Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - r5000

Pagine: [1] 2 ... 277
1
discussione libera / Re:Consiglio pistola dissaldante...
« il: 07 Maggio 2021, 01:09:46 »
73 a tutti, ne ho provato diversi tipi, questo è un'altro pianeta https://it.rs-online.com/web/p/stili-saldanti-e-saldatori/4053474/?cm_mmc=IT-PLA-DS3A-_-google-_-PLA_IT_IT_Utensili_elettrici_e_saldatura_Whoop-_-(IT:Whoop!)+Stili+saldanti+e+saldatori-_-4053474&matchtype=&pla-304742428012&gclid=EAIaIQobChMIk57ckpK28AIVxfhRCh1anwgWEAkYBCABEgJXifD_BwE&gclsrc=aw.ds e per un'hobbista è sicuramente fuori portata ma è l'unica che mi permette di dissaldare integrati dai circuiti a doppia traccia con i fori piccoli, ho anche ewig e philips che usano ugelli più sottili e meno potenza , con i fori sottili non ce la fanno se non con il doppio del tempo e flussante in abbondanza, le cinesi tipo questa https://www.aliexpress.com/i/33013636191.html?albpd=it33013636191&acnt=494-037-6276&aff_platform=aaf&albpg=539263010115&netw=u&albcp=12556513086&sk=UneMJZVf&trgt=539263010115&terminal_id=63c5964c563c49dd85b95cb56863a6ba&needSmbHouyi=false&albbt=Google_7_shopping&_randl_currency=EUR&src=google&crea=it33013636191&_randl_shipto=IT&aff_fcid=bc1050f4e9a14d9ba9d1e84409613191-1620341851178-09504-UneMJZVf&gclid=EAIaIQobChMIk57ckpK28AIVxfhRCh1anwgWEAkYBSABEgJ4MvD_BwE&olp=1000024709_f_A&albag=120214549340&aff_fsk=UneMJZVf&albch=shopping&albagn=888888&isSmbAutoCall=false&aff_trace_key=bc1050f4e9a14d9ba9d1e84409613191-1620341851178-09504-UneMJZVf&device=c&gclsrc=aw.ds sono valide per i circuiti mono faccia, il serbatoio è da ripulire più spesso rispetto al Weller e non ha un filtro efficace per il flussante (nel Weller è esterno sul tubo di aspirazione) ma se non devi fare circuiti a doppia faccia il flussante non serve...
ps:di cinesi ne ho avute diverse e tutte sono praticamente uguali quindi una vale l'altra ma bisogna fare attenzione agli ugelli, le più vecchie avevano ugelli uguali mentre l'ultima ha gli ugelli più piccoli, probabile che ci sono cloni e cloni...

2
"Sprecare" del Cellflex su una verticale lo trovo quantomeno curioso.
Il Cellflex lo terrei per qualcosa di più meritevole.
Su una verticale tribanda del genere un buon M&P va più che bene.
Internamente sono tutte più o meno uguali.
Il fatto che pesi meno si traduce in vantaggio quando issata su un palo.
Nel mio caso un telescopico non controventato da 6 metri.
Ma ovviamente ognuno ha le sue idee sacrosante.
Le foto ed i video si trovano in rete, il mio interesse era verso la COMET perchè le altre per mia fortuna o disgrazia, le conosco piuttosto bene.
Le ho avute praticamente tutte, in generale con le Diamond non si sbaglia mai. Persino alcuni cloni non sono niente male.
Ho da 5 anni una X-30 clone sul tetto al mare, mai un problema.
La X-50 originale che vado a dismettere ha solo 1 anno scarso, mi mancherà il fatto che la X-50 funziona discretamente bene anche sui 230/250 Mhz.
In generale ritengo sia una buona antenna con un ottimo rapporto prezzo prestazioni.
La X-300 è stata la mia preferita in assoluto.
La X-7000 mi ha dato qualche dispiacere ma riparata ha continuato a fare il suo sporco lavoro molto bene.
QRT



73 a tutti, palo telescopico di 6 mt non controventato mi dice che non è un'installazione duratura, fin che non tira vento forte ok ma si torna al mio pensiero, se l'antenna và montata sul balcone o terrazzo dove si può fare controlli e manutenzione facile và bene tutto ma se ad esempio serve il cestello o comunque il sito non è agevole e bisogna fare in modo che l'impianto funziona molti anni senza problemi ha senso utilizzare il materiale con la massima affidabilità, cellflex vuol dire cavo professionale utilizzato per decine d'anni senza degrado o sorprese, poi se guardiamo l'attenuazione a 1200 mhz è  importante anche il dB, 20 mt di discesa in cellflex da 1\2" perdono  1.6 dB, 20 mt di ultraflex13 (che costa anche più del cellflex da 1\2") perdono 2.4 dB, e se passiamo ai cavi da 10 mm la perdita supera i 3dB cioè metà potenza dissipata dal cavo, ha senso solo se ci sono pochi metri e servono cavi flessibili per fare curve strette...

3
73 a tutti,se hai link da postare o foto sarebbe interessante vedere l'interno di queste antenne, se parliamo delle stesse soluzioni circuitali la differenza stà "solo" nei materiali del tubo e non è poca cosa  se un'antenna pesa la metà dell'altra ma se sono dello stesso spessore \ materiale ha senso provare l'antenna più economica, per conto mio l'unica valutazione da fare è se il sito di installazione è accessibile per manutenzione o meno, in questo caso senza dubbio Comet e cavo cellflex e non ci pensi più per decenni ma se parliamo di un balcone o terrazza direi che ha senso spendere meno...

4
Radio Ascolto / Re:Revamping ALA Imperium Fulminata
« il: 01 Maggio 2021, 12:40:01 »
Il primo schema molto simile l'ho realizzato anche io da disegno olandese (autore della miniwhip). Non va malaccio sino a 10 mhz, sopra le prestazioni degradano vistosamente. Nel pdf allegato ci sono i suoi vari esperimenti di PA0RDT.

Lo scritto + approfondito su come adattare l'impedenza di un loop alle da 0 a 30 mhz è di un americano,
è meccanicamente impegnativo ma di fatto risolve i problemi di prestazioni a valle del trasformatore e rende l'antenna loop linerare come risposta. Vi allego foto del mio prototipo ed estratto da documento di 30 pagine...

Resta il fatto che è difficile amplificare senza sapere come il loop verrà installato, fa molta differenza fra
montarlo in giardino su un paletto di 2 metri , o sul tetto di casa al 5° piano. Nel primo caso non soffri di intermodulazioni anche se arrivi a 30 db di gain complessivo, nel secondo dopo i 15 db di amplificazione iniziano i problemi di saturazione.
73 a tutti, concordo, infatti il loop amplificato  che uso come riferimento ha una banda passante contenuta e mi serve proprio per vedere se gli altri circuiti sono più larghi ecc... è sempre difficile avere guadagno elevato e banda passante larga con il miglior rapporto segnale rumore, se ottimizzi in basso perdi le bande alte e il giusto compromesso non è facile se ci si vuole fermare a circuiti semplici, il PGA 103 permette di salire di frequenza e usare l'antenna anche in 6 mt e VHF ma sotto i 10 MHz degrada le prestazioni , ha il grosso vantaggio di semplificare l'alimentazione al massimo collegato direttamente all'sdrplay che ha il biasT integrato ma se ci voglio ascoltare le onde lunghe, navtex ecc...  Bisogna passare ad altro, ad esempio un banale fet e loop magnetico con il circuito accordato ma si perde tutto il resto, alla fine servono sempre più antenne, preselettori o filtri da commutare e non si sbaglia, con le antenne amplificate larga banda c'è la semplicità e l'opportunità di fare ascolti di tutti i tipi e provare tutte le bande hf fino alle vlf ma non è che comprando l'antenna amplificata più costosa si riceve tutto meglio, la posizione, spazio e soprattutto la presenza di rumore locale ne modificano pesantemente le prestazioni... 

5
Radio Ascolto / Re:Revamping ALA Imperium Fulminata
« il: 30 Aprile 2021, 23:55:22 »
73 a tutti, ok, il clone dovrebbe essere uguale ma la mia curiosità è se l'originale fà la differenza o meno, chiaro che può saperlo solo chi l'ha provato, guardando lo schema non mi convince molto la polarizzazione dei transistor e mi dà l'impressione di circuito critico ma è anche vero che non l'ho provato di persona e può essere che ha un buon funzionamento, io utilizzo questo come riferimento https://www.qsl.net/m0ayf/active-loop-receiving-antenna.html e nella sua semplicità è valido, poi c'è di meglio tipo questo http://www.lz1aq.signacor.com/docs/wsml/wideband-active-sm-loop-antenna.htm o meglio ancora questo http://www.thegleam.com/ke5fx/norton/norton_rohde_lankford.pdf ma la complicazione costruttiva aumenta e alla fine dipende anche dal ricevitore utilizzato, se di suo ha filtri preselettori và benissimo anche il primo circuito o anche un mmic PGA103...

