Elettronica e Radiotecnica > Elettronica & Radiotecnica

Autoradio in base fissa..problemi vari...

<< < (3/3)

eurodani:
Per mantenere le memorie e' necessario che il filo nero sia collegato al negativo di una batteria o di un alimentatore mentre il filo giallo deve necessariamente essere collegato SEMPRE ad un positivo della medesima batteria o del medesimo alimentatore. Il filo rosso andra' al positivo anch'esso ma solo quando hai intenzione di accendere la autoradio.

Logicamente se utilizzi un'alimentatore, questo dovra' essere sempre acceso. Se utilizzi una batteria dovra' essere ricaricata ogni tanto per mantenerne la carica.

LuckyLuciano®:
Il Giallo e rosso dovrebbero stare assieme per mantenere la memoria.

Lino:
Comunque se usi l'autoradio in casa devi collegarla in modo diverso rispetto allo schema che hai postato:

Spinotto ISO maschio
Lato alimentazione
 
NERO è la massa o negativo, collegare al telaio dell'auto;

ROSSO la funzione di questo cavo è di controllo d'accensione in remoto. Nelle auto predisposte, è possibile l'accensione dell'autoradio in contemporanea all'avviamento del motore. Nelle auto non predisposte va collegato al POSITIVO 12 volt.

GIALLO va sempre collegato al POSITIVO 12 volt. Il punto da cui preleverete la tensione dovrà essere in grado di fornire circa 10 ampere. E' altresì importante che il punto di collegamento sia sempre sotto tensione: il cavo GIALLO mantiene pure le "memorie" dell'autoradio.

tuonoblu:
HI nau, io collegherei : giallo E rosso diretti polo + , nero diretto polo - dell'accomulatore poi colleghi l' alimentatore direttamente alla batteria (come fosse l'uscita raddrizzata dell'alternatore) , ma puoi usare anche un caricabatteria.

quando usi la radio accendi l'alimentatore , dopo aver spento la radio spegni l' alimentatore e il circuito rimane sotto tensione (dalla batteria) mantenendo le memorie.

in teoria non serve ne diodo (presente sia nel alimentatore che nel caricabatt)  ne resistenza perche quando e' acceso l'alimentatore la maggiorparte della corrente fluisce nella radio e la batteria si assorbe solo la corrente necessaria per portarsi alla stessa differenza di  potenziale dell'alimentatore ricaricandosi...l'unico accorgimento che adotterei e' quello di regolare l'alimentatore a 12,5 max 12,8 V in modo da non portare in ebollizione la batteria quando una volta carica rimane sotto la tensione dell' alimentatore magari per molto tempo......

73's cordiali dall'irlanda   :birra:

P.s. a proposito qui di radioamatore e CB non ce ne sono mica..... sono 7 giorni che scruto i tetti delle abitazioni ed hp visto una sola abitazione con antenne radioamatore tra l'altro solo v e u ....che strano e che peccato .... su di un isola in mezzo all'oceano sarebbe il "sogno" DI MOLTI DI NOI ...hi  per non parlare dell'esperimento di claudio con antenna al suolo e terreno bagnato....qui non sarebbe un problema VERAMENTE TUTTO L'ANNO   ARGH!!!!!!!!!!!!


Navigazione

[0] Indice dei post

[*] Pagina precedente

Vai alla versione completa