Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - chio

Pagine: [1] 2 ... 5
1
antenne radioamatoriali / Re:Motorizzare una loop magnetica: come?
« il: 11 Settembre 2021, 12:29:13 »
Buongiorno e grazie a tutti per gli interventi.
La versione di loop che vorrei motorizzare, non ha bisogno di sapere dove si è posizionato il condensatore...unica condizione è di avere come condensatore di sintonia uno a rotazione continua a 360 gradi. Ruotandolo velocemente (si fa per dire) trovo subito il punto di massimo soffio in cuffia...poi lo si fa avanzare di mm per affinare la sintonia (ovviamente tenendo d'occhio il Rosmetro).
In rete ho trovato un sistema di comando motore  steppir che usa arduino davvero geniale e molto ma molto semplice: due pulsanti avanti e indietro e il motore ruota millimetricamente (uso questo termine forse impropriamente ma per rendere l'iidea) ; solo che in quel progetto premendo i tasti il motore ruota sempre con la stessa  velocità e quindi non realizza la condizione che ho espresso sopra; bisognerebbe modificare lo schema in modo da avere una rotazione (premendo i tasti avanti  e indietro) prima veloce e poi molto più lenta...
Io in sono all'altezza di effettuare queste modifiche...ci vorrebbe qualcuno esperto anche perchè penso oltre alla modifica elettrica occorre  anche la modifica del programma. 
Se qualcuno si facesse carico della modifica metto a disposizione  lo schema trovato nell'interesse di tutti.

2
Potrebbe essere una buona soluzione. Grazie.

3
antenne radioamatoriali / Motorizzare una loop magnetica: come?
« il: 20 Agosto 2021, 16:37:48 »
Ciao a tutti,
tempo fa, ho realizzato una loop magnetica portatile per le bande 20-10 m . L'antenna va così bene che ho deciso di realizzarne un'altra ma per postazione fissa. Sorge quindi il problema di comandare da remoto il condensatore variabile. In rete quasi tutte le soluzioni che cercavo (qualcosa di molto semplice senza fine corsa, display ecc.) portano ad usare arduino uno ,  collegato ad un driver che poi pilota un motore passo passo. 
In questo campo però non sono per niente esperto e chiedo se qualcuno ha utilizzato un sistema del genere o in alternativa qualche esperto in questo settore al quale  chiedere dei chiarimenti.

4
Dimenticavo......la corrente che indica lo strumento identificata con IC  è la corrente di placca delle valvole  finali ?

5
Ringrazio tutti per gli ottimi interventi...veramente ottima cultura intorno a questo (per me) ottimo e meraviglioso apparato...
Il manuale , infatti, prevede una presintonia e la sintonia dello stadio finale, oltre al funzionamento in base al modo (grazie Patrizio).

Il manuale a propositi della IC indica di regolare il PRESELECT per una massima lettura sullo strumento e ruotare il solo PLATE  per un minimo di lettura. Perchè non anche il LOADING?

Se ho ben capito effettuando la presintonia IC ,  swicciando su PO dovrei comunque effettuare l'accordo con PLATE e LOADING  PRESELECT (per l'indicazione della massima potenza)  ma in questa maniera non mi ritrovo più l'accordo fatto in precedenza con IC ? A prima vista sembra che le due cose siano in contrasto....ma forse sono io che ho un pò di confusione....

6
Ciao a tutti,
scusate se riapro questo topic (la procedura mi invitava ad aprirne un altro ma non ne vedevo la necessità....) per un piccolo chiarimento in merito agli accordi, ovvero: dopo aver effettuato l'accordo con le procedure indicate, scegliendo di trasmettere in SSB , il comando CARRIER va tenuto al minimo? Regolando la potenza in uscita con il comando MIC GAIN . MI sembra di aver capito in questo modo dal manuale, ma non vorrei sbagliare.....

Inoltre dopo quanti Khz da un accordo, necessità rifare nuovamente gli accordi?

7
Ciao a tutti,

    ricevuta risposta dal contatto: davvero molto cortesi, disponibili e garbati. Complimenti alla ditta.

Tornando al problema....mi confermano che , il comportamento del 1200 , che ho descritto in apertura del post, con ROS superiore a 3 è del tutto normale. Del resto cercare di accordare antenne che presentino un ROS così alto  non ha senso se poi la maggior parte della potenza si perde...questo è quanto mi hanno riferito...

