Elettronica e Radiotecnica > Elettronica & Radiotecnica

domanda sul rapporto tra corrente e tensione e larghezza si banda

<< < (3/3)

matteo_:
voglio sapere come posso gestire un campo magnetico, creando dei circuiti elettrici, decidere ampiezza in radio ma capire proprio come si comporta anche se non posso vederlo


comunque e la seconda volta che mi succede una cosa particolare

oggi stavo cercando di fare un oscillatore per testare dei filtri, ne ho fatto uno per arrivare a frequenze abbastanza larghe in ampiezza, per vedere come si comporta il filtro, ci ho perso tutto il giorno su prove su prove, per accorgermi questa sera che mi stavo sbagliando su una cosa, vado a provarlo vicino a un sdr, con rf gain al massimo, funziona ma un disastro di armoniche ovunque ecc ecc, ma ho gia visto che sdr che ho amplifica parecchio anche le armoniche debolissime, quindi con rf gain al massimo e da vicino, amplifica tutto ma dopo il realtà va solo in una frequenza e tutto il resto e debolissimo

ma la cosa particolare che mi era già successa, che il transistor praticamente fotocopia la banda e ritrasmette una vasta fetta, mi era già successo con una stazione in am con un altro, ma ora mi sta fotocopiando una larga frequenza, sia una radio ed e le comunicazioni airband

sto usando un transitor con alto guadagno con qualsiasi corrente IC, ma non ha antenne ne niente e riceve e ritrasmette?




inviato iPhone using rogerKapp mobile

M74:
Continua a sfuggire il senso di quello che stai facendo e cosa chiedi.

trodaf_4912:
Attenzione con l'uso dell'LSD. 10/20 microgrammi aiutano nel problem solving, dosi eccessive portano ad effetti psicotropi..😂

matteo_:
no purtroppo non si tratta di lsd, diciamo che speravo di limitarmi nella mia pigrizia di comprendere tutti gli studi che ha fatto maxwell con i campi magnetici solo a livello radio, e capire come poter progettare un oscillatore con ampiezza come da calcolo, oltre che la frequenza

nessuno può vedere le onde elettromagnetiche, ma possiamo generarle a piacimento, anche il dispositivo che utilizziamo qui per scrivere in questo forum le usa, e tutte sono state calcolate al dettaglio


la cosa che volevo capire è la differenza tra corrente e il campo magnetico che propaga, nel senso che se io aumento la corrente, non aumento ampiezza, della frequenza, ma se invece uso un segnale audio per esempio, inviluppo aumenta come AM

allora io mi chiedevo, si può creare un circuito calcolandone ampiezza, ampiezza non sapendo nel leggere ne scrivere sono dei tempi diversi di apertura e chiusura del transistor o della valvola, ma questa e la frequenza, ma che parametri si deve tener conto invece in larghezza, sia nel campo magnetico e nel circuito con il transistor o valvola che sia?

accensione e lo spegnimento del relè nel esempio precedente e puramente casuale, non ha tempo e solo un corto circuito che nel momento in cui viene eccitata la bobina genera HV, per questo motivo di solito ci mettono un diodo come protezione, una volta le prime comunicazioni usavano scintille, e un specie di dispositivo  che si eccitava al forte impulso magnetico e diventava un interruttore chiuso e dandoli un colpetto con le dita si riapriva il contatto, quel forte impulso sporcava un intera banda dalle hf fino quasi ai cm ma di qualche secondo

quindi se siamo arrivati poi a manovrare le frequenze e grazie ad un oscillazione che gestisce il tempo del ciclo, che questa è la frequenza

ed maxwell determina che il campo magnetico è opposto alla corrente, perchè e la corrente stessa e oscillazione che da un calcio come al campo magnetico rovesciandolo ad ogni tempo del onda in base alla frequenza come la nostra immagine allo specchio che è al rovescio allo stesso modo e corrente con campo magnetico


cosa succede a questo campo magnetico quando allargo ampiezza della frequenza? sono tante onde di frequenze diverse, si ingigantisce di più? come è possibile gestirla in un circuito, come fanno i segnali del digitale terrestre riempire tanti mhz per esempio?

come posso io calcolarmi questa cosa con un semplice oscillatore a transistor conoscendo la frequenza che ho calcolato?   quanta corrente assorbe in più? ecc ecc


ovviamente il campo magnetico nessun può vederlo ed sapere precisamente cosa fa, dovrei studiare fisica, ma al meno saper far un circuito, sarebbe la risoluzione al 40% della mia curiosità e alla domanda che a malo modo sto ponendo


la domanda ultima del transistor che fotocopia i segnali  che ho fatto era un po inerente al discorso, gli assorbimenti sono sempre gli stessi credo avendo delle resistenze ed lui riesce sia a riceve e ricreare e trasmettere in più frequenze

pero cosi al cellulare difficile da spiegare, magari posso far un video e qualche schema, non saprei




inviato iPhone using rogerKapp mobile

listener:
Poche idee e tutte confuse. :)

Basta che prendi qualsiasi libro dove spiega come calcolare un oscillatore rf, si tratta di pochi componenti non serve arrivare alle equazioni di maxwell. Se prendi i libri di nuova elettronica le cose sono spiegate in modo comprensibile anche ai profani.
La larghezza di banda di varia semplicemnete con l'oscillatore, in base a cosa devi modulare. Per trasmettere in cw ne serve poca anzi praticamente basta solo la portante, voce molta di più mentre per i dati se sono tanti ancora oltre. E niente hai il tuo oscillatore che hai progettato dove hai deciso la frequenza anche in base a cosa devi modulare. Esempio banale, se trasmetti a 1 Hz, dentro 1 sola sinusoide puoi metterci al massimo 1 bit di informazione, 1Gb/s di dati semplicemente non ci staranno, devi quindi aumentare la frequenza.

Navigazione

[0] Indice dei post

[*] Pagina precedente

Vai alla versione completa