6
Radio Ascolto / Re:Revamping ALA Imperium Fulminata
« il: 29 Aprile 2021, 14:10:27 »
73 a tutti, per limitare i danni io aggiungo un relè che ha i contatti normalmente chiusi in parallelo all'ingresso del preampli e quando alimento il preampli il relè apre i contatti togliendo il corto, più che per i fulmini serve per evitare di bruciare il preampli con l'altra antenna in trasmissione, infatti il PTT  comanda anche l'alimentazione del preampli ecc... Sul discorso perché usano le basette 1000 fori penso sia una scelta per non dare "fuori" il progetto e fare circuiti stampati cloni, nessuno mai realizzerà una copia così artigianale, infatti nel link c'è un circuito stampato bello preciso ma non è la copia originale venduta a caro prezzo (che se guardiamo per fare tutto a mano compreso le piazzole  sul 1000 fori ci vuole molto più tempo che montare il circuito stampato del link) e comunque resta  la curiosità se il preampli originale funziona meglio (e per questo lo fanno pagare caro e salato) del circuito sostitutivo...

7
Radio Ascolto / Re:Revamping ALA Imperium Fulminata
« il: 28 Aprile 2021, 14:02:07 »
73 a tutti, recupero interessante, concordo che il preampli originale lo fanno pagare uno sproposito e non só quanto è migliore rispetto ad altri preampli ad alta dinamica, quando lo provate fate sapere come và rispetto all'originale...

8
antenne radioamatoriali / Re:Antenna tribanda o per 1200Mhz
« il: 23 Aprile 2021, 01:58:39 »
Prima di tutto saluti a tutti e grazie,
Vorrei installare una nuova antenna per la frequenza 1200MHz oppure in alternativa una tribanda V/U/1200, mi tornerebbe utile installarla su n palo esistente dove ho una HF secondo lo schemino in rosso dell' allegato, volevo sapere se potesse andare bene oppure se ci possono essere problemi.

Cordiali saluti
73 a tutti, dipende da che attività vuoi fare, i ponti sono in polarizzazione verticale e quindi una collineare è adatta ma per i dx e contest si và in polarizzazione orizzontale... la cosa più importante è quanto è lungo il cavo di discesa, se hai pochi metri (meno di 10) un cavo da 13 mm è adeguato ma se sono 20 o più è imperativo passare a cavi migliori, celflex da 1\2 " minimo ma se ci passa è preferibile il 7\8" e a conti fatti i 2 connettori costano più dell'antenna quindi SE interessano i ponti ok con la tua omnidirezionale ma se interessa il dx  ecc... và ripensato tutto a partire dall'antenna direttiva motorizzata...
ps: premesso che l'omnidirezionale  ha senso per il traffico locale la portata ottica e le riflessioni permettono collegamenti a lunga distanza anche con la polarizzazione verticale, 300 km sono facili da ottenere (sempre che non si perde tutto nel cavo...) ma se anche dall'altra parte c'è chi è ben attrezzato  non sono rari collegamenti da 600 km e oltre...

9
io aumenterei la resistenza che alimenta il prefinale 2sc2314 , R322 (10ohm) portandola per esempio a 47 ohm commutabile con interruttore.
mettere fili volanti sulla R323 la vedo critica come cosa, in quanto li ci passa la RF.
73 a tutti, per avere la potenza giusta di pilotaggio di lineari piccoli che notoriamente saturavano con i 4 watt aggiungevo una resistenza da 75 ohm e si otteneva la potenza appena sufficiente per tenere in trasmissione il lineare ma con i picchi modulava i 30 watt senza distorsione o compressione, per la commutazione usavo lo stesso relè per accendere il lineare e bypassare la resistenza da 75 ohm che và messa in serie alla resistenza originale da 10 ohm (lasciando anche il condensatore di filtro) sul filo che porta la tensione modulata dal diodo collegato al trasformatore di modulazione...

10
Autocostruzione / Re:Gain Master sperimentale con choke W2DU
« il: 10 Aprile 2021, 22:40:53 »
Ciao, grazie per il commento ...

Senz'altro ho fatto confusione col fatto di aver impostato il misuratore per andare a fondo scala con un watt e, in realta' mi e' perfettamente chiaro che non sto misurando una potenza ma una corrente ...

Ti chiedo cortesemente come devo fare ad interpretare il fatto che una volta realizzato e tarato il misuratore come da "istruzioni" ;-)  in modo che mettendo 1W sul carico fittizio la lancetta si posizionasse a fondo scala, quando ho trasferito il misuratore sul cavo di antenna e schiacciato il ptt mi sono ritrovato la lancetta a 1/3 della scala.

Ti ringrazio se vorrai chiarire le mie idee, poche ma ben confuse ;-)


73 a tutti, penso di non essermi spiegato bene, l'amperometro rf misura la corrente di modo comune che scorre sul cavo di discesa, se lo posizioni su un radiale misuri la corrente rf del radiale ecc...  con questa misura non puoi risalire a quanto e se il sistema d'antenna è efficiente, si presuppone che se non hai corrente di modo comune sul cavo il lobo di irradiazione sarà ottimale (come da teoria...) e che non avrai ritorni rf, disturbi indotti sul cavo ecc... ma non puoi sapere quanto rende l'antenna, cioè se con il tuo amperometro rf misuri fondo scala sullo stilo e metà sul cavo di discesa non vuol dire che metà potenza viene persa in calore ma vuol dire che il cavo di discesa partecipa all'irradiazione in modo significativo, non viene persa potenza ma sicuramente viene irradiata dentro casa e quindi non viene irradiata in modo ottimale , lo strumento da guardare è nel ricevitore del corrispondente con tutte le variabili dovute al tipo di circuito ricevente, agc ecc... tanto che per avere misure attendibili serve un misuratore di campo o un'analizzatore di spettro posizionato a debita distanza ma non tanto lontano da essere influenzato dalla propagazione, ad ogni modo se il segnale ricevuto aumenta o diminuisce quando si mette o toglie il balun choke può essere solo per la distorsione del lobo d'irradiazione o perchè il cavo di discesa "partecipa" attivamente a irradiare il segnale  (caso tipico con la canna da pesca e unun...) anche per questo motivo si leggono e sentono pareri opposti sull'utilizzo di balun choke, i collegamenti si fanno anche in qrp con antenne "disperate"...
ps:riguardo al balun choke con gli anelli di ferrite il numero di ferriti è in funzione a quanta corrente bisogna bloccare, poche non ha senso, tante da esagerare è lo stesso per una questione di peso e costo, se poi si nota che il segnale ricevuto diminuisce con l'aggiunta di anelli c'è da chiedersi il perchè e secondo me può succede solo su antenne che vogliono usare il cavo di discesa come radiale...

11
Autocostruzione / Re:Gain Master sperimentale con choke W2DU
« il: 10 Aprile 2021, 02:00:50 »
Ciao ...
Io credo di non essere stato cosi' fortunato ;-) ...
Ho realizzato il microamperometro come da "bibbia"
https://www.iz2uuf.net/wp/index.php/2016/01/24/amperometro-rf/

L'ho tarato per 1W/fs e, trasmettendo in FM con 4W e ROS a 1.2, nei punti di massimo, l' amperometro stava a circa 70 mA cioe' circa 0.3 W ... mi sembra tanto :-(

Forse ho sbagliato qualcosa tuttavia, durante la prova, ho fatto QSO con un amico distante circa 65 Km, anche lui dotato di GM con un reciproco S5 R5 ... mah ...

p.s.
Non avevo 70 mA "sullo strumento" !!! quello se ne stava a 1/3 di scala, che su un f.s. di 1 W equivale a 0.3 W
i 70 mA li ho conteggiati come I=RADQ(P/R) -> radq(0.3/50)=0.077
Quindi, a dispetto del mio QSO, su 4W di pilotaggio 0.3 W se ne stavano a spasso per il cavo ...


73 a tutti,  l'amperometro rf non misura la dissipazione in calore, è corrente di ritorno che irradia rf dal cavo di discesa, quindi il segnale trasmesso dall'antenna e dal cavo coassiale è 4 watt meno la potenza dissipata in calore dal cavo, connettori ecc... ma non è quello che misura l'amperometro rf... poi se misuriamo corrente sul cavo di discesa e c'è di mezzo un toroide che si scalda la perdita in calore non la misuri lo stesso con l'amperometro rf ma serve una termocamera o altro sistema per calcolare quanta energia viene dissipata in calore...

12
antenne radioamatoriali / Re:Rosmetro Nissei RS-40
« il: 10 Aprile 2021, 00:43:45 »
73 a tutti, non ho il rosmetro per provare ma guardando il link https://translate.google.com/translate?hl=it&sl=ru&u=https://zen.yandex.ru/media/id/5decce0cdddaf400af8fa699/swr--power-meter-nissei-rs40-test-remont--shema-5ded05da86c4a900b03d364b&prev=search&pto=aue non è fatto male e "dovrebbe" essere ok sempre se tarato correttamente in fabbrica, detto questo per testare \ calibrare un rosmetro servono più carichi fittizi di valore noto, con resistenze da 100 ohm DEVE indicare ros 2.0, con 75 ohm DEVE indicare ros 1.5, e ovviamente con 50 ohm deve indicare ros 1.0 poi se ci sono lievi differenze (10%) è ok per la classe di precisone dello strumento, ovviamente le resistenze devono essere adatte alla frequenza di lavoro e se parliamo di uhf bisogna utilizzare resistenze anti induttive vere, in rete si trovano ad esempio quì https://www.rf-microwave.com/it/resistenze-anti-induttive/528/ e se invece si vuole fare dei carici fittizi di potenza elevata ci sono queste https://www.rf-microwave.com/it/terminazioni-resistenze-con-flangia/527/ ma di solito per linearizzare la scala del rosmetro si usa la potenza minima e poi resta tarata per le scale superiori, 5 watt ad esempio sono più che sufficienti per tarare tutti i rosmetri...

