Antenne cavi e rosmetri > antenne radioamatoriali

2 cavi coassiali in parallelo possono sostituire la scaletta?

(1/6) > >>

IK3OCA:
Salve, prendiamo 2 cavi coassiali di impedenza nota, per esempio 2 cavi RG213, colleghiamo assieme le calze e usiamo i centrali per collegare l'antenna da un lato e il trasmettitore dall'altro.
I sapienti dicono che l'impedenza complessiva è la somma dell'impedenza di ciascun cavo, quindi 50 + 50 = 100 Ohm.

Domando: l'insieme così realizzato può sostituire una discesa a scaletta, impedenza a parte, offrendo il vantaggio di insensibilità alla vicinanza dai muri ecc.?
In passato realizzai una cosa del genere in HF con 2 cavi per TV da 75 Ohm, quindi impedenza complessiva di 150 Ohm, ma siccome la lunghezza complessiva era una decina di metri, data la corta lunghezza della discesa non potevo accorgermi dei vantaggi o degli svantaggi, ma solo constatare che il tutto funzionava, dopo aver eseguito l'accordo.
L'antenna in uso presentava un'impedenza intorno ai 100 Ohm.
Chiedo inoltre se le due calze, collegate assieme, sia opportuno che vadano messe a terra.

Grazie a chi saprà dire qualcosa, la mia ipotesi è che il tutto si presti a sostituire vantaggiosamente la scaletta, ma non ho il conforto di altre esperienze o nozioni.

73 Rosario

i5wnn:

--- Citazione da: IK3OCA - 15 Luglio 2022, 13:46:44 ---Salve, prendiamo 2 cavi coassiali di impedenza nota, per esempio 2 cavi RG213, colleghiamo assieme le calze e usiamo i centrali per collegare l'antenna da un lato e il trasmettitore dall'altro.
I sapienti dicono che l'impedenza complessiva è la somma dell'impedenza di ciascun cavo, quindi 50 + 50 = 100 Ohm.

Domando: l'insieme così realizzato può sostituire una discesa a scaletta, impedenza a parte, offrendo il vantaggio di insensibilità alla vicinanza dai muri ecc.?
In passato realizzai una cosa del genere in HF con 2 cavi per TV da 75 Ohm, quindi impedenza complessiva di 150 Ohm, ma siccome la lunghezza complessiva era una decina di metri, data la corta lunghezza della discesa non potevo accorgermi dei vantaggi o degli svantaggi, ma solo constatare che il tutto funzionava, dopo aver eseguito l'accordo.
L'antenna in uso presentava un'impedenza intorno ai 100 Ohm.
Chiedo inoltre se le due calze, collegate assieme, sia opportuno che vadano messe a terra.

Grazie a chi saprà dire qualcosa, la mia ipotesi è che il tutto si presti a sostituire vantaggiosamente la scaletta, ma non ho il conforto di altre esperienze o nozioni.

73 Rosario

--- Termina citazione ---
Ho visto un articolo su qst di troppi anni addietro in cui usavano due cavi ma con la calza separata. Ti conviene provare

inviato ANE-LX1 using rogerKapp mobile

r5000:
73 a tutti, se questi due cavi sono corti giusto quanto serve per attraversare muri o pannelli in metallo funzionano bene,  usare due cavi per sostituire tutta la scaletta non è purtroppo la stessa cosa  e anche se l'accordatore sistema tutto le perdite sono elevate sia con le calze isolate tra loro ( ottieni una scaletta a bassa impedenza , e quindi  perde come un cavo coassiale unico) mentre con le calze  collegate assieme hai un trasformatore d'impedenza e anche così a seconda della frequenza e impedenze hai perdite maggiori rispetto alla scaletta classica, esperimento fallito con il loop ad onda intera sia con cavi da 50 ohm, 75 ohm e 93 ohm, molto meglio portare l'accordatore sotto la scaletta corta (giusto per non mettere l'accordatore in cima alla canna da pesca) e poi un cavo coassiale lungo fino in stazione...

AZ6108:

--- Citazione da: IK3OCA - 15 Luglio 2022, 13:46:44 ---Grazie a chi saprà dire qualcosa, la mia ipotesi è che il tutto si presti a sostituire vantaggiosamente la scaletta, ma non ho il conforto di altre esperienze o nozioni.

--- Termina citazione ---

Iniziamo con un vecchio progetto (risale al 1984), ossia quello che trovi a pagina 10 di questo PDF

https://worldradiohistory.com/Archive-DX/73-magazine/73-magazine-1984/73-magazine-02-february-1984.pdf



che riporta il numero di Febbraio 1984 della rivista "73 magazine", come vedi l'autore di quell'articolo usa una coppia di coassiali, al posto della "scaletta", per alimentare una "double zepp" multibanda; ora... tale approccio non è scorretto e permette di avere una linea bilanciata che, al contrario di una linea bifilare, non risente della vicinanza di altri oggetti e che presenta un'impedenza caratteristica pari al doppio dell'impedenza caratteristica del singolo coassiale (100 Ohm per cavi da 50 Ohm) oltre a supportare (almeno in teoria) il doppio della potenza massima; detto questo, il problema di tale soluzione è che in presenza di disadattamento di impedenza, la perdita del "doppio coassiale" sarà molto più elevata rispetto a quella del doppino in aria

Ora, quanto sopra non significa che il "doppio coassiale" non si possa usare, solo che va usato con cognizione di causa; un esempio, supponi di aver installato una doublet multibanda alimentandola con la classica "scaletta", a quel punto vorresti arrivare in stazione, purtroppo però la distanza tra il termine della scaletta e la stazione è di 5m e c'è da passare attraverso alcuni muri; in questo caso usando una tratta di doppio coassiale si sarà in grado di portare la linea bilanciata sino in stazione senza fare "salti mortali" per passare la scaletta all'interno e con perdite accettabili

ik2nbu Arnaldo:
La ben nota G5RV usa una scaletta originale a 450 ohm che è  parte integrante e radiante del sistema antenna.

Non saprei cosa succede a cambiarla anche con 2 cavi audio a 200 ohm di impedenza, irradiano come nella scaletta originale ?

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

Vai alla versione completa