forum radioamatori > discussione libera

Alfabeto fonetico...

<< < (2/10) > >>

HAWK:
Nulla di nuovo sul fronte occidentale, si sente dire anche Q di quaderno, P di papino, la conoscenza dell'alfabeto NATO/ICAO, è oggi tra le prassi bypassate dagli O.M. italici, restiamo nel nostro orto.

Si mischia l'alfabeto Telefonico, con l' ICAO, seppur sia un mezzo di comprensione internazionale nello spelling.

La mancanza della consapevolezza e preparazione e conoscenza del sistema radio dilettantistico, è ormai dilagante ed imperante.

Fa parte, questo di cui al 3D, di un piccolo tassello afferente a cattive abitudini, malcostume, ignoranza su quello che si e deve fare usando una radio.

Sentire un bel QSO, con nominativi ad inizio a ruota, ogni dieci minuti, linguaggio corretto, ICAO a modo,  financo le info di WX, educazione su segnali QRP, cavalleria dell'aria annessa, è diventato raro, se voglio ascoltarlo, sono costretto molte volte a parlare io stesso, invece di fare ascolto.

Saluti.

Pieschy:
Verissimo, Itali,università,Xilofono...beh li sento spesso e con mio stupore utilizzati spesso da radioamatori di vecchia data anzi i giovani sono un po più liggi alle convenzioni internazionali. Che dire, l'alfabo fonetico internazionale non è stato inventato per "piacere" ma per rendere lo spelling delle lettere comprensibile al mondo intero ergo andrebbe utilizzato come tale o non utilizzato. Se proprio vogliamo trovare il pelo nell'uovo io sono tenuto a dire il mio nominativo potrei benissimo limitarmi a dire "i-u-due-di-elle-ci" è il mio nominativo..sono a norma se poi non lo capisci fatti tuoi. Se invece voglio farmi capire devo dire "india uniform due delta lima charlie" ed allora sono in regola e mi aspetto che lo comprendano dall'Australia alle Americhe etc. a prescindere della lingua parlata. Detto questo pur se sbagliato per mero pseudo patriottismo o meglio perchè suona meglio ancora ancora...."Italia al posto di India" il che fra italiani avrebbe un senso compiuto anche se fuori standard. Ma dire "università" è inconcepibile come Xilofono non solo suonano male ma sono anche più lunghi insomma è alfabeto fonetico ad personam? Allora a che ci siamo mi presento: Iride-Utile-due-Dama-Lavandino-Camino" se se...fa ridere verissimo ma anche pure università e Xilofono ahahaah....
Andando OT nel Topic diciamo che il "famolo strano" ci contraddistingue per antonomasia. In ITALIA i QSO sono: italia-uniersità-due-domodossola-livorno-cagliari" gira per va per xxxxx che girerà a sua volta a yyyyyy per jjjjjj.....alle prossime ascolto i saluti e chiudo...e quindi avanti xxxx per la ruota.... ovviamente le x,y,j sarebbero altri accrocchi alfabetici inventati. In pratica solo per fare sto papiro io nel frattempo mi preparo il caffè, lo bevo ed entro a punto X del qso senza saperne nulla...bel modo di operare...purtroppo molto diffuso.
Siccome sono nato cattivo io credo che questi sproloqui di nominati con vari spelling dimostrano solo che non si è in grado di fare qso di spessore ma solo di ripetere a pappagallo delle sigle.
Ricordo che il nostro regolamento prevede che il nominativo da dire è sempre il proprio in apertura e chiusura di qso sempre ed ad intervalli di circa 10 minuti. Se si vuole pignoleggiare un poco in una ruota di già 3/4 corrispondenti ci stà "riprende iu2dlc" per il gruppo o "rispondendo a Giuseppe che mi ha chiesto..." . Sarebbero semplici accorgimenti che snellirebbero il qso ed eviterebbero inutili esercizi di memoria perchè ripeto io son tenuto a ricordarmi e dire il mio nominativo e basta mica quello degli altri.