13
Autocostruzione / Re:Daiwa cn901 vn
« il: 04 Aprile 2021, 19:42:27 »
73 a tutti,concordo, ho sottomano un rosmetro nuovo da modificare della proxel (sx40) e pur se fatto a economia (connettori PL ecc...) ha i suoi bei compensatori e tutto sommato funziona correttamente, mai avrei pensato a un rosmetro Daiwa così ma è evidente che non è più come una volta...

14
Autocostruzione / Re:Daiwa cn901 vn
« il: 03 Aprile 2021, 23:57:51 »
73 a tutti, visto le foto direi che potevano fare meglio ma è probabile che hai avuto la "sfortuna" di comprarne uno costruito di lunedì...
comunque da questo link https://forums.qrz.com/index.php?threads/daiwa-cn-901v-n-issues-technical-analysis.744347/ lo schema è il classico per i rosmetri a linea stripline solo che hanno risparmiato sui compensatori giocando con la posizione delle resistenze, questo è fattibile ma sensibile agli urti e riduce l'affidabilità dello strumento "forse" è fatto così per svecchiare la strumentazione , di fatto i radioamatori cambiano \ aggiungono radio nuove ma di solito il rosmetro resta lo stesso per molti anni...
ps:riguardo ai diodi 1k60 è da vedere se sono schottky, esistono al germanio con la stessa sigla mentre se sono 1n60 sono sicuramente al germanio, per togliersi il dubbio bisogna misurare la tensione, poi cambiando tipo di diodo viene il problema della linearità e di come è stampata la scala del galvanometro, spesso vanno provati più diodi per far corrispondere la linearità della scala oppure riscrivere la scala per i diodi utilizzati, riguardo all'impedenza della linea direi che viene calcolata con precisione quando progettano il circuito stampato e inevitabilmente risente dei componenti di contorno (connettori compresi) quindi da tarare ma senza compensatori diventa difficile e ovviamente non l'hanno fatto in fabbrica...

15
sono della stessa idea......  devono fare credere agli americani e agli altri europei.... che l'Italia rispetta gli accordi...contro la Russia....l'esempio attuale..il vaccino Russo... che non gli lasciano la delibera x usarlo e produrlo...... forse molti non si rendono conto che se la Russia decide di chiudere i gasdotti....siamo quasi rovinati..economicamente... l'Italia in prima fila... che importiamo tutto ..
73 a tutti,un detto delle mie parti recita: a pensar male si fà peccato ma spesso si indovina...

16
73 a tutti, Alex quando parli di balun choke in aria si tratta di circuiti risonanti in parallelo dove le spire del cavo (induttanza) con  la capacità tra le spire presenta un'elevata  impedenza al transito delle correnti di modo comune, tipicamente questo balun choke vuole una taratura di fino nel numero delle spire per ottenere in massimo effetto di blocco della corrente di modo comune e regge potenze elevate senza surriscaldarsi (non c'è il nucleo in ferrite...) peccato che funziona bene SOLO dove risuona e quindi monobanda e pure stretta... con l'avvolgimento su toroide ottieni un balun choke efficace solo se la mescola è adatta alla frequenza (la rete è piena di balun choke t200 rossi che servono a poco o nulla...) e comunque non otterrai il massimo effetto di blocco della corrente di modo comune perchè  difficilmente usi tante spire da avere la capacità necessaria per avere la risonanza alla frequenza che serve, infatti con tanti anelli di ferrite infilati sul cavo riduci al massimo la capacità parassita e ottieni un balun choke veramente largabanda ma sempre per la mescola utilizzata è da vedere se basta il valore di impedenza per bloccare la corrente di modo comune, sicuramente può bastare per le antenne a bassa impedenza (dipoli,collineari,5\8 ecc...) mentre per le antenne ad alta impedenza non basta e si utilizza un contrappeso (che sia un radiale o lo stesso cavo di discesa tra l'antenna e balun choke) o come diceva Davide si sposta il balun choke, perchè appena sotto l'antenna scalda...
ps: argomento facile a fraintendimenti e semplificazioni troppo semplificate HI!!! con la classica 1\2 onda alimentata con circuito LC o anche jpole non si usa il balun choke se l'antenna è dedicata alle uscite in portatile ma se misuriamo la corrente di modo comune c'è e se dà fastidio  si risolve con il balun choke al cavo di discesa, però non è detto che sia necessario, se la 1\2 onda è montata su un palo di 2 mt già questo fornisce il contrappeso sufficiente e non misuriamo corrente di modo comune sul cavo, purtroppo tutto quello che c'è nelle vicinanze dell'antenna interagisce e ogni installazione è a se stante, per questo motivo si leggono pareri contrastanti su tutte le antenne, il fattore installazione è importante e difficilmente viene considerato abbastanza...

17
73 a tutti, è roba di 20 anni fà, dubito che riesci ad utilizzarlo con i tv led \ dvd ecc... attuali, già 10 anni fà non lo utilizzavo più perchè non funzionava con gli apparecchi del momento, purtroppo ne ho un cassetto pieno di questi telecomandi programmabili \ clonabili che funzionano solo con gli apparecchi del periodo...

18
73 a tutti, concordo, il balun choke ben fatto non deve disadattare e introdurre attenuazioni sul segnale trasmesso \ ricevuto e ostacolare al massimo le correnti di modo comune...

19
73 a tutti, per quanto riguarda il disadattamento non conta il numero di spire e come vengono avvolti, di fatto è solo un pezzo di cavo coassiale, poi se viene schiacciato\ snervato ecc... cambia impedenza...

20
73 a tutti, dalla foto non si vedono errori, i collegamenti sono corretti e  ben fatti, "forse" è troppo stretto il cavo sul toroide al punto da deformarlo? se come penso hai già provato il carico fittizio da solo resta da provare a rifare il balun choke senza stringere  troppo le spire sul toroide, io proverei a smontarlo e utilizzare lo stesso cavo tra i connettori senza toroide e muovere il cavo stesso per vedere se il ros varia, non vorrei che la calza di rame sia scarsa a tal punto da variare l'impedenza del cavo...
ps: per questo tipo di applicazioni il cavo con dielettrico foam è sconsigliabile ma anche il cavo con il dielettrico compatto "vuole" le curve dolci e solo con il cavo in teflon e doppia calza si riesce a far aderire al toroide il cavo senza disadattamenti "meccanici" ma se c'è uno spigolo vivo è sempre meglio addolcire la curva e per questo motivo si utilizza il nastro in teflon che aiuta a non deformare il cavo...

21
Ciao a tutti,
ho realizzato un choke (per una end fed) si toroide FT240-43  nella configurazione 7+7 spire utilizzando cavo RG58.
Per provarlo ho collegato da un lato un carico fittizio 50 ohm e dall'altro analizzatore MFJ ; succede questo: fino a 10 Mhz l'analizzatore indica ROS 1.1 ; ma a partire dai 14 Mhz il ROS inizia a salire ;segnala a 14 Mhz 1.2 fino  ad arrivare a 1.9 sui 28 Mhz.
Non riesco a  spiegarmi questo aumento di ROS: forse il n. delle spire è sbagliato o  il toroide non è quello indicato (mi sarà stato fornito un altro tipo) .

Inoltre chiedo: se l'antenna di per sè presenta un ROS di 1.3 per esempio a 18,070 Mhz e il choke alla stessa frequenza segnala un ROS di 1.4 , collegando il choke all'antenna, l' RTX vedrebbe un ROS pari alla somma dei due?
73 a tutti, se vuoi misurare l'efficacia del balun choke non si usa il rosmetro, se invece vuoi vedere se il balun choke crea disadattamenti d'impedenza ok per il rosmetro ma avere ros 1.9 a 29 mhz è eccessivo, sarebbe da vedere la foto del balun choke per capire se il difetto è nel cavo (difficile, l'rg58 in hf è ok) o nel cablaggio tipo collegamenti troppo lunghi ecc... con un balun choke di regola dovresti avere un disadattamento irrilevante anche in vhf, poi propio per il cavo rg58 in uhf aumenta la perdita d'inserzione ma il disadattamento deve restare contenuto... riguardo alla seconda domanda se hai un'antenna leggermente reattiva (ros 1.4) aggiungendo il cavo hai ros diverso a seconda della lunghezza del cavo, mentre se hai l'antenna disadattata ma puramente resistiva (esempio un dipolo orizzontale a 72 ohm) cambiando la lunghezza del cavo avrai sempre ros 1.4...

22
Secondo voi, è possibile adattare questa cornetta MOTOROLA GMCN 4059A (pensata per portatili Motorola GM340 GM350 GM380) trasformando il suo spinotto RJ in un attacco tondo a 6 pin, per farlo funzionare con il President McKinley?
73 a tutti, sicuramente è fattibile se svuoti il circuito originale e riproduci quello del microfono cb, in genere dentro la cornetta non c'è solo l'altoparlante e il microfono ma anche un circuito elettronico, quindi oltre a sostituire la spinetta del cavo c'è da rifare il cablaggio anche dentro la cornetta...
ps: tanti anni fà anch'io ho utilizzato la cornetta di un nokia etacs  collegato al cb in macchina e utilizzavo i tasti della cornetta per cambiare canale (grazie al cavo a 8 fili...) e ptt, bei tempi davvero...

