Antenne cavi e rosmetri > antenne radioamatoriali

La loop in guerra

<< < (2/2)

r5000:

--- Citazione da: HAWK - 15 Settembre 2022, 14:40:00 ---Caro amico Geremia, lo avevo visto dove sai, secondo me è interessante, datosi che poi tutto passa al civile.
Deve funzionare bene, o almeno discretamente, sarebbe da provare in fisso attività on field...

Al solito, come sempre, uno dei censori auto proclamatesi, di dove sai si erge a dirigente e critica tutto e tutti, quel personaggio non merita, ne ha il carattere di far parte di un forum.
Pr me vale ZERO...come persona e come O.M.

Di poco intelletto e usato male, leggi, mi darai conferma.
Grazie per la nota, cmq. molto interessante.

--- Termina citazione ---
73 a tutti, quando si tratta di antenne militari le caratteristiche sono un "poco" diverse dall'utilizzo radioamatoriale, la prima differenza è la sintonia continua rispetto alle bande radioamatoriali, aggiungo anche il cambio deve essere molto veloce, la mia Steppir a confronto è una lumaca, poi per l'utilizzo radioamatoriale le antenne devono reggere molta potenza, in ambito militare si usa la minor potenza necessaria per fare il collegamento punto punto e non andare oltre, quindi non usano mai 2000 watt se bastano 20 watt e quando parliamo di NVIS le potenze necessarie per fare meno di 500 km sono nell'ordine delle decine di watt e non di più, poi c'è la solidità e affidabilità che viene prima di tutto e in ultimo il guadagno dell'antenna propio l'opposto dei prodotti commerciali per radioamatori dove il guadagno è sempre "fantastico" e ben pubblicizzato mentre sulla robustezza a volte nemmeno scrivono quanto vento regge prima di rompersi...

HAWK:
@R5000.
Concordo pienamente su tutto, specialmente nei guadagni e rendimenti reali, rispetto alle commerciali civili.

Hai chiarito egregiamente.

Geremia:
scusate ho sbagliato 3d

Navigazione

[0] Indice dei post

[*] Pagina precedente

Vai alla versione completa