Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - elnath

Pagine: [1] 2
1
usato radioamatori / In vendita: HiGain V 2795DX e Galaxy PLUTO
« il: 19 Febbraio 2021, 12:02:06 »
Cedo apparati CB come in titolo completi di imballi e accessori originali.
In blocco Euro 400,00, singolarmente a prezzo da concordare (indicativamente: 150 l'HiGain e 250 il Pluto).
Nel corso del tempo le radio sono state riparate in laboratori qualificati.
Sono funzionanti per quanto abbia potuto verificare.
Le foto allegate mostrano lo stato di conservazione, ottimo per il Pluto mentre ovviamente l' HyGain mostra maggiormente i segni dell'utilizzo e del tempo.
Grazie della vostra attenzione.

2
Ciao, io l'ho installata da circa 4 mesi e va benissimo e ti spiego perchè. Ho eseguito una configurazione per i miei gusti preferendo i qso nazionali/Europa  in configurazione Sloper punto più alto circa 8/9 metri e punto basso circa 5, al momento provando anche collegamento europei mi è bastato schiacciare il ptt come dico spesso e mi hanno sentito al primo colpo, tutti segnali forti sia in ex che ti, poco rumorosa o meglio meno rumorosa di una verticale, che dire io direi che è un giusto compromesso, ciao.


Ah, ho anche su una  canna da pesca ma non c'è paragone su tutte le bande.

Ciao Antonio, che sorpresa vedere risuscitato questo "vecchio" post.
Le mie intenzioni verso questa antenna sono rimaste tali, nel frattempo ho preso una Zeppelin come indicato sopra, ma la devo ancora provare, ed anche una Windom, stessa sorte.
Purtroppo negli ultimi mesi non ho avuto tempo da dedicare alla radio.
Grazie comunque del tuo prezioso parere

3
Yaesu / Re:Yaesu FT-991 nuovo quadribanda!
« il: 16 Novembre 2014, 19:51:44 »
..... il mio vecchio TS-50 ...... è "moddato" (DSP con NR e BP filter + autonotch)

Ciao Skypperman,
mi scuso per l'OT anche con gli altri utenti: siccome avrei la possibilità di prendere un TS-50, volevo sapere qualche dettaglio in più riguardo al "trattamento" fatto sul tuo.
grazie, e scusate ancora per l'OT.
PS.: a me la 991 piace molto; da valutare bene (oltre che le caratteristiche radioelettriche) le dimensioni: se si adattasse alla mia "stazione semifissa" la prenderei in sostituzione del FT-450 (che peraltro va benissimo, ma una rimodernatina ogni tanto ci vuole...)

73 a tutti

4
Condivido le tue perplessità Michele, io stesso dopo aver visto le mirabolanti imprese di questa antenna (ci sono diversi video su Youtube) avevo pensato di prenderne una; ho dirottato l'attenzione verso una classica Zepp che però non ho ancora avuto modo di provare....
Eccola la parola magica: PROVARE ;)
Basterebbe montare l' un-un e attaccarci il cavo, e vedere come va.
Con un UN-Un 9:1 e una lunghezza del cavo come consigliato qui http://www.balundesigns.com/content/Wire%20Lengths%20for%209-1%20ununs.pdf  (dove tra l'altro vendono dei magnifici balun e un-un già confezionati) pare si possano coprire tutte le bande...
Che dire ?
Bisogna sperimentare ;)

5
ciao calindro, alle pagine 14 e 16 del manuale che trovi qui http://www.mfjenterprises.com/Downloads/index.php?productid=MFJ-929&filename=MFJ-929.pdf&company=mfj ci sono i pin-out rispettivamente lato MFJ e lato Radio, non dovrebbe essere complicato montare il cavetto

fammi sapere com'è andata

73

6
salve elnath, io cerco anche in formato pdf o in formato cartaceo dei vecchi cataloghi (dal 1976 a salire tranne gli ultimi usciti) della; kenwood, marcucci, intek, il elettronica, vietatapubblicità.
sono un collezionista sfegatato...

Ciao Roberto, ho trovato un po' di cataloghi Marcucci degli anni 2000, e niente altro (si vede che ho fatto un po' di pulito tempo fa).
Fammi sapere se possono interessarti, ciao

7
salve elnath, io cerco anche in formato pdf o in formato cartaceo dei vecchi cataloghi (dal 1976 a salire tranne gli ultimi usciti) della; kenwood, marcucci, intek, il elettronica, vietatapubblicità.
sono un collezionista sfegatato...

ciao roberto, al qth di campagna dovrei avere ancora qualcosa, sabato ci vado e poi ti faccio sapere

73

8
scaricato in un paio di orette tutto l'archivio; e dire che tempo fa volevo fare da me la scansione di tutti i fascicoli cartacei in mio possesso (e sono tanti, seguo N.E. dal n. 31....) ma dopo qualche pagina ho desistito, consapevole del lavoro ciclopico e improbo che mi accingevo a fare...
anche per questo desidero ringraziare pubblicamente tutti coloro che hanno contribuito a questo risultato, raccogliendo il materiale e mettendolo a disposizione della comunità

p.s.: la mia collezione di riviste cartacee è a disposizione degli eventuali interessati, che, nel caso, sono pregati di contattarmi a mezzo MP.

73 a tutti

9
salve amici, anche io sarei interessato, spero riusciate a concludere l'upload;

rimango in ascolto
73 a tutti

10
Ciao Giulio,
Nelle tue condizioni vedrei bene una filare tipo Windom oppure end-fed se ti interessa una sola banda.
Non dovresti scoraggiarti per i 40 metri e passa di cavo, basterebbe prenderne uno buono, io ho usato RG8-XX mi pare (certo costicchia....).
Per le prime prove hai pensato ad un'antenna da balcone ?
Oppure se hai la possibilità di avere un ancoraggio ad un palazzo di fronte, o un palo, o un albero... potresti valutare una long-wire, anche in slope volendo.
Prova e facci sapere.

73 de IZ0XFP op Riccardo - Roma

11
Infatti tra me e Giuseppe cambia solo il prefisso di zona...

.....  IW, prefisso ora inutilizzato causa sparizione della licenza speciale: la loro assegnazione era soggetta a duplicati anche tra regioni a statuto normale.

Ciaoo
Davide


Infatti anch'io ero un IW5 e le successive 3 lettere erano in comune con un I5 o IK5 (ora non ricordo) e all'inizio della mia attività questo era spesso fonte di discussioni perché in molti pensavano che io stessi utilizzando un nominativo falsificato (erano tempi in cui Internet manco si sapeva cosa fosse....)