23
Radio Ascolto / Re:Filtro passa alto AM
« il: 21 Marzo 2021, 23:36:32 »
73 a tutti,concordo con Ik4mdz, chiarito che il disturbo sparisce con lo stacco del contatore và risolto dall'enel perchè non oso immaginare quanta porcheria irradia... se c'è un difetto nell'impianto e scarica da qualche parte c'è anche il pericolo d'incendio e folgorazione quindi non sottovalutano la segnalazione, poi se nel frattempo che intervengono vuoi provare un filtro passa alto ok ma direi che è meglio che intervengono a monte del contatore o nel contatore stesso se è lui che irradia, non ho capito se il disturbo sparisce completamente con il contatore spento o si attenua ma è comunque presente...

24
Radio Ascolto / Re:Filtro passa alto AM
« il: 21 Marzo 2021, 15:45:08 »
73 a tutti, non è stato molto chiaro ma se parliamo di 30-50 khz sono VLF tipicamente utilizzate per le stazioni del tempo, sottomarini ecc... e penso  che Maxastuto abita propio vicino a qualche installazione di questo tipo, quindi un filtro passa alto fatto per attenuare tutto quello che c'è sotto i 100 khz è sensato se si vuole ascoltare le onde lunghe , navtex ecc... se invece interessano solo le onde corte conviene fare il filtro passa alto da 1 mhz per togliere di mezzo anche le onde medie, io comunque prima di provare un filtro se interessano le onde lunghe utilizzerei un'antenna a telaio o loop magnetico, imbattibile per i navtex, ndb ecc... poi se bisogna risolvere per le hf  il filtro passa alto aiuta sicuramente...

25
antenne per CB / Re:COMPARAZIONE GRAZIOLI FE10V VS GAIN MASTER
« il: 21 Marzo 2021, 15:24:57 »
73 a tutti, i radiali se ho inteso bene nel video di montaggio vengono irrobustiti con delle spine in fibra di vetro quindi non penso propio che si romperanno al primo vento... poi che sia un punto critico nel montaggio (le fascette non vanno strette tanto da incidere l'alluminio o ovalizzarlo) a cui fare attenzione è ovvio ma forse per chi è alle prime esperienze non ci pensa e stringe... sugli smeter usati come strumenti di precisione è vero che non sono molto affidabili e conviene fidarsi dell'orecchio che è ben più preciso nel valutare il rapporto segnale rumore, comunque nei video ho visto ricezioni "normali" dove il livello di segnale non è tanto forte da far intervenire pesantemente l'AGC che è l'origine delle indicazioni poco accurate degli smeter, servirebbe un misuratore di campo o qualsiasi altro strumento di misura a guadagno fisso per avere la misura del segnale ma questo ha senso se fatto in un sito di misura ben definito e non con corrispondenti lontani dove di mezzo può esserci lo zampino della propagazione, riflessioni ecc... dico questo perchè le misure fatte con il misuratore di campo a 50 km indicano esattamente il segnale ricevuto in quel momento ma dopo pochi minuti è già diverso e se nel frattempo cambi antenna la comparazione è comunque sfalsata, fare delle misure accurate non è affatto semplice e infatti si fà sempre uso di una media statistica, comunque ritengo i video validi quando la differenza tra le antenne è minima, diffido quando la differenza è enorme perchè non può essere reale a meno che ci sia qualche problema di installazione o nelle antenne, cioè tutte le 5\8 sono simili tra loro, tutte le 1\2 onda sono simili tra loro, tutte le 1\4 d'onda idem...

26
antenne per CB / Re:COMPARAZIONE GRAZIOLI FE10V VS GAIN MASTER
« il: 20 Marzo 2021, 00:50:46 »
73 a tutti, giusto per approfondire il discorso interazione tra le antenne vicine e valutare meglio le differenze non avendo a disposizione lo spazio libero ottimale (alcune lunghezze d'onda tra le antenne o oggetti metallici tipo pali ecc...) si può valutare a "occhio" con lo schermo di un nanovna o qualsiasi altro analizzatore d'antenna se si modifica la traccia cortocircuitando l'antenna vicina per non doverla abbassare o spostare, se la curva si modifica poco o nulla si può ritenere che l'antenna vicina interagisce poco e sostanzialmente è come se non ci fosse mentre se ne altera la curva è sicuro che sia in ricezione che in trasmissione il lobo d'irradiazione risulta distorto e possiamo avere una direttività non voluta o prevista tanto da pensare che l'antenna và meglio ma in verità è dovuto all'aiuto della seconda antenna che diventa  un direttore (o riflettore) di un'antenna direttiva, nel dubbio bisogna provare a cortocircuitare l'antenna non utilizzata e valutare se i segnali ricevuti o trasmessi cambiano, dalla foto direi che siamo a 5-6 mt di distanza tra le antenne e questo in banda cb vuol dire 1\2 onda, le direttive long yagi utilizzano propio questa distanza tra gli elementi per avere il miglior guadagno e lobo d'irradiazione, anche con le antenne verticali si utilizzano distanze calcolate per ottenere direttività e lobi d'irradiazione adatti al dx, con questo non dico che il test è sbagliato ma solo che nel caso non è stato già verificato conviene provare a cortocircuitare l'antenna non utilizzata e vedere se alcuni corrispondenti notano differenze, può essere in meglio o in peggio a seconda della direzione, se non cambia nulla o molto poco direi che l'interazione è minima e ci siamo ma si potrebbe anche scoprire che con l'antenna cortocircuita il segnale cambia in modo significativo propio perchè le antenne sono vicine e di fatto formano una direttiva due elementi che ruota di 180°...

27
attività radioamatoriale / Re:Segnalazione 60 metri DX QRP
« il: 14 Marzo 2021, 17:12:31 »
alle ore 12:00 locale il "disturbo" da S9+20 è sceso a S3!!
Magari finisco le trasmissioni
73 a tutti, ora è s9 abbondante... "forse" arriva dalla Danimarca...

28
antenne per CB / Re:COMPARAZIONE GRAZIOLI FE10V VS GAIN MASTER
« il: 14 Marzo 2021, 17:09:43 »
Salve,
L'antenna Grazioli in questo momento è una delle migliori che ci sia, purtroppo ha dei difetti che durante la fase di acquisto, questo modello è molto rumorosa e soprattutto i suoi radiali sono molto grandi e per installare una antenna come questa bisogna avere uno spazio notevolmente grande, da non dimenticarsi che una antenna simile va montata su di un tetto che gli faccia da piano riflettente ma bisogna anche metterla su un palo alto almeno dal tetto alto 6 metri.
Oltre al fatto che come antenna è molto pesante.
Viceversa per quanto riguarda la Gain Master, è una antenna molto particolare in quanto è cortocircuitata e conseguentemente è molto selettiva ma notevolmente silenziosa. State pur certi che quando la monterete non avrete stazionarie, ma il bello secondo me di questa antenna è che in ssb si comporta in maniera impeccabile. Con questa antenna anche se arrivate bassi come segnale la gente vi ascolteranno ugualmente.
Unico difetto che ha sembra che sia un pochino sorda ma per il resto secondo me è una ottima antenna e la consiglio vivamente



Inviato dal mio iPhone utilizzando RogerKApp
73 a tutti, ingombro e peso non sono difetti ma caratteristiche che ovviamente vanno tenute in conto per l'installazione e visto le foto direi che su quel tetto l'installazione è impegnativa, tra palo e tiranti serve spazio  anche con antenne senza radiali, l'antenna vicino sicuramente interagisce e ne distorce il lobo d'irradiazione, intendiamoci che funziona lo stesso ma non è l'installazione "ideale"... poi ovviamente ci si deve accontentare dei compromessi e l'altezza \ spazio non sempre ci sono...

29
discussione libera / Re:Scaldare componente per trovare guasto.
« il: 12 Marzo 2021, 18:42:50 »
73 a tutti, io ho sempre usato il saldatore ad aria calda al minimo e lo spray freddo di questo tipo https://www.cariatielettronica.eu/it/spray/2301-a-44-low-gwp-spray-freezer-congelante-per-riparazione-circuiti-pcb-a44-due-ci-400ml-refrigerante-due-ci.html , spesso il saldatore ad aria calda si usa per confermare il componenete difettoso perchè di solito quando raffreddi i componenti vicini pure loro si raffreddano e propio per evitare questo uso uno schermo di carta  attorno al componente , ovviamente si fà SOLO per i componenti a bassa tensione...

30
antenne radioamatoriali / Re:Problema comet GP-3N
« il: 11 Marzo 2021, 22:15:48 »
73 a  tutti,concordo, è scontato ma hai fatto la calibrazione al nanovna con i tre sma in dotazione? se sì direi che l'antenna è ok e và controllato il rosmetro, lo colleghi in serie al nanovna con il carico fittizio e non deve alterare la misura, occhio alle riduzioni economiche perchè spesso non sono propio 50 ohm in uhf...

31
antenne per CB / Re:COMPARAZIONE GRAZIOLI FE10V VS GAIN MASTER
« il: 09 Marzo 2021, 01:01:59 »
Ciao Davide, facendo i seri, ti sembra che io abbia detto qualcosa di tecnicamente inesatto?