Conclusione: l'apparato non ha alcun difetto di funzionamento, anzi è del tutto normale che si comporti in quella maniera in presenza di alto ros. (come qualcuno aveva  già intuito).
Probabilmente come riferiva PNY , ci sarà qualche procedura per alzare il livello di soglia oltre in quale non accordare...ma non è mia intenzione trovarla, anzi....

Si è vero che è indicato anche nel manuale, il comportamento con ros maggiore di 3 , ma io sono stato tratto in errore dal  991A che invece accordava sulla stessa antenna. 
Bene ha detto dattero: è  quest'ultimo troppo tollerante!

Per finire, non ho capito cosa  si intende quando sia PNY e IDU parla di accordare il centrobanda su carico.

Grazie a tutti per i vostri interventi, davvero....

8
Ti ringrazio Giulio per la risposta. Proverò il contatto che mi hai indicato.... poi riferirò.

9
ricetrasmettitori radioamatoriali / FT1200DX problema di accordi.
« il: 14 Maggio 2021, 07:55:26 »
Ciao a tutti,
l'apparato in oggetto è collegato ad una end fed multibanda 10-80. Su tutte le bande il ROS è buono e solo nelle bande warc necessità l'accordatore dell'apparato.
Premesso che l'accordatore funziona perfettamente su tutte le bande, tranne che in 160.
Infatti , ho voluto provare l'accordo sui 160 : questa banda presenta un ROS di 5 e quindi teoricamente l'accordatore  dovrebbe partire ma segnalare poi un ROS alto e quindi non accordare, considerato  che il manuale porta come ROS massimo accordabile un valore max di 3.
In pratica succede che, quando attivo l'accordatore, inizialmente tende a partire ma in una frazione di microsecondi si ode un bip e l'apparato ritorna in ricezione. 
Domande: questo comportamento è normale? l'accordatore non dovrebbe partire e poi segnalare ROS alto e bloccarsi? E perchè, collegando alla stessa antenna un FT991A l'accordatore di questo, parte regolarmente effettuando addirittura l'accordo?
E' questo fatto, che mi fa  pensare a un funzionamento non corretto dell'accordatore del 1200 .
Avrei pensato di collegare un carico fittizio al 1200 e fare l'accordo sui 160: mi aspetto che l'accordatore si azioni senza segnalare BIP e   immediatamente trovare ROS 1:1 , Cosa ne pensate?

10
Perfetto Patrizio....ora è più chiara la situazione..tutto ok..
Non ho guardato il video, è bastata la tua spiegazione.
Grazie e scusami se ti ho arrecato un pò di fastidio!!

Ancora grazie.

11
No, Patrizio..perdonami ma non ho compreso...probabilmente sono quelle cose che come hai detto,  è più facile a farle che a dirle....non riesco a capire il legame tra l'inserimento del calibratore diciamo 25 kHz e quello che dovrei leggere sulla scala quando non ascolto più la nota...

12
Ok, per l'accordo tutto chiaro....un pò meno per la calibrazione ma non perchè sei stato poco chiaro,  perchè sono un testone da quando mi hanno abbandonato un bel pò di neuroni....

Vediamo se riesco con un esempio...mettiamo che sono sui 40m (occorre riferirsi alla scritta nera del quadrante) e che l'indice sul quadrante si trova fra 100 e 200 mentre la ghiera numerata segna 50...dovrei quindi essere su 7150 Khz , giusto?

A questo punto inserisco il calibratore su 25 kHz  e ruoto la sintonia (credo sia indifferente se ruoto la sintonia in aumento o diminuzione della frequenza, giusto?) fino a cancellare il tono del battimento...a questo punto non saprei cosa fare... cosa dovrebbe segnare la scala di sintonia? 7175 kHz? ammesso che sia questo il valore che dovrebbe segnare ...devo ruotare l'anello graduato in modo da portare sul riferimento il valore 75  invece del 50 in partenza?  Ho un pò di confusione....
Grazie comunque, Patrizio!

13
Patrizio, ti ringrazio! 
Solo qualche chiarimento....durante la procedura che mi hai descritto, il selettore MODE deve essere su TUNE?
Inoltre per la regolazione del BIAS,  devo agire sul trimmer corrispondente? Devo farlo ogni volta che accordo o unatantum?

Un'ultima cortesia...sai dirmi come procedere per la calibrazione della scala?

ti ringrazio!

