Autore Topic: Radio nella favela  (Letto 427 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline 1vr005

  • 1RGK105
  • RGK dx Group
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3623
  • Applausi 36
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Radio nella favela
« il: 04 Maggio 2021, 08:01:27 »
In Youtube c'è una serie di filmati relativi ad autocostruzioni di radioamatori che vivono in paesi poveri, i quali realizzano progetti vari con risorse, strumenti, materiali - e standard estetici - da cassone dei rifiuti. Ne ho visti alcuni brasiliani, indonesiani, tailandesi, e di altri paesi.
Alcuni di questi hanno anche un certo interesse tecnico, se non altro perché mostrano che certe nostre preoccupazioni come la perfezione delle bobine o la realizzazione di stili ed elementi belli dritti ha a che fare più con le nostre abitudini culturali che con la realtà. Poi l'antenna può funzionare lo stesso. Molti però sono interessanti dal punto di vista antropologico. Stamattina mi sono imbattuto in questo, che ha un che di pasoliniano.



Offline Ricciolino

  • 1RGK420
  • RGK dx Group
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1088
  • Applausi 34
  • Sesso: Maschio
  • IU0NHF - 1RGK420
    • Mostra profilo
Re:Radio nella favela
« Risposta #1 il: 04 Maggio 2021, 09:22:51 »
dovrò riguardarlo con calma e con i sottotitoli, non capendo una parola :) ma è una 5/8 per i due metri, o una quarto d'onda?
cb "Ricciolino" Op. Davide | 1RGK420 | IU0NHF

Offline IZ1PNY

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 2751
  • Applausi 134
  • ARI Milazzo IQ9MY - Qth Saluzzo "CN"
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: IZ1PNY/5R8NY
Re:Radio nella favela
« Risposta #2 il: 04 Maggio 2021, 09:35:47 »
In via diretta, le antenne dovremmo auto costruirle...in qualità di radio dilettanti sperimentatori...quindi...nel bene o nel male  [emoji106]


Offline 165RGK591

  • 165RGK591
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1226
  • Applausi 87
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: 165rgk591
Re:Radio nella favela
« Risposta #3 il: 04 Maggio 2021, 10:00:17 »
dovrò riguardarlo con calma e con i sottotitoli, non capendo una parola :) ma è una 5/8 per i due metri, o una quarto d'onda?
ne l una ne l altra... sembrerebbe lo stilo centrale da 3/4 lambda con i radiali a 1/4 lambda, ne verrebbe fuori un antenna a lambda intera con punto di alimentazione a 3/4.... mantenendo l impedenza a 50 Ohm (più o meno)

inviato SM-A600FN using rogerKapp mobile

stazione Archimede operatore Paolo in Cagliari.
IS1054SWL

Offline 1vr005

  • 1RGK105
  • RGK dx Group
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3623
  • Applausi 36
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Radio nella favela
« Risposta #4 il: 04 Maggio 2021, 11:02:37 »
Ho dovuto usare i sottotitoli generati automaticamente, perché in portoghese l'unica cosa che capivo era 1 metro e 42 di lunghezza dello stilo.
Comunque sì, l'intenzione dichiarata era di creare una 3/4 d'onda. Immettendo in MMANA quella costruzione, mi risulta funzionare con ROS molto basso in 153 MHz, ma risente molto del modo come modello l'alimentazione su una spira della bobina. In effetti il radiation pattern vede tutto sparato verso l'alto come ci si aspetta da una 3/4. 
Non molto tempo fa ho costruito anch'io un'antenna con stilo 3/4 e radiali 1/4 d'onda (però per i 70 cm) e ha funzionato perfettamente, sia in MMANA sia realmente realizzata, con stilo di 3/4 non accorciato sostanzialmente e senza bobina alla base. 
Anzi, la riproduco ora al volo immettendo in MMANA direttamente le frazioni in modalità lambda (3/4 per lo stilo e 1/4 per i radiali) ed ecco cosa esce.












E in effetti senza bobina l'esemplare che ho realizzato funziona. Mi riprometto da settimane di andare da qualche parte a farci qualche prova - visto che la ho messa insieme in 10 minuti con quel che ho trovato in giro e non è adatta ad essere istallata all'esterno - ma fra tempo scarso e maltempo ce l'ho ancora lì sul cavalletto fotografico. Ma anche così, vicino alla finestra, osservo che arriva tutto più basso che con una ground plane o un semplice dipolo verticale. Un'antenna da provare a costruire giusto per rendersi conto, ma su cui non sprecare un SO-239 e un pezzo di tubo buono. Infatti non ho nemmeno tagliato a misura il tubo di plastica da un metro nel quale ho inserito lo stilo per realizzarlo con filo elettrico di recupero.
Visti i lobi, potrebbe andare bene per chi fa o ascolta traffico Satcom. Giocando un po' con l'altezza da terra non dovrebbe essere difficile ottenere 5 dB di guadagno a 30-38 di elevazione.


Offline Maurizio Angelini

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 67
  • Applausi 3
    • Mostra profilo
    • E-mail
  • Nominativo: Maurizio
Re:Radio nella favela
« Risposta #5 il: 04 Maggio 2021, 11:40:23 »
Complimenti per l'analisi.Però,per avvalorare la tua ultima ipotesi,potresti fare uso di beacon.Con un segnale sorgente costante nel tempo,puoi ricavarti,sul campo,i relativi guadagni/lobi/pattern ecc.ecc.

Offline 1vr005

  • 1RGK105
  • RGK dx Group
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3623
  • Applausi 36
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Radio nella favela
« Risposta #6 il: 04 Maggio 2021, 13:50:31 »
C'è in youtube un filmato (recente) di un tipo che con un tester e due diodi al germanio rileva le fughe di radiofrequenza da un forno a microonde. Vedendolo mi è venuta l'idea di realizzare una cosa simile e poi alzarla e abbassarla su un palo con uno spago effettuando le misure di segnale ricevuto (emesso dall'antenna sotto studio tenuta ferma) a diverse altezze. Solo che poi si pone il problema di come effettuare la lettura quando lo strumento è fuori portata visiva. Ci vorrebbe un tester o un voltmetro con datalogger.
Per non dire del fatto che anche l'antenna che si usa sullo strumento a sua volta ha un radiation pattern non isotropico e alla fine non si sa bene che cosa si misura, se le proprietà della cosa che trasmette o quelle di quella che riceve.
Personalmente, per i miei interessi, basterebbe e avanzerebbe fare un confronto con un dipolo o una ground-plane (con obiettivo i guadagni ai bassi angoli) su una decina o poco più di emissioni da direzioni ed elevazioni sull'orizzonte diverse. Visto che non c'è nessuno però, e ormai è semideserto anche il link nazionale che una volta presentando sempre traffico si prestava bene a fonte permanente di segnale, ci si trova ad usare gli annunci dei ripetitori, dovendo quindi aspettare una decina di minuti fra un'emissione e l'altra ed essere prontissimi a fare le misure quando ce n'è l'opportunità. È sempre meglio così di aspettare il paio di contest l'anno per osservare qualche stazione in UHF, ma effettivamente sarebbe preferibile un beacon. Visto che nessuno trasmette, tantovale crearsi la fonte di segnale.


Offline 1vr005

  • 1RGK105
  • RGK dx Group
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 3623
  • Applausi 36
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Radio nella favela
« Risposta #7 il: 05 Maggio 2021, 12:41:41 »
Ho provato a seguire anche questo, ma la parlata in filippino è veramente troppo inascoltabile.  [emoji1] [emoji1]