Capisco che questo forum abbia un certo assetto ed una certa gerarchia interna che non va assolutamente toccata, ma tu mi vuoi dire che più si scherma un conduttore verso l'etere più rende? O che basta rivedere il fattore di velocità per avere LO STESSO GUADAGNO ?

Rispondimi seriamente , grazie.
73 a tutti,  schermare con del materiale trasparente alla radiofrequenza non guadagna o perde, è come se non ci fosse, aggiungo che dipende dal materiale e dalla frequenza perchè 27 mhz non sono Ghz, se copri un'antenna cb con un tubo in pvc ne sposti la risonanza ma la resa è identica, se copri con del pvc un lnb (10 ghz) hai una minima attenuazione , se usi pep (hai presente quelli che coprono l'lnb con una bottiglia di plastica?) o teflon l'attenuazione è tanto bassa da diventare trascurabile anche a 10 ghz, esattamente quanto succede con il tubo in fibra di vetro sulle antenne hf, vhf e uhf...

32
antenne per CB / Re:COMPARAZIONE GRAZIOLI FE10V VS GAIN MASTER
« il: 09 Marzo 2021, 00:03:58 »
73 a tutti, al peggio non c'è mai fine HI!!! ora facciamo i seri, se fai un dipolo in rame nudo  risuona alla frequenza voluta con una misura fisica praticamente uguale alla misura calcolata in teoria, se utilizzi un filo ricoperto in plastica o con un TUBO in vetroresina avrai la risonanza spostata rispetto alla teoria perchè semplicemente non consideri il fattore di velocità, se mi tiri fuori un'antenna progettata per stare nel tubo in vetroresina è ovvio che non ti trovi ed è tutto da rifare, non serve analizzatore di spettro e nemmeno l'analizzatore d'antenna, basta sapere che  un materiale isolante modifica il fattore di velocità e và corretta di conseguenza la lunghezza fisica, poi che mi trovi differenze di segnale tra un dipolo lungo 5 mt o 4.98 mt a tal punto da buttare alle ortiche il cavo inguainato rispetto al filo nudo direi propio che non ci siamo... giustamente parli di compromesso con le antenne commerciali ma è lo stesso con le antenne autocostruite e qualsiasi altra cosa, non ha senso costruire un dipolo con il filo d'argento come non ha senso costruirlo ricoperto in teflon (che comunque pure lui è isolante e quindi modifica il fattore di velocità) rispetto al pvc o a qualsiasi altra plastica che magari poi viene utilizzata apposta per proteggere e irrobustire il filo di rame senza appesantirlo troppo, certamente è un compromesso scegliere i materiali per ragioni di costo ma anche di affidabilità, estetica ecc... e la resa viene molto molto dopo la solidità meccanica, (non deve rompersi e cadere in testa a qualcuno) anche le antenne sulle macchine sono costruite propio con questo criterio, bobina alla base e non in punta con lo stilo d'acciaio e non un tubetto di allumino...

33
Radio Ascolto / Re:Disturbo fisso in 60 metri
« il: 08 Marzo 2021, 21:51:52 »
73 a tutti, premesso che i 60 mt per noi sono in statuto secondario con notevole limitazione (poca potenza e poca banda...) vengono da sempre considerati strategici per la buona e costante propagazione, oltre ai fini militari vengono utilizzati anche dall'aviazione civile (MWARA) e per le emergenze meteo (FEMA) ecc...
ps: direzione sud\ sud est potrebbe essere anche nord \ nord ovest, con un solo loop magnetico è difficile da capire visto che è bidirezionale, "aiuta" provare con le websdr e arriva a fondo scala in olanda, germania e peggio in grecia, non sapendo bene che antenna usano azzarderei direzione nord...

34
antenne per CB / Re:COMPARAZIONE GRAZIOLI FE10V VS GAIN MASTER
« il: 08 Marzo 2021, 18:42:06 »
73 a tutti, la vetroresina non attenua l'rf, al massimo modifica poco il fattore di velocità dello stilo ma niente di problematico, poi se con il tempo si deposita smog, metalli pesanti ecc...  tanto da notare differenze nel rendimento dell'antenna io cambierei di corsa casa, altro che pensare al rendimento dell'antenna...
ps: poi se si usano canne da pesca colorate con tinte metallizzate e viene il dubbio che contengano metalli e quindi non adatte all'utilizzo rf bisogna provare  un campione con il forno a µonde, di certo i costruttori professionali di antenne non usano tubi in fibra di vetro metallizzati...

35
attività radioamatoriale / Re:Segnalazione 60 metri DX QRP
« il: 07 Marzo 2021, 23:54:52 »
73 a tutti, stanag4285  "forse" perchè non decodifico nulla ma è normale quando criptano la trasmissione, potrebbe anche essere altro visto la miriade di modi digitali molto simili, però visto la banda e il livello di segnale ricevuto direi che non è tanto lontano, nord africa \ medio oriente...

36
antenne per CB / Re:COMPARAZIONE GRAZIOLI FE10V VS GAIN MASTER
« il: 07 Marzo 2021, 21:34:39 »
Vorrei comunque ribadire quello che nel video ho cercato di far capire ... non sto cercando di dare delle prove certe ...  E NON E' VERITA' ASSOLUTA . 
Non sto dicendo che una sia meglio dell'altra ..... ma che una ha caratteristiche differenti che possono soddisfar l'uno o l'altro ... Sono stato un contento utilizzatore della GM per 6 anni , durante i quali ho comparato le piu conosciute 5/8 per ricadere sempre nella GM ( ho dati e report e video se lo ritenete interessante possiamo approfondire  ) , non perchè fosse la migliore .. ma perchè lo era per le mie esigenze .
Siamo qui per Condividere  , Capire , e gioire di Questa stupenda passione che ci accomuna .... e non sempre difendere per forza le nostre scelte . 73 .

73 a tutti, concordo, infatti le tue prove sono un'ottimo spunto per parlane e nessuno può mettere in dubbio i tuoi risultati propio perchè sono quello che hai visto, poi propio per come funziona una radio (agc) e un sacco di altre variabili non si possono prendere come esatti i dB di differenza tra le prove, sono un'ottima indicazione di massima (aggiungo veritiera perchè tra antenne di dimensioni simili in portata ottica mi aspetto rendimenti simili...) ma  quello che conta è che ricevi meglio i segnali che prima... 

37
Radio Ascolto / Re:Radio Pirata
« il: 07 Marzo 2021, 18:58:33 »
https://tech.everyeye.it/notizie/radio-trasmesso-segnale-8-anni-serio-503538.html
73 a tutti, gli americani rispetto a noi sono abituati ad avere trasmissioni governative per emergenze, tornado ecc... e questa sicuramente è una di quelle... nulla di strano, usano le onde medie più e meglio di noi, la notizia è che è rimasto acceso un trasmettitore temporaneo usa e getta per anni, ora non sò quanto è popolata la zona e se c'erano state segnalazioni o è pieno deserto ma l'america è sconfinata...

38
antenne per CB / Re:COMPARAZIONE GRAZIOLI FE10V VS GAIN MASTER
« il: 07 Marzo 2021, 15:52:55 »
73 a tutti, aggiungiamo anche il tempo, non bastano pochi giorni o settimane per capire se e dove l'antenna rende meglio, spesso le piccole differenze NON dipendono dall'antenna ma dalla propagazione (anche in portata ottica...) e dal momento, tipo propagazione assente e hai acceso un pc o qualsiasi altro elettrodomestico che alza il rumore di fondo e al momento non senti il segnalino, basta spegnere il pc o che la propagazione aumenta di un pelo ed ecco che ascolti perfettamente senza aver cambiato nulla... poi a seconda dell'apparato e segnali adiacenti ecc... succede spesso che un ricevitore modifica l'agc e già questo basta per migliorare o peggiorare il rapporto segnale rumore, quindi non è facile capire quale và meglio mentre è facilissimo capire quello che và meglio in quelle condizioni del momento, poi se provi più radio per più tempo e mediamente una prevale sulle le altre è ragionevole pensare che sia meglio ma ci vuole tempo, infatti secondo me le recensioni delle radio nuove scritte dopo poche ore di funzionamento lasciano il tempo che trovano, purtroppo la rete è piena di recensioni frettolose, infatti puntualmente saltano fuori topic di radio rivalutate quando appena uscite erano molto criticate, anche per le antenne è lo stesso se non peggio perchè è difficile avere lo spazio per fare delle comparazioni senza che ci sia interazione tra l'antenna sotto test e tutto il resto, per i 10\11 mt è già più semplice rispetto alle bande basse hf ma è comunque impegnativo e ci sarà sempre una combinazione di fattori che fanno sembrare migliore l'antenna peggiore di sempre...

39
antenne per CB / Re:COMPARAZIONE GRAZIOLI FE10V VS GAIN MASTER
« il: 06 Marzo 2021, 22:57:44 »
73 a tutti, concordo, non possono esserci differenze marcate,  si notano piccole differenze tra un giorno e l'altro anche con la stessa antenna e interlocutori e diventa difficile distinguere i risultati, chiaramente se compariamo un'antenna tipo lo stilo in macchina e una 5\8 sul tetto di casa la differenza notevole sarà sempre a favore dell'antenna sul tetto ma è giusto così, poi che la costruzione meccanica e affidabilità a lungo termine è tutta a favore della nuova antenna in alluminio rispetto alla fibra di vetro non ci piove ma se guardiamo solo lo s'meter con i segnali locali conta più l'altezza dell'antenna e la presenza di ostacoli e riflessioni, comunque mi è piaciuto il video perchè c'è descritto le condizioni e specificato che non è un test strumentale ma una prova sul campo in condizioni normali per la banda cb, certamente sarebbe bello avere una comparazione in presenza di qualche apertura e vedere quale antenna  riceve e trasmette meglio sul dx e giustamente anche in presenza di interferenze (segnali locali e dx assieme...) ma penso che per questo bisogna aspettare ancora, il sole non si è ancora svegliato per bene...