Pieschy:

--- Citazione da: Pieschy - 22 Novembre 2021, 10:41:29 ---Verissimo, Itali,università,Xilofono...beh li sento spesso e con mio stupore utilizzati spesso da radioamatori di vecchia data anzi i giovani sono un po più liggi alle convenzioni internazionali. Che dire, l'alfabeto fonetico internazionale non è stato inventato per "piacere" ma per rendere lo spelling delle lettere comprensibile al mondo intero ergo andrebbe utilizzato come tale o non utilizzato. Se proprio vogliamo trovare il pelo nell'uovo io sono tenuto a dire il mio nominativo, vero ma potrei benissimo limitarmi a dire "i-u-due-di-elle-ci" e basta, se poi non lo capisci fatti tuoi. Se invece voglio farmi capire devo dire "india uniform due delta lima charlie" ed allora sono in regola e mi aspetto che lo comprendano dall'Australia alle Americhe etc. a prescindere della lingua parlata. Detto questo pur se sbagliato per mero pseudo patriottismo o meglio perchè suona meglio ancora ancora...."Italia al posto di India" il che fra italiani avrebbe un senso compiuto anche se fuori standard. Ma dire "università" è inconcepibile come Xilofono non solo suonano male ma sono anche più lunghi insomma è alfabeto fonetico ad personam? Allora a che ci siamo mi presento: Iride-Utile-due-Dama-Lavandino-Camino" se se...fa ridere verissimo ma anche pure università e Xilofono ahahaah....
Andando OT nel Topic diciamo che il "famolo strano" ci contraddistingue per antonomasia. In ITALIA i QSO sono: italia-uniersità-due-domodossola-livorno-cagliari" gira per va per xxxxx che girerà a sua volta a yyyyyy per jjjjjj.....alle prossime ascolto i saluti e chiudo...e quindi avanti xxxx per la ruota.... ovviamente le x,y,j sarebbero altri accrocchi alfabetici inventati. In pratica solo per fare sto papiro io nel frattempo mi preparo il caffè, lo bevo ed entro a punto X del qso senza saperne nulla...bel modo di operare...purtroppo molto diffuso.
Siccome sono nato cattivo io credo che questi sproloqui di nominativi con vari spelling dimostrano solo che non si è in grado di fare qso di spessore ma solo di ripetere a pappagallo delle sigle.
Ricordo che il nostro regolamento prevede che il nominativo da dire è sempre il proprio in apertura e chiusura di qso sempre, ed ad intervalli di circa 10 minuti. Se si vuole pignoleggiare un poco in una ruota di già 3/4 corrispondenti ci stà "riprende iu2dlc" per il gruppo o "rispondendo a Giuseppe che mi ha chiesto..." . Sarebbero semplici accorgimenti che snellirebbero il qso ed eviterebbero inutili esercizi di memoria perchè ripeto io son tenuto a ricordarmi e dire il mio nominativo e basta mica quello degli altri.

--- Termina citazione ---

AZ6108:

--- Citazione da: HAWK - 22 Novembre 2021, 09:36:45 ---Nulla di nuovo sul fronte occidentale, si sente dire anche Q di quaderno, P di papino, la conoscenza dell'alfabeto NATO/ICAO, è oggi tra le prassi bypassate dagli O.M. italici, restiamo nel nostro orto.

--- Termina citazione ---

E poi si finisce per dimenticarsi il fonetico standard e di non riuscire a farsi capire da radioamatore di altri paesi , che ti debbo dire, sarà che quando ho fatto il servizio militare (obbligatorio all'epoca), l'alfabeto fonetico NATO ce lo hanno praticamente iniettato nel cervello, ma ancora oggi se debbo fare lo spelling, mi fa fatica usare "Como Italia Ancona Otranto" invece di "Charlie India Alpha Oscar"... bah, sarò io che sono vecio !

Maurizio Angelini:
Il mio vecchio indicativo IW0GQP,(Italy Whisky Zero Golf Quebec Papa) era molto duro da comprendere,foneticamente parlando,dai miei colleghi romani.E solo per loro,conoscendo i quartieri di Roma,gli facevo lo spelling come Italia Uischi Zero Giardinetti Quadraro Primavalle...

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

[*] Pagina precedente

Vai alla versione completa