14
ricetrasmettitori radioamatoriali / Accordi su FT277 :Chiarimento
« il: 01 Maggio 2021, 20:09:03 »
Ciao a tutti, s
ono entrato in possesso dell'apparato descritto in oggetto, ovvero un sommerkamp Ft277. 
Bellissimo apparato ; purtroppo non ho mai avuto in precedenza apparati simili dove occorre effettuare accordi per cui mi sono trovato in difficoltà su come procedere per accordare...in rete ho trovato il manuale è vero,  ma se devo essere sincero non ho capito molto su come procedere; quindi al fine di non combinare guai...chiedo cortesemente se c'è qualcuno che può darmi delle indicazioni - pratiche - su come procedere per accordare in tx.

15
Ahia...dopo quest'ultimo intervento, mi si è creata un pò di confusione...

In quanto possessore di una end fed , che altro non è che un dipolo alimentato da un lato, avevo pensato di metterci un choke per bloccare (o limitare)  le correnti di  modo comune; l'avrei messo non  vicino all'antenna, ma a una certa distanza da essa, diciamo a 6-8 m in modo che quel  tratto fungesse da una sorta di volano per la RF vagante....adesso dopo gli interventi di cui sopra ,mi pare di capire che proprio per la end fed inserire un choke non solo non occorre ma addirittura aumenterebbero le correnti di modo comune. 
Se questo è vero, perchè aumentano sulla end fed e non su un classico dipolo? Non riesco a capirlo.

16
Infatti, sto cercando di riavvolgere di nuovo il choke seguendo le indicazioni che mi avete dato (tnx r5000 e Nicola) ; il problema non trovo in rete del RG58 con isolante in teflon...ma solo con isolante poliuretano espanso che dovrebbe essere il Foam...quindi non adatto... conoscete qualche rivenditore che lo ha con isolante teflon? Altrimenti devo ripiegare sul più costoso RG142.

17
Ciao Nicola....non ho capito cosa intendi quando dici che ho sormontato una spire nel passaggio da un lato all'altro....ad ogni modo se hai la possibilità di inserire una foto di quelli che hai fatto tu,  sarebbe il massimo per vedere la differenza...sicuramente come già detto mi ripropongo di rifare con più attenzione l'avvolgimento.

18
r5000: appena possibile proverò subito a rifare l'avvolgimento mettendo più cura nell'avvolgimento, facendo le spire meno strette e comunque penso di rifare meglio il punto in cui la massa si distacca dall'isolante...in quanto da un esame più attento mi sembra di aver indebolito il conduttore di massa....comunque appena rifatto farò sapere.

plotino: mi sono attenuto a quanto letto in rete...ovvero contare quante volte il conduttore entra nel toroide...e quindi sia sopra che sotto esso entra per 7 volte....mi fai comunque sorgere un dubbio...devo rivedere anche questo aspetto.

Grazie a tutti.

19
Ti ringrazio per la risposta....ok per tutto ; mi confermi comunque che il choke non deve creare disadattamenti....non riesco a capire il perchè quello che ho realizzato crea un cosi alto disadattamento...non capisco dove possa aver sbagliato, considerato che la realizzazione non è davvero complicata....eppure da qualche parte devo aver sbagliato...

20
Ciao a tutti,
ho realizzato un choke (per una end fed) si toroide FT240-43  nella configurazione 7+7 spire utilizzando cavo RG58.
Per provarlo ho collegato da un lato un carico fittizio 50 ohm e dall'altro analizzatore MFJ ; succede questo: fino a 10 Mhz l'analizzatore indica ROS 1.1 ; ma a partire dai 14 Mhz il ROS inizia a salire ;segnala a 14 Mhz 1.2 fino  ad arrivare a 1.9 sui 28 Mhz. 
Non riesco a  spiegarmi questo aumento di ROS: forse il n. delle spire è sbagliato o  il toroide non è quello indicato (mi sarà stato fornito un altro tipo) .

Inoltre chiedo: se l'antenna di per sè presenta un ROS di 1.3 per esempio a 18,070 Mhz e il choke alla stessa frequenza segnala un ROS di 1.4 , collegando il choke all'antenna, l' RTX vedrebbe un ROS pari alla somma dei due?

21
Autocostruzione / Re:Realizzazione choke: domanda.
« il: 16 Marzo 2021, 18:03:35 »
Non sapevo di questo particolare diciamo...meccanico. Ti ringrazio.