40
73 a tutti, nulla di nuovo, sono cose già viste tempo fà quando la Gain Master autocostruita andava meglio di quella comprata, la 1\2 onda  autocostruita andava meglio della Ringo, la 5\8 autocostruita andava meglio della Imax ecc... sono tutte affermazioni che anche a suo tempo hanno scatenato discussioni molto accese al limite del tifo calcistico e sono pure finite male per il carattere  dei partecipanti...
73 a tutti, C.D.V (come volevasi dimostrare) dopo 6 pagine  si è capito che paragonare antenne scatena discussioni accese e nessuno accetta ben volentieri le critiche però rispetto ad anni fà non siamo dovuti intervenire per sedare risse e questo è buono, chiaramente l'antenna in questione ha suscitato il giusto interesse, io per presentare l'antenna avrei scritto così:  anche se fatta con molte viti, dadi ecc... (tutte le antenne "buone" sono fatte con molta minuteria inox...) si presenta bene e non ho dubbi sul buon funzionamento, non ci trovo punti deboli o dimenticanze da far venire dubbi sulla qualità costruttiva o funzionale, se avessi bisogno di un'antenna verticale per i 10\11 mt la comprerei subito!!! non avrei mai paragonato il prodotto ad altri propio per non avere a che fare con i possessori di queste antenne che ovviamente non la prendono bene se gli dici che usano una schifezza anche perchè loro non avendo paragone con altre antenne oppure perchè in quel contesto và bene l'antenna che c'è, per fare pubblicità si possono scegliere modi diversi e per assurdo non è detto che la pubblicità che vende meglio è la più bella, anzi, spesso fanno a gara a fare pubblicità demenziali e irritanti perchè devono catturare l'attenzione di qualsiasi tipo di persone e lo vediamo in televisone ogni momento, poi ci sono le pubblicità studiate per potenziali clienti che cercano già il tipo di  prodotto, quì vedrai sempre e solo pubblicità positive senza denigrare i concorrenti , al massimo e già lì è un rischio si può vantare di essere i primi o i migliori ma mai senza denigrare i concorrenti, è un'attimo passare dalla curiosità per l'articolo proposto al rifiuto se il venditore è agressivo o le spara grosse...  io in questo topic probabilmente non avrei raggiunto le 2 pagine, invece siamo a 6 e a visibilità vince 6 a 1...

41
antenne radioamatoriali / Re:Elettromagnetismo ed idraulica
« il: 27 Febbraio 2021, 02:31:15 »
73 a tutti, immagina che pinza bisogna usare per un palo di questi... https://www.lbagroup.com/blog/is-this-cell-tower-detuned/ se cerchi in rete con la parola chiave "detuning tower" vedi che c'è tutto un mondo a riguardo, chiaro che non parliamo di pali con sopra un'antenna radioamatoriale ma l'elettromagnetismo è uguale per tutte le antenne e avere oggetti metallici vicino all'antenna interagisce sempre, poco o tanto dipende da vari fattori, c'è chi sfrutta la cosa a propio favore (tralicci radianti) e chi ci deve mettere mano per minimizzare l'interazione... https://www.w8ji.com/detuning_towers.htm

42
antenne radioamatoriali / Re:Elettromagnetismo ed idraulica
« il: 26 Febbraio 2021, 22:30:25 »
costruiamo una bella sonda rf per il palo, o per il traliccio ......hihihi
73 a tutti, già fatto più volte quando viene il sospetto che il traliccio dà fastidio e và desintonizzato, possiamo anche affrontare l'argomento ma bisogna andare per gradi, prima si impara a camminare e poi a correre, se poi si saltano passaggi semplificando troppo (sicuramente per colpa mia) si dà per sottinteso ecc...  è un disastro...

43
antenne radioamatoriali / Re:Elettromagnetismo ed idraulica
« il: 25 Febbraio 2021, 23:31:24 »

In un bal-un degno di tale nome e funzione se io misuro con una sonda RF con il negativo attaccato alla calza del coassiale cosa c'è prima del bal-un e cosa c'è dopo, trovo che prima del balun ci sono 0 volt sul polo freddo (la calza) e 50 volt (un esempio) sul polo caldo (dati dal generatore in TX), mentre dall'altra parte in un bal-un ideale trovo 25 volt su un ramo e 25 sull'altro.

QUINDI non c'è più un polo caldo ed un polo freddo, ma entrambi i poli sono simmetrici.





73  a tutti, ho quotato solo una parte del post per semplificare le risposte perchè è bene andare per gradi,  che tipo di sonda si utilizza per misurare la corrente di modo comune e che tipo di sonda si utilizza per vedere se un dipolo è effettivamente bilanciato o sbilanciato? ( ad esempio perchè i due bracci non sono  uguali o hanno vicino oggetti che ne alterano il funzionamento)  voltmetro, amperometro o altro? rispondo amperometro, per misurare la corrente rf serve un'amperometro rf, ci posso arrivare anche con altri metodi, sicuramente per vedere come funziona un'antenna sul palo ci arrivo anche con  oscilloscopio, voltmetro  ecc... ma con l'amperometro rf è immediato valutare se il choke o balun in corrente (è la stessa cosa...) funziona come si deve, poi provando i due bracci la corrente rf deve coincidere, se ho più corrente in un braccio vuol dire che il dipolo lavora sbilanciato e và sistemato in modo diverso, quando ho le due correnti uguali il choke ma anche un balun in tensione lavora correttamente mentre se ho i due bracci diversi (ad esempio uno nel vuoto e l'altro a pochi metri dal tetto ecc...) il balun non bilancia (è sbagliato pensare al balun come un oggetto che rende bilanciata un'antenna NON bilanciata...)  e mi ritrovo sempre corrente di modo comune, caso tipico con l'antenna verticale fatta con un braccio e unun senza contrappeso...

44
antenne per CB / Re:NUOVISSIMA GRAZIOLI 5/8 IN ANTEPRIMA PER VOI !!!
« il: 24 Febbraio 2021, 00:42:56 »
I radiali sono lunghissimi 2,70metri :) voglio vedere con il vento,e con le raffiche, che succede!!!!
73 a tutti, non ho visto le specifiche a riguardo ma dal video i radiali sono rinforzati alla base, a naso regge tranquillamente i 100 km\h poi si vedrà con il tempo, sui tetti ci sono ancora vecchie antenne 5\8 con i loro radiali  ma vuoi perchè sono in fibra o misti o più corti ecc... sono ancora integri, in proporzione vedo più stili piegati alla base (isolatore schiacciato ecc...) o troncati ma ogni installazione è a sè perchè dipende tutto da come è stata montata da nuova, poi se ci si mettono i colombacci e simili qualsiasi antenna rischia una brutta fine...

45
Autocostruzione / Re:Cavo antenna
« il: 22 Febbraio 2021, 17:12:34 »
73 a tutti, manca un parametro essenziale, la frequenza di lavoro, se parliamo di uhf hai perdite significative su tutta la linea, se parliamo di bande basse hf le perdite su tutta la linea sono insignificanti...

46
antenne per CB / Re:NUOVISSIMA GRAZIOLI 5/8 IN ANTEPRIMA PER VOI !!!
« il: 22 Febbraio 2021, 17:05:29 »
sembra la copia della Tornado rivista nella parte inferiore (piastra di fissaggio dei radiali) e la relativa lunghezza di questi....
73 a tutti, non può essere diversa. se vogliamo fare una 5\8 per la banda cb le misure sono quelle, poi si può risparmiare sui materiali, peso ecc... o fare tutto senza risparmio e compromessi ma le misure saranno simili... è bello tornare indietro nel tempo e discutere ancora di 5\8 ma la teoria e la pratica coincidono, se non coincidono vuol dire che sfugge qualche aspetto ma alla fine siamo lì...
piccolo OT:  ieri ho visto all'opera il power pole di IZ2IVF e come da teoria 1\4 d'onda di stilo per gli 80 mt
(20 mt di palo...) "spacca" rispetto alle antenne verticali caricate in vari modi per avere una lunghezza gestibile e anche con il dipolo... tutto perfetto, piano di massa con 3 ohm scarsi di resistenza di terra, poco rumore (mi sono stupito, io me lo sogno il qrn così basso...)  risonanza e adattamento perfetti...  POI collega  il dipolo a v invertita montato sul traliccio (il vertice è a 20 mt dal terreno e le punte a 10 mt) alla radio e vedo sul vna variare la curva di risonanza della verticale, prova e riprova le due antenne si accoppiano nonostante 15 mt di distanza tra le antenne e il dipolo ha i bracci perpendicolari alla verticale... morale anche se in pratica le antenne sembrano distanti un sacco di spazio e singolarmente funzionano perfettamente, la teoria dice che le antenne vicine meno di una lunghezza d'onda interagiscono fortemente tra loro, la pratica lo conferma se fai tutte le prove del caso, se ci si limita a pochi test o  ascoltare o trasmettere o collegare qualcuno è facile prendere lucciole per lanterne, sopratutto quando la pratica non coincide con la teoria...