Ciao

12
Sezione Amministrativa / Re:esonero patente: quali diplomi?
« il: 08 Giugno 2014, 11:25:03 »
ciao cb83 ti riporto integralmente un estratto del regolamento:

Citazione
ESONERO DALLE PROVE DI ESAME PER PATENTE DI OPERATORE DI STAZIONE DI RADIOAMATORE
Da tutte le prove sia teoriche che pratiche per chi è in possesso dei seguenti documenti rilasciati dal Ministero delle Comunicazioni:

1) Certificato di radiotelegrafista di 1^ classe;
2) Certificato di radiotelegrafista di 2^ classe;
3) Certificato speciale di radiotelegrafista
4) Diploma di qualifica di radiotelegrafista di bordo rilasciato da un istituto professionale di Stato;

Sono esonerati dalle prove scritte gli aspiranti in possesso di uno dei seguenti titoli:

1) Certificato generale di operatore GMDSS, rilasciato dal Ministero delle Comunicazioni;
2) Laurea in ingegneria nella classe dell'ingegneria dell'informazione o equipollente;
3) Diploma di tecnico in elettronica o equipollente conseguito presso un istituto statale o riconosciuto dallo Stato.

come puoi notare, come sempre le leggi sono fumose per essere poi interpretate secondo gli umori del funzionario del momento; che vuol dire "equipollente" ? lo sanno solo loro.... io ad esempio so bene quali materie hai studiato, perché ho anche insegnato in un ITIS per Informatici ed Elettronici, ma non credo che l'aver studiato Elettronica, Sistemi ecc. ti possa garantire l'esonero, perché secondo me vanno a vedere la qualifica finale, e mi sa che "Informatica" non te la passano;
ai miei tempi (anni '80) l'orientamento generale era che l'esonero era consentito ai diplomati Periti Elettronici e in Telecomunicazioni (non esisteva ancora Informatica); infatti un paio di amici miei, con questo diploma, lo chiesero e lo ottennero;
potresti comunque presentare specifico quesito all' Ispettorato di zona, magari ti rispondono (coi loro tempi, ovviamente....)

tra l'altro l'argomento è ampiamente dibattuto anche qui: http://www.rogerk.net/forum/index.php?topic=48181.msg533399#msg533399

tienici aggiornati, ciao


13
discussione libera / Re:Potenza radio FM commerciali
« il: 01 Giugno 2014, 12:35:14 »
e' mia opinione che i livelli di potenza in queste bande rientrino nell'intervallo 1,5...15 KW, molto dipende dall'ubicazione del trasmettitore in riferimento alla zona da servire;

è auspicabile il rapido passaggio al digitale (anche qui !) con il che le potenze dovrebbero ridursi di un fattore 10, con benefici per tutti (non so se siete mai capitati "vicino" a qualche installazione, tipo vicino a Roma in zona "Castelli", dove si addensano in pochi metri quadrati decine di trasmettitori,e rispettive antenne....)

saluti

14
Michele il mio call è in firma, IZ0XFP.
Quanto a sentirci, volentieri ma non nell'immediato perché non potrò.
Più probabilmente nel w.e. di Pasqua.

Ciao

15
ciao acquario58, hai ragione, mi sono allarmato quasi per nulla e se avessi reagito subito razionalmente mi sarei risparmiato un po' di grattacapi;
quanto al potenziale "collega" radioamatore con cui spartire il terrazzo, beh al momento non c'è problema, sono tutti vecchi ed è anche per questo che non vedono di buon occhio le mie antenne; ma se si facesse avanti qualcuno ne sarei felice, almeno potrei condividere di persona un po' di esperienze: il terrazzo è grande, ho visto che già ci sono un po' più in là una verticale che credo sia per gli 11m e una specie di dipolo tutto floscio che sarà di certo abbandonato; il portiere tempo fa mi disse che c'era uno che mi voleva parlare a proposito delle antenne, io gli dissi che non c'era problema, ma poi nessuno s'è fatto vivo... boh...

mi sa che stiamo andando un po' OT.....

73

16
Ciao, sì la FT-450D ha l'accordatore incorporato, ma io non sono molto propenso ad utilizzarlo, se non in casi "disperati" e non risolvibili diversamente.

Se vuoi vedere la mia installazione "semifissa", ho messo una foto sulla mia pagina di QRZ.com, mi  è venuta l'idea dopo aver visto alcuni video su Youtube.

73

17
Yaesu / Re:YAESU FT-450D modulazione pessima
« il: 14 Aprile 2014, 22:36:33 »
Aggiornamento, seppur intempestivo ma che credo doveroso.

Ho infine assemblato quanto segue (ispirandomi molto a diversi progetti analoghi che si trovano in giro):
- cuffia/microfono Sennheiser PC-310;
- scatto remoto per fotocamere Canon con funzione di PTT;
- cavetto di raccordo tra il precedente (2,5 mm) e i normali jack da 3,5 mm;
- cavo opportunamente cablato per accogliere il PTT e la spina Micro della cuffia (la presa "auricolari" si può collegare direttamente all'uscita "cuffia" della radio).

Per ora ho avuto 1 solo riscontro, ma molto lusinghiero: farò quanto prima delle prove in monitor (o in diretta o registrandomi, tramite ascolto su Kenwood TH-F7E), anche "giocando" un po' con i controlli guadagno/equalizzazione del microfono di cui è corredata la radio.

73 a tutti


18
Amici, ho fatto la prova.
Mi scuso per il ritardo, ma la mia è una stazione "semifissa" (nel senso che quando voglio stare in radio devo tirare fuori la roba, attaccare i cavi, e finito tutto rimettere tutto a posto) e questo non conferisce troppo entusiasmo.
Allora ho provato in TX alla minima potenza sulle varie bande, e posso dire che solo in 40m la situazione è piuttosto critica: ROS intorno a 1:2,5, correggibile sì con l'accordatore ma peggiorato rispetto a prima.
Nelle altre bande il ROS è basso, la lancetta a volte manco si muove, più o meno come "prima".
Bisogna vedere comunque se l'efficienza della filare non risenta della vicinanza di tutto quel metallo, di certo non presente in fase di installazione e taratura originarie.
Un QSO in 10m ha dato ottimo riscontro, ma i miei corrispondenti erano in città e quindi non fa fede.
Proverò il prima possibile qualche QSO nazionale in 40m, e volendo/potendo qualche DX nelle bande alte e posterò i risultati.
Quanto al resto, lasciamo stare.

73 a tutti

19
Allora piccolo aggiornamento.
Non ho più acceso la radio per non avere la tentazione di andare in TX e provocare la proverbiale fumata...
C'è stato un andirivieni di email con l'amministratore, che mi informa che finché non sono finiti i lavori non può darmi la chiave per motivi di sicurezza; e inoltre mi informa che stendere il bucato è un diritto dei condomini al pari del "fare" radio.
È una guerra di nervi....
Appena sarò in possesso della chiave vedo cosa posso fare (a Pasquetta vorrei mettere su la Windom, speriamo.....).
Il mio è un condominio molo grande e molto litigioso.... capirete....

Ciao

20
Ragazzi, novità: ho scritto all'amministratore di condominio per esprimere le mie rimostranze sulla faccenda. E quello, che sarà tutt'al più Ragioniere (con rispetto per i ragionieri) mi contesta che le mie affermazioni in materia di interferenze e compatibilità elettromagnetica sono pretestuose.... se non fosse comico sarebbe tragico... qui si va per avvocati.

Vi tengo informati (nelle vacanze di Pasqua conterei di montare la Windom).