22
Autocostruzione / Re:Realizzazione choke: domanda.
« il: 16 Marzo 2021, 14:56:42 »
Ti ringrazio per avermi risposto e comunque solo adesso mi sono accorto di aver posto male la mia domanda, nel senso che.... gradirei il parere di tutti e non solo dai più esperti... da tutti certe volte,  si impara...

Davide il tuo intervento è servito a chiarire alcuni dubbi che mi ero posto. Grazie!

23
Autocostruzione / Realizzazione choke: domanda.
« il: 16 Marzo 2021, 13:04:46 »
Ciao a tutti,

       nella realizzazione di un choke nella classica configurazione 7+7 spire su toroide....ho notato che in rete tutte le configurazioni che ho trovato, lo riportano avvolto con cavo RG58. Volevo chiedere se c'è un motivo particolare perchè venga avvolto con quel cavo oppure posso utilizzare altro cavo per es. H155 . Teoricamente l'importante che il cavo abbia  impedenza 50 ohm .....ma gradirei il parere di chi è più esperto.

24
perfetto grazie Nicola!

25
Grazie a tutti per gli interventi e per l e spiegazioni!
Ho acquistato uno strumento molto simile al LC  segnalato in questo post...contenuto già in un contenitore....come suggerito è uno strumento che comunque serve sempre...

Si, infatti quella bobina è proprio per quell'antenna.... giusto per non aprire un altro post quasi simile...vorrei riempire la scatola dell'adattatore con qualcosa che  stabilizzi il toroide...avrei pensato di riempirla con poliuretano espanso...ma non ho certezza se è isolante elettrico...cosa ne pensate?

26
antenne radioamatoriali / Come verificare i uH di una bobina?
« il: 03 Marzo 2021, 07:56:30 »
Ciao a tutti,  ho realizzato una bobina (da utilizzare su antenna multibanda) che deve avere un valore di circa 110 uH: qualche suggerimento su come verificare se con le spire effettuate ho raggiunto quel valore?

27
antenne radioamatoriali / Re:Una antenna per due apparati
« il: 24 Gennaio 2021, 08:15:08 »
Si, Arnaldo, analizzando in dettaglio fra costi e benefici la conclusione è quella da te riportata...ovvero un'altra antenna sarebbe molto meglio....cosa che ho già intrapreso...grazie per gli interventi!

28
antenne radioamatoriali / Re:Una antenna per due apparati
« il: 19 Gennaio 2021, 07:50:16 »
Grazie Arnaldo per l'intervento, sempre attento e disponibile come sempre....
Ho visto modelli in rete commerciali, ma con due ingressi(V/UHF + V/UHF)  pare non ce ne siano....e ripensandoci penso che non ce ne dovrebbero essere altrimenti interferirebbero tra loro, credo.

29
antenne radioamatoriali / Una antenna per due apparati
« il: 16 Gennaio 2021, 19:14:44 »
Ciao a tutti,
ho due portatili V/UHF (che non hanno la funzione doppio ascolto) ; li vorrei montare sotto un'antenna (V/UHF) in modo da utilizzarli contemporaneamente uno per l'ascolto e l'altro per la trasmissione in VHF e UHF e viceversa; dovrei montare un duplexer ma quelli che ho visto , hanno un ingresso HF-VHF  e uno  UHF; mi servirebbe invece uno  che abbia due ingressi entrambi V/UHF : sapete se esiste un modello simile?

30
attività radioamatoriale / Re:FT991A E C4FM
« il: 31 Dicembre 2020, 09:31:04 »
PNY - ti ringrazio...con il C4FM si aprono scenari inammaginabili...ma molto legati alla rete....
Un particolare che mi succede con il 991A: imposto lo shift +   (richiesto dal ponte che aggancio in zona)   ma dopo un pò di tempo questo shift scompare dal display e devo rimpostarlo....molto strano....

Antonio: grazie per le info, anche se non ho capito bene cosa sia lo dashboard....mentre il 27003 credo sia per identificare una stanza o usando il termine inglese una room.

31
attività radioamatoriale / Re:FT991A E C4FM
« il: 27 Dicembre 2020, 18:05:21 »
Si, Antonio ok per la modalità DN infatti mi avevano già avvertito in merito, ti ringrazio...
Facendo ascolto,  ho sentito alcuni colleghi parlare della possibilità di vedere in rete  chi è collegato in C4FM o solo in wires-x  , non ho compreso bene...avete qualche notizia in merito?

