forum radioamatori > Autocostruzione

pixie kit e si5351

(1/2) > >>

ruggis58:
salve a tutti. mi sono appassionato al WSPR e ho sperimentato un po con un si5351 e un piccolo amplificatore (schema della qrp labs) con 3 bs170.
adesso mi è venuta voglia di provare a modificare un kit pixie 40m CW sostituendo il quarzo con il si5351. dello stesso kit non mi interessa la parte ricevente. non essendo un eletronico esperto, anzi..., gradirei qualche consiglio su come operare.
in allegato lo schema del pixie.

ruggis58:
ho trovato questa documentazione 
https://rl5d.blogspot.com/2017/02/qrp-pixie-ad9850-arduino.html

ik2nbu Arnaldo:
Premesso che la parte ricevente del PIXIE è un vero gabinetto...

Perchè vuoi "sporcare" la pulizia della sinusoide di un quarzo risonante, con un'onda quadra ?

Se vuoi cambiare frequenza ti basta un VFO esterno anche analogico costruito bene,

oppure una manciata di quarzi selezionabili da commutatore o diodo

e ti fai un 3 canali quarzato senza tante complicazioni Software e di programmazione.

73 Arnaldo ik2nbu

ruggis58:
grazie per la risposta. come detto nel post la parte ricevente non mi interessa. il mio obbiettivo è la realizzazione di un piccolo, ed economico, tasmettitore WSPR. poichè la trasmissione WSPR è basata sulla variazione di frequenza di pochissimi Herz non è possibile utilizzare il quarzo che invece da una frequenza fissa. per questo è necessario il si5351 pilotato da un wemos (arduino con wifi) e relativo software.

Troposcatter:

--- Citazione da: ruggis58 - 01 Dicembre 2021, 09:10:45 ---grazie per la risposta. come detto nel post la parte ricevente non mi interessa. il mio obbiettivo è la realizzazione di un piccolo, ed economico, tasmettitore WSPR. poichè la trasmissione WSPR è basata sulla variazione di frequenza di pochissimi Herz non è possibile utilizzare il quarzo che invece da una frequenza fissa. per questo è necessario il si5351 pilotato da un wemos (arduino con wifi) e relativo software.

--- Termina citazione ---

La butto lì: e usare un diodo varicap, opportunamente disaccoppiato e connesso in parallelo ad un quarzo, su cui applicare le piccole escursioni di tensione di modo che, di fatto, ottieni un VXO (Variable Xtal Oscilator) con shift di pochi hertz?

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

Vai alla versione completa