Ciao

21
Grazie dei vostri interventi amici miei.
Penso che proverò a fare qualche simulazione con il software,mentre aspetto di riguadagnare l'accesso per verificare la situazione e studiare un'eventuale nuova e diversa installazione. D'altronde la Windom è già pronta da un po', altri tipi di antenna, comprese le verticali, non vorrei prenderle in considerazione.
Certo che però.... vendetta tremenda vendetta....


73 a tutti

22
Salve amici, come da titolo ho scoperto che nella giornata di ieri (sabato) in mia assenza e senza essere stato preventivamente avvertito, il condominio ha fatto installare una serie di fili metallici stendipanni sul terrazzo condominiale proprio in corrispondenza della mia antenata filare. Contemporaneamente è stata cambiata la serratura della porta che da accesso a detta terrazza, in nome di un non meglio precisato "regolamento" che dovrà essere osservato per la stesa dei panni ad asciugare.
Quindi non ho potuto neanche fare un controllo sullo stato di salute della mia antenna, e di certo non la collego alla radio per verificare se tutto funziona.
Ma il mio dubbio a questo punto è: tutta questa massa metallica rappresentata dai fili e rispettivi pali quanto  influirà sul funzionamento dell'antenna?
Avevo già programmato di sostituire l'attuale End Fed con una Windom, pensate che tenendo i bracci della filare sufficientemente alti rispetto al piano virtuale rappresentato dai fili stendipanni possa garantirmi un funzionamento (ma sopratutto la taratura) accettabile?
O per assurdo tutto quel metallo potrebbe aumentare la conduttività del piano virtuale di massa, migliorando le prestazioni ? (E nel caso dovrei comunque tenermi molto alto rispetto allo stesso ?).

Grazie in anticipo dei consigli che vorrete darmi.

73 a tutti

23
Elettronica & Radiotecnica / Re:Equivalenze transistor AIUTO!!!!!!!!
« il: 22 Febbraio 2014, 09:20:33 »
Io avevo dei manuali di equivalenza molto efficaci, sono libriccini gialli con un gufo in copertina. Le equivalenze erano tutte migliorative e per ogni  componente ci sono, oltre alla piedinatura, anche le caratteristiche principali.
Ti consiglio di consultarli. Se non li trovi posso darci un'occhiata io, ma non subito perché li tengo nel QRA secondario dove vado ogni 2/3 settimane

24
Si può fare ovunque.
Nel senso che un versamento a mezzo bollettino di conto corrente postale può essere eseguito tramite bonifico. Si deve calcolare l' IBAN a partire dal codice ABI delle Poste che è sempre 7601, il CAB è quello della sede principale di zona e il conto corrente è lo stesso indicato bollettino. Se cercate con Google ci sono moltissimi siti che consentono di calcolare l'IBAN.
In questo modo si può ad esempio evitare di fare la fila alle poste.... :-) e farsi magari il bonifico da casa con l'home banking.
Eventualmente chiedete alla vostra Banca.

73 a tutti

25
discussione libera / Re:App Ripetitore
« il: 26 Dicembre 2013, 20:13:18 »
In pratica quando selezioni un ponte sull'app questa imposta via cat la radio settando freq e toni
Ti quoto in pieno Brian rammentando che attraverso l'interfaccia CAT/Bluetooth in vendita presso lo stesso sviluppatore della APP (non sto facendo pubblicità) si possono "pilotare" le radio della serie YAESU FT8x7 e sarebbe interessante se qualcuno provasse a vedere cosa succede anche con altri modelli e marche di radio... se qualcuno volesse/potesse fare delle prove e riferire.....:-)

73 a tutti

26
Elettronica & Radiotecnica / Re:(Ri)studiare un po' di elettronica
« il: 13 Dicembre 2013, 19:32:55 »
Ciao Partags64, posso consigliarti questo testo:

ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA di S.Gibilisco, Ed. Hoepli.

E' un compendio che parte dalle basi e su su arriva fino alla robotica, il tutto in poco più di 500  pagine; ci sono anche test di autovalutazione, e le risposte alla fine. Il "taglio" didattico è molto "americano": stringato, veloce e si bada alla sostanza.

Io lo presi tempo fa, ma di fatto non l'ho mai aperto perché alla fine mi sono reso conto che di  "documentazione" autorevole in casa ne ho abbastanza (molti libri dell'università, e altri, compreso il Millmann, ma in inglese, quello con la copertina gialla, su cui studiai per l'esame di Elettronica Applicata.... altri tempi.... ). e quindi si è rivelato un acquisto inutile, perciò è praticamente nuovo.

Se ti interessa te lo posso cedere a prezzo di favore, bisogna vedere anche quanto potrebbe costare spedirlo, cosa che ignoro totalmente.

Fammi sapere.


73 a tutti

27
discussione libera / Re:App Ripetitore
« il: 11 Dicembre 2013, 14:49:06 »
La cosa ancor più interessante è che con un apposito accessorio acquistabile presso l'autore si può interagire con le radio Yaesu della serie FT8x7  tramite il bluetooth :-)

28
Yaesu / Re:YAESU FT-450D modulazione pessima
« il: 06 Dicembre 2013, 19:47:27 »
allora ragazzi mi sarebbe piaciuto aggiornarvi ma purtroppo non ne sono ancora in grado in quanto: ho comperato una cuffia/microfono che va egregiamente (la userà anche mio figlio per i videogame), mi sono procurato un pulsante da adibire a PTT manuale, mi manca solo il cavetto da collegare da un lato al RTX e dall'altro al jack microfono della cuffia, che ho ordinato ormai dal 22 novembre e non mi è ancora arrivato; se vi interessa vi segnalo i dati del bellimbusto (per non dire DISONESTO, dato che oltre che essere venditore professionale ebay con tanto di "negozio virtuale" il tizio tiene pure un sito dove si qualifica come laboratorio serio e storico nell'ambito radiantistico.... peccato che non si degna di rispondere alle email e neanche al telefono) che si è preso i soldi senza che però io avessi ancora in mano (dopo oltre 2 settimane) il cavetto;
datemi pure del somaro, ma purtroppo ho perso dimestichezza col saldatore e preferisco comperare roba "confezionata"... certo questo tizio sta mettendo alla prova la mia pazienza (non insisto perché non voglio essere bannato dal forum...)

stay tuned



73 a tutti

29
Yaesu / Re:YAESU FT-450D modulazione pessima
« il: 05 Dicembre 2013, 19:32:57 »
Sono in attesa che mi arrivi una cuffia che ho ordinato, che ha il microfono a cancellazione di rumore. Con questa dovrei escludere che il rumore delle ventole venga captato e contribuisca a peggiorare la modulazione.
Vi terrò informati.

