banda cittadina (27 mhz) > Amplificatori lineari

Zetagi BV 131 Consigli d'uso

<< < (4/10) > >>

Zala:
Sul mio che ha 20 anni e passa  ci ho cotto le uova al tegamino erogando in SSB 120 watt , in AM più di 80 Watt non li dà ! Lo piloto con 5 watt  e non mi azzardo a dargliene di più, altrimenti povera valvola !

JulioMN:
Dietro però ha un interruttore per specificare se entri con 4/5 Watt oppure con 10........

carlo_forever:
pegaso_75 - Non sono assolutamente d'accordo con quanto affermi. La valvola del lineare è un tetrodo a fascio o un pentodo a riscaldamento indiretto. L'elettrodo caldo è il catodo, ed è un tubicino di metallo duro, riscaldato da un filamento di tungsteno rivestito. Nell'interno del catodo vengono raggiunte centinaia di gradi, per produrre l'emissione del fascio elettronico.
Questo calore c'è sempre, con o senza ventola. Il calore che non ci deve essere è il calore prodotto dalla dissipazione anodica quando la valvola viene troppo spremuta, questo calore esagerato per radiazione o irraggiamento raggiunge il tubo esterno in vetro e rischia di fonderlo o di farlo implodere. Valvole stra-spremute spesso presentavano un avvallamento del vetro verso l'interno, una concavità.
L'ideale è una ventola di dimensioni generose, che soffi aria fresca direttamente sui tubi, e che si avvii prima che la valvola si scaldi. Se azionata a valvola calda rischia uno shock termico ai piedini delle griglie e alle placchette. Ricordo che dentro al tubo c'è il vuoto spinto, quindi si raffredda solo il vetro, la parte rognosa sono i piedini, cioè dove finisce il vetro e dove comincia il metallo e viceversa, le due sostanze hanno indici di dilatazione termica diversi, quindi anche lì se la temperatura tende alla costanza siamo molto più tranquilli. La parte interna della valvola si raffredda solo attraverso i piedini, ed un minimo dal vetro più freddo, ma quest'ultimo effetto è trascurabile.
Per fare l'accordo di un lineare bisogna innanzitutto accordare lo stadio d'ingresso (di solito un compensatore). Poi si fa l'accordo in AM del Pi greco finale, prima load poi plate, ripetutamente, fino a leggere sullo strumento, qualunque cosa indichi, il massimo della lettura. Poi ci si mette a fischiare nel microfono e si cerca di correggere il plate portandolo al massimo nei picchi dei fischi, così facendo scenderà leggermente il valore di potenza della portante, ma sarà migliore di gran lunga la modulazione.
Poi si passa all'SSB, caso mai controllando coi fischi e ritoccando ancora il plate. Se viene aggiunta una ventola (non una microventolina da PC, ma un bel suflone), si corrono meno rischi che la valvola duri una settimana o che si apra come una buccia di banana.

Carlo.

Zala:
Salve,
forse il mio BV131 è di tipo vecchio, infatti non ha nessuna commutatore posteriore per reglaore la potenza in ingresso...
73 Zala

TEX-OP-ROBERTO:

--- Citazione da: JulioMN - 04 Ottobre 2015, 21:09:47 ---Apro una parentesi, quando lo uso:
- accendo
- scaldo
- parlo finché non lo sento caldo
- accendo la ventola per evitare che si scaldi troppo

Non accendo la ventola con il lineare altrimenti non si scalda a dovere.

--- Termina citazione ---
ZETAGI scrisse (fate riscaldare in standby per circa 15 minuti), non so cosa si può danneggiare modulando a freddo, ma di certo qualcosa di negativo lo fa. Il mio BV131 è il modello recente, frontalino in plastica e selettore di potenza d'ingresso, preso usato e spacciato per nuovo in AM/FM non tira fuori più di 65/70 Watt, mai usato ventole di raffreddamento, ho avuto solo l'accortezza di lasciargli aria sufficiente sopra ed intorno.
73 Roberto

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

[*] Pagina precedente

Vai alla versione completa