banda PMR 446 mhz & LPD 433 mhz > LPD - PMR - SRD

Consiglio acquisto coppia PMR

<< < (5/5)

federico2021:

--- Citazione da: kz - 30 Aprile 2022, 06:39:14 ---la differenza più notevole è che sia la polmar skuba che la midland g18 non hanno necessità del cavo e del sw di programmazione perché le funzioni sono raggiungibili da menu.

per tornare on topic, al di là della solita diatriba "la mia radio è la migliore perché è la mia", risponderei alle domande di radaneus:

tutti gli apparati PMR446 devono essere conformi ad uno standard ETSI, quindi più o meno in ricezione e trasmissione hanno prestazioni analoghe, poi ci sta comunque l'apparato migliore e l'apparato mediocre; gran parte della differenza di prezzo la fanno il marchio e alcune caratteristiche accessorie.
- gli apparati senza display e a canalizzazione fissa sono derivazioni di apparati civili, anzi per la gran parte sono apparati UHF civili con emissione attenuata e antenna fissa, sono molto robusti, la batteria dura a lungo, sono facilissimi da usare: selezioni il canale, premi il PTT e parli; la scomodità potrebbe esserci se dobbiano interfacciare i nostri apparati con una canalizzazione che non abbiamo previsto (caso d'uso: ci troviamo con un gruppo di amici che usano abitualmente un canale con un CTCSS/DCS preciso e non abbiamo lo stesso configurato tra i nostri canali fissi) oppure in luoghi in cui sia presente un grande affollamento in frequenza, capita talvolta nei luoghi di villeggiatura, dobbiamo sperare che nessuno abbia la nostra canalizzazione altrimenti i disturbi reciproci saranno un bel fastidio.
- gli apparati con il display in gran parte sono progettati come radio per uso dilettantistico/amatoriale, hanno pulsanti, regolazioni e un mucchio di cose divertenti che nelle radio per uso lavorativo non ci sono, hanno la comodità di poter decidere e impostare al volo un canale e un CTCSS/DCS e di poterlo vedere subito sullo schermo (se si sposta il selettore canali su un apparato di derivazione civile e non ce ne accorgiamo, hai voglia a chiamare, può essere molto frustrante), hanno anche il blocco della tastiera proprio per evitare il cambio di configurazione involontario, spesso hanno dei canali configurabili dall'utente e la scelta tra PMR446 e LPD, queste ultime sono frequenze utilizzabili liberamente con 10mW, perfette per le comunicazioni a pochissima distanza; però le batterie durano solitamente meno o molto meno che negli apparati senza display, quasi tutti sono più delicati, a meno di spendere cifre importanti, sono molto meno robusti e, almeno per me, talvolta hanno colorazioni e forme imbarazzanti.

personalmente ho da alcuni anni solo apparati PMR446 senza display, molto economici ma robusti, però ho avuto anche degli apparati con il display, midland G9 pro e polmar easy, di queste la polmar easy è un apparato notevole, anche se non ha le caratteristiche richieste.

concludendo, quale apparato migliore? dipende dall'uso che se ne fa.

--- Termina citazione ---
Condivido, risposta precisa e ben dettagliata.

Riguardo al software è vero che se ne può fare a meno per il g-18 e skuba.
al mio avviso il software è sempre comodo per programmare la stessa configurazione per  entrambi o piu  ricetrasmittenti, Inoltre alcuni funzioni del G-18 si gestisce esclusivamente via software, come ad esempio:
- assegnazione dei tasti.
- il menu nascosto per gestire vari parametri di potenza in modalità low e high, livelli di gain ecc.
- attivazione della radio fm, (funzione ormai obsoleta)
Certamente non sono funzioni essenziali, quindi si potrebbe effettivamente evitare l'acquisto del kit software Midland.
Tirando le nuove somme, togliendo dal carello  il kit software per il G-18 e il costo del cavo per Skuba, mantenendo la quantità 2x e il software e cavo per il Retevis  (visto che non ha il display) i nuovi importi sono i seguenti:

RT-648  85,50
Skuba:  230-10=220
G-18:   315-35=280

radaneus:
Siete stati preziosissimi e chiarissimi, sicuramente farò tesoro dei vostri consigli e ringrazio tutti.

Ora tirerò le somme e deciderò, poi come spesso accade l'acquisto più azzeccato sarà...il secondo, dopo aver fatto esperienza col primo 

radaneus:
Torno su questa discussione dopo alcuni giorni perché ho scoperto che nella mia zona c'è un rivenditore di apparecchi Alinco.

Non conosco la marca, se non per averla letta qualche volta qui sul forum, quindi volevo sapere dagli esperti come si colloca a livello di qualità.

Anche in altre discussioni non ho visto i suoi apparecchi tra quelli consigliati, quindi, prima di andare in negozio a toccare con mano qualche PMR, vorrei almeno capire se ne vale la pena.

Grazie

HAWK:
Alinco è una ottima PMR.
Alinco, ha sempre operato dalla nascita su schede e tecnica Kenwood, con compatibilità accessoristiche a volte.

Aluminium Incorporation, di cui azienda avendo il titolare Radioamatore, si mise a produrre anche radio.

Conoscente di lunga data di un tecnico riparatore di Bologna, conosciuto in ambiti HAM...che importa un marchio americano di radio.

Ho avuto veicolari V/U e portatili, devo dire, che alla YAESU a volte gli bagna il naso, specialmente con le versioni FT8000...

Ottimo materiale, mi ero fornito dalla Germania, avendo dei prodotti prima che il rappresentante italiano sapesse e conoscesse...della esistenza di certi modelli.
73'.

Navigazione

[0] Indice dei post

[*] Pagina precedente

Vai alla versione completa