7812, quindi lo ho collegato al negativo isolandolo con una bacchettina corta di legno e fissandolo con delle viti ad una aletta di raffreddamento ma non dissipa molto.

Vorrei chiedervi se posso fissare il 7812 direttamente sulla carcassa dell'alimentatore per migliorare il raffreddamento oppure bisogna tenerlo isolato visto che la massa del TO3 va collegata al negativo della scheda di stabilizzazione.
Tra il ground del TO3 e la carcassa dell'alimentatore ho misurato una tensione di 20 volt!!!

Grazie per le risposte!!!! :up:

Vi posto anche una foto!!!





Lino:
Buona serata.

Se prima era montato un 7812 in contenitore TO-220 sicuramente poteva dissipare meno calore di questo in contenitore TO-3, quindi da questo punto di vista puoi stare tranquillo perchè la temperatura continuerà a rimanere sotto i limiti.

Se proprio lo vuoi montare sul telaio dell'alimentatore lo puoi fare tranquillamente procurandoti il kit d'isolamento che comprende una mica e due rondelle isolanti da interporre tra lo stabilizzatore, le viti di fissaggio ed il telaio e in questo modo i due corpi saranno completamente isolati.

Saluti, Lino

bergio70:
insieme al kit procurati una aletta di rafferddamento che sia degna di tale nome... considera che l'aletta deve avere una grossa superficie esposta all'aria... un esemplare con due o tre alette verticali dai due lati dello stabilizzatore, grande più o meno come il lato posteriore dell'alimentatore dovrebebro mantenerlo freddo.
Occhio al resto dell'alimentatore, se prima aveva un solo 7812 potrebbe non essere in grado di dare tanta corrente.

ciao

tornadoblu:
7351 a tutti!!!

Ok grazie delle risposte ragazzi!!! :up:
L'alimentatore in origine montava due 7812 in parallelo in modo tale da fornire 3A come cè scritto sull'alimetatore, infatti è uno Zodiac da 3A.
Recentemente l'ho modificato per avere piu corrente di uscita inserendo una batteria di tre transistor del tipo tip42c in parallelo. Quel 7812 esterno serve solo ad avere i 13.8V in uscita.
All'interno i tre transistor sono montati su due dissipatori di un pentiumII montati a formare tipo una L( visti in sezione) e sopra questa L una ventolina di raffreddamento che viene alimentata da un'altro 7812 del tipo TO220.
Siccome i dissipatori dei transistor si trovano a ridosso della carcassa dell'alimentatore sul lato posteriore, la zona posteriore viene sempre ventilata dalla ventolina dei dissipatori e rimane sempre fredda, ecco perchè volevo che il TO3 venisse montato sulla carcassa, per fare in modo che rimanga sempre fredda!!!

Anche in questo caso vi posto una foto!!!!





Lino:
Buona domenica.

In base a quello che hai detto accenno qualche considerazione.

Considerato che utilizzava 2 uA7812 in parallelo ritengo che i 3A dichiarati siano un pò eccessivi dal momento che quei stabilizzatori dovrebbero erogare 1A massimo cadauno.

Come conseguenza devo ipotizzare che anche il trasformatore ed il ponte raddrizzatore siano dimensionati al massimo alla corrente dichiarata.

Quindi anche se vuoi migliorare la stabilità termica tieni presente i limiti imposti dal trasformatore, in particolar modo.

Saluti, Lino

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

Vai alla versione completa