32
attività radioamatoriale / Re:FT991A E C4FM
« il: 26 Dicembre 2020, 08:34:38 »
Buona giornata e Buone Festività a tutti...
trovata la famigerata X...cliccandoci appare sul display in alto a sx il simbolo wires-x lampeggiando....ruotando la manopola MULTI si dovrebbero trovare quelle che vengono chiamate le stanze, credo.
Ad ogni modo effettuerò ascolto...e se sento i vostri nominativi mi farò sentire in primis per ringraziarvi dell'aiuto.

33
attività radioamatoriale / Re:FT991A E C4FM
« il: 24 Dicembre 2020, 08:05:43 »
Perfetto, ho adesso una visione più completa...effettuato il settaggio....solo un ultimo chiarimento....quando parli di premere DX a cosa ti riferisci? Il 991 non ha un tasto simile...
Grazie ancora di tutto!

34
attività radioamatoriale / Re:FT991A E C4FM
« il: 23 Dicembre 2020, 10:08:48 »
Ti ringrazio PNY , settaggio effettuato...chiedo se è sufficiente aver inserito l'identificativo per poter già effettuare la trasmissione o occorre qualche altro settaggio? Nel manuale si parla anche di AMS  credo sia la selezione automatica tra FM e C4FM. Mentre mi sfugge ilo significato tra le modalità VD e FR. In quale posizione settare l'apparato e perchè?

Grazie ancora a tutti.

35
attività radioamatoriale / Re:FT991A E C4FM
« il: 22 Dicembre 2020, 17:39:42 »
Ti ringrazio per la risposta...il tuo intervento  mi ha già chiarito alcuni dubbi, naturalmente il protocollo wires-x lo approfondirò con notizie in rete...
Ho trovato sul manuale l'inserimento dell'identificativo di chiamata sicuramente è quello il parametro da settare per inserire il proprio nominativo...ma non sono riuscito a trovare sul display la funzione da modificare chiamata MY CALL ; non c'è stato verso di trovarlo...sul manuale dice di effettuarlo al primo avvio cosa che non ho fatto ma involontariamente. Comunque grazie per le info!

36
attività radioamatoriale / FT991A E C4FM
« il: 22 Dicembre 2020, 11:12:18 »
Ciao a tutti,
chiedo qualche aiuto in merito al C4FM....mi sto avvicinando da poco a questo modo di trasmissione con il mio 991A e naturalmente prima di andare in trasmissione volevo capire alcune cose.
Nella mia zona ascolto un ponte in VHF e uno in UHF , quello che ascolto in V lo ascolto anche in U , significa che i ponti sono tra loro linkati?
Ascolto colleghi da tutta Italia e anche di altre nazioni (sia in V che in U) , mi chiedo allora: sono dei link nazionali oppure è proprio una caratteristica del C4FM ascoltare  tutta Italia e oltre?
Vedo sul display dell'apparato, apparire le sigle dei vari colleghi insieme ad altri msg tipo apparato ecc. come si imposta la radio per far si che appaia il proprio nominativo ai corrispondenti? Ci sono altro settaggi da effettuare?

Ringrazio anticipatamente dell'aiuto.

37
attività radioamatoriale / Un microfono per due apparati. Domanda.
« il: 05 Dicembre 2020, 17:49:21 »
Ciao a tutti,
avendo un micro MD100 , avrei pensato di utilizzarlo sui due apparati yaesu  disponibili. Ho sentito parlare di uno switch della kenwood che permette di inviare uno stesso micro su due linee...ma in rete non ho trovato nulla in merito. Qualcuno ha qualche notizie di questo accessorio? Oppure qualche altra soluzione, in merito?

38
attività radioamatoriale / Re:Domanda per i possessori FT991A
« il: 04 Dicembre 2020, 09:28:55 »
Ciao Ciro volevo ancora approfittare della tua disponibilità per chiederti come hai settato i vari parametri eq.microfonico e altro...

39
attività radioamatoriale / Re:Domanda per i possessori FT991A
« il: 07 Novembre 2020, 18:37:08 »
Ciao cirgaro e grazie per la risposta!
Risolto....sembra una balità ma non ci avevo pensato...