47
antenne per CB / Re:NUOVISSIMA GRAZIOLI 5/8 IN ANTEPRIMA PER VOI !!!
« il: 22 Febbraio 2021, 12:15:48 »
In questo messaggio, oltre alla mancanza di prudenza, ci sono tante inesattezze e superficialità. [emoji22]
73 a tutti, nulla di nuovo, sono cose già viste tempo fà quando la Gain Master autocostruita andava meglio di quella comprata, la 1\2 onda  autocostruita andava meglio della Ringo, la 5\8 autocostruita andava meglio della Imax ecc... sono tutte affermazioni che anche a suo tempo hanno scatenato discussioni molto accese al limite del tifo calcistico e sono pure finite male per il carattere  dei partecipanti...

48
discussione libera / Re:SSB. Cosa ascoltare oltre ai radioamatori ?
« il: 13 Febbraio 2021, 22:37:02 »
Ciao,
Avendo letto ieri velocemente la tua richiesta e avendo letto ssb pensavo stupidamente che tu volevi ascoltare con un baracchino dotato di frequenze in banda laterale le comunicazioni fra marittimi come moto pescherecci etc etc.
Guarda, io sono un radioamatore patentato da ben 23 anni e vivo a Firenze, in casa possiedo molti apparati professionali per le Hf e nel mio tetto di casa ho le migliori antenne.
Di recente mi sono anche acquistato una Delta Loop Stealth di Ciro Mazzoni e posso assicurarti che non sono mai riuscito a poter ascoltare una sola volta una comunicazione proveniente da imbarcazioni.
Da quanto so ma prendi le mie parole con il beneficio del dubbio che le piccole medie barche quelle da pesca da altura, a bordo oltre ad avere il normale Vhf e qualcuno addirittura monta anche il Satellitare, mi hanno riferito che quando sono in mare fra barca e barca molto spesso usano dei normali baracchini dotati di bande laterali e con dei lineari mostruosi.
Quindi anche se io che mi trovo in Toscana volessi tentare di parlare con le barche di Livorno o di Viareggio, l'impresa è molto difficile.
Ti ripeto in tanti anni di Qso fatti in mezzo Mondo non ho mai ascoltato ne parlato con loro.
Anzi colgo l'occasione se tu fossi più informato di me se mi dicessi come fare per poterli ascoltare mi faresti cosa gradita.
Io ti avevo dato tale risposta pensando a quanto detto
Spero che mi sia spiegato adeguatamente
Ti saluto e aspetto tue


Inviato dal mio iPhone utilizzando RogerKApp
73 a tutti, come ho già scritto nel mio post l'ascolto utility è abbastanza diverso rispetto ai radioamatori ed è molto diverso dalle bcl, difficilmente ascolti chiamate continue (cq dei radioamatori) ma solo passaggi brevi e le frequenze sono canalizzate \ prestabilite e a seconda dell'orario cambiano banda, poi con l'esperienza ci prendi la mano e diventa più facile ma sicuramente il loop magnetico è l'antenna meno adatta alla ricerca dei segnali, meglio usare una filare qualsiasi e poi se si usa il loop magnetico per i volmet e meteomar (trasmissioni continuative o quasi...) è ottimo ma per il resto non è il massimo... poi se punti ai pirati in 45 mt ecc... sono facilissimi da trovare perchè passaggi lunghi e più corrispondenti in ruota sono la regola mentre per il traffico marittimo solitamente si tratta di comunicazioni punto punto tra due navi o tra una nave e capitaneria e si tratta di comunicazioni professionali quindi corte , simili  a quello che si può ascoltare in banda aerea ma con molto meno traffico, riguardo ai pescherecci certamente usano i cb se sotto costa e si possono sentire quando la propagazione aiuta mente per i pescherecci d'altura li ho sempre ascoltati nelle bande basse (3-10 mhz) e li ho ascoltati anche nelle bande alte (12-26 mhz) ma serve la propagazione, diciamo che per cominciare si parte dal basso in serata, 2 mhz con i meteomar, poi si passa poco sotto gli 80 mt e di giorno  dai 6 ai 12 mhz e quando si sentono i 20 mt "aperti" si spazzola nelle bande più alte e come ho già scritto l'sdr aiuta tantissimo per vedere più frequenze contemporaneamente...

49
discussione libera / Re:SSB. Cosa ascoltare oltre ai radioamatori ?
« il: 12 Febbraio 2021, 22:13:38 »
Scusa se mi permetto,
Ma se vuoi ascoltare comunicazioni marittime da parte di motopescherecci etc etc devi avere apparati Hf ma soprattutto devi abitare nelle vicinanze del mare altrimenti non senti nulla


Inviato dal mio iPhone utilizzando RogerKApp
73 a tutti, basta un'antenna normale e si riceve facile anche lontano dai mari, per le vhf è più difficile nel senso che servono antenne direttive performanti e condizioni particolari, nel mio caso (bassa pianura bergamasca) serve la nebbia per ascoltare il nord-centro  adriatico ma in hf con un semplice dipolo per i 40 mt si riceve ben oltre il mediterraneo...

50
discussione libera / Re:SSB. Cosa ascoltare oltre ai radioamatori ?
« il: 08 Febbraio 2021, 18:58:07 »
73 a tutti, in usb trovi stazioni utility tipo il volmet, meteomar oltre al traffico marittimo ecc... in lsb solo radioamatori sotto i 10 mhz e i pirati che fanno quello che vogliono... c'è da dire che le comunicazioni utility tranne che per i messaggi ai naviganti e volmet sono sempre molto corte e difficili da ascoltare se non lasci un ricevitore sintonizzato sulla frequenza, in questo lo schermo sdr aiuta tantissimo e ormai è insostituibile propio per questa funzione, poi spesso le frequenze cambiano e quindi è ancora più utile rispetto al classico vfo...

51
Autocostruzione / Re:Gain Master sperimentale con choke W2DU
« il: 07 Febbraio 2021, 18:23:53 »
73 a tutti, al pari del rosmetro e carico fittizio non deve mancare l'amperometro rf a chi traffica con antenne, choke ecc... https://www.iz2uuf.net/wp/index.php/2016/01/24/amperometro-rf/ il nanovna è veramente molto utile per un sacco di cose ma i tre sopra vengono prima...

52
discussione libera / Re:Consigli su analizzatore di spettro
« il: 07 Febbraio 2021, 17:50:54 »
73 a tutti, concordo, a occhio si può identificare con precisone molti tipi di segnali e con l'esperienza si può anche vedere una foto in sstv dal suono che ha durante la trasmissione ma per chi non ha mai usato un'sdr è molto più facile capire con l'audio rispetto alla traccia video, quì https://www.sigidwiki.com/wiki/Signal_Identification_Guide  c'è parecchio materiale per capire \ confrontare quello che passa sul propio schermo e dare un senso ai disturbi che poi magari scopri essere delle trasmissioni vere e propie, ormai per me affiancare l'sdr ai ricevitori tradizionai è insostituibile, c'è chi preferisce la sola radio "senza lucette e effetti speciali" e chi l'sdr ma per me assieme sono complementari, comunque tornando alla ricerca del disturbo l'analisi temporale e l'analisi ad esclusione sono la base e non le sostituisci con la sola tecnologia, anche con un'analizzatore professionale con tanto di antenne apposta ci fai poco senza sapere cosa cercare...

53
discussione libera / Re:Consigli su analizzatore di spettro
« il: 07 Febbraio 2021, 16:09:04 »
73 a tutti, prima di pensare ad analizzatore di spettro, sdr ecc... và registrato il segnale e confrontato con tutto quello che c'è di già trovato in rete, quello che senti con la radio se uguale ad altro ti aiuta a cercare meglio, se invece è tutto diverso ecc... allora si pensa alla vera e propia caccia alla volpe, antenna direttiva (antenna a telaio o loop magnetico) e ricevitore portatile tipo l'817 o anche una qualsiasi radiolina con l'antenna in ferrite per le onde corte che riceve i 40 mt in AM, l'analizzatore di spettro o l'sdr và bene ma se non hai ben chiaro come è la "firma" del disturbo rischi di perdere tempo guardando altro e non il segnale da cercare, poi sulla tipologia di disturbo che sembra esserci solo DOPO che trasmetti in 40 mt circoscrive molto la possibile causa, se resti in ascolto e non c'è mai e si attiva solo quando trasmetti tu c'è ben poco da cercare, è sicuramente qualche dispositivo sensibile all'rf (rfid) che si attiva solo in presenza di rf, quindi riduci potenza e vedi se parte anche quando trasmetti in qrp o solo con alta potenza, poi durante la ricerca ti serve qualcuno che a tuo comando trasmette con la tua stazione e quindi per non perdere tempo in due và organizzata per bene... 