73 a tutti

30
Yaesu / Re:YAESU FT-450D modulazione pessima
« il: 23 Novembre 2013, 17:21:08 »
Scusa XOV non credo che la radio sia rotta, o per lo meno mi rifiuto di pensarlo, visto che a parte questa presunta "ipersensibilità" del microfono, per il resto sembra funzioni tutto bene.
Ho notato anch'io un po' di rumore "elettrico" innescato dall'alimentatore a commutazione, che volendo si può anche attenuare con l'apposita funzione del power supply.
Per scongiurare comunque altri problemi e indirizzare correttamente le indagini sul fenomeno, mi sto procurando l'occorrente (cuffia/microfono + cavi di raccordo) per ovviare all'utilizzo del microfono palmare; a quel punto mi farò anche registrare (mal che vada mi registro da solo utilizzando il secondo apparato) e così potrò capire cosa "sentono" questi radioamatore dall'orecchio fino.
E' pur vero che avevo modificato qualcosa nei parametri della radio, ma gli unici interessati da questo fenomeno sono la preamplificazione e l'equalizzazione del microfono, che come ho descritto precedentemente ho cercato di ottimizzare raggiungendo un compromesso accettabile.

Stay tuned.
73's de IZOXFP

31
Yaesu / Re:YAESU FT-450D modulazione pessima
« il: 23 Novembre 2013, 12:17:13 »
Allora miei sodali, ho fatto innumerevoli prove incrociate, servendomi sia del secondo apparato (YAESU FT-857/D che normalmente utilizzo nel QTH estivo) che del palmarino Kenwood TH-F7 (in sola ricezione), entrambi collegati a cuffiette di qualità.
I microfoni del FT-450 e del 857 sono esattamente identici, per cui ho inizialmente scongiurato che fosse guasto il micro del 450. Anche gli apparati non sono guasti (acquistati entrambi nuovi circa 2 anni fa e trattati benissimo  ;-)) .
Esclusa quindi la possibilità di un malfunzionamento, mi sono dedicato alla rassegna dei vari parametri impostati sul 450 e, non senza sorpresa, ho infine stabilito che devo tenere la preamplificazione su LOW altrimenti il suono è distorto e viene captato ogni minimo suono/rumore (su HIGH anche l'oscillazione del cavo spiralato fa rumore.... :( :down:). L'equalizzazione influisce poco, quasi niente, e l'ho impostata su un valore che mi sembrava pertinente (mi sembra il n. 3).
Sono andato quindi normalmente in TX e mi sono fatto dare qualche controllo.... al momento sembra tutto ok. Vediamo se troverò qualche collega radioamatore disposto a registrare la modulazione per poterla riascoltare, ho pensato che quando si fanno le prove non si parla normalmente  e spontaneamente come durante un normale QSO.
Per inciso, avevo cambiato io il livello di preamplificazione, ipotizzando che nei DX servisse tale "spintarella" per farsi sentire meglio. Poi quando ho sentito un corrispondente che diceva a un altro che nelle pause sentiva il rumore delle ventole.... beh, mi sono tranquillizzato, considerando la dotazione ben superiore alla mia....
D'altra parte sono convinto che questi microfonini palmari a corredo degli apparati facciano quello che possono: credo che soprattutto per quanto riguarda la reiezione fronte/retro (e quindi la schermatura nei confronti dei rumori prodotti dalle ventole, eccetera) siano un po' scarsi, ma qui andiamo sul difficile....
A giorni sarò in grado di fare qualche prova con una cuffia/microfono, se vi interessa vi relazionerò sui risultati: queste cuffiette dichiarano che il microfono è a "cancellazione di rumore", staremo a vedere.
Per il momento vi ringrazio della "consulenza" e vi saluto cordialmente.  :birra:
Scusate se sono chiacchierone, ma mi piace spiegare le cose per bene....  :up:

73's de IZ0XFP

32
Yaesu / Re:YAESU FT-450D modulazione pessima
« il: 22 Novembre 2013, 18:50:47 »
Grazie delle risposte ragazzi.
In effetti l'apparato è nuovo, lo utilizzo da 2 anni ma molto sporadicamente , con QSO sia nazionali che internazionali, e mai nessuno prima di ieri mi aveva dato un controllo così nefando....
Non credo di aver sbagliato l'impostazione di qualche parametro, ma per sicurezza proverò a ripartire da zero; intanto potrei anche provare a sostituire il microfono con quello del 857/d (che pure possiedo).
Vi terrò aggiornati con le risultanze di queste prove.
Riguardo alla possibilità di "interfacciare" l'uscita posteriore DATA con un mixer, nessuno ha qualche idea? (prima di spendere soldi inutilmente....)

Saluti

33
Yaesu / YAESU FT-450D modulazione pessima
« il: 22 Novembre 2013, 15:10:44 »
Salve ragazzi, dopo diverso tempo di attività, ieri per la prima volta un radioamatore mi ha detto senza mezzi termini"la tua modulazione fa cag...re".
Non me la sono presa, ma ho cercato di indagare l'argomento, e servendomi del Kenwood TH-F7E messo in ricezione in banda 40m, ho scoperto con mio sommo sgomento che il microfono del FT-450D capta un rumore infernale che sembra che sto modulando dall'interno di una segheria.....
Per cui chiedo innanzitutto ai possessori del 450: ma a voi come vi dicono che è la vostra modulazione? Il mio microfono mi fa la voce da "trombetta" e infila dentro addirittura il rumore delle ventole della radio.... Nonostante le infinite combinazioni nella impostazioni di preamplificazione ed equalizzazione le cose non cambiano; e certamente l'intelligibilità della comunicazione è minima.

Sicché sto cercando di risolvere radicalmente il problema, realizzando il classico accrocchio per collegare alla radio una cuffia/microfono, con PTT a parte (a cose fatte vi relazionerò sulla realizzazione); in rete si trovano diversi schemini interessanti, ma io sono poco avvezzo allo stagno....

Intanto pensavo: ma nella presa "DATA" del pannello posteriore sono presenti i contatti per ingresso/uscita BF e PTT, per cui mi era venuto in mente se a questa presa, sempre con PTT a parte, non fosse possibile collegare un mixer esterno (ce ne sono di piccolini e molto carini ad esempio della Beringher) per poter utilizzare microfono e cuffia di qualità, con regolazione esterna di equalizzazione ed eventuale compressione.

Qualcuno ha provato? Che spinotto bisognerebbe usare? (mi sembra ad occhio un S-VHS ma forse mi sbaglio ?).

Attendo vostri commenti e osservazioni.
Grazie e alla prossima.


73's de IZ0XFP

34
Yaesu / Re:[YAESU VX8] Owners Club
« il: 17 Novembre 2013, 12:38:10 »
up !
nessuno che ha il VX8-DE e un cellulare/tablet Android e che possa fare questa prova? Non ci posso credere....

35
Yaesu / Re:[YAESU VX8] Owners Club
« il: 03 Novembre 2013, 18:42:23 »
Salve ragazzi, vorrei prendere questa radio, e mi stavo chiedendo se l'opzione bluetooth consente unicamente applicazioni tipo cuffia/microfono o anche dati: in particolare, sarei interessato ad accoppiare via bluetooth la radio con lo smartphone, dove far girare specifiche app per interagire con essa, come ad esempio questa qui: https://play.google.com/store/apps/details?id=com.zbm2.repeater (che in base a dove sei ti propone i ripetitori accessibili entro una certa distanza, e ti consente di impostare la radio con i dati del ripetitore scelto, senza agire direttamente sulla radio, e senza intasare le memorie della radio con i dati di molti ripetitori).
Qualcuno ha provato? Sapete se si può fare ?
Qualche temerario già possessore del VX8-DE con bluetooth potrebbe provare e riferire?