Grazie ancora!

40
attività radioamatoriale / Domanda per i possessori FT991A
« il: 05 Novembre 2020, 19:01:25 »
Ciao a tutti,
usamdo l'apparato in oggetto mi sono perso in alcune funzioni che non ho trovato riscontro sul manuale...
Premesso che con la manopola MULTI  in FM uso variare la frequenza; volevo variare i toni per accedere ai ponti...quindi con Selezionato  TONE  e quindi con la stessa manopola MULTI ho scelto il tone adatto.
Solo che non riesco ad uscire da questa funzione...come si fa per ritornare a selezionare la frequenza con questo comando?

41
antenne radioamatoriali / Re:Antenna su imbarcazione.Domanda.
« il: 30 Ottobre 2020, 18:15:29 »
Ciao Kz, può darsi , sta di fatto che  fili scendevano per un brevissimo tratta affiancati poi tra loro attorcigliati per entrare così in cabina.

42
antenne radioamatoriali / Re:Antenna su imbarcazione.Domanda.
« il: 28 Ottobre 2020, 10:05:43 »
Ciao Rosario,
no, i fili paralleli che ho visto non si chiudevano a formare un rettangolo...tanto che ogni filo teso reca alle estremità dei doppi isolatori...la cosa un pò strana è che i fili che scendevano a formare una Y , erano abbastanza corti.. diciamo un 5 m e entravano direttamente, intrecciandosi  tra loro, in cabina...si per la frequenza concordo visto la lunghezza del sistema radiante, a meno che vicino all'apparato radio non ci fosse un qualche adattatore-accordatore per lavorare altre bande..

Ad ogni modo ti ringrazio per aver condiviso questa situazione e naturalmente  anch'io se saprò qualcosa di più, posterò.
Ciao.

43
antenne radioamatoriali / Re:Antenna su imbarcazione.Domanda.
« il: 27 Ottobre 2020, 13:04:56 »
Ciao,
grazie per gli interventi.
Rosario per le misure, posso dire che la lunghezza dei fili paralleli - con molta approssimazione - poteva essere di circa 8m e la distanza circa 1 m.
I fili che scendevano , facendo dei giri tortuosi, si infilavano attraverso un foro direttamente in plancia.

Mi sarebbe piaciuto trovare qualcosa in rete in merito (che però non ho trovato) per capire di più su questo sistema di antenna....

44
antenne radioamatoriali / Antenna su imbarcazione.Domanda.
« il: 25 Ottobre 2020, 15:38:46 »
Ciao a tutti,
ho notato - e mi ha incuriosito - su alcuni pescherecci di altura, l'antenna che riporto nel disegno allegato.
Probabilmente è un'antenna per le HF , non ne avevo mai viste in questa maniera....il filo che scende ,formando una specia di Y , non è in cavo cossiale ma semplice filo elettrico come i due fili paralleli.
Qualcuno sa darmi delle info più specifiche? Si potrebbe traslare la realizzazione in campo radioamatoriale utilizzzando lo stesso schema...


45
attività radioamatoriale / Re:Settaggi FT991A :chiedo.
« il: 16 Agosto 2020, 16:58:10 »
Grazie pat!!
Proverò questi come punto di partenza, vedremo come va...

46
attività radioamatoriale / Settaggi FT991A :chiedo.
« il: 16 Agosto 2020, 12:39:12 »
Ciao a tutti,
 gradirei ricevere dei valori, diciamo di partenza, relativi ai settaggi tipo equalizzatore microfonico parametrico , filtro audio (SSB e CW) ; credo sia regolabile. anche la larghezza di banda in TX SSB : attualmente è regolata su 300-2700 Hz .
Utilizzo il micro originale dell'apparato.


47
Ciao Davide,
grazie per la risposta! Risolto era infatti inserito il keyer : l'ho posizionato in OFF , quindi regolarmente con il tasto verticale (con jack rigorosamente stereo) vado in trasmissione.
Grazie ancora!!

48
ricetrasmettitori radioamatoriali / Problema con FT991A e tasto CW
« il: 21 Luglio 2020, 07:51:06 »
Ciao a tutti,
utilizzo un tasto telegrafico (tipo cecoslovacco) che ha una spina jeck da 6,3 ; la presa del 991 è da 3,5 . Per conservare l'originalità del tasto ho preso un adattatore jeck da 6,3 a 3,5  stereo-stereo.

