Autore Topic: distanza di ricezione "in diretta" e "in propagazione"  (Letto 1049 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

ZAGOR

  • Visitatore
distanza di ricezione "in diretta" e "in propagazione"
« il: 18 Novembre 2008, 14:53:48 »
riguardo la distanza di ricezione: cosa significa "in diretta" ? e cosa significa "in propagazione" ?

come si può incrementare la  distanza di ricezione a parità di antenna ?

grazie


Offline Ricciolino

  • 1RGK420
  • RGK dx Group
  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 1106
  • Applausi 36
  • Sesso: Maschio
  • IU0NHF - 1RGK420
    • Mostra profilo
Re: distanza di ricezione "in diretta" e "in propagazione"
« Risposta #1 il: 18 Novembre 2008, 15:25:00 »
premesso che spero di non scrivere una marea di fesserie...  :mrgreen:

un collegamento "in propagazione" si ha quando l' onda radio arriva al destinatario rimbalzando sulla ionosfera, quindi seguendo un "percorso indiretto"; non sempre la ionosfera fà rimbalzare i segnali radio, purtroppo.

viceversa, il collegamento è "diretto" quando il ricevente si becca l' onda radio direttamente dall' antenna di chi trasmette (il che accade in condizioni normali).

Per aumentare la distanza da cui ricevi... boh?! alzando l'antenna più in alto, magari, o usandoun ricevitore più sensibile ai segnali bassi... forse un preamplificatore potrebbe servire anche lui, ma lascio la palla ai più esperti...  :birra:
cb "Ricciolino" Op. Davide | 1RGK420 | IU0NHF

Offline r5000

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 16468
  • Applausi 421
  • qth bergamo
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re: distanza di ricezione "in diretta" e "in propagazione"
« Risposta #2 il: 18 Novembre 2008, 15:53:15 »
premesso che spero di non scrivere una marea di fesserie...  :mrgreen:

un collegamento "in propagazione" si ha quando l' onda radio arriva al destinatario rimbalzando sulla ionosfera, quindi seguendo un "percorso indiretto"; non sempre la ionosfera fà rimbalzare i segnali radio, purtroppo.

viceversa, il collegamento è "diretto" quando il ricevente si becca l' onda radio direttamente dall' antenna di chi trasmette (il che accade in condizioni normali).

Per aumentare la distanza da cui ricevi... boh?! alzando l'antenna più in alto, magari, o usandoun ricevitore più sensibile ai segnali bassi... forse un preamplificatore potrebbe servire anche lui, ma lascio la palla ai più esperti...  :birra:
73 a tutti perfetto tutto... aggiungo che per avere il massimo serve contenere al massimo le perdite quindi meno cavo possibile e di tipo a bassa perdita,la radio possibilmente"seria" l'antenna alta e libera ,ma poi tutto questo è sempre in second'ordine rispetto alla propagazione,che quando arriva basta un fil di ferro come antenna e un cb mediocre che funziona lo stesso...


1PNP548

  • Visitatore
Re: distanza di ricezione "in diretta" e "in propagazione"
« Risposta #3 il: 18 Novembre 2008, 16:46:09 »
stando agli scienziati dovrebbe arrivare la propagazione, quella vera e seria, a partire da febbraio 2009 in concomitanza con il nuovo ciclo solare. speriamo!