Grazie, ciao


73 de iZ0XFP op Riccardo

36
Ciao IK1NPE, in effetti mi sono chiesto diverse volte come aprire come una cozza i pacchi batterie, supponevo di agire con un taglierino particolarmente robusto, proverò questa tua idea di passarci il seghetto da traforo.
Tutto l'arcano nasce purtroppo dalla slitta, che ha ovviamente una forma proprietaria, e forse solo qualche esperto (ma molto esperto) di modellismo saprebbe come riprodurre. Se lo sapessi fare mi costruirei un pacco batterie nuovo fiammante che si aggancia alla radio come quello originale (pazienza eventualmente per i contatti, andrei di cavetto esterno...).
Io tempo fa avevo realizzato una piccola basetta di bachelite (vedi foto) munita di due viti, che si incastrava a forza nella slitta del pacco batterie, fino a provocare il contatto elettrico con i terminali del pacco e le due viti; poi con un cavetto munito di pinzette a coccodrillo provvedevo alla ricarica. Grazie a questa basetta potevo ricaricare il pacco senza togliere le singole batterie stilo (sto parlando del BT-6, pensato per contenere 6 stilo alkaline).
Va bene che siamo un po' artigiani, ma insomma volevo fare un lavoretto più pulito.
Persevero nelle mie ricerche e terrò aggiornato il thread.
Grazie per l'attenzione, saluti



el.nath



38
Salve a tutti i seguaci, possessori e non, di questo fantastico apparato.
Torno a riprendere questo ormai datato thread per aggiornare gli eventuali interessati di qualche novità.
Ebbene, il mio TH-77, dopo diversi mesi di onorato servizio, è tornato a fare le bizze: adesso c'è lo squelch che in VHF rimane sempre aperto; ho prontamente contattato il laboratorio dell'altra volta, e mi dicono che il problema è noto e si può riparare (i soliti condensatori...).

Frattanto vorrei chiedere ai possessori di questa radio se e come hanno affrontato il problema dei pacchi batterie che chiaramente dopo diversi anni sono diventati inutilizzabili; io sto pensando di montarmi un accrocchio mettendo in serie due portapile da 4 stilo ciascuno, da collegare alla radio tramite cavetto esterno, dato che una ipotetica slitta per collegare l'alimentazione "da sotto" come fosse il pacco batterie originale, è introvabile (pensavo di utilizzare allo scopo la slitta del caricatore BC-9, ma è impossibile da trovare) e pacchi batteria nuovi se ne trovano in vendita a prezzi scandalosi: il meno caro a circa 30 euro, più spedizione.

Qualche consiglio (anche riguardo alle batterie da usare)?

Grazie,e 73 a tutti


el.nath

39
discussione libera / Re:sulle hf col telefonino!
« il: 09 Giugno 2013, 17:18:00 »
Con il dovuto rispetto per l'approccio tradizionalista di alcuni, vorrei sottolineare che nello stesso sito indicato ad inizio topic ci sono anche molti "accessori", come ad esempio un'interfaccia bluetooth con cui collegare il nostro amato rtx della serie FT-8x17 ad un dispositivo remoto (smartphone o tablet) con interessanti prospettive operative; ad esempio, lo spinotto bluetooth in abbinamento con un'altra app (di cui al momento non ricordo il nome ma che è facile trovare) che acquisisce la posizione, ne trae l'elenco dei ripetitori accessibili, prende i dati del ripetitore selezionato dal proprio database, ti imposta il rtx con le opportune frequenze...
Insomma, per chi ha voglia di sperimentare e divertirsi......

73 a tutti

40
antenne radioamatoriali / Filare con balun doppio 1:4 1:9
« il: 30 Maggio 2013, 21:23:52 »
Salve a tutti;
è scaricabile da diverse parti (ad esempio qui http://u.jimdo.com/www20/o/s9a40520c8a545975/download/m86c9b2d1ad7ce221/1262563178/100+antenne+con+un+balun+%28UNUN%29.pdf?px-hash=a3b5a89fc9904d9ce38b54a2f8d869df785944ea&px-time=1369930935 un file con numerosi esempi di antenne filari realizzate con un particolare balun con doppia uscita 1:4 e 1:9.
Non sto a fare pubblicità al costruttore/rivenditore di questo balun, ma chiedo se qualcuno ha provato in particolare a realizzare l'esempio di pagina 4, dove si suggerisce di collegare contemporaneamente 2 fili alle rispettive uscite del balun.
Nello specifico, per non partire proprio da zero, mi interesserebbe sapere come sia meglio collegare i due fili, e cioè quello lungo all'uscita 1:9 e quello corto all'uscita 1:4, o viceversa.

Vi ringrazio in anticipo dei contributi che potrete darmi.

73 de IZ0XFP

41
ciao frengo, ti ringrazio dei consigli ma è tutto ok per quanto riguarda l'alimentazione: l'apparato è collegato ad un alimentatore stabilizzato con uscita fissa a 13,8 (o forse 12,6 non ricordo più) e tuttavia nel QTH estivo dove finalmente ho avuto modo di metterlo alla prova dopo la riparazione sono in buona posizione rispetto a diversi ponti della zona, quindi l'ho impostato per lo più a media o addirittura bassa potenza; ti mando in privato i riferimenti del laboratorio (dato che non credo li si possa spiattellare in bella vista qui sul forum...)

ciao e grazie del tuo intervento
73

42
salve ragazzi,
credo che, come in altre cose della vita, talvolta conta molto la fortuna; malgrado qualcuno mi avesse messo in guardia e segnalato come "pessimo" il laboratorio  al quale mi sono rivolto, devo dire che ho trovato in loro professionalità competenza e disponibilità; inizialmente mi avevano rispedito la radio e sembrava ancora non funzionante, gliel'ho rimandata e me l'hanno controllata di nuovo e rispedita a casa, senza altre spese...
La radio adesso funziona: che dire, si fa presto a postare qui una recensione negativa, e rischiare di rovinare la reputazione di un'attività solo per un caso particolare in cui le cose non sono andate bene; vicecersa, non so se sia il caso di fare gratuitamente pubblicità a questi di beinasco ai quali mi sono rivolto.... boh, io in questa circostanza mi sono trovato bene, e se avrò ancora bisogno sarà la prima opzione che valuterò in futuro.
Vedete voi ;)
73 a tutti
elnath

43
73 a tutti...
allora amici dopo diversi mesi finalmente sono in grado di aggiornarvi circa le sorti del mio piccolo kenwood th-77: ebbene, provato al qth estivo con l'antenna esterna va che è una meraviglia; ho fatto molti qso sia in vhf che in uhf via vari ponti della zona, ho cercato di stressarlo bene bene, alimentato esternamente a 13.8 V dopo un po' inizia a scaldicchiare (ma anche fuori c'erano quasi 40 gradi.. vabbè), ho anche fatto una piccola uscita con dotazione di antenna in gomma (non l'antennino di serie ma un'antenna un po' più performante, senza pretese, ma di marca Diamond... dopotutto) e alimentazione dall'automobile, il relativo qso di circa 20 minuti non ha dato alcun problema.
Insomma devo dire che la riparazione è andata a buon fine: certo coi soldi spesi ci compravo un cinese di ultimo grido.... ma sempre un cinese rimane, vuoi mettere il MIO kenwood al confronto ? HI !

