forum radioamatori > Autocostruzione

Autocostruzione antenna a telaio MW

<< < (15/15)

FabriBCL:

--- Citazione da: M74 - 29 Ottobre 2021, 09:41:35 ---Ci vuole qualcuno pratico del vna per aiutarti.

--- Termina citazione ---
No problem, credo di non avere introdotto errori sostanziali nella misurazione, anghe considerando che una certa spannometria in ascolto è ammessa.
Appena ho un attimo verifico con gli strumenti teorici di calcolo induttanze se quelle differenze siano plausibili. A me pare di sì, visto che con il condensatore si sintonizza... Vediamo.

Cambiando argomento, e spero di non annoiarvi: la posizione del secondario rispetto al risonante (all'interno della spirsle) è obbligata? L'induzione non sarebbe favorita se il secondario fosse più vicino al complesso delle spire (quindi davanti, magari tre spire per quanto possibile centrate) invece che concentrico e allineato?
In altri termini, c'è un'area dell'avvolgimento nella quale l'induzione è più spiccata?

M74:

--- Citazione da: FabriBCL - 29 Ottobre 2021, 09:59:46 ---No problem, credo di non avere introdotto errori sostanziali nella misurazione, anghe considerando che una certa spannometria in ascolto è ammessa.
Appena ho un attimo verifico con gli strumenti teorici di calcolo induttanze se quelle differenze siano plausibili. A me pare di sì, visto che con il condensatore si sintonizza... Vediamo.

Cambiando argomento, e spero di non annoiarvi: la posizione del secondario rispetto al risonante (all'interno della spirsle) è obbligata? L'induzione non sarebbe favorita se il secondario fosse più vicino al complesso delle spire (quindi davanti, magari tre spire per quanto possibile centrate) invece che concentrico e allineato?
In altri termini, c'è un'area dell'avvolgimento nella quale l'induzione è più spiccata?

--- Termina citazione ---
C'è sicuramente, sapere dov'è non è semplice, puoi fare molti esperimenti.
Può essere anche lontano dal telaio, vedi ad esempio questa galena qui:
http://makearadio.com/crystal/44.php
Una delle due metà è l'equivalente del telaio sintonizzato e l'altra è il ricevitore (nel tuo caso il secondario che va al ricevitore).
E' chiaro che è tutta un altra cosa ma per capire il principio rende bene.
Se sperimenti dall'altro lato rispetto all'avvolgimento sintonizzato troverai di certo combinazioni che rendono meglio.

FabriBCL:

--- Citazione da: M74 - 29 Ottobre 2021, 11:03:42 ---C'è sicuramente, sapere dov'è non è semplice, puoi fare molti esperimenti.

--- Termina citazione ---
Sto pensando di fare un secondo telaio per il secondario e provare a varie distanze. Tra l'altro, individuata la distanza, potrebbero nascere altre soluzioni da sperimentare...
Mi sto chiedendo anche se il nanovna possa misurare l'impulso lanciato sul primario che torna indietro sul secondario, mentre ieri avevo misurato solo l'induttivita del primario in sé. Questo sempre per trovare il punto di massima induzione. A quel punto, l'insieme dei due circuiti sarebbe una specie di linea di trasmissione, con risultati (si spera) positivi anziché di dispersione. Se deliro fermatemi per favore  

FabriBCL:
Aggiornamento.
Ho provato a sovrapporre circuito di tre spire davanti al centro del circuito primario. Il nanovna indica +12 dB nel ritorno, rispetto alla soluzione precedente con tre spire concentriche. Più mi sono avvicinato al primario, più aumentavano i dB, ma sono dovuto rimanere a circa 2 cm per limite meccanico di come ho costruito il secondo telaio.
Avendo dissaldato il variabile, non ho fatto prove con la radio ma solo strumentali.
In realtà mi sto chiedendo se indurre maggiore corrente nel secondario sia un effettivo successo, nel momento in cui il segnale captato dal primario probabilmente è sempre lo stesso. Nella galena può essere importante indurre di più, ma con una radio moderna forse cambierà soltanto la posizione della lancetta S-meter, con i disturbi che vanno in proporzione...

M74:

--- Citazione da: FabriBCL - 29 Ottobre 2021, 19:56:16 ---Aggiornamento.
Ho provato a sovrapporre circuito di tre spire davanti al centro del circuito primario. Il nanovna indica +12 dB nel ritorno, rispetto alla soluzione precedente con tre spire concentriche. Più mi sono avvicinato al primario, più aumentavano i dB, ma sono dovuto rimanere a circa 2 cm per limite meccanico di come ho costruito il secondo telaio.
Avendo dissaldato il variabile, non ho fatto prove con la radio ma solo strumentali.
In realtà mi sto chiedendo se indurre maggiore corrente nel secondario sia un effettivo successo, nel momento in cui il segnale captato dal primario probabilmente è sempre lo stesso. Nella galena può essere importante indurre di più, ma con una radio moderna forse cambierà soltanto la posizione della lancetta S-meter, con i disturbi che vanno in proporzione...

--- Termina citazione ---
Non mi inoltro nel ginepraio dell'interpretazione delle misure perché non ne ho abbastanza idea...quello che è certo è che spostando il secondo telaio puoi ottenere due cose.
Più segnale e meno selettività quando l'accoppiamento è massimo e viceversa meno segnale ma più direttività quando è come si suol dire "lasco".
Nella galena esempio si verifica facilmente usandola, collegando una radio moderna può essere meno evidente la variazione sul segnale per via che ci sono circuiti tipo l'agc che compensano il fenomeno.
Rimane di certo la differenza sulla selettività, per avere l's-meter a palla probabilmente ciò che si sente è un mix della stazione voluta più le adiacenti che non vengono tagliate via dai vari circuiti accordati.
Col telaio ne hai uno in più in ingresso, va da se che nemmeno così riesci a sbrogliare la matassa delle stazioni vuol dire che sei al limite del possibile, a quel punto solo soluzioni improponibili come dimensioni per antenne più direzionali potrebbe essere la soluzione.
Se riesci a metterlo a punto a dovere per me ti divertirai comunque, io della mia non mi lamento, una volta presa la mano su come ruotarla e sintonizzarla se una stazione c'è la sentirò.
Il bello è che nonostante il variabile sia demoltiplicato e la generosa ruota di sintonia che ho messo la regolazione è veramente maniacale, tanto che sto pensando di aggiungere una sintonia fine magari sul prossimo telaio.
Di contro farla più a larga banda non la vedo una soluzione ottimale perché si perde appunto la selettività estremizzata che in alcuni casi serve.
Non sarà un antenna da mettere alla radio in cucina ma il suo perché a distanza di ormai un secolo lo ha ancora.

Navigazione

[0] Indice dei post

[*] Pagina precedente

Vai alla versione completa