Inserito il tasto, sull'apparato inizia a lampeggiare la spia rossa che normalmente si accende quando si va in trsmissione, sono quindi costretto a estrarre la spina dalla presa.

Non riesco a capire il motivo per cui la spia lampeggia (sul manuale non riporta una condizione simile) ; tra l'altro inserendo il tasto con l'adattatore in oggetto, in un oscillatore modulato per esrcitazioni, funziona regolarmente.






49
Arnaldo ti ringrazio per la precisazione: ora è molto più chiaro!

Franco potrei chiederti le tue impressioni su questo dispositivo? Con che tipo di antenna lo usi?

50
Ciao Rosario e grazie per l'intervento...
Collegando fra loro i vari componenti , viene da se che la calza del coassiale risulta collegata alla massa del telaio del rtx....penso che i 12 v devono migrare dalla scatola BIAS al tuner e non mai verso l'rtx; infatti nella scatola di alimentazione dallo schema si vedono una serie di condensatori che bloccano la corrente continua lato trasmettitore...forse ma ripeto forse intendono dire che dal bias al tuner non ci deve essere alcuno contatto tra polo centrale e calza del coassiale quindi senza metterci UNUN o altro dispositivi che creano un contatto elettrico fra i due poli...ma non sono certo di quello che affermo potrebbe non essere così...non sono sicuro.
Grazie Rosario!

51
antenne radioamatoriali / Accordatore LDG RT-100 chiarimento.
« il: 27 Giugno 2020, 16:33:50 »
Ciao a tutti,
ho intenzione di acquistare l'accordatore in oggetto; ho l'abitudine di documentarmi sull'oggetto che vorrei acquistare.
L'accordatore in questione viene alimentato direttamente dal cavo coassiale tramite un apposito box.
 Nel caso specifico leggendo il manuale trovato in rete (in inglese che non è il mio forte) ho notato che  la ditta costruttrice raccomanda di non collegare a terra  il cavo coassiale; ma non ho idea di quello che vogliono dire...affidandomi ai traduttori in line viene fuori qualcosa del genere: "la precauzione da prendere è che lo scudo del coassiale non deve essere direttamente collegato a terra poichè ciò causerebbe il danneggiamento del dispositivo".
Ho intuito che vogliono riferirsi alla calza del coassiale ma non ho capito in quale termini.
Qualcuno lo possiede e può darmi qualche indicazione più chiara?

52
antenne radioamatoriali / Re:Bibanda direttiva V-UHF : domanda.
« il: 18 Giugno 2020, 08:16:33 »
Ciao a tutti,
vi ringrazio per le info; molto dettagliata l'esposizione di Arnaldo, ti ringrazio. La mia realizzazione sarà quindi con boom in legno...

Per ermes certo, inserisco il link che riporta al progetto dell'antenna che intendo realizzare del famoso DK7ZB  è questa: https://www.qsl.net/dk7zb/start1.htm

grazie ancora a tutti.

53
antenne radioamatoriali / Bibanda direttiva V-UHF : domanda.
« il: 16 Giugno 2020, 12:21:30 »
Ciao a tutti,
ho trovato in rete un progetto di una yagi bibanda V-UHF  che vorrei replicare ; il progetto originale prevede il boom di Al e gli elementi isolati da questo tramite appositi isolatori. Ritenendo difficoltoso  reperire questi isolatori, ho pensato di realizzare il boom in legno ed inserire a pressione i vari elementi , domanda: elettricamente è lo stesso concetto?

54
attività radioamatoriale / Re:Compressore DYC per 817. Domanda
« il: 09 Giugno 2020, 08:00:01 »
Ciao a tutti,
riprendendo l'argomento, sempre per il fatto che in posizione OFF pigiando il PTT non ottengo la commutazione in tx , mi sono accorto che il piccolo cavetto che va dal compressore al tx ha i plug connesi in maniera invertita; non so se questo può essere il motivo; inoltro esaminando  lo schema elettrico mi sembra di capire che il microfono non può che funzionare solo in posizione ON ; se è così che senso ha montare l'interruttore? Forse ho preso un abbaglio e desideravo il parere di qualcuno più esperto.