Grazie del vostro interessamento, alle prossime
elnath

44
Grazie r5000 del tuo intervento, come al solito sei enciclopedico e convincente nelle tue risposte.
In effetti davo per scontato che l'elevato prezzo dei filtri, oltre che ad ovvie ragioni di puro "mercato", fosse in conseguenza degli elevati livelli di standard qualitativo nella selezione dei componenti.
Dato comunque che l'argomento "filtri passivi"  è stato sempre un mio pallino, mi piacerebbe approfondire questa questione con della documentazione, che però al momento non saprei dove reperire. Sai consigliarmi in merito ? Escludo in ogni caso la sperimentazione perché condivido il tuo sgomento nel considerare i quattro litri di quarzi inutilizzati... HI. Ma invece dei quarzi, non si potrebbero utilizzare i filtri ceramici, seppur con qualche ovvia caduta di prestazioni ?


Alla prossima, ciao



45
ricetrasmettitori radioamatoriali / Filtri Collins, InRad eccetera
« il: 06 Luglio 2012, 11:02:23 »
Scusate se l'argomento è stato già - almeno in parte - dibattuto in passato, ma non ho trovato riferimenti a questo particolare aspetto: ma questi filtri che c'avranno mai dentro per essere così costosi? Cifre dell'ordine di 140$ per un passabanda... boh, sono perplesso. Possibile che si facciano pagare così salato il know-how, la selezione dei componenti....

che ne pensate?
al limite, è percorribile un'eventuale autocostruzione ? qualcuno ci ha provato?

grazie, 73 a tutti

IZ0XFP op Riccardo QTH Roma

46
grazie del tuo intervento maxastuto;
da IW2EN ho già preso la NUOVA FIREWIRE 4.0 END FED, devo dire che va benino ma vorrei installare un'antenna più performante, ecco perché sono interessato a questo modello;

rinnovo l'invito a chi può dare informazioni sull'argomento
grazie in anticipo

el.nath

47
Qualcuno l'ha provata? http://www.iw2en.com/balun-s-e-antenne/antenne-multibanda/
Fatemi sapere, grazie in anticipo 

73

48
ciao frengo,
l'apparato, dopo un paio di anda e rianda da e verso un noto laboratorio piemontese (dato che me lo rimandavano riparato ma secondo me non lo era) adesso è finalmente ritornato a casa; per scongiurare altri falsi allarmi mi hanno detto di testarlo con una fonte di alimentazione "sicura" (quindi non il pacco batterie che potrebbe aver perso efficienza vista l'età) e con un'antenna esterna: per quest'ultima condizione dovrò necessariamente fare le prove nel QTH secondario, dove ho una Diamond X-50 sul tetto (ma dovrò aspettare qualche settimana). Queste condizioni comunque mi sembrano assurde, dato che si tratta di un palmare, e doverlo far funzionare attaccato all'alimentazione e all'antenna esterna mi pare incongruo. Ma se funziona, meglio così di niente.
Insomma spero che funzioni, perché con quello che lo pagai all'epoca, doverlo adesso buttarlo via mi farebbe girare non poco le @@.
Posterò qui un aggiornamento non appena possibile.
Grazie intanto del tuo interessamento.

49
antenne radioamatoriali / Re: Filare ZEPP J-POLE
« il: 30 Aprile 2012, 18:52:49 »
Salve amici,
ho fatto tesoro di questa proficua conversazione su questo argomento, ed è quindi venuto il momento di trarre qualche conclusione.
L'antenna che ho, per quanto "sbagliata", ormai è lì e visto che è difficile portarla in risonanza con l'accordatore su quasi tutte le bande tanto vale che la cannibalizzo un po' per vedere di cavarci qualcosa di meglio.
Già che avevo per le mani alcuni "testi sacri" come da me citato in un precedente post, sono andato a vedere cosa scrive sull'argomento qualcuno che credo ne sappia più di noi (Nerio Neri, Antenne, Vol. 2) e ho trovato una bella tabellina dove si dice di mettere metri 13,70 di linea bifilare seguita da metri 20,42 di radiatore effettivo, per lavorare in 10/20/40 m con ragionevole resa. Il tratto bifilare dovrebbe essere realizzato da una linea a 600 ohm. Ho fatto due calcoli, per una linea a 600 ohm ci vuole una coppia di conduttori distanziati di circa 13 centimetri: non è l'obiettivo di praticità che mi ero prefisso, e capisco anche quindi come mai con la "mia" linea bifilare, costituita dalla piattina "normale" da poco meno di 100 ohm di impedenza caratteristica (calcolata) l'accordo sia difficile, per non dire impossibile, come infatti ho verificato. Si potrebbe provare con la piattina a 450 ohm, per una spesa di poco più di 20 euro (non è neanche facile trovare presso rivenditori italiani questo tipo di materiale, direi).
Allora ho considerato che una delle antenne siffatte, commerciali, vendute già pronte e sicuramente funzionanti (magari da aggiustare un pochettino...) l'ho vista in vendita a 65 euro compresa di simmetrizzatore, presso un noto sito mantenuto da un amico della zona 2.
Quasi quasi la comprerei anche solo per vedere com'è fatta... (le americane costano più del doppio).
Mi rimane un cruccio: ma il collega che ha pubblicato lo schema originario, con metri 7,5 di piattina bifilare e 15 metri di radiatore (volgare piattina da impianti o da hifi come ho fatto io), a lui gli funziona questa antenna ??.??  Quasi quasi glielo vado a chiedere....
Per non parlare delle entusiastiche recensioni (mi si perdoni il cross-post) che ho trovato qui: http://www.eham.net/reviews/detail/4762, dove le misure sembrano disposte quasi a caso, eppure dicono che funziona e ne cantano meraviglie....

boh..........


Vi aggiornerò su eventuali sviluppi; grazie ancora del vostro supporto

50
antenne radioamatoriali / Re: Filare ZEPP J-POLE
« il: 28 Aprile 2012, 19:47:04 »
Salve amici,
ho dato un'occhiata al Radioutilitario: è utile ma lo trovo incompleto, almeno per le cose che sono servite a me in questo frangente.
Nella sezione J-Pole  il programma considera che l'alimentazione dell'antenna avvenga in un punto da trovare sperimentalmente in base alla taratura, mentre la mia è alimentata ad un estremo, e questo caso non è previsto. Inoltre, nella sezione "linea bifilare aperta" il programma calcola l'impedenza caratteristica nell'unico caso di linea in aria, che per me non va bene: purtroppo questo non c'è scritto, quindi malgrado posso essere d'accordo che i risultati dei calcoli siano da prendere solo come base indicativa di partenza, trovo che questa scarsità di documentazione sia fuorviante.