54
73 a tutti, sicuramente si può sperimentare la Morgain in polarizzazione verticale e come sempre ci sono pro e contro, mancando le trappole si evitano i problemi di affidabilità nel tempo e si può applicare maggiore potenza poi sul discorso semplice e senza taratura direi propio che anche la Morgain deve essere accuratamente tarata con i ponticelli e non è una passeggiata se non prevedi un sistema comodo per alzare e abbassare l'antenna durante la taratura, aggiungiamo anche il problema del choke che deve lavorare per le due bande e che per funzionare bene un dipolo verticale deve avere il braccio inferiore alzato da terra e ostacoli perchè un minimo di interazione sbilancia l'antenna (meno che per il dipolo orizzontale ma si sbilancia comunque anche in polarizzazione verticale) e per finire il guadagno e il lobo d'irradiazione è sovrapponibile al dipolo... io la Morgain la consiglio sicuramente in orizzontale per le bande basse quando manca lo spazio e come dipolo rigido (quindi con il rotore...) per le bande superiori perchè bastano due canne da pesca e risulta molto più leggera e affidabile rispetto alla trappolata classica, in verticale è una bella sfida, l'assenza di radiali e trappole mi piace ma io penserei alla jpole bibanda...

55
attività radioamatoriale / Re:Messa a terra stazione
« il: 02 Febbraio 2021, 19:40:47 »
Buongiorno ho un dubbio che mi assilla,non avendo conoscenze tecniche adeguate.
Abito in un condominio e non ho la possibilità di crearmi una linea di terra adeguata e dedicata alle apparecchiature della stazione in quanto non mi è possibile mettere una puntazza e collegarla con un cavo fino alla mia abitazione.
Si può ovviare in maniera attendibile o devo affidarmi alla messa a terra tramite la terra dell’impianto elettrico domestico, ovvero non facendo nulla?
73 a tutti, non fare nulla dipende se ne hai bisogno  o meno, ad esempio se si utilizza un'antenna bilanciata di suo e ha pure il choke al cavo di discesa non dovrebbero esserci correnti di modo comune  e relativi problemi di interferenze, la messa a terra dell'impianto condominiale non è un problema e si deve collegare come per tutti gli elettrodomestici connessi alla rete elettrica, se invece utilizzi un'antenna sbilanciata tipo la classica canna da pesca e unun con tutti i problemi legati al contrappeso e correnti di modo comune come i ritorni rf con il pizzico quando si tocca il microfono in tx ecc... ecco che la soluzione di aggiungere un'accordatore di terra artificiale risolve più problemi in un colpo solo, se i problemi non esistono non serve ma se ci sono vanno risolti , normalmente si lavora con i radiali dell'antenna aggiungendo radiali di lunghezza  calcolata o molti radiali corti (dipende sempre dallo spazio a disposizione ecc...) ma se non è possibile intervenire sull'antenna si prova con l'aggiunta di radiali sull'apparato  ma anche lì vuoi per l'utilizzo multibanda o mancanza di spazio , messa a terra inutilizzabile ai fini rf (perchè troppo lunga o perchè veicola disturbi ecc...) si può utilizzare un'accordatore e si accorda un contrappeso , funziona, anche con il classico accordatore manuale a  T, l'accortezza è  collegare  la massa  d'uscita al filo usato come contrappeso e collegare la massa dell'apparato al solo centrale d'ingresso dell'accordatore, in pratica si fà diventare un'accordatore classico a T un circuito LC serie, ovviamente non bisogna toccare la massa dell'accordatore che ora è "calda" e ci trovi alta tensione rf, per l'accordo  visto che non c'è l'amperometro rf con il led (che aiuta tantissimo nell'accordo del contrappeso) si regola l'accordatore a T (bobina e condensatore d'ingresso) guardando il rosmetro dell'apparato e se il tutto risolve i ritorni rf conviene costruire o modificare l'accordatore a T con una scatola isolante, quando tocchi la prima volta la scatola dell'accordatore in tx ti rendi conto immediatamente che  serve...

56
.   Ma no è il nostro RU19a IR4UCH che è nato con un ponte surplus militare anche se ora è stato sostituito per volontà dei soci e contro il mio parere con un C4FM. Ogni volta che il vento distruggeva l'antenna di turno e si montava quella nuova uno di noi la faceva ruotare in maniera da trovare un compromesso soddisfacente per le stazioni in ascolto,ovvero servirle tutte allo stesso modo. Per aumentare il segnale alle stazioni più sfortunate si ruotava l'antenna e corrispondentemente si verificava una diminuzione sulle stazioni più fortunate. Tutto qui. Quando abbiamo messo l'antenna professionale senza radiali si è visto che ruotandola non cambiavano i segnali.  Siamo giunti alla conclusione che probabilmente tre radiali sono pochi..
73 a tutti, 3 radiali sono pochi quando sotto \ vicino c'è altro che distorce il lobo d'irradiazione, ad esempio io ho una collineare in cima al mast e sotto la crociera con le direttive e ho notato la differenza tra quando avevo solo la collineare e quando ho montato la crociera con le direttive, tanto che poi ho deciso di alzare il mast di 1 mt abbondante per allontanare la crociera dalla collineare e adesso ruotando la collineare non varia il segnale ricevuto\ trasmesso, è probabile che 3 radiali sono pochi quando sotto \ vicino ci sono altre antenne ecc... mentre su un palo distante da tutto per almeno 2 mt bastano e avanzano, una prova che avrei voluto fare ma che poi non ho fatto (perchè volevo comunque distanziare maggiormente le antenne tra loro) era propio quella di aggiungere almeno altri 3 radiali alla collineare...

57
Radio Ascolto / Re:Beacon 350 kHz identificazione
« il: 17 Gennaio 2021, 23:58:31 »
Confermo ricezione anche da zona 7

'73
Luca
73 a tutti, notevole, attenzione però al nominativo cw, è facile sentire i radiofari locali anche fuori frequenza, in particolare con ricevitori dai filtri d'ingresso "larghi", avendo vicino Orio se esagero con l'amplificazione rf vedo il suo segnale anche in altre frequenze dove ovviamente non trasmette, mi capita con la miniwhip che amplifica di tutto, invece con l'antenna a telaio l'sdr lavora molto meglio tanto che posso usare l'rf gain al massimo e anche un piccolo preampli se necessario...

58
Radio Ascolto / Re:Beacon 350 kHz identificazione
« il: 17 Gennaio 2021, 01:04:12 »
73 a tutti, di NDB se ne sentono parecchi nonostante il rumore generato da tutti gli alimentatori switching ecc... se quello che ricevi in cw è BLA stai ricevendo Biella-Cerrione, con l'antenna a telaio è necessario orientarla e puoi distinguere nettamente un'NDB dall'altro anche se quasi isoonda, quì http://www.iz0kba.it/pages/frequenze/frequenze-ndb/ ad esempio trovi una lista che aiuta l'identificazione degli NDB nazionali e non solo...

59
73 a tutti, di che oscilloscopio parliamo? analogico o digitale? banda passante ecc... sono info necessarie per vedere se il tuo oscilloscopio è in grado o meno di misurare anche la frequenza, diciamo che se digitale di ultima generazione con una banda passante elevata è possibile vedere la frequenza ma  ad esempio se leggi 27.100 mhz possono essere 27.109 ma anche 27.099 quando con un frequenzimetro del genere https://s.click.aliexpress.com/e/_AZ4LTb

leggi 1 hz fino a 60 mhz ed è il primo che ho trovato al volo, cercando con calma si trovano anche già con il contenitore...

60
Ciao raga, come posso collegare l oscilloscopio a un apparato per verificarne l effettiva frequenza di trasmissione??

Grazie

Inviato dal mio SM-A202F utilizzando rogerKapp mobile


73 a tutti, per sapere la frequenza di trasmissione precisa è molto più semplice usare un frequenzimetro, con l'oscilloscopio analogico vedi perfettamente la forma d'onda e puoi stimare la frequenza contando i quadretti a schermo ma non riesci a distinguere i khz mentre con un frequenzimetro è facile scendere  sotto l'hz (ovviamente dipende dalla qualità o precisione del frequenzimetro...) ma a parte questa premessa qualsiasi strumento di misura  ha una sua impedenza caratteristica e livello massimo di tensione applicabile all'ingresso dello strumento, l'oscilloscopio tipicamente ha 1 Mohm di impedenza e la massima tensione applicabile è di qualche centinaio di volt (nei modelli analogici) ma esistono oscilloscopi digitali con poche decine di volt e non si deve mai superare il livello massimo, se il trasmettitore è in grado di superare questo livello massimo bisogna utilizzare una sonda attenuata, poi nel dubbio si usa sempre la sonda attenuata e misurato il livello se inferiore al livello massimo si può decidere di usare la sonda diretta ma già con pochi watt si usa sempre la sonda attenuata... spesso non serve nemmeno collegare la sonda ma basta avvicinarla allo stadio e già si vede la forma d'onda, anche con i frequenzimetri, solo quando usavo un prescaler uhf avevo bisogno di più segnale (ma non troppo perchè poi si sfonda il prescaler...) e utilizzavo una presa attenuata sul carico fittizio e limitatore a diodi, poi   i frequenzimetri da 1 ghz e oltre sono diventati accessibili e adesso è anche tutto più facile, con pochi soldi tra oscilloscopi digitali, analizzatori di spettro ecc... si può allestire un laboratorio hobbystico  più che buono quando 30 anni fà con la stessa cifra non ci compravi un multimetro decente...
ps: carico fittizio con attenuatore passante  o un'adattatore a T dove collegare assieme al carico fittizio e un attenuatore fisso o variabile non dovrebbe mai mancare a chi ha un trasmettitore da provare \ riparare, purtroppo sono strumenti che dovrebbero andare in coppia al wattmetro \ rosmetro di stazione ma sono praticamente sconosciuti...

Pagine: [1] 2 ... 277