55
attività radioamatoriale / Re:Compressore DYC per 817. Domanda
« il: 25 Maggio 2020, 07:05:46 »
Grazie Arnaldo,
infatti non poteva essere che come hai detto...purtroppo quello che ho preso (usato) ha qualche problema e non ho provato in posizione ON perchè temo in quanto difettato che potesse arrecare problemi al 817. Sono stato poco attento ad acqistarlo usato....proverò a vedere se ha qualche evidente problema...ma la vedo difficile...

56
discussione libera / Re:E' il caso di parlare in inglese?
« il: 24 Maggio 2020, 18:30:47 »
Ciao,
direi che più che sia "il caso", sarebbe opportuno, necessario...
Sto facendo degli sforzi ultimamante (visto la mia non più giovane età) per impararlo; ho scoperto un particolare: leggendo alcuni testi (a fatica devo ammetterlo) le argomentazioni vengono capite molto più facilmnte che non se scritte in italiano...forse mi sbaglio ma è questa l'impressione che ho avuto.
Approfitto di questo post per andare un pò fuori tema, una richiesta particolare: come detto sto studiando questa lingua utilizzando libri di grammatica. Questi libri hanno un secondo testo chiamato chiave degli esercizi per vedere se ovviamente gli esercizi che si svolgono sulla grammatica sono corretti e quindi capirli...sono però difficilissimi da trovare. Se qualcuno degli amici ne ha notizie mi farebbe cosa gradita sapere dove prenderli o fare anche delle copie essi sono:
Engram - Chiave deli esercizi.
Words into forms - Chiave degli esercizi.

57
attività radioamatoriale / Compressore DYC per 817. Domanda
« il: 24 Maggio 2020, 18:17:45 »
Ciao a tutti,
 vorrei chiedere ai possessori del compressore in oggetto, in posizone OFF del compressore, il microfono collegato (quello in dotazione)  continua a funzionare?

58
Franco che dire? Non solo hai dato il tuo contributo ma l'hai dato al meglio!
Tutto chiaro.
Per rendere agevole l'intervento della sintonia sulle bande alte , si dovrebbe intervenire allora sulla L o su altre parti che come hai specificato sono fisse. Forse potrei intervenire sul  loop di accoppiamento come hanno specificato gli amici nei precedenti post , riducendo i contatti elettrici, altre situazione non ne vedo.

Grazie Franco.

59
Ciao a tutti,

ho ripreso la modifica dell'antenna in oggetto,aggiungendo questa volta un variabile e bloccato la capacità a circa 23 pF ; ho lasciato (ma mi riprometto di modificarli) i contatti con i capicorda ma li ho leggermante curvati: adesso aderiscono  molto meglio al tubo di Al.

In queste condizioni accordo perfetto in 30 m anche a 5 w ; SWR 1 anche con osmetro eterno.


Dopo questa breve e piccolissima esperienza , posso ragionevolmente affermare :

- leloop magnetiche sono antenne molto valide, non necessitano di piani di massa o contrappesi, ma vogliono essere realizzate con molta cura specie riguardo ai condnsatori usati.

Devo trovare adesso un sistema per inserire e disinsrire il condensatore aggiutivo ; al momento non mi sovviene alcuna soluzione;  o sostituirlo con altro fisso e isolamento adeguato.

Un concetto che non capisco: per es. in 20 m l'accordo l'ottengono ruotando il condensatore entro una certa escursione diciano 15-20° ; mano a mano che salgo di frequenza l'escursione si riduce sempre più, tanto che in 10 m per accordare devo ruotare  il condensatore di frazione di mm.

Ancora grazie per i consigli che mi avete dato.

60
Qrm assolto: utilizzo l'indicazione del SWR direttamente del 817 gusto solo per praticità e accettando il fatto che se non segnala nessuna barretta ,posso ritenere  il ROS accettabile, forse sbaglio...provrò ad inserire un rosmetro esterno. Inoltre proverò anche ad modifcare la distanza tra le due spire: attualmente il control è a diretto contatto con il loop principale.

Arnaldo: non ho capito cosa intendi quando dici di raddoppiare il contatto... come farlo? Senz'altro farà la prova a collegare il filo di rame dal condensatore al loop mediante fascette inox.

Inoltre ho pensato,  di sotituire il condensaore in parallelo , con un altro variabile ad aria ma fissandolo ad una precisa capacità.

Vi ringrazio ancora e non vi nascondo che mi sto veramente divertendo in questa realizzazione, anche se i risultati non sono incoraggianti.

Pagine: [1] 2 ... 5