Fatto sta che ho deciso, in conseguenza di ciò, di passare all'azione: ho misurato il più accuratamente possibile il cavo costituente la mia antenna.
E ho trovato che: 2,5 mmq di sezione danno un diametro dei conduttori di mm 1,784. Tra gli stessi la spaziatura è di circa 1,5 mm. Sono poi andato a ripescare dai testi sacri la formuletta per calcolare l'impedenza, tenendo anche conto che l'isolante è PVC che presenta una costante dielettrica di 2,3 (il che, tra l'altro, dà un fattore di velocità di 0,66; questo servirà semmai in un secondo momento).
Il valore di impedenza da me calcolato per questa linea è di 96,5 ohm (Radioutilitario me ne dà 156... direi che non ci siamo, ho avuto ragione di dubitare).

Deduco che: intanto credo che l'aver determinato l'impedenza caratteristica della sezione di accordo sia un buon punto di partenza per verificare, almeno dal punto di vista concettuale, il dimensionamento dell'antenna. Quanto meno mi ha confermato la convinzione che le varie antenne commerciali di questo tipo non usano banale piattina ma una linea bifilare di diversa natura e caratteristiche geometriche. Nondimeno rimango convinto che la sperimentazione, dopo aver eseguito bene i calcoli, sia l'unica strada per veder funzionare le cose. Come ad esempio capire  meglio il funzionamento multibanda di questo tipo di antenna.

A presto con novità sull'argomento.
73's   :up:

51
antenne radioamatoriali / Re: Filare ZEPP J-POLE
« il: 25 Aprile 2012, 17:35:40 »
Salve ragazzi, allora ecco la foto del cavo usato per la realizzazione della ZEPP.
L'ho acquistato in un magazzino di una nota catena francese di fai da te, credo che l'isolante sia PVC, la sezione è indicata sull'etichetta.

Ho misurato l'antenna: in totale è lunga metri 19.60, metà a due fili e metà a 1 filo.
Rivedendo lo schemino da cui a suo tempo trassi ispirazione direi che è troppo corta (doveva essere metri 7,50 a due fili e metri 15 a 1 filo, totale 22,50), ma considerando la lunghezza di alcune di quelle che ho visto in giro (totali 18 metri) ho messo due "tacche" per farla diventare 6 metri a due fili e 12 metri a 1 filo.
E' pur vero che il cavo non costa caro ma prima di tagliare vorrei pensarci un attimo  :rool:.

Riguardo al balun credo che il 1:1 come minimo ci voglia, mi sto attrezzando per questo.

Infine, riguardo alle prove fatte (e da fare  ;-) ) nell'attuale QTH ho qualche limitazione di spazio: non potendo fare diversamente, ho disposto l'antenna in verticale facendola penzolare giù dalla finestra (abito all'ultimo piano e la stessa neanche arrivava a terra...  :up:) appoggiandola al cosiddetto "apparecchio a sporgere" della tapparella, oltre che al telaio in alluminio della finestra stessa, quindi certamente questi elementi metallici (oltre al fatto che l'antenna correva parallela al muro e a soli 80 cm dallo stesso) hanno influito negativamente sul corretto funzionamento.

Vabbè, continuiamo a sperimentare..

p.s.: shineime ma come hai svolto quei calcoli dell'impedenza della linea bifilare ?

Grazie, ciao



52
antenne radioamatoriali / Re: Filare ZEPP J-POLE
« il: 22 Aprile 2012, 10:53:23 »
ciao shineime,
ti ringrazio dei consigli ma permettimi di dissentire;
la piattina bipolare è un carico bilanciato: quanto meno serve un 1:1. Personalmente ho una certa riluttanza a collegare brutalmente un conduttore bipolare all'uscita del trasmettitore, anche se ha l'accordatore incorporato (che quindi non ha ingresso bilanciato).
Il balun quindi, almeno nel mio caso, è necessario: prova ne sia che fior di costruttori di reputazione internazionale (come i due che ho citato) vendono, per evitare grane, l'antenna con un 4:1  cui collegare da una parte il coassiale all'RTX dall'altra i due poli dell'antenna.

Nel frattempo ho ritrovato uno schema analogo a quello che avevo visto tempo fa e ho capito che forse ho sbagliato le misure, probabilmente la mia antenna è troppo corta (oltre al fatto che l'ho provata con un 9:1 che probabilmente è troppo).

Posterò qui le risultanze delle prove nelle nuove condizioni: misure "corrette" e 4:1. Spero in una buona propagazione che non vanifichi le prove  ;-)

Grazie, ciao

53
antenne radioamatoriali / Filare ZEPP J-POLE
« il: 21 Aprile 2012, 20:04:08 »
Salve a tutti.
Ho realizzato, con una matassa di cavo bipolare che avevo in casa, una filare, secondo un progetto che mi ricordavo di aver visto da qualche parte (ma non riesco più a ritrovarlo), antenna che dovrei destinare al QTH vacanziero.

In pratica il cavo bipolare è tale per metà lunghezza, da metà in poi c'è un solo conduttore, l'altro rimane interrotto. All'estremità "bipolare" libera va collegato il trasmettitore tramite balun (ho provato con un 9:1, seguiranno prove con il 4:1). Questo tratto bipolare dovrebbe fare le veci della "scaletta" della Zeppelin originale.

Questo progetto ricalca abbastanza da vicino alcune antenne che ho visto in giro, che infatti sembrano realizzate secondo lo stesso principio. Ne ho trovate alcune che vengono vendute già confezionate, con costi variabili (vedi ad esempio qui: https://www.amateurradiostore.com/?main_page=product_info&cPath=2_10_11&products_id=42 e qui: http://chameleonantenna.com/Chameleon%20ZEPP%20ANTENNA/Chameleon%20ZEPP%20ANTENNA.html, ma anche qui: http://www.maxantenne.altervista.org/zeppelin.jpg per rimanere in casa) ma a comperarle sono capaci tutti, non è tanto per i soldi quanto per la voglia di sperimentare.

Ora il mio problema è che l'antenna si rifiuta di accordarsi su qualunque banda (provato con l'accordatore automatico dell' RTX, che desiste dall'impresa con triste lampeggio dell'icona dell'antenna...).

Dopo aver provato l'antenna in diverse posizioni penso a questo punto di aver sbagliato le misure: ho usato l'intera matassa di cavo, credo che stiamo sui 19 metri in totale (la parte bipolare + il monofilo a seguire) perché ricordavo che andava fatta lunga il più possibile, mentre vedo dalle realizzazioni commerciali che le lunghezze  variano sensibilmente ma di sicuro non possono essere stabilite a caso.

Qualcuno avrebbe a disposizione consigli, opinioni, indicazioni, forumule, segreti dello chef.... per facilitarmi nell'impresa di trovare la giusta ottimizzazione su più bande dell'antenna? (mi interessano soprattutto 80/40/20 ma non disdegnerei di farla funzionare, con l'aiuto dell'accordatore, in modalità  full-band).

Grazie in anticipo a chi vorrà collaborare.

73 a tutti
iZ0XFP op. Riccardo

54
iZ0XFP op. Riccardo
Locator:JN61FU (Roma Sud Ovest)

allego foto della mia stazione semifissa (non ho posto per allocarla stabilmente...)
trattasi di Flight Case a 4 unità con piastra divisoria contenente:
RTX YAESU FT-450D
Alimentatore ALINCO DM 330 MVE
Rosmetro Wattmetro DAIWA CN-102 L

L'antenna (almeno in questo posso ritenermi fortunato, abito in condominio all'ottavo e ultimo piano) è una filare End Fed Firewire 4.0 realizzata dall'amico IW2EN stesa orizzontalmente a circa 3 metri dal pavimento del lastrico solare, orientata EST-OVEST.

73 a tutti


55
attività radioamatoriale / Re: alimentatore ALINCO DM-330MVE
« il: 21 Aprile 2012, 19:28:49 »
Salve a tutti,
torno dopo molto tempo perché non ho più avuto modo di star dietro alla realizzazione della stazione nie tempi che avevo preventivato.
Finalmente però è tutto a posto: l'alimentatore ALINCO, interpellata la sede americana che gentilmente mi ha confermato l'informazione, ha viti autofilettanti che tengono i piedini, quindi è stato sufficiente realizzare 4 fori e stringere le viti da sotto la piastra incorporando i piedini. Praticamente inamovibile.
Adesso la mia stazione HF semifissa è terminata, l'antenna è montata, e..... il nominativo è finalmente arrivato: sono ora IZ0XFP.
Ringrazio tutti gli amici che mi hanno fin qui assistito.


elnath
alias iZ0XFP op. Riccardo

56
attività radioamatoriale / Re: alimentatore ALINCO DM-330MVE
« il: 12 Ottobre 2011, 19:38:45 »
Buona giornata.

La miglior cosa sarebbe preparare quattro staffette ad L e fissarne due per lato ma, siccome l'apparecchio è in garanzia, potresti ovviare o con due staffe sagomate ad omega o due fascette per elettricista di sezione adeguata che avvolgono l'alimentatore e lo fissano al ripiano.

Saluti, Lino



Lino,
nel ringraziarti per il tuo tempestivo intervento vorrei dirti che a queste soluzioni avevo già pensato; in alternativa pensavo anche di fissare due squadrette a L per ogni lato, avvitate alla mia base metalliche, e attaccate alle fiancatine dell'alimentatore tramite biadesivo; per ovviare al possibile "beccheggio" dell'insieme pensavo a due squadrette ad L, ma molto più piccole, due sul davanti e due sul retro.
Forse però così viene di una pesantezza indicibile (in senso "gravitazionale" ed anche estetico).... boh
Posterò aggiornamenti sulla soluzione che poi adotterò; nel frattempo farò un giro presso un paio di magazzini di fai-da-te, magari mi viene qualche idea.

Grazie, saluti
elnath

57
attività radioamatoriale / alimentatore ALINCO DM-330MVE
« il: 12 Ottobre 2011, 12:52:27 »
salve a tutti,
ho preso l'alimentatore in oggetto, che dovrò montare, insieme al resto, all'interno della valigetta che sto predisponendo come stazione "portabile". La valigetta è una flight-case da 4 unità, che dividerò in 2 ripiani tramite il suo specifico divisorio metallico: su questo verranno meccanicamente collegati e fissati tutti i dispositivi (alimentatore, RTX, rosmetro, etc...).
Il telaio esterno dell'alimentatore è integralmente costituito dall'aletta di raffreddamento, e non ci sono fori sulle fiancatine laterali (come per i ricetrasmettitori, dove tali fori servono per il fissaggio della staffa per i montaggio in mobile; avete presente no?). Quindi ho il problema di riuscire ad ancorare l'alimentatore alla piastra metallica.
Chiedo pertanto se qualcuno ha già dovuto affrontare questo problema e spunti su come risolverlo, perché tra l'altro l'apertura del telaio comporta il decadimento della garanzia.
L'unico "indizio" utile sono le viti che fissano i piedini di gomma: se fossero delle semplici autofilettanti sarei a posto, non viceversa se c'è dietro il dado.
Qualcuno sa darmi qualche suggerimento?
Spero di essere stato chiaro nella spiegazione, in caso contrario chiedetemi pure gli eventuali ragguagli di cui potreste aver bisogno.

Grazie in anticipo a chiunque voglia intervenire.

73 a tutti
el.nath

58
ciao scavir,
nessuna novità; mi dissero che alla riapertura dopo le ferie erano piuttosto pienotti di lavoro, io del resto non ho fretta, nel frattempo sto allestendo la stazione HF .... insomma, aspettiamo

grazie cmq del tuo interessamento, ciao a presto


73

59
Salve a tutti.

@pask: da IW2EN ho preso la sua NUOVA FIREWIRE 4.0 END FEED MULTIBAND DIPOLE, si confà con le mie possibilità di installazione; quando l'avrò montata sarò lieto di postare le mie impressioni

@dunn: insomma quel progetto sembrerebbe, nella tua realizzazione, poco appagante quanto a risultati; farò del mio per sperimentare, e, come ho detto spesso, renderò note le mie impressioni

73

60
Rieccomi  :-D

Di questa antenna mi ha attirato soprattutto la "stravaganza" del balun.
Succede questo: una ventina d'anni fa operavo come IW5 ed avevo tempo e spazio e strumenti a disposizione per sperimentare a piacere.
Poi - cose della vita - ho lasciato perdere la radio, salvo rinverdire la passione in questi ultimi tempi: abito a Roma, in un appartamento in un condominio; ancora non mi sono attrezzato del tutto (mi è arrivata oggi l'antenna presa da IW2EN...  :-)  che installerò sul terrazzo condominiale, avendo la fortuna di stare all'ultimo piano) ma la realizzazione di questa filare da balcone mi sembrava particolarmente a portata di mano, se non fosse per quello "stravagante" balun. La cui singolarità, oltre al nucleo che in qualche modo penso di trovare, mi sembra risieda anche nel numero delle spire: qualcuno sa dirmi che rapporto di trasformazione porta questo balun? Così potrei regolarmi meglio a farlo, eventualmente, su un toroide di ferrite (purtroppo la "bibbia" dei balun "Theory and Practical Designs for the Experimenter" di Jerry Sevick costa una fortuna... ).

Insomma, ho voglia di ricominciare ma per il momento non ho molta possibilità di "sporcarmi le mani"... sono certo che capirete (come capirete anche il motivo per cui non mi firmo con il nominativo, che ho richiesto ma ancora non mi è arrivato... quello "vecchio" è ormai defunto).

Vi ringrazio per il supporto, e non mancherò di tenervi aggiornati, se vorrete, sugli sviluppi della mia "risorgente" stazione.
Grazie dell'ascolto, a presto

73

Pagine: [1] 2